Connettiti con Renovato 21

Oligarcato

Melinda Gates non cederà più la maggior parte della sua ricchezza alla Fondazione Gates

Pubblicato

il

 

Melinda French Gates non donerà più la maggior parte della sua ricchezza a Bill & Melinda Gates Foundation. Lo riporta la testata economica americana Wall Street Journal.

 

Melinda, che da divorziata riprenderà plausibilmente il cognome da nubile (French), ha apportato la modifica alla lettera di Giving Pledge alla fine del 2021 in seguito al suo divorzio dal co-fondatore di Microsoft Bill Gates, tuttavia all’epoca non ha specificato che sarebbe andata alla Gates Foundation.

 

Il Giving Pledge è una campagna per incoraggiare le persone estremamente facoltose a contribuire con la maggior parte della loro ricchezza a cause filantropiche. A gennaio 2021, l’impegno ha 231 firmatari da 28 Paesi, tra cui David Rockefeller, George Lucas, Ted Turner, Mark Zuckerberg, Paul Singer, Richard Branson, Elon Musk.

 

«Penso che la filantropia sia più efficace quando dà la priorità alla flessibilità rispetto all’ideologia, e perché nel mio lavoro alla fondazione e alla Pivotal Ventures continuerò a cercare nuovi partner, idee e prospettive», ha scritto l’ex moglie del magnate.

 

La French-Gates ha lanciato il fondo Pivotal Ventures nel 2015 per concentrarsi sulle questioni che riguardano le donne e le famiglie, comprese le politiche sui congedi retribuiti e uno sforzo per coinvolgere più donne nella tecnologia e nelle cariche pubbliche. Si è impegnata a donare 1 miliardo di dollari in 10 anni a Pivotal per promuovere l’uguaglianza di genere.

 

French Gates asserisce che ha ancora intenzione di dare via la maggior parte della sua fortuna, distribuendola tra varie attività filantropiche, dicono fonti informate al giornale americano.

 

«Riconosco l’assurdità di tanta ricchezza concentrata nelle mani di una sola persona, e credo che l’unica cosa responsabile da fare con una fortuna di queste dimensioni sia darla via, nel modo più ponderato e di impatto possibile», ha scritto nella sua nuova lettera Giving Pledge.

 

La Gates Foundation è una delle più grandi imprese filantropiche (per alcuni, «filantrocapitalistiche») al mondo.

 

La dotazione della Fondazione Gates supera i 50 miliardi di dollari. A luglio, Bill e Melinda hanno dichiarato che avrebbero impegnato altri 15 miliardi di dollari per la dotazione della Fondazione, che come noto è coinvolta sia scientificamente (con i fondi alla ricerca) che economicamente (perché investitrice di Big Pharma) che mediaticamente (con i programmi finanziati ai giornali di tutto il mondo per centinaia di milioni) politicamente (con le donazioni a enti transnazionali come l’OMS, e la creazione di altri enti come GAVI e CEPI) nel programma sanitario e vaccinale globale.

 

Di recente, era emerso che un altro mega-miliardario stretto amico dei Gates, Warren Buffett, si era ritirato dalla Fondazione, pur prevedendo, anche lui come il Bill, una nuova pandemia «peggiore del COVID».

 

La Gates Foundations ha recentemente aggiunto quattro membri al suo consiglio di amministrazione nel tentativo di rafforzare la governance dopo il divorzio dei suoi co-fondatori. Melinda e Bill sono i co-presidenti della fondazione, anche se ha accettato di dimettersi nel 2023 se uno dei due decidesse di non poter più lavorare insieme.

 

Bill Gates, nel frattempo, ha ribadito nella sua più recente lettera di Giving Pledge che la maggior parte della sua ricchezza andrà alla Fondazione Gates.

 

A luglio, secondo il New York Times, si era parlato della possibilità che Bill Gates avrebbe rilevato la quota di Melinda della fondazione che porta il loro nome. A dare la notizia era stato Mark Suzman, CEO della Gates Foundation (che è la più grande fondazione di beneficenza al mondo), rivelando che alla fondazione sono stati donati ulteriori 15 miliardi di dollari di asset da aggiungere ai 50 miliardi di dollari precedentemente accumulati nella sua dotazione oltre due decenni.

 

Suzman ha aggiunto che se la French decidesse di non poter continuare a lavorare con Gates dopo due anni, le sarebbe stato donato il proprio pool di capitale per avviare la propria fondazione. In altre parole, se i due decidono di non poter fare pacificamente  i genitori della fondazione, Bill rileverà la quota della sua ex moglie.

 

Come riportato da Renovatio 21, Melinda Gates, sedicente cattolica, ha per anni perorato e finanziato la causa dell’aborto – chiamato con l’eufemismo orwelliano «Controllo delle nascite» – specie nel Terzo Mondo. Nelle sue conferenze, Melinda parlava della necessità globale della contraccezione. Esiste ancora un TED piuttosto esplicito.

 

 

In realtà, anche ora il tema è molto sentito, in combo con la catastrofe pandemica: «le prime stime suggeriscono anche che la pandemia causerà 49 milioni di donne in più senza contraccettivi, portando a 15 milioni di gravidanze non pianificate» aveva detto in una intervista concessa a La Stampa e ad altri due giornali internazionali.

 

Il tema della sovrappopolazione sta da decenni nel cuore a Bill e Melinda, e non per anni non parlavano d’altro. Poi sono arrivati i vaccini, e si sono concentrati su quelli, ma senza  dimenticare di finanziare enti abortisti come Planned Parenthood, nel cui board serviva il padre di Bill Gates: alla «pianificazione famigliare» i Gates nel 2021 hanno donato la cifra di 2,1 miliardi di dollari.

 

Se i Gates sino a qualche lustro fa  non parlavano d’altro che di riduzione della popolazione – magari a cene organizzate con i Rockefeller e i Soros, come ricordato da Renovatio 21 – risulta difficile credere che la vecchia idea non sia in qualche modo implicata nella loro nuova crociate miliardaria per la vaccinazione universale.

 

Il divorzio, è stato ipotizzato, potrebbe essere stato provocato anche dal non ancora chiaro rapporto tra Bill e il pedofilo sedicente finanziere (ma quasi sicuramente asset di qualche servizio segreto) Jeffrey Epstein.

 

Come visto in una recente intervista TV, nominare Epstein è qualcosa che imbarazza ancora molto il Bill.

 

 

Due anni fa, ad inizio pandemia, in molte trasmissioni televisive Melinda appariva collegata da casa, ma senza far sentire allo spettatore che la magione dei Gates è valutata 140 milioni di dollari. In TV Melinda aveva dichiarato che avevano fatto scorte di cibo in previsione della pandemia.

 

 

Il peso della ex signora Gates non è, al pari di quello del marito, piccolo: ha accesso diretto ai potenti di tutto il mondo, anche perché forse non sono più potenti di lei.

 

Durante la quarantena mondiale Melinda aveva preso parte ad incontri internazionali con i leader dei Paesi europei, poi sfociati nel mastodontico  finanziamento pubblico pluriennale (287,5 milioni di euro) anche da parte del governo italiano al GAVI, l’alleanza per i vaccini creata dai Gates.

 

Le centinaia di milioni di euro del contribuente furono promessi dall’allora presidente del Consiglio Giuseppe Conte.

 

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Necrocultura

Il principe Carlo ha preso milioni dalla famiglia Bin Laden

Pubblicato

il

Da

Un rapporto rivela che il principe Carlo, erede al trono britannico, ha accettato il finanziamento dei suoi enti di beneficenza tramite una una donazione da 1 milione di sterline (1,19 milioni di euro) dalla famiglia di Osama bin Laden. Lo riporta la testata londinese Sunday Times.

 

Il Prince of Wales’s Charitable Fund ha ricevuto la donazione nel 2013 da parte di fratelli Bakr e Shafiq bin Laden, fratellastri di Osama bin Laden, fondatore di Al Qaeda e artefice degli attentati dell’11 settembre.

 

Il Sunday Times riferisce che il principe Carlo aveva mediato il pagamento dopo un incontro privato con Bakr bin Laden alla Clarence House di Londra il 30 ottobre 2013, due anni dopo l’uccisione di Osama bin Laden in Pakistan. Il giornale riportava anche che l’erede al trono aveva accettato di accettare la donazione nonostante le obiezioni vocali dei suoi stessi consiglieri, i quali avevano avvertito il principe dell’inevitabile contraccolpo se fosse venuto a sapere che la sua organizzazione di beneficenza aveva accettato denaro dalla famiglia dell’uomo che ha orchestrato gli attacchi terroristici che hanno ucciso quasi 3.000 persone, tra cui 67 britannici.

 

Clarence House, l’ufficio ufficiale e la residenza del principe, ha confermato che i fratelli bin Laden avevano donato i soldi all’ente di beneficenza reale, ma han contestato le notizie secondo cui il principe Carlo aveva mediato l’accordo o preso la decisione personalmente di accettarlo.

 

Non si tratta della prima volta in cui un potentato arabo innaffia di danaro le operazioni del Carlo. Lo Windsor aveva infatti accettato 3,1 milioni di dollari in donazioni in contanti da un miliardario del Qatar tra il 2011 e il 2015 , alcune delle quali sono state ricevute, personalmente, in una valigia e borse della spesa.

 

Non vi è alcuna prova che Bakr o Shafiq bin Laden abbiano sponsorizzato, sostenuto o siano stati coinvolti in atti di terrorismo – la famiglia Bin Laden è molto estesa, in quanto il capostipite Mohammed bin Laden (1908-1967), padre di Obama, ha avuto almeno 54 figli. L’uomo aveva iniziato come facchino per divenire il primo appaltatore d’Arabia e non solo, confidente e costruttore di fiducia, a quanto si tramanda, dei Saud, in particolare dell’emiro, poi divenuto Re, Faisal.

 

La potenza economica di Mohammed Bin Laden era tale che quando Faisal subentrò come Re al fratello Saud, chiese un aiuto finanziario per risollevare le sorti finanziarie del Paese proprio al Bin Laden, chbe si vide quindi assegnare tutti i possibili progetti edilizi del Paese. Bin Laden sr. morì in un incidente aereo.

 

I Bin Laden divennero noti come la «famiglia non reale più ricca del regno». Negli anni Settanta sono arrivati addirittura a sponsorizzare un team di Formula 1.

 

La famiglia ha ripudiato Osama nel 1994 quando l’Arabia Saudita gli ha privato della cittadinanza a causa delle sue attività estremiste.

 

Come noto, i membri della famiglia Bin Laden presenti su suolo USA durante i giorni dell’11 settembre furono gli unici esseri umani in grado di volare fuori dal Paese, su permesso speciale delle autorità americane.

 

Il Prince of Wales’s Charitable Fund, organizzazione creata nel 1979, sostiene che la sua missione è «trasformare vite e costruire comunità sostenibili assegnando sovvenzioni a un’ampia gamma di buone cause nell’ambito dei nostri principali temi di finanziamento: patrimonio e conservazione, istruzione, salute e benessere , inclusione sociale, ambiente e Paesaggio».

 

L’ente del principe del Galles finanziato dai Bin Laden fa parte dunque dei tanti progetti concreti di ambientalismo anti-umano tipici di tutte le generazioni degli Windsor, che dal principe Filippo (quello che voleva reincarnarsi in un virus per uccidere più popolazione possibile) arrivano fino a Guglielmo ed Enrico. Quest’ultimo, nonostante apparentemente sia in ribellione con la Real Casa, ha appena dato all’ONU un discorso eco-abortista piuttosto netto.

 

Gli Windsor, vero nome Coburgo-Gotha, sono una vera e propria «famiglia della morte», una dinastia votata alla Necrocultura più forsennata. Che prendano soldi dai Bin Laden non è nemmeno la cosa più grave.

 

I misteri di sangue che avvolgono la famiglia, da Diana in giù, sono ancora oscuri. Nel frattempo, tuttavia, sono riusciti a dire che la regina Elisabetta è discendente di Maometto.

 

Non è chiaro se questa scioccante rivelazione – specie considerando che, a causa della barzelletta anglicana, la regina è il capo della chiesa scismatica di Albione – possa essere un motivo dietro all’abbondante dazione binladenesca.

 

Crediamo di no.

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Oligarcato

L’oligarchia eurocratica in lutto per la caduta di Draghi. Cominciano le minacce?

Pubblicato

il

Da

È inutile nascondere che la caduta di Draghi, sia pure forse solo temporanea, sia un intoppo per l’establishment.

 

Chi sta piangendo per la caduta di Draghi, oltre ai vari capetti visibili dello Stato-partito?

 

Possiamo guardare anche all’estero. Il lutto scavalca le Alpi e si trasforma in minaccia.

 

Un articolo del quotidiano francese Le Monde racconta come il governo Draghi sia stato uno strumento per portare avanti l’agenda europea. Ora, con la caduta dell’ex padrone dell’Eurotorre di Francoforte, l’intera UE è a rischio.

 

«Destabilizzante per l’eurozona, la crisi politica italiana è destabilizzante anche per l’Unione», scrive Le Monde. Quella UE «che proprio in questo momento sta attuando uno storico piano di risanamento finanziato da un debito comune. La capacità di Mario Draghi di riformare lo Stato italiano e utilizzare i fondi europei per rilanciare l’economia è stata vista, soprattutto a Berlino, come una prova della validità di questa solidarietà europea».

 

La gazzetta francese non ha torto: ci siamo sempre chiesti, per esempio, come mai a capo della BCE i tedeschi avessero accettato Draghi: stavano cioè dando ad un italiano un ruolo in cui mai un tedesco dovrebbe volere una «cicala» della penisola. Ora magari capiamo meglio…

 

È tutto il triangolone principale dell’Unione Europea che sta tremando, quindi.

 

«Le sue dimissioni, in un momento in cui altri due pilastri dell’UE sono indeboliti – il cancelliere tedesco Olaf Scholz e il presidente francese Emmanuel Macron, il primo per le conseguenze dell’aggressione russa in Ucraina, il secondo per la perdita della maggioranza parlamentare – sono un grave shock per il consolidamento dell’Unione, della sua leadership e della sua coesione sulla scena internazionale».

 

Non manca, nel giornale parigino goscistoide, l’attacco al babau dell’eurooligarcato  atlantico, il presidente della Federazione Russa Vladimir Vladimirovic Putin.

 

«Lo scioglimento della coalizione di governo mette a nudo le estreme tensioni che l’Italia sta vivendo nei suoi rapporti con la Russia. Dopo aver imposto una ferma politica sanzionatoria a Mosca, Mario Draghi si è scontrato con le posizioni filo-russe dei suoi alleati, in particolare Lega e Forza Italia, e parte della comunità imprenditoriale».

 

Proprio così: come scritto su Renovatio 21, con Berlusconi, Salvini e il mondo imprenditoriale in crisi economica e financo energetica in cerca di un naturale rientro della questione russa, le elezioni italiane del 25 settembre si possono ridurre, in ogni caso, ad un referendum pro o contro Putin.

 

«Il possibile ritorno al potere, nel mezzo delle preoccupazioni per le riserve energetiche nel periodo che precede l’inverno, di queste formazioni che in passato sono state molto conformi a Vladimir Putin sarebbe uno sconvolgimento politico» nota Le Monde.

 

L’articolo si conclude con un appello alla UE «ad agire diplomaticamente per evitare questo scenario da incubo». Cosa questo significhi, non lo capiamo bene.

 

Si tratta di una minaccia?

 

Ricattare ulteriormente la politica italiana, come nel 2011 con lo spread per imporre Mario Monti e caterve di immigrati?

 

Significa attuare una costrizione sulla sovranità politica dell’Italia prima o dopo le elezioni?

 

 

 

 

Immagine di Universidad de Deusto via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 2.0 Generic (CC BY-NC-SA 2.0); immagine modificata

 

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Necrocultura

Il principe Enrico all’ONU fa un discorso a favore dell’aborto: un classico degli Windsor, vera famiglia della Morte

Pubblicato

il

Da

Il membro della famiglia reale britannica, il principe Enrico il Duca del Sussex, ha tenuto un discorso alle Nazioni Unite a New York lunedì per commemorare il cosiddetto Mandela Day.

 

Sul perché le Nazioni Unite facciano parlare il reale caduto in disgrazia (a causa dei dissidi tra la moglie talmente commoner da essere addirittura americana e la real casa) non abbiamo spiegazioni plausibili.

 

Il principe, noto per i suoi travestimenti carnevaleschi da gerarca nazista e per i dubbi sul suo padre biologico, ha divagato per una serie di temi politicamente corretti oppornusticamente rilanciati dallo scranno del Palazzo di vetro. Ecco che il principino parla di democrazia (senza che nessuno noti il controsenso), di cambiamento climatico, di disuguaglianza (ricordiamo: è sempre un principe a parlare) e di persone «vulnerabili» deluse dal sistema.

 

La persona e l’eredità di Nelson Mandela sono stati utilizzati da sua altezza il marito di Megan per rafforzare i suoi frusti e noiosi punti di discussione goscisti.

 

Quaggiù siamo impressionati che si citi il principale avversario dell’apartheid quando ne è stato globalmente istituita una – l’apartheid biotica – mille volte più infame, anche nel Regno Unito dell’Enrico, e pure nella California dove si è trasferito con la turbolenta consorte. Non ci risulta che i due abbiano detto nulla a riguardo.

 

Il Duca Enrico ha quindi dichiarato che bisogna «ascoltare il consiglio che Mandela una volta ha dato a suo figlio, di non rinunciare mai alla battaglia anche nell’ora più buia».

 

Pare chiaro che la battaglia nell’ora più buia, per il reale britannico, sia rappresentata dall’accesso all’aborto messo in discussione dalla Corte Suprema USA e dal cambiamento climatico.

 

Circa a metà del discorso, il roscio Duca ha rivelato il vero cuore delle sue intenzioni e come intendeva usare l’eredità di Mandela per promuovere la sua agenda.

 

In circa 40 secondi è passato da «una pandemia che continua a devastare» il mondo, a «i cambiamenti climatici che devastano il nostro pianeta” e, infine, il “ritorno dei diritti costituzionali» negli Stati Uniti che costituisce «un assalto globale al democrazia».

 

Con questo, il rosso sta ovviamente sottolineando il ribaltamento della sentenza Roe v. Wade, con cui la Corte Suprema americana ha tolto all’uccisione dei feti la copertura costituzionale.

 

Insomma, il principino propala Cultura della Morte, dall’alto del Palazzo dell’ONU.

 

Solo chi non conosce veramente la famiglia britannica si può stupire.

 

Nel 1967, fu sua nonna, la regina Elisabetta che diede l’«assenso reale» all’Abortion Act che approvava l’aborto in Inghilterra fino alla 28ª settimana di gestazione.

 

Da allora, il Regno degli Windsor ha trucidato oltre 10 milioni di bambini non nati.

 

Bisogna, ulteriormente ricordare suo marito il principe Filippo, nonno dell’Enrico, morto da poco. Iniziato alla Massoneria nel 1952, onorando una promessa fatta al defunto re, si dice che non fosse un libero muratore davvero devoto per quanto riguarda la sua partecipazione, tuttavia, la sua visione del mondo rifletteva ciò che i massoni hanno creduto a lungo.

 

La Massoneria offre una «religione naturalistica e universale», vale a dire una visione del mondo che consente un Creatore divino, ma che poi vede il mondo attraverso una lente più naturalista o materialista. Questo tipo di visione del mondo facilita un tipo di panteismo naturale in cui non esiste una chiara distinzione tra il valore di una persona umana e il mondo naturale.

 

Da questa radice filosofica possiamo cominciare a comprendere come negli anni Sessanta e Settanta il principe Filippo iniziò a esternare il suo ardore nei confronti del «problema ambientale».

 

Nel 1972 il Filippo parlò della sua preoccupazione per una «catastrofe» all’orizzonte, causata, diceva da «sovrappopolazione, inquinamento ambientale» e altro ancora.

 

Quindi, nel 1988, il Filippo rilasciò la famosa dichiarazione sulla reincarnazione, dicendo che una volta morto avrebbe desiderato tornare sulla terra incarnato in un «virus mortale per contribuire a risolvere la sovrappopolazione».

 

Tali tendenze antiumane, evidenti nei discorsi di Filippo e nelle attività della Regina Elisabetta, sono state trasmesse geneticamente alla discendenza.

 

Carlo, il principe di Galles, acceso ambientalista che partecipa a tutti i simposi internazionali sul clima, ha dichiarato «l’atteggiamento tradizionale nei confronti della natura sacra della vita» è responsabile della sovrappopolazione e, a meno che non si accetti il controllo delle nascite, il «pianeta povero» non lo farà essere in grado di «sostenerci tutti».

 

Il figlio maggiore di Carlo, il principe Guglielmo, Duca di  ha espresso le sue opinioni sul controllo della popolazione. In particolare nel 2017 e nel 2021 ha essenzialmente incolpato gli africani di avere troppi figli, ritenendo che così facendo avrebbero messo in pericolo la fauna selvatica del continente.

 

I commentatori hanno trovato questo ironico considerando che Guglielmo e sua moglie hanno tre figli, numero maggiore di quello che Charles ha avuto con Diana, la famosa madre di Guglielmo, la cui morte ancora emana un triste mistero.

 

Il principe Harry, tuttavia, non si illude che avere più di due figli sia accettabile. È profondamente preoccupato per «Madre Natura», avendo suggerito che la presunta pandemia fosse una risposta al trattarla male .

 

Nel 2019, parlando con la primatologa Jane Goodall, Harry ha detto che non avrebbe mai avuto più di due figli. «Due, massimo» disse entusiasta. Ha aggiunto che una specie «evoluta come tutti dovremmo essere» non dovrebbe essere così irresponsabile con la procreazione.

 

«Sembra che il principe Harry sia la prova che la famiglia reale britannica si è evoluta da un’istituzione monarchica cristiana in una esca della massoneria per il controllo della popolazione e l’allarmismo ambientale» ha scritto Kennedy Hall su Lifesitenews.

 

Renovatio 21 ritiene invece che la famiglia reale britannica mai sia stata cristiana – ricordando che proprio il trono di Londra è stato un fulcro di distruzione della Cristianità con lo scisma d’Occidente.

 

Fu in quel periodo, in ispecie in quello di Elisabetta I, che in Albione si gettarono le basi per un nuovo corso storico del Regno, basi che erano giocoforza l’antitesi di quelle che costituivano l’Europa cristiana da cui si volevano separare per sempre.

 

Il risultato, fu un imperialismo genocida e l’istituzione di un Regno incline, più che a Cristo, alla Cultura della Morte. I numerosi casi che continuano ad arrivarci dagli ospedali britannici stanno a dimostrarlo. Il lettore di Renovatio 21 lo sa.

 

Ecco la nascita dell’utilitarismo, che altro non è se non la filosofia del sacrificio del più debole per il godimento del più forte – in sé, concetto sommamente massonico, che vede il non-iniziato sottomesso all’iniziato. Ciò ha le implicazioni statuali e sanitarie spaventose che vediamo oggi. Pensate ad Alfie, al suo «best interest», ai giudici parrucconi che lo hanno messo a morte, a tutto l’orrore britannico che sta dietro alla sua condanna.

 

Gli Windsor, che in realtà sono tedeschi e si chiamano Coburgo-Gotha, sono arrivati dopo, ma sedutosi sul trono inglese hanno portato avanti e perfezionato la leadership reale nella Necrocultura globale.

 

Gli Windsor, come i Rockefeller e negli ultimi anni i Gates, sono una vera «famiglia della Morte» che regna gli ultimi secoli, troneggiando sul sangue di milioni di innocenti sacrificati al loro impero del niente.

 

 

 

 

 

Immagine screenshot da YouTube

 

 

Continua a leggere

Più popolari