Connettiti con Renovato 21

Armi biologiche

Putin annuncia armi basate su «nuovi principi della fisica»

Pubblicato

il

Il settore della difesa russo sta lavorando su armi all’avanguardia basate su «nuovi principi fisici», ha rivelato il presidente della Federazione Russa Vladimir Putin.

 

«Se si guarda alla sfera della sicurezza, le armi basate su nuovi principi fisici garantiranno la sicurezza di qualsiasi Paese in una prospettiva storica prossima. Lo comprendiamo molto bene e ci stiamo lavorando», ha detto Putin l’altro ieri in un ampio discorso al Forum economico orientale.

 

Il presidente russo non ha fornito ulteriori dettagli, lasciando i media e gli osservatori militari ad affannarsi alla ricerca di ulteriori informazioni. Il sito governativo russo Sputnik ha cercato di capire meglio a cosa si potesse riferire.

 

L’enciclopedia online ufficiale del ministero della Difesa russo definisce «armi basate su nuovi principi fisici» come «nuovi tipi di armi il cui effetto distruttivo si basa su processi e fenomeni che non sono stati precedentemente utilizzati per scopi militari».

 

Attualmente tale tipo di arma includono:

  • Armi a energia diretta (laser, acceleratori, microonde e armi infrasoniche progettate per distruggere o disabilitare manodopera, attrezzature o strutture e infrastrutture potenziate dal nemico). «Tutti i tipi di armi ad energia diretta sono praticamente privi di inerzia e, ad eccezione delle armi infrasoniche, sono istantanee». I maggiori successi in questa direzione «sono stati ottenuti nel miglioramento delle armi laser», secondo il ministero.

 

  • Armi elettromagnetiche (ad altissima frequenza e basate su laser), le cui proprietà distruttive sono ottenute attraverso l’uso di un «potente flusso, solitamente pulsato, di radiazione ottica elettromagnetica coerente [presente in alcuni tipi di laser, ndr], o radiazione ottica incoerente».

 

  • Armi non letali, progettate per disattivare armi, equipaggiamenti, materiali e personale senza infliggere a quest’ultimo perdite irreparabili. L’esercito russo li divide in sistemi antiuomo, antiequipaggiamento/materiale e sistemi combinati antiuomo/antiequipaggiamento/antimateriale. Questi includono varie armi progettate per sostituire gli strumenti esistenti utilizzati dai servizi di sicurezza nazionali, come gas lacrimogeni, proiettili di gomma, dispositivi psicotropi, armi infrasoniche e soppressione elettronica, nonché agenti biologici e chimici di livello militare che possono decomporsi o rendere in altro modo inutilizzabili i combustibili, prodotti isolanti e in gomma e sistemi ad altissima frequenza destinati a disattivare componenti radioelettronici di armi ed equipaggiamenti nemici.

 

  • Armi geofisiche (sismiche, climatiche, ozoniche, ambientali), definite collettivamente dal ministero della Difesa come «mezzi per influenzare deliberatamente l’ambiente per utilizzare le forze della natura per scopi militari». Queste ipotetiche armi sono progettate per agire contro le proprietà solide, liquide e gassose del pianeta e della sua atmosfera e possono includere l’uso di potenti esplosivi per causare terremoti, eruzioni vulcaniche, inondazioni e altre catastrofi, nonché alterare il tempo o il clima in alcune parti del pianeta, provocando siccità, inondazioni, tempeste, etc. Le armi all’ozono sono progettate per creare buchi nello strato di ozono, causando danni diffusi utilizzando la radiazione ultravioletta proveniente dallo spazio attraverso vaste aree geografiche. Infine, le armi ambientali sono classificate come quelle progettate per colpire foreste, raccolti, acqua, aria o risorse del suolo.

 

  • Le armi radiologiche includono armi il cui effetto distruttivo «si basa sull’uso di sostanze radioattive in grado di avvelenare la manodopera con radiazioni ionizzanti senza un’esplosione nucleare», con materiali che emettono radiazioni ottenuti dai residui di combustibile nucleare o esponendo elementi chimici a flussi di neutroni per produrre isotopi radioattivi. Queste armi possono essere inserite all’interno di proiettili, bombe lanciabili dall’aria, testate missilistiche e altre munizioni convenzionali e sono progettate per contaminare l’ambiente per decine se non centinaia di anni.

 

  • Infine, si definiscono armi genetiche «un tipo di arma in grado di danneggiare l’apparato genetico (ereditario) dell’essere umano», anche attraverso l’uso di virus con proprietà mutagene, nonché «mutazioni derivate da fonti naturali mediante sintesi chimica o biotecnologia metodi, per causare danni o modifiche al DNA. Questo tipo di armi potenziali è considerato particolarmente pericoloso alla luce «dell’imprevedibilità delle conseguenze» del loro utilizzo, secondo l’opinione dell’esercito russo.

 

 

«In quanto parte della Convenzione sulle armi biologiche, la Russia ha vietato la creazione di armi genetiche. Allo stesso tempo, l’esercito russo ha rivelato in modo molto dettagliato la portata della ricerca illegale statunitense in questa direzione nei biolaboratori in Ucraina e in altri paesi del mondo con il pretesto di preparazione anti-pandemia e altre ricerche civili» scrive Sputnik. «Essendo proprietaria del più grande arsenale nucleare del mondo, Mosca ha anche evitato la creazione di armi radiologiche, o “bombe sporche”, citando il pericolo del loro sviluppo e del possibile utilizzo da parte di terroristi o potenze nemiche, anche per attacchi false flag contro la Russia».

Sostieni Renovatio 21

Il veterano osservatore militare russo Viktor Murakhovsky ha detto a Sputnik che i commenti del presidente Putin sulle armi basate su «nuovi principi fisici» sono molto probabilmente un riferimento ai laser e ad altre armi basate sulla fisica ad alta energia.

 

Come nel campo dei missili ipersonici, in cui la Russia ha ottenuto un vantaggio grazie a solide basi di ricerca che risalgono almeno agli anni ’70, anche la moderna ricerca russa sulle armi laser risale a studi fondamentali condotti da brillanti scienziati del XX secolo, ha detto Murakhovsky, riferendosi al lavoro di fisici vincitori del Premio Nobel, tra cui Alexander Prokhorov e Anatoly Vlasov.

 

«Lavoriamo sulle armi laser da molto tempo, dagli anni ’70 (…) Oggi Sergey Grigorievich Garanin è stato nominato progettista generale dei sistemi laser. Lavora presso l’Istituto panrusso di ricerca scientifica di fisica sperimentale e attualmente è a capo dello sviluppo di due progetti, tra cui un complesso laser e un intero complesso di sistemi progettati per garantire la sicurezza» nazionale.

 

Nel 2016, ha ricordato Murakovsky, l’allora primo ministro Dmitrij Medvedev ha ottenuto una dimostrazione di un’arma laser anti-drone presso l’Istituto di fisica del laser, dopo di che lo Stato ha dato il via libera alla rapida introduzione della tecnologia nell’esercito.

 

«Tra le altre cose, è stata creata l’installazione laser Peresvet, progettata per accecare i satelliti spia nemici nelle aree in cui si trovano i nostri missili balistici mobili… Un secondo sistema basato su laser è stato progettato per distruggere piccoli droni. Oggi, in altre parti del mondo, incluso in Negli Stati Uniti e in Cina, sistemi laser come l’Astra Gemini vengono utilizzati intensamente su alcune navi. Ma finora non abbiamo visto alcuna chiara dimostrazione di tali sistemi», ha detto Murakhovsky.

 

Attualmente, secondo Murakhovsky, la guerra per procura della NATO contro la Russia in Ucraina rende i laser anti-drone il tipo di arma più urgentemente necessaria basata su nuovi principi fisici. Qui, ha detto, una serie di problemi iniziali, tra cui le prestazioni dei laser in caso di nebbia, pioggia e copertura nuvolosa, e l’enorme quantità di energia di cui hanno bisogno per funzionare, hanno impedito la loro adozione e diffusione su larga scala.

 

«Il vantaggio delle armi laser è chiaro: distruggono istantaneamente il loro bersaglio. Ma gli svantaggi, soprattutto nelle applicazioni sul campo, sono molto grandi. È necessario, in effetti, costruire un generatore elettrico separato per i sistemi terrestri… Così il presidente ha parlato dei prossimi sviluppi. Noi staremo a guardare, e anche tutto il mondo occidentale starà a guardare», ha riassunto l’esperto.

 

Alla domanda sui fattori che spingono il lavoro della Russia su tipi di armamenti fondamentalmente nuovi, Karen Kwiatkowski, tenente colonnello in pensione dell’aeronautica americana ed ex analista del Pentagono diventata informatore, ha detto a Sputnik che la dottrina di «contenimento» degli Stati Uniti e della NATO, usata «per giustificare le spese e il mantenimento della difesa del dominio del dollaro nel mondo per ben 40 anni, dopo che questo concetto era diventato vuoto e privo di significato», è il più diretto responsabile.

Aiuta Renovatio 21

«L’espansione militare americana, e più specificamente, la lotta del governo americano per mantenere il dominio del dollaro e il controllo energetico globale, ha indotto il resto del mondo a pensare in modo difensivo, a sviluppare strategie sia militari che economiche per contrastare la forza e l’egemonia degli Stati Uniti», ha detto la Kwiatkowski.

 

«Quando gli Stati Uniti avvicinano l’aeronautica, l’esercito e la marina alle coste di un paese, e quando prendono di mira tutte le parti geografiche di un paese, come in Asia, Russia e Medio Oriente, quei paesi reagiscono di conseguenza. Coloro che sono economicamente o politicamente più deboli e non nucleari scelgono il terrorismo e, talvolta, la condiscendenza; quelli di medie dimensioni si raggrupperanno insieme agli altri; e i paesi più grandi, e quelli che hanno più da perdere, pianificano strategicamente per contrastare la minaccia nota», ha affermato Kwiatkowski.

 

«L’esercito americano non è in grado di difendere gli Stati Uniti propriamente detti, né può difendere le sue numerose basi in tutto il mondo… I politici americani confondono l’offesa e l’egemonia con la difesa, e questa vulnerabilità ha modellato le azioni difensive e offensive di aree del mondo che gli Stati Uniti considerano nemici e minacce», continua l’ex analista del Pentagono.

 

In definitiva, Kwiatkowski ritiene che i paesi che determineranno la tendenza nella creazione di nuovi sistemi di difesa avanzati del futuro saranno quelli che saranno «aperti a tutti i tipi di tecnologia» e disposti «a progettare nuove armi e migliorare quelle vecchie», e che hanno «un Paese ben istruito e con una mentalità scientifica».

 

Il Peresvet è una delle sei nuove armi strategiche russe svelate dal presidente russo Vladimir Putin il 1° marzo 2018. A partire da maggio 2022, cinque unità del sistema sarebbero in servizio attivo. Immagini impressionanti del suo uso sono emerse sui social media.

 

Come riportato da Renovatio 21, il Peresvet è stato testato recentemente dalla Russia finendo in impressionanti video che hanno circolato in rete.

 

Oltre alla difesa antiaerea, la Federazione Russa starebbe elaborando anche laser ASAT, cioè impiegati come armi antisatelliti.

 

Nel maggio 2021 il Pentagono arrivò ad accusare la Russia di attaccare le truppe USA con armi a energia diretta.

 

Un progetto di arma laser in grado di «intercettare in volo razzi, proiettili di mortaio, droni e missili anticarro» pare ad essere a buon punto in Israele; il progetto ha nome «Iron Beam», «raggio di ferro».

Sostieni Renovatio 21

Anche la Cina avanza nel settore delle nuove armi. Gli scienziati militari cinesi hanno riferito di una svolta nella ricerca che potrebbe consentire a Pechino di sviluppare non cinetica ad alta energia – cioè armi laser – in grado di sparare senza interruzioni e senza alcun degrado delle prestazioni.

 

I laser sono stati testati anche in esperimenti di «guida» dei fulmini, considerabili come prodromi dello sviluppo di armi metereologiche basate sui laser.

 

Armi a microonde sarebbero state utilizzate dalla polizia australiana durante le proteste pandemiche a Melbourne, con armi avveniristiche usate per disperdere la folla di manifestanti.

 

 

Gli Stati Uniti, nonostante le recenti, bizzarre smentite della CIA, ritenevano che attacchi con armi a microonde potessero essere la fonte della cosiddetta «sindrome dell’Avana», il fenomeno che ha fatto ammalare decine di diplomatici americani e non solo a Cuba, ma in varie ambasciate statunitensi in tutto il mondo, arrivando a lambire perfino lo staff del vicepresidente Kamala Harris.

 

Esiste già un ben strutturato pensiero di uso di armi ad energia per il controllo di manifestazioni, e vi sono video che ne fanno pubblicità esplicita.

Come riportato da Renovatio 21, le armi a microonde sono considerate da alcuni analisti e tecnologi militari come la nuova frontiera della tecnologia bellica.

 

L’utilizzo di simili armi contro una protesta costituirebbe una palese violazione della Convenzione di Ginevra, che dice:

 

«È vietato utilizzare armi o metodi di guerra di natura tale da causare perdite inutili o sofferenze eccessive».

SOSTIENI RENOVATIO 21



 Immagine generata al computer 
 

Continua a leggere

Armi biologiche

I parlamentari russi chiedono l’intervento dell’ONU sui «biolaboratori americani­» in Africa

Pubblicato

il

Da

La Duma di Stato russa sta preparando un appello all’ONU in merito alla presunta attività dei laboratori biologici militari statunitensi in Africa, ha affermato il vicepresidente Aleksandr Babakov.   In un’intervista rilasciata mercoledì alla stampa russa, Babakov ha dichiarato che l’Africa non dovrebbe essere utilizzata come «banco di prova» da Washington.   Secondo il parlamentare, gli Stati Uniti stanno continuando «politiche coloniali razziste nei confronti del popolo africano». Le élite politiche di Washington tengono lezioni di democrazia al mondo, mentre contemporaneamente dispiegano truppe negli stati sovrani e fomentano rivoluzioni colorate, ha affermato il Babakov.   Ha affermato che queste azioni si sono ora evolute fino a condurre esperimenti sugli esseri umani e a creare laboratori biologici, mentre l’esercito statunitense cerca di progettare nuove armi.   «Questa questione deve essere affrontata dal Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite e stiamo attualmente preparando un appello appropriato all’ONU», ha affermato il parlamentare russo.   Babakov ha anche menzionato l’intenzione di contattare i parlamenti dei Paesi africani per fornire loro le prove della ricerca biologica condotta dagli Stati Uniti.   Martedì, il capo delle Forze di protezione nucleare, chimica e biologica della Russia, il tenente generale Igor Kirillov, ha affermato che Washington sta espandendo la sua presenza militare biologica in tutta l’Africa. Ha evidenziato l’Africa come una nuova zona di interesse per il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti e le agenzie correlate.

Iscriviti al canale Telegram

«Poiché la Russia è riuscita a fermare l’attuazione dei programmi di guerra biologica nei territori liberati dell’Ucraina, il Pentagono è costretto a trasferire la ricerca incompleta nell’ambito dei progetti ucraini in altre regioni», ha affermato Kirillov.   La Russia è in possesso di documenti che confermano la rapida espansione della presenza statunitense di armi biologiche in Africa, ha aggiunto il generale.   Alla fine dell’anno scorso, Kirillov aveva affermato che la Russia aveva ottenuto documenti comprovanti che gli Stati Uniti avevano condotto ricerche su componenti di armi biologiche e agenti patogeni altamente pericolosi in Ucraina.   Come riportato da Renovatio 21, al momento dei disordini durante la guerra civile sudanese l’OMS lanciato un allarme di «enorme rischio biologico» per un biolaboratorio a Khartoum che era stato attaccato.   La questione dei biolaboratori africani riporta alla mente la questione di quelli ucraini finanziati dagli USA, per la sicurezza dei quali lanciò l’allarme la «pupara» della guerra ucraina, la funzionaria neocon del Dipartimento di Stato Victoria Nuland, ammettendo così la loro esistenza. Fu poi dimostrato che nel caso dei laboratori ucraini era coinvolto anche il problematico figlio del presidente Joe Biden, Hunter.   Il Pentagono in seguito confessò di aver finanziato in Ucraina 46 laboratori.   La Russia accusò in seguito i laboratori ucraini di essere parte di un’operazione militare USA. In tali «attività biologiche militari» ucraine secondo la portavoce degli Esteri della Federazione Russa Maria Zakharova sarebbe coinvolta anche la Germania. La Cina l’anno passato ha chiesto l’invio di ispettori ONU per indagare sulla questione. La Russia aveva già convocato il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite per presentare prove sui laboratori.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21
     
Continua a leggere

Armi biologiche

«Il Trattato Pandemico è un business di armi biologiche di massa: distruggiamolo!» Il discorso dell’onorevole Haraguchi contro politici e vaccini

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 pubblica la traduzione del discorso del deputato ed ex ministro degli Interni e delle Comunicazione giapponese Kazuhiro Haraguchi tenuto il 31 maggio dinanzi a migliaia di persone riunite a Tokyo per partecipare a quella che è stata chiamata «la più grande protesta mondiale contro l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS)». Haraguchi a seguito dell’iniezione mRNA ha subito un caso di cancro in rapida progressione, che oggi chiameremmo «turbocancro». Le sue parole hanno fatto il giro del mondo. Questa è la prima traduzione integrale di quanto l’onorevole (titolo quanto mai meritato) Haraguchi ha detto a coloro che in Giappone lottano contro la catastrofe vaccinale pandemica. 

 

Buongiorno a tutti. Mi chiamo Kazuhiro Haraguchi, sono uno dei rappresentanti di WHC Giappone e membro della Camera dei Rappresentanti [la camera bassa del Parlamento giapponese, ndr].

 

Per prima cosa voglio esprimere le mie condoglianze per tutte le persone che hanno perso la vita a causa di questa arma biologica, questa specie di arma biologica, questa sostanza simile ad un’arma biologica.

 

Dopodiché voglio ringraziare tutti quelli che, portando nel cuore la tristezza per queste vite perse inutilmente, hanno dedicato il loro impegno ad organizzare la manifestazione di oggi. Grazie di cuore.

 

Come membro del Parlamento devo chiedervi scusa: avremmo dovuto impedire che questo accadesse, che queste vite fossero sacrificate. Adesso che giro per il Giappone a raccogliere storie come queste: «stava così bene ma adesso non può nemmeno camminare, non può più nemmeno andare a scuola, non può nemmeno più lavorare». Adesso che capiamo che queste vite potevano essere salvate, non è arrivata l’ora che abbattiamo questo governo che sapeva ma ha finto di non sapere?

 

La nostra forza è enorme: il 13 di Aprile 20.000 persone si sono riunite per una manifestazione qui a Tokyo. I media giapponesi lo hanno completamente taciuto. Ma grazie alla vostra forza, quelle immagini hanno fatto il giro del mondo. È la forza di tutti voi! La nostra forza! Noi abbiamo questa forza!

 

Iscriviti al canale Telegram

Inoltre, nel mese di giugno si è iniziato di soppiatto a discutere dell’introduzione di un obbligo vaccinale in caso di nuove pandemie influenzali, ma in solo due settimane ci sono stati più di 190.000 commenti di protesta. Questa è la vostra forza!

 

Proprio in questi giorni a Ginevra è in corso un consiglio plenario dell’OMS: qui non si parla della salute di tutti, della vita degli esseri umani. È un trattato sul business delle armi biologiche di massa: questo è
il Trattato Pandemico! Distruggiamolo!

