Connettiti con Renovato 21

Eugenetica

L’Islanda criticata all’ONU per la sparizione dei Down

Pubblicato

il

Renovatio 21 riprende brani di questo articolo di Bioedge.

 

 

Tra le tradizioni bizantine delle Nazioni Unite c’è la Revisione periodica universale nel Consiglio dei diritti umani. Questa è una sorta di sessione triennale in cui ciascuno dei 193 paesi membri delle Nazioni Unite è di fronte a un panel di dozzine di paesi per ascoltare un resoconto delle loro carenze e fallimenti.

 

Per chi non lo sapesse suona un po’ come una versione Zoom delle sessioni di autocritica descritte nel Libretto Rosso del Presidente Mao : «… la polvere si accumula se una stanza non viene pulita regolarmente, i nostri volti si sporcheranno se non vengono lavati regolarmente. Anche le menti dei nostri compagni e il lavoro del nostro Partito possono raccogliere polvere e anche aver bisogno di spazzare e lavare».

 

Il 25 gennaio è stata la volta dell’Islanda.

 

Il primo ministro Katrín Jakobsdóttir ha ascoltato con pazienza mentre circa 90 oratori provenienti da tutto il mondo mentre davano bacchettate al suo Paese per il suo (generalmente molto buono) record sui diritti umani.

 

È interessante notare che solo due paesi, le Filippine e l’Iran, hanno notato una delle principali carenze dell’Islanda: il suo atteggiamento nei confronti dei bambini con sindrome di Down.

 

Nel 2017 CBS News ha presentato un rapporto sulla scomparsa virtuale dei bambini con sindrome di Down in Islanda che ha indignato persone in tutto il mondo.

 

Secondo la European Down Syndrome Association , «da quando i test di screening prenatale sono stati introdotti in Islanda all’inizio degli anni 2000, la stragrande maggioranza delle donne – quasi il 100% – che hanno ricevuto un test positivo per la sindrome di Down ha interrotto la gravidanza».

 

Il governo islandese ha difeso il suo record nel 2018.

 

«È un principio fondamentale della società islandese rispettare le persone con disabilità come parte della diversità umana», ha affermato. Ha negato che il governo stesse facendo pressioni sulle donne affinché abortissero i bambini con sindrome di Down. Questo è probabilmente vero, ma i bambini con sindrome di Down non sono i benvenuti. Ne nascono solo due o tre ogni anno.

 

Alla riunione delle Nazioni Unite, secondo l’inestimabile newsletter C-FAM , «il delegato delle Filippine ha affermato che l’Islanda dovrebbe “prendere misure immediate ed efficaci per combattere la discriminazione contro le persone con disabilità, in particolare quelle con sindrome di Down e rafforzare le campagne di sensibilizzazione del pubblico per sostenere la loro diritti e fornire supporto e assistenza completi alle persone interessate e alle loro famiglie”. L’Iran ha anche chiesto specificamente all’Islanda di affrontare la discriminazione nei confronti delle persone con sindrome di Down».

 

L’ Islanda ha presentato il proprio rapporto all’ONU sulla situazione dei diritti umani. Non ha fatto menzione dei bambini con sindrome di Down.

 

Probabilmente è ingiusto accusare solo l’Islanda su questo punteggio. Secondo C-FAM , «la Danimarca ha un tasso del 98%, il Regno Unito interrompe il 90% e, sebbene sia difficile trovare statistiche affidabili per gli Stati Uniti, le stime mettono il tasso intorno al 65%».

 

 

Michale Cook

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

Continua a leggere

Eugenetica

Planned Parenthood ammette che le sue radici sono intrinsecamente razziste

Pubblicato

il

Da

Planned Parenthood – in italiano, «Pianificazione genitoriale» – esprime molto bene le intenzioni razziste ed eugenetiche in cui è stata creata l’azienda. Questa spiegazione può essere trovata sul suo sito web, nella sezione «La nostra storia».

 

Planned Parenthood ha abbandonato tranquillamente il suo Premio Margaret Sanger dopo che è stato assegnato al dottor Willie Parker nel 2015. In precedenza era stato assegnato a Nancy Pelosi.

 

Ecco cosa dice il sito web:

 

«Il nostro più alto onore, il Margaret Sanger Award dalla Planned Parenthood Federation of America , viene assegnato ogni anno per riconoscere la leadership, l’eccellenza e i contributi eccezionali alla salute e ai diritti riproduttivi».

 

Per decenni, Planned Parenthood ha negato le sue origini razziste e oggi nega di prendere di mira razzialmente le persone di colore per l’indottrinamento nell’educazione sessuale, e sottoporle ai suoi programmi di sterilizzazione e controllo delle nascite, e alla sua fiorente attività di aborto.

 

Ma oggi Planned Parenthood ammette nella sezione «La nostra storia» del proprio sito web che Sanger era coinvolta nell’eugenetica, che secondo l’organizzazione è intrinsecamente razzista e ha «aggravato l’ingiustizia razziale»:  «Planned Parenthood affonda le sue radici in un’infermiera di nome Margaret Sanger».

 

Dopo aver raccontato la storia dell’arresto di Sanger a Brooklyn all’inizio del suo attivismo, arriva la lunga ammissione:

 

«Sanger credeva nell’eugenetica, un’ideologia intrinsecamente razzista e invalidante che considerava alcune persone inadatte ad avere figli. L’eugenetica è la teoria secondo cui la società può essere migliorata attraverso la riproduzione pianificata di “tratti desiderabili” come l’intelligenza e la diligenza».

 

«All’inizio del XX secolo, le idee sull’eugenetica erano popolari tra gli americani altamente istruiti, privilegiati e prevalentemente bianchi. Margaret Sanger ha espresso molte volte la sua fede e il suo allineamento con il movimento eugenetico nei suoi scritti, inclusa la rivista accademica Birth Control Review. Sanger ha talvolta tentato di sostenere l’eugenetica che non si applica sulla base della razza o della religione».

 

«Ma in una società basata sulla supremazia bianca, la forma fisica e mentale è ancora giudicata in base alla razza. L’eugenetica è quindi intrinsecamente razzista. Aveva delle convincizione che, fin dall’inizio, hanno minato il suo movimento per la libertà riproduttiva e danneggiato innumerevoli persone».

 

«Sanger era così determinata a portare a termine la sua missione di promuovere il controllo delle nascite che ha scelto di allinearsi alle idee e alle organizzazioni della supremazia bianca. Nel 1926, si rivolse alle donne ausiliarie del Ku Klux Klan (KKK) a una manifestazione nel New Jersey per promuovere il controllo delle nascite».

 

«Sanger ha sostenuto la decisione Buck v. Bell del 1927, in cui la Corte Suprema ha stabilito che gli stati potevano sterilizzare con la forza persone ritenute “non idonee” senza il loro consenso e talvolta a loro insaputa. L’accettazione di questa decisione da parte di Sanger e di altri opinion leader ha aperto la strada alla sterilizzazione di decine di migliaia di persone, spesso contro la loro volontà».

 

«Come risultato di queste sentenze, il movimento per i diritti riproduttivi ha, in molti casi, aggravato l’ingiustizia razziale nel sistema sanitario. Il campo della ginecologia moderna è stato fondato da J. Marion Sims, che a metà del XIX secolo ha eseguito ripetutamente e con la forza esperimenti invasivi su donne di colore schiave senza anestesia».

 

«Nel 1939, Sanger iniziò quello che fu chiamato il “Negro Project”, con leader neri come W.E.B. DuBois, Mary McLeod Bethune e il reverendo Adam Clayton Powell. La missione del Progetto Negro era quella di affidare a medici e infermieri neri la responsabilità delle cliniche per il controllo delle nascite per ridurre la sfiducia nei confronti di un sistema sanitario razzista».

 

«Sanger perde il controllo del progetto e le donne di colore vengono inviate da medici bianchi per la contraccezione e gli appuntamenti di follow-up, aggravando problemi sanitari razzisti e paternalistici nel sud».

 

«Anche oggi, le esperienze e il dolore delle donne nere sono troppo spesso respinte o ignorate da medici e altri operatori sanitari, il che, insieme alla storica disumanizzazione dei neri, contribuisce a disparità di salute sconcertanti ed evitabili».

 

La direzione di Planned Parenthood finalmente ammette che la sua eroina è un handicap. Ma l’organizzazione ancora non vuole ammettere di difendere la stessa causa che difende oggi: licenza sessuale a tutti i costi, in particolare il massacro su larga scala di piccoli esseri umani, compresi i bambini delle minoranze in modo sproporzionato.

 

Secondo l’ultimo rapporto di PP, quasi 355.000 bambini sono stati uccisi nei loro stabilimenti in un anno. Ognuno di loro non era solo un essere umano unico, ma rappresenta generazioni perdute.

 

Quindi c’era sicuramente una politica di sterminio razzista da parte di Planned Parenthood. E il governo degli Stati Uniti sovvenziona Planned Parenthood con i soldi dei contribuenti per un importo di 1,7 milioni di dollari al giorno.

 

È tempo di interrompere la «pianificazione familiare» , cosa che avrebbe dovuto essere fatta da molti anni.

 

 

Articolo previamente apparso su FSSPX.news

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Continua a leggere

Eugenetica

Definite l’Eugenetica prima di accusare Orban

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

 

Robert Reich, economista di spicco e segretario del lavoro nell’amministrazione Clinton, ha denunciato le politiche «eugenetiche» di Viktor Orban.

 

Il primo ministro ungherese si è rivolto a una manifestazione conservatrice a Dallas all’inizio di questo mese in cui ha difeso le sue controverse politiche sull’immigrazione.

 

Ma sono stati i commenti fatti da Orban a luglio in casa sua ad attirare l’ira di Reich. In un lungo discorso politico sulle sfide che l’Ungheria deve affrontare, Orban ha parlato di demografia:

 

«Siamo disposti a mescolarci gli uni con gli altri, ma non vogliamo diventare popoli di razza mista. Per questo abbiamo combattuto a Nándorfehérvár/Belgrado, per questo abbiamo fermato i turchi a Vienna e, se non sbaglio, è per questo che, in tempi ancora più antichi, i francesi hanno fermato gli arabi a Poitiers».

 

Reich ha descritto questo come eugenetica. «Le parole e le frasi di Orban erano familiari a chiunque abbia vissuto l’olocausto nazista. Dopo il discorso, uno dei più stretti consiglieri di Orban si è dimesso, definendolo “puro nazista”».

 

Sfortunatamente, «eugenetica» sta diventando una parolaccia, un termine passepartout per suscitare disapprovazione. Questo sta confondendo il problema.

 

Il razzismo nazista ariano è eugenetico e cattivo; l’ingegneria genetica per prevenire le malattie ereditarie è eugenetica e buona.

 

Il giudice della Corte Suprema degli Stati Uniti Clarence Thomas ha affermato che la promozione dell’aborto tra le donne afroamericane sarebbe una forma di eugenetica.

 

Alcuni giornalisti hanno recentemente affermato che impedire alle donne afroamericane di accedere agli aborti è eugenetica e anche sbagliato.

 

Tutti – o quasi tutti – concordano sul fatto che l’eugenetica (qualunque essa sia) è cattiva. Ma dobbiamo parlare della stessa cosa. La definizione del dizionario è «lo studio di come organizzare la riproduzione all’interno di una popolazione umana per aumentare il verificarsi di caratteristiche ereditarie ritenute desiderabili».

 

Continuiamo così.

 

 

Michael Cook

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

Continua a leggere

Eugenetica

«Eugenetica opt-in»: l’eutanasia in Canada è un treno impazzito

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

La sensibilità chimica multipla (MCS) è una sindrome attribuita a pazienti che lamentano mal di testa, eruzioni cutanee, depressione e vertigini e li attribuiscono a sostanze chimiche nell’ambiente. Il suo stato controverso dal punto di vista medico come diagnosi non dovrebbe essere un fattore scatenante per l’eutanasia.

 

In Canada, invece, lo è. A marzo 2023, le persone potranno beneficiare dell’eutanasia semplicemente perché hanno una malattia mentale.

 

CTV National News riporta che «Denise», che è costretta su una sedia a rotelle dopo un infortunio alla schiena e vive con una pensione di invalidità, è gravemente colpita da sostanze chimiche nell’aria come fumo di sigaretta, prodotti chimici per il bucato e deodoranti per ambienti. Nella sua attuale sistemazione non può sfuggire.

 

Quindi ha fatto domanda per l’assistenza medica in morte, o MAiD, il nome dell’eutanasia legale in Canada.

 

Le agenzie governative, dice, non sono state in grado di trovare la sua sistemazione adeguata.

 

«Nessuno di loro è stato in grado di fare nulla di significativo in termini di trasferirmi, ottenere l’emergenza discrezionale o alloggi temporanei e fondi di emergenza», ha detto a CTV.

 

Fare domanda per il MAiD è stato molto più semplice, sebbene non sia malata terminale e una morte naturale non sia imminente.

 

«Porta dopo porta chiusa dopo porta chiusa… il guanto di sfida tende a spingere le persone nella direzione della legislazione che c’è, che è l’assistenza medica e la morte”, ha detto un amico che ha lanciato un appello a GoFundMe per aiutare Denise a trovare una casa dove non soffrirà della sua condizione. “Ho una preoccupazione molto significativa che questa sia la punta dell’iceberg».

 

Un’altra donna affetta da MCS ha ricevuto l’eutanasia a febbraio «dopo tentativi infruttuosi di togliere un appartamento dal fumo e dai prodotti chimici nel suo edificio», ha detto CTV.

 

Scrivendo sul National Post, Sabrina Maddeaux ha dichiarato che il Canada sta sperimentando «l’eugenetica opt-in».

 

«Nel marzo 2023, le persone affette da malattie mentali diventeranno ammissibili al programma canadese di assistenza medica nella morte (MAID), un regime già sotto esame per andare oltre la fine del dolore dei malati terminali, come illustrato da alcuni esempi recenti».

«Tra un anno, MAID potrebbe diventare un’opzione per coloro che non possono permettersi la terapia, i farmaci o le cure necessarie in un Paese che preferirebbe approvare l’eutanasia dei malati di mente piuttosto che fornire opzioni di trattamento accessibili. Una serie di notizie ha fatto luce su un sistema che funziona sempre meno come ultima risorsa e più come una rete di sicurezza sociale orrendamente perversa».

 

Alcuni canadesi stanno ripensando al costante aumento del numero di persone che muoiono a causa di MAID. Un altro collaboratore del National Post, il professore di diritto Brian Bird, ha scritto:

 

«Entro il prossimo anno, il Canada potrebbe essere passato – in soli sette anni – da un divieto totale di eutanasia all’eutanasia sul letto di morte di un adulto all’eutanasia per malattie mentali e fisiche in qualsiasi momento della vita di un adulto. La velocità con cui abbiamo viaggiato su una questione di importanza tettonica per la società e il territorio che abbiamo coperto dovrebbero sollevare interrogativi sulla saggezza del nostro approccio. I sostenitori dicono che è progresso. Temo che sia un treno in corsa».

 

 

 

Michael Cook

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari