Connettiti con Renovato 21

Genetica

Vaccini per il COVID-19, quali tecnologie?

Pubblicato

il

 

L’industria farmaceutica sta sviluppando più di 100 vaccini contro il coronavirus usando una serie di tecniche, alcune delle quali sono ben consolidate e altre non sono mai state approvate per uso medico prima.

 

La maggior parte di questi vaccini prende di mira le cosiddette proteine ​​del picco che coprono il virus e lo aiutano a invadere le cellule umane. Il sistema immunitario può sviluppare anticorpi che si attaccano alle proteine ​​spike e fermano il virus.

 

Il  vaccino  per il coronavirus SARS-CoV-2 dovrebbe insegnare al sistema immunitario delle persone a produrre anticorpi contro il virus senza causare malattie. Le tecnologie in campo sono differenti e spaventosamente inedite.

 

Le tecnologie in campo sono differenti e spaventosamente inedite

Vaccini a virus intero

Cioè vaccini inattivati ​​e attenuati dal vivo.

 

La maggior parte dei vaccini in uso oggi incorpora una forma inattivata o indebolita di un virus che, in teoria, non dovrebbe essere in grado di causare malattie. Quando le cellule immunitarie le incontrano, producono anticorpi.

 

I vaccini a virus intero vengono  vengono coltivati ​​in vasche piene di cellule galleggianti, che possono essere cellule animali (uovo, cane, insetto) o cellule da linea cellulare umana di feto abortito

Produrre questo tipo di vaccini comporta la coltivazione di virus in grande quantità. Questi vaccini vengono  vengono coltivati ​​in vasche piene di cellule galleggianti, che possono essere cellule animali (uovo, cane, insetto) o cellule da linea cellulare umana di feto abortito.

 

Le procedure di coltivazione  possono richiedere mesi per produrre un lotto di nuovi vaccini.

 

I vaccini convenzionali per influenza, varicella, morbillo, parotite e rosolia rientrano tutti in questa categoria.

 

La biofarmaceutica Sinovac e la principale azienda che sta sviluppando questo tipo di vaccino per il COVID-19.

 

I rischi di questo tipo di vaccinazione classica sono conosciuti e ripetutamente avveratisi in tragedie internazionali. Ricordiamo il disastro più recente, quei focolai di poliomielite in Africa causati da mutazione del ceppo nel vaccino utilizzato sulla popolazione.  «L’inizio è stato causato da un virus di tipo 2 contenuto nel vaccino – scriveva nel 2019 il Guardian – Il tipo 2 è un virus selvaggio che è stato eliminato anni fa, ma in rari casi il virus vivo nei vaccini per la poliomielite orale può mutare in una forma in grado di innescare nuovi focolai della malattia».

Ricordiamo il disastro più recente, quei focolai di poliomielite in Africa causati da mutazione del ceppo nel vaccino utilizzato sulla popolazione

 

 

Vaccini Genetici

Cioè vaccini che usano parte del codice genetico del coronavirus.

 

Vaccini a DNA

Un certo numero di vaccini sperimentali per coronavirus non rilasciano virus interi. Forniscono invece istruzioni genetiche per la costruzione di una proteina virale. La proteina può quindi stimolare il sistema immunitario a produrre anticorpi e aiutare a montare altre difese contro il coronavirus.

 

Uno di questi approcci genetici è noto come un vaccino a DNA. Il DNA ingegnerizzato viene consegnato nelle cellule. Le cellule leggono il gene virale, ne fanno una copia in una molecola chiamata RNA messaggero e quindi usano l’mRNA per assemblare le proteine ​​virali. Il sistema immunitario rileva le proteine ​​e monta le difese.

 

Di recente hanno detto che un prototipo di vaccino a base di DNA abbia protetto delle scimmie dal coronavirus.

Non esistono vaccini a DNA approvati per l’uso nell’uomo

 

I vaccini a DNA sono stati approvati per casi veterinari come il melanoma canino e il virus del Nilo occidentale nei cavalli.

 

Non esistono vaccini a DNA approvati per l’uso nell’uomo, ma i ricercatori stanno conducendo prove per vedere se potrebbero essere efficaci per malattie come Zika e influenza.

 

Tra le aziende coinvolte la Inovio. La newsletter della Silicon Valley Citron Research ha affermato che «sono passati più di 40 anni dalla fondazione di Inovio, eppure la società non ha MAI portato [sic] un prodotto sul mercato, e nel frattempo gli addetti ai lavori si sono arricchiti con alti salari e grandi vendite di titoli».

 

Nel 2010 la Bill and Melinda Gates Foundation ha iniziato a finanziare pesantemente i vaccini a DNA e RNA

Nel 2010 la Bill and Melinda Gates Foundation ha iniziato a finanziare pesantemente i vaccini a DNA e RNA.

 

Nello stesso anno, La DARPA, il dipartimento di ricerca e sviluppo per i nuovi sistemi d’arma del Ministero della Difesa USA, iniziò a finanziare gli sforzi per creare «vaccini multiagente a base di DNA sintetico» che sarebbero stati consegnati nel corpo umano tramite «elettroporazione non invasiva» e fu rapidamente promossa nei rapporti dei media come un modo per produrre rapidamente vaccini rispetto ai tradizionali metodi di produzione di vaccini.  L’elettroporazione è una tecnica per aprire dei pori della membrana cellulare per introdurre nelle cellule il DNA o altre sostanze chimiche come chemioterapici

 

Vaccini a RNA

Alcuni ricercatori vogliono fare a meno del DNA e invece iniettare nelle cellule l’RNA messaggero.

 

Le cellule leggono l’mRNA e producono proteine ​​di picco che provocano una risposta immunitaria.

 

La società biotecnologica Moderna ha recentemente completato un piccolo studio sulla sicurezza con otto volontari che hanno mostrato risultati promettenti in anticipo contro il coronavirus.

 

Non esistono vaccini approvati per l’RNA

Entrambi i vaccini RNA e DNA possono essere prodotti più rapidamente rispetto ai metodi tradizionali.

 

Non esistono vaccini approvati per l’RNA, ma sono in sperimentazione clinica per la MERS e altre malattie.

 

Tra le aziende coinvolte, la capofila Moderna, Pfizer (la Big Pharma del Viagra) e BioNTech, la tedesca CureVac e altri.

 

Per il COVID-19, miliardario e «filantropo» globale della salute Bill Gates ha detto di essere «eccitato» rispettoai vaccini a RNA

In particolare, è proprio questa classe di vaccino per la quale il miliardario e «filantropo» globale della salute Bill Gates ha detto di essere «eccitato» rispetto ad altri candidati per il vaccino Covid-19

 

 

Vaccini a vettori virali

Cioè vaccini che usano un virus per trasportare i geni del coronavirus nelle cellule.

 

Vaccini che utilizzano Adenovirus o altri virus

I virus sono efficaci nella penetrazione nelle cellule. Dagli anni ’90, i ricercatori hanno studiato come usarli per fornire geni nelle cellule per immunizzare le persone contro le malattie.

Dagli anni ’90, i ricercatori hanno usato virus fornire geni nelle cellule per immunizzare le persone contro le malattie

 

Per creare un vaccino contro il coronavirus, diversi team hanno aggiunto il gene della proteina spike a un virus chiamato adenovirus.

 

L’adenovirus si insinua nelle cellule e scarica il gene.

 

Diversi vaccini con vettori virali  sono usati per vaccinare animali contro la rabbia e il cimurro. Johnson & Johnson ha sviluppato vaccini contro l’Ebola e l’HIV usando un adenovirus: entrambi ora sono in fase di trial.

 

Tra le aziende che stanno sviluppando questo tipo di vaccini per il Coronavirus vi sono la Johnson & Johnson, la cinese CanSino, l’Università di Oxford etc.

 

Il problema i vaccini a vettore virale è che il corpo del paziente potrebbe riconosce il vettore come estraneo e quindi generare immunità; è considerabile che l’immunità al virus vettore potrebbe essere addirittura precedente all’inoculazione

Il problema di questo tipo di vaccini è che il corpo del paziente potrebbe riconosce il vettore come estraneo e quindi generare immunità; è considerabile che l’immunità al virus vettore potrebbe essere addirittura precedente all’inoculazione.

 

«Alcune carenze della tecnologia vaccinale a vettori virali (come la genotossicità e la bassa espressione transgenica) possono essere superate mediante l’uso di vettori ibridi». La genotossicità è « la capacità di alcuni agenti chimici di danneggiare l’informazione genetica all’interno di una cellula causando mutazioni ed inducendo modificazioni all’interno della sequenza nucleotidica o della struttura a doppia elica del DNA di un organismo vivente»

 

 

Vaccini a base di proteine

Cioè vaccini che usano una proteina coronavirus o un frammento proteico.

 

Vaccini a particella virus-simile

Alcuni vaccini sono particelle che contengono pezzi di proteine ​​virali. In teoria non dovrebbero causare malattie perché non sono virus reali, ma possono comunque mostrare al sistema immunitario l’aspetto delle proteine ​​del coronavirus.

 

Per esempio il vaccino per HPV rientra in questa categoria.

 

Tra le aziende che stanno ricercando questa soluzione vi sono Medicago, Doherty Institute e altri.

 

«Uno dei maggiori problemi dei vaccini VLP è la mancanza di attivazione immunitaria

Sul sito Researchgate, un utente risponde ad un altro rispetto al mancato uso dei vaccini VLP su larga scala: «Uno dei maggiori problemi dei vaccini VLP è la mancanza di attivazione immunitaria nel generare una robusta risposta IgG a cellule B , unita a una risposta specifica a cellule T. Senza un qualche tipo di TLR o di citochina, le risposte di segnalazione tendono ad essere sul lato debole se iniettate sistemicamente».

 

 

Vaccini ricombinanti

Il lievito o altre cellule possono essere progettati per trasportare il gene di un virus e lanciare proteine ​​virali, che vengono quindi raccolte e immesse in un vaccino.

Il bugiardino di Engerix B, un vaccino ricombinante per l’epatite B, riporta che «raramente, dopo iniezioni di vaccino come Engerix-B si sono verificati sintomi temporanei come svenimento, vertigini, alterazioni della vista, intorpidimento o formicolio o movimenti simil-convulsivi»

 

Un vaccino contro il coronavirus di questo tipo conterrebbe ​​intere proteine spike o piccoli pezzi di proteina.

 

Questa categoria include alcuni vaccini per l’herpes zoster e l’epatite B.

 

Tra le aziende, hanno scelto la strada per il vaccino per Coronavirus la Novavax e altri.

 

Il bugiardino di Engerix B, un vaccino ricombinante per l’epatite B, riporta che «raramente, dopo iniezioni di vaccino come Engerix-B si sono verificati sintomi temporanei come svenimento, vertigini, alterazioni della vista, intorpidimento o formicolio o movimenti simil-convulsivi».

 

Continua a leggere

Genetica

La resurrezione del mammuth

Pubblicato

il

Da

 

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

 

Il pensiero di vedere mammut lanosi che arrancano nella tundra siberiana è incredibilmente eccitante. E il genetista di Harvard George Church spera di renderlo realtà . Incassato con 15 milioni di dollari da un imprenditore di intelligenza artificiale, ha in programma di ricreare abbastanza ibridi elefante-mammut per proteggere il mutevole ecosistema siberiano.

 

Le difficoltà sono gigantesche – che si adatta al nome della sua azienda, Colossal. Il sito web afferma:

 

«Siamo già all’interno del processo di de-estinzione del mammut lanoso»

«Nella mente di molti, questa creatura è scomparsa per sempre. Ma non nelle menti dei nostri scienziati, né nei laboratori della nostra azienda. Siamo già all’interno del processo di de-estinzione del mammut lanoso. I nostri team hanno raccolto campioni di DNA vitali e stanno modificando i geni che consentiranno a questa meravigliosa megafauna di scalpitare ancora una volta attraverso l’Artico».

 

Non succederà domani. Prima di creare un singolo mammut, Church e il suo team devono creare tecnologie innovative per consentire la gestazione di un vitello. Nella migliore delle ipotesi, un ibrido mastodontico è a sei anni di distanza; un gregge autosufficiente da decenni.

 

Due eminenti bioeticisti fanno parte del comitato consultivo scientifico di Church:  R. Alta Charo  dell’Università del Wisconsin a Madison e  S. Matthew Liao  della New York University.

 

«Non si tratta solo di farli esistere, ma di assicurarsi che, una volta che esistono, possano prosperare e vivere una vita fiorente», afferma Liao, un’università di New York. «Altrimenti, sei crudele con questi animali».

 

«Sia la geoingegneria che la biologia sintetica hanno scarsi risultati quando si tratta di persone che prendono in mano la situazione»

Tuttavia, un altro bioeticista ha espresso una bordata al progetto in un commento su Nature. Victoria Herridge, una biologa evoluzionista del Natural History Museum di Londra, afferma di essere stata invitata a far parte del consiglio, ma ha rifiutato per motivi etici.

 

Ritiene che il progetto manchi di apertura e partecipazione pubblica. Sottolinea che «sia la geoingegneria che la biologia sintetica hanno scarsi risultati quando si tratta di persone che prendono in mano la situazione».

