Connettiti con Renovato 21

Bioetica

Topi “umanizzati” con cellule di feto abortito

Pubblicato

il

 

L’uso del tessuto fetale nella ricerca biomedica risale agli anni ’50, quando i ricercatori svedesi svilupparono un vaccino contro la poliomielite usando cellule fetali. Si tratta di uno dei temi che Renovatio 21 ha trattato in questi anni con grande attenzione.

 

Alla fine degli anni ’80, i ricercatori hanno sperimentato la tecnica di allevare topi con sistemi immunitari carenti e trapiantare in essi piccole quantità di tessuto del sistema immunitario da feti abortiti.

 

L’uso del tessuto fetale nella ricerca biomedica risale agli anni ’50, quando i ricercatori svedesi svilupparono un vaccino contro la poliomielite usando cellule fetali

Questi «topi umanizzati» crescono l’equivalente di un sistema immunitario umano e divengono quindi  animali da laboratorio cruciali per lo studio di malattie e di farmaci.

 

Una recente decisione dell’amministrazione Trump è stata di limitare il finanziamento della ricerca che utilizza il tessuto fetale e topi umanizzati.

 

Le controverse regole di finanziamento federali, annunciate sette mesi fa, stanno rimodellando i percorsi di ricerca degli scienziati e le sovvenzioni che cercano dal National Institutes of Health (NIH). Gli studenti laureati non possono ottenere borse di studio se la loro ricerca riguarda il tessuto fetale.

 

La propaganda a favore dei topi-umanizzati è grande fra le istituzione medico-scientifiche.

 

«Gli scienziati attualmente non hanno alternative migliori all’uso del tessuto fetale per somministrare ai topi un sistema immunitario simile all’uomo, hanno concluso gli scienziati che si sono riuniti ieri in un seminario del National Institutes of Health (NIH) per discutere della questione».

Questi «topi umanizzati» crescono l’equivalente di un sistema immunitario umano e divengono quindi  animali da laboratorio cruciali per lo studio di malattie e di farmaci

Tali topi umanizzati, insomma «rimangono il “gold standard” per molti tipi di studi, hanno detto gli scienziati, e qualsiasi modello animale alternativo dovrebbe essere testato contro tali topi prima di essere ampiamente adottato». Lo dice un articolo del 2018  di Sciencemag, che riporta un rapporto  a porte chiuse pubblicato stasera dal Dipartimento della salute e dei servizi umani (HHS), dipartimento madre di NIH.

 

Sempre nel 2018, NIH ha annunciato che avrebbe speso 20 milioni di dollari nei successivi 2 anni per studiare alternative ai topi umanizzati e altri usi del tessuto fetale nella ricerca.

 

È stato calcolato che NIH spende circa 100 milioni di dollari in progetti di ricerca che utilizzano il tessuto fetale

È stato calcolato che NIH spende circa 100 milioni di dollari in progetti di ricerca che utilizzano il tessuto fetale.

 

I topi umanizzati sono in vendita su internet da aziende fornitrici che reclamizzano i loro servizi su Google.

 

Negli ultimi anni si è cominciato a parlare anche di topi umanizzati con l’inserimento di cellule nervose umane nel cervello dei topi.

 

Negli ultimi anni si è cominciato a parlare anche di topi umanizzati con l’inserimento di cellule nervose umane nel cervello dei topi

Funziona all’incirca così: i ricercatori prendono le cellule della pelle da bambini sani e bambini schizofrenici, modifica quelle cellule usando la tecnologia delle cellule staminali in modo che diventino cellule progenitrici «gliali» (cellule che possono trasformarsi in qualsiasi forma di cellula della glia, cioè quelle cellule che tra neuroni e vasi sanguigni compongono il sistema nervoso)  per poi quindi impiantare quelle cellule nel cervello dei topi.

 

I topi divengono dunque, fin dentro il loro cervello,  «umanizzati».

 

I topi a cui sono iniettate cellule nervose umane, sono topi o sono uomini? Quando soffrono, soffrono come uomini? È giusto quindi fare esperimenti su di essi?

Tali topi-chimera (termine tecnico con cui si indica una creatura dotata di più di un DNA) ci inducono ad abissali domande bioetiche: se hanno in parte un cervello umano, sono topi o sono uomini?Quando soffrono, soffrono come uomini? È giusto quindi fare esperimenti su di essi?

 

Questi rompicapo, mostruosi in ogni senso possibile, sono solo l’inizio degli shock che ci attendono con i prossimi colpi della ricerca scientifica, dove l’ibridazione genetica, grazie a tecnologie come il CRISPR-CAS9, diverrà la base delle scienze biologiche, e di quelle alimentari, e financo della riproduzione umana.

Continua a leggere

Bioetica

Quanto è di sinistra la bioetica?

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

Vi è un crescente riconoscimento del fatto che il background, le idee e la politica degli accademici americani non sono al passo con il background, le idee e la politica del pubblico americano.

 

«I professori universitari di ruolo provengono da una fetta ristretta e peculiare della società», scrive Musa al-Gharbi, professore di giornalismo alla Stony Brook University. «Molti background e prospettive sono drammaticamente sottorappresentati nel mondo accademico».

 

In un libro di prossima uscita, Al-Gharbi elenca le differenze. Gli accademici hanno il 30% in meno di probabilità di essere cristiani; il 131% di probabilità in più di essere di sinistra; 60% di probabilità in più di essere LGBTQ; e il 55% in più di probabilità di non essere affiliato religiosamente.

 

E i bioeticisti?

 

Uno studio affascinante pubblicato sull’American Journal of Bioethics suggerisce che la loro professione potrebbe essere ancora meno rappresentativa di quella accademica nel suo complesso. È stato scritto da esperti di bioetica, alcuni affiliati all’Università di Harvard, una delle istituzioni più liberali del Paese:

«Quasi l’80% degli esperti di bioetica nel nostro campione si identifica come bianco, mentre solo il 64% degli adulti americani lo fa. I bioeticisti sono anche più bianchi degli accademici in generale, un gruppo che somiglia di più alla popolazione statunitense: il 61% degli accademici di ruolo sono bianchi, mentre lo è il 74% dei docenti di ruolo».

Sostieni Renovatio 21

«La maggioranza degli intervistati possiede un dottorato di ricerca o un altro titolo professionale, che probabilmente riflette i requisiti professionali di bioetica. In particolare, gli intervistati provengono anche da famiglie istruite. Negli Stati Uniti, solo il 14% delle persone ha completato un titolo di studio avanzato, compreso un master, un diploma professionale o un dottorato; tuttavia, il 62% degli intervistati del nostro campione ha almeno un genitore con un titolo di studio avanzato».

 

«Gli esperti di bioetica nel nostro campione sono in stragrande maggioranza liberali (87%), mentre solo una piccola frazione si identifica come moderata o conservatrice; al contrario, solo il 25% degli americani si autodefinisce liberale, mentre il 37% si autodefinisce moderato e il 36% si identifica come conservatore».

 

«I bioeticisti sono meno religiosi rispetto ai membri del pubblico americano, e il loro background religioso è diverso. Nel nostro campione, poco meno della metà dei bioeticisti dichiara di appartenere a una religione organizzata; al contrario, più di tre quarti degli americani si considerano membri di una religione organizzata. Inoltre, nel nostro campione, il 14% degli esperti di bioetica si identifica come ebreo, il 15% come protestante e il 14% come cattolico; degli americani, solo il 2,5% si identifica come ebreo, mentre il 47% si identifica come protestante e il 21% si identifica come cattolico. Nel nostro campione, il 13 e il 18% degli intervistati si identificano rispettivamente come agnostico o ateo; degli americani, il 4% si identifica come agnostico e il 3% si identifica come ateo».

 

E le loro opinioni sulle controversie bioetiche? Per quanto riguarda la morte assistita, gli esperti di bioetica statunitensi sono più o meno in sintonia con l’opinione pubblica: circa il 60% lo sostiene. Per quanto riguarda l’aborto, gli studiosi di bioetica sono «in stragrande maggioranza» favorevoli, più del pubblico, di cui più della metà sostiene in una certa misura l’aborto.

 

Michael Cook

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21


 

 

Continua a leggere

Bioetica

La Bioetica riflette sulla cooperazione dei dottori con il male

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.   Il bioeticista Carl Elliott sembra apprezzare la provocazione dei colleghi bioeticisti e della professione medica. Nel suo ultimo libro, The Occasional Human Sacrifice: Medical Experimentation and the Price of Saying No, esamina il ruolo degli informatori nello scoprire gli scandali medici.   Lo sa per esperienza. Ha lottato per anni affinché la sua stessa istituzione, l’Università del Minnesota, riconoscesse il suo ruolo nel suicidio di un uomo in uno studio clinico finanziato dall’industria sui farmaci antipsicotici.   Il New York Times ha recentemente pubblicato un breve estratto dal suo libro in cui si chiede perché i medici finiscono per partecipare ad atrocità come i processi sulla sifilide di Tuskegee [studio condotto tra il 1932 e il 1972 dal Servizio sanitario pubblico degli Stati Uniti (PHS) e dai Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) su un gruppo di quasi 400 uomini afroamericani affetti da sifilide con lo scopo dello studio di osservare gli effetti della malattia quando non veniva trattata, anche se alla fine dello studio i progressi della medicina la resero completamente curabile, con i soggetti uomini non informati della natura dell’esperimento;  di conseguenza morirono più di 100 persone, ndt] o lo studio sull’epatite di Willowbrook [uno studio in un’istituzione per bambini disabili mentali dove si arrivò a somministrare virus vivi dell’epatite prelevati da altri campioni di feci a sessanta bambini sani, ndt].

Sostieni Renovatio 21

Elliott è feroce. Dice che studenti e medici possono essere socializzati affinché accettino situazioni moralmente indifendibili. Gli informatori coraggiosi sono essenziali per rompere la bolla di competenza sicura di sé.   «Le tradizioni mediche sono notoriamente difficili da sradicare e la medicina accademica non tollera facilmente il dissenso etico. Dubito che si possa avere fiducia che la professione medica possa riformarsi».   «Intraprendere la carriera medica è come trasferirsi in un Paese straniero di cui non si comprendono gli usi, i rituali, le buone maniere o la lingua. La tua principale preoccupazione all’arrivo è come integrarti ed evitare di offendere. Questo è vero anche se le usanze locali sembrano arretrate o crudeli. Inoltre, questo particolare Paese ha un governo autoritario e una rigida gerarchia di status in cui il dissenso non è solo scoraggiato ma anche punito. Per vivere felicemente in questo paese devi convincerti che qualunque disagio provi deriva dalla tua ignoranza e mancanza di esperienza. Col tempo impari ad assimilare. Potresti anche arrivare a ridere di quanto eri ingenuo quando sei arrivato».   «Uno dei grandi misteri del comportamento umano è il modo in cui le istituzioni creano mondi sociali in cui pratiche impensabili arrivano a sembrare normali. Questo vale tanto per i centri medici accademici quanto per le carceri e le unità militari. Quando ci viene detto di un terribile scandalo della ricerca medica, presumiamo che lo vedremmo proprio come l’informatore Peter Buxtun vide lo studio sulla sifilide di Tuskegee: un abuso così scioccante che solo un sociopatico potrebbe non percepirlo».   «Eppure raramente accade in questo modo. Buxtun ha impiegato sette anni per convincere gli altri a vedere gli abusi per quello che erano. Ad altri informatori ci è voluto ancora più tempo. Anche quando il mondo esterno condanna una pratica, le istituzioni mediche in genere insistono sul fatto che gli esterni non la capiscono veramente».   Michael Cook   Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21
Immagine dello studio sulla sifilide Tuskegee di pubblico dominio CC0 via Wikimedia.
Continua a leggere

Bioetica

Proprietario di sito web di castrazione riconosciuto colpevole di lesioni personali gravi

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

«Potenziamento» normalmente connota l’aggiunta di poteri oltre il normale funzionamento umano. Tuttavia, ci sono tipi oscuri di miglioramento che li rimuovono.

 

Un cittadino norvegese che vive in Inghilterra è stato appena giudicato colpevole di diversi reati di lesioni personali gravi per aver gestito un sito web di castrazione rivolto a uomini che vogliono essere «nullos» – maschi senza genitali.

 

Marius Gustavson, 46 anni, e altri hanno effettuato numerose mutilazioni attraverso il suo sito Eunuch Maker [«creatore di eunuchi», ndt], che contava circa 23.000 abbonati in tutto il mondo. Secondo la BBC, il sito gli ha fruttato circa 375.000 dollari. Lui e i suoi assistenti filmavano le procedure e le pubblicavano sul sito web dove erano disponibili in pay-per-view.

 

A Gustavson è stato amputato il pene (che teneva in un cassetto a casa sua), il capezzolo e la gamba.

 

Secondo il suo avvocato, Gustavson è caduto in questo mondo oscuro dopo il crollo del suo matrimonio nel 2011. «Quando è finito, lo ha mandato in una spirale», ha spiegato. «Aveva il desiderio di essere l’architetto del proprio corpo. La sua modifica lo ha portato a sentimenti di empowerment» [potenziamento, ndt].

Sostieni Renovatio 21

«È impossibile sapere quanti procedimenti siano avvenuti negli anni in cui era attivo il sito Eunuch Maker», ha detto alla corte il pubblico ministero . «Gustavson è stato coinvolto in un minimo di 30 procedure».

 

«È una caratteristica incredibile di questo caso che il sito web operasse in bella vista, non nel dark web, ma accessibile a chiunque vi si imbattesse e avesse l’inclinazione e i mezzi per vedere il raccapricciante filmato».

 

Insieme a lui verranno condannati altri sei partecipanti al suo piano. La polizia dice che stanno salvaguardando 13 vittime.

 

Qui c’è un’evidente angolazione bioetica.

 

Nella copertura mediatica di questa storia raccapricciante non vi era alcun accenno al fatto che gli uomini fossero stati castrati involontariamente. Penectomie e orchiectomie vengono eseguite regolarmente dai chirurghi su uomini che vogliono essere «nullos». Queste procedure sono state approvate anche dalla World Professional Association for Transgender Health.

 

Quindi è solo il monopolio della professione medica a trasformare gli affari del signor Gustavson in un crimine?

 

Michael Cook

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21


 

 

Continua a leggere

Più popolari