Connettiti con Renovato 21

Oligarcato

Documenti dimostrano che Bill Gates ha donato 319 milioni di dollari ai media

Pubblicato

il

 

 

Bill Gates ha un impero mediatico, ma pochi lo sanno. A differenza degli altri conglomerati, i cui padroni son ben noti (da Murdoch e Berlusconi, oramai minori), l’influenza di Gates sui media di tutto il mondo è passata sinora sottotraccia.

 

Il sito americano MintPressNews, citandodocumenti che avrebbe visionato, ha rivelato questo mese che la Bill and Melinda Gates Foundation ha effettuato donazioni per un valore di oltre 300 milioni di dollari per finanziare progetti mediatici in tutto il pianeta.

 

I destinatari di questo denaro includono molte delle più importanti agenzie di stampa americane, tra cui  CNN,  NBC, NPR,  PBS  e la rivista  The Atlantic.

 

La Bill and Melinda Gates Foundation ha effettuato donazioni per un valore di oltre 300 milioni di dollari per finanziare progetti mediatici in tutto il pianeta

Gates sponsorizza anche una miriade di influenti organizzazioni britanniche, tra cui  BBC,  il Guardian, il Financial Times e il Daily Telegraph.

 

In Europa importanti giornali come  Le Monde in Francia,  Der Spiegel  in Germania ed  El País  in Spagna.

 

L’influente canale TV qatariano, ma con reach globale Al Jazeera è pure finanziato dai Gates.

 

Il denaro della Fondazione Gates destinato ai programmi per i media è stato suddiviso in una serie di sezioni, presentate in ordine numerico decrescente, e include un collegamento alla sovvenzione pertinente sul sito Web dell’organizzazione.

 

 

CNN,  NBC, NPR,  PBS , la rivista  The Atlantic, BBC,  il Guardian, il Financial Times e il Daily Telegraph, Le Monde,  Der Spiegel,   El País  in Spagna, Al Jazeera

Fondi diretti a media:

 

 

Insieme, queste donazioni ammontano a 166.216.526 dollari.

 

Il denaro è generalmente diretto verso questioni di interesse di Gates. Ad esempio, la  sovvenzione della CNN di  3,6 milioni di dollari è  andata a «reportage sull’uguaglianza di genere con un focus particolare sui Paesi meno sviluppati, producendo giornalismo sulle disuguaglianze quotidiane subite da donne e ragazze in tutto il mondo», mentre il  Texas Tribune ha  ricevuto milioni per «per aumentare la consapevolezza e l’impegno del pubblico sui problemi della riforma dell’istruzione in Texas».

 

«Dato che Bill è uno dei più ferventi sostenitori delle scuole private – scrive MintPress – un cinico potrebbe interpretarlo come l’introduzione di propaganda pro-multinazionale delle scuole private nei media, mascherata da notizia oggettiva.

 

La Gates Foundation ha anche donato quasi 63 milioni di dollari a enti di beneficenza strettamente allineati con i grandi media

La Gates Foundation ha anche donato quasi 63 milioni di dollari a enti di beneficenza strettamente allineati con i grandi media, tra cui quasi  53 milioni  di dollari a BBC Media Action, oltre  9 milioni  di dollari alla Fondazione Staying Alive di  MTV e  1 milione  di dollari al New York Times Neediest Causes Fund. Pur non finanziando specificamente il giornalismo, vanno comunque segnalate le donazioni al ramo filantropico di un un player del mondo dei media.

 

Gates continua a sottoscrivere anche un’ampia rete di centri di giornalismo investigativo, per un totale di poco più di 38 milioni di dollari, più della metà dei quali è andata all’International Center for Journalists con sede a Washington per espandere e sviluppare i media africani.

 

Questi centri includono:

 

 

Oltre a questo, la Fondazione Gates fornisce denaro ad associazioni di stampa e giornalismo per almeno 12 milioni di dollari. Ad esempio, la National Newspaper Publishers Association, un gruppo che rappresenta più di 200 testate, ha ricevuto 3,2 milioni di dollari.

 

Tali organizzazioni includono:

 

 

Questo porta il totale a $ 216,4 milioni.

 

La fondazione mette anche i soldi per formare direttamente giornalisti in tutto il mondo, sotto forma di borse di studio, corsi e workshop.

 

Oggi è possibile per un individuo formarsi come reporter grazie a una sovvenzione della Gates Foundation, trovare lavoro in un punto vendita finanziato da Gates e appartenere a un’associazione di stampa finanziata da Gates. Ciò è particolarmente vero per i giornalisti che lavorano nei settori della salute

Oggi è possibile per un individuo formarsi come reporter grazie a una sovvenzione della Gates Foundation, trovare lavoro in un punto vendita finanziato da Gates e appartenere a un’associazione di stampa finanziata da Gates.

 

Ciò è particolarmente vero per i giornalisti che lavorano nei settori della salute, dell’istruzione e dello sviluppo globale, quelli in cui lo stesso Gates è più attivo e dove è più necessario esaminare le azioni e le motivazioni del miliardario.

 

Le sovvenzioni della Fondazione Gates relative all’istruzione dei giornalisti includono:

 

 

La Fondazione Gates dal 2014 ha donato 5,7 milioni di dollari alla Population Foundation of India per creare drammi che promuovono la salute sessuale e riproduttiva, con l’intento di aumentare i metodi di «pianificazione familiare» (cioè contraccezione e aborto) nell’Asia meridionale

La Fondazione Gates paga anche per una vasta gamma di campagne mediatiche specifiche in tutto il mondo.

 

Ad esempio, dal 2014 ha donato 5,7 milioni di dollari alla Population Foundation of India per creare drammi che promuovono la salute sessuale e riproduttiva, con l’intento di aumentare i metodi di «pianificazione familiare» (cioè contraccezione e aborto) nell’Asia meridionale.

 

Nel frattempo, ha stanziato oltre  3,5 milioni  di dollari a un’organizzazione senegalese per sviluppare programmi radiofonici e contenuti online con informazioni sulla salute.

 

I sostenitori considerano questo un aiuto per i media sottofinanziati in modo critico, mentre gli oppositori potrebbero considerarlo un caso di un miliardario che usa i suoi soldi per piantare le sue idee e opinioni nella stampa.

I sostenitori considerano questo un aiuto per i media sottofinanziati in modo critico, mentre gli oppositori potrebbero considerarlo un caso di un miliardario che usa i suoi soldi per piantare le sue idee e opinioni nella stampa.

 

Progetti mediatici finanziati dalla Gates Foundation:

 

 

 

«Sommati insieme, questi progetti mediatici sponsorizzati da Gates ammontano a un totale di 319,4 milioni di dollari. Tuttavia, ci sono evidenti carenze con questo elenco non esaustivo, il che significa che la cifra reale è senza dubbio molto più alta» scrive MintPress.

 

«Innanzitutto, non conta le sovvenzioni secondarie, ovvero denaro dato dai destinatari ai media di tutto il mondo. E mentre la Fondazione Gates promuove un’aria di apertura su se stessa, in realtà ci sono poche preziose informazioni pubbliche su ciò che accade ai soldi di ciascuna sovvenzione, tranne per una breve descrizione di una o due frasi scritta dalla fondazione stessa sul suo sito web».

 

«Sono state conteggiate solo le donazioni alle organizzazioni di stampa stesse oi progetti che potrebbero essere identificati dalle informazioni sul sito web della Fondazione Gates come campagne mediatiche, il che significa che migliaia di sovvenzioni con qualche elemento mediatico non compaiono in questo elenco».

 

Un esempio calzante è la partnership della Fondazione Gates con ViacomCBS, la società che controlla CBS News , MTV, VH1, Nickelodeon e BET. I resoconti dei media all’epoca notarono che la Gates Foundation stava pagando il gigante dell’intrattenimento per inserire informazioni e annunci pubblici nella sua programmazione e che Gates era intervenuto per cambiare le trame in programmi TV popolari come ER e Law & Order: SVU.

 

Tuttavia, scrive MintPress, quando si controlla il database delle sovvenzioni di BMGF, «Viacom» e «CBS» non si trovano da nessuna parte, la probabile sovvenzione in questione (per un totale di oltre $ 6 milioni) descrive semplicemente il progetto come una «campagna di impegno pubblico volta a migliorare i tassi di diploma di scuola superiore e tassi di completamento postsecondari specificamente rivolti a genitori e studenti», il che significa che non è stato conteggiato nel totale ufficiale.

 

Non sono inoltre incluse le sovvenzioni finalizzate alla produzione di articoli per riviste accademiche. Sebbene questi articoli non siano destinati al consumo di massa, costituiscono regolarmente la base per gli articoli sulla stampa principale e aiutano a modellare le narrazioni su questioni chiave.

 

La Gates Foundation ha donato in lungo e in largo a fonti accademiche, con almeno 13,6 milioni di dollari destinati alla creazione di contenuti per la prestigiosa rivista medica The Lancet

La Gates Foundation ha donato in lungo e in largo a fonti accademiche, con almeno 13,6 milioni di dollari destinati alla creazione di contenuti per la prestigiosa rivista medica The Lancet.

 

Naturalmente, anche i soldi dati alle università per progetti puramente di ricerca alla fine finiscono nelle riviste accademiche e, infine, a valle nei mass media.

 

È stato notato come Gates in tutti questi anni abbia tenuto un basso profilo, a differenza di un altro dei top 5 più ricchi del mondo, che acquistò il Washington Post.

 

Per l’indebita influenza esercitata sui media, Gates era stato magari attaccato dal giornale della sua città, il Seattle Times: «le sovvenzioni della fondazione alle organizzazioni dei media… sollevano ovvie domande sul conflitto di interessi: come possono essere imparziali i reportage quando un attore importante tiene i cordoni della borsa?» scriveva il quotidiano nel 2011. Più tardi la stessa testata ricevette fondi dalla Fondazione Gates per il finanziamento della sezione «laboratorio educativo».

 

Il giornalista americano Tim Schwab è uno degli unici ad aver cercato la verità nell’impero mediatico occulto di Gates.

 

La ricerca di Tim Schwab ha scoperto conflitti di interesse a livelli altissimi. Ad esempio, due editorialisti del New York Times hanno scritto in modo entusiasta della Fondazione Gates per anni senza rivelare che lavoravano anche per un gruppo – il Solutions Journalism Network – che, come mostrato sopra, ha ricevuto oltre 7 milioni di dollari dall’ente di beneficenza del miliardario tecnologico.

 

Naturalmente, anche i soldi dati alle università per progetti puramente di ricerca alla fine finiscono nelle riviste accademiche e, infine, a valle nei mass media

All’inizio di quest’anno, Tim Schwab ha anche rifiutato di collaborare a una storia su COVAX, l’ente filantropico-sanitario di distribuzione globale di vaccini fortemente partecipato da Gates e dalle sue sigle, per il Bureau of Investigative Journalism – il giornalista sospettava che il denaro che Gates aveva pompato nella testata avrebbe reso impossibile riferire con precisione su un argomento così vicino agli interessi di Gates.

 

«Quando l’articolo è stato pubblicato il mese scorso, ripeteva l’affermazione che Gates aveva poco a che fare con il fallimento di COVAX, rispecchiando la posizione della Fondazione Gates e citandola dappertutto. Solo alla fine dell’articolo di oltre 5.000 parole è emerso che l’organizzazione che difendeva pagava gli stipendi del suo personale» scrive MintPress.

 

Si tratterebbe di una forma di censura implicita, di autocensura.

 

«Non credo che Gates abbia detto al Bureau of Investigative Journalism cosa scrivere. Penso che il Bureau sapesse implicitamente, anche se inconsciamente, di dover trovare un modo per raccontare questa storia che non prendesse di mira il loro finanziatore. Gli effetti di distorsione dei conflitti finanziari sono complessi ma molto reali e affidabili», ha detto Schwab, descrivendolo come «un caso di studio sui pericoli del giornalismo finanziato da Gates».

 

Gates chiese di far qualcosa per limitare le comunicazioni su piattaforme Whatsapp

È da notare che Bill Gates, oltre che avere leve nei media, ne abbia anche nei social media. Nessuno sa con precisione a quanto ammonti la sua quota di azioni di Facebook, per esempio – ma dell’azienda di Zuckerberg l’uomo Microsoft è stato uno dei primi finanziatori ancora negli anni 2000.

 

Ricordiamo anche quando la volontà di controllo nelle comunicazioni mondiali – sia nelle forme che nei contenuti – emerse durante il lockdown, quando Gates chiese di far qualcosa per limitare le comunicazioni su piattaforme Whatsapp.

 

Lo rivelò in una delle sue numerosi apparizioni TV in maglioncino un anno fa, in video che Renovatio 21 aveva sottotitolato:

 

«Certamente quando lasci che le persone comunichino, devi avere a che fare con il fatto che certe cose scorrette e molto sollecitanti possono diffondersi molto rapidamente rispetto alla verità».

 

«Lo abbiamo già visto con i vaccini, ogni cosa negativa arriva alle persone… fatti come “no, non sono sicuri, non causano l’autismo” viaggiano molto lentamente in comparazione… e i social media possono fare ancora peggio».

 

 

«Queste società mediatiche possono vedere cosa è messo sulle loro piattaforme e togliere cose che sono assolutamente sbagliate, liberarsi di queste cose, o rallentarle»

 

In modo assai interessante, Gates chiamò in causa il fatto che Whatsapp usi una tecnologia di crittografia.

 

Le aziende dei social media «non vedono nemmeno alcuni messaggi sulle loro piattaforme a causa della crittografia di Whatsapp.Per non avere responsabilità hanno reso la cosa opaca qualsiasi sia la questione: antivaccinismo, pornografia infantile, hanno fatto in modo di non poter intervenire in quelle cose».

 

Il controllo biologico della popolazione tramite vaccino, aborto contraccezione. Il controllo psicologico della popolazione tramite propaganda e censura. A che personaggio siamo dinanzi?

Robert F. Kennedy jr. ha denunciato da tempo la concentrazione di potere mediatico e informatico a livello globale nelle mani di Gates.

 

«Facebook e Google hanno assunto “FactChecker»” (Politifact) per censurare la disinformazione sui vaccini. La Gates Foundation è il maggiore finanziatore di “FactChecker”» scriveva Kennedy nella primavera 2020, che, come sempre prevedeva con nitore stupefacente la situazione: «enormi donazioni a NPR e PBS [canali radio e TV pubblici americani, ndr] permettono di comprare dai media pubblici una copertura distorta dei vaccini di Gates».

 

Renovatio 21 vi invita a leggere l’articolo scritto da Kennedy più di un anno fa: «Come Bill Gates controlla la messaggistica globale e la censura». Gates si pone come vero controllore dei messaggi scambiati nel consorzio umano.

 

Il controllo biologico della popolazione tramite vaccino, aborto contraccezione. Il controllo psicologico della popolazione tramite propaganda e censura.

 

A che personaggio siamo dinanzi?

 

Continua a leggere

Oligarcato

Vaccini mRNA: Bill Gates, dopo averci guadagnato, contesta la loro efficacia

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

Bill Gates, a lungo riconosciuto come uno dei principali sostenitori mondiali dei vaccini, ha sollevato alcune sopracciglia in un recente discorso in Australia quando ha ammesso che ci sono «problemi con gli attuali vaccini COVID-19».

 

 

Bill Gates, a lungo riconosciuto come uno dei principali sostenitori mondiali dei vaccini, ha insospettito alcuni durante un recente discorso in Australia quando ha ammesso che ci sono «problemi» con gli attuali vaccini COVID-19.

 

Parlando al Lowy Institute australiano nell’ambito di un discorso intitolato «Prepararsi alle sfide globali: in conversazione con Bill Gates», il fondatore di Microsoft ha fatto la seguente ammissione:

 

«Dobbiamo anche risolvere i tre problemi dei vaccini [COVID-19]. Gli attuali vaccini non bloccano l’infezione. Non sono ampi, quindi quando emergono nuove varianti perdi la protezione e hanno una durata molto breve, in particolare nelle persone che contano, che sono gli anziani».

 

Tali dichiarazioni sono state una sorpresa per alcuni alla luce del supporto di lunga data di Gates e degli investimenti in produttori di vaccini e organizzazioni che promuovono la vaccinazione globale. Tuttavia, sono stati gli ultimi di una serie di sviluppi nelle ultime settimane che hanno messo sempre più in discussione i vaccini COVID-19, in particolare.

 

 

«Questa è una truffa»: gli investimenti di Gates nei vaccini a mRNA rivelano «un conflitto di interessi»

Diversi analisti e commentatori sono stati critici nei confronti di Gates, ma non per disaccordo con le dichiarazioni che ha fatto in Australia. Invece, hanno sostenuto che in precedenza aveva investito pesantemente nei vaccini a mRNA mentre allo stesso tempo incoraggiava una campagna di vaccinazione globale contro il COVID-19 e sosteneva la vaccinazione obbligatoria.

 

Parlando il 25 gennaio nella trasmissione Rising di The Hill TV, i co-conduttori Briahna Joy Gray e Robby Soave hanno affrontato le dichiarazioni di Gates. Soave inizialmente era d’accordo con le critiche di Gates agli attuali vaccini a mRNA, dicendo:

 

«È puntuale davvero sui problemi che stiamo riscontrando: la breve durata della protezione, non un impatto significativo distinguibile sulla trasmissione dei casi… non un vantaggio enorme per molte persone altrimenti sane e giovani».

 

Tuttavia, Soave – che il 19 gennaio ha rivelato i « file di Facebook» che indicano che il CDC ha influenzato in modo significativo la moderazione e la censura dei contenuti sulla piattaforma relativa ai vaccini COVID-19 – ha poi sottolineato i precedenti investimenti di Gates che hanno contribuito allo sviluppo della tecnologia del vaccino mRNA.

 

Soave ha dichiarato: «Bill Gates è stato uno dei principali sostenitori della tecnologia mRNA… era un investitore in BioNTech, che ha sviluppato il vaccino mRNA per Pfizer».

 

«Stavamo solo scavando», ha continuato Soave, «e abbiamo visto che ha venduto molte di quelle azioni a… quanto profitto è stato?»

 

«10 volte», ha risposto Gray. «Nel 2019 ha investito 55 milioni di dollari in BioNTech e ora vale più di 550 milioni di dollari. Ha venduto alcune azioni… alla fine dello scorso anno, credo, con un prezzo delle azioni superiore a 300 dollari, che ha rappresentato un enorme guadagno per lui rispetto a quando ha investito».

 

Soave ha poi scatenato commenti critici rivolti a Gates:

 

«Seguiamo questa traiettoria: [Gates] investe molto in BioNTech, “i vaccini a mRNA sono fantastici, questo è il futuro”, parla della tempistica del vaccino e di come possiamo svilupparlo più velocemente, “potremmo dover tagliare alcune scorciatoie sulla sicurezza “… Tutto sommato… lo vende… fa un’enorme quantità di denaro… ma ora è sì, va bene, potrebbe essere migliore, ma ciò di cui abbiamo veramente bisogno è questo spray per l’alito».

 

Soave si riferiva a una dichiarazione fatta da Gates durante il suo recente discorso in Australia, immediatamente prima delle sue osservazioni sui vaccini a mRNA, dove ha detto:

 

«Pensiamo che possiamo anche avere, molto presto in un’epidemia, una cosa che puoi inalare che significherà che non puoi essere infettato, un bloccante, un bloccante inalato».

 

Gray ha sollevato la questione dei conflitti di interesse tra individui come Gates che ricoprono posizioni significative con i produttori di farmaci e vaccini e la spesa da parte del governo federale di ingenti somme di denaro dei contribuenti per acquistare questi prodotti.

 

«Questa è una truffa. Queste società estraggono denaro, denaro dei contribuenti per così dire, per pagare cure mediche che non sono indicate dai professionisti medici e sono meno utili di quelle che già abbiamo» ha detto la Grey.

 

«Allo stesso tempo, l’amministrazione Biden sta aprendo le sue porte, le porte girevoli, a persone di questi vari settori come Jeff Zients, che è il nuovo capo dello staff di Joe Biden… che ha trascorso tutta la sua carriera in aziende di questo tipo, investendo nei tipi di società che hanno sovraccaricato il governo per pagamenti Medicare e Medicaid e tipi esatti di pagamenti in eccesso. È una truffa enorme e incredibilmente comune».

 

Zients era in precedenza lo «zar COVID» dell’amministrazione Biden e ha pubblicamente spinto per la vaccinazione universale .

 

Soave ha poi affermato che le dichiarazioni di Gates, e la più ampia questione dei conflitti di interesse tra i sostenitori di farmaci e vaccini e il governo federale, danno credito alle affermazioni a lungo fatte da «no-vax e simili».

 

«Il fatto che non ci siano più interrogativi sul suo conflitto di interessi qui da parte del mainstream è profondamente inquietante, e per le persone che sono state scettiche su questo aspetto di Pfizer e sullo sviluppo di farmaci intorno a COVID e che sono state criticate dai media come pazzi , no-vax e simili, francamente penso che questo problema della corruzione farmaceutica e delle persone che spingono vari interventi, avendo un investimento nel profitto, avrebbe dovuto essere un problema su cui la sinistra stava guidando».

 

«Dobbiamo essere più trasparenti sul fatto che le persone che hanno input su quale sarà la politica del governo, cosa sarà richiesto alle persone, l’amministrazione Biden ha cercato di richiedere alle persone di ottenere questo, non dovrebbe essere noto almeno quando ci sono centinaia di milioni di dollari di interessi finanziari in gioco per le persone che lo consigliano? E la loro melodia cambia man mano che segue i soldi!»

 

Anche il giornalista investigativo Jordan Schachtel ha fatto osservazioni aspre dopo le dichiarazioni di Gates in Australia, scrivendo sul suo blog:

 

«Il fondatore di Microsoft Bill Gates, che è stato uno degli architetti dell’isteria COVID e ha avuto un impatto maggiore di qualsiasi altro individuo sulle disastrose politiche globali sulla pandemia, ha finalmente riconosciuto che le iniezioni di mRNA che ha promosso per due anni non sono altro che spazzatura farmaceutica scaduta».

 

«Traduzione: Gates ammette che gli scatti sono impossibili da allineare con le varianti in rapido sviluppo, scadono alla velocità della luce e non interrompono la trasmissione. E non lavorano per l’unica parte a rischio della popolazione».

 

Schachtel ha definito questo «un incredibile capovolgimento rispetto all’uomo che una volta pubblicizzava le iniezioni come cura per il coronavirus», attingendo alla precedente dichiarazione di Gates : «tutti coloro che fanno il vaccino non si limitano a proteggere se stessi, ma ne riducono la trasmissione ad altre persone e consentono società per tornare alla normalità».

 

Nel 2021, Gates ha descritto i vaccini a mRNA come «magici», dicendo che sarebbero stati un «punto di svolta» nei prossimi cinque anni.

 

 

Gates mette in guardia sulla “prossima pandemia”, elogia i blocchi, chiede più simulazioni di pandemia

Come riportato dal Daily Mail del 23 gennaio, il discorso di Gates in Australia è stato degno di nota per alcune dichiarazioni aggiuntive che ha fatto.

 

Gates «ha chiesto una maggiore cooperazione globale utilizzando la pandemia di COVID-19 come esempio di come i Paesi potrebbero migliorare la loro risposta se lavorassero insieme», sostenendo che «i leader politici dovevano mettere da parte le loro differenze e lavorare insieme per prepararsi al prossimo virus».

 

Gates ha anche elogiato le rigide politiche di blocco dell’Australia, dicendo:

 

«Alcune delle cose che risaltano sono che l’Australia e circa altri sette paesi hanno fatto presto diagnosi su scala di popolazione e avevano politiche di quarantena».

 

«Ciò significava che avete mantenuto basso il livello di infezione in quel primo anno in cui non c’erano vaccini».

 

Gates ha anche chiesto più «simulazioni pandemiche» per assistere i leader mondiali nell’affrontare le «future pandemie».

 

«L’unica cosa che è ancora in bilico è se avremo la capacità globale e a livello regionale e nazionale che significherebbe che quando si presenta una minaccia (malattia infettiva) agiamo in modo tale che non diventi globale».

 

«Dobbiamo fare ogni cinque anni un esercizio completo a livello nazionale e regionale di preparazione alla pandemia e hai bisogno di un gruppo globale che segua tutti».

 

Come parte di tale preparazione, Gates ha invitato i Paesi a disporre di «strumenti di riserva», inclusi i vaccini, per la prossima pandemia:

 

«Quindi c’è una classe che contiene il morbillo, una classe di influenza, una classe di coronavirus e una quarta classe, tutte di cui abbiamo bisogno per avere strumenti di riserva, sia antivirali che vaccini in grado di affrontarli. È molto fattibile. Quindi, sul fronte degli strumenti, possiamo essere molto più preparati».

 

Schachtel ha osservato che Gates era uno sponsor dell’Evento 201, una simulazione condotta il 18 ottobre 2019, che «prediceva» una pandemia globale di coronavirus. Uno degli sponsor dell’Event 201 è stata la Bill and Melinda Gates Foundation (BMGF).

 

Il BMGF è partner di GAVI, The Vaccine Alliance e occupa un posto nel suo consiglio di amministrazione. A sua volta, GAVI collabora strettamente con ID2020 Alliance, un forte sostenitore dei «passaporti vaccinali», come riportato in precedenza da The Defender. Microsoft e BMGF sono membri fondatori di ID2020.

 

Secondo lo stesso rapporto di The Defender, la BMGF nel settembre 2022 ha promesso 1,27 miliardi di dollari a sostegno di «progetti globali di salute e sviluppo».

 

E come riportato in precedenza da The Defender, la BMGF aveva precedentemente impegnato, nel giugno 2020, 750 milioni di dollari per lo sviluppo del vaccino AstraZeneca presso l’Università di Oxford e un finanziamento condizionale di 150 milioni di dollari al Serum Institute of India, il più grande produttore di vaccini al mondo per numero di dosi prodotte e vendute.

 

Il Serum Institute ha anche ricevuto una sovvenzione di 4 milioni di dollari dal BMGF nell’ottobre 2020 per sostenere la ricerca e lo sviluppo come parte della risposta COVID-19, mentre nell’agosto 2020 il Serum Institute, in collaborazione con il BMGF e Gavi, ha accettato di produrre a 100 milioni di dosi di vaccini COVID-19 per i paesi a basso e medio reddito.

 

In un post sul suo blog ufficiale nel dicembre 2020, Gates ha scritto che la sua fondazione «si è assunta parte del rischio finanziario» per il vaccino, quindi se il vaccino Oxford-AstraZeneca non fosse stato approvato, il Serum Institute non avrebbe «dovuto prendere una perdita completa».

 

 

Le osservazioni di Gates sono le ultime di una serie di pressioni negative per COVID, vaccini a mRNA

Le osservazioni di Gates in Australia – e l’attenzione che hanno ricevuto dalla stampa – rappresentano l’ultima di una serie di rappresentazioni mediatiche tutt’altro che lusinghiere sul COVID-19 e sui vaccini a mRNA nelle ultime settimane.

 

Il 22 gennaio, il Wall Street Journal ha pubblicato un editoriale molto critico riguardo alla non divulgazione da parte della FDA dei dati relativi all’efficacia dei booster bivalenti COVID-19. Allysia Finley, membro del comitato editoriale del giornale, ha scritto:

 

«Le agenzie federali hanno compiuto il passo senza precedenti ordinando ai produttori di vaccini di produrli e raccomandandoli senza dati a sostegno della loro sicurezza o efficacia».

 

Ha anche accusato i produttori di vaccini di «pubblicità ingannevole».

 

Il 13 gennaio, durante un’apparizione televisiva in diretta sulla BBC, il cardiologo Dr. Aseem Malhotra ha «sganciato una bomba di verità» quando ha suggerito «non sollecitato» che i vaccini a mRNA rappresentano un rischio cardiovascolare .

 

Un video sotto copertura rilasciato da Project Veritas, pubblicato il 25 gennaio, mostrava Jordon Trishton Walker, direttore della ricerca e sviluppo, operazioni strategiche di Pfizer, ammettere che l’azienda farmaceutica sta «esplorando» la mutazione di COVID-19 «noi stessi» attraverso «l’evoluzione diretta», per poi «sviluppare preventivamente nuovi vaccini» contro di loro.

 

Un video successivo mostrava Walker che aggrediva il fondatore di Project Veritas James O’Keefe quando questi lo metteva a confronto con la registrazione delle sue dichiarazioni.

 

Giovedì il senatore repubblicano del Wisconsin Ron Johnson ha chiesto un’indagine del Congresso contro i produttori di vaccini e il processo di approvazione del vaccino COVID-19, in risposta alle rivelazioni di Project Veritas.

 

«Le agenzie sanitarie federali sono state catturate da Big Pharma e gravemente abbandonate nei loro doveri durante la pandemia», ha affermato Johnson.

 

«È tempo che il Congresso indaghi a fondo sui produttori di vaccini e sull’intero processo di approvazione del vaccino COVID», ha aggiunto.

 

E oggi, il senatore repubblicano della Florida Marco Rubio a inviato una lettera al CEO di Pfizer Albert Bourla in risposta ai video di Project Veritas, affermando:

 

«Scrivo in risposta a rapporti preoccupanti sull’intenzione di Pfizer di mutare il virus SARS-CoV-2 (COVID) attraverso il guadagno di funzione, o “evoluzione diretta”, come dettagliato dal direttore della ricerca e dello sviluppo di Pfizer, Jordan Walker».

 

«Come è stato dimostrato più e più volte, i tentativi di mutare un virus, in particolare uno potente come COVID, sono pericolosi. Se le affermazioni dettagliate nel video sono vere, Pfizer ha anteposto il suo desiderio di profitto alla preoccupazione per la salute nazionale e globale e deve ritenersi responsabile».

 

Anche le dichiarazioni rilasciate dal fumettista Scott Adams famoso per «Dilbert» riguardo ai vaccini COVID-19 hanno attirato l’attenzione. In un video datato 22 gennaio, Adams ha dichiarato: «i no-vax hanno chiaramente vinto, voi siete i vincitori!» a causa della loro sfiducia nei confronti del governo e delle società.

 

Ed Elon Musk, proprietario e CEO di Twitter, rispondendo ai commenti separati fatti da Adams sulla significativa prevalenza di eventi avversi correlati al vaccino COVID-19 , ha twittato: «Ho avuto importanti effetti collaterali dalla mia seconda dose di richiamo. Mi sentivo come se stessi morendo per diversi giorni. Si spera che non ci siano danni permanenti, ma non lo so».

 

Musk ha proseguito con un secondo tweet , affermando: «E mio cugino, che è giovane e in ottima salute, ha avuto un grave caso di miocardite. É dovuto andare in ospedale».

 

Diversi commenti di giornalisti twittati in risposta alle dichiarazioni di Musk si riferivano aneddoticamente a un numero crescente di persone che subivano tali lesioni da vaccino COVID-19.

 

 

 

Michael Nevradakis

Ph.D.

 

 

 

© 27 gennaio 2023, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

 

Immagine screenshot da YouTube

 

 

 

Continua a leggere

Bizzarria

Concerto cacofonico a Davos

Pubblicato

il

Da

Sconvolgente concerto musicale al World Economic Forum di Davos, dove è andata in scena musica dai tratti apparentemente cacofonici.

 

Una clip che sta facendo il giro della rete mostra come sul palco del Festival dell’Oligarcato globalista sia passata un’esibizione canora che ha lasciato molti un po’ attoniti, se non scioccati.

 

A cantare questa torturante serie di suoi è la musicista israeliana Noa, parola che peraltro in lingua veneta significa «nuota».

 

La cantante Noa aveva composto circa un quarto di secolo fa una canzone per il film di Benigni La vita è bella: a questo punto il giudizio estetico che ci possiam fare diviene ancora più chiaro.

 

 

La rete ovviamente si è sbizzarrita.

 

Menzione speciale al genio che ha piazzato, a fianco dei musicisti che si esibiscono sullo sfondo di loghi WEF, un Hunter Biden ignudo che balla muovendo ritmicamente il pube.

 

 

Ma davvero questi governano il mondo?

 

 

 

Immagine di World Economic Forum via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 2.0 Generic (CC BY-NC-SA 2.0)

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Big Pharma

Davos, il capo di Pfizer Bourla non risponde alle domande dei giornalisti

Pubblicato

il

Da

Albert Bourla, amministratore delegato di Pfizer, è stato intercettato a Davos, mentre camminava verso un evento del World Economic Forum, da una coppia di giornalisti che ha posto delle domande rimaste senza risposta.

 

Il video è particolarmente impietoso. Per la coppia di intervistatori, si tratta di un colpaccio. Bourla, come noto, ha più volte rifiutato l’invito di presentarsi al Parlamento Europeo (pur mantenendo un rapporto via SMS, ora spariti con la presidente della Commissione UE Ursula Von der Leyen ), tuttavia trova il tempo di andare in Svizzera al festival oligarchico di Klaus Schwab.

 

I due giornalisti che, chissà come, sono riusciti a raggiungere il Bourla e a fargli una serie di domande sono il canadese Ezra Levant di Rebel News (testata che si è fatta valere durante la protesta dei camionisti di inizio 2022) e l’israelo-australiano Avi Yemini, noto per i suoi indomiti reportage da Melbourne, dove più volte ha preso le botte.

 

 

 

Le domande fatte deambulando nel nevischio al CEO Pfizer, in realtà, sono piuttosto corrette.

 

«Signor Bourla, quando ha saputo che il vaccino non ferma il contagio? Per quanto lo ha saputo senza dirlo pubblicamente?».

 

«Noi ora sappiamo che il vaccino non ferma la trasmissione, ma perché tenerlo segreto?»

 

«È arrivato il momento di chiedere scusa al mondo, signore? Ridare indietro ai Paesi tutti i soldi per il vaccino che non funziona?»

 

«Non ha vergogna per quello che ha fatto negli ultimi due anni?»

 

«Ne è orgoglioso? Ha fatto milioni alle spalle della sussistenza delle persone… come si sente a camminare per strada come milionario sulle spalle delle persone comuni»

 

«Cosa pensa quando è sul suo yacht, signore? Cosa pensa quando è sul suo jet privato?»

 

«Teme la responsabilità per il prodotto? Teme per le miocarditi?»

 

«E riguardo alle morti improvvise?»

 

«Cosa ha da dire riguardo ai giovani che crollano con attacchi cardiaci ogni giorno? Perché non risponde a queste domande semplici»

 

«Quanti soldi ha fatto personalmente dal vaccino?»

 

«Quanti booster pensa dovremmo prendere perché siate soddisfatti con i vostri guadagni?»

 

«Chi incontra qui [a Davos] in segreto? Può rivelare con chi si è incontrato?»

 

«A chi paga le commissioni? Nel passato Pfizer ha pagato multe per 2,3 miliardi per marketing ingannevole; è coinvolto nello stesso comportamento un’altra volta?»

 

«Siete sotto indagine, come lo siete stati per il marketing ingannevole?»

 

«Ogni altro prodotto nel mondo, se non funziona come promesso, consente un rimborso. Non dovreste rimborsare Paesi che hanno dato miliardi per vostro vaccino non efficace?»

 

«Lei è abituato solo a media favorevoli? Così da non saper rispondere a nessuna domanda?»

 

Il Bourla non risponde ad alcuna domanda, non proferisce verbo, a parte, alla prima domanda, un «buona giornata» bofonchiato forse sperando di togliersi di dosso i due giornalisti e le loro domande.

 

Il video si conclude con i due cronisti che gli gridano «Vergogna», e poi parlottano fra loro, cercando di controllare l’adrenalina e forse la realizzazione di aver fatto un colpaccio giornalistico: il CEO del grande produttore di vaccini mRNA non dice una parola, neanche di circostanza, neanche di ironia. Semplicemente, tira dritto, e, significativamente a testa bassa – fino a che non raggiunge un luogo dove può essere protetto, possibilmente un altro nido oligarchico protetto da buttafuori e soldati.

 

Come riportato da Renovatio 21, in passato il Bourla ha parlato degli antivaccinisti come «criminali» che guadagnano «con la disinformazione».

 

Riguardo a notizie non favorevoli alla vaccinazione considerate fake, è notevole la confessione fatta nel 2021 in cui Bourla si è vantato pubblicamente di essere informato da CIA e FBI inerentemente alla «diffusione della disinformazione».

 

In fatto di rapporti con la stampa è emerso l’anno passato che uno dei vertici dell’agenzia notizia Reuters è membro del consiglio di amministrazione di Pfizer.

 

È inoltre noto che vi sia un rapporto diretto tra il Vaticano e la Big Pharma del siero mRNA, realizzato in incontri multipli, fino ad un certo punto segreti, tra il papa e il CEO del colosso.

 

Cinque mesi fa si è appreso che il quadridosato Bourla è risultato positivo al COVID-19.

 

A Davos, dove è un habitué, l’anno scorso il Bourla aveva parlato di «microchip biologici dentro ai farmaci».

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari