Bill Gates e Jeffrey Epstein, quella strana amicizia

 

 

Bill Gates, ogni giorno sempre più uomo-chiave della Pandemia in corso, ha per un periodo frequentato l’investitore pedofilo Jeffrey Epstein, uomo al centro di mille misteri, trovato stranamente suicida in carcere nemmeno un anno fa.

 

La storia di questa bizzarra amicizia, che in Italia non ha avuto molto seguito, è stata descritta in profondità dal sito di informazione EFFEDIEFFE.

 

«Ora, proprio nell’ora della Pandemia globale, la sua vita e la sua morte potrebbero avere un rilievo non da poco – scrive EFFEDIEFFE riguardo ad Epstein – Considerando i suoi piani eugenetici, le sue isole sperdute, le sue fortune misteriose, e le sue frequentazioni con scienziati e miliardari».

 

Bill Gates, ogni giorno sempre più uomo-chiave della Pandemia in corso, ha per un periodo frequentato l’investitore pedofilo Jeffrey Epstein

L’articolo raccoglie la testimonianza di Eric Weinstein, matematico e gestore di un importante fondo di investimento: «Quando incontrai Epstein, forse nel 2002, prima che fosse accusato dei crimini sessuali in Florida, io non credetti che Jeffrey Epstein fosse un Hedge Fund manager. Di fatto chiamai mia moglie e le disse che quel tizio sembrava una costruzione, come se avessero pagato un attore per impersonare un manager di Hedge Fund».

 

Weinstein pone anche altre domanda che, a suo dire, nessuno vuole fare: «La prima domanda è molto semplice e va posta a tutti i governi che potrebbero essere coinvolti con Jeffrey Epstein, se era risaputo il suo collegamento con l’Intelligence di qualsiasi Paese al mondo. Devi chiedere: queste attività erano conosciute dalle agenzie di Intelligence?».

 

Riguardo a Epstein, condannato per induzione alla prostituzione di una minorenne nel 2006, in molti hanno avanzato il sospetto che lavorasse per i servizi segreti di qualche Paese; egli si attorniava di persone importanti nell’ambito della politica (Bill Clinton), della scienza, dello spettacolo, e li portava nella sua isola caraibica riempita di ninfette per lo più minorenni. La possibilità di ottenere in gran quantità kompromat, cioè di materiale di ricatto con cui manipolare uomini di importanza strategica, era pressoché infinita.

«Ora, proprio nell’ora della Pandemia globale, la vita e la morte di Epstein  potrebbero avere un rilievo non da poco. Considerando i suoi piani eugenetici, le sue isole sperdute, le sue fortune misteriose, e le sue frequentazioni con scienziati e miliardari»

 

Al Principe Andrea d’Inghilterra è stato rinfacciato di aver frequentato Epstein anche dopo la condanna per crimini pedofili nel 2008, condanna che rese obbligatorio per Esptein l’inclusione nella lista dei Sex Offender, cioè il database pubblico dei criminali sessuali americani. Il principe Andrea ha dovuto affrontare un’opinione pubblica inferocita e una enigmatica intervista alla BBC che ha segnato la fine della vita pubblica.

 

Lo stesso trattamento non è stato però riservato a Bill Gates, che frequentò Epstein spesso e sempre dopo che emersero i crimini pedofili di quest’ultimo.

 

Dal 2011, Bill Gates ha incontrato il Epstein in numerose occasioni – la portavoce di Gates non vuole dire quante – ed è stato almeno tre volte ospite nel lussuosissimo palazzo di Manhattan dell’Epstein. Secondo alcuni testimoni,  una volta si fermò sino a notte fonda, come dettagliato da un reportage del New York Times, che citava documenti e interviste. L’articolo di novembre 2019 si intitola icasticamente «Bill Gates ha incontrato Jeffrey Epstein molte volte, nonostante il suo passato».

Dal 2011, Bill Gates ha incontrato il Epstein in numerose occasioni – la portavoce di Gates non vuole dire quante

 

La prima cena insieme fu il 31 gennaio 2011, in casa Epstein nel prestigioso quartiere nuovaiorchese dell’Upper East Side. A loro si unirono Eva Andersson-Dubin, un’ex Miss Svezia un tempo girlfriend di Epstein, e sua figlia di 15 anni, che scrisse poi il New York , Epstein voleva sposare, anche se la ragazzina lo chiamava «Zio Jeff» e aveva forse bisogno di un sostituto della figura paterna.

 

Gates in e-mail ai colleghi  successive alla serata elogiò il fascino e l’intelligenza del pregiudicato sex offender Jeffrey Epstein, aggiungendo che «una donna svedese molto attraente e sua figlia sono passate e io sono stato lì fino ad abbastanza tardi».

 

Risulta che Gates abbia incontrato pubblicamente Epstein ad un TED Talk in California e ancora nella magione di Manhattan del criminale. Inoltre Gates volò nell’aereo privato di Epstein, il famoso Lolita Express.

Risulta che Gates abbia incontrato pubblicamente Epstein ad un TED Talk in California e ancora nella magione di Manhattan del criminale. Inoltre Gates volò nell’aereo privato di Epstein, il famoso Lolita Express

 

Alcuni membri del team della Gates Foundation che dovevano fare follow up per le idee filantropiche discusse negli incontri tra Gates ed Epstein, a degli incontri del 2012 rimasero scioccati  dallo scollamento dalla realtà espresso da Epstein, che millantava la possibilità di far tirare fuori ai suoi contatti trilioni di dollari, «una cifra così assurda da far dubitare ai suoi visitatori la credibilità del signor Epstein» scrive il NYT.

 

Nonostante anche questo, gli incontri tra Gates ed Epstein continuarono. Epstein riuscì anche a guidare una donazione di 5 milioni di dollari di Gates al Media Lab del MIT, uno dei più importanti politecnici al mondo.

 

Il rapporto fra i due, incredibilmente, persistette in qualche modo anche dopo la morte di Epstein.

Immagine scattata a casa Epstein tratta dall’articolo del New York Times. A sinistra di Epstein Bill Gates, e alla sua sinistra il consigliere Boris Nikolic

 

Dopo l’incredibile (letteralmente) suicidio di Epstein, emerse che questi aveva eletto Boris Nikolic, il consigliere scientifico di Gates che partecipava ai loro incontri (lo vedete nella foto scattata tra i marmi di casa Epstein a sinistra di Gates), come esecutore di riserva delle sue volontà testamentarie nel caso in cui uno dei due esecutori principali non fosse in grado di servirle.

 

«Gates ed Epstein lavoravano ad una causa comune?» si chiede l’articolo di  EFFEDIEFFE, domandandosi quali fossero i contenuti delle tante conversazioni private avute fra i due.

 

«È possibile che Gates vedesse in Epstein – con le sue isole, i suoi ranch, i suoi progetti di fanciulle ingravidate con il seme suo e di supergeni scienziati – qualcuno che comprendesse la sua visione del mondo e la sua rara capacità di renderla reale?»

È possibile che Gates vedesse in Epstein qualcuno che comprendesse la sua visione del mondo e la sua rara capacità di renderla reale?»

 

Ulteriori dettagli sono riportati nel lungo articolo «Bill Gates. Epstein. Domande» pubblicato su EFFEDIEFFE, sito di informazione del quale consigliamo l’abbonamento.