Connettiti con Renovato 21

Bioetica

Biden riaccende l’uso dei feti umani per la ricerca scientifica: «topi umanizzati» con organi di bambino inclusi

Pubblicato

il

 

 

 

L’amministrazione Biden venerdì ha revocato le restrizioni sull’uso del tessuto fetale per la ricerca medica, annullando le regole imposte nel 2019 dal presidente Donald J. Trump.

 

Le nuove regole, divulgate dal National Institutes of Health, consentono agli scienziati di utilizzare tessuti derivati ​​da aborti volontari.

 

L’amministrazione Biden venerdì ha revocato le restrizioni sull’uso del tessuto fetale per la ricerca medica, annullando le regole imposte nel 2019 dal presidente Donald J. Trump

«Il Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani, che sovrintende all’NIH, ha sostanzialmente ripristinato le linee guida in vigore durante l’amministrazione Obama» scrive il New York Times.

 

Il NIH «gestirà e supervisionerà la ricerca utilizzando tessuto fetale umano secondo le politiche e le procedure che erano in atto» prima del divieto di giugno 2019, ha detto l’agenzia in una dichiarazione inviata via e-mail sabato. Lo sviluppo è stato segnalato per la prima volta venerdì dal Washington Post.

 

Gli scienziati possono acquistare tessuto fetale da fonti approvate prima del divieto e tutti i progetti che erano stati approvati prima delle restrizioni dell’amministrazione Trump «saranno ripristinati senza ulteriore revisione», secondo un’e-mail inviata agli scienziati dall’NIH

Le nuove regole, divulgate dal National Institutes of Health, consentono agli scienziati di utilizzare tessuti derivati ​​da aborti volontar

 

«È fantastico», ha detto al NYT il dottor Mike McCune, esperto di HIV presso la Bill & Melinda Gates Foundation e professore emerito presso l’Università della California, San Francisco.

 

Lavorare con il tessuto fetale è un’abilità specializzata e molti degli scienziati con tale esperienza hanno lasciato il campo, sostiene il dottore dell’AIDS pagato da Gates. «Le persone con decenni di esperienza hanno dovuto trovare altri lavori. Tutto ciò dovrà essere ricostituito per ricominciare da capo, ma lo faranno».

 

L’inversione del divieto ha rispettato una promessa fatta dall’amministrazione Biden di sostenere la scienza e ha sgomentato i gruppi conservatori che si oppongono alla ricerca sui tessuti fetali in quanto viola la santità della vita.

«Alcune organizzazioni conservatrici e religiose hanno suggerito che gli scienziati usassero tessuti da aborti spontanei piuttosto che da quelli volontari. Ma gli aborti spontanei spesso derivano da anomalie genetiche e dello sviluppo che renderebbero il tessuto fetale inutilizzabile per la ricerca»

 

«Alcune organizzazioni conservatrici e religiose hanno suggerito che gli scienziati usassero tessuti da aborti spontanei piuttosto che da quelli volontari. Ma gli aborti spontanei spesso derivano da anomalie genetiche e dello sviluppo che renderebbero il tessuto fetale inutilizzabile per la ricerca» scrive il quotidiano di Nuova York, che ringraziamo: finalmente possono ascoltarlo con le loro orecchie, da fonte non sospetta, anche la serqua di «cattolici» vaccinari che sono arrivati a sostenere che gli aborti usati per la creazione delle linee cellulari fetali sono «pochi» e pure che si ha il dubbio se si sia trattato di un aborto procurato o meno.

 

Nero su bianco: per questioni tecniche, logistiche, perfino fisiologiche e genetiche, i feti sacrificati alla scienza moderna sono tutti abortiti per volontà, e con il personale scientifico ben preparato a smembrarli a cuor battente per ottenerne i preziosi tessuti.

 

Tuttavia, se pensate che l’orrore degli aborti per la filiera scientifica si fermino alle linee cellulari per vaccini e ricerca di vario tipo (alimentare, cosmetologica) vi sbagliate.

 

«Topi umanizzati»: in pratica, si tratta di trapiantare pezzi di bambino abortito dentro roditori, che poi vengono avviati agli esperimenti

Dagli anni ’80, i cosiddetti topi umanizzati che contengono tessuti o organi umani fetali sono stati il ​​fulcro per lo  studio della risposta immunitaria a patogeni come il coronavirus.

 

Avete capito bene: in pratica, si tratta di trapiantare pezzi di bambino abortito dentro roditori, che poi vengono avviati agli esperimenti.

 

Il motivo di tale aberrazione è in realtà semplice, al punto che ci può arrivare perfino uno scienziato: molti farmaci che avevano funzionato in modo spettacolare nei topi normali hanno fallito negli studi clinici sull’uomo. Sedare l’entusiasmo degli scienziati e del mondo progressista (che ora non nasconde più nulla – ammette, rivendica) riguardo ai topi trapiantati di bambini morti diventa quindi molto difficile: vi faranno l’esempio, subito, di quante vite si possono salvare così, pensiamo al cancro, all’AIDS, al diabete…

 

I «topi umanizzati» con gli aborti-Frankenstein non sono una novità; il loro commercio non si è mai in realtà spento, nemmeno sotto le riforme pro-life del presidente Trump. Renovatio 21 ha pubblicato riguardo il recente caso di tessuti fetali «freschi, non congelati» richiesti da istituzioni scientifiche americane per «umanizzare» i roditori e sottoporli agli esperimenti.

Nel giugno 2019, l’amministrazione Trump aveva bruscamente tagliato tutti i finanziamenti a progetti nei laboratori governativi che si basano sul tessuto fetale. Il NIH aveva anche richiesto agli scienziati accademici che cercano fondi federali di fornire giustificazioni elaborate del loro bisogno di tessuto fetale umano e ha istituito un comitato etico per esaminare queste proposte.

 

Il Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti aveva detto in una dichiarazione all’epoca: «Promuovere la dignità della vita umana dal concepimento alla morte naturale è una delle massime priorità dell’amministrazione del presidente Trump»

Il Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti aveva detto in una dichiarazione all’epoca: «Promuovere la dignità della vita umana dal concepimento alla morte naturale è una delle massime priorità dell’amministrazione del presidente Trump».

A luglio 2020, 90 organizzazioni scientifiche, mediche e di pazienti hanno firmato una lettera in si cui esortava il Comitato Etico a consentire l’utilizzo del tessuto fetale per sviluppare trattamenti per COVID-19 e altre malattie.

 

«Il tessuto fetale ha proprietà uniche e preziose che spesso non possono essere sostituite da altri tipi di cellule», affermava, spudoratamente la dichiarazione. I dottori in sintesi stavano dicendo: lasciateci sacrificare i bambini, la natura ha dato alle loro giovani carni doni speciali, lasciateci squartarle, sezionarle, manipolarle – è per il bene dell’umanità, ovvio.

 

Ad agosto 2020, il Consiglio Etico respinse tutte le 14 proposte tranne una: l’unica proposta approvata si basava su tessuto fetale precedentemente acquisito.

 

«Il tessuto fetale ha proprietà uniche e preziose che spesso non possono essere sostituite da altri tipi di cellule». I dottori cioè dicono: lasciateci sacrificare i bambini, la natura ha dato alle loro giovani carni doni speciali, lasciateci squartarle, sezionarle, manipolarle – è per il bene dell’umanità, ovvio

L’annuncio del NIH delle nuove regole è arrivato il giorno dopo che Xavier Becerra, il segretario dei servizi sanitari e umani, ha dichiarato in un’audizione sul bilancio a Capitol Hill che l’agenzia avrebbe cambiato le regole sulla ricerca sui tessuti fetali. Becerra non ha rivelato i dettagli, ma la sua dichiarazione e l’abbraccio generale della scienza da parte dell’amministrazione Biden hanno lasciato intendere che le restrizioni dell’era Trump sarebbero state annullate.

 

«Crediamo che dobbiamo fare la ricerca necessaria per assicurarci di incorporare l’innovazione e di portare tutti quei tipi di trattamenti e terapie là fuori al popolo americano», ha detto il signor Becerra in udienza.

 

La scienza, la politica, i giornali: tutto il mondo progressista rivendica apertis verbis il sacrificio umano degli innocenti. Senza più pudore alcuno. L’utilitarismo più sanguinario è oramai una forma di virtù politica da esibire senza vergogna.

 

Vogliamo ricordare, infine, chi è, a quanto si dice, il vero presidente USA in questo momento: Kamala Harris. Come riportato da Renovatio 21, quando era Procuratore dello Stato della California, la Harris perseguì con violenza – al punto di mandargli squadre di swat armati in casa per sequestrargli i PC – l’attivista pro-life David Daleiden.

La scienza, la politica, i giornali: tutto il mondo progressista rivendica apertis verbis il sacrificio umano degli innocenti. Senza più pudore alcuno. L’utilitarismo più sanguinario è oramai una forma di virtù politica da esibire senza vergogna

 

Daleiden e il suo gruppo, il Center for Medical Progress, denunciò, con tanto di video girati in incognito che vennero confiscati, proprio il traffico di parti del corpo dei bambini da parte della multinazionale dell’aborto Planned Parenthood, la catena di cliniche feticide dove i bambini, una volta estratti, venivano fatti a pezzi e venduti alla ricerca scientifica.

 

Invece di perseguire i trafficanti di organi di bambino, Kamala Harris arrestò Daleiden.  Non sorprenderà nessuno sapere che tra i principali sostenitori della campagna politica della Harris (che era stata malamente bocciata alle primarie) c’è sempre stata Planned Parenthood, di cui la Harris, secondo alcuni commentatori, è da considerarsi una sorta di proiezione politica arrivata fino alla vicepresidenza – anzi, alla presidenza de facto.

 

Per capire cosa comanda davvero in USA dopo Trump: né Biden, né il Partito Democratico, né il Deep State. Comanda, come da destino della storia moderna, la Necrocultura.

 

 

 

 

 

Immagine © Renovatio 21

Continua a leggere

Bioetica

I laureati in medicina e i loro giuramenti

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

 

Un’indagine sui giuramenti prestati da studenti di medicina negli Stati Uniti e in Canada nel 2014 e nel 2015 suggerisce che i medici stanno iniziando la loro carriera con nozioni vaghe, confuse e incoerenti di etica medica.

 

In un articolo su The New Bioethics, tre medici hanno analizzato i giuramenti di 150 di tutte le 153 scuole mediche statunitensi e canadesi e li hanno confrontati con i giuramenti prestati nel 2000.

 

La maggior parte (54,7%) di essi sono varianti dell’antico giuramento di Ippocrate, anche se un numero crescente (14,9%) chiede solo giuramenti scritti dagli stessi studenti.

 

Nel 1989 nessuna scuola di medicina chiedeva un giuramento scritto dagli studenti.

 

Ci sono stati alcuni cambiamenti interessanti negli ultimi 15 anni:

 

  • I giuramenti a una divinità sono diminuiti dal 17,7% al 7,7%, ma i giuramenti a se stessi sono aumentati a oltre il 40%.

 

  • Resta invariato l’impegno al rispetto del diritto positivo (34,0% delle scuole) ma calano vertiginosamente le promesse di aderire alle «leggi dell’umanità», dal 39,7% al 16,7% delle scuole.

 

  • Gli impegni ad astenersi da comportamenti sessuali scorretti con i pazienti e le loro famiglie erano bassi nel 2000 e in realtà sono scesi al 2%.

 

  • I divieti di omicidio intenzionale sono diminuiti drasticamente e sono recitati solo nel 2% delle scuole, anche se la percentuale in cui gli studenti promettono di rispettare il valore della vita umana rimane invariata al 30,7%.

 

  • I divieti di aborto sono quasi inesistenti all’1,3%.

 

  • L’impegno a sottoporre la propria coscienza alle regole dei governi e delle istituzioni o la preferenza del paziente sono stati inclusi dal 24,7% delle scuole. Ma una percentuale altrettanto ampia si è impegnata a obbedire sempre alla propria coscienza (28,7%) ea praticare secondo giudizio il 35,3%.

 

Le incoerenze e le differenze nei giuramenti indicano maggiori divisioni e incertezze nella cultura occidentale, affermano gli autori.

 

«Forse non dovrebbe sorprendere che il discorso bioetico sia dominato da dibattiti controversi che ruotano essenzialmente attorno alla domanda: “Che cosa il medico pretende di fare e non fare per il suo paziente?” È abbastanza chiaro dal nostro studio che i giuramenti moderni non rispondono in modo coerente o coerente a questa domanda. Un quadro morale comune per la medicina rischia di scomparire».

 

 

Michael Cook

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

 

Immagine di Wellcome images via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 4.0 International (CC BY 4.0)

 

 

 

Continua a leggere

Bioetica

Stati Uniti: le farmacie possono distribuire pillole abortive

Pubblicato

il

Da

 

 

Ciò avviene dopo una modifica apportata dalla Food and Drug Administration (FDA), responsabile della commercializzazione dei farmaci. Le pillole abortive sono ora soggette a nuove regole che estenderanno la loro distribuzione ai farmacisti.

 

 

Il prodotto in questione è il mifepristone, o RU-486, che il defunto professor Jérôme Lejeune descrisse giustamente come un «pesticida antiumano». Questa pillola abortiva provoca la morte del feto; è combinato con misoprostolo che espelle il bambino morto 24-48 ore dopo.

 

Ricordiamo che l’uso omicida della RU-486 si deve al professor Etienne-Emile Baulieu che, nel 1982, la presentò come alternativa all’aborto per aspirazione. Il professor Baulieu è stato appena elevato alla dignità di Gran Croce nell’ordine della Legion d’Onore, il 1° gennaio.

 

 

Un cambiamento nelle regole della FDA

Un articolo pubblicato sul sito del National Catholic Register il 6 gennaio riporta che «la Food and Drug Administration degli Stati Uniti il ​​3 gennaio ha annunciato che consentirà a qualsiasi paziente con una prescrizione di ottenere il mifepristone dalla sua farmacia al dettaglio locale se è adeguatamente certificato per dispensare il farmaco. La precedente politica della FDA consentiva solo a medici certificati, cliniche e alcune farmacie per corrispondenza di dispensare il mifepristone».

 

Le pillole abortive saranno quindi molto più ampiamente disponibili. In effetti, CVS e Walgreens, le due principali catene di drugstore della Nazione, hanno annunciato l’intenzione di riempire le prescrizioni per il mifepristone.

 

Steven H. Aden, consigliere generale di Americans United for Life, ha affermato che la decisione è «l’ennesima di una lunga serie di azioni intraprese dall’amministrazione Biden che mettono le donne a grave rischio, nella sua corsa precipitosa a spingere i farmaci abortivi sul pubblico americano».

 

Spiega il suo punto:

 

«Nonostante la lunga approvazione da parte della FDA dell’aborto chimico come farmaco limitato, con solenni avvertimenti sul suo uso e restrizioni sulla sua distribuzione a causa del ruolo che svolge nel causare pericolose emorragie, infezioni e gravidanze ectopiche mancate, questa amministrazione sembra non fermarsi davanti a nulla per abbattere le regole che avevano contribuito a proteggere le donne da questo farmaco».

 

«A partire dal 2020, le pillole abortive ora rappresentano più della metà degli aborti negli Stati Uniti… Sebbene la FDA autorizzi l’uso del farmaco solo fino alle 10 settimane di gravidanza, molte cliniche e fornitori offrono il farmaco fino a 12 o 13 settimane, secondo il New York Times». CVS Pharmacy e Walgreens hanno ciascuno 9.000 punti vendita negli Stati Uniti.

 

«Abbiamo in programma di richiedere la certificazione per dispensare il mifepristone ove legalmente consentito», ha dichiarato a CNA Amy Thibault, direttore principale per le comunicazioni esterne presso CVS Pharmacy. C’è da chiedersi se i dipendenti della farmacia con obiezioni religiose o morali all’aborto potranno evitare di prendere parte alla prescrizione del farmaco abortivo.

 

«Abbiamo politiche in atto per garantire che a nessun paziente venga mai negato l’accesso ai farmaci prescritti da un medico sulla base delle convinzioni religiose o morali individuali di un farmacista», ha affermato la signora Thibault. Tuttavia, il gruppo ha annunciato che in caso di obiezione di coscienza, se notificata in anticipo, prenderà altre disposizioni.

 

Un portavoce di Walgreens ha affermato che la società intendeva far certificare le proprie farmacie per la distribuzione del farmaco, ma non ha affrontato specificamente la questione dei dipendenti con obiezioni all’aborto.

 

 

Reazioni dei gruppi per la vita

Marjorie Dannenfelser, presidente di SBA Pro-Life America, un gruppo anti-aborto, ha chiesto un’azione politica per contrastare i cambiamenti normativi.

 

«I legislatori statali e il Congresso devono ergersi a baluardo contro l’estremismo pro-aborto dell’amministrazione Biden», ha detto Dannenfelser al Wall Street Journal. «Speriamo di vedere la FDA fare il suo lavoro per proteggere la vita delle donne e porre fine agli aborti chimici».

 

Una modifica del dicembre 2021 ha revocato definitivamente l’obbligo per i pazienti di ottenere il mifepristone durante gli appuntamenti di persona con un medico. Questa modifica ha consentito di prescrivere pillole abortive tramite telemedicina e di compilare prescrizioni per posta.

 

La Catholic Medical Association ha criticato le modifiche alle regole in una dichiarazione del 3 gennaio.

 

«Come operatori sanitari, esperti di etica medica e difensori dei pazienti, desideriamo denunciare con forza queste violazioni dei diritti delle donne al consenso informato e alla qualità delle cure», ha affermato il gruppo. «La politica non ha posto nella cura delle donne».

 

Il gruppo ha osservato che le disposizioni non richiedono che il medico prescrittore si trovi nello stesso stato del paziente. Ha obiettato che non è richiesta alcuna valutazione fisica di persona per documentare le settimane di gestazione o la posizione del feto. La mancanza di un esame di persona aiuta potenzialmente coloro che userebbero la droga per nascondere lo stupro di un minore.

 

«La FDA ammette che esiste un potenziale di sanguinamento eccessivo e che ci sono stati 28 decessi associati all’uso di questo farmaco», ha continuato la dichiarazione della Catholic Medical Association.

 

Infine, «non è necessario alcun esame fisico di follow-up per valutare un aborto incompleto e i conseguenti rischi di sanguinamento continuato, prodotti del concepimento trattenuti che richiedono la rimozione chirurgica o infezioni, che possono portare alla sterilità e, in casi estremi, anche alla morte».

 

 

 

 

 

 

Articolo previamente apparso su FSSPX.news.

 

 

 

 

Continua a leggere

Bioetica

La vera storia del Comitato Nazionale di Bioetica – terza parte

Pubblicato

il

Da

Dopo la prima parte, pubblicata lo scorso 9 novembre, e la seconda parte, pubblicata lo scorso 26 novembre, Renovatio 21 continua il progetto di tracciare l’evoluzione della bioetica italiana e della sua principale istituzione governativa – il Comitato Nazionale di Bioetica (CNB) – con questa terza intervista al professor Luca Marini, docente di diritto internazionale alla Sapienza di Roma, che del CNB fu membro dal 1996 al 2014 e ebbe anche il ruolo vicepresidente.

 

 

 

Professor Marini, nella nostra intervista conclusiva sulla storia della bioetica italiana passiamo a esaminare i contenuti del dibattito bioetico, che taluni nel tempo hanno giudicato particolarmente poveri, nonostante gli oltre trent’anni di vita del CNB.

Difficile dare completamente torto a chi muove questa critica, anche perché è sotto gli occhi di tutti che il dibattito bioetico, in Italia, si è avvitato principalmente sui temi di inizio-vita e di fine-vita. E lo ha fatto seguendo supinamente, e non anticipando, i fatti. Per circa dieci anni, dal 1997 al 2007, non si è parlato altro che di embrione; dal 2007 fino alla chiusura de facto del dibattito stesso, di testamento biologico. Molto ci sarebbe da dire su queste scelte, e su queste date.

 

Diciamolo, allora.

Dal punto di vista dei contenuti, va appena ricordato che si è trattato di argomenti altamente politicizzati e chiaramente divisivi. Anticipando di gran lunga l’affaire COVID, il dibattito bioetico ha alimentato confronti e divisioni fondate su basi culturali, ideologiche, dogmatiche o addirittura confessionali ben al di là, e al di fuori, delle evidenze scientifiche. Per i temi di inizio-vita è apparsa subito chiara la contrapposizione tra i cattolici difensori della vita umana fin dal suo concepimento e i laici fautori della libertà di ricerca a ogni costo, anche a discapito della vita dell’embrione; per i temi di fine-vita, questi due schieramenti si sono battuti, rispettivamente, per la dignità del morente e per l’autodeterminazione del paziente. Peccato che tutte queste belle formule, concepite esclusivamente nell’ottica della loro spendibilità politica, celassero biechi interessi economici che né i cattolici né i laici hanno mai messo in evidenza: e che soprattutto non hanno efficacemente contrastato.

E quali sarebbero questi interessi economici celati dalla politicizzazione della bioetica?

Per l’inizio-vita, le evidenti implicazioni tecnologiche e commerciali, anzitutto sul fronte farmacologico, di eventuali progressi scientifici derivanti dalla ricerca sulle cellule staminali embrionali; per il fine-vita, i costi dell’assistenza ai malati terminali e la possibilità di utilizzare i soggetti cerebralmente morti quali serbatoio di organi a fini di trapianto, obiettivo quest’ultimo molto più difficile da realizzare se il criterio di accertamento della morte dipendesse ancora dalla dimensione cardio-respiratoria. Sorvolo, infine, sulle ricadute economiche collegate e conseguenti allo sviluppo di carriere personali o di filiere di potere scientifico, accademico, comunicativo, mediatico e culturale sui temi in questione.

E per quanto riguarda la successione di date di cui parlava poco fa?

Semplicissimo. Nel 2007 venne approvato il VII Programma Quadro di ricerca scientifica dell’Unione Europea che, per la prima volta, finanziò le ricerche che utilizzavano cellule staminali isolate o stoccate prima di una certa data, con ciò cristallizzando le posizioni di monopolio non solo scientifico degli Stati che avevano avviato per tempo quel tipo di ricerche e facendo calare il sipario sul dibattito in difesa della vita embrionale, nonché sulle ragioni propugnate dai cattolici. Non è un caso, quindi, che solo a partire dal 2007 si sia cominciato a discutere di fine-vita, anche se il dibattito bioetico aveva ormai le ore contate: complice la crisi economica, si sarebbe estinto di lì a breve.

In effetti, una volta si parlava spesso del CNB su giornali e in TV. Oggi pare che sia sparito… è perché oramai la Bioetica ora dà solo e sempre semafori verdi su qualsiasi questione?

Se fa riferimento al CNB, non mi pronuncio; se fa riferimento al dibattito bioetico in generale, come darle torto? Solo per fare un esempio recente, pensi alla vicenda COVID: non un solo bioeticista, di qualsivoglia colore politico od orientamento cultural-religioso, si è alzato in piedi per denunciare la violazione sistematica dei principi di precauzione e di consenso informato che è stata perpetrata durante la cosiddetta campagna vaccinale.

Per chiudere col CNB, come vede la sua nuova composizione, approvata in questi giorni?

Non la conosco. Ho solo letto che il nuovo presidente è un rappresentante del mondo della medicina, scelta che sicuramente dovrebbe far riflettere in un momento, come quello attuale, in cui molti auspicano invece la «demedicalizzazione» della società e la profonda revisione del concetto stesso di progresso tecno-scientifico, allo scopo di assicurare senza infingimenti il primato dell’uomo sulla scienza e la società e non viceversa.

Ma allora, secondo lei, cosa si deve fare in Italia per tornare ad avere una guida morale su temi bioetici, che oggi più che mai – pensiamo ai vaccini, al Green Pass, ora alla pretesa emergenza climatica – condizionano le vite dei cittadini?

Questa domanda non deve rivolgerla a me, ma ai cittadini che continuano a tollerare che in tutti i campi, a ogni livello, esistano macroscopici conflitti di interesse. Penso ovviamente alle responsabilità storiche che politica e media si sono accollate con la vicenda COVID, ma anche al mondo scientifico e accademico, che continua a essere presentato e percepito come un mondo di studiosi ispirati dal lume della scienza e che, invece, come sa chiunque vi lavori, è uno snodo cruciale tra lobby scientifiche, tecnologiche, industriali, commerciali, comunicative e istituzionali. Fintantoché questa situazione non cambierà, quale spazio vuole che residui per l’etica e la bioetica?

 

 

 

 

Vedi anche

La vera storia del Comitato Nazionale di Bioetica – prima parte

La vera storia del Comitato Nazionale di Bioetica – seconda parte

Continua a leggere

Più popolari