Bambini, scuole e test COVID: quali sono i rischi?

 

 

 

Renovatio 21 pubblica la traduzione di questo articolo su gentile concessione di Alliance for Natural Health International

 

 

 

I ricercatori avvertono dei rischi di lesioni cerebrali per milioni di bambini che ora si sottopongono regolarmente a test con tampone nasale effettuati da non esperti, in alcuni casi dagli scolari stessi.

 

 

 

I bambini nel Regno Unito sono tornati a scuola questo mese, il primo passo di un allentamento dolorosamente lento delle restrizioni formulato negli ultimi mesi. Tuttavia, questo è il caso dei soli bambini sono sottoposti a regolari test COVID-19 e che rispettano l’obbligo di indossare le mascherine, ora esteso alle aule e alle aree comuni. Tutto ciò ha un costo, sia per la salute sia per il benessere dei bambini, oltre a sottrarre ben 78 milioni di sterline dai soldi dei contribuenti.

 

Ma queste restrizioni sono necessarie? I ricercatori del Dipartimento di malattie infettive dell’Imperial College di Londra suggeriscono di no, a causa dei  tassi di trasmissione estremamente bassi di SARS-CoV-2 nelle scuole.

 

 

Alcune persone sono giustamente preoccupate che l’uso improprio dei tamponi nasali utilizzati nei PCR o nei test a flusso laterale possa causare danni alla delicata membrana che protegge il cervello

Ragazzi, avete voglia di farvi punzecchiare il cervello?

Alcune persone sono giustamente preoccupate che l’uso improprio dei tamponi nasali utilizzati nei PCR o nei test a flusso laterale possa causare danni alla delicata membrana che protegge il cervello. Ma se doveste credere ai fact-checker, sareste portati a pensare che questa non sia altro che una teoria complottista. Ma, come è stato dimostrato in molti altri casi, i fact checker hanno sbagliato di nuovo.

 

Esiste un rischio e tale rischio aumenta man mano che sempre più persone inesperte (ora inclusi i bambini) effettuano i propri tamponi.

 

Nell’ottobre 2020, un caso clinico è stato pubblicato su JAMA Otolaryngology-Head & Neck Surgery che descriveva il caso di una donna la cui membrana cerebrale era stata perforata da un tampone COVID con conseguente fuoriuscita di liquido cerebrospinale.

 

Nell’ottobre 2020, il caso di una donna la cui membrana cerebrale era stata perforata da un tampone COVID con conseguente fuoriuscita di liquido cerebrospinale

Una seconda donna negli Stati Uniti ha recentemente avuto un’esperienza simile. Valutando l’uso dei tamponi nasali, i ricercatori che pubblicano su JAMA Otolaryngology-Head & Neck Surgery hanno emesso avvertimenti sui rischi per i milioni di persone che ora si sottopongono regolarmente ai test, in particolare i tamponi nasali somministrati in modo inesperto.

 

E chi sta effettuando i tamponi nasali nelle scuole? Gli scolari stessi! Speriamo che quando i bambini sbagliano, è perché non vanno abbastanza in profondità, e non il contrario.

 

Quello che sembra non venga detto a nessuno è che la lamina cribriforme, la parte che separa il cervello dalla cavità nasale, è una struttura delicata, morbida, a nido d’ape o simile a un setaccio, sottile e stretta con minuscole perforazioni.

 

Chi sta effettuando i tamponi nasali nelle scuole? Gli scolari stessi!

Questo è il motivo per cui è un sito perfetto per la chirurgia endoscopica transnasale della base cranica. Ma chiaramente è provato che non ha senso suggerire che qualcuno inesperto nel maneggiare un tampone nasale non possa spingere il tampone nel cervello.

 

 

Perché il test del flusso laterale nelle scuole è profondamente fuorviante ed è uno spreco di denaro pubblico

Quasi 57 milioni di kit per il test del flusso laterale (LFT) sono stati consegnati alle scuole del Regno Unito.

 

È provato che non ha senso suggerire che qualcuno inesperto nel maneggiare un tampone nasale non possa spingere il tampone nel cervello

Sono state espresse preoccupazioni sulla loro accuratezza a causa del numero di risultati falsi positivi che restituiscono. D’altro canto, ci sono anche preoccupazioni per gli alti livelli di falsi negativi, sebbene questo sia un problema minore in quanto i tassi di veri negativi sono molto inferiori a quanto si pensi generalmente.

 

Le opinioni sull’uso dei test massivi per rilevare la presenza di SARS-CoV-2 sono mescolate con la preoccupazione che i test non impediscano la trasmissione del virus. Regna la confusione  in termini di test positivi. Se un bambino risulta positivo a casa e un successivo test PCR risulta negativo, quel bambino può tornare a scuola. Tuttavia, se un test LFT positivo è stato eseguito nei locali della scuola, l’alunno e i suoi contatti dovranno autoisolarsi indipendentemente dal fatto che abbiano o meno un test PCR negativo poiché il governo considera minime le possibilità che il test LFT sia un falso positivo.

 

Abbiamo discusso in precedenza dei problemi del test PCR e della probabilità significativamente maggiore che un test restituisca un risultato positivo quando la prevalenza del virus nella comunità è bassa. Lo stesso problema si applica ai test di flusso laterale.

 

La confusione  in termini di test positivi. Se un bambino risulta positivo a casa e un successivo test PCR risulta negativo, quel bambino può tornare a scuola. Tuttavia, se un test LFT positivo è stato eseguito nei locali della scuola, l’alunno e i suoi contatti dovranno autoisolarsi indipendentemente dal fatto che abbiano o meno un test PCR negativo

Per illustrare ciò, abbiamo inserito i dati di sensibilità e specificità (77,8% e 99,68% rispettivamente) dal test a flusso rapido Innova al calcolatore di valutazione del test diagnostico MedCalc. Gli obiettivi erano calcolare il valore predittivo positivo (PPV) (cioè la probabilità che il SARS-VoV-2 sia presente quando il test è positivo) e il valore predittivo negativo (NPV) (cioè la probabilità che il SARS-CoV-2 non sia presente quando il test è negativo) tenendo conto della bassa prevalenza (quantità) di infezione in una data popolazione.

 

Questo è importante perché, come abbiamo spiegato nel nostro articolo «Casedemic» che criticava i test PCR, la teoria bayesiana rende essenziale che si tenga conto della prevalenza quando si considerano i tassi di falsi positivi e negativi di qualsiasi test diagnostico. Un fatto chiave su cui il ministro della salute del Regno Unito, Matt Hancock, sembra non riuscire a capirci qualcosa  o che sceglie di non farlo.

 

Abbiamo utilizzato tre tassi di prevalenza: 0,14% (tratto dai dati NHS Test & Trace), quindi dimezzato (0,07%) e raddoppiato (0,28%), per tenere conto della variazione, poiché la prevalenza è variabile.

 

A queste prevalenze, si possono trovare valori predittivi positivi (PPV) molto inferiori rispetto alle affermazioni sulla precisione fatte dal governo.

 

Per i tre tassi di prevalenza, 0,07%, 0,14% e 0,28%, le probabilità che un test positivo indichi con successo la presenza dell’infezione sono rispettivamente del 15%, 25% e 41%. Non viene detto ai ragazzi delle scuole, ai genitori e ai loro insegnanti.

 

La task force COVID-19 della Royal Statistical Society ha anche sollevato preoccupazioni sul rischio di test «positivi» quando la prevalenza di infezione è bassa. Non è strano che nessuno sembri ascoltare?

La task force COVID-19 della Royal Statistical Society ha anche sollevato preoccupazioni sul rischio di test «positivi» quando la prevalenza di infezione è bassa. Non è strano che nessuno sembri ascoltare?

 

Ci chiediamo ancora: dove è l’analisi costi/benefici che mostra che questo massiccio acquisto di 57 milioni di kit con il denaro dei contribuenti per il test del flusso laterale era giustificato per le scuole?

 

 

Sputare o tamponare?

Il test con tampone orofaringeo non solo può potenzialmente danneggiare la persona sottoposta a test, ma è anche decisamente fastidioso.

Ci chiediamo ancora: dove è l’analisi costi/benefici che mostra che questo massiccio acquisto di 57 milioni di kit con il denaro dei contribuenti per il test del flusso laterale era giustificato per le scuole?

 

C’è un modo migliore per testare? In realtà c’è, ma non ne sentiamo parlare molto. Coinvolge la pletora di test salivari che sembrano essere efficaci quanto i test del flusso laterale e molto più facili da somministrare.

 

Un recente studio pubblicato sul New England Journal of Medicine ha rilevato che un numero molto più elevato di campioni di saliva è risultato positivo fino a 10 giorni dopo la diagnosi di COVID-19 rispetto ai campioni di tampone.

 

I test salivari stanno diventando sempre più disponibili, ma devono ancora essere utilizzati dai governi.

 

Di seguito alcuni dettagli:

C’è un modo migliore per testare? In realtà c’è, ma non ne sentiamo parlare molto. Coinvolge la pletora di test salivari che sembrano essere efficaci quanto i test del flusso laterale e molto più facili da somministrare

 

USA

  • SalivaDirect – sviluppato dalla Yale School of Public Health è stato approvato per l’uso dalla Food & Drug Administration statunitense nell’agosto dello scorso anno.
  • Gli scienziati della Washington University hanno annunciato lo sviluppo di un test salivare che sperano possa essere utilizzato su larga scala.
  • DxTerity ha aggiunto al suo portafoglio un test SARS-CoV-2 basato sulla saliva.

 

Regno Unito

  • I test salivari Covguard sono disponibili per i cittadini del Regno Unito.
  • Vatic Health è un’altra opzione del Regno Unito creata da un team di scienziati, ingegneri e designer.
  • E se state cercando test salivari che soddisfino anche i requisiti «di idoneità», date un’occhiata a Fitness GenesHydro-x.

 

Australia

  • Un team della University of Technology di Sydney ha sviluppato un test salivare molto sensibile agli antigeni del SARS-CoV-2 che può fornire risultati in meno di 15 minuti.

 

 

 

 

 

Traduzione di Alessandra Boni

 

 

Pubblicato originariamente da Alliance for Natural Health International.