 

«La strada etica verso la de-estinzione deve includere voci di cittadini informati, insieme a esperti e attivisti. Ciò potrebbe significare che il processo richiede più di cinque anni, ma le imprese private che lavorano per il bene comune non dovrebbero rifuggire dalle opinioni di coloro che cercano di servire. Lascia che siano le persone a decidere il mondo futuro che vogliono costruire».

 

 

Michael Cook

Direttore di Bioedge

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

Immagine di Mauricio Antón via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 2.5 Generic (CC BY 2.5)

Continua a leggere

Alimentazione

Come la UE e la cabala di Davos pianificano il controllo dell’agricoltura

Pubblicato

il

Da

 

 

Renovatio 21 traduce questo articolo di William F. Engdahl.

 

 

 

Ogni volta che sentiamo la parola «sostenibile» faremmo bene a dare uno sguardo critico dietro le belle parole che suonano. Nel caso dell’Agenda 2030 globalista con i suoi 17 obiettivi sostenibili entro il 2030, quello per la creazione di un’ «agricoltura sostenibile», se guardato da vicino, distruggerà una parte enorme della produzione agricola dell’UE e farà salire di molto i prezzi globali del cibo già in aumento . La Commissione Europea chiama il loro Green Deal per il cibo il simpatico titolo «Farm to Fork». È sostenuto dall’onnipresente World Economic Forum di Klaus Schwab e dal loro Great Reset.

 

 

 

Tenete presente che sostenibile, come definito dalle Nazioni Unite e dal Forum economico mondiale di Davos, significa raggiungere zero emissioni di carbonio entro il 2050. Tuttavia, non esiste uno studio scientifico indipendente che dimostri che la CO2 sta mettendo in pericolo il nostro pianeta creando il riscaldamento globale. Solo miriadi di modelli informatici dubbi e ben finanziati. Il gas innocuo è essenziale per tutta la vita umana, animale e vegetale.

 

Ora la Commissione dell’Unione Europea sta spingendo un’agenda radicale dall’alto verso il basso sul cuore dell’agricoltura del secondo produttore alimentare più importante del mondo come parte del suo mal concepito Green Deal dell’UE. Se attuato come è probabile, causerà una drastica riduzione della produzione agricola, una forte riduzione delle proteine ​​della carne e, cosa forse più pericolosa, un ribaltamento dell’attuale legislazione dell’UE che regola le nuove colture geneticamente modificate, o OGM.2.

 

Ciò avrà conseguenze globali.

 

 

Dalla fattoria alla tavola…

Nel maggio 2020 la Commissione Europea ha pubblicato la sua Strategia Farm to Fork. La retorica ufficiale di Bruxelles fa sembrare che stia arrivando il nirvana del cibo. Affermano: «la strategia Farm to Fork è al centro del Green Deal europeo, che mira a rendere i sistemi alimentari equi, sani e rispettosi dell’ambiente». Wow, sembra fantastico.

 

Poi arrivano alla vera agenda: «Dobbiamo riprogettare i nostri sistemi alimentari che oggi rappresentano quasi un terzo delle emissioni globali di GHG (Green House Gas) [gas serra, ndr], consumano grandi quantità di risorse naturali, provocano perdita di biodiversità e impatti negativi sulla salute».

 

Questo è un modo intelligente per demonizzare gli agricoltori e la nostra produzione alimentare come violatori di CO2. La soluzione? «Le nuove tecnologie e scoperte scientifiche, combinate con la crescente consapevolezza del pubblico e la domanda di cibo sostenibile, andranno a beneficio di tutte le parti interessate». Quali nuove tecnologie, verranno spiegate.

 

In che modo i burocrati non eletti a Bruxelles intendono «ridisegnare i nostri sistemi alimentari» per eliminare un terzo delle emissioni globali di gas serra entro il 2050? Costringendo gli agricoltori a fallire chiedendo nuovi costosi input per la produzione e piante brevettate radicalmente manipolate geneticamente

In che modo i burocrati non eletti a Bruxelles intendono «ridisegnare i nostri sistemi alimentari» per eliminare un terzo delle emissioni globali di gas serra entro il 2050? Costringendo gli agricoltori a fallire chiedendo nuovi costosi input per la produzione e piante brevettate radicalmente manipolate geneticamente la cui sicurezza non è dimostrata.

 

Soprattutto hanno in programma di revocare l’attuale divieto di fatto sulla coltivazione di piante geneticamente modificate. Per chi non lo sapesse, è la stessa tecnologia rischiosa non dimostrata utilizzata nei vaccini COVID-19 dei vaccini Pfizer e Moderna mRNA modificati mediante CRISPR.

 

Il Commissario UE per l’Agricoltura, Janusz Wojciechowski, afferma dell’agenda verde Farm to Fork: «Gli agricoltori dovranno trasformare radicalmente i loro metodi di produzione e utilizzare al meglio le soluzioni tecnologiche, digitali e spaziali per inaugurare la nuova transizione agricola». Quindi pianificano una trasformazione radicale. Già questo suona inquietante.

 

Aumentare la quota di agricoltura biologica senza pesticidi al 25% del totale dell’UE, riducendo allo stesso tempo l’uso di pesticidi chimici del 30% entro il 2030, suona bene ai non informati. Come le affermazioni della Monsanto e dell’industria degli OGM secondo cui i loro raccolti OGM riducono la necessità di pesticidi, è una bugia.

 

L’UE sta usando questo come esca per introdurre un cambiamento radicale nelle rigorose norme UE attuali per consentire l’approvazione di piante e animali geneticamente modificati in agricoltura

L’UE sta usando questo come esca per introdurre un cambiamento radicale nelle rigorose norme UE attuali per consentire l’approvazione di piante e animali geneticamente modificati in agricoltura.

 

Nel documento del maggio 2020 sul Green Deal Farm to Fork, l’UE afferma che la Commissione sta «conducendo uno studio che esaminerà il potenziale delle nuove tecniche genomiche per migliorare la sostenibilità lungo la filiera alimentare».

 

Ciò significa modifica genetica, modifica genetica CRISPR/Cas9.

 

 

«Nuove tecniche genomiche»

Nell’aprile di quest’anno, la Commissione europea ha pubblicato lo studio sulle nuove tecniche genomiche (NGT).

 

Le NGT stanno producendo piante e persino animali modificati geneticamente. Il rapporto afferma che le NGT, «tecniche per alterare il genoma di un organismo, hanno il potenziale per contribuire a un sistema alimentare più sostenibile come parte degli obiettivi del Green Deal europeo e della strategia Farm to Fork».

 

Il rapporto chiede un «dibattito pubblico» per modificare le rigide leggi dell’UE sull’approvazione delle colture OGM che richiedono test approfonditi ed etichettatura delle colture OGM.

 

Quella legge del 2001 ha limitato con successo l’uso di OGM in tutta l’UE, in contrasto con gli Stati Uniti, dove gli OGM non regolamentati sono dominanti per le colture chiave.

 

Nel 2018 la Corte di giustizia europea, la corte dell’UE, ha stabilito che le colture geneticamente modificate dovrebbero essere soggette alle stesse norme rigorose degli organismi geneticamente modificati (OGM) di prima generazione.

 

La chiave dell’agenda di Davos e dell’UE Farm to Fork è una riduzione radicale dei pesticidi da sostituire con colture geneticamente modificate presumibilmente in grado di sostituire i pesticidi.

 

La Commissione UE, in combutta con Bayer-Monsanto e altri della lobby dell’agrobusiness degli OGM, sta lavorando duramente per rimuovere tale restrizione del tribunale. Il commissario per la salute e la sicurezza alimentare, Stella Kyriakides, ha dichiarato in merito allo studio dell’UE di aprile: «Lo studio che pubblichiamo oggi conclude che le nuove tecniche genomiche possono promuovere la sostenibilità della produzione agricola, in linea con gli obiettivi della nostra strategia Farm to Fork».

 

«Nuove tecniche genomiche» è l’eufemismo per colture geneticamente modificate.

«Nuove tecniche genomiche» è l’eufemismo per colture geneticamente modificate.

 

Il vicepresidente dell’UE responsabile del Green Deal, Franz Timmermans, ha ammesso apertamente il fascino di promettere enormi tagli ai pesticidi, il che implica che ciò deriverà dall’abolizione delle restrizioni sull’editing genetico. Ha detto a una recente conferenza della Settimana verde dell’UE che l’UE mira a fornire agli agricoltori gli strumenti per adottare un’agricoltura di precisione e sfruttare le scoperte scientifiche per ottimizzare i semi: «È così che limitiamo la nostra dipendenza dai pesticidi».

 

L’«agricoltura di precisione e le «scoperte scientifiche per ottimizzare le sementi» sono le parolone di Bruxelles per l’introduzione massiccia dell’editing genetico non regolamentato.

 

Timmermans continua: «andare all’agricoltura ecologica non significa che tutti dobbiamo sgranocchiare erba e vivere nelle caverne, dobbiamo usare la tecnologia più recente per arrivarci». Ciò significa la modifica genetica CRISPR.

