Connettiti con Renovato 21

Stato

Cina e Russia non hanno obbligo vaccinale. A differenza delle «democrazie» occidentali

Pubblicato

il

 

Le democrazie peggio dei regimi che considera «autoritari» o perfino «totalitari»: questa è la grande lezione che ci consegna la vaccinazione COVID.

 

Il centro  per il controllo e la prevenzione delle malattie della Cina comunista, che opera sotto la Commissione Sanitaria del governo di Pechino, il mese scorso ha respinto l’obbligo vaccinale per i cittadini della Repubblica Popolare, sottolineando l’importanza dei principi di una vaccinazione «informata, consensuale e volontaria» per i 1,4 miliardi di persone, secondo quanto riportato dal  Global Times , un giornale di Stato in lingua inglese.

 

Parrebbe essere proprio così: anche quando alcune città in Cina hanno cercato di implementare obblighi di vaccinazione per studenti e dipendenti governativi, secondo quanto riferito, il governo centrale è intervenuto per eliminare le misure.

 

Cina e Russia, insomma, paiono più liberali rispetto alle cosiddette «democrazie» occidentali, che tanto disprezzano (con tanto di sanzioni, nel caso di Mosca) i sistemi politici «autoritari» dell’Est

Allo stesso modo, il presidente russo Vladimir Putin ha in passato pubblicamente denunciato gli obblighi di vaccinazione, anche se di recente  ha smesso di denunciare le autorità locali che hanno cercato di attuare iniezioni obbligatorie per «gruppi a rischio».

 

«Una volta ho detto che non sostengo la vaccinazione obbligatoria e continuo ad aderire a questo punto di vista», ha detto Putin la scorsa settimana. «Tuttavia, la legge dice che in caso di aumento del numero dei casi e in caso di epidemia, i capi regionali possono introdurre la vaccinazione obbligatoria per determinati gruppi di persone, in particolare i gruppi a rischio».

 

Comunque sia, Mosca, riporta il giornale di lingua inglese Moscow Times, ha cancellato la sua iniziativa sul passaporto per i vaccini sulla scia del massiccio contraccolpo ricevuto dall’opinione pubblica.

 

Il vaccino più diffuso in Cina è il vaccino CoronaVac, che utilizza una tecnologia più tradizionale di particelle virali inattivate, proprio come il vaccino contro la poliomielite. Un altro vaccino diffuso in Cina, e esportato nel mondo, è il Sinovac, che però è molto discusso per la scarsa efficacia che avrebbe mostrato.

 

L’unica cosa ad essere autoritaria, anzi totalitaria, biofascista, è l’obbligo vaccinale cui sono sottoposti i cittadini occidentali, italiani in primis, costretti a scegliere tra l’incognita della siringa mRNA (realizzata per tramite dello squartamento di feti abortiti) e il proprio lavoro

Il vaccino russo è a vettore virale, come AstraZeneca. Esso è stato prodotto con l’uso di linee cellulari da feto abortito HEK-293.

 

I due principali vaccini occidentali, Pfizer e Moderna, costituiscono invece una terapia genica all’mRNA mai sottoposta ai tipici rigorosi test sull’uomo. In effetti, le aziende hanno accelerato le sperimentazioni testando contemporaneamente uomini e animali, con buona pace dei principi stabiliti dal Codice di Norimberga.

 

Quindi, come ammesso dalle stesse farmaceutiche, gli effetti collaterali a lungo termine di tale tecnologia sperimentale sono ancora sconosciuti.

 

Cina e Russia, insomma, paiono più liberali rispetto alle cosiddette «democrazie» occidentali, che tanto disprezzano (con tanto di sanzioni, nel caso di Mosca) i sistemi politici «autoritari» dell’Est.

 

L’unica cosa ad essere autoritaria, anzi totalitaria, biofascista, è l’obbligo vaccinale cui sono sottoposti i cittadini occidentali, italiani in primis, costretti a scegliere tra l’incognita della siringa mRNA (realizzata per tramite dello squartamento di feti abortiti) e il proprio lavoro – cioè con la prospettiva di essere allontanati dal lavoro (nonostante il primo articolo della Carta Costituzionale) equindi   essere messi alla fame, costretti a non poter più nutrire la propria famiglia, fornire cure ai proprio cari, e poi di perdere la casa… e via sprofondando nell’incubo.

Non c’è narrativa possibile, oggi, sulla superiorità della «democrazia», e soprattutto delle «democrazie» come sistemi superiori che concedono la libertà ai propri cittadini.

 

Un incubo che Cina e Russia non stanno vivendo.

 

Basta solo comprendere questo per capire quanto lo Stato moderno in Occidente abbia perso ogni residuo di legittimità.

 

Non c’è narrativa possibile, oggi, sulla superiorità della «democrazia», e soprattutto delle «democrazie» come sistemi superiori che concedono la libertà ai propri cittadini.

 

Continua a leggere

Pensiero

Il biofascismo contro i «fascisti»

Pubblicato

il

Da

 

 

Robert Kennedy junior, quando l’anno scorso prese la parola all’oceanica manifestazione di Berlino a fine estate, già lo diceva senza esitazione: «Negli Stati Uniti stanno dicendo che sono venuto qui per parlare a 5.000 nazisti. E domani scriveranno che sì, sono stato qui, e ho parlato 3.000 o 5.000 nazisti».

 

Era chiaro da tempo, e in tutto l’Occidente, che l’establishment aveva il programmino semplice-semplice di dipingere nella mente del cittadino globale l’equazione rifiuto del vaccino = estremismo di destra. In America, quelli che dissentono nei confronti della discriminazione biologica (lì li chiamano anti-vaxxer) sono ovviamente dichiarati trumpiani. In Germania sono neonazisti. In Italia sono fascisti.

 

Non poteva essere altrimenti: in America si fa leva sull’eiezione di Trump dal discorso pubblico (bandito dai media e dai social, il suo popolo accusato e messo in galera per i fatti del 6 gennaio), in Europa si capitalizza su settanta e passa anni di demonizzazione del totalitarismo nero, babau del XX e XXI secolo.

 

Per farci paura, il potere ha tirato fuori l’uomo nero. Del resto, sappiamo che hanno poca fantasia. Perché, ricordatelo, spesso nella più alta stanza dei bottoni ci sono uomini mediocri

Ebbene sì: per farci paura, il potere ha tirato fuori l’uomo nero. Del resto, sappiamo che hanno poca fantasia. Perché, ricordatelo, spesso nella più alta stanza dei bottoni ci sono uomini mediocri – e forse per questo di crudeltà pericolosa.

 

Ora, tuttavia, siamo davanti ad un paradosso pleateale, anche se ignoto totalmente ai giornali.

 

Lo Stato che ti obbliga a operazioni corporali, lo Stato che ti ricatta sul lavoro se non prendi una tessera, lo Stato che ti controlla in ogni movimento, lo Stato che proibisce gli assembramenti, lo Stato che tollera la limitazione della libertà di stampa e di parola, lo Stato che nega i diritti umani fondamentali (perfino quelli previsti dalla suo stesso documento legittimante, la Costituzione), accusa i suoi oppositori di essere «fascisti».

 

No, sul serio. Il bue che dice cornuto all’asino è un dilettante. Lo avevamo visto di recente: terroristi che dicono «terroristi» ai cittadini.

 

L’uomo nero, il «fascista di ritorno», è il vero problema contro cui scagliarci per il bene dell’attuale assetto sociale – che non è quello democratico, è quello di sottomissione biologica, qualcosa a cui il fascismo non era completamente arrivato.

 

Perché, ci chiediamo: il fascismo chiedeva una tremenda sottomissione «sociale», del foro esteriore.  Non aveva i mezzi, tuttavia, per chiedere quella del foro interiore. Lo Stato pandemico invece vuole la sottomissione del «foro interiore»: devi essere tu a vaccinarti; devi tu prenotarti il buco mRNA, perché non puoi reggere altrimenti la tua vita e quella della tua famiglia; devi tu firmare tutti i documenti che manlevano la responsabilità degli altri, vaccinatori e multinazionali farmaceutiche.

