«Fermate il terrore del Coronavirus diffuso dall’élite scientifica» chiede il professore.

 

 

 

 

Un professore di sociologia del Regno Unito ha scritto un appassionato editoriale che chiede ai governi di smettere di «terrorizzare» le persone con misure estreme a seguito della pandemia di coronavirus, affermando che un «senso di proporzione» è disperatamente necessario.

 

Scrivendo nell’Express , Robert Dingwall, professore di sociologia alla Nottingham Trent University, ha definito il virus una «brutta infezione».

 

«Sei mesi dopo questa pandemia, abbiamo imparato che non spazzerà via la vita umana su questo pianeta. È una brutta infezione e ogni morte rappresenta una persona amata da qualcuno. Ma è tempo per un senso di proporzione».

«COVID -19 è stato collegato a circa 50.000 morti nelle prime 16 settimane della pandemia del Regno Unito – ma circa 1.000 persone muoiono normalmente ogni settimana», dichiara il professore.

 

«Nelle ultime cinque settimane sono morte meno del solito». Il sociologo quindi osserva che oltre l’80% delle vittime aveva comunque gravi condizioni di base.

 

«Sei mesi dopo questa pandemia, abbiamo imparato che non spazzerà via la vita umana su questo pianeta. È una brutta infezione e ogni morte rappresenta una persona amata da qualcuno. Ma è tempo per un senso di proporzione».

 

Il professore descrive una «élite scientifica di mentalità ristretta» che rischia l’eradicazione di «industria, commercio, commercio, viaggi, arte, tempo libero, apprendimento, sport, cultura, libertà e privacy» con misure di blocco estreme.

 

Il professore descrive una «élite scientifica di mentalità ristretta» che rischia l’eradicazione di «industria, commercio, commercio, viaggi, arte, tempo libero, apprendimento, sport, cultura, libertà e privacy» con misure di blocco estreme.

«Abbiamo questo messaggio molto forte che ha terrorizzato efficacemente la popolazione nel credere che questa è una malattia che ti ucciderà. E per lo più non lo farà».

 

«Ci imprigioneremo nelle nostre case, troppo spaventati per avventurarci lontano, per mescolarci con gli altri, per imparare dalla diversità, per fare nuove esperienze e scoprire nuove idee»

 

«Una pandemia può essere un’opportunità per alcuni leader medici di imporre le loro idee su come le persone dovrebbero vivere – ma ciò non significa che dovrebbero essere autorizzati a farlo».

 

«Esiste il reale pericolo di scivolare in una situazione in cui pensiamo che la salute sia l’unico scopo nella vita. È tempo di smettere di “seguire la scienza “e di riconoscere che stiamo facendo delle scelte sul tipo di società in cui vogliamo vivere»

«Esiste il reale pericolo di scivolare in una situazione in cui pensiamo che la salute sia l’unico scopo nella vita. È tempo di smettere di “seguire la scienza “e di riconoscere che stiamo facendo delle scelte sul tipo di società in cui vogliamo vivere».

 

«L’alternativa è rannicchiarsi nelle nostre case, nascondere i nostri volti gli uni dagli altri e gradualmente diventare più poveri» afferma il professore.