Connettiti con Renovato 21

Epidemie

La seconda ondata del COVID USA è una bufala politica?

Pubblicato

il

 

 

 

Renovatio 21 traduce questo articolo di William F. Engdahl.

 

 

 

Per diverse settimane, proprio mentre la maggior parte degli stati degli Stati Uniti ha iniziato a riaprire, dopo tre mesi di blocco per «appiattire la curva», diversi stati tra cui Texas e Florida hanno iniziato a segnalare nuovi numeri record che sono risultati positivi al coronavirus. Almeno questo è ciò che viene detto al mondo.

 

Un’indagine più attenta suggerisce che quella che si sta svolgendo è un’enorme manipolazione dei test del coronavirus che include la collusione da parte dei Centri nazionali per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC), lo stesso CDC che ha gravemente pasticciato il lancio iniziale dei test sui virus a marzo distribuendo i test nei quali sono state trovate tracce del virus e altri difetti gravi.

Un’indagine più attenta suggerisce che quella che si sta svolgendo è un’enorme manipolazione dei test del coronavirus che include la collusione da parte dei Centri nazionali per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC)

 

L’attuale scandalo reca i segni di qualcosa di più della cattiva gestione. Sembra una collusione politica per influenzare le elezioni di novembre e molto altro ancora.

 

 

Sembra che oggi qualcosa sia molto, molto marcio nello Stato del Texas. Lo stesso per Florida, California, Arizona e molti altri stati che, subito dopo la riapertura, ora hanno nuovamente imposto il blocco e lo sciocco e inefficace indossare la maschera e l’allontanamento sociale.

 

L’attuale scandalo reca i segni di qualcosa di più della cattiva gestione. Sembra una collusione politica per influenzare le elezioni di novembre e molto altro ancora.

Tuttavia, se guardiamo i dati effettivi per i decessi attribuiti al coronavirus, poiché intorno alla metà di aprile, i decessi giornalieri designati per COVID-19, sia «con» o «di», sono costantemente scesi a un livello inferiore di circa il 90%. il picco.

 

Anche il CDC ha dovuto ammettere che a «livello nazionale, i livelli di malattia simil-influenzale (ILI) sono complessivamente bassi … I cambiamenti negli indicatori che monitorano la malattia simil-COVID-19 (CLI) e SARS-CoV-2 confermati dal laboratorio sono stati incoerenti durante la settimana più recente, con alcuni in aumento ma altri in diminuzione».

 

Quindi il rapporto settimanale del CDC aggiornato il 17 luglio, fa la seguente dichiarazione: «Sulla base dei dati del certificato di morte, la percentuale di decessi attribuiti a polmonite, influenza o COVID-19 (PIC) è diminuita dall’8,1% durante la settimana 27 al 6,4% durante la settimana 28, che rappresenta la dodicesima settimana di una percentuale in calo di decessi dovuti a PIC… A livello nazionale, l’attività ILI rimane al di sotto della linea di base per la tredicesima settimana ma è aumentata da 5 settimane ».

Stiamo parlando di test per la presenza di un virus specifico, SARS COV-2, o si tratta di malattie «simil-influenzali», un termine passpartout che può includere o meno il coronavirus?

 

Notare attentamente il linguaggio. Il CDC definisce ILI come «malattia simil-influenzale». Quindi stiamo parlando di test per la presenza di un virus specifico, SARS COV-2, che è accusato dell’epidemia di Wuhan che apparentemente si è diffuso a livello globale dall’inizio del 2020? O si tratta di malattie «simil-influenzali», un termine passpartout che può includere o meno il coronavirus?

 

Il CDC ha raggruppato abilmente le morti da polmonite, influenza o COVID-19 in un unico paniere di morte per cause che chiamano PIC – Polmonite, Influenza o COVID –19. Tutti i decessi di PIC sono ora convenientemente designati come COVID-19 per le istruzioni CDC su un certificato di morte.

 

Anche con questo astuto gioco di prestigio, il CDC non può nascondere il fatto che tutte le morti di PIC negli Stati Uniti sono diminuite da dodici settimane. Come mantenere la nazione in uno stato di paura e isolamento più a lungo e come soddisfare l’agenda di democratici senza scrupoli che sembrano disposti a fare di tutto per indebolire l’economia per forzare la sconfitta del candidato presidenziale repubblicano il 3 novembre?

Il CDC ha raggruppato abilmente le morti da polmonite, influenza o COVID-19 in un unico paniere di morte per cause che chiamano PIC – Polmonite, Influenza o COVID –19. Tutti i decessi di PIC sono ora convenientemente designati come COVID-19 per le istruzioni CDC su un certificato di morte.

 

 

Una «pandemia di casi»?

La risposta è stata un drammatico aumento del numero di test sui cittadini per il coronavirus o più precisamente per un test indiretto di anticorpi o altri segni che possono o meno indicare che una persona ha SARS COV-2.

 

Intorno alla metà di giugno, poiché la maggior parte degli stati si stava aprendo giustamente a condizioni più normali, il CDC ha spinto per un massiccio aumento dei test.

 

Naturalmente un aumento drammatico di quelli testati darà un numero crescente di persone che risultano positive anche alle indicazioni di coronavirus.

 

Come mantenere la nazione in uno stato di paura e isolamento più a lungo e come soddisfare l’agenda di democratici senza scrupoli che sembrano disposti a fare di tutto per indebolire l’economia per forzare la sconfitta del candidato presidenziale repubblicano il 3 novembre?

Proprio quando Trump e molti governatori statali stavano sostenendo sensatamente misure per riaprire, il CDC ha iniziato a spingere per un drammatico aumento dei test. I test sono passati da circa 150.000 a oltre 700.000 al giorno. Reuters ha riferito che anche molti dei test approvati dal CDC erano contaminati.

 

Ora il caso del Texas è esemplare di ciò che sembra stia accadendo. Secondo i funzionari del Texas in contatto con l’ex membro del Congresso statunitense Ron Paul, egli stesso un medico, il Dipartimento dei servizi sanitari dello Stato del Texas ha cambiato la definizione di ciò che costituisce un «caso Covid» a metà maggio, quando i casi erano in significativo declino.

 

La nuova definizione afferma, «mentre in precedenza la determinazione di un» caso «COVID era un risultato del test confermato, la definizione è stata improvvisamente cambiata per contare i casi probabili» come «casi».

 

Allo stesso tempo, la soglia per determinare «probabile» è stata abbassata a un livello ridicolo. Fondamentalmente se hai febbre e mal di testa, anche senza un test corona, puoi essere elencato come un «probabile paziente COVID-19».

Proprio quando Trump e molti governatori statali stavano sostenendo sensatamente misure per riaprire, il CDC ha iniziato a spingere per un drammatico aumento dei test. I test sono passati da circa 150.000 a oltre 700.000 al giorno. Reuters ha riferito che anche molti dei test approvati dal CDC erano contaminati

 

la cosa peggiora. Sulla base di criteri soggettivi probabilmente non correlati, fino a 15 persone in possibile contatto con quel caso «probabile» sono state elencate come «casi probabili» E i «casi probabili» erano considerati casi. Presto! Il Texas è nel panico e le maschere obbligatorie e altre misure draconiane imposte.

 

Inoltre, i funzionari sanitari del Texas hanno aggiunto alle paure segnalando che gli ospedali nello stato venivano inondati da pazienti affetti da corona. Tuttavia, quando sono stati contattati, gli stessi direttori dell’ospedale di Houston hanno affermato di non essere neanche lontanamente vicini alla capacità effettiva e in effetti erano all’incirca allo stesso livello dell’anno scorso. Il Texas ha un governatore repubblicano ed è uno stato critico per Trump a novembre.

 

 

Anche la Florida …

In Florida, dove il governatore repubblicano è stato oggetto di pesanti attacchi da parte dei media per aver permesso l’apertura delle spiagge e altri luoghi pubblici, poiché i casi sono stati drasticamente diminuiti nel Sunshine State, il recente picco di casi «positivi» corona è altrettanto sospetto.

Allo stesso tempo, la soglia per determinare «probabile» è stata abbassata a un livello ridicolo. Fondamentalmente se hai febbre e mal di testa, anche senza un test corona, puoi essere elencato come un «probabile paziente COVID-19».

 

Una stazione televisiva locale della Florida è stata avvisata quando ha visto un’interruzione dei test di laboratorio, molti dei quali hanno mostrato che il 100% di tutti i test era «positivo». La stazione TV ha contattato i laboratori di prova in tutto lo stato. Quello che hanno trovato è stato illuminante.

 

Il reporter televisivo Charles Billi ha osservato: «Abbiamo trovato numerosi laboratori che riportano solo risultati positivi ai test, quindi mostrano un tasso di positività del 100%. Questo ha attirato la nostra attenzione».

 

Hanno individuato ventidue laboratori che hanno riportato tassi di positività del 100%. Due laboratori hanno riportato tassi di positività del 91,18%.

 

In Florida ventidue laboratori che hanno riportato tassi di positività del 100%. Due laboratori hanno riportato tassi di positività del 91,18%.

Tali risultati suggeriscono qualcosa di marcio da qualche parte. Ulteriori indagini hanno mostrato che molti laboratori non hanno nemmeno riportato risultati negativi. Ma quando i giornalisti televisivi hanno contattato i vari laboratori per mettere in dubbio i numeri scioccanti, i dati sono cambiati in modo sospetto. Un laboratorio, Orlando Health, ha registrato un tasso di positività del 98%. «Tuttavia, quando FOX 35 News ha contattato l’ospedale, hanno confermato gli errori nel rapporto. Il tasso di positività di Orlando Health è solo del 9,4%, non del 98% come nel rapporto». Allo stesso modo, l’Orlando Veteran’s Medical Center ha avuto un tasso di positività del 76%. in realtà il 6 per cento. Questa è un’enorme differenza.

 

Non sorprende che le «infezioni» da COVID-19 abbiano mostrato un allarmante aumento in Florida nelle ultime settimane. Al 14 luglio i funzionari sanitari dello stato della Florida non avevano risposto alle richieste di commento dei giornalisti.

Citando un drammatico aumento delle persone testate positivamente alla corona, il governatore democratico della California Gavin Newsome il 14 luglio ha annullato la sua decisione di consentire la riapertura di scuole, uffici, centri commerciali e chiese, sebbene le marce di protesta come Antifa o BLM siano consentite, a quanto pare

 

Citando un drammatico aumento delle persone testate positivamente alla corona, il governatore democratico della California Gavin Newsome il 14 luglio ha annullato la sua decisione di consentire la riapertura di scuole, uffici, centri commerciali e chiese, sebbene le marce di protesta come Antifa o BLM siano consentite, a quanto pare.

 

Quella decisione in uno stato di 40 milioni e la più grande economia statale, darà un duro colpo a qualsiasi ripresa economica degli Stati Uniti prima di novembre.

 

Il mese scorso il governatore democratico Gavin Newsom ha ordinato che le schede fossero inviate per posta a tutti i 20,6 milioni di elettori della California per le elezioni generali del 3 novembre.

 

 

Narrativa modificata

Questi casi indicano l’enorme, puzzolente miasma che circonda l’intero argomento di rischio per la popolazione americana da SARS COV-2 e un’agenda politica che potrebbe avere conseguenze minacciose per il processo democratico in America

Questi casi indicano l’enorme, puzzolente miasma che circonda l’intero argomento di rischio per la popolazione americana da SARS COV-2 e un’agenda politica che potrebbe avere conseguenze minacciose per il processo democratico in America.

 

Le influenti forze politiche che sostengono il guru dell’Istituto Nazionale della Salute Tony «fidati-della-scienza» Fauci – il quale ha sempre sbagliato nei suoi consigli, ma ha sempre spinto i blocchi, i test ei vaccini più draconiani – stanno chiaramente cercando di continuare il blocco distruttivo fino alle elezioni americane di novembre.

 

Sembrano disposti a impegnarsi in ogni manipolazione e promozione di panico per farlo. Ora hanno semplicemente cambiato la narrazione.

 

Le influenti forze politiche che sostengono il guru dell’Istituto Nazionale della Salute Tony «fidati-della-scienza» Fauci – il quale ha sempre sbagliato nei suoi consigli, ma ha sempre spinto i blocchi, i test ei vaccini più draconiani – stanno chiaramente cercando di continuare il blocco distruttivo fino alle elezioni americane di novembre

Tre mesi fa Fauci e altri hanno affermato che l’obiettivo dei blocchi e del distanziamento sociale – qualcosa di mai fatto prima nella moderna sanità pubblica – era quello di “appiattire la curva” dei nuovi casi di coronavirus in modo che gli ospedali non fossero sovraccaricati.

 

Quel sovraccarico è accaduto raramente. Ora con gli ospedali quasi vuoti in tutta la nazione, la narrativa si è spostata sul numero insignificante di «nuovi casi» di coronavirus,

 

Il dottor John Ioannidis della Stanford University sottolinea che il tasso di mortalità COVID-19 per i minori di 45 anni è «quasi zero» e tra i 45 ei 70 anni è compreso tra lo 0,05% e lo 0,3%.

 

Quindi, il fatto che i giovani e gli adulti di mezza età siano risultati positivi in ​​gran numero non è un segnale di avvertimento di un imminente assalto di morti, poiché il rischio di morte in queste fasce d’età è minimo. La curva COVID19 è stata «appiattita».

 

La politica sta guidando gli eventi del COVID-19 USA , ma non la politica che Fauci e il governatore della California sostengono. Ciò potrebbe avere conseguenze sociali ed economiche catastrofiche se dovesse continuare.

Con gli ospedali quasi vuoti in tutta la nazione, la narrativa si è spostata sul numero insignificante di «nuovi casi» di coronavirus,

 

 

William F. Engdahl

 

 

 

F. William Engdahl è consulente e docente di rischio strategico, ha conseguito una laurea in politica presso la Princeton University ed è un autore di best seller sulle tematiche del petrolio e della geopolitica. È autore, fra gli altri titoli, di Seeds of Destruction: The Hidden Agenda of Genetic Manipulation («Semi della distruzione, l’agenda nascosta della manipolazione genetica»), consultabile anche sul sito globalresearch.ca.

 

 

Questo articolo, tradotto e pubblicato da Renovatio 21 con il consenso dell’autore, è stato pubblicato in esclusiva per la rivista online New Eastern Outlook e ripubblicato secondo le specifiche richieste.

 

Renovatio 21 offre la traduzione di questo articolo per dare una informazione a 360º.  Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

PER APPROFONDIRE

Presentiamo in affiliazione Amazon alcuni libri del professor Engdahl

 

 

Continua a leggere

Epidemie

Stalking vaccinale: donna inseguita ed additata da un uomo perché «non-vaccinata»

Pubblicato

il

Da

 

 

Uno strano video è recentemente divenuto virale in rete.

 

Il filmato mostra un uomo in mascherina mentre segue una donna in un negozio della catena americana Target. L’uomo indossa anche una spilla che presumibilmente testimonia la sua avvenuta vaccinazione.

 

L’inseguitore cerca dunque di svergognare la signora pubblicamente, accusandola di non essere stata vaccinata.

 

Alle proteste della signora, sempre più sconvolta, l’uomo punta il dito e risponde: «È una legge statale».

 

Parrebbe proprio un caso di stalking vaccinale, una nuova variante della violenza sulle donne che sembra però non interessare i media e la politica, recentemente ossessionati dal tema dei maschi prevaricatori.

 

«È il nostro lavoro come comunità riunirci e assicurarci che le persone si vergognino quando mettono a rischio il resto di noi», ripete l’uomo nel video, sostenendo di essere sposato ad una infettivologa (o infettivologo, non sappiamo).

 


Infine, l’uomo viene dissaso dal continuare nella molestia grazie all’intervento della guardia di sicurezza del negozio.

 

Come segnala Summit News, numerosi utenti su internet hanno ricordato la strana somiglianza (anche cromatica!) di questa scena reale con una del film L’invasione degli Ultracorpi.

 

 

Nel famoso film americano, che negli anni ha avuto diverse versioni, gli alieni sostituiscono gli umani e sono in gran parte indistinguibili a parte la loro ossessione per il conformismo.

 

In settimana Don Lemon, giornalista di punta delle CNN, ha dichiarato in TV che, al pari dei sostenitori di Trump, bisognerebbe  chiamare «stupidi» i non vaccinati, e pure i«niziare a svergognarli» in pubblico.

 

«Oppure, abbandonarli» ha detto con grande umanità Lemon parlando con il collega Chris Cuomo.

 

Detto, fatto.

Continua a leggere

Epidemie

Studio: quasi il 50% dei «ricoveri per COVID» 2021 sono stati casi lievi o asintomatici

Pubblicato

il

Da

 

 

Un recente studio mette in discussione quanto sia affidabile e significativo la statistica riguardo i «pazienti ricoverati in ospedale con COVID-19» negli Stati Uniti.

 

I ricoveri per COVID sono comunemente considerati come la metrica principale quando si discute della gravità della pandemia.

 

Si apprende che tali numeri potrebbero non essere così significativi: la rivista Atlantic ha pubblicato un pezzo straordinario martedì citando un nuovo studio che suggerisce «quasi la metà di quelli ricoverati in ospedale con COVID-19 è per casi lievi o asintomatici».

Lo studio ha rilevato che da marzo 2020 a gennaio 2021, il 36% dei casi di COVID in ospedale era lieve o asintomatico

 

L’Atlantic aveva precedentemente  definito i ricoveri per COVID «il numero pandemico più affidabile», lo scorso inverno.

 

Ora, dopo che è stato pubblicato uno studio nazionale sui registri di ospedalizzazione, la rivista sta aggiustando il tiro riguardo quest’idea.

 

I ricercatori della Harvard Medical School, del Tufts Medical Center e del Veterans Affairs Healthcare System si sono assunti il ​​compito di cercare di capire quanto fossero gravi i casi di COVID nei ricoverati e quante persone conteggiate come ricoveri COVID fossero effettivamente in ospedale per COVID, rispetto al fare il test per il COVID dopo essere stato ricoverato per qualcos’altro.

 

Lo studio «ha analizzato i registri elettronici per quasi 50.000 ricoveri ospedalieri COVID negli oltre 100 ospedali VA in tutto il paese», scrive The Atlantic.

 

Lo studio ha «verificato se ogni paziente necessitava di ossigeno supplementare o aveva un livello di ossigeno nel sangue inferiore al 94%» per cercare di determinare se i casi soddisfacessero la soglia del NIH per la definizione di «COVID grave».

 

«Lo studio suggerisce che circa la metà di tutti i pazienti ricoverati che sono stati presentati sui cruscotti dei dati COVID nel 2021 potrebbe essere stata ricoverata per un altro motivo completamente o avere solo una presentazione lieve della malattia»

Lo studio ha rilevato che da marzo 2020 a gennaio 2021, il 36% dei casi di COVID in ospedale era lieve o asintomatico.

 

Da gennaio 2021 a giugno 2021, durante la diffusione della variante Delta, tale numero è salito fino al 48%. Per i pazienti ospedalieri vaccinati, il numero è salito a un sorprendente 57%.

 

«Lo studio suggerisce che circa la metà di tutti i pazienti ricoverati che sono stati presentati sui cruscotti dei dati COVID nel 2021 potrebbe essere stata ricoverata per un altro motivo completamente o avere solo una presentazione lieve della malattia» scrive The Atlantic.

 

«Lo studio dimostra anche che i tassi di ospedalizzazione per COVID, come quelli citati da giornalisti e responsabili politici, possono essere fuorvianti, se non considerati con attenzione»

«Lo studio dimostra anche che i tassi di ospedalizzazione per COVID, come quelli citati da giornalisti e responsabili politici, possono essere fuorvianti, se non considerati con attenzione».

 

The Atlantic è una rivista fondata nel 1857 da personaggi del calibro di Ralph Waldo Emerson. Negli anni ha espresso i suoi endorsement per candidati democratici come Lyndon Johnson e Hillary Clinton. Pochi anni fa il giornale chiese l’impeachment del presidente Donald Trump.

 

C’è speranza.

Continua a leggere

Epidemie

Per la Danimarca il COVID non è più una «malattia socialmente critica»

Pubblicato

il

Da

 

 

La Danimarca non considererà più il COVID-19 una «malattia socialmente critica». Di conseguenza, Copenhagen bbatterà tutte le restrizioni pandemiche a partire dal 10 settembre. Lo riporta il New York Times.

 

Magnus Heunicke, ministro della Salute del governo espresso dal partito socialdemocratico, aveva scritto su Twitter la scorsa settimana che il paese ha raggiunto la percentuale di vaccinazione a ciclo completo  dell’80% dei cittadini residenti di età superiore ai 12 anni.

 

 

Il giorno dopo, sempre sul social media, ha annunciato che sarebbero state rimosse tutte le limitazioni scattate con la pandemia.

 

«È la buona gestione dell’epidemia danese che lo rende possibile e voglio ringraziare tutti coloro che sono coinvolti per un lavoro gigantesco».

 

La designazione di «malattia socialmente critica» è politica e ha permesso ai funzionari danesi di attuare misure come chiusure nazionali e requisiti per i pass per il coronavirus

La designazione di «malattia socialmente critica» è politica e ha permesso ai funzionari danesi di attuare misure come chiusure nazionali e requisiti per i pass per il coronavirus.

 

Il ministro Heunicke ha affermato che a partire dal 10 settembre il paese eliminerà gradualmente l’ultima delle sue “importanti restrizioni”, incluso il dover mostrare i pass per il coronavirus nei locali notturni e negli eventi sportivi, secondo il Jyllands-Posten, il quotidiano danese divenuto famoso per la questione delle vignette considerate blasfeme dall’Islam.

 

Tuttavia, l’Heunicke ha anche dichiarato che se la situazione cambia, il governo non esiterà a intervenire.

 

Come riportato da Renovatio 21, la Danimarca è stata tra i primi Paesi a muoversi verso il passaporto vaccinale, e al contempo tra le prime piazze dove si sono svolte proteste massive contro di esso.

 

In un balzo in avanti insensato e preoccupante, l’obbligo vaccinale era stato proposto in Danimarca ancora l’anno scorso, mesi e mesi prima che esistesse il primo vaccino anti-COVID.

 

Questo sito ha segnalato pure altri grotteschi e boccacceschi episodi prodottisi in Danimarca a fine lockdown.

 

Il Paese è salito agli onori delle cronache per un programma TV dove gli adulti si spogliano dinanzi ai bambini e per la proposta del Consiglio di Etica nazionale di legalizzare il cambio di sesso per i bambini di 10 anni.

Continua a leggere

Più popolari