Connettiti con Renovato 21

Satira

Disperato appello al Parlamento: rimuovete il governo Draghi

Pubblicato

il

Onorevoli parlamentari,

 

vi scrivo perché qualche giorno fa, d’un tratto, mi avete dato un’insperato raggio di speranza.

 

Avevano incastrato anche voi, come i vostri colleghi britannici, americani, israeliani (questi ultimi più svegli, c’è da dire) nel nuovo rito orwelliano cui devono sottoporsi tutti i rappresentanti del cosiddetto mondo libero: la teleconferenza Zoom con l’attore-presidente in stato di alterazione Volodymyr Zelens’kyj. (Che in realtà, essendo nato in una famiglia di ebrei russi, mi sa che si chiama Vladimir, come Putin, ma del resto è un attore, merita di cambiare come piace al suo pubblico)

 

Non l’hanno detto ad alta voce, tuttavia ho sentito che qualcuno si è lamentato, e ha puntato il ditino di parassita sistemico: in aula c’erano oltre 300 assenti.

 

Non sapete che gioia inaspettata. Quindi, nonostante il bombardamento della propaganda che stiamo vivendo ovunque (accendente la TV o Twitter: gli ucraini, che comunque sono vittime, si apprestano a marciare su Mosca anzi su Vladivostok!) qualcuno di voi riesce ancora a ragionare.

 

Potrei uccidere il mio entusiasmo all’istante, basterebbe pensare che state praticamente tutti in partiti al governo (massì, anche l’opposizione della Melona, in fondo, lo è) e che siete voi a votare l’apartheid biotica che avete inflitto a me e a tutta la Nazione.

 

Tuttavia, sento già qualcuno di voi che si difende: abbi pietà di noi, i nostri partiti al governo hanno messo le loro facce peggiori: gli Speranza, i Franceschini, i Giorgetti, i Brunetti, i Di Majo (va bene: per i 5 stelle il discorso è complicato, la qualità diciamo che è assai omogenea).

 

Non importa, vado in epoché, sospendo stoicamente il giudizio perché devo lanciarvi subito, ô onorevoli, il mio ulteriore appello disperato: rimuovete il governo Draghi.

 

O almeno, rimuovete il Mario Draghi.

 

Lo dico senza impellenza. Per quanto possa sembrare bizzarro – uno che vuole cambiare il governo dovrebbe volerlo hic et nunc – vi dico che potete pure prendervi qualche giorno.

 

Perché questa richiesta non nasce da riflessioni apocalittiche sulla Cultura della Morte, la fine dei tempi e il ritorno del sacrificio umano, di quelle con cui riempio nottetempo Renovatio 21.

 

No, devo ammettere che la mia richiesta viene più da uno strano senso di… delusione.

 

Certo, sapevo chi era Draghi. Il Britannia e le privatizzazioni, la Goldman Sachs, l’Eurotorre, il Gruppo dei Trenta e la distruzione creativa, etc. etc.

 

Solo che me lo figuravo un po’ diverso. Pensavo: questo è uno sofisticato, questo ordisce piani potenti e diabolici, conosce tutto e tutti, ha una settantina d’anni di frequentazioni tra Wall Street, Francoforte, Borsella (mettetevela via: vogliamo chiamare Bruxelles così, ci sta tutto), Ciampi e Klaus Schwab, chissà che saggezza, chissà che profondità di pensiero ed azione.

 

Invece poi te lo ritrovi lì. Diverso. Non come te lo aspettavi.

 

Spara fake news, tipo sui vaccinati che non contagiano, e sui no vax che danno la morte. Dice cose di poco senso, non risponde a domande dirette. Non è in grado di articolare un discorso profondo sulle cause della guerra: fa complottismi da bar, o meglio da bouvette. Quando lo chiama Zelen’skyj dal bunker gli fa rispondere «telefoni ore pasti».

 

I politici lo vivono talmente male che nella corsa al Colle gli hanno preferito la palude: anche gli eletti, dunque, forse concordano con il mio pensiero, che va contro a quello che ogni ebete (soprattutto il goscista, quello che ha fatto subito ore di fila per la sprizza di mRNA sintetico a lui e al figlio) ci ha ripetuto a lungo: «Draghi è bravo».

 

Draghi è bravo? Massì, dai. Doveva essere il Monti premium. Quello che non ha problemi coi cagnolini «empatici» e che non confessa urbi et orbi che la missione è quella di distruggere la domanda interna.

 

Eppure, Monti aveva tutto un suo governo, fatto di alieni di tutti i tipi: gente mai vista prima, ma di potere immenso. La Fornero, quella dei Bilderberghi. Ricciardi, imperatore mondiale di Sant’Egidio. Il superbanchiere Passera, che è passato, senza attirare nessuno. Il mitico Giarda, ingiustamente canzonato e bullizzato alla Camera, con accuse tremende di fotoritocco delle orecchie fatto da quotidiani nazionali allineati. Il rettore della Cattolica Ornaghi, che in fondo non era nemmeno antipatico.

 

E invece Draghi? Al governo si tiene Speranza e Giggino di Majo. Questo davvero dice tutto sul suo effettivo potere.

 

Del reste, c’è qualcosa di rilevante che volete ricordare? Qualcosa che possiamo definire draghiano? (Fellini diceva: il successo è la trasformazione del tuo cognome in aggettivo)

 

Non lo ricordiamo per niente. Non una decisione netta, che faccia vedere quale ragione lo guidi. Non un discorso interessante: anzi, ricorderete quello di insediamento, in Parlamento, di una banalità sconcertante, robe che ci parevano raffazzonate lì per lì – ci sembrò – da uno che non conosce la politica ma vuole far sembrare il contrario.

 

Pensavamo che Draghi fosse un drago. Invece ci viene in mente una lucertolina. Non sputa fiamme, anzi, il tepore lo prende stando al sole il più possibile per un po’ di tempo, poi scappa via subito, un po’ pasticciona, come lo spazzacamino-rettile Biagio in Alice Paese delle Meraviglie. («Senti Biagio, tu sei un eroe, un vero» «Sul serio?»).

 

Scrivo perché  ho appena visto il premier in TV, e per l’ennesima mi sono cascate le braccia.

 

Il Draghi era a Borselle per l’incontro NATO, quello con Biden. Il quale, eccezionale, ne ha dette una delle sue: le sanzioni, ha assicurato ai giornalisti, non sono mai state pensate come deterrente. Eh? Ma allora perché si dovrebbe infliggere le sanzioni, se non funzionano?

 

Gli USA avrebbero dovuto impararlo dai tempi di Saddam etc. Le sanzioni non servono a nulla: in questo caso, certo, servono a distruggere l’economia euroamericana, perché l’effetto boomerang è oramai visibile a chiunque abbia una casa riscaldato, un’auto, un lavoro e, prossimamente, il bisogno di nutrirsi.

 

Tuttavia, non è la prima volta che Biden lo dice: ci sono clip contradditorie, mandate rete perfino dal Washington Post, in cui mostrano come il Grande Fratello della Casa Bianca poche settimane fa parlava della bellezza e dell’efficacia delle sanzioni.

 

Macché: ora Biden dichiara senza vergogna che esse non sono mai state adottate per fermare Putin, ma per causare «il massimo dolore possibile» – qualsiasi cosa voglia dire. Ci viene in mente la compagna di partito di Biden, Madeleine Albright, la sostenitrice di gruppi accusati di traffico di organi morta poc’anzi, quella che quando le chiesero se le sanzioni all’Iraq valevano il presso di mezzo milione di bambini morti, disse di sì.

 

Va bene, ma il problema non è Biden.

 

È che subito dopo il TG, sempre più orwelliano anche lui, ha mandato le parole di Draghi ai microfoni, fuori da un palazzo, non è chiaro se prima o dopo Biden – ma, ripetiamo, era lo stesso servizio TV.

 

Ecco che Draghi parla invece del grande valore delle sanzioni, che tanto danno stanno causando alla Russia. Qui sentiamo l’eco del suo ministro preferito, Giggino di Majo, che, forse inconsolabile per le offese ricevute alla sua idea di diplomazia e alla sua professionalità, in televisione andò a vantarsi del fatto che avevano fatto chiudere la Borsa di Mosca, subito prima di definire Putin «peggio di un animale».

 

Ci è sembrato, ecco, un discorso come tanti altri che abbiamo sentito fare a Draghi: vuoto. Fatuo. Privo di contenuti. Privo perfino di convinzione: in genere i politici riescono a simulare almeno quella, anche se non stanno dicendo nulla.

 

È stato l’ennesimo momento disperante. Ma perché non può dire qualcosa che magari è il contrario di quello che penso io, ma che almeno sa di ragionamento? Perché parla come se la realtà non esistesse? Perché dobbiamo meritarci questo momento fantasy della Repubblica, che tra lockdown e premier non eletto ha oramai la serietà di un giuoco di ruolo stile Dungeons&Dragons. («Segrete e Draghi»)

 

Sento i lettori che lamentano: preferivi il Conte? Boh, il governo alla fine è lo stesso, ci hanno spruzzato dentro qualche leghista e qualche forzista, tanto per far capire quanto siamo oramai sprofondati irreversibilmente nello Stato-partito.

 

Non so che dirvi.

 

Posso solo garantire che mi fanno male le orecchie a sentirlo parlare del danno all’economia russa quando Putin, di fatto, sta per fare scacco matto al dollaro inventandosi il petrorublo, in attesa dell’agrirublo, del metalrublo…

 

Quando oramai tutti stanno capendo che, causa sanzioni e stupidità atlantica, sta andando in scena la de-dollarizzazione del mondo, questo tira fuori la storiella della Russia, che si candida ad essere un hub economico mondiale che in pochi anni crescerà vertiginosamente negli investimenti grazie al valore del rublo impennato per il gas venduto a cinesi e indiani, ridotta a nazione ferita nel soldo.

 

E il problema è che la storiella non ce la racconta per ingannarci. Ce la racconta perché non ne ha un’altra da raccontare.

 

Forse un po’ ci crede anche lui.

 

 

Roberto Dal Bosco

 

 

 

 

Satira

Ecco l’Istituto per la cura delle coincidenze mediche

Pubblicato

il

Da

Lanciato negli USA una struttura interamente dedicata all’emergenza mediche dei nostri tempi: le coincidenze.

 

La nuova struttura sanitaria, chiamata «Istituto Kaufman per le coincidenze» ha da poco messo online il suo convincente spot pubblicitario.

 

Renovatio 21, lo ha sottotitolato per voi.

 

«Tu o una persona cara soffrite di una coincidenza medica? Vuoi un’assistenza medica adeguata, ma non vuoi che le persone ficchino il naso facendo un sacco di domande su cosa potrebbe causare il tuo problema? Al Kaufman Institute per le coincidenze, non esamineremo la causa del tuo cuore o altri problemi. Lo aggiusteremo. Proprio così. Promettiamo di esaminare solo i tuoi sintomi».

 

 

«Non diventeremo curiosi andando alla ricerca di cause perché ciò potrebbe portare il tuo datore di lavoro o il tuo medico in difficoltà legali. Nessuno vuole questo. Al Kaufman, comprendiamo che la coincidenza è ora la principale causa di morte. Se vogliamo operare alla velocità della scienza, non c’è tempo per cercare le cause».

 

«Nessuna domanda fastidiosa su farmaci o vaccini che potrebbero averti fatto prendere. Al Kaufman, siamo specializzati negli effetti e lasciamo le cause ai complottisti. E siamo onesti, conosciamo comunque la causa. È stata una coincidenza, vero? Per ogni nuovo paziente, il talentuoso team di medici di Kaufman si allaccia i paraocchi e guarda direttamente l’area problematica».

 

«Di solito, il cuore, proprio come raccomanda il CDC. Il nostro campus principale ora tratta miocardite, coaguli di sangue, aritmia cardiaca, ictus, infarto, pelle magnetica, difficoltà respiratorie, vesciche su tutto il corpo e convulsioni brucianti, insufficienza renale, perdita di memoria, cancro, morte improvvisa e molto altro ancora. Dai alla tua coincidenza l’attenzione che merita, ma non il tipo sbagliato di attenzione a Kaufman.

 

«Prenota il tuo appuntamento oggi su ww.kaufman.coincidenze.com e ricevi un certificato medico con una vera spiegazione dal suono scientifico da fornire ai tuoi amici no-vax, dimostrando loro che non è stato sicuramente il vaccino a causare la tua coincidenza».

 

«Kaufman, perché le coincidenze accadono praticamente sempre».

 

L’Istituto Kaufman è «partner ufficiale per le coincidenze mediche della NFL».

 

Purtroppo si tratta di satira.

 

Peccato.

 

 

 

 

Continua a leggere

Bizzarria

Il presidente del Sud Sudan si fa la pipì addosso: sei arresti

Pubblicato

il

Da

Il presidente del Sud Sudan Salva Kiir è stato ripreso durante una parata a dicembre mentre incontrovertibilmente si orinava addosso.

 

Nel video, divenuto inevitabilmente virale, è possibile vedere il presidente, 71 anni, in piedi per l’inno, mano sul cuore, assieme ad altri dignitari e militari. Vestito con un tradizionale abito chiaro, il presidente Kiir pare accorgersi del fatto che l’orina gli ha inzuppato completamente il pantalone sinistro, sino a creare un rivolo che si riversa sull’asfalto; tuttavia, dopo una fulminea valutazione, il capo dello Stato sud sudanese decide di non reagire, reggendosi sul suo bastone.

 

Non è possibile valutare altro del comportamento del presidente, in quanto è nascosto da una mascherina nera, occhiali da sole neri, e un cappello nero che ne fanno una sorta di personaggio Marvel, il cui superpotere però non è di certo la supervescica.

 

Sono drammatici i momenti in cui il torrente della pipì presidenziale, che gli passa in mezzo alle gambe come nel cosiddetto «tunnel» che taluni da giovani sperimentano fuori dai locali, corre giù irrefrenabile a lambire l’anfibio del militare appena dietro il Kiir. Il soldato se ne rende pienamente conto, tuttavia non ci è dato di sapere cosa abbia fatto, se abbia fatto un elegante, ma irrituale, passo di lato, oppure abbia subito stoicamente l’afflusso dell’escrezione del presidente sulle sue scarpe: infatti, qui la telecamera, nella realizzazione di quanto sta accadendo o in un impeto di letterale «carità di patria», stacca per andare a riprendere tizi a caso.

 

 

Le immagini della copiosa incontinenza urinaria sono rimbalzate su media e i social media, cagionando sei arresti presso la South Sudan Broadcasting Corporation (SSBC), che sono stati fermati dai servizi segreti del neonato Paese africano.

 

Gli arresti sono stati denunciati dal Comitato per la protezione dei giornalisti (CPJ). Gli arresti corrisponderebbero a «un modello» che «ricorre alla detenzione arbitraria» ogni volta che i potenti «ritengono che la copertura (mediatica) sia sfavorevole», ha affermato Muthoki Mumo, rappresentante per l’Africa subsahariana del CPJ, riportato dall’agenzia ANSA.

 

Diverso il rapporto con il mingere di un grande leader come Silvio Berlusconi, il quale ha dichiarato di aver fatto gare con il fedele Fedele Confalonieri nella scuola salesiano dove erano tornati per una rimpatriati di ex compagni.

 

 

In un altro siparietto, divenuto cult, il Berlusconi durante una conferenza stampa simulava una minzione dietro una colonna, per poi tornare subito al posto tra le risate degli astanti.

 

 

Ricordiamo altresì un episodio di quasi una trentina di anni fa, di cui però non troviamo traccia in rete, in cui Berlusconi, finito all’opposizione del primo governo Prodi, all’indomani di un matrimonio di un politico (di Alleanza Nazionale, ci pare di rammentare, ma potremmo essere in errore) dove qualcosa nel catering doveva non essere del tutto OK (erano a casa con il mal di pancia serque di rappresentanti del centrodestra), si presentò inarrestabile ad un comizio, dove attaccò la sinistra e le operazioni giudiziarie con la consueta lucida veemenza, per poi bloccarsi nel climax oratorio, passarsi un fazzoletto sulla fronte, e dire: «beh ora devo proprio salutarvi».

 

Abbiamo solo una memoria personale, ma basata su immagini TV, di quest’ultima perla: se qualche lettore ha più dati e coordinate per verificarla, è pregato di contattarci.

 

Il risultato, ad ogni modo, non cambia. Giovanni Battista Tiepolo dipinse nel 1744 «la continenza di Alessandro», affresco che riprende Alessandro Magno vincitore sui persiani. Abbiamo qui invece prove pluridecennali della «continenza di Silvio», un uomo che, se gli avessero dato ancora la politica estera del Paese, avrebbe già risolto molti dei problemi economici che ci affliggono e ci affliggeranno. Qui non scherziamo. Incontinenti sono tutti quei politici che con il green pass e la guerra, le bollette e l’apartheid ci hanno messo nella merda.

 

Parliamo di un grande statista, profondamente continente, a differenza di chi a causa delle proprie enuresi arriva ad arrestare dei poveri giornalisti.

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Satira

Renovatio 21 elegge il personaggio dell’anno: il Calamaro sanguigno

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21, come la testata americana Time, decide di istituire un premio per il personaggio dell’anno. L’encomio solenne viene dato, come noto, a personaggi che hanno apertamente o segretamente plasmato le sorti dell’annata, e che con probabilità hanno un ruolo non indifferente per quelli che saranno i tempi futuri.

 

Dopo aver premiato nel 1938 Adolfo Hitler e nel 1939 Giuseppe Stalin (bissato nel 1942), nonché Enrico Kissingerro (1972). Deng Xiaopingo (1985) e pure i coniugi Gates con Bono Vox (premiati, nel 2005, come «i buoni samaritani»), quest’anno la rivista Time ha inevitabilmente dato il premio di personaggio dell’anno all’attore comico divenuto presidente ucraino Volodymyr Zelens’kyj.

 

Renovatio 21 ha invece preso un’alta strada per la premiazione. Dopo brevi consultazioni interne, la redazione di Renovatio 21 si è espressa all’unanimità per insignire il titolo di personaggio dell’anno ad una figura che solo ora sta emergendo, e che, anche se sconosciuta ai più, parrebbe accumulare un potere terrificante: parliamo del Calamaro sanguigno.

 

Il signor Calamaro di fatto parrebbe ora decidere della vita e della morte di migliaia, di milioni, forse di miliardi di individui. La sua popolarità è tale che se qualcuno dice di avere un po’ del signor Calamaro dentro di sé non sta scherzando affatto, ma potrebbe star dicendo invece una realtà materiale.

 

Per chi non conoscesse la questione: vi è stato, in questi mesi, uno strano allarme presso gli imbalsamatori dei Paesi anglosassoni (Gran Bretagna, Canada, USA con testimonianze pure dalla Nuova Zelanda), dove si usa appunto imbalsamare i cadaveri per i servizi funebri, che, avrete veduto nelle pellicole hollywoodesche. Una delle tecniche utilizzata prevede l’aspirazione del sangue con una pompa apposita. Ebbene, gli addetti ai lavori si sono accorti che in molti casi la macchina non tirava su niente… come se i vasi sanguigni fossero bloccati. È così che, pompando e pompando, sono saltate fuori questi incredibili filamenti, mai visti prima, che occludevano le vie del sistema circolatorio.

 

Si tratta di lunghi tentacoli fibrosi che sembrano essersi formati nel corpo dei defunti – molti dei quali, pare di capire, «morti d’improvviso», avete presente, tipo «malore».

 

 

 

Attenzione: non si tratta di trombi, di coaguli di sangue che sono ammessi come possibile effetto collaterale dei sieri genici sperimentali ora siringati all’intera popolazione. No, si tratta di fibre, non di singole proteine, ma di veri e propri ammassi di materia organica.

 

Alcuni degli osservatori hanno descritto tali formazioni come dei «Calamari». In effetti, alcuni di quelli che hanno estratto e conservato assomigliano proprio a quello.

 

Un film, Died Suddenly, ne ha mostrati parecchi, arrivando anche a filmare la loro estrazione. Su Renovatio 21 ne avevamo parlato, ritagliando anche qualche clip.


I lavoratori delle pompe funebri, che stanno prendendosi una rivincita professionale non da poco, dicono di non aver mai visto nulla del genere in decenni di lavori, e che i casi si sono presentati in questi mesi. Nella trasmissione americana Louder with Crowder un signore inglese dice che si tratta di sierizzati, anche se racconta di un collega che dice cui è capitato il Calamaro anche in un non-sierizzato, il quale però aveva fatto una trasfusione di sangue.

 

È notizia di questa settimana la scoperta di un tentacolo lungo almeno 25 centimetri – peraltro estratto da una persona vivente, e vaccinata.

 

Il milionario informatico Steve Kirsch, che – dopo aver vaccinato se stesso e la sua intera famiglia – si sta dedicando anima e corpo alla questione, ha diffuso la foto del Calamaro gigante il giorno di Natale, aggiungendo che ha inviato il campione al laboratorio per i test.

 

 

Insomma, il Calamaro è sulle nostre vite, anzi – se avete fatto determinate scelte – potrebbe essere dentro le vostre vite.

 

Il Calamaro è, letteralmente, popolare. Popolarissimo. Anzi, il Calamaro, per usare un termine di origine greca, è pandemico: di tutto il demos, di tutto il popolo.

 

Raggiunto dalla notizia di essere stato giudicato da Renovatio 21 come personaggio dell’anno, il signor Calamaro sanguigno ha espresso soddisfazione, tuttavia ha declinato, per il momento, l’invito per l’intervista di rito.

 

Il cefalopode ha tuttavia accettato di farsi ritrarre dal nostro fotografo, che si è presentato con il set luci e obbiettivi necessari a degli scatti artistici.

 

Il signor Calamaro sanguigno posa per i fotografi di Renovatio 21

 

Quando anche Time arriverà a dichiarare il Calamaro personaggio dell’anno.

 

A dire il vero, non c’è giornale al mondo, in pratica, che ne ammetta l’esistenza – nemmeno i giornaletti considerati «dei nostri».

 

Pazienza, il Calamaro aspetterà, continuando a fare il suo lavoro. Alla fine, potrebbe non rimanere nessun altro personaggio da premiare.

 

 

La redazione di Renovatio 21

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari