Connettiti con Renovato 21

Epidemie

Bill e Melinda Gates hanno fatto scorte di cibo in previsione di una pandemia

Pubblicato

il

 

 

Come vi abbiamo già scritto, molti tra le élite si stavano preparandosi per una crisi come questa.

 

I ricchi americani, specie quelli del settore tecnologico e dell’alta finanza, sono diventati prepper, survivalist: persone che si preparano a sopravvivere al collasso della Civiltà.

 

La cosa è nota e Renovatio 21 nel suo piccolo ha offerto la sua visione e i suoi consigli.

La famiglia Gates è una famiglia prepper. Con il vantaggio che dell’epidemia Bill e Melinda parlavano da anni non solo a cena

 

Tuttavia si rimane sbalorditi nell’apprendere che Bill e Melinda Gates hanno immagazzinato  cibo in anticipo riponendo le scorte «in cantina», come dei survivalisti apocalittici qualunque.

 

Insomma: la famiglia Gates è una famiglia prepper. Con il vantaggio che dell’epidemia Bill e Melinda parlavano da anni non solo a cena.

 

Lo apprendiamo da una recente intervista alla BBC.

«Assolutamente sì, abbiamo messo via il cibo nello scantinato in caso di bisogno»

 

 

L’intervistatrice dell’emmittente pubblica inglese ha davanti a sé Melinda, moglie di Bill Gates e cofondatrice della Fondazione che ha preso il centro della scena mondiale per la sua preveggenza della Pandemia e per i miliardi elargiti all’OMS e a enti di vaccinazione universale.

 

«Nei vostri termini, essendo Lei e Bill così famigliari con questa cosa, vi siete in qualche modo preparati? Sono rimasta colpita quando ho rivisto  il discorso di Bill del 2015, quando ha fatto roteare quel barile sul palco e ha detto: “Quando ero giovane, il nucleare era una specie di minaccia, tutti erano molto preoccupati per le bombe… e avevamo questa botte nel nostro seminterrato dove in caso saremmo dovuti andare a mangiare» 

 

«Abbiamo fatto un po ‘di preparazione, sì» dice Melinda Gates.

«Beh, un certo numero di anni fa ne abbiamo discusso: E se non ci fosse acqua pulita? E se non ci fosse più abbastanza cibo? Dove andremo, cosa faremo come famiglia?»

 

«Assolutamente sì, abbiamo messo via il cibo nello scantinato in caso di bisogno… Ora siamo tutti nella stessa situazione… non ci sono strumenti, non c’è niente che avremmo potuto fare  per preparare noi stessi, nessun farmaco o vaccino in particolare».

 

«Come fa una coppia come voi, che ha questa intuizione, come ti prepari?» chiede l’intervistatrice, citando i casi di acquisti nel panico nei supermercati del Regno Unito.

 

«Beh, un certo numero di anni fa ne abbiamo discusso: E se non ci fosse acqua pulita? E se non ci fosse più abbastanza cibo? Dove andremo, cosa faremo come famiglia?» risponde la signora Gates. «Ma lasciamo queste preparazioni
al nostro privato».

 

L’intervistatrice britannica le chiede se le mascherine resteranno per un po’.

 

La cofondatrice della Fondazione Gates aggiunge che la situazione potrebbe durare 18 mesi o forse due anni

«È molto probabile – risponde la moglie di Bill Gates – lo stiamo vedendo in Cina e Corea, la gente indossa le maschere in pubblico». Melinda quindi afferma che non solo lei indossa la mascherina all’aperto, ma anche i suoi figli.

 

La cofondatrice della Fondazione Gates aggiunge che la situazione potrebbe durare 18 mesi o forse due anni, senza specificare da chi ha preso quest’idea durissima, che sta molto circolando: un lockdown in qualche modo esteso sino al 2022, o oltre.

 

Una tempistica forse calcata sulle più rosee aspettative sulla produzione di vaccini autorizzati, anche se non mancano le fughe in avanti con molti, compresi il presidente Trump, a dichiarare che la siringa sarà pronta per l’autunno.

 

 

 

 

 

Immagine di World Economic Forum via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 2.0 Generic (CC BY 2.0)  Immagine modificata con filtro

Continua a leggere

Epidemie

Stalking vaccinale: donna inseguita ed additata da un uomo perché «non-vaccinata»

Pubblicato

il

Da

 

 

Uno strano video è recentemente divenuto virale in rete.

 

Il filmato mostra un uomo in mascherina mentre segue una donna in un negozio della catena americana Target. L’uomo indossa anche una spilla che presumibilmente testimonia la sua avvenuta vaccinazione.

 

L’inseguitore cerca dunque di svergognare la signora pubblicamente, accusandola di non essere stata vaccinata.

 

Alle proteste della signora, sempre più sconvolta, l’uomo punta il dito e risponde: «È una legge statale».

 

Parrebbe proprio un caso di stalking vaccinale, una nuova variante della violenza sulle donne che sembra però non interessare i media e la politica, recentemente ossessionati dal tema dei maschi prevaricatori.

 

«È il nostro lavoro come comunità riunirci e assicurarci che le persone si vergognino quando mettono a rischio il resto di noi», ripete l’uomo nel video, sostenendo di essere sposato ad una infettivologa (o infettivologo, non sappiamo).

 


Infine, l’uomo viene dissaso dal continuare nella molestia grazie all’intervento della guardia di sicurezza del negozio.

 

Come segnala Summit News, numerosi utenti su internet hanno ricordato la strana somiglianza (anche cromatica!) di questa scena reale con una del film L’invasione degli Ultracorpi.

 

 

Nel famoso film americano, che negli anni ha avuto diverse versioni, gli alieni sostituiscono gli umani e sono in gran parte indistinguibili a parte la loro ossessione per il conformismo.

 

In settimana Don Lemon, giornalista di punta delle CNN, ha dichiarato in TV che, al pari dei sostenitori di Trump, bisognerebbe  chiamare «stupidi» i non vaccinati, e pure i«niziare a svergognarli» in pubblico.

 

«Oppure, abbandonarli» ha detto con grande umanità Lemon parlando con il collega Chris Cuomo.

 

Detto, fatto.

Continua a leggere

Epidemie

Studio: quasi il 50% dei «ricoveri per COVID» 2021 sono stati casi lievi o asintomatici

Pubblicato

il

Da

 

 

Un recente studio mette in discussione quanto sia affidabile e significativo la statistica riguardo i «pazienti ricoverati in ospedale con COVID-19» negli Stati Uniti.

 

I ricoveri per COVID sono comunemente considerati come la metrica principale quando si discute della gravità della pandemia.

 

Si apprende che tali numeri potrebbero non essere così significativi: la rivista Atlantic ha pubblicato un pezzo straordinario martedì citando un nuovo studio che suggerisce «quasi la metà di quelli ricoverati in ospedale con COVID-19 è per casi lievi o asintomatici».

Lo studio ha rilevato che da marzo 2020 a gennaio 2021, il 36% dei casi di COVID in ospedale era lieve o asintomatico

 

L’Atlantic aveva precedentemente  definito i ricoveri per COVID «il numero pandemico più affidabile», lo scorso inverno.

 

Ora, dopo che è stato pubblicato uno studio nazionale sui registri di ospedalizzazione, la rivista sta aggiustando il tiro riguardo quest’idea.

 

I ricercatori della Harvard Medical School, del Tufts Medical Center e del Veterans Affairs Healthcare System si sono assunti il ​​compito di cercare di capire quanto fossero gravi i casi di COVID nei ricoverati e quante persone conteggiate come ricoveri COVID fossero effettivamente in ospedale per COVID, rispetto al fare il test per il COVID dopo essere stato ricoverato per qualcos’altro.

 

Lo studio «ha analizzato i registri elettronici per quasi 50.000 ricoveri ospedalieri COVID negli oltre 100 ospedali VA in tutto il paese», scrive The Atlantic.

 

Lo studio ha «verificato se ogni paziente necessitava di ossigeno supplementare o aveva un livello di ossigeno nel sangue inferiore al 94%» per cercare di determinare se i casi soddisfacessero la soglia del NIH per la definizione di «COVID grave».

 

«Lo studio suggerisce che circa la metà di tutti i pazienti ricoverati che sono stati presentati sui cruscotti dei dati COVID nel 2021 potrebbe essere stata ricoverata per un altro motivo completamente o avere solo una presentazione lieve della malattia»

Lo studio ha rilevato che da marzo 2020 a gennaio 2021, il 36% dei casi di COVID in ospedale era lieve o asintomatico.

 

Da gennaio 2021 a giugno 2021, durante la diffusione della variante Delta, tale numero è salito fino al 48%. Per i pazienti ospedalieri vaccinati, il numero è salito a un sorprendente 57%.

 

«Lo studio suggerisce che circa la metà di tutti i pazienti ricoverati che sono stati presentati sui cruscotti dei dati COVID nel 2021 potrebbe essere stata ricoverata per un altro motivo completamente o avere solo una presentazione lieve della malattia» scrive The Atlantic.

 

«Lo studio dimostra anche che i tassi di ospedalizzazione per COVID, come quelli citati da giornalisti e responsabili politici, possono essere fuorvianti, se non considerati con attenzione»

«Lo studio dimostra anche che i tassi di ospedalizzazione per COVID, come quelli citati da giornalisti e responsabili politici, possono essere fuorvianti, se non considerati con attenzione».

 

The Atlantic è una rivista fondata nel 1857 da personaggi del calibro di Ralph Waldo Emerson. Negli anni ha espresso i suoi endorsement per candidati democratici come Lyndon Johnson e Hillary Clinton. Pochi anni fa il giornale chiese l’impeachment del presidente Donald Trump.

 

C’è speranza.

Continua a leggere

Epidemie

Per la Danimarca il COVID non è più una «malattia socialmente critica»

Pubblicato

il

Da

 

 

La Danimarca non considererà più il COVID-19 una «malattia socialmente critica». Di conseguenza, Copenhagen bbatterà tutte le restrizioni pandemiche a partire dal 10 settembre. Lo riporta il New York Times.

 

Magnus Heunicke, ministro della Salute del governo espresso dal partito socialdemocratico, aveva scritto su Twitter la scorsa settimana che il paese ha raggiunto la percentuale di vaccinazione a ciclo completo  dell’80% dei cittadini residenti di età superiore ai 12 anni.

 

 

Il giorno dopo, sempre sul social media, ha annunciato che sarebbero state rimosse tutte le limitazioni scattate con la pandemia.

 

«È la buona gestione dell’epidemia danese che lo rende possibile e voglio ringraziare tutti coloro che sono coinvolti per un lavoro gigantesco».

 

La designazione di «malattia socialmente critica» è politica e ha permesso ai funzionari danesi di attuare misure come chiusure nazionali e requisiti per i pass per il coronavirus

La designazione di «malattia socialmente critica» è politica e ha permesso ai funzionari danesi di attuare misure come chiusure nazionali e requisiti per i pass per il coronavirus.

 

Il ministro Heunicke ha affermato che a partire dal 10 settembre il paese eliminerà gradualmente l’ultima delle sue “importanti restrizioni”, incluso il dover mostrare i pass per il coronavirus nei locali notturni e negli eventi sportivi, secondo il Jyllands-Posten, il quotidiano danese divenuto famoso per la questione delle vignette considerate blasfeme dall’Islam.

 

Tuttavia, l’Heunicke ha anche dichiarato che se la situazione cambia, il governo non esiterà a intervenire.

 

Come riportato da Renovatio 21, la Danimarca è stata tra i primi Paesi a muoversi verso il passaporto vaccinale, e al contempo tra le prime piazze dove si sono svolte proteste massive contro di esso.

 

In un balzo in avanti insensato e preoccupante, l’obbligo vaccinale era stato proposto in Danimarca ancora l’anno scorso, mesi e mesi prima che esistesse il primo vaccino anti-COVID.

 

Questo sito ha segnalato pure altri grotteschi e boccacceschi episodi prodottisi in Danimarca a fine lockdown.

 

Il Paese è salito agli onori delle cronache per un programma TV dove gli adulti si spogliano dinanzi ai bambini e per la proposta del Consiglio di Etica nazionale di legalizzare il cambio di sesso per i bambini di 10 anni.

Continua a leggere

Più popolari