Un altro studio mostra che l’immunità naturale COVID-19 dura per un periodo di tempo «sostanziale»

 

 

 

Un altro studio è stato pubblicato  a sostegno della conclusione che le persone che contraggono COVID-19 e guariscono rimangono immuni alla reinfezione per un periodo di tempo «sostanziale», potenzialmente vanificando le speranze dei burocrati sanitari di rendere le vaccinazioni COVID-19 e i richiami una caratteristica a lungo termine della vita di ogni cittadino.

 

Lo studio, pubblicato sulla rivista EClinicalMedicine di The Lancet, ha esaminato i dati degli anticorpi in 39.086 individui risultati positivi al COVID-19 da marzo 2020 e gennaio 2021, sfruttando la Laboratory Corporation of America Holdings (Labcorp), uno dei più grandi laboratori diagnostici degli Stati Uniti, che ha accesso ad alcuni dei dati longitudinali più sostanziali su COVID-19. 

 

Lo studio ha quindi trovato una «linea temporale incoraggiante per lo sviluppo e la sostenibilità degli anticorpi fino a dieci mesi dall’infezione naturale».

Lo studio ha quindi trovato una «linea temporale incoraggiante per lo sviluppo e la sostenibilità degli anticorpi fino a dieci mesi dall’infezione naturale».

 

I ricercatori avvertono che i loro risultati erano limitati dalla mancanza di «informazioni demografiche avanzate (razza, etnia, ecc.) e diagnostiche (gravità della malattia)» nei dati che stavano utilizzando e dalla loro dipendenza da più tipi di test anticorpali che limitano la «specificità di quanti anticorpi rimangono nel sistema».

 

Pertanto, «la vera cinetica degli anticorpi SARS-CoV-2 è ancora sconosciuta e richiede più tempo dalla raccolta e dal monitoraggio del campione».

 

Tuttavia, affermano che i loro risultati mostrano un «tasso di positività sostenuta degli anticorpi contro la proteina spike SARS-CoV-2 negli ultimi dieci mesi dopo che la PCR [test di reazione a catena della polimerasi] ha confermato l’infezione da COVID-19 utilizzando i dati di oltre 39.000 pazienti, con tendenze lineari, indicando una sostanziale emivita della popolazione». 

 

«La vera cinetica degli anticorpi SARS-CoV-2 è ancora sconosciuta e richiede più tempo dalla raccolta e dal monitoraggio del campione»

Questo, ha spiegato il team, «può aiutare a guidare la pianificazione post-pandemia attuale e futura, come le restrizioni sulla salute pubblica».

 

Come sottolinea Lifesitenews, l’ultimo studio si aggiunge a un crescente corpo di letteratura e opinione medica che indica che l’immunità naturale è di lunga durata anche senza vaccinazione.

 

Uno studio, pubblicato il 24 maggio su Nature, ha scoperto che l’infezione da COVID-19 «induce una robusta risposta immunitaria umorale antigene-specifica e di lunga durata negli esseri umani», con gli anticorpi «rimangono rilevabili almeno 11 mesi dopo l’infezione».

 

Un altro, pubblicato su BioRxiv, ha scoperto che anche senza vaccinazione, gli anticorpi nell’infetto “rimangono relativamente stabili da 6 a 12 mesi”, mentre “i cloni di cellule B che esprimono anticorpi ampi e potenti vengono selettivamente mantenuti nel tempo e si espandono notevolmente dopo la vaccinazione.” 

L’ultimo studio si aggiunge a un crescente corpo di letteratura e opinione medica che indica che l’immunità naturale è di lunga durata anche senza vaccinazione.

 

Un terzo studio condotto in Israele ha rilevato che l’immunità naturale era leggermente più efficace contro la reinfezione rispetto al vaccino Pfizer, al 94,8% contro il 92,8%.

 

«Ci sono più dati sull’immunità naturale che sull’immunità vaccinata, perché l’immunità naturale esiste da più tempo», ha dichiarato a LSN il dott. Marty Makary, professore di chirurgia presso la Johns Hopkins School of Medicine.

 

«Non stiamo assistendo a reinfezioni e, quando si verificano, sono rare. I loro sintomi sono lievi o sono asintomatici».

 

«Non stiamo assistendo a reinfezioni e, quando si verificano, sono rare. I loro sintomi sono lievi o sono asintomatici»

 

Riporta Life Site che «Makary si spinge fino al punto di esortare gli americani a “ignorare” la guida di quelli che definisce i “Centri statunitensi per il controllo delle malattie più lenti, reazionari e politici della storia americana” e a “vivere una vita normale, a meno che tu non abbia l’infezione, nel qual caso devi stare attento. Dobbiamo iniziare a rispettare le persone che scelgono di non farsi vaccinare invece di demonizzarle”».

 

Il senatore Rand Paul, un oftalmologo che ha contratto e si è ripreso dal COVID-19 l’anno scorso, afferma di essere favorevole ai vaccini COVID-19 ma non sente il bisogno di prenderne uno da solo.

 

«Fino a quando non mi mostrano le prove che le persone che hanno già avuto l’infezione muoiono in gran numero, o vengono ricoverate in ospedale o si ammalano gravemente, ho solo preso la mia decisione personale che non mi farò vaccinare perché ho già avuto la malattia e ho l’immunità naturale», ha detto Paul.

 

Se le conclusioni di cui sopra sono corrette, sventrerebbero efficacemente le ragioni per tutte le restanti restrizioni COVID-19, e in particolare per l’intensità con cui molte figure politiche e dei media hanno fatto pressioni sugli americani per vaccinare in nome della protezione dei loro vicini.

 

Sia le restrizioni che la spinta al vaccino si basano sull’idea che il COVID-19 può essere facilmente diffuso attraverso il contatto casuale in pubblico, indipendentemente dal fatto che un portatore mostri o manifesti sintomi

Sia le restrizioni che la spinta al vaccino si basano sull’idea che il COVID-19 può essere facilmente diffuso attraverso il contatto casuale in pubblico, indipendentemente dal fatto che un portatore mostri o manifesti sintomi. 

 

Pertanto, dicono i sostenitori del lockdown e del vaccino, solo coloro che sono stati vaccinati possono rinunciare alle mascherine e al distanziamento sociale negli spazi pubblici.

 

Questi argomenti sono già stati minati dalla ricerca che indicava che le mascherine erano inefficaci nel contenere COVID-19 e che il rischio di diffusione asintomatica è molto basso, così come l’ammissione di marzo dei funzionari della sanità pubblica che la regola di distanza di due metri era arbitraria fin dall’inizio.