Connettiti con Renovato 21

Spirito

«Per me, cattolico, è qualcosa che non è umano». Intervista alla guardia svizzera che ha rifiutato il vaccino obbligatorio in Vaticano

Pubblicato

il

 

Dopo la lettera aperta pubblicata da Renovatio 21, intervistiamo il suo autore, Pierre-André Udressy, ex guardia svizzera che ha rifiutato di sottoporsi al vaccino in Vaticano e che ora lascia quindi Roma.

 

 

 

Allora signor Udressy, di dove è lei?

Sono ovviamente svizzero. Del Canton Vallese.

 

Quanti anni ha?

Sono del ‘97. Ho 24 anni.

 

Come è entrato nella Guardia svizzera pontificia?

Sono entrato il 3 gennaio 2020, ma era un interesse che avevo già da dieci anni. Prima avevo lavorato cinque anni come falegname. Avendo tutti i requisiti (essere cattolico, aver fatto il militare…), ad un certo punto mi sono detto perché non provare ad entrare nella Guardia. 

 

E cosa la attraeva?

È un privilegio. Un’esperienza unica. È una bella cosa. È bello poter essere al centro della situazione della Chiesa, a fianco al Santo Padre. Non ci sono altre occasioni del genere.

 

Lei ha già avuto il COVID?

Sì. L’ho preso durante le vacanze di Natale 2020. Mi sono sentito affaticato, dolori muscolari, febbre. Qualche giorno dopo ho perso l’odorato. 

 

E cosa ha fatto?

Ho preso solo dei medicinali per la febbre. È durata due giorni. L’olfatto è tornato dopo una settimana. Dopo la quarantena, ho fatto il test ed era negativo. 

 

Quindi, signor Udressy: negli ultimi giorni cosa è successo?

Ci era stata data la possibilità di iscriverci per il programma di vaccinazione verso il Natale 2020. Ma nessuno nella Guardia si era iscritto, perché tutti dubitavano del vaccino. Per questo sono state fatte delle conferenze per convincere le guardie a vaccinarsi.

 

Cosa dicevano in queste conferenze?

C’era un medico del Vaticano che spiegava il vaccino e i suoi princìpi. Poi rispondeva poi a tutte le domande sulla responsabilità del vaccino. Diceva che non era facile ammalarsi di COVID più d’una volta. La conferenza era per persuaderci, tuttavia c’erano delle cose che mi facevano rimanere in dubbio.

 

Quindi cosa hanno detto?

C’erano dei punti che mi dicevano che non era efficace. Dicevano che anche da vaccinati si trasmetteva il virus. Dicevano anche che nonostante il vaccino le restrizioni come le mascherine e il distanziamento sociale non sarebbero sparite. Era duro comprendere l’efficacia del vaccino e la sua utilità.

 

Nella conferenza a cui ha assistito si è parlato del tema delle linee cellulari di feto abortito usate per la produzione del vaccino?

Ne hanno solo accennato rapidamente, dicendo che la Congregazione per la Dottrina della Fede ne aveva già parlato e dato il suo assenso. 

 

Le è sembrato strano?

Sì, sono uscito dalla conferenza stranito. La conferenza mi ha dato più dubbi sul vaccino che altri. Mi ha convinto a non farlo. Ho messo in dubbio tante cose.

 

Quanti colleghi l’hanno pensato come lei?

Quando è arrivata l’estate la maggioranza si era iscritta alle vaccinazioni. Altri avevano ancora dubbi.

 

E poi?

In agosto è uscito un documento che ha scaturito una pressione maggiore. A questo punto, molti altri si sono convinti a iscriversi e a vaccinarsi.

 

Cosa diceva il documento?

Ho ricevuto il documento il 20 agosto. Bisognava dare una risposta per il 15 settembre: o si presentava un’esenzione medica, o bisognava iscriversi per la vaccinazione.

 

Cosa ha pensato?

In quel momento ho cominciato a scrivere la lettera che avete pubblicato. Perché né l’una opzione o l’altra mi riguardavano. Ho capito in quel momento che ero obbligato a fare il vaccino.

 

E i suoi superiori?

Mi hanno convocato. Il comandante nel suo ufficio mi ha spiegato deluso ed afflitto che era una cosa definitiva, le guardie non vaccinate dovevano partire. In pratica le guardie non vaccinate potevano essere licenziate. Mi ha comunicato che la decisione veniva non solo dalla Segreteria di Stato, ma dall’autorità del Vaticano.

 

Vuole dire… dal papa?

È così. È stato anche spiegato che non c’era nessun altra possibilità, nemmeno aspettare un mese in più per un tipo di vaccino tradizionale. Mi è stato spiegato che prendere tempo per discutere era impossibile. La decisione era presa.

 

E i suoi colleghi?

Molti giovani hanno deciso di continuare la propria carriera e hanno accettato di vaccinarsi. Altri hanno fatto la terribile scelta lo hanno fatto per la loro funzione, non avendo veramente scelta. Tre si sono dimessi e tre sono stati licenziati. 

 

Ha parlato con i suoi colleghi che hanno rifiutato come lei?

Sì. Non capiscono cosa succede.

 

Ha già ricevuto la lettera di licenziamento?

Ho avuto una lettera che mi diceva che avevo tempo fino al 6 ottobre per licenziarmi o per fare il vaccino. Dopo quella data, ci sarebbe il licenziamento.

 

Come funziona il green pass vaticano?

La cosa più particolare è che per entrare nel Paese stesso ci vuole il green pass. Serve per entrare in ogni ufficio. In ogni servizio c’è un controllo. Chi non ha il green pass deve fare il tampone, ogni due giorni. Dal primo ottobre, per tutti. 

 

E cosa ne pensa?

In teoria tutti dovrebbero farlo: il rischio è lo stesso tra vaccinati e non vaccinati. 

 

Per le messe in Vaticano ci vuole il green pass?

Il decreto spiega che per le cerimonie liturgiche e l’udienze c’è eccezione. C’è il paradosso che un non vaccinato che abita in vaticano non può tornare a casa ma migliaia di persone da tutto il mondo possono andare alle udienze senza controlli.

 

Sa per caso quale vaccino è inoculato in Vaticano?

Il vaccino proposto a inizio anno era il Pfizer. Ma alla fine dell’estate in Vaticano hanno finito di vaccinare.

 

Perché?

Interessante… hanno detto che la maggior parte era vaccinata. I migranti e i bisognosi in ultima hanno potuto chiedere di essere vaccinati tramite l’elemosiniere.

 

Quindi se lei decidesse di vaccinarsi dovrebbe farlo in Italia?

Sì, è così. Dovrei organizzare la vaccinazione in Italia.

 

Dove avvengono le inoculazioni?

Erano organizzate in Aula Paolo VI. E poi al Braccio di Carlo Magno. Credo per liberare l’aula delle udienze.

 

I membri del clero, dai sacerdoti ai cardinali, sono tutti vaccinati?

No. Qualcuno non è vaccinato e non vuole esserlo. Ho ricevuto i complimenti per la lettera che avete pubblicato da alcuni di essi. 

 

Come fanno a stare in Vaticano?

Fanno il tampone. Loro hanno ancora l’opzione. Secondo il decreto vaticano, il tampone dovrebbe essere tollerato per tutti. Ma non è il caso della Guardia svizzera.

 

Che, al contrario, è stata obbligata al vaccino…

Sì. Hanno cominciato con la Guardia, offrendo l’argomento che siamo una forza di polizia, e siamo vicini al Santo Padre: quindi dovevamo vaccinarci. Per la Guardia è facile: basta dare un ordine, visto che si tratta di un corpo militare.

 

Esiste dentro lo Stato della Città del Vaticano una resistenza a tutto questo?

Con la pressione fatta, come per tutti, è difficile per le persone che resistono di manifestare il proprio pensiero pubblicamente. Alcuni approfittano del fatto che stanno finendo la loro funzione per partire, altri provano discretamente di continuare, ma nessuna resistenza attiva è realizzata.

 

Cosa avrebbe potuto fare la Guardia?

Avremmo potuto riunire le persone interessate e fare una manifestazione. Avremmo potuto porre questioni prima, avremmo potuto anche domandare giustizia, perché molte cose implicate, sul pretesto dell’urgenza, erano ingiuste. Potevamo fare più rumore, anche sui media, ma siamo stati, alla fine, molto docili.

 

E nel suo caso?

Ho preferito scrivere una lettera con la mia posizione, invece che creare problemi. Ho subito tutto il resto.

 

Tornando in aereo dal suo viaggio Centro Europa, il papa ha detto che c’era in Vaticano «un piccolo gruppetto» che non voleva vaccinarsi. A chi si riferiva in particolare?

Si riferiva a tutti quelli che non vogliono vaccinarsi. Non solo alle guardie e non solo ai cardinali.

 

Perché tanti suoi colleghi si sono vaccinati?

Molti che hanno deciso di farlo lo hanno fatto per salvare il loro servizio nella Guardia. La maggioranza, tuttavia, credo l’abbia fatto per fuggire a questa pressione, per poter uscire, andare al ristorante. Non per motivi medici. Per delle false libertà.

 

Quanti nutrivano dubbi etici sui vaccini?

La questione etica è stata posta prima di Natale. Dopo il documento della Congregazione della Fede nessuno ne ha più parlato. Il problema non era etico. Il problema era solo di politica del vaccino.

 

Il problema delle linee cellulari da feto abortito era sentito?

No. E io stesso non avevo studiato questo problema prima. Ero più preoccupato dal resto dei problemi. È solo alla fine che ho rilevato questo problema etico. Per me è fondamentalmente un problema di ragione: perché accettare qualcosa che non è per me ragionevole? Poi c’è il problema politico: c’è attorno a questa cosa una pressione che non è normale. Poi c’è il problema etico.

 

Come reputa quello che le è successo?

In generale, trovo scandaloso che sia imposta questa cosa in questo modo per un fatto politico, quando dovrebbe essere qualcosa fatto con coscienza con un medico. È estremamente grave che questo obbligo sia esteso a tutto il mondo. Soprattutto la soppressione della libertà… ed è ancora più grave che ciò accada in Vaticano, in maniera ancora più forte che in altri Paesi. Il Vaticano è il centro della Chiesa, dovrebbe difendere la libertà di coscienza, la libertà in generale. Per me, cattolico, è qualcosa che non è umano.

 

Perché secondo lei il Vaticano ha implementato con questa ferocia la vaccinazione obbligatoria?

È un piccolo Paese. Credo che abbiamo provato a farne un modello.

 

Come Israele?

Sì, effettivamente.

 

Cosa c’è all’origine di questo male in Vaticano?

I medici hanno preso il potere con l’emergenza, e hanno cominciato a decidere loro. Ma non solo, c’è anche un’altra cosa. C’è il fatto che non si cerca più a difendere la verità, ma si cerca di adattarsi a quello che accade fuori, e addirittura essere i primi a applicare i cambiamenti.

 

Cosa farà adesso?

Tornerò in Svizzera. Dovrò riadattarmi alla vita di laggiù. Riprenderò il lavoro di falegname. In tranquillità. Senza green pass – per il momento.

 

Spirito

Il cardinale Burke chiede la destituzione dei vescovi tedeschi

Pubblicato

il

Da

Secondo il cardinale Raymond Burke, papa Francesco deve destituire i vescovi tedeschi dalla loro posizione se non prendono le distanze dagli errori del Cammino sinodale che hanno avviato nel 2019 e che continua ad attaccare la dottrina cattolica.

 

 

Il cardinale Burke non ci gira intorno: di fronte al fatto che un certo numero di vescovi o si è espresso a favore di cambiamenti nella dottrina della Chiesa – per quanto riguarda ad esempio l’omosessualità, il celibato dei sacerdoti o l’ordinazione delle donne – o non si è opposto esplicitamente tali proposte nell’ambito del Cammino sinodale, chiede a papa Francesco di destituirli.

 

Il Santo Padre «deve interpellare questi vescovi e chiedere loro di ritrattare eresie e persino le posizioni contrarie alla disciplina della Chiesa», ha affermato Burke in un’intervista pubblicata l’11 maggio da Catholic Action for Faith and Family. «E se non ritrattano i loro errori e si correggono, allora deve rimuoverli dall’incarico. Questa è la situazione in cui siamo arrivati».

 

«Il Romano Pontefice, successore di Pietro, è per definizione il principio di unità nella Chiesa», ha affermato il cardinale. «Spetta a lui correggere questi vescovi. E se non accettano la correzione fraterna, se non accettano la sua correzione gerarchica come vescovo della Chiesa universale, allora devono essere applicate misure appropriate affinché i fedeli sappiano che questi vescovi non guidano nella fede cattolica», ha insistito.

 

«Purtroppo la confusione è provocata e spinta da coloro che sono chiamati ad essere maestri della fede e pastori del gregge con chiarezza e coraggio», ha inoltre osservato il cardinale Burke.

 

Secondo lui, i vescovi che non difendono con chiarezza la dottrina cattolica «abbandonano il gregge e non si rivelano pastori, ma mercenari che cercano di adattare la dottrina della Chiesa alla visione del mondo, a una visione laica del mondo, una visione del mondo senza Dio».

 

Il cardinale Burke è uno degli oltre 100 firmatari di una lettera critica indirizzata a mons. Georg Bätzing, presidente della Conferenza episcopale tedesca. In questa lettera, vescovi e cardinali di tutto il mondo avevano avvertito che il Cammino sinodale rischiava di portare a un «vicolo cieco» e di avere «effetti distruttivi».

 

Mons. Bätzing ha respinto le critiche, così come le preoccupazioni espresse dai vescovi della Scandinavia e della Polonia. Il «cambiamento urgente» nella Chiesa in seguito alla crisi degli abusi include «anche la necessità di sviluppare l’insegnamento della Chiesa», ha affermato a maggio.

 

Con «sviluppare l’insegnamento della Chiesa» si intende un cambiamento più o meno radicale, un’evoluzione contraria alla rivelazione e all’insegnamento della Tradizione perenne, cioè un insegnamento contrario a ciò che Gesù Cristo, il Figlio di Dio, ci ha rivelato.

 

Questa preoccupazione sempre più pressante di molti vescovi nei confronti del Cammino sinodale sortirà qualche risultato da parte di Roma e del Papa? Ciò è purtroppo improbabile vista la direzione che il sinodo sulla sinodalità sta assumendo su molti degli errori denunciati dal Cammino sinodale.

 

 

 

Articolo previamente apparso su FSSPX.news

 

 

 

Renovatio 21 ripubblica questo articolo per dare una informazione a 360º.  Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Immagine di CanonLawJunkie via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 Unported (CC BY-SA 3.0); immagine adattata

 

 

Continua a leggere

Spirito

La polizia israeliana attacca il corteo funebre della giornalista cristiana di Al Jazeera

Pubblicato

il

Da

 

 

La polizia antisommossa israeliana venerdì ha spinto e picchiato i portatori di bara al funerale della giornalista di Al Jazeera Shireen Abu Akleh facendo cascare brevemente la bara. Lo riporta l’agenzia Associated Press.

 

Abu Akleh, palestinese cristiana, secondo testimoni è stata uccisa dalle truppe israeliane mercoledì durante un raid nella Cisgiordania occupata.

 

La Akleh, 51 anni, era un nome familiare in tutto il mondo arabo, veterana della copertura giornalistica del Medio Oriente da 25 anni per il canale satellitare qatariano. Venerdì scorso, il pubblico ministero palestinese ha affermato che i risultati preliminari mostrano che Abu Akleh saremme stata ucciso dal fuoco deliberato delle truppe israeliane. L’esercito israeliano ha dichiarato venerdì che è stata uccisa durante uno scontro a fuoco con militanti palestinesi e che potrebbe determinare la fonte del colpo che l’ha uccisa.

 

Al funerale, migliaia di persone, molte sventolavano bandiere palestinesi e cantavano inni palestinesi. Potrebbe trattarsi che fosse il più grande funerale palestinese a Gerusalemme da quando Faisal Husseini, leader palestinese e rampollo di una famiglia importante, morì nel 2001.

 

L’incredibile repressione ha trasformato la processione funebre  forse nella più grande dimostrazione di nazionalismo palestinese a Gerusalemme in una generazione.

 

 

Prima della sepoltura, una grande folla si è radunata per scortare la sua bara da un ospedale di Gerusalemme est a una chiesa cattolica nella vicina Città Vecchia. Molte delle persone in lutto tenevano bandiere palestinesi e la folla ha iniziato a gridare: «Sacrifichiamo la nostra anima e il nostro sangue per te, Shireen».

 

Poco dopo, la polizia israeliana ha attaccato, spingendo e picchiando le persone in lutto. Quando la polizia antisommossa si è avvicinata, hanno colpito i portatori di bara, facendo perdere il controllo della bara a un uomo mentre cadeva a terra. La polizia ha strappato le bandiere palestinesi dalle mani delle persone e ha sparato granate assordanti per disperdere la folla.

 

 

Al di fuori delle preghiere alla moschea di Al Aqsa, Israele raramente consente grandi raduni palestinesi a Gerusalemme est e reprime regolarmente qualsiasi manifestazione di sostegno allo stato palestinese, scrive AP.

 

La polizia ha detto che la folla all’ospedale cantava «incitamenti nazionalisti», ha ignorato le chiamate a fermarsi e ha lanciato pietre contro di loro. «I poliziotti sono stati costretti ad agire», ha detto la polizia dello Stato ebraico, che ha pubblicato un video in cui un comandante fuori dall’ospedale avverte la folla che la polizia entrerà se non smetteranno di incitare e «canzoni nazionaliste».

 

Poco prima di mezzanotte, la polizia israeliana ha rilasciato una seconda dichiarazione in cui affermava di aver coordinato con la famiglia i piani per il deposito della bara in un veicolo, ma che una «folla aveva minacciato l’autista del carro funebre e poi ha provveduto a trasportare la bara su un veicolo processione non programmata». Ha detto che la polizia è intervenuta «in modo che il funerale potesse procedere come previsto secondo i desideri della famiglia».

 

Al Jazeera ha affermato in una dichiarazione che l’azione della polizia «viola tutte le norme e i diritti internazionali».

 

«Le forze di occupazione israeliane hanno attaccato coloro che piangevano il defunto Shireen Abu Akhleh dopo aver preso d’assalto l’ospedale francese di Gerusalemme, dove hanno picchiato duramente i portatori di bara», si legge. La rete ha aggiunto che rimane impegnata a coprire le notizie e non si farà scoraggiare, riferisce Associated Press.

 

La polizia israeliana alla fine ha scortato la bara in un furgone nero, strappando le bandiere palestinesi dal veicolo mentre si dirigeva verso la chiesa.

 

Abu Akleh era un membro della piccola comunità cristiana palestinese in Terra Santa. Cristiani palestinesi e musulmani hanno marciato uno accanto all’altro venerdì in una dimostrazione di unità.

 

 

 

Immagine screenshot da Twitter

Continua a leggere

Spirito

Lo spirito della Russia: una lettera

Pubblicato

il

Da

L’articolo del fondatore di Renovatio 21 Roberto Dal Bosco sulla questione spirituale della Russia attuale («La bandiera rossa dello spirito trionferà») è stato molto letto e condiviso. Una coppia di lettori di Trieste, viaggiatori incalliti, ci ha scritto una lettera densa e struggente, che abbiamo avuto il permesso di ripubblicare. Laura e Massimo hanno un blog di viaggio, Orizzonti dell’Est, dove sono annotate le loro esperienze di anni e anni in giro per il mondo. Li ringraziamo per averci mandato un messaggio come questo.

 

 

 

Gentile dott. Dal Bosco,

 

chi Le scrive ha percorso quasi 8.000 km di strade in Russia.

 

Al ritorno dal primo viaggio, 10.500 km tra andata e ritorno, con mio marito cercavamo di capire che cosa ci avesse tanto folgorato della terra russa.

 

Col secondo viaggio riuscimmo vagamente a focalizzare il motivo che irresistibilmente ci attraeva verso quella terra.

 

Col terzo, in Artico in pieno inverno, ne avemmo la certezza. Quel mare di terra infinita racchiudeva qualcosa che andava oltre il fascino dell’avventura e della scoperta di un Paese ex proibito, con tutta la sua retorica della falce e martello ancora presente ovunque ed il brivido dei controlli dei doganieri alle dipendenze dell’FSB.

 

Lo comprendemmo appieno nella chiesa di Murmansk, mentre fuori imperversava una pungente nevicata, quando appartati osservammo i fedeli che entravano per una fugace preghierina: la casalinga, l’impiegata, l’uomo d’affari con la 24 ore, la babushka, una scolaresca.

 

Una candelina accesa, una preghiera a bassa voce, un bacio all’icona e via a cominciare la giornata con la benedizione del Signore e della Vergine.

 

Ne avemmo la certezza sotto al gigantesco monumento del soldato sovietico a guardia del mondo, sulla collina più alta della città avamposto nell’Artico, meta di pellegrinaggio nonostante la bufera.

 

Macinando chilometri nel nulla punteggiato da minuscole cappelle con la cupola a cipolla, realizzammo che quel mare di terra è solcato dalle invisibili onde dello Spirito, quello stesso Spirito stordente che immediatamente si percepisce appena varcato il confine, lo stesso spirito che langue nei nostri cuori quando si è giocoforza costretti ad uscire dall’immenso Paese per ritornare a casa.

 

La nostra dusha, la nostra anima, ha incontrato il duh, lo spirito, lo ha riconosciuto nel popolo russo, nei loro sguardi schietti, nella loro accoglienza sincera. In Russia siamo rinati.

 

Nel Suo articolo ci siamo ritrovati. LeggerLa è sempre un piacere. Quando si è in sintonia di percezioni, ancora di più.

 

Cordialmente,

 

 

Laura e Massimo

Trieste

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari