Connettiti con Renovato 21

Oligarcato

Il capo del programma spaziale russo contro gli «oligarchi miliardari»

Pubblicato

il

 

 

 

 

Dmitry  Rogozin, il capo dell’agenzia spaziale russa ROSCOMOS, si è congratulato con il CEO di Virgin Galactic Richard Branson dopo il suo successo del suo volo suborbitale della scorsa domenica.

 

Su Twitter, Rogozin ha definito il volo di Branson una pietra miliare nei viaggi spaziali.

 

Il capo dell’agenzia spaziale russa è persino arrivato a condannare gli «oligarchi miliardari» russi, dicendo che preferirebbero spendere soldi per gli yacht piuttosto che per lo sviluppo di veicoli spaziali

In un tweet successivo , è persino arrivato a condannare gli «oligarchi miliardari» russi, dicendo che preferirebbero spendere soldi per gli yacht piuttosto che per lo sviluppo di veicoli spaziali.

 

La rivelazione di tale sentimento ha suscitato una reazione dal CEO di SpaceX Elon Musk, che ha risposto con un paio di emoji che battono le mani.

 

«È stato un complimento ambiguo, poiché Rogozin ha anche sottolineato che il volo suborbitale – Branson tecnicamente non ha raggiunto lo spazio – “non ha nulla a che fare con l’astronautica professionale» scrive Futurism.

Rogozin in passato ha ripetutamente criticato le ambizioni spaziali degli oligarchi americani, per esempio attaccando espressamente SpaceX di Elon Musk

 

Tuttavia, riporta Ars Technica, Rogozin in passato ha ripetutamente criticato le ambizioni spaziali degli oligarchi americani, per esempio attaccando espressamente SpaceX di Elon Musk.

 

Rogozin l’hanno scorso aveva dichiarato che la Russia «non aveva alcun interesse» a partecipare a uno sforzo congiunto con la NASA per riportare gli astronauti sulla Luna.

 

Il capo di ROSCOMOS era arrivato ad accusare gli Stati Uniti di aver sabotato il programma spaziale russo l’anno scorso dopo che l’amministrazione Trump ha fatto leva sulle sanzioni economiche contro una lunga lista di aziende russe e cinesi.

 

In realtà, è improbabile che la Russia rientri in maggiore collaborazione con enti spaziali occidentali, dal momento che Mosca sta portando avanti contemporaneamente i suoi piani per abbandonare la Stazione Spaziale Internazionale e lanciare al suo posto il proprio avamposto orbitale

Secondo Ars Technica, dietro all’improvviso commento bonario sui miliardari angloamericani vi sarebbe il fatto che ROSCOSMOS sta affrontando una grave crisi di budget mista a poco appetito politico da parte dello Stato russo per i grandi progetti di esplorazione spaziale.

 

Quindi, la NASA russa sta cercando una collaborazione con i privati americani votati allo spazio?

 

In realtà, è improbabile che la Russia rientri in maggiore collaborazione con enti spaziali occidentali, dal momento che Mosca sta portando avanti contemporaneamente i suoi piani per abbandonare la Stazione Spaziale Internazionale e lanciare al suo posto il proprio avamposto orbitale.

 

 

 

Continua a leggere

Oligarcato

Folla di persone testa la forza ondulatoria sull’auto di Bill Gates e ne chiede l’arresto

Pubblicato

il

Da

 

 

Bill Gates era in questi giorni a Londra per incontrare il premier britannico Boris Johnson e altri miliardari in una esclusiva cena a Downing Street 10, la tradizionale residenza del primo ministro d’Albione.

 

Alcuni cittadini si sono avvicinati all’auto del «filantropo» patron di Microsoft per, come direbbe il ministro dell’Interno italiano Lamorgese, testarne la forza ondulatoria.

 

 

I cori che chiedevano l’arresto del magnate informatico-vaccinale si sono sentiti praticamente ovunque il Gates abbia messo piede


 

I canti «Arrest Bill Gates» erano peraltro udibili anche nelle manifestazioni inglesi di qualche giorno fa.


Già nel 2020, in USA e in Australia la ripetizione di questo slogan era ben presente.

La cena tenuta a Downing Street, sul tema di una «Britannia Globale», prevedeva la presenza, oltre che del Gates, anche del CEO di JP Morgan Jamie Dimon. Erano presenti anche Stephen Schwarzman, co-fondatore della società di private equity Blackstone (che gestisce circa 650 miliardi di dollari), il CEO di Barclays Jes Staley e il presidente di Banco Santander (che avrebbe legami con l’Opus Dei) Ana Botin, secondo quanto riportato dal quotidiano Telegraph.

 

Sulle interessanti cene di Gates del passato – per esempio quelle con Rockefeller, Soros, Buffet nelle quali si parla di riduzione della popolazioneRenovatio 21 ha già scritto in passato.

 

Continua a leggere

Cina

La strana faida cinese di Soros e BlackRock

Pubblicato

il

Da

 

 

 

Renovatio 21 traduce questo articolo di William F. Engdahl.

 

 

Una bizzarra guerra di parole è scoppiata negli ultimi giorni sulle pagine dei media finanziari tra il miliardario hedge fund e specialista delle rivoluzioni colorate, George Soros, e il gigantesco gruppo di investimento BlackRock. Il problema è una decisione del CEO di BlackRock, Larry Fink, di aprire il primo fondo comune di investimento di proprietà straniera in Cina presumibilmente per attirare i risparmi della nuova (e in rapida scomparsa) popolazione cinese  a reddito medio. In una recente intervista a un quotidiano, Soros ha definito la decisione BlackRock una minaccia per gli investitori di BlackRock e per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti.

 

 

 

Questo apparentemente assurdo scontro di opinioni tra due giganti predatori finanziari di Wall Street nasconde una storia molto più ampia: l’incombente collasso sistemico all’interno della Cina di una piramide del debito finanziario che è forse la più grande al mondo.

 

Questo apparentemente assurdo scontro di opinioni tra due giganti predatori finanziari di Wall Street nasconde una storia molto più ampia: l’incombente collasso sistemico all’interno della Cina di una piramide del debito finanziario che è forse la più grande al mondo

Potrebbe avere un effetto domino sull’intera economia mondiale di gran lunga maggiore rispetto alla crisi di Lehman del settembre 2008.

 

 

«Terrorista economico globale…»

Il 6 settembre Soros ha scritto un editoriale ospite sul Wall Street Journal criticando aspramente BlackRock per aver investito in Cina:

 

«È un triste errore versare miliardi di dollari in Cina ora. È probabile che questo faccia perdere denaro ai clienti BlackRock e, cosa più importante, danneggi gli interessi di sicurezza nazionale degli Stati Uniti e di altre democrazie».

 

Soros che cita la sicurezza nazionale degli Stati Uniti… Ha continuato dicendo:

Potrebbe avere un effetto domino sull’intera economia mondiale di gran lunga maggiore rispetto alla crisi di Lehman del settembre 2008

 

«L’Iniziativa BlackRock minaccia gli interessi di sicurezza nazionale degli Stati Uniti e di altre democrazie perché il denaro investito in Cina aiuterà a far avanzare il regime del presidente Xi, che è repressivo in patria e aggressivo all’estero».

 

BlackRock ha emesso una risposta affermando:

 

«Gli Stati Uniti e la Cina hanno una relazione economica ampia e complessa… Attraverso la nostra attività di investimento, i gestori patrimoniali con sede negli Stati Uniti e altre istituzioni finanziarie contribuiscono all’interconnessione economica delle due maggiori economie del mondo».

 

In un momento in cui l’enorme edificio del debito delle banche cinesi e dei conglomerati immobiliari sta crollando quasi quotidianamente, la difesa di BlackRock e del CEO Fink difficilmente suona vera. Suggerisce che c’è molto di più dietro la relazione BlackRock-Cina e dietro l’attacco di Soros.

 

L’aspetto curioso delle accuse di Soros contro la trasparenza finanziaria di Pechino è che sono effettivamente corrette

Due giorni prima dell’editoriale di Soros sulla rivista, il Global Times ha scritto un articolo feroce definendo Soros un «terrorista economico globale». Una delle loro accuse era che i soldi di Soros avessero finanziato una «rivoluzione colorata» a Hong Kong nel 2019 contro le nuove leggi di Pechino che mettevano di fatto fine allo status di indipendenza dell’isola.

 

Tuttavia, il forte attacco a Soros è stato molto più probabilmente causato da un editoriale di Soros scritto sul Financial Times di Londra cinque giorni prima in cui ha attaccato duramente Xi Jinping e l’attuale giro di vite sulle società private cinesi come Alibaba e Ant Financial di Jack Ma.

 

In un editoriale del 30 agosto, Soros ha definito il giro di vite del presidente Xi Jinping sulle imprese private «un freno significativo per l’economia cinese» che «potrebbe portare a un crollo».

 

Ha inoltre sottolineato che i principali indici azionari occidentali come l’MSCI di MorganStanley e l’ESG Aware di BlackRock, hanno «efficacemente costretto centinaia di miliardi di dollari appartenenti a investitori statunitensi a società cinesi la cui governance aziendale non soddisfa gli standard richiesti – potere e responsabilità sono ora esercitati da un uomo (Xi) che non risponde ad alcuna autorità internazionale.allineato con le parti interessate».

 

Il gruppo immobiliare «più di valore» del mondo è anche il gruppo immobiliare più indebitato al mondo.

L’aspetto curioso delle accuse di Soros contro la trasparenza finanziaria di Pechino è che sono effettivamente corrette, sulla base delle dichiarazioni pubbliche dei regolatori cinesi, nonché dei manager e dei regolatori di Wall Street.

 

I mercati finanziari cinesi sono opachi e le regole cambiano in modo imprevedibile su chi viene salvato e chi no. Il crollo in corso dell’enorme gruppo immobiliare e finanziario cinese di Evergrande è solo un esempio recente dell’alto rischio di investire oggi in Cina.

 

Non così Evergrande

Il gruppo immobiliare «più di valore» del mondo è anche il gruppo immobiliare più indebitato al mondo.

 

Evergrande, con sede a Shenzhen, è in bilico da mesi sull’orlo della bancarotta poiché è inadempiente su un prestito dopo l’altro e le principali agenzie di rating del credito abbassano il suo rating allo status di spazzatura.

 

Il gruppo deve un totale di 305 miliardi di dollari e quel debito è sia offshore in prestiti in dollari sia in prestiti nazionali non regolamentati da quelli che vengono definiti WMP o prodotti di gestione patrimoniale.

 

Mentre le sue finanze implodono e le vendite di appartamenti unitari precipitano, decine di migliaia di potenziali proprietari di appartamenti sono minacciati di aver pagato per appartamenti non finiti. Ad oggi la banca centrale cinese non è intervenuta ma cresce la speculazione che manchi a giorni un salvataggio statale del gruppo per prevenire un contagio finanziario sistemico.

 

Ad agosto, lo stato ha costretto il proprio gruppo CITIC a salvare Huarong. Eppure è chiaro che questo è solo l’inizio di una crisi finanziaria a valanga in Cina

Ad agosto China Huarong Asset Management Co., una cosiddetta «bad bank» creata dal ministero delle Finanze per assumere beni di società cinesi in difficoltà, ha dovuto essere essa stessa salvata dallo Stato per impedire quella che molti temevano sarebbe stata la «Lehman della crisi cinese».

 

Huarong è una delle quattro società statali create sulla scia della crisi finanziaria asiatica del 1998 per gestire le attività di società statali in bancarotta. Sebbene posseduta a maggioranza dal ministero delle finanze cinese, dal 2014 ha venduto azioni ad altri, tra cui Goldman Sachs e Warburg Pincus.

 

Dopo il 2014 Huarong è diventato un gigante finanziario non bancario e ha finanziato una crescita spettacolare attraverso il debito, che ha iniziato a dipanarsi nel 2020 durante la crisi del COVID.

 

Nel gennaio 2021 un tribunale cinese ha processato il presidente, Lai Xiaomin, che è stato condannato a morte senza grazia per corruzione, appropriazione indebita e bigamia, in una strano mazzo di accuse. La corte ha dichiarato: «Ha messo in pericolo la stabilità finanziaria [della Cina».

 

Quando il gruppo Huarong non è riuscito a pubblicare la sua relazione finanziaria annuale entro la scadenza di fine marzo, sono aumentati i timori di una reazione a catena di bancarotta poiché miliardi delle sue obbligazioni in dollari offshore erano a rischio.

 

Xi ha adottato sempre più misure per controllare la bolla immobiliare fuori controllo della Cina e la sua minaccia di una crisi sistemica come quella negli Stati Uniti nel 2008, istituendo misure per limitare i prestiti immobiliari

I debiti totali sono stati stimati a circa 209 miliardi di dollari. Secondo quanto riferito, invece di gestire in modo conservativo i beni in difficoltà, Lai ha utilizzato lo status di banca non bancaria del Ministero delle finanze statale per trattare di tutto, dal Private Equity alla speculazione immobiliare al commercio di obbligazioni spazzatura, prendendo in prestito miliardi selvaggiamente.

 

Ad agosto, lo stato ha costretto il proprio gruppo CITIC a salvare Huarong. Eppure è chiaro che questo è solo l’inizio di una crisi finanziaria a valanga in Cina.

 

 

Atterraggio di emergenza?

Per mesi il Politburo di Xi ha cercato, con crescente disperazione, di fermare la crescita di una colossale bolla finanziaria nel suo settore immobiliare.

 

All’inizio di quest’anno Xi ha emesso lo slogan «l’alloggio è per vivere, non per speculazione». Le sue mosse per congelare e sgonfiare lentamente l’enorme bolla immobiliare sono probabilmente troppo tardi. La costruzione e la vendita di immobili rappresentano la parte più grande del PIL cinese, oltre il 28% secondo le stime ufficiali. Pretendere che gli investimenti vadano ora in progetti «produttivi» e non speculazioni sui prezzi sempre in aumento degli immobili non è così facile.

 

Xi ha adottato sempre più misure per controllare la bolla immobiliare fuori controllo della Cina e la sua minaccia di una crisi sistemica come quella negli Stati Uniti nel 2008, istituendo misure per limitare i prestiti immobiliari.

 

Il problema è che Evergrande, Huarong, PingAn e altri grandi investitori immobiliari cinesi sono chiaramente solo i sintomi di un’economia che ha contratto debiti ben oltre ciò che era prudente

Secondo i dati cinesi, l’importo del finanziamento totale degli immobili è diminuito del 13% per la prima metà del 2021 rispetto al 2020. Allo stesso tempo, il debito dovuto dalle società immobiliari cinesi su obbligazioni e altri debiti è superiore a 1,3 trilioni di RMB o 200 miliardi di dollari. nel 2021 e quasi 1 trilione di RMB nel 2022.

 

Il settore immobiliare in appalto renderà sempre più impossibile un rimborso così grande e porterà senza dubbio a nuove insolvenze in tutta la Cina. Di recente Ping An, il più grande gruppo assicurativo cinese, anch’esso fortemente investito nel settore immobiliare, è stato costretto a accantonare 5,5 miliardi di dollari di accantonamenti per perdite sui prestiti relativi al suo investimento nel default, China Fortune Land Development Co.

 

Se fosse solo Evergrande a essere insolvente a causa di debiti non pagabili in un’economia in contrazione, le autorità cinesi potrebbero senza dubbio gestirlo in un modo o nell’altro chiedendo alle sue banche statali o a grandi gruppi come CITIC semplicemente di ingoiare i crediti inesigibili per contenere la diffusione della crisi .

 

Il problema è che Evergrande, Huarong, PingAn e altri grandi investitori immobiliari cinesi sono chiaramente solo i sintomi di un’economia che ha contratto debiti ben oltre ciò che era prudente.

 

Ad aprile il Consiglio di Stato del PCC di Pechino ha detto ai governi locali che i loro cosiddetti veicoli di finanziamento del governo locale con una stima (nessuno lo sa) di trilioni di dollari che avevano in prestiti bancari ombra non regolamentati utilizzati per finanziare progetti locali, dovevano sbarazzarsi di crediti inesigibili in eccesso o andare sotto.

 

La Cina è in una grave crisi di collasso del debito

Il 1° luglio Pechino ha annunciato che le entrate del governo locale derivanti dalla vendita di terreni agli sviluppatori, circa la metà di tutte le entrate locali, devono essere inviate al ministero delle finanze centrale di Pechino e non più utilizzate a livello locale.

 

Ciò assicura un crollo catastrofico nelle multimiliardarie banche-ombra locali e nei progetti di costruzione. Niente più salvataggi di Pechino.

 

Allo stesso tempo, la solvibilità del fragile settore bancario cinese multimiliardario è in dubbio, poiché le chiusure bancarie aumentano.

 

Ora, con i colossi statali nazionali prossimi alla bancarotta, la guerra verbale tra BlackRock e George Soros assume una nuova luce significativa. La Cina è in una grave crisi di collasso del debito.

 

La Cina ha già la più grande estensione al mondo di binari ad alta velocità e questi stanno perdendo soldi.

 

La Belt Road Initiative è impantanata in debiti che i paesi non sono in grado di rimborsare e le banche cinesi hanno drasticamente ridotto i prestiti ai progetti BRI Silk Road da $ 75 miliardi nel 2016 a $ 4 miliardi nel 2020.

 

La condanna di Soros a BlackRock, il più grande fondo di investimento privato al mondo, è chiaramente strategica. Potrebbe essere che Soros intenda ripetere il suo rovesciamento del 1998 della bolla del mercato obbligazionario russo dopo aver raccolto i suoi profitti?

La sua crisi demografica significa il flusso infinito di manodopera rurale a basso costo verso costruire quell’infrastruttura è in netto declino.

 

La classe media è profondamente indebitata per l’acquisto di nuove auto e case quando i tempi erano buoni. Il debito totale delle famiglie, compresi mutui e prestiti al consumo per auto ed elettrodomestici, nel 2020 è stato di ben il 62% del PIL.

 

L’Institute of International Finance (IIF) ha stimato che il debito interno totale della Cina è salito al 335 per cento del prodotto interno lordo (PIL) nel 2020.

 

 

Salvataggio di Wall Street da parte di Pechino?

Sembra che Pechino stia cercando di fatto un grande salvataggio da parte degli investitori stranieri nelle sue azioni e obbligazioni in difficoltà guidate da Wall Street.

 

Le principali banche e investitori di Wall Street hanno avuto uno stretto coinvolgimento in Cina per diversi anni. Con i mercati azionari statunitensi ai massimi storici pericolosi e l’UE in gravi difficoltà, forse sperano che la Cina possa salvarli, nonostante la chiara evidenza che le regole contabili aziendali cinesi sono opache, come mostra Evergrande.

 

Dal 2019 l’indice MSCI All Country World, ampiamente utilizzato da Morgan Stanley, è stato autorizzato a elencare le principali società cinesi, il che, come ha accuratamente notato Soros, costringe i fondi azionari occidentali ad acquistare miliardi di dollari di azioni cinesi. BlackRock può ora investire i risparmi personali cinesi nei suoi fondi. Non è chiaro se ci siano altre parti dell’accordo.

 

Qualunque sia l’innesco, un simile crollo della bolla del debito cinese farebbe impallidire la crisi Lehman del 2008

Questa è la pentola d’oro potenziale che mette in fila fuori da Pechino Wall Street e BlackRock.

 

La condanna di Soros a BlackRock, il più grande fondo di investimento privato al mondo, è chiaramente strategica. Potrebbe essere che Soros intenda ripetere il suo rovesciamento del 1998 della bolla del mercato obbligazionario russo dopo aver raccolto i suoi profitti?

 

Se è così, non c’è da stupirsi che i media ufficiali cinesi definiscano Soros un «terrorista economico».

 

Qualunque sia l’innesco, un simile crollo della bolla del debito cinese farebbe impallidire la crisi Lehman del 2008.

 

 

William F. Engdahl

 

 

 

F. William Engdahl è consulente e docente di rischio strategico, ha conseguito una laurea in politica presso la Princeton University ed è un autore di best seller sulle tematiche del petrolio e della geopolitica. È autore, fra gli altri titoli, di Seeds of Destruction: The Hidden Agenda of Genetic Manipulation («Semi della distruzione, l’agenda nascosta della manipolazione genetica»), consultabile anche sul sito globalresearch.ca.

 

 

Questo articolo, tradotto e pubblicato da Renovatio 21 con il consenso dell’autore, è stato pubblicato in esclusiva per la rivista online New Eastern Outlook e ripubblicato secondo le specifiche richieste.

 

 

Renovatio 21 offre la traduzione di questo articolo per dare una informazione a 360º.  Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

PER APPROFONDIRE

Presentiamo in affiliazione Amazon alcuni libri del professor Engdahl

 

 

Immagine di Niccolò Caranti via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 Unported (CC BY-SA 3.0)

Continua a leggere

Eugenetica

Imbarazzante, inquietante: Bill Gates si impalla quando gli chiedono di Jeffrey Epstein

Pubblicato

il

Da

 

 

In una intervista alla TV pubblica PBS, Bill Gates, collegato da remoto con maglioncino colorato di ordinanza, ha risposto in modo poco convincente ad alcune domande sul suo rapporto con Jeffrey Epstein.

 

«Sono andato alcune volte a cena con lui» ha detto l’ultramiliardario, dimenticando che oltre alle cene il Gates volava sul famoso «Lolita Express», l’aereo privato di Epstein, ben 5 anni dopo che il pedofilo era stato condannato. Bill dimentica di specificare questo dettaglio, ma è tutto OK: se ne dimentica anche l’intervistatrice.

 

Gates quindi passa a dire che Epstein sosteneva di avere relazioni con gente che donavano a progetti di «per la sanità globale» («un interesse che ho», dice senza ironia, come se parlasse dell’hobby della filatelia); quindi, tagliò l con Epstein quando capì che i contatti che quest’ultimo millantava non lo portavano da nessuna parte. Tuttavia, è possibile ricordare che una donazione di 2 milioni di dollari fu fatta da Gates all’MIT nel 2014 per via – sostiene il New Yorker – proprio di Jeffrey Epstein, che aveva «diretto» il danaro del patron di Microsoft. Anche questo particolare, che smentirebbe la versione di Gates, è lasciato fuori dall’intervista.

«Sono andato alcune volte a cena con lui» ha detto l’ultramiliardario, dimenticando che oltre alle cene il Gates volava sul famoso «Lolita Express», l’aereo privato di Epstein, ben 5 anni dopo che il pedofilo era stato condannato

 

«È stato tanto tempo fa» dice l’intervistato, che parrebbe volerla chiudere qui. In realtà, non si tratta del Cretaceo o del Mesozoico, e nemmeno degli anni Novanta, ma di poco più di una manciata di anni fa. E non dimentichiamo che un collaboratore di Gates, il consigliere scientifico Boris Nikolic, è stato misteriosamente nominato esecutore testamentario di riserva di Epstein prima che fosse trovato «suicida» nella sua cella di carcere sorvegliata.

 

«Non c’è nessuna novità in tutto questo», ripete Gates, che scuote la testa nervosamente quando gli viene ricordato che lo ha incontrato per anni. L’imbarazzo è percepibile, tanto più che negli scorsi mesi varie testate hanno riportato che i due si sono visti più spesso («dozzine di volte» ha scritto il Daily Beast) di quanto si pensasse, e che si erano scambiati consigli intimi e importanti: «Gates, a sua volta, incoraggiava Epstein a riabilitare la sua immagine nei media dopo la sua condanna penale del 2008 per aver sollecitato una minorenne a prostituirsi, e discuteva di Epstein sul coinvolgimento con la Bill and Melinda Gates Foundation». Da parte sua, pare che Epstein stesse già dando a Bill consigli sul divorzio.

 

«L’ho detto… io mi pento di aver fatto quelle cene» insiste l’ex uomo più ricco del mondo, come a voler far passare l’idea che non si sia trattato di niente altro. Dei voli sull’aereo del pedofilo – che costituiscono la prova più lampante della fitta relazione – non si dice nulla, tanto più che non si capisce come un simile nababbo abbia bisogno di «passaggi» aeronautici.

«Non c’è assolutamente nessuna novità» ribadisce ancora, per poi chiudere l’argomento in modo inquietante: «lui è morto».

 

«Non c’è assolutamente nessuna novità» ribadisce ancora, per poi chiudere l’argomento in modo inquietante: «lui è morto».

 

L’intervistatrice quindi gli domanda se abbia tratto qualche lezione da questa storia.

 

«Lui è morto» ripete ancora Gates, «In generale, sai, devi stare attento». Questo commento aggiunge ancora più inquietudine al discorso.

 

«Lui è morto» ripete ancora Gates, «In generale, sai, devi stare attento»

 

Renovatio 21 , che ha dato subito conto della bizzarra amicizia quando essa emerse l’anno scorso grazie ad un exposé del New York Times e riemerse quest’anno con il divorzio dei Gates, ha suggerito la risposta alla domanda che nemmeno il giornalista più coraggioso ha provato a rivolgere al primo donatore mondiale dell’OMS: cosa univa in realtà, nel profondo, Epstein e Gates? Nessuno dei due aveva bisogno di danaro. Né di donne, riteniamo. E quindi?

 

La risposta che abbiamo provato a dare è: l’eugenetica.

 

Cosa univa in realtà, nel profondo, Epstein e Gates? Nessuno dei due aveva bisogno di danaro. Né di donne, riteniamo. E quindi?

Epstein era una sorta di transumanista apocalittico: aveva avuto l’idea di mettere il suo seme «superiore» e quello di geni accademici nel grembo delle ragazzine che sfruttava. Da lì si sarebbe  potuto ripopolare il pianeta con una razza eletta di superuomini cervelloni

 

«È possibile che Gates vedesse in Epstein – con le sue isole, i suoi ranch, i suoi progetti di fanciulle ingravidate con il seme suo e di supergeni scienziati – qualcuno che comprendesse la sua visione del mondo e la sua rara capacità di renderla reale?» si chiedeva Renovatio 21 un anno fa.

 

L’argomento dell’eugenetica era discusso apertamente da Bill e la moglie Melinda dentro e fuori della loro Fondazione; era il tema preferito prima di quello delle Pandemie e dei vaccini, che del controllo della popolazione è diretta conseguenza.

 

Renovatio 21 ha altresì riportato di altre cene che in quegli anni Gates faceva con i Soros, i Rockefeller, i Buffet, etc. L’argomento, trapelò, era proprio quello: il controllo della popolazione mondiale, la sua riduzione.

 

Perché nessun giornalista osa chiederglielo direttamente?

 

Renovatio 21 ha dato una risposta anche a questo. Una grossa fetta della stampa mondiale – per non parlare delle aziende di internet – è nelle sue tasche.

 

 

 

 

 

Immagine elaborata da screenshot YouTube PBS

Continua a leggere

Più popolari