 

Il fascismo storico solo con le orrende leggi razziali è arrivato alla discriminazione biologica. Ora siamo ad un livello perfino inferiore, sotto il foro interiore, sotto la coscienza, sotto il proprio gruppo etnico: si è all’apartheid biomolecolare

Di più: il fascismo storico solo con le orrende leggi razziali è arrivato alla discriminazione biologica. Ora siamo ad un livello perfino inferiore, sotto il foro interiore, sotto la coscienza, sotto il proprio gruppo etnico: si è all’apartheid biomolecolare.

 

Andiamo ancora oltre: lo Stato nazifascista e lo Stato pandemico hanno la medesima base strutturale – la cancellazione della legge naturale a favore del diritto positivo. La legge è tale non perché si accorda alla natura umana e al disegno del creato; la legge è tale perché la si pone, cioè impone, per arbitrio del potere. Dura lex sed lex. Punto.

 

È un fatto che qualcuno può, al contrario di quanto ora strilla il potere costituito, vedere lo Stato pandemico come diretta continuazione dello Stato fascista. Vi sono dei rimandi storici precisi: pensiamo alle leggi di vaccinazione obbligatoria promosse sotto il fascismo (in continuazione con quelle precedenti dell’era unitaria, presenti anche negli altri Paesi europei più o meno retti dalla massoneria ottocentesca).

 

Ma pensiamo, soprattutto, anche a casi come quello della cosiddetta «Strage di Gruaro»: nel 1933, in piena era fascista, un paesino intero costretto ad un vaccino sperimentale (un siero contro la difterite). 253 bambini tra i 13 mesi e gli otto anni inoculati, con reazione avversa massiva, e 28 di loro che muoiono miseramente. Nessuna inchiesta, e le autorità fasciste che passano sotto silenzio l’intero episodio.

 

Andiamo ancora oltre: lo Stato nazifascista e lo Stato pandemico hanno la medesima base strutturale – la cancellazione della legge naturale a favore del diritto positivo

Ricorda qualcosa? Vaccini sperimentali, obblighi, tombali silenzi della stampa (ricordate, per caso, tutti quei morti di inizio anno? Giovani e vecchi, militari e civili? Che fine hanno fatto? Qualcuno sa dove si trova Tiffany Dover?)…

 

Se il fascismo è uno stato basato sul controllo capillare e repressivo, uno Stato che implementa un medesimo controllo arrivando perfino al piano biologico può essere chiamato «biofascista». Tutti i fan scatenati di Foucault, che si sono riempiti la bocca per decenni con la parola «biopolitica», alla parola «biofascista» non sono arrivati.

 

Ora abbiamo quindi il biofascismo che dice che il pericolo sono i «fascisti».

 

Ora abbiamo quindi il biofascismo che dice che il pericolo sono i «fascisti»

I quali, secondo varie testimonianze e pure l’uso della logica, in nessun modo possono costituire la totalità della manifestazione. Ci hanno detto: qualche decina, come sempre. Dietro decine di migliaia, se non milioni in tutta Italia, di persone comuni, operai. mamme, studenti, pensionati. Vi basta guadare le immagini della manifestazione di Milano – dove, stranamente, non c’è stata violenza… – per capire che quella del bollino «uomo nero» è davvero una mossa di discredito del dissenso piuttosto disperata, stupida.

 

 

Tuttavia, niente, trovare qualcuno disposto ad ammettere questa semplice verità – ma quali fascisti, è una enorme massa trasversale a tutta la società italiana quella che sta protestando! – è impossibile.

 

Perfino quando manganellano una giornalista, che peraltro garantisce che i manganellati non avevano fatto niente, non si trova un’anima viva (nel sindacato, nella politica, nelle associazioni di vergini&prefiche) a chiedersi cosa stia succedendo. La minaccia autoritaria, per loro, fino a pochi anni fa era Silvio Berlusconi… e niente, rendiamoci conto, non c’è nemmeno da riderci sopra, visto che le bastonate testimoniate dall’inviata de La Stampa parrebbero vere.

«Sono rimasta da sola tra i no vax. Io avevo un telefonino in mano e gli altri nulla. Era un momento di calma, nessuno lanciava oggetti. Caricati e manganellati».

 

Lo avete visto. Il ragazzo va a parlare al poliziotto, gli dice frasi insulse, innocue, «dai ragazzi, noi siamo il popolo, come voi», una cosa così. Quello neanche lo sta a sentire, guarda la posizione dei colleghi, poi alza il bastone e urla: «carica!». E giubbotte.

 

A filmare tutto, finendo nella mischia, ripetiamo, è una giornalista. Nel momento in cui la stampa è manganellata, davvero vogliamo parlare di pericolo «fascista»? Ma davvero è stato esaurito il senso dei ridicolo sino a questo punto?

Il senso del ridicolo è sparito assieme al principio di realtà

 

Il senso del ridicolo è sparito assieme al principio di realtà. Ritengo che sia la conseguenza di avere al governo Draghi, tecnocrate che mai ha vissuto il conflitto, mai ha conosciuto la gente – i politici che lo hanno fatto con tutta la gavetta, da Salvini a qualche vecchio piddino, sono diventati con i loro partiti organi vestigiali del potere, sono decori ininfluenti dello Stato. Se comanda Draghi significa che la politica – quella che è fatta di esseri umani, quindi di parola, di opinione, di ascolto – è sparita, si è imboscata, oppure è finita impiccata come Antigone.

 

Draghi e il suo potere, ho scritto in passato, non possono avere lo stesso principio di realtà che ha il comune cittadino. Quindi, mi dicevo, è possibile che ad un certo punto si possa spaventare, davanti ad un dissenso sempre più massivo e materiale del quale potrebbe comprendere infine di non avere né controllo né contezza. Quando mai si è vita una sede del sindacato assaltato? Quando mai si sono viste manifestazioni di decine di migliaia di persone ogni sabato (si badi: il sabato, non un giorno qualsiasi in cui si può scioperare)? Quando mai si sono viste le forze dell’ordine che possono sfilare tra i manifestanti, quando non tengono la linea, senza temere di essere attaccare (guardate, sempre, le scene di Milano)? Quando mai si sono viste signore anziane marciare assieme agli studenti e ai portuali?

 

Mi sbagliavo, forse. Il fatto che ci troviamo in terra incognita, in un angolo della storia dove non ci sono mappe, forse non li intimorisce. Forse non hanno capito, non so. Oppure, come ho pensato altre volte, preparano una repressione ancora più grande.

 

I biofascisti mentiranno, e reprimeranno, fino a che non ne potremo più, fino a che gli obiettori non saranno sacrificati. Gli altri si beccheranno i lockdown climatici, i lockdown inflattivi, gli OGM CRISPR firmati UE, magari anche una spruzzata di geoingegneria, più qualche misura consistente di controllo delle nascite

Siamo solo all’inizio dell’autunno. Il bollino di «fascista» su chi dissentirà da qualsiasi cosa vogliono fare accadere (licenziamenti di massa, caro bollette, e magari infine l’obbligo vaccinale definitivo) certo fa comodo. Ma alla lunga non credo che sarà sostenibile. Perché la realtà, ad un certo punto, torna sempre a bussare alla porta.

 

Il progetto del mondo biofascista non prevede la realtà: mentiranno, e reprimeranno, fino a che non ne potremo più, fino a che gli obiettori non saranno sacrificati. Gli altri si beccheranno i lockdown climatici, i lockdown inflattivi, gli OGM CRISPR firmati UE, magari anche una spruzzata di geoingegneria, più qualche misura consistente di controllo delle nascite (il vero, grande obiettivo di tutto questo – il senso ultimo di ogni fascismo biotico).

 

Purtroppo per i biofascisti, la realtà, invece, esiste. Siamo noi. I nostri corpi, le nostri anime, la nostra volontà. La nostra dignità.

 

Credevate davvero che fosse così facile toglierci tutto?

 

 

Roberto Dal Bosco

 

Continua a leggere

Stato

Le elezioni del niente

Pubblicato

il

Da

 

 

Sono passate oramai 72 ore dall’evento politico della stagione  e ora forse è arrivato il momento di dire cosa esso rappresenti: il niente. Sono state le elezioni del niente.

 

Più che dai risultati, siamo basiti dal vedere con quanta serietà hanno trattato la cosa i giornali. Paginate e paginate, lenzuolate trionfanti – perché il derby lo ha vinto il partito-sistema – come, appunto, se la cosa avesse la benché minima importanza.

 

Come se, davvero, qualcuno credesse che le elezioni, magari quelle dei sindaci, possono cambiare effettivamente qualcosa.

Lo dobbiamo prendere come un bonario rito arcaico, a cui lo stipendiato sistemico si attacca per dare una parvenza di legittimità alla sua esistenza e a quella della supposta istituzione che serve: partito, ministero, giornale etc.

 

Lo dobbiamo prendere come un bonario rito arcaico, a cui lo stipendiato sistemico si attacca per dare una parvenza di legittimità alla sua esistenza e a quella della supposta istituzione che serve: partito, ministero, giornale etc. Vi si agganciano come gli ubriachi ai lampioni. O forse la metafora più ficcante è quella del film di Romero, con gli zombi che tornano nei centri commerciali per una coazione a ripetere che vince perfino sulla demenza.

 

Nessuno, davvero nessuno, che ha voluto soffermarsi sul serio sul dato più eclatante: l’affluenza al 54,69%. E non ci vengano a raccontare che era un bel weekend in cui andare al mare – non lo era. O che alla gente non importasse votare per il sindaco, governatore, etc. In realtà, nei luoghi che contano hanno votato ancora in meno Milano, 47,69%; Torino, 48,06%; Roma, 48,83%; Napoli; 47,18%. Meno di un cittadino su due ha votato.

 

Non che ai sistemici sia dispiaciuto: i numeri non hanno rovinato il loro campionatino di biglie. Anzi, se qualcuno deve parlare dell’astensione, ecco pronto la vera spiegazione – la gente non è andata a votare perché è felice di Draghi e del suo governo. La gente è contenta così. La gente in realtà non vuole votare perché è troppo serena. La gente ha votato Draghi senza votare. Insomma, avete capito. Il popolo ha eletto, senza elezioni, uno che in effetti non è mai stato eletto. Non una grinza.

 

E quindi, cosa hanno rappresentato queste elezioni? Niente. Il niente. Letteralmente: il vero significato è stato il non-voto. Perché è quello che nei prossimi mesi sarà decisivo

Si sono convinti, che in un momento come questo, l’elettore non senta il bisogno di essere rappresentato. Chiaro: va tutto benissimo. Quando c’è la salute c’è tutto. E poi c’è anche il danaro e la prosperità, che scorrono a fiumi. Il futuro è roseo: chiunque lo sente. La democrazia rappresentativa è arrivata al capolinea, diceva qualche politologo anni fa. In Parlamento l’attuale primo partito predicava la «democrazia diretta», la Jamahiriya di Gheddafi ma fatta con internet, ma poi non si è vista, e nessuno si è strappato i capelli – specie gli stipendiati a 5 stelle.

 

È certo: la gente non ha votato per una overdose di fiducia nel sistema. No?

 

No. Perché il collasso della credibilità delle Istituzioni è sotto gli occhi di tutti. Ogni settimana ci sono manifestazioni da milioni di persone in tutto il mondo. Come abbiamo notato in queste pagine, la tensione, da Melbourne a Parigi, da Berlino a Milano, sta aumentando. Non è, da nessuna parte, un déjà vu. Le forze dell’ordine talvolta reprimono in modo mostruoso, talaltra paiono simpatizzare con i manifestanti, che ovunque sventolano bandiere nazionali. Mai visto, non sappiamo cosa sia questa cosa, non sappiamo cosa sta succedendo.

 

Come si agglutineranno i milioni di persone rivoltate, che in nessun modo si rivedono nei partiti esistenti, che mai e poi mai voteranno un’altra volta: questo è l’elefante nella stanza di cui nessuno sta parlando

Non lo sa soprattutto il funzionario del nulla che perde il suo tempo con le biglie elettorali di domenica scorsa. Non lo sa perché non lo vede – non glielo mostrano, oppure è lui stesso a non farlo vedere. Perché nei TG non si vedano gli embrioni dei disordini civili, qualche tempo fa sarebbe stato un mistero. Oggi, per noi che abbiamo capito che viviamo immersi dalla menzogna e dalla censura, non lo è più.

 

E quindi, cosa hanno rappresentato queste elezioni? Niente. Il niente. Letteralmente: il vero significato è stato il non-voto. Perché è quello che nei prossimi mesi sarà decisivo. Come si agglutineranno i milioni di persone rivoltate, che in nessun modo si rivedono nei partiti esistenti, che mai e poi mai voteranno un’altra volta: questo è l’elefante nella stanza di cui nessuno sta parlando.

 

Anzi, fanno ancora tutto come se niente fosse. Perfino gli usuali complottini e i tramacci mediatico-giudiziari: ecco il caso dello spin doctor incastrato con l’app dei festini omo-chemsex; ecco l’inchiesta sui fondi neri dei «fascisti» (tono su tono); ecco ora, perfino, l’attacco al collega di studio legale del numero uno (non eletto nemmeno quello) del partito fu-populista ora completamente addomesticato (lo è sempre stato…).

 

Tipo l’orchestra sul Titanic. Suonano lo spartito di sempre, mentre il transatlantico cola a picco in acque gelide e nere.

 

I partiti ora hanno rimosso il popolo: e questo, anche solo a vedere i dati di affluenza, è evidente. I giornali hanno brindato: queste elezioni hanno eliminato i populisti! In realtà, queste elezioni hanno, concettualmente e numericamente, abrogato il popolo

Non hanno idea di cosa accadrà, ma forse non interessa loro più. O non sono in grado di immaginarlo.

 

Abbiamo avuto una prova plastica di tutta la dinamica qualche sabato fa in Piazza Duomo a Milano. La Meloni – quella che rappresenterebbe «l’opposizione» decide di fare un comizio elettorale proprio il sabato, proprio nel luogo dove passano ogni settimane le masse dei no-green pass. Cordoni di polizia in assetto antisommossa a proteggere la piazza del comizio; la folla dei no-green pass viene su dalla Galleria Vittorio Emanuele e punta verso il palco, ma viene fermata dalle forze dell’ordine.

 

Qualche supporter di Giorgia, sempre più smilzo e stempiato – non ci sono più i sani skinhead ciccioni tatuati di una volta – si avvicina aggressivo ai manifestanti, magari brandendo una bandiera con il logo del partito inventato da La Russa.

 

 

La scena è paradossale: perché i «Fratelli d’Italia» sono nervosi verso i no-green pass? Perché Giorgia Meloni non ha tentato in qualche modo di inglobare la manifestazione, visto che ha scelto proprio quel luogo e quella data? Perché non ritengono osceno far vedere che oggi un comizio di un partito di destra deve venire difeso dai celerini? Perché non c’è vergogna nel mostrare che chi ti contesta non è più lo sgherro del centro sociale, ma il cittadino comune?

Il rimosso tornerà, e chiederà conto delle menzogne e delle finzioni. Ecco perché siamo sconvolti nel vedere che la gente perde tempo dietro le elezioni del niente

 

Il tutto mi ha riportato alla mente Freud e il suo discorso sul «ritorno del rimosso». C’è una realtà che, per quanto la vuoi ricacciare via, tornerà spaventosamente verso di te, disturbandoti, svergognandoti, facendoti soffrire. Una realtà imponente, magmatica, vitale, imprevista che ciclicamente sbuca fuori contro la finzione ordinata con le transenne, le bandierine, le gerarchie, i microfoni.

 

I partiti ora hanno rimosso il popolo: e questo, anche solo a vedere i dati di affluenza, è evidente. I giornali hanno brindato: queste elezioni hanno eliminato i populisti! In realtà, queste elezioni hanno, concettualmente e numericamente, abrogato il popolo.

 

Per questo a vincere è stato, come lo è da dieci anni (senza mai, però, una vittoria vera), e come lo sarà sempre in questo assetto dello Stato, il PD. Perché il PD è il partito-sistema (il partito-Stato, direbbe Formicapar excellence. Per il PD non solo non conta più il popolo (di cui magari, con operazioni come quella delle sardine, si può offrire un ologramma a buon mercato) ma non conta più nemmeno la stessa dirigenza del partito: prendete i segretari, uno dopo l’altro, a offrire scene imbarazzanti. Bersani con le sue metafore che viene sbertucciato in streaming, Renzi che frantuma sadicamente il partito, Zingaretti che fa aperitivi e pizze collettanee gusto COVID… e ora Letta, sempre più magro e tetro, ossessivo fino all’autismo politico, lontano dal moderatismo per cui lo si conosceva, incapace, anche lui, di essere davvero stimato dai suoi stessi tesserati.

 

Il PD, confusionario e minoritario, schizofrenico (ve lo ricordate LeU?) e ridicolo, comanda perché più di ogni altro è avanzato nella sua trasformazione in innesto partitico dell’establishment superficiale e profondo, nella sua mutazione macchinale in partito-Stato dove il popolo e più in generale l’umanità  possono tranquillamente sparire.

 

Questo è tuttavia proprio il rischio più grande: perché una rivolta contro i partiti fusi con lo Stato sfocia necessariamente in una rivolta contro lo Stato. Così, in ballo non ci sono più solo i numerini elettorali, le palline colorate dei Salvini e dei D’Alema: c’è l’intera architettura del sistema

Questo è tuttavia proprio il rischio più grande: perché una rivolta contro i partiti fusi con lo Stato sfocia necessariamente in una rivolta contro lo Stato. Così, in ballo non ci sono più solo i numerini elettorali, le palline colorate dei Salvini e dei D’Alema: c’è l’intera architettura del sistema. Il quale, si badi bene, è stata messa in discussione dapprima dal sistema stesso, che ha sospeso i diritti fondamentali, e rivelato pragmaticamente qualcosa di indicibile: la carta costituzionale su cui posa la sua legittimità, i suoi valori, le sue leggi, non valgono nulla di fronte all’arbitrio dell’autocrazia pandemica romana.

 

Il rimosso tornerà, e chiederà conto delle menzogne e delle finzioni. Ecco perché siamo sconvolti nel vedere che la gente perde tempo dietro le elezioni del niente.

 

Ciò che abbiamo davanti è la più grande incognita politica del secolo, qualcosa che potrebbe davvero avviare un’altra Repubblica, ma sta volta non solo per definizione giornalistica, ma sul serio. Potete far finta di niente, tanto arriverà alle transenne e cercherà di entrare, interrompendo il vostro discorsetto politico.

 

Masse di disoccupati. Masse di discriminati biologici. Masse di nuovi poveri, incattiviti per soprammercato dall’apartheid biotica. Periferie abitate da bande afro-islamiche d’importazione. Carenza di beni di consumo. Conflitti internazionali. Terrore epidemico sempre presente. Totale crollo della morale civile e religiosa. Gli ingredienti nel pentolone del collasso ci sono tutti.

 

Energie immani si stanno per liberare. E ciò sarà il contrario del nulla i cui percentili elettorali questi sfigati stanno ancora perdendo tempo a contare

 

 

Roberto Dal Bosco

Continua a leggere

Stato

Ecco lo Stato-partito

Pubblicato

il

Da

 

 

«La crisi dei partiti ha investito le istituzioni, ed è una crisi che si vorrebbe risolvere dicendo che non c’è più destra e sinistra ma c’è l’istituzione. Questo porta a una novità: le istituzioni si fanno partito politico. Lo Stato diventa partito e per risolvere i conflitti che sono dentro la società reale deve dire che non c’è destra e sinistra. C’è lo Stato».

 

L’ex ministro Rino Formica, classe 1927, ha scritto sul quotidiano Domani un’analisi chiarissima del processo politico in corso.

 

In una situazione dove oramai la differenza dei partiti non conta più nulla, lo Stato stesso si trasforma in partito, nella forza politica che dovrebbe rappresentare direttamente l’opinione e il voto della popolazione.

 

«Lo Stato diventa partito e per risolvere i conflitti che sono dentro la società reale deve dire che non c’è destra e sinistra. C’è lo Stato»

Ciò, ritiene Formica, è visibile perfino nelle cronache politiche infrapartitiche di questi ultimi giorni.

 

«Ecco la pericolosa tentazione che vediamo oggi quando il governo e il suo presidente del Consiglio sostengono il superamento di destra e sinistra. Nei partiti politici è in atto la scissione fra componente governativa ed extragovernativa. La polemica fra Giorgetti e Salvini nella Lega, o tra Brunetta e Berlusconi in Forza Italia, nella sostanza racconta che quelli che stanno al governo stanno diventando membri del partito-Stato».

 

Lo Stato diventa partito e per risolvere i conflitti che sono dentro la società reale deve dire che non c’è destra e sinistra. C’è lo Stato»

Il partito-Stato non ha idee, se non quelle che trasmette il governo – che per l’appunto è presieduto da un apparatčik proveniente dal potere transnazionale.

 

«Il governo è la direzione generale del partito-stato. La quale direzione entra in conflitto non con i partiti in via di estinzione, ormai residuali. Tant’è che i segretari non vengono consultati e il governo, partito con un mix fra tecnici e politici, ora è un tutt’uno omogeneo coordinato da un presidente che ha già sperimentato come si guida una istituzione senza stato, come la Banca centrale europea – che è senza Stato ma ha i poteri di un superstato».

 

«I segretari non vengono consultati e il governo, partito con un mix fra tecnici e politici, ora è un tutt’uno omogeneo coordinato da un presidente che ha già sperimentato come si guida una istituzione senza stato, come la Banca centrale europea – che è senza Stato ma ha i poteri di un superstato»

Gli impasse dello Stato-partito non mancheranno. Formica ritiene che come prossimo presidente della Repubblica si tenterà di eleggere «una figura scialba, semplice, irrilevante, e non sarà possibile» . Secondariamente, nota significativamente che «anche dopo le elezioni tedesche, sostenere che senza Merkel l’Italia con Draghi comanderà in Europa è un’illusione bottegaia e meschina».

 

L’ex ministro scrive che il problema di questa nuovo mostro sarà lo scontro con la realtà: «lo Stato che diventa partito non può assorbire i conflitti che ci sono nel Paese, che invece continua a tenere aperti i problemi del conflitto sociale e civile nell’interno del Paese». Non è chiaro a cosa qui ci si riferisca, ma noi stiamo pensando ai milioni di persone discriminate dal green pass e distrutte economicamente e esistenzialmente da 18 mesi di lockdown.

 

«La scorciatoia dello Stato che diventa partito è un’illusione con uno sbocco autoritario. Lo Stato non può assorbire i conflitti che sono nell’interno della società senza una via democratica»

La conseguenza è logica: un governo fuso con tutta la politica e con lo stesso sistema amministrativo, senza alcuna  finestra sulla realtà popolare, senza alcun collegamento con il Paese reale, altro non è che un tunnel verso la tirannia. Lo Stato-partito, non può non finire ad assomigliare a quelli che gli storici hanno chiamato partiti-Stato.

 

«La scorciatoia dello Stato che diventa partito è un’illusione con uno sbocco autoritario. Lo Stato non può assorbire i conflitti che sono nell’interno della società senza una via democratica».

 

Renovatio 21 ritiene che il nascente  Stato-partito, in verità, non sia nemmeno del tutto consapevole dei conflitti che si stanno creando nel Paese – e nel mondo intero.

 

«Lo Stato che diventa partito non può assorbire i conflitti che ci sono nel Paese, che invece continua a tenere aperti i problemi del conflitto sociale e civile nell’interno del Paese»

Esso disconosce sia le loro dimensioni che la loro natura, profonda e superficiale.

 

Il conflitto in corso, del resto, pare averlo scatenato proprio lo Stato con i partiti accodati. E si tratta solo del primo, perché a cascata nessuno può dire quali conseguenze possono esservi in questo nuovo assetto che va preparandosi, senza che esso sia accettato dalla popolazione, senza che quest’ultima abbia più la stessa fiducia nelle istituzioni.

 

 

 

 

 

Immagine di Governo Italiano – Presidenza del Consiglio dei Ministri via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 4.0 International (CC BY 4.0); immagine modificata con filtri.

 

Continua a leggere

Più popolari