Connettiti con Renovato 21

Oligarcato

Documenti dimostrano che Bill Gates ha donato 319 milioni di dollari ai media

Pubblicato

il

 

 

Bill Gates ha un impero mediatico, ma pochi lo sanno. A differenza degli altri conglomerati, i cui padroni son ben noti (da Murdoch e Berlusconi, oramai minori), l’influenza di Gates sui media di tutto il mondo è passata sinora sottotraccia.

 

Il sito americano MintPressNews, citandodocumenti che avrebbe visionato, ha rivelato questo mese che la Bill and Melinda Gates Foundation ha effettuato donazioni per un valore di oltre 300 milioni di dollari per finanziare progetti mediatici in tutto il pianeta.

 

I destinatari di questo denaro includono molte delle più importanti agenzie di stampa americane, tra cui  CNN,  NBC, NPR,  PBS  e la rivista  The Atlantic.

 

La Bill and Melinda Gates Foundation ha effettuato donazioni per un valore di oltre 300 milioni di dollari per finanziare progetti mediatici in tutto il pianeta

Gates sponsorizza anche una miriade di influenti organizzazioni britanniche, tra cui  BBC,  il Guardian, il Financial Times e il Daily Telegraph.

 

In Europa importanti giornali come  Le Monde in Francia,  Der Spiegel  in Germania ed  El País  in Spagna.

 

L’influente canale TV qatariano, ma con reach globale Al Jazeera è pure finanziato dai Gates.

 

Il denaro della Fondazione Gates destinato ai programmi per i media è stato suddiviso in una serie di sezioni, presentate in ordine numerico decrescente, e include un collegamento alla sovvenzione pertinente sul sito Web dell’organizzazione.

 

 

CNN,  NBC, NPR,  PBS , la rivista  The Atlantic, BBC,  il Guardian, il Financial Times e il Daily Telegraph, Le Monde,  Der Spiegel,   El País  in Spagna, Al Jazeera

Fondi diretti a media:

 

 

Insieme, queste donazioni ammontano a 166.216.526 dollari.

 

Il denaro è generalmente diretto verso questioni di interesse di Gates. Ad esempio, la  sovvenzione della CNN di  3,6 milioni di dollari è  andata a «reportage sull’uguaglianza di genere con un focus particolare sui Paesi meno sviluppati, producendo giornalismo sulle disuguaglianze quotidiane subite da donne e ragazze in tutto il mondo», mentre il  Texas Tribune ha  ricevuto milioni per «per aumentare la consapevolezza e l’impegno del pubblico sui problemi della riforma dell’istruzione in Texas».

 

«Dato che Bill è uno dei più ferventi sostenitori delle scuole private – scrive MintPress – un cinico potrebbe interpretarlo come l’introduzione di propaganda pro-multinazionale delle scuole private nei media, mascherata da notizia oggettiva.

 

La Gates Foundation ha anche donato quasi 63 milioni di dollari a enti di beneficenza strettamente allineati con i grandi media

La Gates Foundation ha anche donato quasi 63 milioni di dollari a enti di beneficenza strettamente allineati con i grandi media, tra cui quasi  53 milioni  di dollari a BBC Media Action, oltre  9 milioni  di dollari alla Fondazione Staying Alive di  MTV e  1 milione  di dollari al New York Times Neediest Causes Fund. Pur non finanziando specificamente il giornalismo, vanno comunque segnalate le donazioni al ramo filantropico di un un player del mondo dei media.

 

Gates continua a sottoscrivere anche un’ampia rete di centri di giornalismo investigativo, per un totale di poco più di 38 milioni di dollari, più della metà dei quali è andata all’International Center for Journalists con sede a Washington per espandere e sviluppare i media africani.

 

Questi centri includono:

 

 

Oltre a questo, la Fondazione Gates fornisce denaro ad associazioni di stampa e giornalismo per almeno 12 milioni di dollari. Ad esempio, la National Newspaper Publishers Association, un gruppo che rappresenta più di 200 testate, ha ricevuto 3,2 milioni di dollari.

 

Tali organizzazioni includono:

 

 

Questo porta il totale a $ 216,4 milioni.

 

La fondazione mette anche i soldi per formare direttamente giornalisti in tutto il mondo, sotto forma di borse di studio, corsi e workshop.

 

Oggi è possibile per un individuo formarsi come reporter grazie a una sovvenzione della Gates Foundation, trovare lavoro in un punto vendita finanziato da Gates e appartenere a un’associazione di stampa finanziata da Gates. Ciò è particolarmente vero per i giornalisti che lavorano nei settori della salute

Oggi è possibile per un individuo formarsi come reporter grazie a una sovvenzione della Gates Foundation, trovare lavoro in un punto vendita finanziato da Gates e appartenere a un’associazione di stampa finanziata da Gates.

 

Ciò è particolarmente vero per i giornalisti che lavorano nei settori della salute, dell’istruzione e dello sviluppo globale, quelli in cui lo stesso Gates è più attivo e dove è più necessario esaminare le azioni e le motivazioni del miliardario.

 

Le sovvenzioni della Fondazione Gates relative all’istruzione dei giornalisti includono:

 

 

La Fondazione Gates dal 2014 ha donato 5,7 milioni di dollari alla Population Foundation of India per creare drammi che promuovono la salute sessuale e riproduttiva, con l’intento di aumentare i metodi di «pianificazione familiare» (cioè contraccezione e aborto) nell’Asia meridionale

La Fondazione Gates paga anche per una vasta gamma di campagne mediatiche specifiche in tutto il mondo.

 

Ad esempio, dal 2014 ha donato 5,7 milioni di dollari alla Population Foundation of India per creare drammi che promuovono la salute sessuale e riproduttiva, con l’intento di aumentare i metodi di «pianificazione familiare» (cioè contraccezione e aborto) nell’Asia meridionale.

 

Nel frattempo, ha stanziato oltre  3,5 milioni  di dollari a un’organizzazione senegalese per sviluppare programmi radiofonici e contenuti online con informazioni sulla salute.

 

I sostenitori considerano questo un aiuto per i media sottofinanziati in modo critico, mentre gli oppositori potrebbero considerarlo un caso di un miliardario che usa i suoi soldi per piantare le sue idee e opinioni nella stampa.

I sostenitori considerano questo un aiuto per i media sottofinanziati in modo critico, mentre gli oppositori potrebbero considerarlo un caso di un miliardario che usa i suoi soldi per piantare le sue idee e opinioni nella stampa.

 

Progetti mediatici finanziati dalla Gates Foundation:

 

 

 

«Sommati insieme, questi progetti mediatici sponsorizzati da Gates ammontano a un totale di 319,4 milioni di dollari. Tuttavia, ci sono evidenti carenze con questo elenco non esaustivo, il che significa che la cifra reale è senza dubbio molto più alta» scrive MintPress.

 

«Innanzitutto, non conta le sovvenzioni secondarie, ovvero denaro dato dai destinatari ai media di tutto il mondo. E mentre la Fondazione Gates promuove un’aria di apertura su se stessa, in realtà ci sono poche preziose informazioni pubbliche su ciò che accade ai soldi di ciascuna sovvenzione, tranne per una breve descrizione di una o due frasi scritta dalla fondazione stessa sul suo sito web».

 

«Sono state conteggiate solo le donazioni alle organizzazioni di stampa stesse oi progetti che potrebbero essere identificati dalle informazioni sul sito web della Fondazione Gates come campagne mediatiche, il che significa che migliaia di sovvenzioni con qualche elemento mediatico non compaiono in questo elenco».

 

Un esempio calzante è la partnership della Fondazione Gates con ViacomCBS, la società che controlla CBS News , MTV, VH1, Nickelodeon e BET. I resoconti dei media all’epoca notarono che la Gates Foundation stava pagando il gigante dell’intrattenimento per inserire informazioni e annunci pubblici nella sua programmazione e che Gates era intervenuto per cambiare le trame in programmi TV popolari come ER e Law & Order: SVU.

 

Tuttavia, scrive MintPress, quando si controlla il database delle sovvenzioni di BMGF, «Viacom» e «CBS» non si trovano da nessuna parte, la probabile sovvenzione in questione (per un totale di oltre $ 6 milioni) descrive semplicemente il progetto come una «campagna di impegno pubblico volta a migliorare i tassi di diploma di scuola superiore e tassi di completamento postsecondari specificamente rivolti a genitori e studenti», il che significa che non è stato conteggiato nel totale ufficiale.

 

Non sono inoltre incluse le sovvenzioni finalizzate alla produzione di articoli per riviste accademiche. Sebbene questi articoli non siano destinati al consumo di massa, costituiscono regolarmente la base per gli articoli sulla stampa principale e aiutano a modellare le narrazioni su questioni chiave.

 

La Gates Foundation ha donato in lungo e in largo a fonti accademiche, con almeno 13,6 milioni di dollari destinati alla creazione di contenuti per la prestigiosa rivista medica The Lancet

La Gates Foundation ha donato in lungo e in largo a fonti accademiche, con almeno 13,6 milioni di dollari destinati alla creazione di contenuti per la prestigiosa rivista medica The Lancet.

 

Naturalmente, anche i soldi dati alle università per progetti puramente di ricerca alla fine finiscono nelle riviste accademiche e, infine, a valle nei mass media.

 

È stato notato come Gates in tutti questi anni abbia tenuto un basso profilo, a differenza di un altro dei top 5 più ricchi del mondo, che acquistò il Washington Post.

 

Per l’indebita influenza esercitata sui media, Gates era stato magari attaccato dal giornale della sua città, il Seattle Times: «le sovvenzioni della fondazione alle organizzazioni dei media… sollevano ovvie domande sul conflitto di interessi: come possono essere imparziali i reportage quando un attore importante tiene i cordoni della borsa?» scriveva il quotidiano nel 2011. Più tardi la stessa testata ricevette fondi dalla Fondazione Gates per il finanziamento della sezione «laboratorio educativo».

 

Il giornalista americano Tim Schwab è uno degli unici ad aver cercato la verità nell’impero mediatico occulto di Gates.

 

La ricerca di Tim Schwab ha scoperto conflitti di interesse a livelli altissimi. Ad esempio, due editorialisti del New York Times hanno scritto in modo entusiasta della Fondazione Gates per anni senza rivelare che lavoravano anche per un gruppo – il Solutions Journalism Network – che, come mostrato sopra, ha ricevuto oltre 7 milioni di dollari dall’ente di beneficenza del miliardario tecnologico.

 

Naturalmente, anche i soldi dati alle università per progetti puramente di ricerca alla fine finiscono nelle riviste accademiche e, infine, a valle nei mass media

All’inizio di quest’anno, Tim Schwab ha anche rifiutato di collaborare a una storia su COVAX, l’ente filantropico-sanitario di distribuzione globale di vaccini fortemente partecipato da Gates e dalle sue sigle, per il Bureau of Investigative Journalism – il giornalista sospettava che il denaro che Gates aveva pompato nella testata avrebbe reso impossibile riferire con precisione su un argomento così vicino agli interessi di Gates.

 

«Quando l’articolo è stato pubblicato il mese scorso, ripeteva l’affermazione che Gates aveva poco a che fare con il fallimento di COVAX, rispecchiando la posizione della Fondazione Gates e citandola dappertutto. Solo alla fine dell’articolo di oltre 5.000 parole è emerso che l’organizzazione che difendeva pagava gli stipendi del suo personale» scrive MintPress.

 

Si tratterebbe di una forma di censura implicita, di autocensura.

 

«Non credo che Gates abbia detto al Bureau of Investigative Journalism cosa scrivere. Penso che il Bureau sapesse implicitamente, anche se inconsciamente, di dover trovare un modo per raccontare questa storia che non prendesse di mira il loro finanziatore. Gli effetti di distorsione dei conflitti finanziari sono complessi ma molto reali e affidabili», ha detto Schwab, descrivendolo come «un caso di studio sui pericoli del giornalismo finanziato da Gates».

 

Gates chiese di far qualcosa per limitare le comunicazioni su piattaforme Whatsapp

È da notare che Bill Gates, oltre che avere leve nei media, ne abbia anche nei social media. Nessuno sa con precisione a quanto ammonti la sua quota di azioni di Facebook, per esempio – ma dell’azienda di Zuckerberg l’uomo Microsoft è stato uno dei primi finanziatori ancora negli anni 2000.

 

Ricordiamo anche quando la volontà di controllo nelle comunicazioni mondiali – sia nelle forme che nei contenuti – emerse durante il lockdown, quando Gates chiese di far qualcosa per limitare le comunicazioni su piattaforme Whatsapp.

 

Lo rivelò in una delle sue numerosi apparizioni TV in maglioncino un anno fa, in video che Renovatio 21 aveva sottotitolato:

 

«Certamente quando lasci che le persone comunichino, devi avere a che fare con il fatto che certe cose scorrette e molto sollecitanti possono diffondersi molto rapidamente rispetto alla verità».

 

«Lo abbiamo già visto con i vaccini, ogni cosa negativa arriva alle persone… fatti come “no, non sono sicuri, non causano l’autismo” viaggiano molto lentamente in comparazione… e i social media possono fare ancora peggio».

 

 

«Queste società mediatiche possono vedere cosa è messo sulle loro piattaforme e togliere cose che sono assolutamente sbagliate, liberarsi di queste cose, o rallentarle»

 

In modo assai interessante, Gates chiamò in causa il fatto che Whatsapp usi una tecnologia di crittografia.

 

Le aziende dei social media «non vedono nemmeno alcuni messaggi sulle loro piattaforme a causa della crittografia di Whatsapp.Per non avere responsabilità hanno reso la cosa opaca qualsiasi sia la questione: antivaccinismo, pornografia infantile, hanno fatto in modo di non poter intervenire in quelle cose».

 

Il controllo biologico della popolazione tramite vaccino, aborto contraccezione. Il controllo psicologico della popolazione tramite propaganda e censura. A che personaggio siamo dinanzi?

Robert F. Kennedy jr. ha denunciato da tempo la concentrazione di potere mediatico e informatico a livello globale nelle mani di Gates.

 

«Facebook e Google hanno assunto “FactChecker»” (Politifact) per censurare la disinformazione sui vaccini. La Gates Foundation è il maggiore finanziatore di “FactChecker”» scriveva Kennedy nella primavera 2020, che, come sempre prevedeva con nitore stupefacente la situazione: «enormi donazioni a NPR e PBS [canali radio e TV pubblici americani, ndr] permettono di comprare dai media pubblici una copertura distorta dei vaccini di Gates».

 

Renovatio 21 vi invita a leggere l’articolo scritto da Kennedy più di un anno fa: «Come Bill Gates controlla la messaggistica globale e la censura». Gates si pone come vero controllore dei messaggi scambiati nel consorzio umano.

 

Il controllo biologico della popolazione tramite vaccino, aborto contraccezione. Il controllo psicologico della popolazione tramite propaganda e censura.

 

A che personaggio siamo dinanzi?

 

Continua a leggere

CRISPR

Jeff Bezos assume i migliori scienziati per sconfiggere la morte

Pubblicato

il

Da

Il fondatore di Amazon Jeff Bezos, sta radunando un team di scienziati di spicco per assistere nel suo sogno di sviluppare la tecnologia dell’immortalità. 

 

Il miliardario sta elargendo cospicui fondi ad una startup anti-invecchiamento soprannominata Alto Labs.

 

Il progetto ha recentemente reclutato Hal Barron, ex direttore scientifico del colosso farmaceutico GlaxoSmithKline. Barron è stato scelto come CEO di Alto Lab. Un segno chiaro e tangibilissimo che Bezos, come nelle sue mire spaziali, sta facendo sul serio.

 

Il miliardario sta elargendo cospicui fondi ad una startup anti-invecchiamento soprannominata Alto Labs

«Sono profondamente onorato di aver ricevuto questa opportunità irripetibile di guidare un’azienda così unica con una missione trasformativa per invertire la malattia», ha affermato Barron in un comunicato stampa della neonata startup Altos Labs.

 

Barron non è l’unico nome pesante del team dell’azienda votata alla ricerca anti-aging.

 

Nel pool di scienziati assunti c’è il dottor Shinya Yamanaka, vincitore del premio Nobel 2012 per la medicina per il suo lavoro nella ricerca sulle cellule staminali, e Jennifer Doudna, co-vincitrice del premio Nobel 2020 in chimica per il suo ruolo nello sviluppo dello strumento di editing genetico CRISPR, la principale tecnologia di ingegneria genetica che sta richiamando l’attenzione – e i tanti danari – di un altro degli uomini più ricchi della storia, Bill Gates

 

Come noto, il CRISPR è stato utilizzato per la produzione in laboratorio delle famose supergemelle cinesi, pubblicamente note come i primi esseri umani ad essere venuti al mondo con un processo di bioingegneria CRISPR.

 

L’utilizzo del CRISPR, è stato ipotizzato, potrebbe essere correlato ad una aumentata possibilità di sviluppare il cancro.

 

Tuttavia la tecnica CRISPR si candida ad essere il processo attraverso passerà tutta la vita «ammessa» sul pianeta, umana e non: dalle piante agli animali domestici, a – ovviamente – i bambini, programmati geneticamente per la perfezione.

 

I finanziamenti ottenuti dalla startup di Bezos che vuole allungare la vita sarebbero per oltre 3 miliardi di dollari. E siamo solo a poco tempo dal lancio.

 

Nel pool di scienziati assunti c’è il dottor Shinya Yamanaka, vincitore del premio Nobel 2012 per la medicina per il suo lavoro nella ricerca sulle cellule staminali, e Jennifer Doudna, co-vincitrice del premio Nobel 2020 in chimica per il suo ruolo nello sviluppo dello strumento di editing genetico CRISPR

Bezos non è nemmeno l’unico investitore super ricco che aiuta a finanziare Alto Labs. Anche il miliardario russo-israeliano Yuri Milner si sta impegnando per aiutare a sviluppare la tecnologia anti-invecchiamento.

 

La missione di Altos Labs è raggiungere la riprogrammazione biologica. Questo è un metodo per ringiovanire essenzialmente le cellule dopo che sono maturate. In teoria, le cellule potrebbero quindi essere indotte a «riparare» il corpo mentre invecchia e persino curare malattie legate all’età come la demenza. 

 

Come riportato da Renovatio 21, gli imprenditori tecnologici della Silicon Valley a più riprese hanno dato prova del loro desiderio di vivere per sempre.

 

Ultimamente si è tornati a parlare della parabiosi, cioè della trasfusione di sangue giovane, che è, letteralmente, una forma di vampirismo, ma che gode del favore di diversi investitori e CEO di aziende tecnologiche.

 

I finanziamenti ottenuti dalla startup che vuole allungare la vita sarebbero per oltre 3 miliardi di dollari

In Italia abbiamo avuto il caso non dissimile di un miliardario alla cerca dell’estensione della vita: Silvio Berlusconi.

 

Nel 2010 uscì la notizia che l’allora patron del San Raffaele Don Verzè stava lavorando ad un centro di ricerca sulla life extension.

 

Lo dichiarò lo stesso  Silvio, secondo i giornali «Al progetto Berlusconi crede fermamente: “Guardate che i 120 anni sono l’età media che tutti potranno raggiungere”» scrisse Il Tempo.

 

In Italia abbiamo avuto il caso non dissimile di un miliardario alla cerca dell’estensione della vita: Silvio Berlusconi

L’idea, discussa varie volte da Berlusconi in pubblico, fu ufficializzata durante la festa del compleanno di Don Verzè, nel periodo in cui il San Raffaele non era ancora finito nel disastroso crash economico che portò l’ospedale ad essere venduto ad un altro gruppo sanitario.

 

Berlusconi, scrive Blitz, ne avrebbe parlato anche durante un viaggio in Russia, intrecciando il tema con quello della democrazia: «da noi in Italia c’è un sacerdote magico di 90 anni che ha messo in piedi la più grande organizzazione sanitaria con l’obiettivo di aumentare la vita media a 120 anni. Per arrivare a questa ulteriore permanenza di ciascuno di noi su questa terra, lo sforzo che dobbiamo fare è che su questa terra ci sia democrazia».

 

Vi furono quindi le rivelazioni dello stesso Don Verzè in una intervista del 2010: «Silvio Berlusconi mi ha chiesto di farlo campare fino a 150 anni e lui pensa che arrivando a 150 anni metterà a posto l’Italia». Anche Don Verzè insisteva sulla genetica, e andava oltre parlando di microchip sotto cutanei: «Si predice quale sarà la patologia di ogni persona leggendo il genoma con un microchip sottopelle che avverte se c’è qualcosa che non va».

 

Tornando a Berlusconi, pensa che la candidatura al Quirinale del cavaliere sia l’ultima, potrebbe sbagliarsi di grosso.

 

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Oligarcato

Grande Reset, a Davos Bill Gates chiede tasse «aggressive» sul carbonio per «accelerare» la quarta rivoluzione industriale

Pubblicato

il

Da

Al World Economic Forum 2022, cioè l’incontro di Davos che anche quest’anno si svolge online, Bill Gates ha chiesto un’attuazione aggressiva delle tasse sul carbonio per costringere i paesi a reddito medio a modificare radicalmente i loro interi settori industriali.

 

Gates ha dichiarato che «i Paesi ricchi devono svolgere un ruolo centrale (…) in alcuni casi le tasse sul carbonio verranno utilizzate per guidare la domanda di questi prodotti puliti».

 

«Solo facendo ciò in modo aggressivo i costi economici saranno ridotti abbastanza da poterci rivolgere a tutti i paesi a reddito medio e dire “OK, cambia l’intera industria del cemento, cambia l’intera industria siderurgica”».

Gates sulle aziende: «Alcuni di loro falliranno, molti di loro falliranno (…) per farcela abbiamo solo bisogno di un numero ragionevole, alcune dozzine, ed è quello che dobbiamo accelerare».

 

«Il numero di aziende che lavorano su queste cose è molto eccitante», ha dichiarato Gates.

 

Il mega-magnate globale ha quindi profetizzato che «alcuni di loro falliranno, molti di loro falliranno», tuttavia, dice l’uomo per anni considerato il più ricco del mondo, «per farcela abbiamo solo bisogno di un numero ragionevole, alcune dozzine, ed è quello che dobbiamo accelerare».

 

Si tratta, spudoratamente, dell’ammissione della pandemia come processo di sfoltimento delle attività umane, dell’emergenza come strumento di una agenda di deindustrializzazione (e quindi, di impoverimento globale, e di conseguente riduzione delle nascite) – insomma, il COVID come leva di riconfigurazione dell’umanità.

 

Si tratta, spudoratamente, dell’ammissione della pandemia come processo di sfoltimento delle attività umane, dell’emergenza come strumento di una agenda di deindustrializzazione (e quindi, di impoverimento globale, e di conseguente riduzione delle nascite) – insomma, il COVID come leva di riconfigurazione dell’umanità

Sempre meno del progetto è dissimulato, oramai.


 

La trasformazione dell’intero comparto industriale mondiale era stata annunciata, in un libro precedente la pandemia, dall’ospite di Gates all’evento, il fondatore del World Economic Forum di Davos Klaus Schwab.

 

Tutto era già scritto in un libro pubblicato da Schwab nel 2016, La quarta rivoluzione industriale, stampato in Italia con prefazione dell’erede Agnelli (ora a capo anche del gruppo media Repubblica-L’Espresso) John Elkann.

 

Le idee del libro erano poi state trasposte, durante il primo anno della pandemia, in un altro testo che dichiarava apertis verbis che la pandemia era un’opportunità immensa per cambiare completamente il modello economico e industriale mondiale: si tratta del libello COVID-19: The Great Reset, bizzarramente non ancora tradotto in italiano.

 

Tra le idee di Schwab, vi sono anche pratiche di transumanismo, con l’esaltazione della fusione uomo-macchina e della possibilità di controllo della popolazione che tali sistemi offriranno.

 

Nel suo libro sulla Quarta Rivoluzione industriale, Schwab spiega con entusiasmo come la tecnologia in arrivo consentirà alle autorità di «intromettersi nello spazio fino ad ora privato della nostra mente, leggendo i nostri pensieri e influenzando il nostro comportamento». Perciò, «anche attraversare un confine nazionale potrebbe un giorno richiedere una scansione cerebrale dettagliata per valutare il rischio per la sicurezza di un individuo».

 

Se vi lamentate dei tamponi prima di volare, provate a pensare a quando arriveranno le scansioni cerebrali, praticate per cercare dentro di voi idee pericolose.

 

Un video apparso due mesi fa riassumeva satiricamente il mondo futuro immaginato da Schwab, un luogo dove, per usare uno slogan del Forum di Davos, «non possiederai nulla e sarai felice».

 

 

Come riportato da Renovatio 21, a novembre 2021, senza che i giornali degnassero la cosa di attenzione, Schwab ha incontrato il presidente del Consiglio italiano Mario Draghi.

 

Come noto, Schwab ha dato l’onore di aprire il Forum di quest’anno al presidente cinese Xi Jinping.

 

 

PER APPROFONDIRE

Abbiamo parlati di

In affiliazione Amazon

 

 

Immagine di World Economic Forum via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 2.0 Generic (CC BY-NC-SA 2.0)

Continua a leggere

Oligarcato

Scienziati: rubare il sangue ai giovani può farti ringiovanire

Pubblicato

il

Da

Un team di ricercatori ha scoperto nuove prove che il sangue dei giovani potrebbe essere il segreto per rimanere giovani. 

 

In un nuovo studio pubblicato sulla prestigiosa rivista Nature Aging , il team ha scoperto che le particelle nel sangue di topo chiamate vescicole extracellulari (EV) inviano istruzioni per una proteina della longevità chiamata «Klotho» alle cellule muscolari, secondo quanto riportato da un comunicato stampa dell’Università di Pittsburgh.

 

Man mano che i topi invecchiano, gli EV sembrano diventare più deboli e di conseguenza inviano meno istruzioni per la proteina. 

 

Quando gli scienziati hanno somministrato a topi più anziani il sangue di topi più giovani, le loro cellule e i loro tessuti hanno iniziato ad assumere caratteristiche più giovanili come, ad esempio, una maggiore rigenerazione muscolare. Quando gli EV sono stati rimossi dal sangue, l’effetto è svanito. 

 

Se l’effetto di questi esperimenti potrebbe tradursi negli esseri umani, ovviamente, rimane poco chiaro. I tentativi di portare il trattamento ai pazienti reali sono stati accolti con dure critiche e risultati inconcludenti.

 

Ma il team di Pittsburgh spera che la loro ricerca possa portare a nuovi trattamenti per sostenere e migliorare la longevità durante il processo di invecchiamento degli esseri umani.

 

«In un certo senso, ci aiuta a comprendere la biologia di base di come funziona la rigenerazione muscolare e come non funziona con l’avanzare dell’età», ha detto Fabrisia Ambrosio, docente associato di medicina fisica e riabilitazione all’Università di Pittsburghe autrice principale dello studio. «Quindi, portando queste informazioni al passaggio successivo, possiamo pensare di utilizzare le vescicole extracellulari come terapia per contrastare questi difetti legati all’età».

 

Grazie alla scienza e ai miliardi, il vampirismo è, materialmente, dietro l’angolo

Altre ricerche hanno suggerito che il sangue di topi giovani può aiutare a migliorare le prestazioni cognitive nei topi più anziani, sempre secondo questo comunicato. Ciò significa che i trattamenti EV potrebbero teoricamente aiutare a rallentare o addirittura prevenire il declino cognitivo con l’avanzare dell’età. 

 

Nonostante la timidezza con cui si muove l’accademia, che ad oggi la considera come una pseudoscienza, la trasfusione di sangue giovane ad individui anziani (e facoltosi) è realtà da diversi anni.

 

Il processo, chiamato parabiosi, è offerto da diverse startup e ha già diversi clienti nel mondo finanziario e tecnologico della Silicon Valley. La startup Ambrosia, ha venduto «trasfusioni di sangue per giovani» dal 2016 per  8.000 dollari usando il pretesto di condurre una sperimentazione clinica. Ad agosto 2017, avevano aderito 600 persone. Un’altra azienda, Alkahest, è stata fondata sulla base degli studi sui roditori di Stanford. Dal 2017 sta collaborando con l’azienda farmaceutica europea Grifols per creare un farmaco biologico sperimentale a base di plasma sanguigno che si propone di testare su persone con Alzheimer.

 

La serie televisiva Silicon Valley in un episodio, ne ha offerto la parodia, mostrando gli apparecchi per le trasfusioni e l’esistenza dei cosiddetti «blood boy», ragazzi appena ventenni che devono seguire diete ferree per servire da banche di sangue per gli eccentrici miliardari.

 

Grazie alla scienza e ai miliardi, il vampirismo è, materialmente, dietro l’angolo.

 

Continua a leggere

Più popolari