 

Tradotto in un inglese semplice, il cuore di Farm to Fork è il previsto ribaltamento della sentenza della Corte di giustizia del 2018 che tratta piante o animali modificati geneticamente da CRISPR secondo le stesse rigide regole del «principio di precauzione» per gli OGM. Senza restrizioni, le società di editing genetico come Bayer-Monsanto saranno libere di introdurre piante e animali geneticamente modificati sperimentali e non provati nella nostra dieta senza etichettatura.

L’«agricoltura di precisione e le «scoperte scientifiche per ottimizzare le sementi» sono le parolone di Bruxelles per l’introduzione massiccia dell’editing genetico non regolamentato

 

Un tale regime privo di modifiche genetiche esiste già negli Stati Uniti, dove l’USDA e le autorità di regolamentazione consentono olio di soia geneticamente modificato CRISPR, funghi che non appassiscono, grano con più fibre, pomodori che producono meglio, colza e riso che tollerano gli erbicidi e non assorbono l’ inquinamento del suolo man mano che crescono.

 

I progetti statunitensi di modifica genetica su pesci e animali includono quei progetti dubbi come quello in cui le mucche, utilizzando il CRISPR, hanno solo vitelli maschi; maiali che non hanno bisogno di castrazione; mucche da latte senza corna e pesci gatto potenziati dalla crescita utilizzando il CRISPR per sviluppare più cellule muscolari.

 

Fa venire l’acquolina in bocca…

 

 

CRISPR: Rischi Enormi, nessuna ricompensa

La principale spinta di lobbying per rimuovere i regolamenti dell’UE su colture o animali geneticamente modificati viene da Bayer-Monsanto e dagli altri giganti dell’agroalimentare OGM, tra cui Syngenta, BASF e Corteva di DowDupont.

 

Nel novembre 2020 Liam Condon, il presidente della divisione di scienza delle colture Bayer-Monsanto, ha dichiarato a una conferenza Bayer Future of Farming, che Bayer sta esercitando pressioni «molto forti» per modificare le normative sugli OGM dell’UE per esentare l’editing genetico.

 

Condon ha dichiarato: «[Stiamo] promuovendo con forza che le normative dovrebbero recuperare il ritardo con la tecnologia e consentire l’utilizzo di questa tecnologia, [non solo] a beneficio degli europei, ma anche a beneficio di altri in tutto il mondo che cercano di L’Europa per la regolamentazione».

 

Condon ha definito l’editing genetico e la tecnologia CRISPR una «sorprendente svolta» che consentirebbe all’agricoltura di essere più sostenibile. Quello che ha omesso è che la deregolamentazione delle colture geneticamente modificate consentirà alla Bayer-Monsanto e ad altre importanti aziende di OGM di addebitare agli agricoltori i loro semi «sostenibili» brevettati.

 

L’editing genetico di piante o animali non è affatto esente da rischi come affermato. La tecnologia non è affatto precisa o controllata e spesso ha esiti imprevisti come alterazioni genetiche involontarie, persino l’aggiunta involontaria di DNA estraneo da altre specie, o addirittura interi geni estranei, nel genoma di organismi geneticamente modificati

L’editing genetico di piante o animali non è affatto esente da rischi come affermato. La tecnologia non è affatto precisa o controllata e spesso ha esiti imprevisti come alterazioni genetiche involontarie, persino l’aggiunta involontaria di DNA estraneo da altre specie, o addirittura interi geni estranei, nel genoma di organismi geneticamente modificati.

 

Questa è ancora una nuova tecnologia sperimentale. I suoi sostenitori come Bayer-Monsanto affermano che l’editing genetico delle piante è preciso. Eppure le indagini lo trovano tutt’altro che provato.

 

La dott.ssa Allison K Wilson del The Bioscience Resource Project, afferma: «I metodi di editing genetico delle piante sono anche inclini a introdurre UTs (tratti non intenzionali o danno genetico) … nuove prove sia da animali che da piante indicano che l’editing genetico stesso può provocare mutazioni indesiderate a o vicino al sito di destinazione. Questi includono l’inserimento di vettore, batterico e altro DNA superfluo e l’introduzione involontaria di grandi delezioni e riarrangiamenti del DNA».

 

Questi non sono difetti minori che possono essere ignorati. Wilson conclude: «I risultati dell’editing genetico delle piante sono imprecisi e imprevedibili e che, a seconda della combinazione di tecniche utilizzate, l’editing genetico può essere altamente mutageno. Mentre in teoria un giorno potrebbe essere possibile creare un raccolto GM che soddisfi i vasti requisiti dell’agricoltura sostenibile, in pratica sembra altamente improbabile che ciò accada mai».

 

«I risultati dell’editing genetico delle piante sono imprecisi e imprevedibili e che, a seconda della combinazione di tecniche utilizzate, l’editing genetico può essere altamente mutageno»

Secondo un’analisi della strategia EU Farm to Fork di Global Ag Media, «l’effetto di queste strategie sarà una riduzione senza precedenti della capacità di produzione dell’UE e del reddito dei suoi agricoltori. Tutti i settori mostrano un calo della produzione dal 5% al ​​15%, con i settori dell’allevamento che sono i più colpiti…

 

Nel frattempo, qualunque sia lo scenario, i prezzi alla produzione mostrano un aumento netto di circa il 10% con un impatto negativo per la maggior parte dei redditi degli agricoltori.

 

Il sindacato degli agricoltori dell’UE, il Copa-Cogeca, avverte che la politica porterà a una riduzione senza precedenti della capacità agricola.

 

Ma questo è il vero intento dell’«agricoltura sostenibile».

 

 

Davos e EU Farm to Fork

L’agenda radicale verde UE Farm to Fork trova la sua eco nel Forum economico mondiale di Davos che già nel 2014 ha promosso ciò che ha chiamato «Abilitazione del commercio: dalla fattoria alla tavola».

 

Un rapporto del WEF del gennaio 2018 afferma: «le tecnologie di editing genetico come CRISPR-Cas potrebbero fornire un modo per ottenere miglioramenti multi-tratto, producendo un cambiamento radicale nella produttività migliorando la resistenza alla siccità e il contenuto nutrizionale del cibo».

 

Se il settore agricolo dell’UE viene portato nel regime degli OGM modificati geneticamente e di conseguenza la sua produzione viene drasticamente ridotta, causerà una carenza alimentare sempre maggiore in tutto il mondo.

Questo rapporto è stato fatto insieme a McKinsey & Co come parte delle iniziative del WEF per la sicurezza alimentare e l’agricoltura e il loro Grande Reset. I partner del forum WEF includono Bayer, Syngenta, BASF. Secondo il sito web del WEF, «il World Economic Forum alla sua riunione annuale a Davos nel gennaio 2020 ha riunito i leader dell’industria e delle imprese con il vicepresidente esecutivo Frans Timmermans per esplorare come catalizzare il Green Deal europeo. C’era anche Liam Condon della Bayer e il capo di Syngenta e BASF.

 

Se il settore agricolo dell’UE viene portato nel regime degli OGM modificati geneticamente e di conseguenza la sua produzione viene drasticamente ridotta, causerà una carenza alimentare sempre maggiore in tutto il mondo.

 

Questo è il piano di Davos insieme alla loro agenda eugenetica per il Grande Reset del COVID-19. Chiamarlo Farm to Fork lo fa sembrare innocuo.

 

Chiaramente non lo è.

 

 

William F. Engdahl

 

 

 

F. William Engdahl è consulente e docente di rischio strategico, ha conseguito una laurea in politica presso la Princeton University ed è un autore di best seller sulle tematiche del petrolio e della geopolitica. È autore, fra gli altri titoli, di Seeds of Destruction: The Hidden Agenda of Genetic Manipulation («Semi della distruzione, l’agenda nascosta della manipolazione genetica»), consultabile anche sul sito globalresearch.ca.

 

 

Questo articolo, tradotto e pubblicato da Renovatio 21 con il consenso dell’autore, è stato pubblicato in esclusiva per la rivista online New Eastern Outlook e ripubblicato secondo le specifiche richieste.

 

 

Renovatio 21 offre la traduzione di questo articolo per dare una informazione a 360º.  Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

PER APPROFONDIRE

Presentiamo in affiliazione Amazon alcuni libri del professor Engdahl

 

Continua a leggere

Epidemie

Wuhan, nel 2017 «Batwoman» aveva già trovato «tutti i geni» necessari per ingegnerizzare geneticamente un coronavirus simil-SARS

Pubblicato

il

Da

 

 

 

 

La reporter Natalie Winters della testata americana National Pulse ha scoperto un articolo del novembre 2017 che potrebbe essere intitolato «I pipistrelli in Cina portano tutti gli ingredienti per creare un nuovo virus SARS».

 

L’articolo ora riemerso descrive come i ricercatori dell’Istituto di Virologia di Wuhan avessero già allora identificato «tutti i geni per creare un coronavirus  SARS simile al ceppo epidemico» utilizzando tra 11 nuovi ceppi di virus raccolti nei pipistrelli a ferro di cavallo.

 

«Dopo cinque anni di ricerca sui pipistrelli in una grotta nella provincia dello Yunnan, nel sud della Cina, Zhengli Shi e colleghi hanno scoperto 11 nuovi ceppi di virus legati alla SARS nei pipistrelli ferro di cavallo (specialmente nel Rhinolophus sinicus). All’interno dei ceppi, i ricercatori hanno trovato tutti i geni per creare un coronavirus SARS simile al ceppo epidemico, afferma Shi, virologa presso l’Istituto di virologia di Wuhan, Accademia cinese delle scienze».

 

Shi è in realtà la celeberrima Shi Zhengli, la studiosa talmente specializzata in virus di pipistrello al punto da essere soprannominata «batwoman».

 

Questi nuovi ceppi sarebbero più simili alla versione umana della SARS rispetto ai virus dei pipistrelli precedentemente identificati

Questi nuovi ceppi sarebbero più simili alla versione umana della SARS rispetto ai virus dei pipistrelli precedentemente identificati, afferma Matthew Frieman, virologo dell’Università del Maryland a Baltimora. 

 

L’articolo, che è stato recentemente cancellato dal sito web dell’Istituto di virologia di Wuhan, rileva anche che Shi e i suoi colleghi hanno scoperto che «molti dei ceppi» potrebbero crescere nelle cellule umane.

 

«Analizzando il corredo genetico completo dei nuovi virus, Shi e i suoi colleghi hanno ripercorso i passaggi che potrebbero aver dato origine al virus SARS originale. Alcuni punti nel DNA dei virus sembrano particolarmente inclini al riarrangiamento, quindi il remix avviene spesso. Lo studio suggerisce che la ricombinazione tra virus ha plasmato l’evoluzione della SARS».

 

Sempre nel 2017, una sottoagenzia del National Institutes of Health (NIH) – guidata dal dottor Anthony Fauci – ha ripreso a finanziare una controversa sovvenzione per modificare geneticamente i coronavirus dei pipistrelli a Wuhan, in Cina, senza l’approvazione di un organismo di supervisione del governo, secondo il Daily Caller

 

 Ciò avviene dopo una sospensione temporanea dei finanziamenti federali nel 2014 per la ricerca sul Guadagno di Funzione mediante la quale il COVID dei pipistrelli è stato manipolato geneticamente per essere più trasmissibile all’uomo. 

 

Quattro mesi prima di tale decisione, il NIH ha effettivamente trasferito questa ricerca all’Istituto di virologia di Wuhan  tramite una sovvenzione al gruppo no profit EcoHealth Alliance, guidato da Peter Daszak.

 

In particolare, l’Istituto «ha partecipato apertamente alla ricerca sul Guadagno di Funzione in collaborazione con università e istituzioni statunitensi” per anni sotto la guida del Dr. Shi «Batwoman» Zhengli», ha scritto il Washington Post.

 

Nel 2017, tuttavia, all’interno del Dipartimento della salute e dei servizi umani (HHS) è stato formato il Potential Pandemic Pathogens Control and Oversight Framework (P3CO), che aveva il compito di valutare i rischi connessi al potenziamento di agenti patogeni pericolosi, nonché se sono in atto garanzie prima che possa essere concessa una sovvenzione ad una ricerca sul «Guadagno di Funzione» o ricerca altrettanto rischiosa.

 

Il National Institute of Allergy and Infectious Diseases (NIAID) di Fauci – la sottoagenzia che ha finanziato EcoHealth – non ha ritenuto che la sovvenzione avesse bisogno di una revisione e ha ripreso la loro relazione con Daszak senza segnalarla al comitato P3CO, ha detto un portavoce del NIH al Daily Caller.

 

I misteri del laboratorio di Wuhan, che a noi erano noti sin dalle prime settimane della catastrofe, continuano. Ogni settimana si aggiunge un tassello al puzzle dell’origine laboratoriale della pandemia.

 

L’ipotesi dello spillover naturale sembra sempre più assurda: e ricordiamo bene che Renovatio 21 e tanti altri sono stati derisi e censurati per aver sostenuto l’ipotesi dell’origine sintetica.

 

Renovatio 21 è tuttora bannata da Facebook.

Continua a leggere

Più popolari