Connettiti con Renovato 21

Linee cellulari

Vaccino e aborto, Pfizer ha cercato di nascondere l’uso di cellule fetali: email trapelate

Pubblicato

il

 

 

 

 

Una dipendente Pfizer diventata informatrice si è presentata alla testata di giornalismo d’inchiesta Project Veritas con e-mail interne che rivelerebbero la politica comunicativa del colosso farmaceutico riguardo l’uso di linee cellulari da feto abortito.

 

Secondo le email trapelate, i dirigenti aziendali premevano con direttive articolate affinché il personale nascondesse l’uso da parte dell’azienda di tessuto fetale umano nei test di laboratorio del vaccino contro il COVID-19.

 

L’informatrice si chiama Melissa Strickler ha lavorato in Pfizer da circa dieci anni e attualmente fa parte del reparto qualità in uno dei più grandi stabilimenti dell’azienda. Ha scoperto accidentalmente una catena di e-mail che parlavano di tessuto fetale e del vaccino COVID. Dice di essersi quindi decisa a rivelare quanto accadeva a lavoro dopo una crisi di coscienza.

 

«Dal punto di vista degli affari aziendali, vogliamo evitare che le informazioni sulle cellule fetali escano»

«Quello che mi preoccupava era che volevano tenerlo nascosto – ha detto Strickler al fondatore di Project Veritas James O’Keefe – non volevano davvero uscissero informazioni sul fatto che stavano usando le cellule HEK per fare lo studio. Sono così ingannevoli nelle loro e-mail… ». Come noto ai lettori di Renovatio 21, HEK sta per Human Embryonic Kidney e 293 è il numero di esperimenti necessari per ottenere la linea cellulare dal rene del bambino abortito.

Nel programma di Project Veritas è possibile leggere email che tracciano molto bene il lavoro di occultamento di questo tema scottante.

 

«Dal punto di vista degli affari aziendali, vogliamo evitare che le informazioni sulle cellule fetali escano… Il rischio di comunicarlo in questo momento supera qualsiasi potenziale beneficio che potremmo vedere, in particolare con i membri del pubblico in generale che potrebbero prendere queste informazioni e utilizzarlo in modi che potremmo non volere. Non abbiamo ricevuto alcuna domanda da responsabili politici o media su questo tema nelle ultime settimane, quindi vogliamo evitare di sollevarlo se possibile», scrive in un messaggio il direttore senior di Pfizer Ricerca mondiale.

 

«Abbiamo cercato il più possibile di non menzionare le linee cellulari fetali… Una o più linee cellulari con un’origine che può essere fatta risalire al tessuto fetale umano è stata utilizzata nei test di laboratorio associati al programma vaccinale»

 

 

«Abbiamo cercato il più possibile di non menzionare le linee cellulari fetali… Una o più linee cellulari con un’origine che può essere fatta risalire al tessuto fetale umano è stata utilizzata nei test di laboratorio associati al programma vaccinale» ammette il direttore.

 

Quando l’intervistare chiede all’informatrice se conosce il motivo per cui Pfizer avrebbe voluto mantenere nascosto questo argomento al pubblico, la Strickler risponde:  «Non vogliono avere a che fare con persone arrabbiate, perché penso che le persone possano usare le esenzioni religiose per questo, e loro non vogliono quello».

«Le cellule HEK293T, utilizzate per il test IVE, sono sostanzialmente derivate da un feto abortito. D’altra parte, il comitato dottrinale vaticano ha confermato che considerano accettabile per i credenti pro-life essere immunizzato. La dichiarazione ufficiale di Pfizer esprime bene la risposta ed è ciò che dovrebbe essere fornito in risposta a un’indagine esterna»

 

In questo modo, quindi, l’azienda ha potuto evitare di consegnare ai pro-life contrari al vaccino la via dell’esenzione religiosa e dell’obiezione di coscienza. Il che significa, più persone obbligate al vaccino. «Penso che vogliano che nessuno abbia una scusa per non ottenerlo … e stanno negando tutte le esenzioni religiose alla Pfizer», dice la Strickler.

 

Il Chief Scientific Officer di Pfizer, Philip Dormitzer, scrive in un’altra email: «Le cellule HEK293T, utilizzate per il test IVE, sono sostanzialmente derivate da un feto abortito. D’altra parte, il comitato dottrinale vaticano ha confermato che considerano accettabile per i credenti pro-life essere immunizzato. La dichiarazione ufficiale di Pfizer esprime bene la risposta ed è ciò che dovrebbe essere fornito in risposta a un’indagine esterna».

 

Come si era visto anche durante la deposizione in tribunale del «papa» dei vaccini Stanley Plotkin, che ammise di aver utilizzato almeno una settantina di feti abortiti per ottenere una linea cellulare, colpisce come anche i dirigenti farmaceutici considerino la Chiesa Cattolica come il principale ostacolo all’uso industriale di bambini sacrificati alla scienza con squartamento a cuor battente.

 

Anche da questo tipo di rivelazioni, possiamo apprendere quanto sia stato importante per l’intero impianto della vaccinazione globale il semaforo verde offerto dal Vaticano di Bergoglio.

 

 

 

 

 

 

Linee cellulari

Linee cellulari da feto abortito: ci sono mostri che possiamo vedere

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo su gentile concessione del sito di Children of God for Life. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

 

Ci sono mostri che possiamo vedere. E ci sono mostri che immaginiamo. Quelli che evochiamo spesso ci portano alla distrazione, e questo non è né buono né produttivo.

 

La questione Senomyx è diventata sempre più visibile negli ultimi mesi e ha rotto gli argini. Mi sento obbligato a commentare quelle che ritengo essere potenziali fonti di questa crescente preoccupazione e l’estensione di queste preoccupazioni ad aree che equivalgono a uno spreco di energia emotiva e pratica.

 

Iniziamo con una breve discussione sull’utilità delle linee cellulari nella ricerca e nei test.

 

Le colture cellulari primarie e le linee cellulari consentono l’osservazione diretta delle reazioni chimiche a livello cellulare. Le cellule umane sono piccole fabbriche straordinarie, ciascuna parte di un sistema brillantemente orchestrato che regola la nostra funzione integrata di essere vivente. Sono esempi davvero meravigliosi dell’opera di Dio, ciascuno capace di metabolizzare i nutrienti, fornire la propria energia, produrre un’ampia varietà e numero di molecole e replicarsi, producendo così le generazioni successive.

 

La produzione di molti diversi tipi di molecole è la ragione principale per l’uso di linee cellulari e colture primarie nella ricerca, sviluppo e test. Le linee cellulari e le colture primarie sono considerate necessarie nello sviluppo di vaccini perché i virus non sono in grado di auto-replicarsi: hanno bisogno di una cellula ospite per riprodursi.

 

Oltre ai vaccini, le linee cellulari e le colture primarie vengono utilizzate per osservare e misurare la produzione cellulare di molecole (proteine, in questo caso) in risposta a uno stimolo. Quello stimolo è il composto/farmaco che viene sviluppato e testato. Gli anticorpi sono un esempio delle proteine ​​ricercate e misurate.

 

Le linee cellulari e le colture primarie vengono utilizzate anche per misurare la citotossicità: il livello al quale la sostanza in fase di sviluppo diventa tossica per la cellula e la funzione cellulare inizia a disgregarsi.

 

Perché coprire le basi? Ebbene, gran parte del dialogo recente sull’uso delle linee cellulari è molto lontano dall’utilità delle linee cellulari nei processi di ricerca e sviluppo.

 

Parte di ciò è senza dubbio dovuto a rappresentazioni infondate degli esaltatori di sapidità Senomyx da parte di alcune organizzazioni e al mito ancora perpetrato secondo cui molti farmaci da banco e da prescrizione sono stati sviluppati e testati utilizzando linee cellulari fetali abortite. Non è mia intenzione giudicare le motivazioni, ma i fatti sono fatti e i fatti sono molto più utili e portano a discussioni più produttive rispetto alle accuse presentate come verità.

 

Lo stato attuale rispetto a Senomyx è stato descritto altrove su questo sito, insieme alle difficoltà associate alla ricerca di informazioni affidabili e autorevoli sull’uso effettivo dei loro esaltatori di sapidità, quindi non ne parlerò qui.

 

Affermerò che non faremo accuse non supportate in alcun modo, non più di quanto accetteremo scuse o assicurazioni contraddette dalla letteratura scientifica (Novavax, per esempio), né presenteremo la speculazione come verità.

 

Quando noi della comunità pro-vita ci lasciamo prendere dalla frenesia affermando che tutti i prodotti PepsiCo sono contaminati dall’aborto, che le linee cellulari fetali abortite sono in realtà ingredienti di cibi e bevande e che i prodotti freschi e le carni sono in qualche modo «testati» in linee cellulari fetali abortite, rendiamo più facile per alcuni emarginare il movimento pro-vita in generale.

 

Come mai? Perché quelle cose NON SONO VERE. Va da sé che un’argomentazione supportata da falsità, anche poche, è facilmente compromessa e poco convincente.

 

Seguono un paio di esempi.

 

L’acqua in bottiglia del marchio Aquafina è stata menzionata da molti come uno dei prodotti PepsiCo che viene testato in linee cellulari fetali abortite. Non ci sono prove che io sia stato in grado di trovare che dia questa credibilità.

 

Come mai? «Loro» lo nascondono? Il vero motivo è che nessuno lo fa perché non ha alcun senso. «Testare» l’acqua nelle linee cellulari non aggiunge alcun valore al controllo di qualità, dove la purezza è la parola d’ordine, e in questo caso non vi è alcuna funzione biologica osservabile da «testare».

 

Si prega di fare riferimento al quarto paragrafo, sopra, che descrive l’utilità generale delle linee cellulari. Esattamente cosa si misurerebbe «testando» l’acqua con linee cellulari fetali?

 

Come accennato in precedenza, la purezza della sostanza in esame non sarebbe rivelata dall’uso di linee cellulari fetali abortite. Esistono molti modi per valutare la purezza dell’acqua in bottiglia in modo efficiente e con precisione e i test delle linee cellulari non compaiono in quell’elenco. PepsiCo sta esaminando come viene metabolizzato il prodotto? È acqua. Due atomi di idrogeno legati in modo covalente a un atomo di ossigeno.

 

Il modo in cui il corpo usa l’acqua è un discorsetto e non c’è un solo produttore di acqua in bottiglia che si senta obbligato a rispondere a questa domanda con ogni singola produzione.

 

In effetti, non c’è nulla da «testare», quindi perché una società a scopo di lucro dovrebbe prendersi la briga di incaricare tecnici di laboratorio ben pagati e scienziati del personale con la diluizione di una costosa  sostanza biologica (questa è l’unica cosa che farà l’aggiunta di acqua a una linea cellulare biologica), non misurare nulla e poi versare tutto nello scarico?

 

L’acqua in bottiglia NON È testata nelle linee cellulari fetali. Punto. E i test delle linee cellulari non compaiono in quell’elenco.

 

Ora per carni e prodotti. Vale lo stesso ragionamento generale. Cosa si testerebbe nelle piccole fabbriche di proteine ​​delle cellule umane? Discorsetto ancora più stabilito: il corpo umano metabolizza il cibo per il suo uso. Questo è, in parte, ciò che sostiene la vita. Questo non è qualcosa che richiede test e farlo è come saltare dal tetto ogni mattina per «testare» la forza di gravità, solo per assicurarsi che non sia cambiata dall’oggi al domani.

 

L’intento di questo post non è quello di criticare, ma di riorientare il nostro pensiero e i nostri comportamenti collettivi. Sia che lo chiamiamo «cercare mostri nell’armadio», «mostri immaginari» o «cpmbattere i mulini a vento», ciò che è vero è che il tempo e l’energia non sono allocati in modo produttivo.

 

Ci sono veri mostri che possiamo vedere. Lo sfruttamento dei bambini abortiti nella ricerca è cresciuto drammaticamente negli ultimi decenni e ci vorranno i nostri migliori sforzi per cambiarlo, anche nel mondo post-Roe v. Wade.

 

Se ci lasciamo distrarre, diminuiamo la nostra efficacia e aiutiamo effettivamente coloro che sono disposti a perpetuare l’orribile sfruttamento dei non nati uccisi.

 

 

Jose Trasancos

CEO Children of God for Life

 

 

 

Renovatio 21 pubblica questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

Continua a leggere

Linee cellulari

Il giudice Thomas ricorda che i vaccini utilizzano linee cellulari di feto abortito

Pubblicato

il

Da

Giovedì, la Corte Suprema degli Stati Uniti ha rifiutato di ascoltare un caso sulla libertà religiosa e all’obbligo vaccinale per gli operatori sanitari di New York.

 

Due dei giudici incaricati dell’ex presidente Donald Trump alla Corte Suprema sembrano aver concordato con i giudici progressisti nel respingere il caso, consentendo all’obbligo neoeboraceno di rimanere in piedi, mentre Clarence Thomas e gli altri giudici conservatori Samuel Alito e Neil Gorsuch sono indicati come dissenzienti dalla decisione.

 

Nel suo dissenso, Thomas ha riassunto la controversia in quanto i firmatari «si opponevano per motivi religiosi a tutti i vaccini COVID-19 disponibili perché sono stati sviluppati utilizzando linee cellulari derivate da bambini abortiti».

 

Thomas sostiene nel parere che la corte avrebbe dovuto accogliere una petizione per aprire alla piena deliberazione la questione se un mandato come quello di New York possa mai essere neutrale o generalmente applicabile se non esenta la condotta religiosa ma consente una condotta secolare, come esenzioni mediche.

 

Lo Stato consente una stretta esenzione medica per coloro che sono altamente allergici al vaccino COVID-19.

 

«Poiché affronterei questo problema ora nel corso ordinario, prima che la prossima crisi ci costringa di nuovo a decidere complesse questioni legali in una posizione di emergenza, dissento rispettosamente», scrive Thomas nel suo dissenso.

 

È impressionante notare come le parole di Thomas siano state considerate dai media mainstream come delle fandonie degne di essere canzonate.

Quella linea è diventata un punto focale per la presa in giro da parte di diversi media. Alcune testate come  Politico, Business Insider e NBC News , hanno suggerito che Thomas stesse promuovendo disinformazione o affermazioni «fuorvianti».

 

La NBC è arrivata ad affermare che Thomas «ha espresso sostegno giovedì per un’affermazione smentita secondo cui tutti i vaccini COVID sono prodotti con cellule di “bambini abortiti”». Da chi sia stata smentita quest’affermazione, vorremmo saperlo – i bugiardini dicono altro…

 

Come noto, anche dalla tabella pubblicata da Renovatio 21, i vaccini Pfizer, Moderna e Johnson & Johnson hanno utilizzato tutti cellule fetali abortite durante la fase di test dei loro vaccini; e Johnson & Johnson hanno utilizzato le celle anche durante le fasi di progettazione, sviluppo e produzione.

 

 

La questione dell’uso di cellule di feto abortito nella produzione dei vaccini non è disputabile – e quindi tutte le grandi testate che affermano il contrario diffondo loro le fake news.

 

Notiamo, in un raro e inaspettato caso di obiettività, che anche il famoso fact-checker di sinistra Snopes ha riconosciutoe che il giudice «Thomas non ha affermato che i vaccini COVID-19 contengono cellule fetali abortite» e «la sua affermazione che tali linee cellulari sono state utilizzate nello sviluppo di COVID- 19 vaccini è accurata».

 

Ricordiamo infine che, qualora l’obiezione sia che questi vaccini abbiano utilizzato cellule di feto abortito solo in fase di progetto e di test e quindi non contegano il materiale umano, la questione morale non cambia di una virgola: se un vaccino ha utilizzato le linee cellulari di un feto abortito «solo» nella ricerca e nello sviluppo o nelle fasi di post-produzione, senza quindi inserire la linea cellulare nel prodotto finito rimane ugualmente immorale.

 

Tanto più che, invece, già da molto prima del COVID sono esistiti vaccini che contengono le cellule di feto umano abortito.

 

Riguardo all’uso delle line cellulari nei vaccini non-COVID (quindi, anche i vaccini pediatrici obbligatori per mandare a scuola i vostri bambini), ecco la lista compilata da Renovatio 21 con l’associazione CORVELVA.

 

 

Potete scaricare queste due liste nel documento pdf che carichiamo sul sito.

Continua a leggere

Linee cellulari

Gli anticorpi monoclonali Bebtelovimab e le linee cellulari di feto abortito

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo su gentile concessione del sito di Children of God for Life.

 

La nostra pagina delle domande frequenti è stata aggiornata con le informazioni su un anticorpo monoclonale recentemente autorizzato, sviluppato da Eli Lilly.

 

Come tanti altri, questo anticorpo monoclonale deve la sua esistenza al continuo sfruttamento dei bambini abortiti.

 

Quello che segue è il testo delle FAQ e un collegamento alla pubblicazione che descrive il processo di sviluppo associato a Bebtelovimab:

 

 

Bebtelovimab – Il codice biologico è LY-CoV1404.

 

Questo anticorpo monoclonale recentemente autorizzato si basava su una serie di adattamenti della linea cellulare HEK-293 durante tutto il processo di sviluppo.

 

Sono state utilizzate linee cellulari Expi293, HEK-293T, 293T-ACE2 e 293 flpin-TMPRSS2-ACE2, insieme a linee cellulari di insetti, CHO (ovaia di criceto cinese) e diversi adattamenti di cellule di primati non umani Vero-6.

 

Questa pubblicazione in ScienceDirect descrive in dettaglio l’uso delle varie linee cellulari.

 

 

Jose Trasancos

CEO Children of God for Life

 

 

 

Renovatio 21 pubblica questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari