Connettiti con Renovato 21

Oligarcato

Bill Gates e Anthony Fauci: una partnership «formidabile e nefasta»

Pubblicato

il

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense.

 

 

Bill Gates e il dottor Anthony Fauci hanno creato una formidabile partnership pubblico-privato che esercita un potere incredibile sul pubblico americano e sulle politiche sanitarie e alimentari globali.

 

 

 

Bill Gates e Anthony Fauci sono diventati nomi familiari negli Stati Uniti, la loro reputazione in gran parte genuina è protetta da una stampa fortemente prevenuta.

 

Meno nota è la profonda collaborazione tra i due, il cui culmine ha creato una formidabile partnership pubblico-privato che esercita un potere incredibile sul pubblico americano, insieme alle politiche alimentari e sanitarie globali.

 

Puoi leggere tutti i dettagli nel libro bestseller di Robert F. Kennedy, Jr. , The Real Anthony Fauci, che contiene più di 2.200 note a piè di pagina a sostegno dei suoi dati. Espone la connessione tra Gates e Fauci , così come il modo in cui Gates ha modellato la sua ascesa al controllo dopo l’impero di John Rockefeller.

Bill Gates e Anthony Fauci hanno creato una formidabile partnership pubblico-privato che esercita un potere incredibile sul pubblico americano, insieme alle politiche alimentari e sanitarie globali

 

Nel 1913, Rockefeller creò la Rockefeller Foundation, che è in gran parte responsabile della creazione del paradigma medico controllato da Big Pharma che esiste oggi.

 

La fondazione ha impregnato la sua filosofia, i suoi precetti e le sue ideologie nell’Organizzazione della Sanità della Società delle Nazioni, che si è trasformata nell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS).

 

Ora, Gates contribuisce all’Organizzazione mondiale della sanità attraverso molteplici vie, tra cui la Bill & Melinda Gates Foundation (BMGF) e la Global Alliance for Vaccines and Immunizations (GAVI), fondata dalla Gates Foundation in collaborazione con l’OMS, la Banca mondiale e vari produttori di vaccini.

 

Insieme, questo rende Gates il finanziatore n. 1 dell’OMS.

 

 

Come Gates ha utilizzato il modello di business di Rockefeller

Ispirato dal modello di business di Rockefeller, Bill e Melinda Gates hanno donato 36 miliardi di dollari di azioni Microsoft al BMGF tra il 1994 e il 2018. Gates ha anche creato un’entità separata, Bill Gates Investments (BGI), che gestisce la sua ricchezza personale e il corpus della sua fondazione.

 

Ispirandosi al modello di business di Rockefeller, Bill e Melinda Gates hanno donato 36 miliardi di dollari di azioni Microsoft alla Bill & Melinda Gates Foundation (BMGF) tra il 1994 e il 2018

BGI investe prevalentemente in aziende multinazionali del settore alimentare, agricolo, farmaceutico, energetico, delle telecomunicazioni e tecnologiche con operazioni globali. Le leggi fiscali federali richiedono che la BMGF doni annualmente una parte delle sue attività di fondazione per qualificarsi per l’esenzione fiscale.

 

Gates mira strategicamente ai doni di beneficenza di BMGF per dargli il controllo delle agenzie sanitarie e agricole internazionali e dei media, consentendogli di dettare politiche sanitarie e alimentari globali in modo da aumentare la redditività delle grandi multinazionali in cui lui e la sua fondazione detengono importanti posizioni di investimento.

 

Come nel caso di Rockefeller, la cui ricchezza è cresciuta solo dopo che la sua Standard Oil Company è stata costretta a dividersi in 34 diverse società, le doti strategiche di Gates hanno solo ingrandito la sua ricchezza. Il patrimonio netto personale di Gates è cresciuto da 63 miliardi di dollari nel 2000 a 129,6 miliardi di dollari nel 2021, la sua ricchezza si è ampliata di 23 miliardi di dollari solo durante i blocchi del 2020.

 

 

In che modo Gates controlla l’OMS

In che modo un privato cittadino, non un funzionario eletto, ottiene così tanto controllo su un’agenzia sanitaria globale come l’OMS? Quando è stata fondata, l’OMS poteva decidere come distribuire i suoi contributi.

 

Ora, il 70% del suo budget è legato a progetti specifici, paesi o regioni, che sono dettati dai finanziatori. In quanto tali, le priorità di Gates sono la spina dorsale dell’OMS, e non è stata una coincidenza quando ha detto dell’OMS: «Le nostre priorità, sono le vostre priorità».

 

Gates ha anche creato Bill Gates Investments (BGI), che investe prevalentemente in aziende multinazionali del settore alimentare, agricolo, farmaceutico, energetico, delle telecomunicazioni e tecnologiche con operazioni globali

A partire dal 2018, i contributi cumulativi della Fondazione Gates e della GAVI hanno reso «Gates lo sponsor principale non ufficiale dell’OMS, anche prima che l’amministrazione Trump decidesse nel 2020 di tagliare tutto il suo sostegno all’organizzazione», secondo Kennedy.

 

«Inoltre, Gates invia anche finanziamenti all’OMS attraverso SAGE [Strategic Advisory Group of Experts] e UNICEF e Rotary International, portando i suoi contributi totali a oltre 1 miliardo di dollari».

 

Queste donazioni deducibili dalle tasse danno a Gates sia la leva che il controllo sulla politica sanitaria internazionale, “che dirige in gran parte per servire gli interessi di profitto dei suoi partner farmaceutici”.

 

Inoltre, «l’ossessione per i vaccini di Gate ha deviato i contributi del programma dell’OMS dalla riduzione della povertà, dalla nutrizione e dall’acqua pulita per far sì che il vaccino venga assunto come metrica preminente per la salute pubblica.

Gates prende di mira strategicamente i doni di beneficenza di BMGF per dargli il controllo delle agenzie sanitarie e agricole internazionali e dei media, permettendogli di dettare salute e cibo a livello globale

 

E Gates non ha paura di dare il suo peso, secondo Kennedy. «… La vastità dei contributi finanziari della sua fondazione ha reso Bill Gates un leader non ufficiale, anche se non eletto, dell’OMS». Il potere di Gates è cresciuto ulteriormente grazie alla sua collaborazione decennale con Fauci.

 

 

L’immenso potere di Fauci

Da soli, sia Gates che Fauci esercitano un potere immenso nei loro campi. Insieme, sono una forza formidabile, anche se sfortunatamente nefasta.

 

Come direttore del National Institute of Allergy and Infectious Diseases – parte del National Institutes of Health (NIH) degli Stati Uniti – «Fauci ha un budget di $ 6,1 miliardi che distribuisce a college e università per fare ricerca sui farmaci per varie malattie», afferma Kennedy. «Ha altri 1,7 miliardi di dollari che provengono dall’esercito per fare ricerche sulle armi biologiche».

 

È qui che risiede il potere di Fauci: nella sua capacità di finanziare, armare, pagare, mantenere e schierare efficacemente un grande e tentacolare esercito permanente. Il solo NIH controlla un budget annuale di 37 miliardi di dollari distribuito in oltre 50.000 sovvenzioni a sostegno di oltre 300.000 posizioni a livello globale nella ricerca medica.

 

Fauci e Gates si sono incontrati di persona, stringendosi la mano nel 2000 in un accordo per controllare ed espandere l’impresa globale dei vaccini

Le migliaia di medici, amministratori ospedalieri, funzionari sanitari e virologi di ricerca le cui posizioni, carriere e stipendi dipendono dai dollari dell’AIDS provenienti dal dottor Fauci, da Gates e dal Wellcome Trust (la versione britannica della Gates Foundation) sono gli ufficiali e i soldati in un esercito mercenario che funziona per difendere tutti i vaccini e le dossologie dell’HIV/AIDS del Dr. Fauci.

 

Insieme a Gates, Fauci aveva il potere di influenzare il finanziamento degli aiuti esteri statunitensi all’Africa per l’AIDS, dando la priorità a vaccini e farmaci anziché a nutrizione, servizi igienico-sanitari e sviluppo economico.

 

Eppure, Fauci e il suo team, finanziato da Gates, non hanno mai creato un vaccino per l’AIDS, nonostante abbiano sperperato miliardi di dollari e causato innumerevoli carneficine umane. Nel 2020, molti degli studi sui vaccini di Gates/Fauci contro l’HIV (virus dell’immunodeficienza umana) in Africa sono diventati improvvisamente studi sui vaccini per il COVID-19.

 

L’HIV ha fornito a Gates e Fauci una testa di ponte in Africa per il loro nuovo marchio di colonialismo medico e un veicolo per i partner per costruire e mantenere una potente rete globale

Come spiegato nel libro di Kennedy, l’HIV ha fornito a Gates e Fauci una testa di ponte in Africa per il loro nuovo marchio di colonialismo medico e un veicolo per i partner per costruire e mantenere una potente rete globale che includeva capi di stato, ministri della salute, regolatori sanitari internazionali , l’OMS, la Banca mondiale, il Forum economico mondiale, i leader chiave del settore finanziario e i funzionari militari che hanno servito come centro di comando del fiorente Apparato di biosicurezza.

 

I loro fanti erano l’esercito di virologi in prima linea, vaccinologi, medici e amministratori ospedalieri che facevano affidamento sulla loro generosità e agivano come commissari ideologici basati sulla comunità di questa crociata.

 

 

Fauci «entusiasta» della partnership COVID con Gates 

Il 1 aprile 2020, Fauci ha parlato al telefono con Gates, secondo le e-mail rilasciate nel 2021. Fauci ha fatto riferimento alla telefonata in un’e-mail a Emilio Emini, il direttore del programma per la tubercolosi e l’HIV della Fondazione Gates, affermando: «Come avevo menzionato a Bill ieri sera, sono entusiasta di muovermi verso un approccio collaborativo e, si spera, sinergico al COVID-19».

 

L’e-mail faceva parte di 3.000 e-mail ottenute tramite una richiesta di registri pubblici del Freedom of Information Act da parte dell’Informed Consent Action Network. Nonostante non abbia una laurea in medicina, Gates ha avuto accesso diretto ai massimi funzionari sanitari del governo, che lo considerano un’autorità sanitaria pubblica.

 

A giugno, il Daily Mail ha riportato :

 

«La Gates Foundation ha impegnato almeno 1,75 miliardi di dollari per lo sforzo globale per combattere la pandemia, una somma che ha aperto le porte ai più alti livelli di governo. Dopo la telefonata di Fauci con Gates, il dirigente della Fondazione Gates, Emini, gli ha inviato un’e-mail chiedendogli “come possiamo coordinare e informare reciprocamente le attività dell’altro”».

 

«”C’è un’ovvia necessità di coordinamento tra i vari finanziatori primari o l’attenzione che dobbiamo avere dato lo stato della pandemia andrà persa attraverso attività non coordinate», ha scritto Emini.

 

Fauci ha anche affermato che avrebbe facilitato una chiamata tra Emini e la Biomedical Advanced Research and Development Authority (BARDA), che fornisce finanziamenti per lo sviluppo di vaccini e farmaci, promuovendo «lo sviluppo avanzato di contromisure mediche per proteggere gli americani e rispondere alle minacce alla sicurezza sanitaria del 21° secolo».

 

Continua il Daily Mail:

 

«La Fondazione Gates con BARDA ha portato ad almeno un progetto di finanziamento congiunto. Nel giugno 2020, Evidation Health ha annunciato che BARDA e la Gates Foundation stavano finanziando uno sforzo per “sviluppare un algoritmo di allerta precoce per rilevare i sintomi di COVID-19″».

 

«Non è chiaro se il sistema di allerta sia mai stato lanciato ed Evidation non ha rilasciato ulteriori dichiarazioni sul progetto dopo l’annuncio iniziale. Altre e-mail rilasciate … chiariscono che la Gates Foundation è rimasta attivamente coinvolta nella risposta alla pandemia del NIH».

La partnership Fauci-Gates ha portato a un aumento di 1 miliardo di dollari di finanziamenti per i programmi di vaccinazione globali di Gates, anche se il budget NIH stesso ha registrato una scarsa crescita

 

La partnership Fauci-Gates ha portato a un aumento di 1 miliardo di dollari di finanziamenti per i programmi di vaccinazione globali di Gates, anche se il budget NIH stesso ha registrato una scarsa crescita.

 

Molto prima della telefonata dell’aprile 2021, tuttavia, il libro di Kennedy rivela che Fauci e Gates si sono incontrati di persona, stringendo la mano nel 2000 in un accordo per controllare ed espandere l’impresa globale dei vaccini.

 

 

Perché non ne hai sentito parlare prima?

Quando sei una delle persone più ricche del mondo, puoi acquistare praticamente tutto ciò che vuoi, incluso il controllo dei media in modo che stampi solo una stampa favorevole. Se hai abbastanza soldi – e Gates ne ha certamente – puoi anche convincere le principali società di media come ViacomCBS, che gestisce MTV, VH1, Nickelodeon e BET, tra le altre, a inserire i tuoi PSA approvati nella loro programmazione – e la Bill and Melinda Gates Foundation lo ha fatto.

 

Attraverso oltre 30.000 sovvenzioni, Gates ha contribuito con almeno 319 milioni di dollari ai media , ha rivelato Alan MacLeod, uno scrittore senior di MintPress News.

 

Dalle associazioni della stampa e del giornalismo alla formazione giornalistica, Gates è un custode generale della stampa , il che rende virtualmente impossibile un vero resoconto obiettivo relativo a Gates stesso o alle sue numerose iniziative.

 

Parlando con MintPress News, Linsey McGoey, professore di sociologia all’Università dell’Essex, nel Regno Unito, ha spiegato che la filantropia di Gates ha un prezzo:

 

«La filantropia può ed è utilizzata deliberatamente per distogliere l’attenzione dalle diverse forme di sfruttamento economico che oggi sono alla base della disuguaglianza globale»

«La filantropia può ed è utilizzata deliberatamente per distogliere l’attenzione dalle diverse forme di sfruttamento economico che oggi sono alla base della disuguaglianza globale».

 

«Il nuovo “filantrocapitalismo” minaccia la democrazia aumentando il potere del settore aziendale a scapito delle organizzazioni del settore pubblico, che devono far fronte sempre più a restrizioni di bilancio, in parte remunerando eccessivamente le organizzazioni a scopo di lucro per fornire servizi pubblici che potrebbero essere forniti a un prezzo più basso senza il coinvolgimento del settore privato».

 

È un sentimento a cui ha fatto eco Kennedy, che crede che Fauci e Gates dovrebbero essere indagati per atti criminali. In un’intervista, ha affermato che i miliardari sono in collusione con i media, le società e i politici per aumentare la loro enorme ricchezza:

 

«La strategia produttiva più importante o il grande discorso intorno agli oligarchi e alle agenzie di Intelligence e alle aziende farmaceutiche che stanno cercando di impoverirci e cancellare la democrazia, la loro strategia è creare paura e divisione».

«La strategia produttiva più importante o il grande discorso intorno agli oligarchi e alle agenzie di Intelligence e alle aziende farmaceutiche che stanno cercando di impoverirci e cancellare la democrazia, la loro strategia è creare paura e divisione»

 

«Quindi orchestra la paura, dividi i repubblicani dai democratici e i neri dai bianchi e ottieni molte lotte interne in modo che nessuno si accorga che stanno guadagnando miliardi e miliardi, mentre impoveriscono il resto di noi ed eseguono la demolizione controllata della democrazia costituzionale americana».

 

Per maggiori dettagli su come l’alleanza Fauci-Gates-Pharma sta portando avanti l’agenda del controllo totalitario, usando un potere insondabile e l’avidità – il tutto sotto le spoglie di una pandemia– leggi The Real Anthony Fauci: Bill Gates, Big Pharma, and the Global War on Democracy and Public Health.

 

 

Joseph Mercola

 

 

 

Pubblicato originariamente da Mercola .

 

 

© 17 dicembre 2021, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Immagine di NIH via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-NonCommercial 2.0 Generic (CC BY-NC 2.0); immagine modificata

Intelligenza Artificiale

Davos, Soros ammette: il COVID ha «legittimato strumenti di controllo» di «regimi repressivi»

Pubblicato

il

Da

Lo speculatore finanziario globale George Soros ha dichiarato ieri a Davos che il COVID-19 ha aiutato a «legittimare» i metodi di controllo abilitati dall’Intelligenza Artificiale (AI).

 

Il grande finanziatore della dissoluzione degli Stati ha fatto questi commenti durante al al vertice annuale di Davos del World Economic Forum (WEF) del 2022. Sorprendentemente, il miliardario mondialista ha toccato un tema per lui piuttosto nuovo come il pericolo che l’IA rappresenta per le società libere.

 

Soros ha dichiarato che «i regimi repressivi sono ora in ascesa e le società aperte sono sotto assedio» e ha indicato i Paesi che secondo lui rappresentano «la più grande minaccia per la società aperta» oggi: Cina e Russia.

 

«Ho riflettuto a lungo e duramente sul perché sarebbe dovuto accadere. Ho trovato parte della risposta nel rapido sviluppo della tecnologia digitale, in particolare dell’Intelligenza Artificiale» ha detto il Soros.

 

 

«In teoria, l’IA dovrebbe essere politicamente neutrale: può essere usata nel bene o nel male. Ma in pratica l’effetto è asimmetrico. L’IA è particolarmente brava a produrre strumenti di controllo che aiutano i regimi repressivi e mettono in pericolo le società aperte», ha proseguito, aggiungendo oscuramente che «il COVID-19 ha anche aiutato a legittimare gli strumenti di controllo perché sono davvero utili per affrontare il virus».

 

Tali commenti di Soros arrivano dopo gli attacchi che negli anni scorsi ha portato a piattaforme come Facebook, che di fatto rappresentano nuovi complessi di potere che sfuggono ai suoi schemi abituali, quelli per cui si può far collassare un Paese con uso di agenti che diffondano la cultura liberale e l’aperta ribellione al governo per poi vendere gli asset della Nazione in uno spezzatino finanziario a Wall Street o a Londra.

 

I commenti di Soros sul COVID come booster dei «regimi repressivi» non è da credere neanche per un secondo: lo stesso Soros ha promosso la restrizione delle libertà in nome del COVID-19 e di altre cause sociali attraverso la sua rete Open Society Foundations. Lo scorso settembre, l’American Civil Liberties Union (ACLU), che ha ricevuto oltre 37 milioni di dollari da Soros solo tra il 2000 e il 2014, ha affermato che le iniezioni obbligatorie di COVID «aumenteranno le libertà civili».

 

L’obbiettivo qui è decisamente un altro.

 

Come riportato da Renovatio 21, di recente un Soros oramai vecchio e stanco si è fatto riprendere in video in una minaccia a Xi Jinping: il suo obbiettivo è ora la Cina, la seconda economia mondiale, di cui vuole decapitare l’attuale dirigenza. Il vecchio anche a Davos torna ad attaccare Xi per la politica zero-COVID e per il lockdown di Shanghai.

 

Della faida cinese in cui è coinvolto Soros con il mega-fondo trilionario Blackrock abbiamo pure scritto.

 

Il finanzierie oramai anzianissimo tenta quindi di contrapporre all’occidente l’intero blocco cinese e russo: e sappiamo come Vladimir Putin sia sempre stato considerato da lui l’«avversario geopolitico dell’Europa», nonché probabilmente l’uomo che ha impedito ai suoi progetti di mettere radici in Russia.

 

Ecco quindi il commento apocalittico sulla guerra in corso, per cui: «l’invasione potrebbe essere stata l’inizio della terza guerra mondiale e la nostra civiltà potrebbe non sopravvivere».

 

In questo momento, le fondazioni di Soros stanno finanziando direttamente gli ucraini. Durante le rivolte BLM negli USA del 2020 il Soros però ammise di non essere lui il responsabile.

 

La realtà è che il vecchio George oramai non riconosce più la scacchiera della quale, un tempo, era maestro: come disse qualcuno, era «l’unica persona al mondo con una sua politica estera».

 

Il mondo è cambiato: computer, reti, virus, pandemie, Intelligenze Artificiali. Il mondo di Soros, fatto di miliardi e di golpe, è decisamene antico, analogico.

 

La vera figura di potere, oggi, è quella di un suo amico, Bill Gates.

 

Sulla sostanziale differenza tra Gates e Soros, Renovatio 21 ha scritto qualcosa di dettagliato due anni fa.

 

Ricordiamo infine come Soros nel suo atteso speech abbia citato non solo Draghi, lodandolo, ma anche Enrico Letta e la sua riforma per un’Europa «parzialmente federata».

 

Nel caso vi potesse sfuggire da che parte sta Giorgio anche nel nostro Paese (sempre ricordando che egli fu uno dei primi tesserati di un Partito Italiano, la Rosa nel Pugno).

 

 

 

Immagine screenshot da YouTube

 

Continua a leggere

Oligarcato

Davos, giornalista arrestato dalla «polizia» del WEF

Pubblicato

il

Da

Jack Posobiec, giornalista e influencer conservatore americano è stato fermato assieme alla sua troupe da uomini armati a Davos, in Svizzera, dove si sta svolgendo l’annuale World Economic Forum di Klaus Schwab, il guru del Grande Reset.

 

Gli uomini che hanno brevemente fermato Posobiec, già veterano dell’Intelligence della Marina USA, erano all’apparenza agenti regolari svizzeri, ma con una mostrina specifica recante la scritta «World Economic Forum Police» e con tanto di araldo fatto da due caproni scornantisi.

 

Gli uomini erano pesantemente armati – armi automatiche, manganelli – e determinati.

 

 


Posobiec ha ricostruito l’evento nello show del commentatore americano Glenn Beck, dicendo che ad un primo controllo delle credenziali non era successo nulla. Poi, una volta che la troupe si era spostata in un locale per rifocillarsi, ecco che arrivano delle camionette da cui scendono quelle che Posobiec definisce «unità di risposta rapida» della Polizia WEF.

 

Da notare anche la presenza di una agente in borghese che chiede di eliminare i filmati dell’arresto, e che dichiaro che se c’è un’operazione del genere «c’è una ragione».

 

La situazione ha richiamato l’attenzione di altre persone, compresa un’altra giornalista americana. Il possibile parapiglia mediatico potrebbe aver fatto desistere le «forze di pronto intervento» WEF, che sono quindi andate via, senza tuttavia aver specificato perché avessero fermato proprio Posobiec, popolare figura antiglobalista.

 

Poco prima, il profilo Twitter del WEF aveva bloccato il Posobiec.

 


Ovviamente, sono già partiti i fact-checker per spiegare che il WEF non dispone di una forza di polizia.

 

Parimenti, è già partito lo sforzo di Google per censurare il piccolo contrattempo.

 


Come sanno i nostri lettori, i fondatori di Google Sergej Brin e Larry Page sono stati allievi del potente programma WEF chiamato Young Global Leader, e Brin recentemente è salito sul palco con lo Schwab per parlare dell’avvento di chip cerebrali e trasumanismo di massa.

 

 

Come riportato da Renovatio 21, la riunione dell’élite mondialista di Schwab a Davos è protetta da qualcosa come 5000 unità (un’esercito, in pratica) e una no-fly zone.

 

Tornano alla mente i concitati di quando, oramai un decennio fa, un europarlamentare italiano, Mario Borghezio, cercò di entrare nell’edificio dove si teneva la riunione del Bilderberg 2011, finendo gravemente malmenato dalla sicurezza.

 

«Sono stato assistito dalla polizia elvetica, ma il trattamento subito dalla sicurezza dell’incontro è stato brutale. Ho intenzione di presentare una denuncia» aveva detto il Borghezio all’agenzia di stampa ANSA.

 

«Il trattamento subito mi conferma che questa è una riunione molto importante, chiamata a prendere decisioni rilevanti senza alcun controllo popolare. È evidente che il club Bilderberg è una società segreta, come pensano in tanti, di cui meno si sa e meglio è».

 

Più tardi in giornata, Borghezio informava che «la polizia svizzera ci ha messi in stato di fermo e ci sta portando in caserma, e io ho il naso che sanguina».

 

A Posobiec è andata decisamente meglio. Forse grazie ai telefonini con videocamera onnipresenti?

 

 

Continua a leggere

Alimentazione

Carenza di latte in polvere, Bill Gates ha investito nel latte artificiale «umano»

Pubblicato

il

Da

Il «latte umano» prodotto in un laboratorio da una società sostenuta da Bill Gates potrebbe essere disponibile in tre o cinque anni. Lo riporta CNN Business.

 

BIOMILQ mira a creare cellule per la produzione di latte umano più o meno allo stesso modo in cui alcune aziende producono carne coltivata in laboratorio, che come sa il lettore di Renovatio 21 è un ulteriore investimento di Bill Gates.

 

La startup sta lavorando alla produzione di latte umano artificiale utilizzando tessuto mammario umano e latte donato da donne locali. Secondo quanto riportato, BIOMILQ deve ancora ottenere l’approvazione normativa che dimostri che il prodotto è sicuro per i bambini.

 

La società con sede nella Carolina del Nord ha ricevuto un investimento di 3,5 milioni di dollari da Breakthrough Energy Ventures, un fondo avviato da Bill Gates, secondo quanto riportato dal Times nel giugno 2020. I membri del consiglio di Breakthrough Energy includono il CEO di Amazon Jeff Bezos, Mark Zuckerberg di Facebook e il fondatore di Virgin Richard Branson.

 

La notizia, pubblicata dalla CNN come da varie testate internazionali come Al Arabya, ha fatto il giro della rete, lasciando le persone perplesse: proprio mentre si verifica in America una tragica carenza di latte in polvere, emerge anche stavolta la soluzione di Bill Gates?

 

Colpisce anche la presenza degli altri enormi nomi di Big Tech coinvolti nel fondo Venture Capital interessato.

 

Forse per questo, se provate a cercare la notizia su Google (magari con la semplice stringa «Gates+artificial+milk») otterrete come risultati in larga parte articoli di fact-checker che smentiscono l’idea che Bill Gates sia dietro anche alla carenza di latte in polvere negli Stati Uniti. In effetti, nessuno sosteneva una cosa del genere, e noi nemmeno ci avevamo pensato… ma allora perché tirare fuori l’argomento?

 

Semplice, è proprio il lavoro dei fact checker: si smentisce una menzogna grande nella speranza che la smentita si attacchi anche in una piccola verità. Che qui è il fatto innegabile che Gates, tra i tanti suoi pazzeschi investimenti tra il profetico e il distopico (vaccini, carne artificiale, terreni agricoli, OGM, geoingegneria solare, bioingegneria) ha proprio investito anche sul latte artificiale, che ora scarseggia pericolosamente nella prima economia mondiale.

 

Sullo sfondo, la crisi della filiera alimentare americana in toto, con l’enigmatico blocco governativo del trasporto dei fertilizzanti e i misteriosi incendi e incidenti che stanno sconvolgendo gli impianti di produzione…

 

Siamo davanti al sabotaggio dell’alimentazione umana – cioè alla reintroduzione della fame – nell’intento di sostituirla con un’alimentazione riprogrammata?

 

Si tratta del Grande Reset alimentare?

 

Continua a leggere

Più popolari