Connettiti con Renovato 21

Militaria

Israele dispone di antiaerea laser

Pubblicato

il

Dopo due decenni di ricerca e sperimentazione, i funzionari della difesa israeliana ora affermano di avere un prototipo funzionante di un cannone laser ad alta potenza in grado di «intercettare in volo razzi, proiettili di mortaio, droni e missili anticarro». Lo riporta il New York Times.

 

I funzionari hanno affermato che il sistema ha funzionato con successo in una recente serie di test dal vivo nel deserto israeliano meridionale, distruggendo un razzo, un colpo di mortaio e un drone.

 

I raggi laser andati a segno avrebbero scatenato una standing ovation da parte dei funzionari che guardavano l’azione sullo schermo.

 

Il sistema d’arma, chiamato Iron Beam («raggio di ferro») sarebbe costato al governo una cifra nell’ordine delle centinaia di milioni.

 

L’arma, secondo il primo ministro Naftali Bennett, rappresenta un «punto di svolta strategico».

 

Bennet ha promesso quindi di «circondare Israele con un muro laser».

 


 

I professionisti coinvolti nello sviluppo del sistema affermano che mancano ancora diversi anni per la piena operatività sul campo-

 

Alcuni esperti raccontano che anche allora l’arma laser potrebbe inizialmente essere di utilità limitata per proteggere Israele dal pesante lancio di razzi in arrivo.

 

Di datto, funzionari israeliani non hanno rivelato se l’arma laser sarebbe efficace contro i missili a guida di precisione che Israele dice che Hezbollah sta sviluppando in Libano.

 

Le armi laser sono realtà, non solo in Israele. Il sistema di armamento a raggi laser Helios, prodotto dal colosso degli appalti militari e aerospaziali, Lockheed Martin, è ora utilizzata sulle navi della Marina degli Stati Uniti .

 

L’esercito degli Stati Uniti sta lavorando ad armi laser ancora più potenti, in grado di abbattere i missili da crociera, che a presto dovrebbero essere implementata.

 

I laser hanno limiti enormi: ad esempio, non possono colpire attraverso le nuvole e la foschia.

 

Perciò, il sistema di difesa aerea laser israeliano è destinato a integrare, non a sostituire, altri elementi dell’arsenale di difesa aerea israeliano incluso Iron Dome, il noto sistema di intercettazione missilistica a corto raggio, nonché a medio e lungo- sistemi di intercettazione missilistica a distanza, che Israele vende anche all’estero.

 

Mentre sistemi come Iron Dome sparano piccoli missili guidati per intercettare i proiettili in arrivo, la nuova arma addestra raggi laser in un punto particolare del proiettile, riscaldandolo fino al punto di distruzione.

 

Il ministro della Difesa israeliano, Benny Gantz, ha affermato che Israele è stato «uno dei primi paesi al mondo» a sviluppare un’arma del genere.

 

Secondo il generale israeliano Yaniv Rotem, capo del team di ricerca e sviluppo del ministero della Difesa, durante i test di fuoco in tempo reale di marzo le minacce in arrivo sono state intercettate entro pochi secondi dal rilevamento, non minuti come nei test precedenti e a una distanza massima di sei miglia.

 

La memoria va alle «Guerre Stellari» proposte da Ronald Reagan durante la sua amministrazione, che coincise con il declino finale dell’Unione Sovietica.

 

Nel 1983, Reagan creò la Strategic Defense Initiative, ampiamente derisa come «Star Wars», per trovare un modo per abbattere i missili balistici nucleari, anche tramite tecnologia laser.

 

Dopo aver speso più di 200 miliardi di dollari con poco da dimostrare, quello sforzo è stato abbandonato nel 1993. Alcuni sostengono che si trattasse solo di una sceneggiata americana per confondere i russi e indurli a spendere per il programma missilistico più di quanto potessero.

 

Dopo le Guerre stellari reaganiana, la ricerca militare laser è continuata nell’ambito di altri programmi.

 

Alla fine degli anni ’90, Israele e gli Stati Uniti hanno cercato di produrre un sistema laser sperimentale ad alta energia con una portata meno ambiziosa, volto a distruggere i razzi in volo.

 

Quello sforzo, noto come Nautilus, è stato accantonato nel 2005, in parte a causa dell’ingombro del sistema e delle scarse prestazioni.

 

La tecnologia è ora passata dal laser chimico, che richiedeva sostanze chimiche corrosive e tossiche per indurre un raggio e macchinari delle dimensioni di un laboratorio in loco, al laser a stato solido, che necessita solo di abbondanti quantità di elettricità.

 

In una recente svolta tecnologica, gli sviluppatori israeliani affermano di essere stati in grado di combinare molti raggi laser, a un’intensità molto elevata, e di farli incontrare in un punto specifico su un bersaglio aereo.

 

Funzionari israeliani affermano che il vantaggio principale dell’Iron Beam sarà il suo costo, con le intercettazioni che costano poco più della potenza necessaria per azionarlo. Il premier Bennett ha detto che le intercettazioni Iron Beam costano circa 3,50 dollari  a colpo, rispetto a decine di migliaia di dollari ciascuna per ogni intercettazione Iron Dome.

 

Inoltre, l’Iron Dome è pesantemente sovvenzionato dagli Stati Uniti, che hanno stanziato un ulteriore miliardo di dollari per l’arma nel bilancio 2022 in un momento in cui gli aiuti militari statunitensi a Israele sono diventati sempre più controversi.

 

Israele sta anche condividendo la sua conoscenza di Iron Beam con i suoi alleati americani, hanno affermato i funzionari israeliani al NYT.

 

Un alto funzionario militare ha affermato in un recente briefing che i caccia stealth F-35 israeliani hanno intercettato due droni iraniani l’anno scorso nello spazio aereo di un Paese vicino. Far decollare i più sofisticati aerei da guerra nell’arsenale israeliano per abbattere droni economici ha sottolineato l’enorme squilibrio di costi che Israele deve affrontare nel difendersi da razzi e droni relativamente economici, ha detto il funzionario, parlando a condizione di anonimato in linea con le regole dell’esercito.

 

Il generale Rotem ha dichiarato al quotidiano americano che Iron Beam ribalterebbe l’equazione economica con i nemici di Israele e che Israele recupererebbe il suo investimento in appena due settimane di conflitto.

 

Lo schieramento iniziale dell’arma laser sarebbe intorno a Gaza, dice il Rotem, poi lungo tutti i confini ostili di Israele.

 

A differenza di un lanciatore Iron Dome, che può inviare più intercettori contemporaneamente, con ognuno che trova il proprio bersaglio, le armi laser devono concentrarsi su un bersaglio prima di passare a un altro.

 

Come riportato da Renovatio 21, la Marina USA ha già testato con successo a più riprese armi laser per distruggere bersagli galleggianti «vaporizzandoli».

 

Il Pentagono teme anche lo sviluppo di armi laser da parte dei cinesi.

 

In una bozza di rapporto sul disegno di legge sulla Difesa 2022, la Commissione per gli stanziamenti della Camera USA ha sottolineato «le crescenti minacce poste dai laser a terra in grado di danneggiare o distruggere sensori spaziali sensibili in orbita bassa».

 

Il comitato parlamentare, pur senza citare direttamente Pechino, ha anche notato «la mancanza di una strategia coordinata per comprendere questa minaccia e sviluppare concetti per mitigarne i rischi».

 

Continua a leggere

Militaria

128° giorno di guerra, notizie e immagini dal fronte

Pubblicato

il

Da

– L’agenzia russa Ria Novosti ha battuto la notizia della presa di Lisichansk.

 

– Mappa della situazione attuale.

 

– Il gasdotto russo-tedesco Nord Stream 1 si fermerà entrambe dall’11 al 21 luglio per la manutenzione programmata.

 

– Bandiera della vittoria sopra il palazzo comunale di Lisichansk

 

– Pose fotografiche dalla presa di Lisichansk

 

– La Repubblica Popolare di Donetsk diffonde le cifre ufficiali sulle proprie perdite in guerra dal primo gennaio al 30 giugno: 2247 militari morti e 9453 feriti, 687 civili morti e 2228 feriti.

 

– Video da canali russi: mostrerebbe la polizia ucraina nella città della Transcarpazia di Mukachevo (Ucraina occidentale) coscrivere forzatamente gli uomini verso le Forze Armate Ucraine.

– Secondo alcuni resoconti russi dalla regione di Kharkov le truppe di Mosca starebbero muovendo in direzione della periferia settentrionale della città. Vi sarebbero attualmente scontri nella strada Belgorod-Kharkov. Dal luogo degli scontri alla città sono circa 14 km.

 

– La bandiera UE entra tra scroscianti applausi alla Rada, il parlamento ucraino

 

– In Scozia e Galles monta lo scandalo dei fondi per l’Ucraina: Nicola Sturgeon, premier scozzese, dice che quei soldi non dovrebbero essere utilizzati per le armi.

 

– Analisti di JP Morgan:se il G7 riuscisse a fissare un tetto al prezzo del petrolio russo e il Cremlino, per ritorsione, bloccasse la produzione, il petrolio salirebbe alla cifra di 380 dollari al barile

 

– Missili russi su Kharkov e Nikolev

 

– Per la prima volta nella storia, gli Stati Uniti hanno superato la Russia come fornitori di gas all’Europa, ha affermato su Twitter il direttore esecutivo dell’Agenzia internazionale per l’energia Fatih Birol. Coincidenza.

 

– Le forze aerospaziali russe bombardano l’Isola dei Serpenti con bombe al fosforo: filmato del ministero della Difesa di Kiev.

 

– La testata tedesca Der Spiegel sostiene che la Commissione Europea, su pressione di Berlino, nei prossimi giorni pubblicherà chiarimenti sui trasporti per Kaliningrad, consentendo alla Russia di riprendere il transito,  sia pur con limitazioni.

 

 

– Lunghe code a Kherson per la pensione pagata in rubli

– In Romania è deragliato un treno che trasportava il grano ucraino.

– Pioggia di artiglieria russa a Slavjansk

 

– I rappresentanti di 33 paesi (tutta la UE tranne Ungheria e Bulgaria, USA, Giappone e Canada etc) sostengono l’ iniziativa polacca che chiede la sospensione della Russia da tutte le federazioni sportive internazionali.

 

– Attacco missilistico mattutino dei russi su Kharkov

– Soldati russi tornano a casa accolti da famigliari e dalla comunità. Video dalla città russa di Kaluga.

– Il capo dell’ Agenzia Internazionale per l’ Energia tedesco non esclude che il prossimo inverno il sistema industriale europeo possa subire dei razionamenti energetici.

 

 

 

 

Continua a leggere

Bizzarria

Carrarmati diretti in Ucraina multati in autostrada in Campania

Pubblicato

il

Da

Un convoglio di carrarmati diretti in Ucraina è stato fermato e multato dalla polizia stradale sull’autostrada A30 (Salerno-Caserta). Lo riporta il quotidiano Il Mattino.

 

Si trattava di cinque Panzerhaubitze  2000  che provenivano dalla base militare di Persano (in provincia di Salerno) e transitavano in direzione della guerra in ex-URSS.

 

I PZH 2000 sono obici semovente da 155/52 mm prodotti in Germania  considerati il mezzo più moderno della loro categoria. I PZH sono in dotazione di Paesi Bassi, Grecia e Italia, la quale ne possiede 68 esemplari costruiti su licenza dal consorzio IVECO-OTO Melara.

 

Secondo quanto si apprende, alcuni dei trattori e i semirimorchi utilizzati da imprese private per il trasporto dei tanki sono risultati sprovvisti di carta circolazione e con revisione scaduta.

 

È stato inoltre riferito che uno dei conducenti non aveva l’autorizzazione per i trasporti eccezionali.

 

I panzer destinati alle forze di Kiev sono dunque stati rispediti alla basa di Persano, con l’eccezione di due, che, avendo i documenti in regola, hanno proseguito oltre, verso Zelens’kyj e il conflitto.

 

La situazione è bellissima e verrebbe voglia di ridere ma si tratta pur sempre della guerra.

 

La tentazione di pensare che sia la prima volta che si esulta per la pervicace volontà multatoria degli agenti italiani per alcuni è fortissima.

 

L’art. 11 della Costituzione («l’Italia ripudia la guerra…») salvato dalle more.

 

Multe che tecnicamente hanno fatto di più per la pace che tutto il Parlamento italiano messo insieme.

 

 

 

 

Immagine di Sonaz via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 3.0 Unported (CC BY 3.0)

 

Continua a leggere

Geopolitica

Le forze russe intrappolano 2.000 soldati ucraini

Pubblicato

il

Da

Il portavoce del ministero della Difesa russo, il tenente generale Igor Konashenkov, ha riferito mattina che le forze russe hanno completato l’accerchiamento di quattro battaglioni di truppe ucraine insieme a una formazione armata di Pravij Sektor e un gruppo di mercenari stranieri dentro e intorno alle comunità di Gorskoye e Zolotoye nel regione di Lugansk.

 

Gorskoye e Zolotoye si trovano entrambi a sud di Lisichansk sul lato meridionale del saliente che è ancorato a est da Severodonetsk.

 

Il gruppo ucraino è stato completamente isolato, ha sottolineato il generale.

 

In tutto, fino a 2.000 soldati ucraini sono rimasti intrappolati, ha detto Konashenkov, ha riferito l’agenzia russa TASS.

 

«Circa 1.800 militari, 120 nazisti del settore destro, fino a 80 mercenari stranieri e anche oltre 40 veicoli corazzati da combattimento e circa 80 pistole e mortai», ha detto, aggiungendo che 41 soldati ucraini si erano arresi volontariamente in quella zona nelle ultime 24 ore.

 

«Come dicono i prigionieri di guerra, il gruppo ucraino accerchiato è esausto e con meno del 40% del personale. Il comando militare ucraino superiore ha perso il comando e il controllo delle truppe. Le forniture di armi, munizioni, carburante e altro inventario sono state completamente sospese», ha affermato il portavoce militare russo.

 

Le truppe russe stanno stringendo la presa attorno alle comunità di Gorskoye e Zolotoye, infliggendo continuamente danni al nemico con la potenza di fuoco.

 

Le forze russe hanno ottenuto il controllo di metà della comunità di Zolotoye il 23 giugno, ha spiegato il generale.

 

Il governatore del regime di Kiev della regione di Lugansk, Serhiy Haidai, ha dichiarato oggi all’Associated Press che alle truppe ucraine è stato ordinato di lasciare Severodonetsk per posizioni meglio fortificate più indietro.

 

«Purtroppo, dovremo ritirare le nostre truppe da Severodonetsk», ha detto. «Non ha senso rimanere nelle posizioni distrutte e il numero di uccisi in azione è cresciuto».

 

 

 

Immagine da Telegram

 

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari