Connettiti con Renovato 21

Economia

La Cina continua a inondare il mondo con forniture mediche difettose

Pubblicato

il

 

 

Più di una dozzina di paesi in quattro continenti hanno recentemente rivelato problemi con test Coronavirus e dispositivi di protezione individuale di fabbricazione cinese.

 

I problemi vanno dai kit di test contaminati con il Coronavirus agli indumenti medici contaminati da insetti. Le maschere cinesi difettose, acquistate dal Ministero della Salute spagnolo, sono state distribuite agli ospedali e alle case di cura in tutto il paese e oltre 100 operatori sanitari che le hanno utilizzate sono risultati positivi per Covid-19.

 

Il Gatestone Institute ha recentemente riferito che milioni di apparecchiature mediche acquistate dalla Cina dai governi di varie nazioni del mondo per combattere la pandemia di Coronavirus sono difettose e inutilizzabili.

Più di una dozzina di paesi in quattro continenti hanno recentemente rivelato problemi con test Coronavirus e dispositivi di protezione individuale di fabbricazione cinese.

 

Più di una dozzina di paesi nei quattro continenti hanno rivelato problemi con test di Coronavirus e dispositivi di protezione individuale di fabbricazione cinese.

 

I problemi vanno dai kit di test contaminati con il Coronavirus agli indumenti medici contaminati da insetti.

 

Le autorità cinesi hanno rifiutato di assumersi la responsabilità per le apparecchiature difettose e in molti casi hanno dato la colpa ai paesi che hanno acquistato il materiale. Hanno anche invitato le nazioni del mondo a smettere di «politicizzare» il problema, mentre il presidente cinese Xi Jinping e il PCChanno cercato di sfruttare la Pandemia per rivendicare una rivendicazione alla leadership globale.

 

Alla fine di marzo, ad esempio, il Ministero della Salute spagnolo ha rivelato che oltre mezzo milione di test Coronavirus acquistati da un fornitore cinese erano difettosi. I test, prodotti dalla Shenzhen Bioeasy Biotechnology, una società con sede nella provincia cinese del Guangdong, hanno registrato un tasso di rilevamento accurato inferiore al 30%. Bioeasy aveva affermato, per iscritto, che i suoi test avevano un tasso di rilevazione accurato del 92%.

 

Il 15 aprile, il Ministero della Salute spagnolo ha ricordato 350.000 cosiddette maschere FFP2 dopo che i test di laboratorio hanno stabilito che erano scadenti. Le maschere difettose sono state prodotte da Garry Galaxy Biotechnology, una società inclusa nell’elenco del governo cinese di produttori approvati di dispositivi di protezione individuale. Le maschere FFP2 sono necessarie per filtrare almeno il 94% di aerosol, ma quelle consegnate in Spagna hanno filtrato solo tra il 71% e l’82% di aerosol.

Le autorità cinesi hanno rifiutato di assumersi la responsabilità per le apparecchiature difettose e in molti casi hanno dato la colpa ai paesi che hanno acquistato il materiale

 

Molti altri Paesi stanno avendo problemi con le forniture mediche.

 

  • Australia. Il 1 ° aprile, l’Australian Broadcasting Corporation (ABC) ha riferito che l’Australian Border Force (ABF) aveva sequestrato quasi un milione di maschere protettive e altri indumenti protettivi fabbricati in Cina che venivano esportati in Australia per aiutare a fermare la diffusione del coronavirus

 

  • Austria. Il 6 aprile, il Ministero degli Affari economici ha confermato che 500.000 maschere ordinate dalla Cina per l’uso in Alto Adige erano “completamente inutilizzabili” perché non soddisfacevano gli standard di sicurezza

 

  • Belgio. Il 31 marzo, l’ospedale universitario di Lovanio ha respinto una spedizione di 3.000 maschere dalla Cina perché l’attrezzatura era scadente.

 

  • Canada. Il 7 aprile, la città di Toronto ha richiamato più di 60.000 maschere chirurgiche prodotte in Cina

 

  • Repubblica Ceca. Il 23 marzo, il sito di notizie ceco iRozhlas ha riferito che 300.000 kit di test coronavirus consegnati dalla Cina avevano un tasso di errore dell’80%

 

  • Finlandia. Il 10 aprile, l’amministratore delegato dell’Agenzia nazionale di forniture di emergenza finlandese, Tomi Lounema, si è dimesso dopo aver ammesso di aver speso 10 milioni di euro (11 milioni di dollari) in dispositivi di protezione difettosi dalla Cina.

 

  • Georgia. Il 27 marzo, il ministro della sanità Ekaterine Tikaradze ha annullato un ordine per 200.000 test di coronavirus prodotti dalla Shenzhen Bioeasy Biotechnology Company con sede in Cina

 

  • India. Il 16 aprile, l’Economic Times di Mumbai ha riferito che 50.000 pezzi di dispositivi di protezione individuale donati dalla Cina erano difettosi e inutilizzabili.

 

  • Irlanda. Il 6 aprile, l’Health Service Executive (HSE) ha rivelato che gran parte della consegna di 200 milioni di euro di dispositivi di protezione individuale forniti dalla Cina è risultata inutilizzabile per gli operatori sanitari.

 

  • Malaysia. Il 16 aprile, le autorità malesi hanno approvato l’uso di kit di test del coronavirus dalla Corea del Sud dopo che kit analoghi provenienti dalla Cina sono risultati difettosi

 

  • Olanda. Il 28 marzo, i Paesi Bassi hanno richiamato 1,3 milioni di maschere prodotte in Cina perché non soddisfacevano gli standard minimi di sicurezza per il personale medico.

 

  • Filippine. Il 29 marzo, il Dipartimento della Salute si è scusato per i commenti fatti il ​​giorno prima che due lotti di kit di test del coronavirus forniti dalla Cina erano scadenti.

 

La pandemia di coronavirus ha messo in luce i difetti della globalizzazione mettendo a nudo il modo in cui l’Occidente si è permesso di diventare pericolosamente dipendente dalla Cina comunista per la fornitura di prodotti sanitari e sanitari essenziali.

  • Slovacchia. Il 1 ° aprile, il primo ministro Igor Matovič ha rivelato che oltre un milione di test di coronavirus forniti dalla Cina per un pagamento in contanti di € 15 milioni ($ 16 milioni) erano inaccurati e incapaci di rilevare Covid-19

 

  • Turchia. Il 27 marzo, il ministro della sanità Fahrettin Koca ha dichiarato che la Turchia aveva provato i test di coronavirus di fabbricazione cinese ma le autorità “non erano contente di loro”.

 

  • Regno Unito. Il 6 aprile, il quotidiano londinese The Times ha riferito che 17,5 milioni di test sugli anticorpi coronavirus forniti dalla Cina erano difettosi

 

  • Stati Uniti. Il 17 aprile, il direttore del Dipartimento della pubblica sicurezza del Missouri, Sandy Karsten, ha rivelato che 3,9 milioni di maschere KN95 fabbricate in Cina erano difettose

 

La pandemia di coronavirus ha messo in luce i difetti della globalizzazione mettendo a nudo il modo in cui l’Occidente si è permesso di diventare pericolosamente dipendente dalla Cina comunista per la fornitura di prodotti sanitari e sanitari essenziali.

 

 

Continua a leggere

Economia

La scarsità di gas distruggerà 330 mila posti di lavoro in Germania

Pubblicato

il

Da

Ulteriori dati devastanti sul collasso occupazionale in Germania.

 

Il settimanale Der Spiegel ha riportato uno studio dell’Istituto dell’Economia Tedesca (IW) che ha formulato una prospettiva assai cupa simulando due diversi scenari.

 

L’ente economico afferma nel suo rapporto stime sorprendenti quanto drammatiche.

 

Se i prezzi del gas aumentano del 50%, afferma l’IW, è probabile che l’inflazione aumenti in media dello 0,9% quest’anno e dell’1,3% l’anno prossimo.

 

Se i prezzi del gas raddoppiassero, che è attualmente uno scenario «realistico», l’inflazione aumenterebbe dell’1% quest’anno e di quasi il 4% l’anno prossimo.

 

Nel loro studio, i ricercatori dell’IW hanno simulato le conseguenze per il mercato del lavoro e l’economia se i prezzi del gas dovessero aumentare del 50% nel terzo trimestre rispetto al secondo trimestre, nonché nel caso in cui i prezzi raddoppiassero. Lo studio si basava sulla presa in considerazione delle conseguenze della guerra in Ucraina, in particolare della crisi energetica.

 

Lo studio ha quindi  calcolato che se i prezzi del gas raddoppiano, circa 30.000 persone potrebbero perdere il lavoro quest’anno, mentre l’anno a venire perderebbero lo stipendio altre 307.000 persone.

 

Il motivo è semplicissimo: se il gas scarseggia, le imprese che non possono permettersi prezzi più alti per il gas come principale fonte di energia ridurranno la produzione e, di conseguenza, ridurranno anche l’occupazione.

 

L’IW ha anche calcolato le conseguenze sul PIL di un raddoppio dei prezzi del gas nel terzo trimestre da luglio a settembre: l’economia tedesca potrebbe quindi contrarsi dello 0,2% quest’anno, per poi crollare del 2% l’anno prossimo, il che corrisponde a una perdita di 70 miliardi di euro.

 

Il rapporto sottolinea che i calcoli non tengono nemmeno conto degli effetti dei fermi produttivi in ​​caso di interruzione delle forniture di gas. «Ciò provocherebbe ulteriori shock di prezzo elevato nelle catene del valore», ha affermato Thomas Obst, uno degli autori dello studio.

 

Come riportato da Renovatio 21, due mesi fa l’Associazione Industriali della Baviera (VBW) aveva pubblicato a giugno uno studio di 50 pagine, intitolato «Conseguenze di un’interruzione di fornitura di gas russo per l’industria tedesca» in cui avvertiva che che qualora dovrebbe esserci un embargo totale sul gas russo, la produzione nazionale tedesca crollerà del 12,7%.

 

Il Land della Baviera, , si era già smarcata da Berlino, facendo sapere già a marzo tramite il suo ministro dell’economia regionale che la cancellazione delle importazioni di gas russo avrebbero causato una perdita nella regione di almeno 220 mila posti di lavoro.

 

Tutta la Germania è già dentro ad una sostanziale contrazione della produzione industriale,  consumando il 14,3% in meno di gas tra gennaio e maggio rispetto all’anno precedente, secondo l’Associazione tedesca delle industrie dell’energia e dell’acqua (BDEW).

 

Il capo del grande gruppo industriale Bosch a marzo si è pubblicamente opposto all’embargo sul gas russo.

 

Anche il direttore del megagruppo automotive Volkswagen ha domandato apertamente il governo la fine della guerra e i negoziati di pace per il bene dell’industria tedesca.

 

Come riportato da Renovatio 21, alcuni sindaci della Germania settentrionale  hanno chiesto l’apertura del gasdotto Nord Stream 2, il nuovo tubo gasiero che unisce Russia e Germania che doveva inaugurare, guarda guarda, proprio nei mesi dell’escalation ucraina.

 

 

Continua a leggere

Economia

Il bilancio commerciale europeo sta collassando

Pubblicato

il

Da

I dati dei primi sei mesi del 2022 mostrano che il bilancio commerciale dei grandi paesi europei è drammaticamente peggioratoa causa delle politiche della Banca Centrale, della NATO e delle operazioni riguardanti l’Agenda Verde.

 

Paesi che un tempo erano campioni delle esportazioni si stanno rapidamente trasformando in nazioni con deficit delle esportazioni.

 

In Germania, la più grande economia dell’UE, le esportazioni sono aumentate del 13%, mentre le importazioni sono aumentate del 27%. L’avanzo commerciale è sceso da 69 a 36 miliardi di euro anno dopo anno.

 

Per quanto riguarda le importazioni, la Germania ha acquistato il 24% di energia in meno dalla Russia ma ha pagato il 51% in più.

 

La Francia, la seconda economia più grande, ha avuto un disavanzo commerciale di 71 miliardi di euro, con un aumento del 39% rispetto al secondo semestre del 2021.

 

L’Italia, secondo produttore dell’Eurozona, ha il primo deficit commerciale in dieci anni, con 13 miliardi di euro, contro un surplus di 29 miliardi di euro nel primo semestre del 2021.

 

Il fattore comune nel peggioramento della bilancia commerciale dei paesi dell’UE è l’energia. L’ironia è che le importazioni dalla Russia sono diminuite in volume, ma il loro costo e il loro impatto sul bilancio commerciale sono aumentati.

 

Allo stesso tempo, i volumi di gas liquefatto russi sono stati sostituiti con altri più costosi e non affidabili. L’Europa è alla canna del gas russo – come sempre.

 

Un altro fattore da considerare è il crollo delle esportazioni verso la Russia, che ha peggiorato l’altra estremità del saldo. Ad esempio, la Germania ha avuto un disavanzo di 13,9 miliardi di euro con la Russia nella prima metà dell’anno.

 

Infine, ma non meno importante, la svalutazione dell’euro nei confronti del dollaro ha fatto aumentare il prezzo delle importazioni, incidendo così sul deficit.

 

Nel breve termine, il deprezzamento della valuta dà impulso alle esportazioni, e questo è sicuramente avvenuto per i 19 paesi dell’Eurozona, il che significa che senza svalutazione il deficit commerciale sarebbe ancora più grande.

 

Come ha detto il presidente ungherese Viktor Orban, le sanzioni uccideranno l’economia europea, e i Paesi UE saranno costretti ad adottare quella che è in tutto e per tutto un’economia di guerra. Secono il presidente Macron, la Francia è già dentro ad un’economia di guerra.

 

L’Economia dell’Estonia è già in zona abisso.

 

Quando Putin diceva che «l’Europa sta realizzando un autodafé economico», quanta ragione aveva?

Continua a leggere

Economia

La Svizzera si prepara ai blackout

Pubblicato

il

Da

Il presidente della Commissione federale svizzera per l’elettricità, Werner Luginbühl, ha sollevato la possibilità che la Svizzera abbia interruzioni dell’elettricità quest’inverno.

 

La Svizzera è un Paese dotato di centrali nucleari. La loro elettricità viene parzialmente venduta anche all’Italia denuclearizzata. Tuttavia anche gli elvetici semprano preoccupati dinanzi crescenti carenze energetiche che colpiscono l’Europa sulla scia delle sanzioni dell’UE contro la Russia.

 

Il Luginbühl garantisce tuttavia che «una situazione del genere sarebbe gestibile».

 

Egli si sente quindi, in uno spirito preparatorio di precisione elvetica, di mettere in guardia i cittadini: «sicuramente è consigliabile avere abbastanza candele in casa. E se hai una stufa a legna, dovresti immagazzinare abbastanza legna da ardere».

 

In pratica lo svizzero dice: tutto OK, fate solo provviste come se fosse la fine del mondo.

 

Ecco che ci tocca vedere anche il survivalismo delle autorità cantonali. E sono cose belle.

 

Il Commissario Luginbühllo forse non lo sa, ma il consiglio che ha dato sulla legna da ardere è esattamente il suggerimento fornito dal governo polacco ai suoi cittadini: andare ora nei boschi per raccogliere legna per l’inverno, che senza gas russo sarà al freddo e al gelo.

 

In Germania, come noto, si preparano invece «hub di riscaldamento» per gli «sfollati energetici» incapaci di pagare la bolletta o di privati di termosifoni caldi nelle loro abitazioni.

 

Come riportato da Renovatio 21, annunci di blackout energetici si susseguono in Europa e nel mondo da un anno – con blackout effettivi capitati dappertutto.

 

Come noto, in Italia sono stati colpite Milano e Torino.

 

Lo scorso mese abbiamo riportato dei continui blackout in Texas.  Da mesi si prevedono interruzioni di corrente in tutti gli USA.

 

Blackout in Cina, dove le aziende occidentali si chiedono abbia senso quindi investire. Per paura di nuove interruzioni, la Cina sta ordinando un aumento dell’uso di carbone.

 

Due mesi fa intere zone di Sydney, in Australia, sono andate al buio.

 

Blackout anche in Pakistan, con annessa chiusura delle fabbriche – mentre la società collassa e scivola verso la guerra civile.

 

La Gran Bretagna si prepara a blackout invernali.

 

Blackout, ovviamente, anche in uno dei laboratori del Nuovo Ordine Mondiale, lo Sri Lanka, senza carburante, cibo né elettricità.

 

Blackout in Giappone.

 

Blackout a Taiwano.

 

Blackout in Kazakistan Uzbekistan, Kirghizistan.

 

Blackout in Turchia.

 

Blackout minacciati in Indonesia, dove non vogliono più quindi esportare carbone.

 

Blackout paventati in Austria e Romania, e in Germania con spot apocalittici.

 

E non parliamo dei blackout in Canada, dove però riescono simpaticamente ad incolpare i castori.

Secondo uno studio a breve un miliardo di persone nel mondo sono a rischio blackout.

 

Di rischio blackout, il 13 gennaio di quest’anno, ha riferito alle presidenze del Parlamento italiano il COPASIR, Il Comitato Parlamentare per la Sicurezza della Repubblica, cioè l’organo del Parlamento della Repubblica Italiana che esercita il controllo parlamentare sull’operato dei servizi segreti.

 

I blackout, come vaccini e green pass, sono un ulteriore strumento di controllo della popolazione, che si piegherà a qualsiasi cosa (e rinunciare in caso a qualsiasi diritto) pur di stare al caldo con la luce elettrica.

 

I blackout, soprattutto, decimeranno l’economia, distruggendo il tessuto produttivo delle aziende: un’ulteriore catastrofe che renderà il cittadino sempre più suddito dello Stato.

 

Lo abbiamo sentito al World Economic Forum di Davos di quest’anno, quando la a manager norvegese Kjerstin Braathen ha parlato della necessità di spiegare alle masse che «dobbiamo accettare che ci sarà dolore nel processo»,  e vi saranno «carenze di energia» e «pressioni inflazionistiche».

 

 

Il Grande Reset passa da qui: dal controllo sull’energia e quindi sulle nostre vite.

 

Ce lo stanno dicendo in faccia, ma non si sa bene quanti di noi stiano ad ascoltare.

 

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari