Connettiti con Renovato 21

Contraccezione

Papa Francesco apre al controllo delle nascite: la moralità è «sempre in via di sviluppo»

Pubblicato

il

 

Lo sdoganamento della contraccezione – e della riproduzione artificiale – è decisamente sulla rampa di lancio vaticana.

 

Renovatio 21 ne ha parlato pochi giorni fa, quando la Pontificia Accademia per la Vita di Monsignor Paglia ha lanciato un nuovo libro di Bioetica che sembrava spalancare la porta cattolica alla rivoluzione sessuale e riproduttiva, seppellendo una volte per tutte l’enciclica Humanae Vitae di Paolo VI.

 

Durante il suo volo di ritorno dal Canada sabato, papa Francesco ha risposto a una domanda riguardante il divieto della Chiesa cattolica sui contraccettivi, affermando che dogma e moralità sono «sempre in via di sviluppo».

 

La giornalista Claire Giangravè di Religion News Service ha chiesto: «Molti cattolici, ma anche molti teologi, credono che sia necessario uno sviluppo nella dottrina della Chiesa per quanto riguarda gli anticoncezionali. (…) è aperto, insomma ad una rivalutazione in questo senso? O esiste una possibilità per una coppia di considerare gli anticoncezionali?».

 

La risposta del pontefice è stata piuttosto netta. «Sappiate che il dogma, la morale, è sempre in una strada di sviluppo»

 

Il papa ha altresì definito la questione come «molto puntuale». Ossia, ha ritenuto di dare una risposta chiara e completa.

 

Egli ha quindi aperto la porta alla «ricerca» teologica, dove per ricerca si intende la possibilità di varcare i limiti.

 

«Non si può fare teologia con un “no” davanti. Poi sarà il Magistero a dire: “No, sei andato oltre, torna”. Ma lo sviluppo teologico deve essere aperto, i teologi ci sono per questo» ha detto Bergoglio.

 

Quindi l’argentino si è riferito esattamente al libro di cui abbiamo discusso: «Sul problema degli anticoncezionali, so che è uscita una pubblicazione, su questo tema e altri temi matrimoniali. Sono gli atti di un congresso e nel congresso ci sono le “ponenze”, poi discutono fra loro e fanno le proposte».

 

Diviene insomma chiaro che la pubblicazione del libro, e ancora prima il convegno del 201  che lo ha originato, fa parte di un’operazione decisa con forza dallo stesso vertice vaticano. L’operazione che è altro non se non il semaforo verde alla contraccezione e, non troppo secondariamente, ai bambini prodotti in laboratorio.

 

Come scritto da Renovatio 21, l’operazione di convegno, libro e ora dichiarazione aerea papale sono con probabilità l’annuncio di una prossima enciclica sull’argomento, quella che abolirà definitivamente il divieto cattolico alla contraccezione così come ribadito nella Humanae Vitae di Paolo VI. Non si tratta di un pensiero peregrino, se, recensendo il volume acui si riferisce Bergoglio, la Civiltà Cattolica, storica rivista dei Gesuiti, lo scorso 2 luglio ha pubblicato un articolo intitolato «Rileggere l’etica teologica della vita alla luce delle sollecitazioni di papa Francesco».

 

Parlare di morale «sempre in sviluppo» significa semplicemente pensare alle cose umane come mode che cambiano: ad esempio ieri il divorzio, l’aborto, i matrimoni omosessuali erano inaccettabili, oggi lo possono essere, perché tutto scorre, e non c’è una verità unica e più grande, immutabile, a cui conformarsi. Oggi sono impensabili la zoogamia, il cannibalismo, l’unione con i robot: domani chissà – se la morale può cambiare, e si sviluppa con il progredire degli anni, queste sono solo alcune delle cose che dobbiamo aspettarci.

 

È il caso di soffermarsi sulla dichiarazione bergogliana, più aperta e specifica che mai, sullo «sviluppo del dogma».

 

L’evoluzione del dogma è il fondamento del modernismo teologico – e non solo quello. Tutto è assoggettato al divenire del mondo, quindi anche la religione. Niente è immutabile – nemmeno Dio: quindi l’esistenza umana deve seguire, più che la legge divina, la legge del mondo.

 

Ciò ovviamente è ciò che il mondo e il suo principe vuole dalla chiesa: la sottomissione dello spirito alla materia, e quindi il cambiamento dei concetti eterni della verità cattolica, i dogmi, e con essi la sottomissione della sposa di Cristo tutta al potere mondano.

 

Secoli di storia, in ogni luogo della terra, dall’antica Roma al Giappone del XVI secolo, dall’Inghilterra elisabettiana al mondo comunista, ci rivelano questo quadro. Persecuzione e inquinamento della dottrina,  così opera l’Impero del mondo contro la Chiesa: per distruggerla deve annacquarla, spogliarla della sua eternità – cioè del suo elemento irriducibile, finale. Cioè spogliarla di Dio.

 

Che mondo prepara, quindi la chiesa di Bergolio? Un mondo senza Dio, popolato di esseri artificiali.

 

E quindi, chi sarà il signore di questa umanità sintetica?

 

Tante volte, Renovatio 21, ha tentato di dare una risposta a questa domanda apocalittica.

 

Qualcuno, a questo punto, può capire come mai alla gerarchia vaticana mai è importato nulla delle linee cellulari di aborto nei vaccini. Anzi, come mai, con l’arrivo della pandemia, ne ha promosso l’uso anche con l’obbligo, dentro e fuori dalle mura leonine.

 

Dunque, Bergoglio è il pontefice di cosa?

 

Lo vedete, ora, il disegno?

 

 

Roberto Dal Bosco

 

 

Comunicati

Renovatio 21 oltre i 6.000 articoli. Grazie ai suoi lettori

Pubblicato

il

Da

 

Il sito che state leggendo ha superato i 6 mila articoli.

 

6 mila storie – 6.040 con questo, per l’esattezza – che abbiamo reputato necessarie, disponibili nell’eternità di internet. 6 mila pensieri, 6 mila informazioni, che crediamo siano fondamentali per le nostre vite.

 

Perché il senso di Renovatio 21 non è mai stato solo quello di informare, di spiegare, di intrattenere – tutte cose che, alla fine, facciamo bene.

 

Il fine di Renvovatio 21 è, come abbiamo dichiarato scandalizzando gli ebeti, la lotta per la Vita e per la Civiltà.

 

La battaglia per la rigenerazione del XXI secolo, che potrebbe essere l’ultimo secolo dell’umanità, che già oggi, per tramite della Cultura della Morte, è sull’orlo dello sterminio, della modifica, della sostituzione.

 

Quindi, quelle 6000 cose che abbiamo scritto qui sono quasi tutte abbastanza importanti – anche troppo, forse, per cui ci va di sdrammatizzare, ogni tanto.

 

Copriamo filoni sconosciuti agli altri giornali e siti, e non solo italiani. Abbiamo anticipato tantissimo di quello che poi è tragicamente accaduto  (e questo molti nostri lettori ce lo riconoscono). Stiamo preconizzando anche ora tante cose – sbalorditive, mostruose, esiziali – che domani attraverseranno le vostre vite.

 

Vaccini. Oligarcato globale. CRISPR. Sovranità biologica. Zanzare OGM. Sovranità spaziale. Fame. Geodemonologia. Robotica assassina. Persecuzioni. Guerra nucleare ipersonica. Biologia umana sintetica. Collasso socioeconomico mondiale. Psicodroghe. Reset. Ritorno della barbarie. Blackout. Sostituzione socio-etnica. Apocalisse umanoide. Sottomissione bioelettronica. Distruzione della classe media. Sacrifici umani massivi. Sono solo degli esempi, che possono far sorridere.

 

Tuttavia, come si diceva, chi rideva di noi, oggi non ride più.

 

Chi ci combatteva sta continuando a farlo, alzando l’intensità dello scontro, e cacciando i colpi in profondità. Ban, censure, fact check, liste di proscrizione, attacchi hacker.

 

Dovete ricordare che il 22 dicembre 2021, 7 mesi fa, nel pieno del processo in tribunale con Facebook, titolavamo: «Renovatio 21 oltre i 4000 articoli».

 

Il 5 aprile, nel mezzo dell’attacco hacker che ha devastato il sito,  scrivevamo che avevamo raggiunto la boa dei 5000 articoli.

 

Ora, tre mesi dopo, altri 1000. Eccoci a 6000 articoli.

 

Non tutti possono comprendere la magnitudine di questo lavoro. Quanto sudore, quanto sacrificio, quante notti (come questa) passate al lavoro. Sappiamo, tuttavia, che i nostri nemici lo comprendono benissimo.

 

Nessuno cresce con questo ritmo. Nessuno dà ai suoi lettori una tale mole di informazioni, di analisi, di visioni.

 

Di più: nessuno vi parlerà con la sincerità di Renovatio 21. Nessuno vi prometterà che non vi mentirà mai. Nessuno può evitare di chiedervi soldi – e noi non lo abbiamo mai fatto, e notate bene che non troverete l’orrenda pubblicità internettara in nessuna parte del sito, e sono 5 anni che esso esiste, quindi pensate al mancato introito che ci costa il rispetto che abbiamo di voi, e della purezza del messaggio di cui vogliamo essere latori.

 

Perché, ripetiamo, questo per noi non è informare, né formare: è combattere.

 

Questo non è un sito, ma un’arma.

 

E questa non è una tranquilla esistenza da passare comodamente stretta tra i guanciali di qualche ideologia: questa per noi è l’immane avventura della resistenza al mondo moderno, della guerra contro la Necrocultura.

 

Quando lo pensiamo, siamo percorsi da un fremito. Perché, nonostante tutto, noi lo sentiamo come un privilegio. Ci è stato dato – in verità, ce lo siamo presi – il ruolo di cartografi dell’abisso dell’ora presente. C’è chi lo ha capito, e ci segue assiduamente. C’è chi ha capito che per essere lucidi bisogna essere spudorati, e quindi senza padroni – cosa rarissima, quantomeno per un sito di queste proporzioni di contenuto e di pubblico.

 

Siamo fieri di quello che facciamo. Ne siamo appagati. Perché nelle centinaia di articoli che pubblichiamo ogni mese vediamo la mappa della battaglia. Una mappa che nessuno è in grado, o vuole, scrivere, né tantomeno seguire. Una battaglia che, lo sapete, pochissimi hanno il coraggio di intraprendere: perché in essa, lo sapete, si può perdere tutto. (Ricordate? Luca 17, 33: «Chi cercherà di salvare la sua vita, la perderà; ma chi la perderà, la preserverà»).

 

Un privilegio ancora più grande, in verità, ci è stato accordato dalla Provvidenza: quella di un pubblico vastissimo. Un pubblico che, incredibile, vuole ascoltare – e sa ascoltare. Un pubblico che ha capito che cerchiamo di parlare alla mente, come al suo cuore: e ci ha lasciato entrare in entrambi, il massimo gesto di generosità possibile.

 

Ora, 6000 articoli non sono nulla.  C’è tanto, tantissimo lavoro ancora da fare.

 

In realtà, del numero degli articoli non deve importare a nessuno. Ci sono tutti gli altri canali da portare avanti.

 

Non vi possiamo più nascondere che vorremmo aprire una piccola casa editrice, per pubblicare quei libri che riteniamo necessari.

 

Ci sono gli incontri dal vivo: siamo partiti facendone in quantità oceanica, la pandemia ci ha fermato, ad oggi dobbiamo ancora ripartire.

 

Ci sono altre questioni ancora: mettere al sicuro il sito, rafforzarlo informaticamente, riuscire a raggiungere quelle porzioni di pubblico che ora Big Tech ci nega con shadow ban vergognosi.

 

Tante cose. Perché Renovatio 21 non è un sito. È… un’istituzione. Questo è quello che vogliamo che sia. Per questo rifiutiamo i social, rifiutiamo Telegram, rifiutiamo gli influencer, rifiutiamo tutte le realtà che prosperano su internet vendendo il nulla elettronico e morale.

 

No. Noi vogliamo mettere radici, dentro e fuori dalla rete. Radici solide – radici eterne: per cui, l’esatto contrario di quello che vuole il potere costituito oggi, che ci vuole sradicati, liquidi, effimeri.

 

Quindi, eccoci a chiedervi aiuto per il progetto. Cosa ci serve? Tutto. Preghiere, pensieri – in passato ve ne abbiamo chiesti. Ma anche, la vostra energia. Collaborazione (qualcuno vuole scrivere? Qualcuno vuole tradurre?). Se ne avete la possibilità, un aiuto materiale. Cambieremo il server a breve, e non siamo esattamente sicuri di potercelo permettere.

 

Qualsiasi modo in cui deciderete di contribuire, la nostra gratitudine sarà eterna.

 

Scriveteci per parlarne. Sapete quanto celeri e completi siamo nelle nostre risposte.

 

Quindi, dicevamo, 6000 articoli – in pochi mesi. Ma molti, molti più lettori eccezionali. O, più che lettori, amici, compagni, commilitoni, fratelli nella battaglia per il XXI secolo.

 

Lo ripetiamo: è un’avventura bellissima. Grazie a voi.

 

Il Signore della Vita vi benedica. Per tutto il XXI secolo, e oltre.

 

 

Roberto Dal Bosco

 

 

 

 

Continua a leggere

Contraccezione

La prossima enciclica di Bergoglio aprirà alla contraccezione: lo dice il giornale dei Gesuiti

Pubblicato

il

Da

La Civiltà Cattolica, storica rivista dei Gesuiti, lo scorso 2 luglio ha pubblicato un articolo intitolato «Rileggere l’etica teologica della vita alla luce delle sollecitazioni di papa Francesco».

 

L’autore, Jorge José Ferrer, SJ, è professore di teologia morale presso la Pontificia Università Cattolica di Porto Rico.

 

L’articolo riassume e promuove il nuovo libro della Pontificia Accademia per la Vita (PAV) che propone come moralmente accettabile oltre – lo abbiamo visto – alla riproduzione artificiale anche la contraccezione. La casa editrice è nientemeno che la Libreria Editrice Vaticana.

 

«In coerenza con il magistero di papa Francesco, il volume costituisce infatti un interessante tentativo di immaginare un percorso che favorisca il rinnovamento della bioetica basato sul ruolo del discernimento e della coscienza formata dell’agente morale» scrive il gesuita, ammettendo che si sta ponendo quindi, anche in bioetica, un cambio di paradigma, «Grande Reset» – una mutazione filosofica e biopolitica a lungo covata dal modernismo teologico.

 

«È lecito domandarsi se papa Francesco ci consegnerà una nuova enciclica o esortazione apostolica sulla bioe­tica, che potrebbe magari intitolare Gaudium vitae» si conclude il pezzo gesuita, ostentando obliquamente sicumera perfino sul titolo del documento – è che i gesuiti (come Bergoglio…) ne sanno qualcosa?

 

La gallina che canta ha fatto l’uovo?

 

In pratica, questa Gaudium vitae cancellerebbe la Humanae vitae di Paolo VI, che, contro ogni previsione, aveva sorprendentemente mantenuto la barra dritta sul rigetto della contraccezione. Lo scorno del clero modernista fu totale, con episodi di reazione delusa da parte di cardinali anticoncezionalisti al limite del grottesco.

 

Ora, i tempi sembrano maturi per tornare all’assalto. Lo sfondo di questa epocale trasformazione, è la decade di devastante «teologia» di papa Francesco.

 

«Se consideriamo in questa prospettiva Evangelii gaudium, Laudato si’, Amoris laetitia e Veritatis Gaudium ci rendiamo conto che le sollecitazioni che vi sono presenti aprono un nuovo orizzonte per la teologia e per il compito dei teologi, con una forte sottolineatura del dialogo e del reciproco arricchimento di saperi diversi» ha detto a Vatican News lo stesso prelato a capo della PAV, Monsignor Paglia:

 

Il solito gergo melenso (con la solita presenza del termine «dialogo», assai gradito alla massoneria) sta a significare che il Vaticano è oramai pronto ad andare all’attacco dell’Humanae vitae per demolirne i contenuti, rendendo cattolicamente accettabili la contraccezione e la riproduzione artificiale – e da lì, quindi, la produzione di bambini bioingegnerizzati secondo un’ottica «vaccinale».

 

Tale apertura alla produzione di esseri umani in laboratorio, ha notato Renovatio 21 (e solo Renovatio 21) era il probabile significato della foto dell’udienza del Bergoglio a Elon Musk accompagnato da folta prole prodotta risaputamente in provetta.

 

Visto l’impegno di comunicazione – che ha utilizzato come veicolo nientemeno che l’uomo più ricco del mondo – c’è la certezza che questo il salto verso l’umanità umanoide sia caro agli strateghi del Vaticano odierno.

 

Come ripetiamo su questo sito, la provetta al momento uccide più esseri umani dell’aborto, in Italia e non solo. E la chiesa, nonostante il documento wojtyliano Donum Vitae, in questi anni sembra essersene incredibilmente dimenticata, promuovendo leggi riprogenetica sintetica come la 40/2004.

 

Cosa potrebbe significare, in termini apocalittici, il semaforo verde del papato agli umani sintetici, lo abbiamo scritto.

 

Ora, preparatevi a vedere anche i danni assoluti della contraccezione venire benedetti dal papa malvagio. Perché la contraccezione ormonale – fatta di steroidi – intossica le donne, le fa ammalare (magari anche di cancro), cambia i loro cervelli e pure i loro gusti sessuali, e inquina i fiumi rendendo i pesci transessuali.

 

Perché la contraccezione dà adito a fenomeni di cosiddetta «microabortività», o di aborto vero e proprio nel caso di spirali et similia: i dispositivi intrauterini di fatto uccidono l’embrione, impedendone l’annidamento o trafiggendolo, e mettendo comunque in pericolo la salute della donna.

 

C’è da giurare che con lo sdoganamento teologico della contraccezione, di ciò non si parlerà, anzi siamo pronti a scommettere che la pillola del giorno dopo sarà benedetta come anticoncezionale invece che come l’abortivo che è: perché, dalla legge 40 in poi, sappiamo che al Vaticano in realtà un computo di morti calcolabili sulla base delle megamorti – unità di misura per gli effetti della bomba atomica: un megadeath è un milione di morti.

 

La provetta oggi in Italia vale – ufficialmente – 1,7 megadeath annui. Se aggiungiamo l’aborto chirurgico, l’aborto chimico e pure gli aborti da contraccezione, arriviamo probabilmente tra gli 0,3 e gli 0,5 megadeath all’anno. Ogni due o tre anni, quindi, viene cancellato dall’esistenza un milione di piccoli cittadini.

 

È una strage, un genocidio: al contempo, è anche un suicidio, il suicidio di un intero popolo. Un sacrificio umano, e uno sterminio. Ora, con imprimatur del papa ecologico, il papa del paganesimo amazzonico e di Big Pharma, della Pachamama e della Pfizer, di Greta e dell’mRNA.

 

Questo è del resto il destino di ogni istituzione che abbraccia la Necrocultura – come fa il Vaticano oggi: finire per tollerare, o desiderare, stragi massive, l’apocalisse devastatrice degli esseri umani.

 

 

Post scriptum: Del preservativo, orrendo affare di gomma che distrugge il piacere e fallisce non raramente la sua funzione (portandosi dietro magari le malattie di sconosciuti), nemmeno vogliamo parlare.

 

Ma davvero, quale uomo desidera umiliarsi infilando uno strato di lattice sopra la sua virilità?

 

Quale donna vuole ospitare dentro di sé un pezzo di materiale elastico sintetico?

 

E questo al netto delle questioni morali, e del fatto che il mondo, ora più che mai, ha bisogno di bambini generati e cresciuti nella legge naturale.

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Contraccezione

Contraccezione, sodomia e matrimonio omosessuale: il giudice Thomas andrà avanti?

Pubblicato

il

Da

Il giudice della Corte Suprema americana Clarence Thomas, nella sua opinione concordante sul ribaltamento di Roe v. Wade – la sentenza che ha aperto all’aborto come diritto «federale» con copertura costituzionale in tutti gli USA – ha delineato la sua visione in una concurring opionion, un parere concordante alla decisione dalla Corte, firmata solo da lui.

 

Secondo il New York Times, nello scritto di Thomas si può scorgere come il metodo per rovesciare la sentenza abortista  potrebbe «anche essere utilizzato per ribaltare casi che stabiliscono diritti alla contraccezione, relazioni consensuali tra persone dello stesso sesso e matrimoni tra persone dello stesso sesso».

 

Ciò è in contrasto con quanto scritto nel caso del ribaltamento di Roe v. Wade ottenuto con la recente sentenza Dobbs vs. Jackson Women’s Health Organization. Nel parere della maggioranza scritto dal giudice Samuel A. Alito, la Corte Suprema americana aveva affermato che nulla nella sua decisione «dovrebbe essere inteso per mettere in dubbio precedenti che non riguardano l’aborto».

 

Nella sua motivazione, Thomas osserva che la maggioranza della corte ha ritenuto che il diritto all’aborto non fosse una forma di «libertà» protetta dalla clausola del giusto processo del 14° emendamento alla Costituzione, come aveva affermato la corte con il caso Roe nel 1973.

 

Quindi, ha preso di mira altri tre casi storici che si basavano sullo stesso ragionamento legale: Griswold v. Connecticut, una decisione del 1965 che dichiarava che le coppie sposate avevano diritto alla contraccezione; Lawrence v. Texas, un caso del 2003 che invalidava le leggi sulla sodomia e rendeva legale l’attività sessuale tra persone dello stesso sesso in tutto il paese; e Obergefell v. Hodges , il caso del 2015 che stabilisce il diritto delle coppie gay a sposarsi.

 

Il giudice Thomas ha scritto che la corte «dovrebbe riconsiderare» tutte e tre le decisioni, dicendo che aveva il dovere di «correggere l’errore» stabilito in quei precedenti. Quindi, ha detto, dopo «aver annullato queste decisioni manifestamente errate, la questione sarebbe se altre disposizioni costituzionali» abbiano protetto i diritti che hanno stabilito.

 

«Questo tipo di linguaggio è proprio quello che temevano i sostenitori dei diritti riproduttivi e dei diritti LGBTQ. I difensori del diritto all’aborto hanno ripetutamente avvertito che se Roe fosse caduta, il diritto alla contraccezione e al matrimonio tra persone dello stesso sesso sarebbe stato il prossimo» lamenta in NYT.

 

Il giornale di Nuova York fa l’esempio di «stati come il Missouri» i quali  «stanno cercando di limitare l’accesso alla contraccezione vietando i finanziamenti pubblici per determinati metodi: dispositivi intrauterini e la cosiddetta pillola del giorno dopo». Con ogni evidenza, giornalisti, politici e attivisti ignorano (o fingono di non sapere) che i dispositivi intrauterini e la pillola del giorno dopo, uccidendo l’embrione, sono veri e propri abortivi.

 

La linea tra contraccezione e aborto è sottile: incredibilmente, il mondo moderno ne può finalmente prendere atto.

 

Il ragionamento, ricordiamo, è di natura puramente tecnico-legalistica: secondo la maggioranza dei giudici della Corte Suprema, il «diritto» all’aborto non può essere concesso, come ha fatto la Corte nel 1972, sulla base del XIV emendamento della Costituzione americana. Quindi vanno ora rivisti tutte quelle sentenze basate su questa erronea interpretazione.

 

 

Vi abbiamo parlato spesso del giudice supremo Thomas: cattolico, studi ad un’università cattolica, è uno dei proponenti, all’interno della Corte Suprema della legge naturale.

 

Pur non avendo scritto lui la sentenza, ma il collega Alito, sembra che sia lui il bersaglio di attacchi furiosi – e spesso palesemente razzisti – da parte della sinistra.

 

La sindaco nera lesbica e semicalva di Chicago Lori Lightfoot dai microni del palco di un Gay Pride lo ha mandato «a fanculo», così, senza tanti complimenti.

 


 

Vi sono commenti osceni da parte di persone come Hillary Clinton (che lo ha definito una persona di «risentimento e rabbia») e influencer dei social (ovviamente, mai bannati) che usano la classica accusa del «negro da cortile». È l’accusa orribile che abbiamo sentito in Italia all’altezza dell’elezione, nelle file della Lega Nord, del senatore Toni Iwobi.

 

Perché tutto questo odio nei confronti del giudice Thomas? Il suo biografo Michael Pack dice che è perché i progressisti sono propriamente razzisti, e non tollerano che i neri si comportino in un modo diverso da quello che vogliono loro (votare democratico, stare nel ghetto, etc.).

 

Vi è un motivo non noto ai più: la moglie Ginni Thomas, bianca, è una scatenata attivista pro-Trump, nota per la sua battaglia sull’illegittimità dell’elezione di Joe Biden.

 

Negli stessi giorni, il Thomas argomentò che Facebook e Twitter potrebbero essere regolati come enti pubblici.

 

Come riportato da Renovatio 21, nel 1991, nei giorni della sua audizione per la Corte Suprema, il giudice Thomas fu vittima di una imboscata da parte dello stesso Biden, a cui il giudice reagì con veemenza.

 

Biden, dopo averlo incontrato il giorno prima e rassicurato mostrandogli la sala dell’audizione, lo diffamò in mondovisione, accusandolo di molestie senza uno straccio di prova. Un calvario per la reputazione del giudice.

 

«La Corte Suprema non vale tutto questo. Nessun lavoro vale tutto questo»

 

Aggiungiamo come un anno fa, ricordiamo, vi fu un dissenso di Thomas su un caso elettorale rigettato dalla Corte Suprema.

 

Ora forse il quadro è un po’ più chiaro?

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari