Connettiti con Renovato 21

Sorveglianza

Austria, i non vaccinati potrebbero finire in prigione per un anno

Pubblicato

il

 

I non vaccinati austriaci potrebbero ritrovarsi in carcere per un anno, secondo alcuni parlamentari critici di un emendamento a una Verwaltungsvollstreckungsgesetz, una legge di esecuzione amministrativa.

 

Susanne Fürst del Partito della Libertà  (FPÖ) – il partito che fu del defunto Joerg Haider – ha votato contro un emendamento ad una nuova legge che, ha dichiarato, potrebbe essere usato per punire i non vaccinati con condanne molto più dure di quelle annunciate negli scorsi giorni.

 

Aumenterebbe la pena detentiva per coloro che si rifiutano di pagare la multa: da quattro settimane a un anno

L’emendamento alla legge aumenterebbe le multe da 726 euro a 2.000 euro; al contempo aumenterebbe la pena detentiva per coloro che si rifiutano di pagare la multa: da quattro settimane a un anno.

 

L’emendamento ordina anche alle persone incarcerate di pagare la propria reclusione.

 

«Se la detenzione è effettuata dal giudice, le spese connesse devono essere recuperate dal giudice dalla parte obbligata secondo le disposizioni esistenti per il recupero delle spese di esecuzione delle sanzioni giudiziarie», si afferma.

 

In pratica, il non vaccinato pagherà per la propria cella

In pratica, il non vaccinato pagherà per la propria cella.

 

Nonostante Fürst abbia protestato che l’emendamento potrebbe essere utilizzato per punire ulteriormente i non vaccinati, la misura è stata comunque approvata.

 

Nella discussione la deputata Fürst ha affrontato il tema della vaccinazione obbligatoria, che ha reso l’argomento particolarmente esplosivo, asserendo che secondo lei non è da escludere che una custodia cautelare possa presto essere utilizzata in massa, soprattutto per chi non vuole vaccinarsi. Questo, ha detto, deve essere chiaramente escluso.

 

«I detenuti devono essere tenuti in stanze di custodia» separate dagli altri carcerati

Il ministro della Costituzione Karoline Edtstadler le ha replicato mettendo a tacere la questione, dicendo che c’è già un grande consenso attorno a questa cosa, e che l’intenzione dello Stato è quella di vaccinare, non rinchiudere.

 

Il disegno di legge del governo è stato accettato a maggioranza senza i voti dell’FPÖ.

 

La nuova legge dovrebbe entrare in vigore nel 2022.

 

Il sito austriaco Exxpress.at annota anche un altro passaggio interessante del testo di legge: «I detenuti devono essere tenuti in stanze di custodia» separate dai quei carcerati «che sono detenuti in conformità con disposizioni diverse da questa legge federale».

È un passo verso l’idea di campi di concentramento veri e propri per non vaccinati?

 

Pertanto, secondo questo emendamento alla legge, apparentemente ci sono piani carcerari separati o edifici carcerari per gli antivaccinisti: qualora non si trattasse di un nuovo livello di apartheid biotico che colpisce le persone perfino in carcere, si tratterebbe di qualcosa di ancora peggiore, specie per un Paese che fu provincia del III Reich: è un passo verso l’idea di campi di concentramento veri e propri per non vaccinati?

 

Questo per capire, che quando parliamo di «totalitarismo vaccinale», non stiamo usando un’iperbole.

 

L’unico modo di uscire di galera – una galera speciale, diversa dalle galere «normali» – diverrà il vaccino. Vaccinarsi renderà liberi.

 

Cosa vi ricorda?

 

 

 

Sorveglianza

ID digitali, «una strada digitale verso l’inferno»: verso violazioni gravi e irreversibili dei diritti umani

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

Gli autori di un rapporto del Center for Human Rights and Global Justice della New York University sui sistemi di identità digitale hanno messo in guardia dalle violazioni «gravi e potenzialmente irreversibili» dei diritti umani e hanno sostenuto un dibattito aperto «con piena trasparenza e coinvolgendo tutte le parti interessate».

 

 

Gli autori di un nuovo rapporto sui sistemi di identità digitale hanno avvertito che «le violazioni dei diritti umani effettive e potenziali derivanti dal modello di ID digitale possono essere gravi e potenzialmente irreversibili».

 

Il rapporto di 100 pagine — «Paving the Road to Hell? A Primer on the Role of the World Bank and Global Networks in Promoting Digital ID» — pubblicato dal Centro per i Diritti Umani e la Giustizia Globale della New York University (NYU) ha esortato le organizzazioni per i diritti umani a prestare attenzione alle minacce poste da una spinta globale per gli ID digitali.

 

I ricercatori della NYU hanno affermato che molti sostenitori — tra cui la Banca Mondiale — definiscono gli ID digitali come un mezzo per raggiungere una maggiore inclusività e sostenibilità ambientale quando, in realtà, è probabile che tali sistemi facciano esattamente il contrario.

 

Secondo il rapporto, l’ID digitale è stato travestito da «inarrestabile gigantesco e inevitabile segno distintivo della modernità e dello sviluppo nel XXI secolo», facendo sì che le voci dissenzienti fossero «cancellate come luddisti e ostacoli al progresso».

 

Gli autori hanno sostenuto un dibattito aperto «con piena trasparenza e coinvolgendo tutte le parti interessate», compresi i più emarginati e più vulnerabili.

 

Gli autori, tra cui Christiaan van Veen, L.L.M., consulente speciale per le nuove tecnologie e i diritti umani presso le Nazioni Unite, hanno esortato la comunità dei diritti umani e le organizzazioni della società civile a garantire che le decisioni globali sull’adozione di sistemi di identificazione digitale non siano prese in fretta ma si basino su «prove e analisi serie».

 

Laddove i sistemi di identificazione digitale minacciano i diritti umani, hanno detto i ricercatori della NYU, tali sforzi dovrebbero essere «fermati del tutto».

 

 

Chi ci guadagna davvero?

«I governi di tutto il mondo hanno investito molto nei sistemi di identificazione digitale, spesso con componenti biometriche», hanno affermato gli autori in una dichiarazione.

 

I sistemi di identificazione digitale che spesso raccolgono dati biometrici — come impronte digitali, iride o altro riconoscimento delle caratteristiche facciali — vengono adottati per sostituire o integrare i sistemi di identificazione governativi non digitali.

 

Secondo un rapporto speciale di Access Now, in India nell’ottobre 2021, i sistemi di identificazione digitale — o «Big ID programs» come li chiamava Access Now — sono spinti da un mercato di attori che vendono e traggono profitto dai sistemi e dalle infrastrutture di identificazione digitale, spesso mettendo in pericolo i diritti umani delle persone che ne dovrebbero beneficiare.

 

I ricercatori della NYU sono giunti alla stessa conclusione:

 

«La rapida proliferazione di tali sistemi è guidata da un nuovo consenso di sviluppo, confezionato e promosso da attori globali chiave come la Banca Mondiale, ma anche da governi, fondazioni, fornitori e società di consulenza».

 

I sostenitori dell’ID digitale sostengono che i sistemi possono contribuire all’inclusività e allo sviluppo sostenibile, con alcuni che arrivano a considerare l’adozione di sistemi di ID digitale un prerequisito per la realizzazione dei diritti umani.

 

Ma i ricercatori della NYU hanno affermato di ritenere che l’«obiettivo finale» dei sistemi di identificazione digitale sia quello di «facilitare le transazioni economiche e la fornitura di servizi nel settore privato, portando anche nuovi individui, più poveri, nelle economie formali e «sbloccando» i loro dati comportamentali».

 

«Le promesse di inclusione e fiorenti economie digitali potrebbero apparire affascinanti sulla carta», hanno detto i ricercatori, «ma i sistemi di identificazione digitale non sono sempre riusciti a mantenere queste promesse in situazioni del mondo reale, soprattutto per i più emarginati».

 

Gli autori hanno aggiunto:

 

«In effetti, stanno emergendo prove da molti paesi, in particolare il mega progetto di ID digitale Aadhaar in India, delle gravi e su larga scala violazioni dei diritti umani legate a questo modello. Questi sistemi possono infatti esacerbare forme preesistenti di esclusione e discriminazione nei servizi pubblici e privati. L’uso delle nuove tecnologie può inoltre portare a nuove forme di danno, tra cui l’esclusione biometrica, la discriminazione e i molti danni associati al “capitalismo della sorveglianza“».

 

I vantaggi dell’uso dell’ID digitale sono «mal definiti» e «scarsamente documentati», hanno detto gli autori della NYU.

 

«Dalle prove esistenti, sembra che coloro che ne trarranno i maggiori benefici potrebbero non essere quelli «lasciati indietro», bensì un piccolo gruppo di aziende e governi», hanno scritto.

 

E aggiungono:

 

«Dopotutto, dove i sistemi di identificazione digitale tendono a eccellere è nella generazione di contratti redditizi per le aziende di biometria e nel miglioramento delle capacità di sorveglianza e controllo della migrazione da parte dei governi».

 

 

Più danno che beneficio, soprattutto per i più emarginati del mondo

Gli autori hanno fatto quattro cose nella loro relazione.

 

In primo luogo, hanno esaminato l’impatto dei diritti umani dei sistemi nazionali di identificazione digitale e hanno sostenuto che un’analisi costi-benefici dei sistemi di identificazione digitale suggerisce che fanno più male che bene, soprattutto per gli individui più emarginati del mondo.

 

«Attraverso l’abbraccio delle tecnologie digitali, la Banca Mondiale e una più ampia e globale rete di attori ha promosso un nuovo paradigma per i sistemi di identificazione che dà la priorità a ciò che chiamiamo “identità economica”», hanno scritto gli autori.

 

E aggiungono:

 

«Questi sistemi si concentrano sull’alimentazione delle transazioni digitali e sulla trasformazione degli individui in dati tracciabili. Spesso ignorano la capacità dei sistemi di identificazione di riconoscere non solo che un individuo è unico, ma che hanno uno status giuridico con diritti associati.

 

«Tuttavia, i sostenitori hanno occultato questo nuovo paradigma nel linguaggio dei diritti umani e dell’inclusione, sostenendo che tali sistemi aiuteranno a raggiungere più obiettivi di sviluppo sostenibile».

 

Gli autori hanno aggiunto:

 

«Come le strade fisiche, i sistemi nazionali di identificazione digitale con componenti biometriche (sistemi di identificazione digitale) sono presentati come l’infrastruttura pubblica del futuro digitale.

 

«Eppure queste particolari infrastrutture si sono dimostrate pericolose, essendo state collegate a gravi e diffuse violazioni dei diritti umani in una serie di paesi in tutto il mondo, colpendo i diritti sociali, civili e politici».

 

 

Dare priorità all‘ «identità economica»

Successivamente, i ricercatori hanno esaminato come è nata un’agenda di «identificazione per lo sviluppo» guidata da più attori globali.

 

Hanno discusso il sistema di identificazione digitale chiamato Aadhaar che è attualmente in fase di sperimentazione da parte del governo dell’India e il sistema di identificazione digitale promosso dalla Banca Mondiale — Identificazione per lo Sviluppo, comunemente chiamato l’Iniziativa ID4D.

 

L’Iniziativa ID4D trae ispirazione dal sistema di identificazione digitale Aadhaar molto criticato in India.

 

Nel sistema Aadhaar, agli individui volontari viene assegnato un numero casuale di 12 cifre dalla Unique Identification Authority of India — autorità statutaria sostenuta dal governo dell’India — che stabilisce l’«unicità» degli individui con l’aiuto di tecnologie demografiche e biometriche.

 

Questo modello di ID digitale, hanno detto gli autori del rapporto della NYU, è pericoloso perché dà la priorità a una «identità economica» per un individuo.

 

Il modello non riguarda solo l’identità di un individuo, ha confermato Joseph Atick, Ph.D., presidente esecutivo dell’influente ID4Africa, una piattaforma in cui i governi africani e le principali aziende nel mercato dell’ID digitale si incontrano.

 

Si tratta delle loro interazioni economiche, ha detto Atick.

 

Il modello ID4D «abilita e interagisce con piattaforme di autenticazione, sistemi di pagamento, firme digitali, condivisione dei dati, sistemi KYC, gestione del consenso e piattaforme di distribuzione settoriali», ha annunciato Atick all’inizio dell’incontro annuale di ID4Africa 2022 a metà giugno, presso il Palais de Congrès di Marrakech, in Marocco.

 

Gli autori del rapporto NYU hanno criticato questo modello:

 

«L’obiettivo, quindi, non è tanto l’identità quanto l’identificazione. I tre processi interconnessi di identificazione, registrazione e autorizzazione sono un esercizio di potere.

 

«Attraverso questo processo, un attore riconosce o nega gli attributi di identità di un altro attore. Gli individui possono essere responsabilizzati attraverso il processo di identificazione, ma tali sistemi sono stati a lungo utilizzati per lo scopo opposto: negare i diritti a determinati gruppi ed escluderli».

 

In terzo luogo, gli autori hanno valutato i dettagli essenziali di come la Banca Mondiale e la sua rete di sostenitori dei sistemi di identificazione digitale hanno lavorato per implementare un’agenda di «identificazione per lo sviluppo» in tutto il mondo.

 

Hanno spiegato come funzionano il finanziamento e la governance dell’Iniziativa ID4D e hanno affermato che la Banca Mondiale e i suoi partner aziendali e governativi stanno «producendo consenso» presumendo che il passaggio a un modello di ID digitale sia inevitabile, desiderabile e necessario per il progresso umano.

 

Ma questo «consenso costruito» manca di una base, hanno detto.

 

«Raramente vengono fornite prove concrete e solide dei presunti benefici associati ai sistemi di ID digitale, si afferma semplicemente che l’ID digitale porterà all’inclusione e allo sviluppo», hanno scritto gli autori.

 

 

3 passi che i sostenitori della privacy possono intraprendere

Infine, gli autori hanno delineato ciò che le organizzazioni per i diritti umani e altri attori della società civile possono fare evidenziando tre modalità di azione:

 

  • «Non così in fretta!» Le organizzazioni possono richiedere che l’adozione governativa di sistemi di identificazione digitale non sia affrettata.

 

Gli autori scrivono:

 

«Prima che qualsiasi sistema di identificazione digitale nuovo o potenziato venga implementato a livello nazionale, è fondamentale stabilire una base di prove e adottare tutte le misure necessarie per anticipare e mitigare in anticipo eventuali danni. Gli studi di base, la ricerca sul contesto specifico, le analisi costi-benefici, le analisi del rapporto costi-benefici e le valutazioni d’impatto sono necessari e dovrebbero essere richiesti in ogni fase del processo».

 

  • «Rendetelo pubblico». La progettazione e la possibile attuazione di un sistema di identificazione digitale devono essere discusse approfonditamente in sedi democratiche, compresi i media pubblici e il Congresso o i parlamenti. «Le organizzazioni della società civile dovrebbero esigere l’apertura per quanto riguarda i piani, le gare d’appalto e il coinvolgimento dei governi stranieri e delle organizzazioni internazionali».

 

  • «Siamo tutti azionisti». Mentre la Banca Mondiale si presenta come un consulente rispettato per i governi a cui dovrebbe essere permesso di plasmare e creare le politiche di identificazione digitale dei governi, è solo un attore. «È importante rendersi conto», hanno scritto gli autori, «che, alla fine, tutti hanno un interesse nei sistemi di identificazione, digitali o meno, che sono essenziali per riconoscere gli individui e attuare i loro diritti umani».

 

E aggiungono:

 

«Sempre più organizzazioni ed esperti stanno iniziando a confrontarsi con la rapida diffusione dell’ID digitale in tutto il mondo, dalle organizzazioni per i diritti digitali ai gruppi che rappresentano le persone con disabilità e dagli esperti che lavorano sui diritti sociali ed economici agli economisti dello sviluppo».

 

«Man mano che questa gamma di organizzazioni cresce, sarà fondamentale condividere esperienze, imparare gli uni dagli altri e coordinare la difesa».

 

 

Le alleanze per i diritti umani possono «reinventare» il «futuro digitale»

Secondo il rapporto, le alleanze multidisciplinari e geograficamente diverse possono non solo aiutare a garantire che i sistemi di identificazione digitale non vengano implementati «nei modi dannosi descritti in questo primer», ma possono anche «aiutare a reinventare come potrebbe apparire il futuro digitale senza il particolare modello di sistemi di identificazione promosso dalla Banca Mondiale e da altri».

 

«Poiché i sistemi di identificazione digitale stanno determinando la forma dei governi e delle società mentre ci precipitiamo nell’era digitale, le domande sulla loro forma e progettazione — e la loro stessa esistenza in primo luogo — sono critiche» scrivono gli autori.

 

«Quali visioni alternative possiamo offrire per salvaguardare meglio i diritti umani e preservare i guadagni di innumerevoli anni di lotta per migliorare il riconoscimento e l’istituzionalizzazione dei diritti?»

 

«Quando riuniamo attori che vogliono una società in cui i diritti umani di ogni individuo e gruppo siano protetti, che tipo di sistemi di identificazione digitale potremmo immaginare? In che modo i sistemi di identificazione digitale potrebbero essere progettati per promuovere veramente il benessere umano?»

 

«In che modo questa visione alternativa, che soddisfa i diritti, differisce dall’identità economica e transazionale descritta qui, come promossa dalla Banca Mondiale e da altri? In effetti, avremmo mai digitalizzato i sistemi di identificazione?»

 

Gli autori non hanno fornito risposte a queste domande.

 

Piuttosto, miravano a «riunire l’eccellente lavoro che i nostri partner, colleghi e altri hanno instancabilmente intrapreso in tutto il mondo» e facilitare la collaborazione «per garantire che il futuro dell’ID digitale rafforzi, anziché compromettere, il godimento dei diritti umani».

 

 

Suzanne Burdick

Ph.D.

 

 

Traduzione di Alessandra Boni.

 

 

© 22 luglio 2022, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Continua a leggere

Sorveglianza

Azienda elettrica prende il controllo dei termostati durante un’ondata di caldo

Pubblicato

il

Da

È accaduto nello Stato americano del Colorado: circa 22.000 famiglie in Colorado hanno perso la capacità di controllare i propri termostati dopo che la compagnia elettrica ne ha preso il controllo durante un’ondata di caldo. Lo riporta il canale locale Denver7 News.

 

Dopo che le temperature sono salite oltre i 32°C, agli utenti è stato di fatto impedito di regolare l’aria condizionata a proprio piacimento, trovando  controlli bloccati che mostravano un messaggio che diceva «emergenza energetica».

 

In pratica, un’autorità esterna ha preso possesso della casa, annullando la volontà dei cittadini, peraltro disposti a pagare per il maggiore consumo.

 

 

La compagnie elettrica Xcel ha confermato alla stazione di notizie locale Denver7 che «martedì 22.000 clienti che si erano iscritti al programma Colorado AC Rewards sono stati tagliati  fuori dai loro termostati intelligenti per ore».

 

Un utente ha raccontato che, a differenze delle altre volte in cui era possibile ignorare il messaggio di «emergenza energetica», questa volta non è stato possibile. Il termostato si è così bloccato a circa 26°C.

 

Se avete un termostato «intelligente», cioè collegato a internet e magari impiantato dal vostro fornitore di energia, questo è il vostro destino: la casa, di fatto, non è più completamente vostra. Possono decidere, se vogliono, di rendere la casa inabitabile, d’estate come d’inverno.

 

Gli smartometer, la domotica, altro non sono che un ulteriore tentacolo del processo di sorveglianza e controllo della popolazione implementato in tutto il mondo, come da vanto costante dei partecipanti del World Economic Forum di Davos, dove quest’anno si sono discussi i «tracker dell’impronta carbonica» per spiare e e giudicare la vostra esistenza in ogni sua parte.

 

 

Ricordiamo che il WEF è il luogo dove il fondatore Klaus Schwab non fa mistero di voler chippare i cervelli di tutti.

 

 

Tornando ai termostati, possiamo solo immaginare cosa succederà quando, con qualunque governo, verrà dichiarata l’emergenza energetica, o climatica, o quant’altro: lockdown dell’aria calda e dell’aria fredda.

 

Ogni singola condizione della vostra vita sarà decisa da altri.

 

È la fine della vostra autonomia di cittadini. E con l’autonomia, finirà la vostra dignità umana.

 

Il piano, da un punto di vista metafisico, è solo questo.

 

 

 

 

Immagine da Twitter

 

 

 

Continua a leggere

Economia

La California annuncia l’uscita dalle auto a combustibile, poco dopo dice di non ricaricare le auto elettriche

Pubblicato

il

Da

I legislatori californiani hanno approvato una nuova misura la scorsa settimana per eliminare tutti i veicoli alimentati a gas a partire dal 2035.

 

Tuttavia, poco dopo è arrivata la richiesta da parte degli enti fornitori di energia di ridurre i consumi a causa dell’alta temperatura.

 

I funzionari della rete elettrica della California hanno comunicato clienti di prepararsi a potenziali blackout poiché la rete dello Stato deve affrontare limiti di capacità durante il fine settimana della festa del lavoro.

 

«Le prime tre azioni di conservazione sono impostare i termostati a 78 gradi o più, evitare di utilizzare grandi elettrodomestici e caricare veicoli elettrici e spegnere le luci non necessarie» ha detto ai clienti il ​​California Independent System Operator (CAISO).

 

Il fatto è che un aumento della ricarica di veicoli elettrici a casa potrebbe far crollare parti della rete elettrica dello Stato.

 

Il divorzio tra la realtà e politici che implementano la Green Agenda non potrebbe essere più grottescamente visibile di così.

 

Vogliono spingere il mondo a comprare un’auto elettrica, ma non hanno nemmeno l’energia per farla andare – anzi, vi chiedono di non usarla.

 

O è una presa per i fondelli, o la mente del potere è irrimediabilmente malata. Potrebbe essere una combo delle due cose.

 

Anche in Europa, la schizofrenia verde ha colpito duro, per esempio in Germania, dove a fine 2021 è emerso che non vi è abbastanza vento per far girare le pale eoliche.

 

Non parliamo nemmeno del fatto che l’estrazione delle sostanze necessarie alla produzione di batterie, che spesso vengono in Paesi del Terzo Mondo, sono considerate dannose per l’ambiente e per le popolazioni locali, con impiego di lavoro minorile e condizioni di salute infami. Questi temi, che dovrebbero interessare ai goscisti, stranamente non sembrano affligere la loro iterazione verde attuale.

 

Vi è, tuttavia, un’altra cosa che dobbiamo considerare come ingrediente nascosto della spinta a farvi comperare un’auto elettrica: la possibilità di controllarla da remoto, impedendovi, in caso, di spostarvi o addirittura – come si è visto con le Tesla, che è ipercollegata ad un sistema centrale attraverso varie SIM – di variare la quantità di chilometri che potete percorrere con una carica.

 

In pratica, l’auto diventerà un ulteriore strumento di sorveglianza e di vero e proprio controllo fisico nei vostri confronti.

 

Per i manovratori e i suoi volonterosi carnefici «democratici», un tale cambio di paradigma forse vale la serie di figure da cioccolataio che vediamo seguirsi in California e non solo.

 

 

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari