Connettiti con Renovato 21

Linee cellulari

Vaccino e aborto, Pfizer ha cercato di nascondere l’uso di cellule fetali: email trapelate

Pubblicato

il

 

 

 

 

Una dipendente Pfizer diventata informatrice si è presentata alla testata di giornalismo d’inchiesta Project Veritas con e-mail interne che rivelerebbero la politica comunicativa del colosso farmaceutico riguardo l’uso di linee cellulari da feto abortito.

 

Secondo le email trapelate, i dirigenti aziendali premevano con direttive articolate affinché il personale nascondesse l’uso da parte dell’azienda di tessuto fetale umano nei test di laboratorio del vaccino contro il COVID-19.

 

L’informatrice si chiama Melissa Strickler ha lavorato in Pfizer da circa dieci anni e attualmente fa parte del reparto qualità in uno dei più grandi stabilimenti dell’azienda. Ha scoperto accidentalmente una catena di e-mail che parlavano di tessuto fetale e del vaccino COVID. Dice di essersi quindi decisa a rivelare quanto accadeva a lavoro dopo una crisi di coscienza.

 

«Dal punto di vista degli affari aziendali, vogliamo evitare che le informazioni sulle cellule fetali escano»

«Quello che mi preoccupava era che volevano tenerlo nascosto – ha detto Strickler al fondatore di Project Veritas James O’Keefe – non volevano davvero uscissero informazioni sul fatto che stavano usando le cellule HEK per fare lo studio. Sono così ingannevoli nelle loro e-mail… ». Come noto ai lettori di Renovatio 21, HEK sta per Human Embryonic Kidney e 293 è il numero di esperimenti necessari per ottenere la linea cellulare dal rene del bambino abortito.

Nel programma di Project Veritas è possibile leggere email che tracciano molto bene il lavoro di occultamento di questo tema scottante.

 

«Dal punto di vista degli affari aziendali, vogliamo evitare che le informazioni sulle cellule fetali escano… Il rischio di comunicarlo in questo momento supera qualsiasi potenziale beneficio che potremmo vedere, in particolare con i membri del pubblico in generale che potrebbero prendere queste informazioni e utilizzarlo in modi che potremmo non volere. Non abbiamo ricevuto alcuna domanda da responsabili politici o media su questo tema nelle ultime settimane, quindi vogliamo evitare di sollevarlo se possibile», scrive in un messaggio il direttore senior di Pfizer Ricerca mondiale.

 

«Abbiamo cercato il più possibile di non menzionare le linee cellulari fetali… Una o più linee cellulari con un’origine che può essere fatta risalire al tessuto fetale umano è stata utilizzata nei test di laboratorio associati al programma vaccinale»

 

 

«Abbiamo cercato il più possibile di non menzionare le linee cellulari fetali… Una o più linee cellulari con un’origine che può essere fatta risalire al tessuto fetale umano è stata utilizzata nei test di laboratorio associati al programma vaccinale» ammette il direttore.

 

Quando l’intervistare chiede all’informatrice se conosce il motivo per cui Pfizer avrebbe voluto mantenere nascosto questo argomento al pubblico, la Strickler risponde:  «Non vogliono avere a che fare con persone arrabbiate, perché penso che le persone possano usare le esenzioni religiose per questo, e loro non vogliono quello».

«Le cellule HEK293T, utilizzate per il test IVE, sono sostanzialmente derivate da un feto abortito. D’altra parte, il comitato dottrinale vaticano ha confermato che considerano accettabile per i credenti pro-life essere immunizzato. La dichiarazione ufficiale di Pfizer esprime bene la risposta ed è ciò che dovrebbe essere fornito in risposta a un’indagine esterna»

 

In questo modo, quindi, l’azienda ha potuto evitare di consegnare ai pro-life contrari al vaccino la via dell’esenzione religiosa e dell’obiezione di coscienza. Il che significa, più persone obbligate al vaccino. «Penso che vogliano che nessuno abbia una scusa per non ottenerlo … e stanno negando tutte le esenzioni religiose alla Pfizer», dice la Strickler.

 

Il Chief Scientific Officer di Pfizer, Philip Dormitzer, scrive in un’altra email: «Le cellule HEK293T, utilizzate per il test IVE, sono sostanzialmente derivate da un feto abortito. D’altra parte, il comitato dottrinale vaticano ha confermato che considerano accettabile per i credenti pro-life essere immunizzato. La dichiarazione ufficiale di Pfizer esprime bene la risposta ed è ciò che dovrebbe essere fornito in risposta a un’indagine esterna».

 

Come si era visto anche durante la deposizione in tribunale del «papa» dei vaccini Stanley Plotkin, che ammise di aver utilizzato almeno una settantina di feti abortiti per ottenere una linea cellulare, colpisce come anche i dirigenti farmaceutici considerino la Chiesa Cattolica come il principale ostacolo all’uso industriale di bambini sacrificati alla scienza con squartamento a cuor battente.

 

Anche da questo tipo di rivelazioni, possiamo apprendere quanto sia stato importante per l’intero impianto della vaccinazione globale il semaforo verde offerto dal Vaticano di Bergoglio.

 

 

 

 

 

 

Linee cellulari

Il giudice Thomas ricorda che i vaccini utilizzano linee cellulari di feto abortito

Pubblicato

il

Da

Giovedì, la Corte Suprema degli Stati Uniti ha rifiutato di ascoltare un caso sulla libertà religiosa e all’obbligo vaccinale per gli operatori sanitari di New York.

 

Due dei giudici incaricati dell’ex presidente Donald Trump alla Corte Suprema sembrano aver concordato con i giudici progressisti nel respingere il caso, consentendo all’obbligo neoeboraceno di rimanere in piedi, mentre Clarence Thomas e gli altri giudici conservatori Samuel Alito e Neil Gorsuch sono indicati come dissenzienti dalla decisione.

 

Nel suo dissenso, Thomas ha riassunto la controversia in quanto i firmatari «si opponevano per motivi religiosi a tutti i vaccini COVID-19 disponibili perché sono stati sviluppati utilizzando linee cellulari derivate da bambini abortiti».

 

Thomas sostiene nel parere che la corte avrebbe dovuto accogliere una petizione per aprire alla piena deliberazione la questione se un mandato come quello di New York possa mai essere neutrale o generalmente applicabile se non esenta la condotta religiosa ma consente una condotta secolare, come esenzioni mediche.

 

Lo Stato consente una stretta esenzione medica per coloro che sono altamente allergici al vaccino COVID-19.

 

«Poiché affronterei questo problema ora nel corso ordinario, prima che la prossima crisi ci costringa di nuovo a decidere complesse questioni legali in una posizione di emergenza, dissento rispettosamente», scrive Thomas nel suo dissenso.

 

È impressionante notare come le parole di Thomas siano state considerate dai media mainstream come delle fandonie degne di essere canzonate.

Quella linea è diventata un punto focale per la presa in giro da parte di diversi media. Alcune testate come  Politico, Business Insider e NBC News , hanno suggerito che Thomas stesse promuovendo disinformazione o affermazioni «fuorvianti».

 

La NBC è arrivata ad affermare che Thomas «ha espresso sostegno giovedì per un’affermazione smentita secondo cui tutti i vaccini COVID sono prodotti con cellule di “bambini abortiti”». Da chi sia stata smentita quest’affermazione, vorremmo saperlo – i bugiardini dicono altro…

 

Come noto, anche dalla tabella pubblicata da Renovatio 21, i vaccini Pfizer, Moderna e Johnson & Johnson hanno utilizzato tutti cellule fetali abortite durante la fase di test dei loro vaccini; e Johnson & Johnson hanno utilizzato le celle anche durante le fasi di progettazione, sviluppo e produzione.

 

 

La questione dell’uso di cellule di feto abortito nella produzione dei vaccini non è disputabile – e quindi tutte le grandi testate che affermano il contrario diffondo loro le fake news.

 

Notiamo, in un raro e inaspettato caso di obiettività, che anche il famoso fact-checker di sinistra Snopes ha riconosciutoe che il giudice «Thomas non ha affermato che i vaccini COVID-19 contengono cellule fetali abortite» e «la sua affermazione che tali linee cellulari sono state utilizzate nello sviluppo di COVID- 19 vaccini è accurata».

 

Ricordiamo infine che, qualora l’obiezione sia che questi vaccini abbiano utilizzato cellule di feto abortito solo in fase di progetto e di test e quindi non contegano il materiale umano, la questione morale non cambia di una virgola: se un vaccino ha utilizzato le linee cellulari di un feto abortito «solo» nella ricerca e nello sviluppo o nelle fasi di post-produzione, senza quindi inserire la linea cellulare nel prodotto finito rimane ugualmente immorale.

 

Tanto più che, invece, già da molto prima del COVID sono esistiti vaccini che contengono le cellule di feto umano abortito.

 

Riguardo all’uso delle line cellulari nei vaccini non-COVID (quindi, anche i vaccini pediatrici obbligatori per mandare a scuola i vostri bambini), ecco la lista compilata da Renovatio 21 con l’associazione CORVELVA.

 

 

Potete scaricare queste due liste nel documento pdf che carichiamo sul sito.

Continua a leggere

Linee cellulari

Gli anticorpi monoclonali Bebtelovimab e le linee cellulari di feto abortito

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo su gentile concessione del sito di Children of God for Life.

 

La nostra pagina delle domande frequenti è stata aggiornata con le informazioni su un anticorpo monoclonale recentemente autorizzato, sviluppato da Eli Lilly.

 

Come tanti altri, questo anticorpo monoclonale deve la sua esistenza al continuo sfruttamento dei bambini abortiti.

 

Quello che segue è il testo delle FAQ e un collegamento alla pubblicazione che descrive il processo di sviluppo associato a Bebtelovimab:

 

 

Bebtelovimab – Il codice biologico è LY-CoV1404.

 

Questo anticorpo monoclonale recentemente autorizzato si basava su una serie di adattamenti della linea cellulare HEK-293 durante tutto il processo di sviluppo.

 

Sono state utilizzate linee cellulari Expi293, HEK-293T, 293T-ACE2 e 293 flpin-TMPRSS2-ACE2, insieme a linee cellulari di insetti, CHO (ovaia di criceto cinese) e diversi adattamenti di cellule di primati non umani Vero-6.

 

Questa pubblicazione in ScienceDirect descrive in dettaglio l’uso delle varie linee cellulari.

 

 

Jose Trasancos

CEO Children of God for Life

 

 

 

Renovatio 21 pubblica questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

 

Continua a leggere

Linee cellulari

Corbevax, Covaxin e Novavax usano linee cellulari di feto abortito?

Pubblicato

il

Da

 

Renovatio 21 traduce questo articolo su gentile concessione del sito di Children of God for Life. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

Questi candidati al vaccino sono stati sui giornali di recente e abbiamo ricevuto una serie di richieste in merito alla loro etica e alla potenziale disponibilità. Affrontiamo queste domande.

 

 

Corbevax

Corbevax ha fatto notizia alla fine di dicembre dello scorso anno, dopo la sua approvazione per l’uso in India.

 

Questo candidato al vaccino è stato sviluppato da un gruppo di ricercatori del Texas Children’s Hospital e del Baylor College of Medicine, applicando tecnologie più tradizionali a base di proteine ​​e ponendo l’accento sulla produzione e lo stoccaggio semplici ed economici.

 

In particolare, questo vaccino è l’equivalente medicinale di «open source», consentendo a qualsiasi produttore di produrre il vaccino senza alcun brevetto o limitazione di licenza. Leggi il comunicato stampa del Texas Children’s Hospital qui

.

Le prime indicazioni erano che Corbevax fosse ricercato, sviluppato e testato eticamente, senza alcun collegamento con l’aborto. Il team di ricerca non ha utilizzato direttamente linee cellulari fetali abortite nei processi di sviluppo e test; tuttavia, un’approfondita revisione della letteratura ha rivelato l’uso di due prodotti biologici che sono prodotti in linee cellulari fetali abortite.

 

La proteina ACE-2 umana di LakePharma (riferimento n. 46672) è stata utilizzata in un test funzionale in vitro , descritto nella Sezione 2.8, Materiali e metodi, in questa pubblicazione ScienceDirect. Questo prodotto biologico è fatto in linee cellulari HEK-293 o in linee cellulari CHO (ovaio di criceto cinese).

 

Nella sezione 2.3, Materiali e metodi, il documento descrive anche la valutazione di tre diversi domini di legame del recettore (RBD) e la loro interazione con il recettore ACE-2. In questa valutazione è stato utilizzato un anticorpo monoclonale di SinoBiological. Questo anticorpo è espresso nelle linee cellulari HEK-293.

 

È giunto il momento di applicare il «se non» i test in quanto si riferisce all’etica di Corbevax.

 

La prima procedura menzionata era essenziale per lo sviluppo di questo vaccino. Lo scopo di un test funzionale è determinare se il materiale funziona o meno, in modo simile a garantire che una riga di codice del computer esegua l’operazione desiderata.

 

La seconda procedura è meno chiara in termini di necessità, in quanto diversi vaccini, compresi i due che sono autorizzati e approvati per l’uso negli Stati Uniti, sono stati sviluppati senza utilizzare tale procedura, ma resta il fatto che il gruppo di ricerca ha progettato ed eseguito il procedura come parte dello sviluppo del vaccino.

 

Si noti che le caratteristiche dei materiali utilizzati in questi test sono ben comprese dalle persone che li utilizzano e l’importanza di queste caratteristiche è sottolineata dalle informazioni di supporto messe a disposizione dai fornitori, «Se non» trova una risposta definitiva da queste procedure descritte in letteratura e viene stabilito un grado di compromesso etico.

 

Il vaccino non sarebbe qui «se non» per la dipendenza dall’aborto.

 

 

Novavax

Novavax si ritrova al centro di alcune polemiche.

 

Un articolo pubblicato su Science nell’ottobre del 2020 descrive chiaramente una valutazione della glicosilazione, confrontando le proteine ​​spike prodotte nelle linee cellulari di insetti Sf9 e quelle prodotte nelle linee cellulari fetali abortite, ovvero le cellule HEK-293F.

 

I metodi impiegati fanno riferimento a questa pubblicazione del National Center for Biotechnology Information che descrive in dettaglio il processo di valutazione della glicosilazione, sebbene l’applicazione specifica non fosse il vaccino Novavax SARS-CoV-2.

 

L’uso di linee cellulari fetali abortite è chiaro e non ambiguo in questa pubblicazione.

 

Novavax, tuttavia, ha affermato che la loro valutazione della glicosilazione non ha fatto uso di linee cellulari fetali abortite, né in alcun altro modo nello sviluppo e/o nella sperimentazione del loro candidato al vaccino. La confusione abbonda.

 

La letteratura descrive chiaramente una valutazione eseguita dal team di sviluppo Novavax e la descrizione si riferisce alle linee cellulari HEK-293. I metodi specifici impiegati sono citati in una pubblicazione citata e l’uso di linee cellulari fetali abortite è descritto in dettaglio in questo documento.

 

Diventa ancora meglio. Abbiamo riscontrato argomentazioni provenienti da diverse fonti, ciascuna delle quali affermava che il documento pubblicato su Science rifletteva il prodotto del lavoro di una terza parte indipendente, lo Scripps Research Institute, con sede a La Jolla, in California, senza affiliazione o coinvolgimento con Novavax.

 

Questo punto di contesa viene facilmente messo a tacere. Sei degli autori del documento sono impiegati da Novavax e Novavax è stato elencato tra le organizzazioni di finanziamento della ricerca, insieme al NIAID e alla Bill and Melinda Gates Foundation. Quindi, Novavax ha fornito finanziamenti e i loro cuochi erano in cucina. Fatto.

 

Ecco a che punto siamo con Novavax: ciò che è stato pubblicato sembra chiaro, in quanto le linee cellulari fetali abortite sono state utilizzate per valutare la glicosilazione delle proteine ​​​​spike prodotte da Sf9 rispetto alle proteine ​​​​prodotte in HEK-293.

 

Novavax dice il contrario. Spetta a loro portare chiarezza cristallina su questo, e fino a quando ciò non sarà fatto, ci rimetteremo a ciò che è stato pubblicato su riviste sottoposte a revisione paritaria. Dopotutto, questo è ciò che gli scienziati hanno scritto.

 

 

Covaxin

Ora, per Covaxin. Abbiamo esaminato Covaxin molto da vicino e non abbiamo trovato alcuna associazione diretta o indiretta con l’aborto.

 

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha concesso l’autorizzazione di emergenza a questo vaccino il 3 novembre 2021.

 

Ora è disponibile in 17 paesi, incluso il Messico. Covaxin ha presentato una domanda investigativa per nuovi farmaci per la piena approvazione (non EUA) nell’ottobre del 2021 e tale domanda è pendente dinanzi alla FDA.

 

Quando possiamo aspettarci l’approvazione? Forse possiamo dedurre una risposta da quanto segue:

 

  • La FDA ha respinto la domanda originale di Bharat BioTech per l’autorizzazione all’uso di emergenza nel giugno del 2021 indicando, in parte, che sarebbero necessari dati di studi clinici più solidi. La FDA ha suggerito una domanda di approvazione completa in un secondo momento.

 

  • Il dottor Anthony Fauci ha detto quanto segue durante un’intervista al programma Morning in America ​​di NewsNation, quando gli è stato chiesto dell’INDA di Covaxin: «Abbiamo abbastanza vaccini, i migliori vaccini disponibili, negli Stati Uniti». . . «Sono perplesso da questa domanda. Abbiamo più vaccini di quelli di cui abbiamo bisogno in questo momento. Abbiamo solo bisogno che le persone vengano vaccinate con i vaccini che abbiamo. I vaccini mRNA sono vaccini desiderati da tutti gli altri nel mondo. Quindi, abbiamo ciò di cui abbiamo bisogno; dobbiamo usarlo». Il dottor Fauci ha chiuso l’intervista con questo: «Non abbiamo bisogno di un altro vaccino».

 

  • Bharat BioTech ha presentato una domanda investigativa per nuovi farmaci (non una domanda per l’uso di emergenza) per Covaxin il 27 ottobre 2021. Il 26 novembre 2021 la FDA ha emesso una sospensione clinica, citando carenze nei dati presentati a sostegno della domanda.

 

  • La sospensione clinica della FDA è stata revocata il 18 febbraio 2022. Ciò significa che il processo di revisione può riprendere.

 

  • Ci sono due vaccini approvati in questo momento: Comirnaty di Pfizer e Spikevax di Moderna. L’autorizzazione di emergenza non è più possibile dal punto di vista legale.

 

Se dovessi valutare, direi che l’applicazione di Covaxin languirà per un bel po’ di tempo. Ora che le nuove infezioni sono diminuite in modo significativo e i cicli di notizie si stanno notevolmente allontanando da COVID-19 tutto il giorno/ogni giorno, non mi piacciono le possibilità di Covaxin se considero la politica di tutto questo.

 

Ne abbiamo discusso con altre organizzazioni e questa sembra essere la conclusione prevalente. Vedi il secondo punto elenco sopra. Ciò potrebbe essere più significativo dell’osservazione legale fatta nell’ultimo punto elenco.

 

 

Jose Trasancos

CEO Children of God for Life

 

 

 

Renovatio 21 pubblica questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

Continua a leggere

Più popolari