Autismo, il trapianto fecale riduce i sintomi a lungo termine

 

 

 

Una nuova ricerca suggerisce che i trapianti fecali possono ridurre la gravità delle condizioni associate al disturbo dello spettro autistico (ASD)  e che parimenti i cambiamenti durano diversi anni dopo i trapianti.

 

Nel 2017, l’Arizona State University ha condotto uno studio su bambini con ASD di gravità variabile. Ora, la ricerca pubblicata martedì sulla rivista Scientific Reports mostra che la riduzione dei sintomi ASD è persistita per due anni dopo il fatto, dimostrando ulteriormente il legame tra il microbioma intestinale e il cervello.

 

Questo studio suggerisce che i trapianti fecali potrebbero un giorno fornire alle persone un modo per aiutare i bambini con specifiche difficoltà comunicative o sociali.

Nello studio originale, 15 dei 18 bambini avevano quello che era considerato grave autismo, con difficoltà nel comunicare e nel gestire le interazioni sociali. Due anni dopo lo studio, che ha coinvolto otto settimane di trapianti fecali che hanno reintrodotto una maggiore varietà di flora microbica sana nei tratti gastrointestinali dei partecipanti, solo tre partecipanti rientrano secondo la ricerca ancora nella classificazione «grave».

 

«Stiamo trovando una connessione molto forte tra i microbi che vivono nel nostro intestino e segnali che viaggiano verso il cervello», ha detto a New Atlas la scienziata dell’Arizona, Rosa Krajmalnik-Brown. «Due anni dopo, i bambini stanno facendo ancora meglio, il che è sorprendente».

 

Gli scienziati stanno ora lavorando per progettare una sperimentazione clinica più ampia e più approfondita nella speranza di ottenere  da parte della FDA un trattamento approvato per l’uso , secondo New Atlas.

 

Questo studio suggerisce che i trapianti fecali potrebbero un giorno fornire alle persone un modo per aiutare i bambini con specifiche difficoltà comunicative o sociali.

 

Per quanto la ricerca sia ancora agli albori, molti studi, sia sui primati che sugli umani, suggeriscono un impatto delle vaccinazioni sul microbiota intestinale.