Connettiti con Renovato 21

Spirito

«Per me, cattolico, è qualcosa che non è umano». Intervista alla guardia svizzera che ha rifiutato il vaccino obbligatorio in Vaticano

Pubblicato

il

 

Dopo la lettera aperta pubblicata da Renovatio 21, intervistiamo il suo autore, Pierre-André Udressy, ex guardia svizzera che ha rifiutato di sottoporsi al vaccino in Vaticano e che ora lascia quindi Roma.

 

 

 

Allora signor Udressy, di dove è lei?

Sono ovviamente svizzero. Del Canton Vallese.

 

Quanti anni ha?

Sono del ‘97. Ho 24 anni.

 

Come è entrato nella Guardia svizzera pontificia?

Sono entrato il 3 gennaio 2020, ma era un interesse che avevo già da dieci anni. Prima avevo lavorato cinque anni come falegname. Avendo tutti i requisiti (essere cattolico, aver fatto il militare…), ad un certo punto mi sono detto perché non provare ad entrare nella Guardia. 

 

E cosa la attraeva?

È un privilegio. Un’esperienza unica. È una bella cosa. È bello poter essere al centro della situazione della Chiesa, a fianco al Santo Padre. Non ci sono altre occasioni del genere.

 

Lei ha già avuto il COVID?

Sì. L’ho preso durante le vacanze di Natale 2020. Mi sono sentito affaticato, dolori muscolari, febbre. Qualche giorno dopo ho perso l’odorato. 

 

E cosa ha fatto?

Ho preso solo dei medicinali per la febbre. È durata due giorni. L’olfatto è tornato dopo una settimana. Dopo la quarantena, ho fatto il test ed era negativo. 

 

Quindi, signor Udressy: negli ultimi giorni cosa è successo?

Ci era stata data la possibilità di iscriverci per il programma di vaccinazione verso il Natale 2020. Ma nessuno nella Guardia si era iscritto, perché tutti dubitavano del vaccino. Per questo sono state fatte delle conferenze per convincere le guardie a vaccinarsi.

 

Cosa dicevano in queste conferenze?

C’era un medico del Vaticano che spiegava il vaccino e i suoi princìpi. Poi rispondeva poi a tutte le domande sulla responsabilità del vaccino. Diceva che non era facile ammalarsi di COVID più d’una volta. La conferenza era per persuaderci, tuttavia c’erano delle cose che mi facevano rimanere in dubbio.

 

Quindi cosa hanno detto?

C’erano dei punti che mi dicevano che non era efficace. Dicevano che anche da vaccinati si trasmetteva il virus. Dicevano anche che nonostante il vaccino le restrizioni come le mascherine e il distanziamento sociale non sarebbero sparite. Era duro comprendere l’efficacia del vaccino e la sua utilità.

 

Nella conferenza a cui ha assistito si è parlato del tema delle linee cellulari di feto abortito usate per la produzione del vaccino?

Ne hanno solo accennato rapidamente, dicendo che la Congregazione per la Dottrina della Fede ne aveva già parlato e dato il suo assenso. 

 

Le è sembrato strano?

Sì, sono uscito dalla conferenza stranito. La conferenza mi ha dato più dubbi sul vaccino che altri. Mi ha convinto a non farlo. Ho messo in dubbio tante cose.

 

Quanti colleghi l’hanno pensato come lei?

Quando è arrivata l’estate la maggioranza si era iscritta alle vaccinazioni. Altri avevano ancora dubbi.

 

E poi?

In agosto è uscito un documento che ha scaturito una pressione maggiore. A questo punto, molti altri si sono convinti a iscriversi e a vaccinarsi.

 

Cosa diceva il documento?

Ho ricevuto il documento il 20 agosto. Bisognava dare una risposta per il 15 settembre: o si presentava un’esenzione medica, o bisognava iscriversi per la vaccinazione.

 

Cosa ha pensato?

In quel momento ho cominciato a scrivere la lettera che avete pubblicato. Perché né l’una opzione o l’altra mi riguardavano. Ho capito in quel momento che ero obbligato a fare il vaccino.

 

E i suoi superiori?

Mi hanno convocato. Il comandante nel suo ufficio mi ha spiegato deluso ed afflitto che era una cosa definitiva, le guardie non vaccinate dovevano partire. In pratica le guardie non vaccinate potevano essere licenziate. Mi ha comunicato che la decisione veniva non solo dalla Segreteria di Stato, ma dall’autorità del Vaticano.

 

Vuole dire… dal papa?

È così. È stato anche spiegato che non c’era nessun altra possibilità, nemmeno aspettare un mese in più per un tipo di vaccino tradizionale. Mi è stato spiegato che prendere tempo per discutere era impossibile. La decisione era presa.

 

E i suoi colleghi?

Molti giovani hanno deciso di continuare la propria carriera e hanno accettato di vaccinarsi. Altri hanno fatto la terribile scelta lo hanno fatto per la loro funzione, non avendo veramente scelta. Tre si sono dimessi e tre sono stati licenziati. 

 

Ha parlato con i suoi colleghi che hanno rifiutato come lei?

Sì. Non capiscono cosa succede.

 

Ha già ricevuto la lettera di licenziamento?

Ho avuto una lettera che mi diceva che avevo tempo fino al 6 ottobre per licenziarmi o per fare il vaccino. Dopo quella data, ci sarebbe il licenziamento.

 

Come funziona il green pass vaticano?

La cosa più particolare è che per entrare nel Paese stesso ci vuole il green pass. Serve per entrare in ogni ufficio. In ogni servizio c’è un controllo. Chi non ha il green pass deve fare il tampone, ogni due giorni. Dal primo ottobre, per tutti. 

 

E cosa ne pensa?

In teoria tutti dovrebbero farlo: il rischio è lo stesso tra vaccinati e non vaccinati. 

 

Per le messe in Vaticano ci vuole il green pass?

Il decreto spiega che per le cerimonie liturgiche e l’udienze c’è eccezione. C’è il paradosso che un non vaccinato che abita in vaticano non può tornare a casa ma migliaia di persone da tutto il mondo possono andare alle udienze senza controlli.

 

Sa per caso quale vaccino è inoculato in Vaticano?

Il vaccino proposto a inizio anno era il Pfizer. Ma alla fine dell’estate in Vaticano hanno finito di vaccinare.

 

Perché?

Interessante… hanno detto che la maggior parte era vaccinata. I migranti e i bisognosi in ultima hanno potuto chiedere di essere vaccinati tramite l’elemosiniere.

 

Quindi se lei decidesse di vaccinarsi dovrebbe farlo in Italia?

Sì, è così. Dovrei organizzare la vaccinazione in Italia.

 

Dove avvengono le inoculazioni?

Erano organizzate in Aula Paolo VI. E poi al Braccio di Carlo Magno. Credo per liberare l’aula delle udienze.

 

I membri del clero, dai sacerdoti ai cardinali, sono tutti vaccinati?

No. Qualcuno non è vaccinato e non vuole esserlo. Ho ricevuto i complimenti per la lettera che avete pubblicato da alcuni di essi. 

 

Come fanno a stare in Vaticano?

Fanno il tampone. Loro hanno ancora l’opzione. Secondo il decreto vaticano, il tampone dovrebbe essere tollerato per tutti. Ma non è il caso della Guardia svizzera.

 

Che, al contrario, è stata obbligata al vaccino…

Sì. Hanno cominciato con la Guardia, offrendo l’argomento che siamo una forza di polizia, e siamo vicini al Santo Padre: quindi dovevamo vaccinarci. Per la Guardia è facile: basta dare un ordine, visto che si tratta di un corpo militare.

 

Esiste dentro lo Stato della Città del Vaticano una resistenza a tutto questo?

Con la pressione fatta, come per tutti, è difficile per le persone che resistono di manifestare il proprio pensiero pubblicamente. Alcuni approfittano del fatto che stanno finendo la loro funzione per partire, altri provano discretamente di continuare, ma nessuna resistenza attiva è realizzata.

 

Cosa avrebbe potuto fare la Guardia?

Avremmo potuto riunire le persone interessate e fare una manifestazione. Avremmo potuto porre questioni prima, avremmo potuto anche domandare giustizia, perché molte cose implicate, sul pretesto dell’urgenza, erano ingiuste. Potevamo fare più rumore, anche sui media, ma siamo stati, alla fine, molto docili.

 

E nel suo caso?

Ho preferito scrivere una lettera con la mia posizione, invece che creare problemi. Ho subito tutto il resto.

 

Tornando in aereo dal suo viaggio Centro Europa, il papa ha detto che c’era in Vaticano «un piccolo gruppetto» che non voleva vaccinarsi. A chi si riferiva in particolare?

Si riferiva a tutti quelli che non vogliono vaccinarsi. Non solo alle guardie e non solo ai cardinali.

 

Perché tanti suoi colleghi si sono vaccinati?

Molti che hanno deciso di farlo lo hanno fatto per salvare il loro servizio nella Guardia. La maggioranza, tuttavia, credo l’abbia fatto per fuggire a questa pressione, per poter uscire, andare al ristorante. Non per motivi medici. Per delle false libertà.

 

Quanti nutrivano dubbi etici sui vaccini?

La questione etica è stata posta prima di Natale. Dopo il documento della Congregazione della Fede nessuno ne ha più parlato. Il problema non era etico. Il problema era solo di politica del vaccino.

 

Il problema delle linee cellulari da feto abortito era sentito?

No. E io stesso non avevo studiato questo problema prima. Ero più preoccupato dal resto dei problemi. È solo alla fine che ho rilevato questo problema etico. Per me è fondamentalmente un problema di ragione: perché accettare qualcosa che non è per me ragionevole? Poi c’è il problema politico: c’è attorno a questa cosa una pressione che non è normale. Poi c’è il problema etico.

 

Come reputa quello che le è successo?

In generale, trovo scandaloso che sia imposta questa cosa in questo modo per un fatto politico, quando dovrebbe essere qualcosa fatto con coscienza con un medico. È estremamente grave che questo obbligo sia esteso a tutto il mondo. Soprattutto la soppressione della libertà… ed è ancora più grave che ciò accada in Vaticano, in maniera ancora più forte che in altri Paesi. Il Vaticano è il centro della Chiesa, dovrebbe difendere la libertà di coscienza, la libertà in generale. Per me, cattolico, è qualcosa che non è umano.

 

Perché secondo lei il Vaticano ha implementato con questa ferocia la vaccinazione obbligatoria?

È un piccolo Paese. Credo che abbiamo provato a farne un modello.

 

Come Israele?

Sì, effettivamente.

 

Cosa c’è all’origine di questo male in Vaticano?

I medici hanno preso il potere con l’emergenza, e hanno cominciato a decidere loro. Ma non solo, c’è anche un’altra cosa. C’è il fatto che non si cerca più a difendere la verità, ma si cerca di adattarsi a quello che accade fuori, e addirittura essere i primi a applicare i cambiamenti.

 

Cosa farà adesso?

Tornerò in Svizzera. Dovrò riadattarmi alla vita di laggiù. Riprenderò il lavoro di falegname. In tranquillità. Senza green pass – per il momento.

 

Spirito

«Nostro Signore ha salvato questo coraggioso guerriero». Mons. Viganò commenta il tentato assassinio di Donald Trump

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 ripubblica il testo che monsignor Carlo Maria Viganò ha pubblicato su X a commento del tentato assassinio del candidato presidenziale Donald J. Trump.

 

Ai precedenti attacchi criminali contro leader politici dichiaratamente anti-globalisti, si aggiunge ora questo terribile tentativo di eliminare il Presidente Donald J. Trump, il principale oppositore della Sinistra radicale globalista.

 

Siamo profondamente grati a Nostro Signore che ha salvato questo coraggioso guerriero, al quale non è mancata la forza di alzarsi e di invitare i suoi sostenitori a combattere.

 

Il Primo Ministro slovacco Robert Fico e il Primo Ministro ungherese Victor Orbán sono sfuggiti a simili attacchi criminali. La loro ferma opposizione al Nuovo Ordine Mondiale e la loro difesa della sovranità nazionale li accomuna al Presidente Trump.

 

Il potere sovversivo e diabolico dello Stato profondo internazionale è evidente, è sotto gli occhi di tutti. I suoi crimini contro Dio e l’umanità non possono più essere nascosti.

 

Esorto tutti i cattolici, i patrioti americani e le persone di buona volontà a pregare Nostro Signore in questo momento di grande minaccia che incombe sul mondo.

 

Esprimo al Presidente Trump e alla sua famiglia la mia vicinanza spirituale, assicurando loro le mie preghiere.

 

+ Carlo Maria Viganò, Arcivescovo
Già Nunzio Apostolico negli Stati Uniti d’America

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21


 

 

Immagine screenshot da Twitter

Continua a leggere

Spirito

L’arcivescovo Cordileone difende la messa latina in un nuovo articolo: «La bellezza evangelizza»

Pubblicato

il

Da

L’arcivescovo Salvatore Cordileone ha difeso l’uso della Messa tradizionale nel mezzo delle crescenti voci secondo cui il Vaticano intende imporre ulteriori restrizioni alla stessa.   In un saggio pubblicato sul National Catholic Register, l’arcivescovo della difficile diocesi di San Francisco ha spiegato perché la Chiesa ha bisogno della Messa antica e che limitarlo sarebbe un errore, sottolineando che la bellezza del rito latino tradizionale è uno strumento essenziale di evangelizzazione.   «Il Concilio Vaticano II ci ha insegnato a leggere i segni dei tempi», ha detto monsignor Cordileone, che evidentemente non vuole porsi nel solco di quanti, in vari modi, stanno radicalmente contestando il concilio. «Un segno che ci fissa in questo momento a grandi lettere maiuscole è: la bellezza evangelizza».

Iscriviti al canale Telegram

«Viviamo in un’epoca in cui abbiamo bisogno di sfruttare il potere della bellezza per toccare menti, cuori e anime, perché la bellezza ha la qualità di un’esperienza ineluttabilmente reale, che non è soggetta a discussione».   «L’attuale massima culturale, ‘Tu hai la tua verità e io ho la mia verità’ porta al rifiuto di riconoscere anche la realtà fisica e biologica ovvia, mentre la bellezza aggira il processo cognitivo e colpisce direttamente l’anima», ha spiegato il prelato californiano.   «La bellezza sacra ci solleva dal mondo del tempo e ci offre uno scorcio di ciò che trascende il tempo, di ciò che in ultima analisi dura, di ciò che è il nostro obiettivo e la nostra dimora finale: la realtà di Dio».   «In un’epoca di ansia e irragionevolezza, la bellezza è quindi una risorsa in gran parte inutilizzata per raggiungere le persone, soprattutto i giovani, con il messaggio evangelico di speranza», ha continuato.   «In un’epoca scristianizzata che sta diventando sempre più inospitale per qualsiasi senso tradizionale di religione, la Chiesa deve funzionare a pieno regime. La tradizionale Messa latina e la bellezza che ispira sono uno di quei cilindri».   «Il fatto che anche i non credenti possano provare attrazione per essa dimostra questo punto», ha detto in riferimento alla lettera aperta recentemente pubblicata da importanti personalità britanniche – molte delle quali non cattoliche – in difesa del mantenimento della Messa tradizionale.   Cordileone ha citato «la nota attivista per i diritti umani Bianca Jagger», che ha sottolineato «la natura apolitica e non ideologica della richiesta».   «Sicuramente la “rigidità” non può spiegare una così straordinaria e diversificata manifestazione di amore per questa forma liturgica», ha concluso l’arcivescovo, in un apparente riferimento all’accusa di “rigidità” che Papa Francesco ha spesso rivolto ai cattolici amanti della tradizione.   «Sono preoccupato che un’impressione distorta degli amanti della Messa in latino abbia preso piede a causa di alcuni estremisti su Internet», ha scritto Cordileone. «Come dimostrano questa petizione e le petizioni precedenti, la Messa in latino ha un fascino curiosamente inclusivo».   «La maggior parte di coloro che partecipano alla Messa latina partecipano anche al Novus Ordo. Sanno che essere cattolici significa che dobbiamo rimanere all’interno della barca di Pietro, per quanto tempestosi siano i mari».   «Essi non si battono contro la nuova Messa, ma per la forma che amano, che li nutre e li ispira, al punto che costituiscono una parte visibile di coloro che diventano creatori di nuova arte e bellezza che il mondo condivide e celebra», ha continuato.   «Ecco perché la Messa in latino ha attirato il sostegno dei non credenti che ne comprendono il ruolo cruciale nella creazione della civiltà occidentale».

Aiuta Renovatio 21

Cordileone ha sostenuto la sua affermazione citando i «molti grandi musicisti classici» che hanno firmato la recente petizione per mantenere disponibile la Messa tradizionale.   «Sir James MacMillan, che ha guidato questa iniziativa di petizione… è il compositore di musica classica cattolica più celebrato e più eseguito dei nostri tempi», ha scritto Cordileone, aggiungendo: «Il suo Stabat Mater è stato commissionato dal Vaticano ed eseguito nella Cappella Sistina”.   «Perché sopprimere quello che è uno, tra gli altri, mezzo efficace per entrare in contatto con le anime lontane da Cristo e portarle all’incontro amorevole e salvifico con Lui nella comunione della sua Sposa, la Chiesa?» ha chiesto l’arcivescovo di San Francisco.   «Confido e prego che questo grido di dolore degli artisti e di altre importanti figure britanniche venga ascoltato e visto per quello che è: che, piuttosto che dividere il mondo in nome della purezza ideologica, sia un’opportunità per unire il mondo per la bellezza, un percorso che alla fine e inevitabilmente conduce alla Bellezza sempre antica, alla Bellezza sempre nuova», ha concluso monsignor Cordileone.   Come riportato da Renovatio 21, mentre il Vaticano scomunica monsignor Viganò che ha dichiarato apertis verbis gli errori del Vaticano II – che è alla base della dissoluzione non solo della vita religiosa ma di tutta la società – anche altre voci dell’episcopato mondiale, come l’ex vescovo di Coira Marian Eleganti, stanno iniziando a mettere in dubbio il Concilio.   Il fallimento del Concilio Vaticano II è stato trattato anche da un articolo dell’editorialista Ross Douthat sulle colonne del New York Times.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21
    Immagine di Steubenville Conferences via Wikimedia pubblicata su licenza  Creative Commons Attribution 3.0 Unported
Continua a leggere

Spirito

Vietata la messa tradizionale per un pellegrinaggio

Pubblicato

il

Da

Secondo il suo sito web, Nostra Signora del Cristianesimo – Spagna c’è un pellegrinaggio annuale al santuario di Covadonga (Asturie). È organizzato da un gruppo di fedeli laici, indipendente da qualsiasi istituto, comunità o organizzazione religiosa. Aspetto fondamentale di questo incontro è la celebrazione del Santo Sacrificio della Messa secondo la «forma straordinaria» del rito romano.

 

Ma quest’anno «l’aspetto fondamentale» non ha potuto realizzarsi, almeno non in basilica: colpa del Dicastero per il Culto Divino che ha vietato la celebrazione della messa tradizionale il terzo giorno di pellegrinaggio, nel santuario della Nostra Signora di Covadonga. Un divieto incomprensibile, o piuttosto che manifesta la volontà di soffocare sempre più la diffusione della Messa tridentina.

 

Questo evento si è svolto per il terzo anno consecutivo. L’anno scorso più di 1.200 pellegrini hanno percorso circa 100 chilometri in tre giorni, da Oviedo a Covadonga. I tre giorni hanno visto la celebrazione della messa tradizionale, ospitata nella basilica del santuario di Nostra Signora di Covadonga.

 

In quella che può essere definita una riproduzione spagnola del pellegrinaggio di Cristianità – di cui ha ripreso anche il nome – le intenzioni sono simili. L’anno scorso padre Íñigo Serrano, cappellano generale di Nostra Signora della Cristianità, ha potuto celebrare nella basilica, che quest’anno è chiusa per la messa tridentina.

Iscriviti al canale Telegram

In un comunicato stampa riprodotto sull’account X dell’associazione, gli organizzatori hanno annunciato che «l’Arcivescovado di Oviedo ci ha informato di aver ricevuto istruzioni dal Dicastero per il Culto Divino [il cui prefetto è il cardinale Arthur Roche, molto contrario alla messa tradizionale, ndr] indicando che a Covadonga non sarebbe stata celebrata la tradizionale Santa Messa».

 

Il comunicato prosegue: «tenendo conto di questo fatto, quest’anno la messa del terzo giorno verrà celebrata al mattino al campo, prima dell’inizio della tappa».

 

Il sito InfoCatolica, che riporta la notizia, si domanda: «Paura del precedente francese?», ricordando che il pellegrinaggio di Pentecoste, in direzione Parigi-Chartres, ha battuto ancora una volta i record di partecipazione. Il cardinale Gerhard Müller, che ha celebrato la messa a Chartres, ha potuto predicare a più di 18.000 pellegrini.

 

Vale la pena porsi la domanda e la risposta è certamente: sì. Fin dall’inizio del pontificato di Francesco, quando un movimento, un’associazione o una congregazione religiosa si avvicinava alla tradizione, veniva sanzionato senza pietà, l’esempio più emblematico è quello dei francescani dell’Immacolata, che sono stati decimati.

 

Questa persecuzione, per un pellegrinaggio che riunisce da mille a millecinquecento persone, è miserabile e meschina. Ed è controproducente in termini di effetto immediato. Ma è in linea con quanto riportato da The Pillar dalla sua inchiesta romana sulle voci di soppressione della messa tradizionale.

 

Un funzionario della Curia preoccupato aveva così «dichiarato a The Pillar che alcuni sostenitori di nuove misure» vogliono limitare la celebrazione della messa tradizionale e «non miravano a una soppressione completa e totale, ma piuttosto a una sorta di “quarantena”».

 

«L’idea», continua The Pillar, «e alcuni la esprimeranno in questo modo, è quella di “costringere i cattolici tradizionali a vivere nelle riserve”. Toglierli dalla vita diocesana, spingerli in piccole sacche attorno a società come la Fraternità San Pietro li toglierebbe dalle mani dei vescovi locali».

 

La persecuzione contro la Messa Tridentina non è finita…

 

Articolo previamente apparso su FSSPX.news.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21


 

Immagine di Jose33luis via Wikimedia pubblicata su licenza  Creative Commons Attribution-Share Alike 3.0 Unported

Continua a leggere

Più popolari