 

Devo ringraziare più di una persona. Quando ci siamo resi conto che questa arma si stava diffondendo, abbiamo pensato di combatterla con una medicina scoperta in Giappone: l’ivermectina.

 

Scoperta da Satoshi Omura. La coalizione di governo e l’opposizione l’avevano presa in considerazione, lo stesso primo ministro ne aveva sostenuto l’importanza in parlamento.

 

Alla fine però è l’opzione è stata completamente cassata. Perché? Perché costa poco! Perché è un intralcio!

 

Perché con l’ivermectina i vaccini non sarebbero stati venduti! Abbattiamo insieme questa mentalità diabolica!

 

Ora devo chiedere scusa a ciascuno di voi: un anno fa non avevo più né capelli né ciglia, con tre dosi di vaccino mi sono trovato due volte in punto di morte. Grazie ad un tumore dallo sviluppo estremamente veloce mi sono trovato ben dodici volte tra i temi più discussi su Yahoo [il motore di ricerca più diffuso in Giappone, ndr].

 

Una volta è stato perché, di fronte ad una domanda piuttosto aggressiva di un altro parlamentare, ho iniziato a grattarmi la testa e mi sono ritrovato d’un tratto calvo. Mi ero dimenticato di avere indossato una parrucca…

 

Ovviamente mi hanno preso in giro per quello, ma quando ho visto i risultati dei miei esami oncologici ho capito una cosa: assieme ad una pena difficile da sopportare, Dio mi ha dato una missione da compiere.

 

Devo ringraziare i dottori Inoue e Yanagizawa, che hanno parlato poco fa: sono loro che hanno analizzato le cellule del mio tumore e mi hanno aiutato. Ma, se devo essere sincero, un anno fa pensavo che non avrei visto le prime foglie verdi di primavera e i fiori di ciliegio. Invece sono ancora qui, anche grazie alla vostra forza. Grazie!

 

Voglio aiutare le persone, si dice che i parlamentari non si siano fatti vaccinare davvero, ma si sono fatti vaccinare, eccome. Ci sono membri della coalizione di governo che si sono ritrovati con la salute distrutta, ho parlato personalmente con almeno tre di loro. Soltanto che non lo dicono pubblicamente!

 

Poco tempo fa ho fatto un’intervista con Satoru Mizushima di Channel Sakura [canale televisivo, sito web e canale Youtube di orientamento conservatore, ndr]: sono stato bannato. Vogliono zittirci!

 

Vogliono portarci via la libertà e la capacità di opporci, ma noi non saremo sconfitti!

Sostieni Renovatio 21

Adesso seduto davanti a me vedo il dottor Kobayashi, un grande costituzionalista e ripenso alla riunione dei partiti di governo di ieri al Nippon Budokan. Dicono di avere introdotto lo stato di emergenza per salvare vite umane dal covid, ma quali vite hanno salvato? Hanno distrutto vite umane!

 

Aggiungere una clausola alla Costituzione in merito alla dichiarazione di stato di emergenza invalida di fatto la stessa costituzione che dovrebbe proteggerci. Spazziamo via tutto questo! Sconfiggiamoli!

 

Ieri il Parlamento ha approvato una legge sui governi delle singole prefetture ignorando completamente il voto dei cittadini. Dove è finita la sovranità delle singole prefetture?

 

Ieri al senato è stata introdottala proposta dell’obbligo vaccinale. Fermiamola al senato! Fermiamo questo abuso!

 

Proprio ieri è uscita la notizia che il PIL dell’India ha superato quello del Giappone.

 

289 collegi elettorali mi sostengono: voglio usare la forza che mi danno questi 289 collegi per sostenere l’esistenza e l’indipendenza del nostro paese e proteggere la vita dei suoi abitanti.

 

Concludo così: noi non saremo sconfitti!

 

Grazie ancora. Grazie a tutti voi.

 

Traduzione dal Giapponese di Taro Negishi

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21


Immagine screenshot da YouTube

Continua a leggere

Armi biologiche

L’epidemia di influenza aviaria potrebbe aver avuto origine in laboratorio

Pubblicato

il

Da

Anche l’influenza aviaria, di cui molti stanno parlando di recente, potrebbe avere un’origine interamente artificiale, esattamente come supposto per il virus SARS-nCoV-2 alla base della pandemia COVID-19.   Il medico texano Peter McCullough ha scritto in un post sul suo Substack che l’attuale epidemia di influenza aviaria H5N1 (nome del virus influenza aviaria) potrebbe essere uscita da un laboratorio.   La rivelazione è basata su uno studio preprint di cui è coautore, pubblicato lo scorso lunedì.   «Le circostanze di cui sopra ci hanno spinto a porre una domanda: è possibile che il clade 2.3.4.4b dell’HPAI H5N1 si sia evoluto non in natura, ma come risultato di passaggi seriali o di altre ricerche sul guadagno di funzione (GoF) in un laboratorio? Le prove che abbiamo scoperto finora sollevano fortemente il sospetto che sia davvero così», ha scritto McCullough sul suo Substack.

Iscriviti al canale Telegram

Infatti, quando l’ex direttore del CDC, il dottor Robert Redfield, è stato recentemente intervistato dal canale TV Newsnation, si è vantato di essere riuscito a trasformare l’influenza aviaria in un’arma in pochi mesi.   «In laboratorio, potrei rendere [l’influenza aviaria] più contagiosa per gli esseri umani in pochi mesi (…) sono stati pubblicati i quattro amminoacidi che devo modificare (…) Questa è la vera minaccia alla biosicurezza, che questi laboratori universitari stiano facendo questi esperimenti biologici (…) Penso che l’influenza aviaria sarà la causa della grande pandemia, in cui stanno insegnando a questi virus come essere più contagiosi per gli esseri umani», aveva detto Redfield nell’intervista .  
Mentre originariamente si sosteneva che il COVID avesse avuto origine dal fatto che i cinesi mangiavano pipistrelli, una pratica presente nella nazione asiatica, è stato rapidamente rivelato che l’epidemia poteva provenire da un laboratorio di armi biologiche a Wuhan.   Sono state sollevate preoccupazioni circa la giustificazione alla base della pericolosa ricerca sul guadagno di funzione sull’influenza.   Come riportato da Renovatio 21, è emerso che gli USA stanno finanziando la creazione di questi ceppi di influenza aviaria privilegiando quelli più letali e contagiosi.

Sostieni Renovatio 21

In modo simile al COVID, che viene creato in un laboratorio e diventa una pandemia, anche la nuova influenza aviaria potrebbe quindi essere arrivata da un laboratorio. Tra il 2020 e il 2024 entrambe le epidemie hanno in comune il fatto di essere scoppiate in un anno di elezioni presidenziali USA.   Non è improbabile probabile che se l’influenza aviaria finirà sotto i riflettori in modo simile al COVID, anche le nuove vaccinazioni contro l’influenza aviaria per gli esseri umani saranno ampiamente raccomandate.   Come riportato da Renovatio 21, il vaccino contro l’influenza aviaria è stato dichiarato «pronto per la produzione di massa». Gli esperimenti del caso sono stati fatti anche con il famigerato enzima luciferasi.   L’allarmismo nei confronti della nuova aviaria è stato propalato dagli stessi vertici dell’ente di controllo del farmaco USA FDA, il cui commissario ha parlato di un’epidemia «10 volte peggiore del COVID». OMS – il cui direttore Tedros ha da tempo detto che «dobbiamo prepararci» ad un focolaio di aviaria umana – e giornali internazionali da mesi stanno insistendo sul pericolo della malattia per gli esseri umani.   Mosca nel 2023 aveva accusato di aver trovato patogeni letali dell’influenza aviaria in un biolaboratorio USA in Ucraina.   Come riportato da Renovatio 21, l’anno passato è stata data notizia della creazione di polli OGM parzialmente immuni all’aviaria prodotti tramite la bioingegneria CRISPR, facendo sollevare l’interrogativo: quando vi sarà l’obbligo del CRISPR per i nostri figli?  

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21
   
Continua a leggere

Più popolari