Connettiti con Renovato 21

Sanità

Vaccino, grave reazione allergica di un medico di Boston a pochi minuti dall’iniezione

Pubblicato

il

 

 

 

Un medico di Boston ha affermato di aver sviluppato una grave reazione allergica pochi minuti dopo aver ricevuto il vaccino contro coronavirus di Moderna lo scorsa giovedì, nella prima settimana del lancio a livello nazionale per il farmaco dell’azienda. Lo riporta il New York Times.

 

Il caso è stato il primo del suo genere segnalato per essere collegato al vaccino di Moderna. Le agenzie federali stanno indagando su almeno sei casi che coinvolgono persone che hanno sofferto di anafilassi (la reazione allergica che nelle forme gravi è chiamata «shock anafilattico») dopo aver ricevuto il vaccino Pfizer-BioNTech, che contiene ingredienti simili, durante le prime settimane della sua distribuzione negli Stati Uniti.

 

Il caso è stato il primo del suo genere segnalato per essere collegato al vaccino di Moderna

I funzionari della Food and Drug Administration (FDA) e dei Centers for Disease Control (CDC) avevano discusso le reazioni che coinvolgono alcuni dei casi Pfizer, ma non hanno determinato se un ingrediente del vaccino abbia causato le risposte allergiche.

 

Alcuni operatori sanitari in Gran Bretagna avevano anche sperimentato anafilassi dopo aver ricevuto il vaccino Pfizer all’inizio di questo mese.

 

L’incidente di giovedì ha coinvolto il dottor Hossein Sadrzadeh, un oncologo geriatrico del Boston Medical Center, che ha una grave allergia ai crostacei e aveva un appuntamento per farsi iniettare il vaccino  Moderna nel pomeriggio. In un’intervista, il dottor Sadrzadeh ha detto di aver sperimentato una reazione grave quasi immediatamente dopo essere stato inoculato, sentendosi stordito e con il cuore che batteva all’impazzata.

 

Il dottor Sadrzadeh ha detto di aver sperimentato una reazione grave quasi immediatamente dopo essere stato inoculato, sentendosi stordito e con il cuore che batteva all’impazzata

In una dichiarazione, David Kibbe, portavoce del Boston Medical Center, ha confermato che il dottor Sadrzadeh aveva ricevuto giovedì il vaccino di Moderna.

 

La dichiarazione diceva che il dottor Sadrzadeh «sentiva che stava sviluppando una reazione allergica e gli era stato permesso di auto-somministrarsi il suo EpiPen personale. È stato portato al pronto soccorso, valutato, curato, osservato e dimesso. Sta andando bene oggi».

Dopo i casi iniziali che accompagnano gli iniezioni Pfizer, il CDC ha emesso un avviso che i vaccini Pfizer e Moderna potrebbero non essere appropriati per le persone con una storia di allergieagli ingredienti in entrambe le iniezioni. L’anafilassi, che in genere si verifica entro pochi minuti dall’esposizione a una sostanza scatenante, può compromettere la respirazione e causare brusche cadute della pressione sanguigna, w potenzialmente portare alla morte.

 

L’anafilassi, che in genere si verifica entro pochi minuti dall’esposizione a una sostanza scatenante, può compromettere la respirazione e causare brusche cadute della pressione sanguigna, w potenzialmente portare alla morte

L’agenzia ha raccomandato che le persone con altre allergie dovrebbero comunque ricevere l’iniezione e attendere i 15 minuti standard  prima di lasciare il sito di vaccinazione. Chiunque abbia avuto in precedenza una reazione anafilattica a una sostanza, incluso un altro vaccino o un farmaco iniettabile, deve essere monitorato per altri 15 minuti.

 

Nel caso giovedì, il dottor Sadrzadeh ha detto di aver portato il suo EpiPen (un autoiniettore di epinefrina in grado di contrastare alla bisogna lo shock anafilattico) all’appuntamento per il vaccino a causa delle sue gravi allergie.

 

Ha detto che entro pochi minuti dall’iniezione del vaccino alle 15:30, la sua frequenza cardiaca era aumentata a 150 battiti al minuto, circa il doppio della sua cadenza normale; la sua lingua formicolò e divenne insensibile. In poco tempo, si è sentito fradicio di sudore freddo e si è ritrovato stordito e con la sensazione di star per svenire. Anche la sua pressione sanguigna è precipitata, ha detto.

 

Entro pochi minuti dall’iniezione del vaccino alle 15:30, la sua frequenza cardiaca era aumentata a 150 battiti al minuto, circa il doppio della sua cadenza normale; la sua lingua formicolò e divenne insensibile. In poco tempo, si è sentito fradicio di sudore freddo e si è ritrovato stordito e con la sensazione di star per svenire. Anche la sua pressione sanguigna è precipitata

Il suo sistema immunitario, si è reso conto, era in rivolta.

 

«E ‘stata la stessa reazione anafilattica che provo con i crostacei», ha detto il dottor Sadrzadeh.

 

Il dottor Sadrzadeh ha usato il suo EpiPen ed è stato portato su una barella al pronto soccorso, dove gli sono stati somministrati diversi farmaci, inclusi steroidi e Benadryl, per calmare le reazioni immunitarie che avevano sopraffatto il suo corpo.

 

Una registrazione della sua visita dichiara che è stato «visitato al pronto soccorso per mancanza di respiro, vertigini, palpitazioni e intorpidimento dopo aver ricevuto il vaccino COVID-19».

 

Nessuno degli ingredienti dei vaccini mRNA di Moderna e Pfizer-BioNTech è stato identificato come contenente allergeni comuni. Tuttavia diversi esperti hanno cautamente indicato il polietilenglicole, o PEG, che appare in entrambe le ricette, anche se in formulazioni leggermente diverse, come possibile colpevole.

È stato portato su una barella al pronto soccorso, dove gli sono stati somministrati diversi farmaci, inclusi steroidi e Benadryl, per calmare le reazioni immunitarie che avevano sopraffatto il suo corpo: «visitato al pronto soccorso per mancanza di respiro, vertigini, palpitazioni e intorpidimento dopo aver ricevuto il vaccino COVID-19»

 

Il PEG si trova in uno stuolo di prodotti farmaceutici, inclusi gel per ultrasuoni, lassativi e steroidi iniettabili e le allergie ad esso sono estremamente rare.

 

Del pericolo del PEG nei candidati vaccini COVID Renovatio 21 aveva pubblicato un articolo assai completo ancora quattro mesi mesi fa.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Sanità

Il Trattato Pandemico OMS mira a «menomare e uccidere» e a «stabilire un governo mondiale»: parla il medico kenyota che lottò contro i vaccini sterilizzanti

Pubblicato

il

Da

Un noto medico del Kenya ha dichiarato la scorsa settimana che il cosiddetto Trattato Pandemico proposto dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) mira ad aprire la strada a un nuovo virus artificiale letale e ad un vaccino, nonché a istituire un governo globale minando la sovranità nazionale. Lo riporta LifeSite.

 

Il dottor Wahome Ngare ha spiegato davanti alla Seconda Conferenza Interparlamentare africana sui valori della famiglia e sulla sovranità che il vero scopo del trattato in sospeso, che raggiungerebbe un controllo medico senza precedenti dell’OMS su tutti i suoi Paesi membri, è la riduzione della popolazione umana.

 

Il dottore keniano ha sottolineato che esiste una storia sostanziale di sforzi di riduzione della popolazione in Africa nonostante il fatto che sia dimostrato che non è sovrappopolata. Per ribadire questo concetto, ha spiegato che la massa terrestre dell’Africa può corrispondere a quella degli Stati Uniti, della Cina, dell’India e del Giappone, ma contiene solo circa un quarto della popolazione di tutti questi paesi messi insieme.

 

«Il problema con l’Africa non è la crescita della sua popolazione, che è in realtà una risorsa. Il problema sono gli avidi proprietari delle multinazionali che sono interessati ad appropriarsi delle nostre risorse naturali», ha affermato il dottor Ngare.

 

Sostieni Renovatio 21

Il medico kenyota sostiene che sono in corso sforzi per ridurre la popolazione del continente attraverso guerre, carestie, malattie e persino organismi geneticamente modificati (OGM), spiegando che «il problema più grande con gli OGM è che il seme è brevettato – è di proprietà di qualcuno. E una volta che lo usi abbastanza a lungo e il tuo seme naturale è scomparso, possono ritirare il loro seme e ucciderti con la fame. In effetti, le iniziative sostenute da Bill Gates in Africa hanno spinto per anni le colture OGM, con il pretesto che metterebbero fine alla fame in Africa».

 

Il dottor Ngare ha continuato sostenendo che l’epidemia di COVID-19 è stata deliberatamente utilizzata per spopolare il mondo, compresa l’Africa, e che questo era solo un preludio a ciò che è previsto per seguire il prossimo Accordo Pandemico dell’OMS.

 

Durante il COVID-19, ha osservato, alle persone veniva detto che un numero «spaventoso» sarebbe morto a causa del virus, che la malattia era incurabile e che «l’immunità naturale non può proteggerci e salvarci».

 

«Ci è stato detto di non stringerci la mano, ci è stato detto di mantenere la distanza sociale, ci è stato detto di restare a casa… Se ti venissero sottoposte questa tortura psicologica per sei mesi e poi ti dicessero che c’è un vaccino, cosa faresti? Correresti a farti il vaccino!» ha detto il Ngare.

 

La vaccinazione poi «è diventata obbligatoria attraverso la coercizione», perché la prova della vaccinazione era necessaria per accedere a beni e servizi, ha affermato il dottor Ngare, suggerendo che ciò dimostra che «Il gioco finale dell’intero fiasco COVID era vaccinare tutti… Questo è ciò di cui si trattava col COVID».

 

Il problema di questi vaccini, ha spiegato il medico, è che erano talmente pericolosi da costituire «un rischio per la sicurezza nazionale». Perché? Innanzitutto, solo i produttori sapevano cosa contenessero esattamente i vaccini e solo i laboratori coinvolti nella loro creazione potevano testarli ed esaminarli.

 

La presunta base della loro utilità si fondava anche su un fondamento errato, ha dichiarato il dottor Ngare, perché la proteina spike creata dal vaccino era modellata sulla stessa proteina che causava la malattia nel COVID-19. L’iniezione è stata anche spinta avanti con l’affermazione che l’immunità naturale non è protettiva – e tuttavia, lo stesso vaccino era basato sulla capacità del corpo di «organizzare una risposta immunitaria all’agente patogeno!»

 

Quel che è peggio è che i dati dei processi di iniezione rilasciati da un’ordinanza del tribunale negli Stati Uniti hanno rivelato un numero preoccupante di morti e feriti causati almeno dall’iniezione Pfizer. Secondo il dottor Ngare, 61 persone sarebbero morte di ictus e cinque persone sarebbero morte per danni al fegato durante gli studi, mentre l’80% delle madri incinte avrebbe perso i propri bambini durante i primi tre mesi di gravidanza dopo aver ricevuto le iniezioni di COVID. Inoltre, le iniezioni avrebbero causato danni al sistema riproduttivo sia degli uomini che delle donne, danneggiando il numero e la motilità degli spermatozoi, le ovaie, i cicli mestruali e la placenta.

 

«Questo era noto al momento della registrazione dei vaccini, ma non era noto ai medici», ha detto il dottor Ngare.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

Il medico kenyota ha proseguito raccontando come in Africa esiste da tempo un precedente di imposizione di vaccini non necessari, nonché di promozione di vaccini che danneggiano la fertilità, in particolare attraverso il vaccino antitetanico.

 

Si tratta di una storia drammatica, allucinante di cui Renovatio 21 ha spesso parlato: le campagne vaccinali antitetaniche in Kenya sono state accusate di essere responsabili della sterilizzazione di quantità enormi di donne. Le campagne di vaccinazioni erano spinte dai soliti enti transnazionali con i soliti oligarchi miliardari «filantrocapitalisti». Secondo alcuni, si sarebbe trattato di un esperimento per studiare la possibilità di infliggere definitivamente la sterilità alla popolazione umana attraverso i vaccini.

 

Come noto, nel caso dello scandalo dei vaccini sterilizzanti era stata proprio la Conferenza Episcopale kenyota a denunciare a livello internazionale l’incredibile vicenda, seguiti dai medici cattolici del Paese che hanno sconsigliato il vaccino e denunciato il ruolo di Bill Gates.

 

Il dottor Ngare ha raccontato durante la campagna per debellare il tetano in Africa, le donne dai 14 ai 49 anni venivano vaccinate ogni sei mesi contro il tetano, con iniezioni che in realtà erano contraccettive, all’insaputa delle donne. Questo siero sarebbe intenzionalmente progettato e sviluppato dalle Nazioni Unite, dall’OMS e dalla Banca Mondiale per ridurre la fertilità, ha aggiunto il medico, affermando che è stato pubblicato un articolo che dimostra la natura contraccettiva di questi vaccini contro il tetano, che è stato letto più di 300.000 volte.

 

Lo Ngare ha suggerito che questi sforzi per spopolare l’Africa e il mondo attraverso i vaccini siano i precedenti per un’imminente campagna di spopolamento che sarà avviata attraverso il Trattato Pandemico. Secondo il medico africano, gli emendamenti ai regolamenti sanitari internazionali (IHR) che sono parte integrante del trattato determineranno il modo in cui l’OMS gestirà le pandemie o le malattie che attraversano i confini nazionali.

 

«L’OMS sta cercando di aumentare i suoi poteri in modo che il Direttore Generale possa dichiarare unilateralmente che esiste una pandemia, reale o immaginaria», ha detto il dottor Ngare. «Nel momento in cui lo dirà, le nuove norme gli permetteranno di farsi carico della gestione della pandemia in ogni Paese firmatario dell’OMS».

 

«Sarà il direttore Tedros che dirà quando entrerai in lockdown, se potrai mai andare a lavorare, quali vaccini ti verranno somministrati», ha spiegato. «Se l’OMS provoca così tanti danni con il suo attuale potere, potete immaginare cosa farebbe se le deste effettivamente più potere?».

 

«La mia conclusione è che l’OMS non è più un organismo che promuove la salute. È diventato un braccio dell’imperialismo degli interessi aziendali globali», ha affermato, aggiungendo che il trattato pandemico proposto e gli IHR «mirano a dare all’OMS il mandato legale per facilitare la creazione di una nuova pandemia… utilizzando nuovi virus artificiali, e l’uso delle vaccinazioni come contromisura, entrambe progettate per ridurre la popolazione mondiale attraverso la riduzione della fertilità, le mutilazioni e le uccisioni».

 

«Conferirà inoltre all’OMS il mandato di utilizzare la pandemia per stabilire un governo mondiale, cancellando totalmente la sovranità degli Stati membri e dei Paesi ed erodendo le libertà individuali dei cittadini», ha avvertito, esortando le nazioni africane a evitare questo immenso danno scrivendo prima «formalmente all’OMS» per respingere gli emendamenti e le IHR, e poi a «considerare l’uscita dall’OMS entro il 2024, ovvero quando dovrebbe entrare in vigore il trattato sulla pandemia».

Aiuta Renovatio 21

Il medico ha anche invitato i Paesi africani a «chiedere collettivamente la fine della ricerca sul guadagno di funzione», che ha descritto come assurda ed estremamente pericolosa.

 

«I Paesi africani dovrebbero fare un passo avanti e dire che è criminale per chiunque addestrare virus e batteri ad attaccare gli esseri umani come un modo per creare un vaccino nel caso in cui il virus scappi», ha detto. «Questa è stregoneria. Non è una medicina».

 

Ngare ha inoltre consigliato ai Paesi africani di «trattare collettivamente tutti i programmi di vaccinazione come un rischio per la sicurezza nazionale»: «se non riesci a determinare cosa c’è nel vaccino che viene somministrato alla tua gente, potresti aprire una porta per distruggere la popolazione africana».

 

Infine, il dottore ha esortato le nazioni africane a «rifiutare qualsiasi collegamento delle cartelle cliniche individuali, comprese le cartelle cliniche, all’identità digitale che viene ora loro imposta».

 

«Onorevoli membri, non permettete al governo di accedere alle informazioni sanitarie private come mezzo per determinare chi riceverà o meno i servizi sanitari. Non è etico dal punto di vista medico ed è contrario ai diritti umani fondamentali», ha affermato.

 

Come riportato da Renovatio 21, il dottor Ngare era stato invitato dal presidente ugandese Musuveni, noto per la sua fiera opposizione ai tentativi di omotransessualizzare il suo Paese e l’Africa, alla Conferenza interparlamentare internazionale sui valori della famiglia.

 

L’Africa ha largamente rifiutato il vaccino COVID, lasciando scadere i sieri arrivati come «aiuti umanitari» e respingendo quanto fatto da élite locali cooptate dagli occidentali per imporre la sierizzazione.

 

Il disgusto per il farmaco era trasversale: cittadini di tutte le classi sociali, di tutte le religioni presenti in Africa hanno scelto di non sottoporsi alla siringa mRNA. Il vescovo ortodosso di Nairobi già tre anni aveva tuonato: «la mia idea è che a un certo punto il vaccino porterà alla morte».

 

Un leader africano che si era opposto all’isteria COVID, il presidente della Tanzania, John Magufuli è morto durante la pandemia in circostanze che hanno sollevato in alcuni qualche dubbio.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21


 

 

Continua a leggere

Bioetica

I medici abortiscono il bambino sbagliato

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.   Una futura mamma ha perso il suo bambino dopo un terribile errore in un ospedale della Repubblica Ceca.   Una donna straniera incinta di quattro mesi si è recata all’ospedale universitario Bulovka, un importante ospedale universitario di Praga, per un controllo di routine. È stata scambiata per un’altra donna straniera e sottoposta ad anestesia generale. Il suo bambino è stato quindi abortito.   Nessuno dei soggetti coinvolti nella procedura – infermieri, medici, un ginecologo e un anestesista – si è accorto dell’errore. Entrambe le donne erano di origine asiatica, secondo i media locali.   L’incidente è attribuito a una mancanza di comunicazione aggravata da una grave negligenza da parte del personale. Nessuna delle donne parlava ceco. «Una paziente di lingua ceca probabilmente si opporrebbe attivamente al fatto di sottoporsi ad un intervento che non capisce», ha detto il ginecologo Jan Přáda, dell’Ordine dei medici ceco.   Přáda ha detto ai media che i medici dovrebbero sempre confermare il nome di un paziente, controllare il braccialetto e il numero dell’ospedale e consultarlo più volte su una procedura. Ma a quanto pare nessuna di queste donne riusciva a comunicare con il personale. Non si sa in quale lingua il personale parlasse alle donne.   «Il Ministero della Salute esprime il suo profondo rammarico al paziente e all’intera famiglia», ha detto un portavoce. «C’è stato un errore umano imperdonabile e i responsabili sono stati messi fuori servizio».   Michael Cook   Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21
Immagine di pubblico dominio CC0 via Wikimedia  
Continua a leggere

Sanità

Medico riconosciuto colpevole di avvelenamento di pazienti

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

Un anestesista del Texas è stato condannato con l’accusa di aver iniettato farmaci pericolosi nelle sacche delle flebo dei pazienti, causando la morte di un collega e diverse emergenze cardiache.

 

Il 12 aprile, Raynaldo Riviera Ortiz Jr, 60 anni, è stato giudicato colpevole di quattro capi d’imputazione di manomissione di prodotti di consumo con conseguenti gravi lesioni personali, un conteggio di manomissione di un prodotto di consumo e cinque capi di imputazione di adulterazione intenzionale di un farmaco. Era stato arrestato nel 2022.

 

Al momento dei suoi crimini, Ortiz stava anche affrontando un’azione disciplinare per un presunto errore medico in uno dei suoi interventi chirurgici, che avrebbe potuto costargli la registrazione medica.

 

La sentenza avverrà entro la fine dell’anno.

 

«Il dottor Ortiz si è avvolto nel camice bianco del guaritore, ma invece di curare il dolore, lo ha inflitto», ha detto il pubblico ministero.

 

«Ha assemblato bombe a orologeria, poi è rimasto in attesa mentre quelle bombe mediche esplodevano una dopo l’altra, cocktail tossici che scorrevano nelle vene di pazienti che erano spesso nella loro forma più vulnerabile, giacendo privi di sensi sul tavolo operatorio».

Sostieni Renovatio 21

Le accuse derivano da incidenti accaduti quando Ortiz lavorava presso Baylor Scott e White Surgicare a North Dallas. Tra maggio e agosto 2022 numerosi pazienti hanno subito emergenze cardiache durante procedure mediche di routine eseguite da vari medici.

 

Circa un mese dopo l’inizio delle emergenze inspiegabili, un’anestesista che aveva lavorato presso la struttura quel giorno è morta mentre si curava la disidratazione utilizzando una sacca per flebo.

 

Ad agosto, i medici iniziarono a sospettare che le sacche per flebo fossero contaminate dopo che un paziente di 18 anni dovette essere portato d’urgenza al reparto di terapia intensiva in condizioni critiche durante un intervento chirurgico di routine ai seni.

 

Il pubblico ministero ha affermato che Ortiz ha iniettato di nascosto sacche IV di soluzione salina con epinefrina, bupivacaina e altri farmaci, le ha collocate in un contenitore riscaldato presso la struttura e ha aspettato che venissero utilizzate negli interventi chirurgici dei colleghi, sapendo che i loro pazienti avrebbero avuto complicazioni pericolose.

 

Michael Cook

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21


 

Immagine screenshot da YouTube

Continua a leggere

Più popolari