Connettiti con Renovato 21

Bioetica

Il tradimento dei bioetici

Pubblicato

il

 

 

 

All’inizio ci hanno sfottuto, canzonato, emarginato. «Renovatio 21 si occupa solo di vaccini» malignavano quelli del giro cattolico. «Siete ossessionati».

 

«I vaccini alla fine sono una nicchia di poco conto» ci disse una volta un politico di un partito di governo.

 

«Ma cosa c’entrano gli aborti, le eutanasie e i trapianti di organo con i vaccini?» era l’accusa che veniva dai No-Vax.

 

«Bioetica? e perché mai occuparsi di Bioetica, se il mondo lo decide la politica, la geopolitica, l’economia, gli eserciti, insomma le cose serie?» ci berciavano addosso.

La miseria della Bioetica risalta nella tenebra del nostro presente pandemico. Il tradimento dei bioetici è sotto gli occhi di tutti

 

«Ma perché non vi occupate di cose serie?» era quello che leggevi in faccia a certi quando cercavi di spiegargli che Renovatio 21 «si occupa della lotta alla Cultura della Morte»

 

Che dire, il COVID-19 ci ha vendicati. Grazie. Renovatio 21 ringrazia ufficialmente il SARS-nCoV-2 e tutta la famiglia dei Coronavirus.

 

Da ciò di cui noi ci siamo occupati per anni – con innumeri conferenze in tutta Italia, con la fatica di mettere in piedi centinaia di articoli per il sito, con l’immancabile tela fitta che sta dietro a quelle operazioni che davvero possono cambiare – ciò di cui noi ci siamo occupati da sempre ora dipende la libertà delle persone, in tutto il mondo. E financo la stabilità stessa di intere nazioni.

Dai vaccini ora possono passare collassi nazionali, guerre, rivolte: nella grande finzione della Geopolitica biologica che oggi attanaglia il mondo, avere il vaccino per un Paese potrebbe significare la possibilità di sottometterne un altro (chiamiamolo «imperialismo vaccinale»)

 

Dai vaccini ora possono passare collassi nazionali, guerre, rivolte: nella grande finzione della Geopolitica biologica che oggi attanaglia il mondo, avere il vaccino per un Paese potrebbe significare la possibilità di sottometterne un altro (chiamiamolo pure «imperialismo vaccinale»): non fare il vaccino potrà significare non prendere più il treno o l’aereo, perdere il lavoro, e, finalmente, vedersi portati via i figli.

 

Il primo vaccino per il Coronavirus disponibile con probabilità sarà fatto con cellule di aborto.

 

E se credete che la Bioetica non c’entri nulla con le morti negli ospedali COVID, dove si è infiltrata la teoria utilitaristica assassina secondo cui vanno premiati coloro che potranno godere di maggiore «qualità della vita» – beh non avete capito dove siamo finiti.

 

Si è infiltrata la teoria utilitaristica assassina secondo cui vanno premiati coloro che potranno godere di maggiore «qualità della vita»

Una Bioetica del Coronavirus è ciò che la politica dovrebbe formulare, e in alcuni casi pensa pure di fare, ma in realtà nessun politico ha la benché minima idea di quello che sta facendo, né tantomeno ha dei consiglieri che riescano a fargli capire cosa a livello morale sta succedendo.

 

Ma è ancora peggio di così: la discussione è totalmente azzerata. I giornali non offrono nemmeno più un boxino con l’esperto del Comitato Nazionale di Bioetica che spara la sua a fianco del boxino con il cardinale che dice più o meno il contrario, o più o meno la stessa cosa, ma con uso di vasella democristiana. Del resto, i grandi cambiamenti voluti da Bergoglio alla Pontificia Accademia per la Vita a questo servivano: a togliere i boxini dagli articoli di giornale, a disintegrare il grillo parlante bioetico dai giornali, e quindi definitivamente dalle operazioni del manovratore.

 

Ma non diamo la colpa solo ai pretazzi e al loro papa. Il tradimento riguarda tutti coloro che si occupano, magari «per lavoro» (cioè, perché «sempre meglio che lavorare»), di Bioetica.

Non diamo la colpa solo ai pretazzi e al loro papa. Il tradimento riguarda tutti coloro che si occupano, magari «per lavoro» (cioè, perché «sempre meglio che lavorare»), di Bioetica

 

Sono spariti, estinti, svaniti nel nulla – e nel momento in cui la loro disciplina ha finalmente rivelato la sua centralità assoluta. La società umana primariamente separa la vita dalla morte: e questo è il mandato della Bioetica, studiare le declinazioni di questo fondamento.

 

I bioetici, o i bioeticisti, invece si sono dati alla macchia. Sono spariti. Non un fischio dinanzi a nessuna delle enormità che stanno accadendo: stragi da triage, Codice di Norimberga bruciato, popolazione tutta sottomessa ad arresto più TSO.

 

I bioetici, sono spariti dinanzi a nessuna delle enormità che stanno accadendo: stragi da triage, Codice di Norimberga bruciato, popolazione tutta sottomessa ad arresto più TSO

Il filosofo francese Julien Benda nel 1927 pubblicò un libro sulle responsabilità degli intellettuali francesi e tedeschi che avevano abbandonato i loro ruoli per seguire le sirene della lotta di classe, del nazionalismo tanto in voga nei loro giorni. I risultati furono guerra e devastazioni, lager e gulag, e milioni di morti. Il libro si intitolava Il Tradimento dei chierici.

 

Adesso abbiamo invece Il Tradimento dei bioetici, con la differenza che questi non stanno ascoltando alcun canto della sirena, sono semplicemente scomparsi, sono scappati dentro la loro tana, magari al sicuro con il loro stipendio elargito da diplomifici istituzionali.

 

È osceno che la Bioetica abbia tradito, è osceno e pieno di conseguenze.

 

È imperdonabile che non si sia sentito nessuno nemmeno tentare di fare quelle domande che pone il Coronavirus, il suo massacro, la sua era.

È possibile che la società abbia accettato la stage da triage?

 

Se i soloni della Bioetica non lo vogliono fare, proviamo a farlo noi. Perché, da poveri cittadini che sentono l’esigenza di vedere il mondo e le sue catastrofi su di un piano morale,  ne sentiamo il bisogno impellente.

 

Noi domandiamo:

È possibile che non vi sia discussione etica intorno al vaccino forzato?

 

1) È accettabile che una logica di priorità di cura, per cui medici e infermieri tralasciano alcuni malati considerando inferiore la loro potenziale qualità della vita? È possibile che la società abbia accettato la stage da triage?

 

2) È accettabile l’obbligatorietà di cura, e per giunta con un determinato farmaco? È possibile che non vi sia discussione etica intorno al vaccino forzato?

È accettabile un farmaco che contiene pezzi di essere umano?

 

3) È accettabile un farmaco che contiene pezzi di essere umano? È accettabile una cura che deriva dalla violenza (e per chi crede) da un peccato enorme? È possibile che nemmeno da parte cattolica vi sia dibattito sulle linee cellulari da feto abortito con le quali sembrano fatti i primi prototipi di vaccino per Coronavirus?

È accettabile la repressione della libera circolazione della persona

 

4) È accettabile la repressione della libera circolazione della persona, cioè di una componente inalienabile della vita biologica? È possibile che non possa configurare un rischio perfino maggiore, per esempio proibendo la fuga da una catastrofe, fenomeno noto nella Bibbia nelle storie di Lot e Noè?

È accettabile che lo Stato decreti i termini del culto religioso?

 

5) È accettabile che lo Stato decreti i termini del culto religioso? È accettabile che lo spirituale sia piegato totalmente all’autorità temporale? Cosa ci dice del potere Stato, della libertà di culto, e del valore del culto stesso una situazione come quella vissuta dalla religione in questi giorni?

È accettabile la bioingegneria?

 

6) È accettabile la bioingegneria? È accettabile il DNA ricombinante? È accettabile la recente, precisissima tecnica di editing genetico CRISPR-CAS-9?

 

Perché, a differenza del disarmo nucleare, non c’è dibattito per la messa al bando delle armi biologiche?

7) È accettabile mantenere laboratori BSL-4 che in barba ai trattati internazionali continuano a studiare l’uso di virus e batteri come armi biologiche? Non configura per caso, come dice giustamente il miliardario Bill Gates, un rischio maggiore della bomba atomica? Perché, a differenza del disarmo nucleare, non c’è dibattito per la messa al bando delle armi biologiche?

 

8) È accettabile vivere in una società dove la scienza istituzionale e mediatica ha perso con evidenza ogni credibilità dinanzi a grande parte della popolazione? È possibile parlare ancora di progresso una volta realizzata la totale incertezza scientifica?

 

È possibile parlare ancora di progresso una volta realizzata la totale incertezza scientifica?

9) È accettabile ancora qualsiasi discorso sulla libertà di cura? È possibile parlarne ancora seriamente, quando le istituzioni spingono per l’obbligatorietà della cura e l’industrializzazione dei farmaci?

 

10) È accettabile un panorama politico, giornalistico, giudiziario dove non vi è più nessuna discussione sul ruolo e sui guadagni, sui possibili conflitti di interesse delle grandi farmaceutiche? È possibile che una industria farmaceutica pubblica non sia discussa a nessun livello?

Cos’è la libertà di cura quando si spinge per l’obbligatorietà e l’industrializzazione dei farmaci?

 

11) È accettabile che la sperimentazione si faccia ora direttamente sugli esseri umani senza passare per gli animali? È possibile che il Codice di Norimberga sia divenuto, con il giuramente di Ippocrate, lettera morta e sepolta?

 

È accettabile che la sperimentazione si faccia ora direttamente sugli esseri umani senza passare per gli animali?

12) È accettabile assistere impotenti ad una strage come quella delle case di riposo? È accettabile credere che vi sia una inconscia volontà concentrazionaria ed eutanatica nell’esistenza stessa delle RSA? È possibile mettere radicalmente in dubbio la liceità di luoghi simili?

 

13) È accettabile che una cura gratuita, solidale, etica come quella del plasma iperimmune venga attaccata da tutte le parti senza che nessuno, fra gli illustri bioeticisti, batta un colpo in difesa di un protocollo rivelatosi efficace ed immediato?

È accettabile assistere impotenti ad una strage come quella delle case di riposo?

 

14) È accettabile che non si cerchi con ogni forza di incrementare e spronare i pazienti convalescenti a donare il proprio plasma per salvare vite? 

 

Potremmo andare avanti ancora molto. Queste solo le prime domande che vengono alla mente se pensiamo alla catastrofe dell’ora presente e a quello che credevamo essere il compito della Bioetica.

 

È accettabile che una cura gratuita, solidale, etica come quella del plasma iperimmune non venga difesa?

E invece, nel silenzio assordante di Comitati, pensatori e specialisti, confermiamo quanto avesse ragione il presbitero e scrittore convertito Richard Neuhaus: la Bioetica è un «Permissions Office», un bonario Ufficio Permessi che appena ritarda burocraticamente l’inevitabile facendo finta di pensarci su.

 

«Nella maggior parte dei casi, la professione della Bioetica è l’Ufficio Permessi della scienza medica e biologica contemporanea» scriveva Neuhaus.

 

La Bioetica è un «Permissions Office», un bonario Ufficio Permessi che appena ritarda burocraticamente l’inevitabile facendo finta di pensarci su

«I bioetici sono autorizzati a rilasciare i permessi di autorizzazione, con la consapevolezza che, dopo una deliberazione dovuta e angosciata, il permesso non verrà negato. Solo il bioetico audace osa dire, e continua a dire, No. Come scopre rapidamente, la professione si lascia alle spalle le anime sensibili come la sua mentre la discussione passa alla prossima questione»

 

La miseria della Bioetica risalta nella tenebra del nostro presente pandemico. Il tradimento dei bioetici è sotto gli occhi di tutti.

 

Hanno rinunciato a distinguere il Bene dal Male, quindi hanno rinunciato a parlare al presente. Hanno rinunciato a difendere la Vita, hanno accettato la Cultura della Morte

Abbiamo, oggi, un motivo in più per non fidarci degli «specialisti», siano essi virologi televisivi o esperti bioeticisti.

 

Hanno rinunciato a distinguere il Bene dal Male, quindi hanno rinunciato a parlare al presente.

 

Hanno rinunciato a difendere la Vita, hanno accettato la Cultura della Morte.

 

Staranno in silenzio davanti al ritorno completo, massivo del sacrificio umano.

 

Staranno in silenzio davanti al ritorno completo, massivo del sacrificio umano. Noi no.

Noi no.

 

Roberto Dal Bosco

Cristiano Lugli

 

 

 

Continua a leggere

Bioetica

La vera storia del Comitato Nazionale di Bioetica – seconda parte

Pubblicato

il

Da

Dopo la prima parte, pubblicata lo scorso 9 novembre, Renovatio 21 continua il progetto di tracciare l’evoluzione della bioetica italiana e della sua principale istituzione governativa – il Comitato Nazionale di Bioetica (CNB) – con questa seconda intervista al professor Luca Marini, docente di diritto internazionale alla Sapienza di Roma, che del CNB fu membro dal 1996 al 2014 e ebbe anche il ruolo vicepresidente.

 

 

 

Professor Marini, torniamo al CNB, alla sua natura e alle sue competenze. Poiché esso dipende formalmente dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, dobbiamo presumere un forte legame con il mondo politico?

Mi sembra che il legame con la politica, inteso nel senso classico di affiliazione ideologica, di funzionalità o addirittura di organicità dei suoi componenti rispetto a l’uno o all’altro partito, appartenga al passato del CNB. Oggi non mi stupirei se il CNB – come del resto la stessa politica – fosse più esposto direttamente alle pressioni delle lobby tecno-scientifiche e industriali, e quindi, in ultima analisi, al controllo dalle élite finanziarie transnazionali. Ovviamente questa influenza e questo controllo, se ci sono, vengono esercitati attraverso l’azione di singoli membri, che magari operano nell’ambito di atenei a loro volta foraggiati, e quindi controllati, dai protagonisti del mercantilismo globalista e transumanista, ossia da quelle élite poc’anzi ricordate.

 

I membri del CNB agiscono e votano secondo inclinazioni personali o le è sembrato che seguissero l’agenda di chi li ha fatti nominare?

Diciamo che, ai miei tempi, salvo rare eccezioni, in genere seguivano le indicazioni della scuderia di appartenenza. Che, nel CNB, era quella laica o quella cattolica.

 

A questo proposito, quale è l’influenza della Chiesa sul CNB? E quella dei laici? Sono influenze riconducibili a qualche entità concreta?

Francamente, tenuto anche conto delle fazioni interne a ciascuno dei due schieramenti, non saprei quantificare questa influenza. È un discorso che non mi hai appassionato, non appartenendo né all’uno né all’altro schieramento, come ha dimostrato la mia destituzione. Posso però riferire un episodio: tanti anni fa, durante la riunione di insediamento del neo-ricostituito Comitato, notai un collega molto conosciuto, che in seguito avrebbe fatto carriera politica, tutto intento a prendere appunti. Ammirato dall’umiltà del personaggio, mi avvicinai per constatare che gli appunti in questione si riducevano a un foglio bianco diviso a metà, in senso verticale, da una riga: a destra in alto c’era scritto LAICI, a sinistra CATTOLICI. Il noto docente in questione stava accuratamente catalogando i suoi nuovi colleghi in virtù dei loro orientamenti ideologici e confessionali, evidentemente al fine di calcolare le maggioranze di voto. Il fatto poi che non avesse previsto uno spazio per i «non affiliati», come me, la dice lunga.

 

A proposito di voto, quale potere effettivo ha il CNB?

Nessuno, nel senso che i suoi pareri sono consultivi e non vincolanti. Diciamo che essi hanno l’autorevolezza che si è disposti a riconoscere all’organismo che li adotta. Che poi i pareri vengano propagandati da certa stampa o da certa politica come «decisioni» o come «autorizzazioni» è un altro paio di maniche. Le racconto un altro episodio. Tanti anni fa il CNB venne chiamato a pronunciarsi su una sperimentazione avente a oggetto cellule staminali embrionali che avrebbe dovuto avviarsi presso la sede italiana del Centro comune di ricerca dell’UE. In quell’occasione chiesi espressamente di dichiarare irricevibile la domanda, per evidente difetto di competenza del Comitato tanto sul piano formale quanto sul piano sostanziale. Ebbene, non soltanto il CNB si pronunciò, respingendo la mia mozione d’ordine, ma approvò (sic!) la sperimentazione, pur senza averne alcun potere: e i giornali più orientati ne approfittarono per titolare «Primo sì italiano alla sperimentazione sulle cellule staminali». Ricordo che sulla vicenda intervenne anche Oriana Fallaci, che criticò apertamente il fatto che il parere del CNB fosse stato adottato con un solo voto contrario e un astenuto.

 

Ma quindi, in ultima analisi, quali poteri formano il CNB?

Guardi, finché il CNB fornirà pareri non vincolanti, e quindi di fatto irrilevanti, non sarà un centro di potere. Questo non vuol dire che alcuni personaggi non l’abbiano utilizzato per i propri fini come se lo fosse, ingigantendone volta per volta le competenze per vivere di luce riflessa, come si evince dall’episodio sopra riportato. Una svolta decisiva in questo senso potrebbe essere costituita dall’eventuale trasformazione del CNB in una vera e propria «authority» sulla bioetica, o sulle biotecnologie, di cui si parlò a più riprese in passato senza giungere, tuttavia, a risultati concreti. Vennero presentati in tal senso numerosi disegni di legge, rimasti lettera morta. Certo, se ciò accadesse – o se anche il CNB, pur restando quello che è, finisse per essere affiancato da una authority del genere – ci sarebbe da preoccuparsi non poco.

 

 

Continua…

 

 

 

 

Immagine di Nicolasrivron via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0)

 

 

 

Continua a leggere

Bioetica

Bioetica della solitudine

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

La pandemia COVID ha confermato che la solitudine è un grave problema di salute pubblica, soprattutto in un mondo con famiglie in calo e una popolazione che ingrigisce. Numerosi articoli sui media hanno evidenziato la tragedia degli anziani tagliati fuori dal contatto con i propri figli, nipoti e amici.

 

Un medico israeliano, Zohar Lederman, sostiene sulla rivista Bioethics che la solitudine è un problema importante che è stato ampiamente ignorato dai bioeticisti.

 

Non è che i governi non siano a conoscenza del problema. L’ex primo ministro britannico Theresa May ha persino nominato un ministro per la solitudine.

 

«La solitudine è una realtà per troppe persone nella nostra società odierna… può colpire chiunque, di qualsiasi età e background», disse all’epoca la May. «Questa strategia è solo l’inizio di un cambiamento sociale lungo e di vasta portata nel nostro Paese, ma è un primo passo fondamentale in una missione nazionale per porre fine alla solitudine nelle nostre vite»

 

Ma cosa si deve fare? La scadenza della May – «nella nostra vita» – non è lontana. La maggior parte dei suggerimenti nei rapporti governativi e dai gruppi di riflessione sono high-tech. Distribuzione di laptop gratuiti? Incoraggiare l’uso dei social media? Investire in robot pelosi?

 

C’è un pericolo nell’affidarsi troppo alle soluzioni tecnologiche per la crisi della solitudine, afferma il dott. Lederman.

 

«Gli esseri umani sono essenzialmente creature sociali, in quanto modelliamo e riconosciamo la nostra identità attraverso le interazioni sociali e troviamo un significato nelle connessioni sociali. Le connessioni sociali sono un prerequisito per l’autonomia personale. Dipendiamo dalle connessioni sociali per la nostra felicità, benessere e salute: “Gli esseri umani sono sociali per natura e le relazioni sociali di alta qualità sono vitali per la salute e il benessere”».

 

Può una tecnologia sofisticata come la realtà virtuale sostituire la presenza di parenti e amici? Il dottor Lederman è scettico. Può essere utile, ma non sostituisce la presenza fisica, in particolare il tatto e l’olfatto dell’interazione umana.

 

«Il documento sostiene l’uso di soluzioni tecnologiche alla solitudine come una questione di ordine pubblico, ma mette in guardia dal fare affidamento esclusivamente su di esse. Le prove empiriche disponibili semplicemente non consentono tale affidamento. Ancora più importante, anche se le soluzioni tecnologiche si dimostrassero empiricamente sufficienti per mitigare la solitudine come tradizionalmente definita, le organizzazioni sanitarie nazionali e internazionali non dovrebbero fare affidamento esclusivamente su di esse perché c’è qualcosa nell’essenza umana che non può e non deve essere fornito attraverso soluzioni tecnologiche».

 

«In altre parole, l’essenza di ciò che significa essere umani o l’essenza delle interazioni umane non può essere interamente sostituita da misure tecnologiche, per quanto sofisticate possano essere».

 

 

Michael Cook

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Continua a leggere

Bioetica

Il mondo ha davvero bisogno della bioetica?

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

In un recente numero del New England Journal of Medicine, una delle principali voci americane della bioetica, Emanuel J. Ezekiel, ha affermato che il COVID ha insegnato agli Stati Uniti una lezione sull’importanza della bioetica.

 

«L’etica deve essere integrata nel processo decisionale di emergenza», ha scritto con i colleghi. «Gli etici dovrebbero essere al tavolo quando vengono formulate le politiche, piuttosto che limitarsi a fungere da critici esterni».

 

«Le agenzie responsabili della risposta alle emergenze di salute pubblica devono avere esperti di etica addestrati sul personale, che partecipino regolarmente alla pianificazione degli scenari e alla consulenza».

 

Sorprendentemente, un altro bioeticista è scettico. Perché? Si chiede Franklin G. Miller in un post sul blog sul sito web dell’Hastings Center.

 

«L’etica è, o dovrebbe essere, affare di tutti, specialmente per quanto riguarda le emergenze di salute pubblica, a causa dei loro impatti pervasivi sulla società e globali portati alla luce nell’attuale pandemia», scrive. «Abbiamo bisogno di responsabili politici con sensibilità etica e apertura a opinioni contrastanti su come risolvere i problemi etici, indipendentemente dal fatto che gli esperti di etica siano al tavolo».

 

In ogni caso, osserva che «Se, tutto sommato, gli eticisti devono essere al tavolo, questo pone ulteriori domande. Le pratiche attuali di educare i bioeticisti li preparano ad essere agenti efficaci e responsabili nell’arena politica? In caso negativo, come sospetto, come dovrebbe essere aumentata l’educazione dei bioeticisti in modo che siano dotati delle conoscenze e delle abilità pertinenti per agire al meglio in quell’arena?»

 

 

Michael Cook

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari