Connettiti con Renovato 21

Droga

Quello che non sapete di BlackRock

Pubblicato

il

 

 

Renovatio 21 traduce questo articolo di William F. Engdahl.

 

 

 

Una società di investimento praticamente non regolamentata oggi esercita un’influenza politica e finanziaria maggiore della Federal Reserve e della maggior parte dei governi di questo pianeta. L’azienda, la BlackRock Inc., è il più grande gestore patrimoniale del mondo e investe l’incredibile cifra di 9 trilioni di dollari in fondi dei clienti in tutto il mondo, una somma più del doppio del PIL annuo della Repubblica federale di Germania. Questo colosso si trova in cima alla piramide della proprietà aziendale mondiale, inclusa la Cina di questi anni. Dal 1988 la società si è messa in grado di controllare di fatto la Federal Reserve, la maggior parte delle mega-banche di Wall Street, tra cui Goldman Sachs, il Davos World Economic Forum Great Reset, l’amministrazione Biden e, se non controllata, il futuro economico di il nostro mondo. BlackRock è l’epitome di ciò che Mussolini chiamava corporativismo, dove un’élite corporativa non eletta detta dall’alto alla popolazione. 

Esiste un’interfaccia senza soluzione di continuità che lega l’Agenda 2030 delle Nazioni Unite con il Grande reset del Forum economico mondiale di Davos e le nascenti politiche economiche dell’amministrazione Biden. Quell’interfaccia è BlackRock

 

 

 

Il modo in cui la più grande «banca ombra» del mondo esercita questo enorme potere sul mondo dovrebbe preoccuparci.

 

La BlackRock, da quando Larry Fink l’ha fondata nel 1988, è riuscita ad assemblare software e risorse finanziari unici che nessun’altra entità possiede. Il sistema di gestione del rischio Aladdin di BlackRock, uno strumento software in grado di tracciare e analizzare il trading, monitora oltre 18 trilioni di dollari di asset per 200 società finanziarie tra cui la Federal Reserve e le banche centrali europee.

 

Chi «sorveglia» detiene pure la conoscenza, possiamo immaginare. BlackRock è stato definito un «coltellino svizzero» finanziario: un investitore istituzionale, un gestore di fondi, una società di private equity e un partner del governo globale riuniti in una sola realtà. Eppure i media mainstream trattano l’azienda come una delle tante società finanziarie di Wall Street.

 

Il sistema di gestione del rischio Aladdin di BlackRock, uno strumento software in grado di tracciare e analizzare il trading, monitora oltre 18 trilioni di dollari di asset per 200 società finanziarie tra cui la Federal Reserve e le banche centrali europee

Esiste un’interfaccia senza soluzione di continuità che lega l’Agenda 2030 delle Nazioni Unite con il Grande reset del Forum economico mondiale di Davos e le nascenti politiche economiche dell’amministrazione Biden.

 

Quell’interfaccia è BlackRock.

 

 

Team Biden e BlackRock

Ormai dovrebbe essere chiaro a chiunque si prenda la briga di guardare, che la persona che afferma di essere il presidente degli Stati Uniti, il 78enne Joe Biden, non sta prendendo alcuna decisione. Ha persino difficoltà a leggere un gobbo o a rispondere a domande preparate da media amichevoli senza confondere Siria e Libia o anche se è presidente oppure no. Viene microgestito da un gruppo di manager affinché sia mantenuta l’«immagine» sceneggiata di un presidente mentre la politica viene fatta dietro le quinte da altri. Ricorda stranamente il personaggio del film di Peter Sellers del 1979, Chauncey Gardiner, in Oltre il giardino.

 

Il 78enne Joe Biden, non sta prendendo alcuna decisione. Ha persino difficoltà a leggere un gobbo o a rispondere a domande preparate da media amichevoli. Viene microgestito per mantenere una sceneggiatura mentre la politica viene fatta dietro le quinte da altri

Ciò che è meno pubblico sono le persone chiave della politica che gestiscono la politica economica per Biden Inc. Sono tutti, per dirla in modo semplice, uomini di BlackRock. Proprio come Goldman Sachs ha gestito la politica economica sotto Obama e anche Trump, oggi BlackRock sta ricoprendo quel ruolo chiave.

 

L’accordo apparentemente è stato siglato nel gennaio 2019 quando Joe Biden, allora candidato e possibilità a lungo termine di sconfiggere Trump, è andato a incontrare Larry Fink a New York, che secondo quanto riferito avrebbe detto a «Joe della classe lavoratrice» che «sono qui per aiutare».

 

Ora come presidente in uno dei suoi primi incarichi, Biden ha nominato Brian Deese direttore del Consiglio economico nazionale, il principale consigliere del presidente per la politica economica. Uno dei primi ordini esecutivi presidenziali si occupava di economia e politica climatica. Non è sorprendente, dato che Deese proveniva da BlackRock di Fink, dove era Global Head of Sustainable Investing. Prima di entrare in BlackRock, Deese ha ricoperto incarichi economici di rilievo sotto Obama, inclusa la sostituzione di John Podesta come consigliere senior del presidente, dove ha lavorato al fianco di Valerie Jarrett. Sotto Obama, Deese ha svolto un ruolo chiave nella negoziazione degli accordi di Parigi sul riscaldamento globale.

 

Ciò che è meno pubblico sono le persone chiave della politica che gestiscono la politica economica per Biden Inc. Sono tutti, per dirla in modo semplice, uomini di BlackRock. Proprio come Goldman Sachs ha gestito la politica economica sotto Obama e anche Trump, oggi BlackRock sta ricoprendo quel ruolo chiave

Nel ruolo politico chiave come vice segretario al Tesoro sotto il segretario Janet Yellen, troviamo Adewale «Wally» Adeyemo, nato in Nigeria. Anche Adeyemo proviene da BlackRock dove dal 2017 al 2019 è stato consigliere senior e capo dello staff del CEO di BlackRock Larry Fink, dopo aver lasciato l’amministrazione Obama. I suoi legami personali con Obama sono forti, dato che Obama lo ha nominato primo presidente della Obama Foundation nel 2019.

 

E anche una terza persona di alto livello di BlackRock che gestisce la politica economica nell’amministrazione ora è insolita sotto diversi aspetti. Michael Pyle è il consigliere economico senior del vicepresidente Kamala Harris. È arrivato a Washington dalla posizione di Global Chief Investment Strategist presso BlackRock, dove ha supervisionato la strategia per investire circa $ 9 trilioni di fondi. Prima di entrare in BlackRock ai massimi livelli, è stato anche nell’amministrazione Obama come consigliere senior del sottosegretario al Tesoro per gli affari internazionali e nel 2015 è diventato consigliere per la candidatura presidenziale di Hillary Clinton.

 

È degno di nota il fatto che tre dei più influenti rappresentanti economici dell’amministrazione Biden provengano da BlackRock, e prima ancora tutti dall’amministrazione Obama. C’è uno schema preciso e suggerisce che il ruolo di BlackRock a Washington è molto più ampio di quanto ci viene detto.

 

 

Cos’è BlackRock?

Mai prima d’ora una società finanziaria con così tanta influenza sui mercati mondiali è stata così nascosta al controllo pubblico. Non è un caso. Dato che tecnicamente non è una banca che concede prestiti bancari o accetta depositi, elude la supervisione della regolamentazione da parte della Federal Reserve anche se fa ciò che fa la maggior parte delle mega banche come HSBC o JP MorganChase: comprare, vendere titoli per profitto.

 

Quando c’è stata una spinta del Congresso per includere gestori patrimoniali come BlackRock e Vanguard Funds sotto la legge Dodd-Frank post-2008 come «istituzioni finanziarie di importanza sistemica» o SIFI, un’enorme spinta di lobby da BlackRock ha posto fine alla minaccia. BlackRock detta essenzialmente  legge su se stessa. E in effetti è «sistematicamente importante» come nessun altro, con la possibile eccezione di Vanguard, che si dice sia anche uno dei principali azionisti di BlackRock.

 

È degno di nota il fatto che tre dei più influenti rappresentanti economici dell’amministrazione Biden provengano da BlackRock, e prima ancora tutti dall’amministrazione Obama. C’è uno schema preciso e suggerisce che il ruolo di BlackRock a Washington è molto più ampio di quanto ci viene detto

Il fondatore e CEO di BlackRock, Larry Fink, è chiaramente interessato ad acquistare influenza a livello globale. Ha nominato l’ex deputato tedesco della CDU Friederich Merz capo di BlackRock Germania quando sembrava che potesse succedere al cancelliere Merkel, e l’ex cancelliere dello scacchiere britannico George Osborne come «consulente politico».

 

Fink ha nominato l’ex capo dello staff di Hillary Clinton, Cheryl Mills, nel consiglio di amministrazione di BlackRock quando sembrava certo che Hillary sarebbe presto arrivata alla Casa Bianca.

 

Ha nominato ex banchieri centrali nel suo consiglio di amministrazione e ha continuato a garantire contratti redditizi con le loro ex istituzioni. Stanley Fisher, ex capo della Bank of Israel e in seguito anche vicepresidente della Federal Reserve, è ora consigliere senior di BlackRock. Philipp Hildebrand, ex presidente della Banca nazionale svizzera, è vicepresidente di BlackRock, dove supervisiona il BlackRock Investment Institute. Jean Boivin, l’ex vice governatore della Bank of Canada, è il capo globale della ricerca presso l’istituto di investimento di BlackRock.

 

 

BlackRock e la FED

È stato questo ex team della banca centrale di BlackRock a sviluppare un piano di salvataggio di «emergenza» per il presidente della FED Powell nel marzo 2019 mentre i mercati finanziari apparivano sull’orlo di un altro crollo della «crisi Lehman» del 2008.

 

Come «grazie», il presidente della Fed Jerome Powell ha nominato BlackRock in un ruolo senza offerta per gestire tutti i programmi di acquisto di obbligazioni societarie della FED, comprese le obbligazioni in cui la stessa BlackRock investe.

 

«Dando a BlackRock il pieno controllo di questo programma di riscatto del debito, la FED … rende BlackRock ancora più importante dal punto di vista sistemico per il sistema finanziario. Eppure BlackRock non è soggetta al controllo normativo di istituzioni finanziarie di importanza sistemica ancora più piccole»

Conflitto d’interesse? Un gruppo di circa 30 ONG ha scritto al presidente della FEDPowell: «Dando a BlackRock il pieno controllo di questo programma di riscatto del debito, la FED … rende BlackRock ancora più importante dal punto di vista sistemico per il sistema finanziario. Eppure BlackRock non è soggetta al controllo normativo di istituzioni finanziarie di importanza sistemica ancora più piccole».

 

In un rapporto dettagliato del 2019, un gruppo di ricerca senza scopo di lucro di Washington, Campaign for Accountability, ha osservato che «BlackRock, il più grande gestore patrimoniale del mondo, ha implementato una strategia di lobbying, contributi alla campagna e assunzione di porte girevoli per combattere le normative ed affermarsi come una delle società finanziarie più potenti al mondo».

 

La FED di New York ha assunto BlackRock nel marzo 2019 per gestire il suo programma di titoli garantiti da ipoteca commerciale e i suoi acquisti primari e secondari da 750 miliardi di dollari di obbligazioni societarie ed ETF in contratti senza offerta. I giornalisti finanziari statunitensi Pam e Russ Martens nel criticare il torbido salvataggio di Wall Street da parte della Fed del 2019 hanno osservato: «per la prima volta nella storia, la FED ha assunto BlackRock per “andare direttamente” [go direct] e acquistare 750 miliardi di dollari in obbligazioni societarie primarie e secondarie e ETF obbligazionari (Exchange Traded Funds), un prodotto di cui BlackRock è uno dei maggiori fornitori al mondo».

 

«Aggiungendo ulteriore indignazione, il programma gestito da BlackRock otterrà $ 75 miliardi dei $ 454 miliardi di denaro dei contribuenti per mangiare le perdite sui suoi acquisti di obbligazioni societarie, che includeranno i suoi ETF, che la FED gli sta permettendo di acquistare…»

 

Il capo della FED Jerome Powell e Larry Fink si conoscono bene, a quanto pare. Anche dopo che Powell ha dato a BlackRock l’enormemente redditizio affare «go direct» senza offerta, Powell ha continuato a far gestire allo stesso BlackRock circa 25 milioni di dollari di investimenti privati ​​in titoli di Powell.

 

La torbida storia di BlackRock in Messico mostra che i conflitti di interesse e l’aumento dell’influenza con le principali agenzie governative non sono limitati solo agli Stati Uniti

I registri pubblici mostrano che in questo periodo Powell tenne telefonate dirette e riservate con il CEO di BlackRock Fink. Secondo l’informativa finanziaria richiesta, BlackRock è riuscita a raddoppiare il valore degli investimenti di Powell rispetto all’anno precedente! Nessun conflitto di interessi, oppure…?

 

 

Molta BlackRock in Messico

La torbida storia di BlackRock in Messico mostra che i conflitti di interesse e l’aumento dell’influenza con le principali agenzie governative non sono limitati solo agli Stati Uniti.

 

Il candidato presidenziale del PRI Peña Nieto è andato a Wall Street durante la sua campagna nel novembre 2011. Lì ha incontrato Larry Fink. Ciò che è seguito alla vittoria di Nieto nel 2012 è stata una stretta relazione tra Fink e Nieto, piena di conflitti di interessi, clientelismo e corruzione.

 

Molto probabilmente per essere certo che BlackRock fosse dalla parte dei vincitori nel nuovo corrotto regime di Nieto, Fink nominò il 52enne Marcos Antonio Slim Domit, figlio miliardario dell’uomo più ricco e probabilmente più corrotto del Messico, Carlos Slim, al consiglio di amministrazione di BlackRock.

 

Il candidato presidenziale del PRI Peña Nieto è andato a Wall Street durante la sua campagna nel novembre 2011. Lì ha incontrato Larry Fink. Ciò che è seguito alla vittoria di Nieto nel 2012 è stata una stretta relazione tra Fink e Nieto, piena di conflitti di interessi, clientelismo e corruzione

Marcos Antonio, insieme a suo fratello Carlos Slim Domit, gestisce oggi l’enorme impero commerciale del padre. Carlos Slim Domit, il figlio maggiore, è stato co-presidente del World Economic Forum Latin America nel 2015 e attualmente è presidente del consiglio di amministrazione di America Movil, di cui BlackRock è uno dei principali investitori. Il mondo è piccolo e accogliente.

 

Il padre, Carlos Slim, all’epoca nominato da Forbes la persona più ricca del mondo, costruì un impero basato sulla sua amata acquisizione di Telemex (in seguito America Movil). L’allora presidente, Carlos Salinas de Gortari, in effetti donò l’impero delle telecomunicazioni a Slim nel 1989. Salinas in seguito fuggì dal Messico con l’accusa di aver rubato più di 10 miliardi di dollari dalle casse dello Stato.

 

Come in molti casi in Messico dagli anni ’80, il denaro della droga apparentemente ha giocato un ruolo enorme con l’anziano Carlos Slim, padre del direttore di BlackRock Marcos Slim.

 

Nel 2015 WikiLeaks ha rilasciato e-mail interne all’azienda dalla società di intelligence privata Stratfor.

 

Come in molti casi in Messico dagli anni ’80, il denaro della droga apparentemente ha giocato un ruolo enorme con l’anziano Carlos Slim, padre del direttore di BlackRock Marcos Slim

Stratfor scrive in un’e-mail dell’aprile 2011, quando BlackRock sta definendo i suoi piani per il Messico, che un agente speciale della DEA statunitense, William F. Dionne, ha confermato i legami di Carlos Slim con i cartelli della droga messicani. Stratfor chiede a Dionne: «Billy, il miliardario MX (messicano) Carlos Slim è legato ai narcos?» Dionne risponde: «Riguardo alla tua domanda, il miliardario delle telecomunicazioni MX lo è».

 

In un paese dove il 44% della popolazione vive in povertà non si diventa l’uomo più ricco del mondo in soli due decenni vendendo biscotti da Boy Scout.

 

 

Fink e il PPP messicano

Con Marcos Slim nel suo consiglio di amministrazione di BlackRock e il nuovo presidente Enrique Peña Nieto, il partner messicano di Larry Fink nell’alleanza PublicPrivatePartnership (PPP) di Nieto Peña da 590 miliardi di dollari, BlackRock, era pronto a raccogliere i frutti.

 

Per mettere a punto le sue nuove operazioni messicane, Fink ha nominato l’ex sottosegretario alle finanze messicano Gerardo Rodriguez Regordosa per dirigere la strategia per i mercati emergenti di BlackRock nel 2013. Poi nel 2016 Peña Nieto ha nominato Isaac Volin, allora capo di BlackRock Messico, come numero 2 di PEMEX, dove ha presieduto alla corruzione, agli scandali e alla più grande perdita nella storia della PEMEX, 38 miliardi di dollari.

 

Peña Nieto aveva aperto l’enorme monopolio statale del petrolio, PEMEX, agli investitori privati ​​per la prima volta dalla nazionalizzazione negli anni ’30. Il primo a beneficiarne è stato il BlackRock di Fink.

Durante il mandato di Peña Nieto, uno dei presidenti più controversi e meno popolari, BlackRock ha prosperato grazie agli intimi legami. Ben presto fu impegnata in progetti infrastrutturali altamente redditizi (e corrotti) sotto Peña Nieto, inclusi non solo oleodotti e gasdotti e pozzi, ma anche strade a pedaggio, ospedali, gasdotti e persino prigioni

 

In sette mesi, BlackRock si è assicurata 1 miliardo di dollari in progetti energetici PEMEX, molti come unico offerente. Durante il mandato di Peña Nieto, uno dei presidenti più controversi e meno popolari, BlackRock ha prosperato grazie agli intimi legami. Ben presto fu impegnata in progetti infrastrutturali altamente redditizi (e corrotti) sotto Peña Nieto, inclusi non solo oleodotti e gasdotti e pozzi, ma anche strade a pedaggio, ospedali, gasdotti e persino prigioni.

 

In particolare, l’«amico» messicano di BlackRock, Peña Nieto, era anche «amico» non solo di Carlos Slim, ma anche del capo del famigerato cartello di Sinaloa, «El Chapo» Guzman.

 

Nella testimonianza in tribunale nel 2019 a New York, Alex Cifuentes, un signore della droga colombiano che si è descritto come il «braccio destro di El Chapo», ha testimoniato che subito dopo la sua elezione nel 2012, Peña Nieto aveva chiesto 250 milioni di dollari al cartello di Sinaloa prima di stabilirsi su 100 milioni di dollari.

 

Possiamo solo indovinare per cosa.

 

 

In particolare, l’«amico» messicano di BlackRock, Peña Nieto, era anche «amico» non solo di Carlos Slim, ma anche del capo del famigerato cartello di Sinaloa, «El Chapo» Guzman

Larry Fink e il Grande Reset

Nel 2019 Larry Fink è entrato a far parte del consiglio di amministrazione del Davos World Economic Forum, l’organizzazione con sede in Svizzera che da circa 40 anni fa progredire la globalizzazione economica.

 

Fink, che è vicino al capo del tecnocrate del WEF, Klaus Schwab, della notorietà di Great Reset, è ora posizionato per utilizzare l’enorme peso di BlackRock per creare ciò che è potenzialmente, se non crolla prima, la più grande truffa Ponzi del mondo, l’ESG corporate investing.

 

Fink con $9 trilioni di leva finanziaria sta spingendo il più grande spostamento di capitale nella storia in una truffa nota come ESG Investing.

 

Fink con $9 trilioni di leva finanziaria sta spingendo il più grande spostamento di capitale nella storia in una truffa nota come ESG Investing.

L’agenda delle Nazioni Unite per l’«economia sostenibile» viene realizzata silenziosamente dalle stesse banche globali che hanno creato la crisi finanziaria nel 2008.

 

Questa volta stanno preparando il Grande Reset del WEF di Klaus Schwab portando nelle loro mani centinaia di miliardi e presto trilioni di investimenti –raccolti da aziende «woke», e lontano dai «non woke» come le compagnie petrolifere e del gas o il carbone.

 

BlackRock dal 2018 è in prima linea nella creazione di una nuova infrastruttura di investimento che scelga «vincitori» o «perdenti» per gli investimenti in base a quanto l’azienda è seria riguardo a ESG: ambiente, valori sociali e governance.

 

L’agenda delle Nazioni Unite per l’«economia sostenibile» viene realizzata silenziosamente dalle stesse banche globali che hanno creato la crisi finanziaria nel 2008.

Ad esempio, un’azienda ottiene valutazioni positive per la serietà della sua assunzione di dirigenti e dipendenti diversi dal genere, o adotta misure per eliminare la loro «impronta di carbonio» rendendo le loro fonti di energia verdi o sostenibili per usare il termine delle Nazioni Unite.

 

Il modo in cui le aziende contribuiscono a una governance sostenibile globale è il più vago degli ESG e potrebbe includere qualsiasi cosa, dalle donazioni aziendali a Black Lives Matter, al sostegno alle agenzie delle Nazioni Unite come l’OMS.

 

Le compagnie petrolifere come ExxonMobil o le compagnie del carbone, non importa quanto siano chiare, sono condannate poiché Fink e i suoi amici ora promuovono il loro Great Reset finanziario o Green New Deal.

 

Questo è il motivo per cui ha stretto un accordo con la presidenza Biden nel 2019.

 

BlackRock dal 2018 è in prima linea nella creazione di una nuova infrastruttura di investimento che scelga «vincitori» o «perdenti» per gli investimenti in base a quanto l’azienda è seria riguardo a ESG: ambiente, valori sociali e governance

Segui i soldi. E possiamo aspettarci che il New York Times incoraggerà BlackRock mentre distrugge le strutture finanziarie mondiali.

 

Dal 2017 BlackRock è il maggiore azionista del giornale. Carlos Slim era il secondo più grande. Persino Carl Icahn, uno spietato asset stripper di Wall Street, una volta chiamato BlackRock, «un’azienda estremamente pericolosa… ero solito dire, sai, la mafia ha un codice etico migliore di voi ragazzi».

 

 

William F. Engdahl

 

 

 

F. William Engdahl è consulente e docente di rischio strategico, ha conseguito una laurea in politica presso la Princeton University ed è un autore di best seller sulle tematiche del petrolio e della geopolitica. È autore, fra gli altri titoli, di Seeds of Destruction: The Hidden Agenda of Genetic Manipulation («Semi della distruzione, l’agenda nascosta della manipolazione genetica»), consultabile anche sul sito globalresearch.ca.

 

 

Questo articolo, tradotto e pubblicato da Renovatio 21 con il consenso dell’autore, è stato pubblicato in esclusiva per la rivista online New Eastern Outlook e ripubblicato secondo le specifiche richieste.

 

 

Renovatio 21 offre la traduzione di questo articolo per dare una informazione a 360º.  Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

PER APPROFONDIRE

Presentiamo in affiliazione Amazon alcuni libri del professor Engdahl

 

 

 

 

 

 Immagine di Americasroof via Wikimedia pubblicato su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 Unported (CC BY-SA 3.0)

 

Continua a leggere

Droga

Sequestrate 50 buste di cocaina dall’ufficio del ministro socialista belga. Arrestato un membro dello staff

Pubblicato

il

Da

Le autorità belghe hanno sequestrato 50 sacchi di cocaina il mese scorso durante una perquisizione nell’ufficio del ministro socialista dell’Istruzione Caroline Désir, hanno riferito giovedì sera i media locali. Lo riporta il sito ReMix News.

 

Secondo il quotidiano La Dernière Heure, uno dei dipendenti della Désir, figlio di un ex ministro e attuale deputato socialista, sarebbe stato arrestato prima della perquisizione con l’accusa di traffico di droga. Nel corso di un’ulteriore perquisizione nella sua abitazione sono stati sequestrati complessivamente 10.000 euro in contanti. Si ritiene che abbia lavorato come tesoriere nell’ufficio del ministro.

 

Il sospettato è stato detenuto nella prigione di Haren mentre la polizia conduceva le indagini iniziali.

 

In risposta alla notizia appena venuta alla luce, l’ufficio del ministro ha confermato che l’uomo, nominato soltanto con le iniziali MV, non è più alle dipendenze di Désir.

Sostieni Renovatio 21

«La sera di mercoledì 15 dicembre siamo stati informati che il signor MV, che ricopriva la carica di tesoriere all’interno del gabinetto, era in arresto nell’ambito di un’indagine sul traffico di droga. Giovedì 16 dicembre è stata avviata una procedura di licenziamento per abuso di fiducia, nel rispetto della normativa applicabile agli uffici ministeriali».

 

«Lo stesso giorno è stata effettuata una perquisizione nel suo ufficio per verificare se vi fossero oggetti criminali. Sono state scoperte una cinquantina di bustine contenenti polvere bianca. Una volta effettuata questa scoperta, lo studio ha preso contatto con un avvocato penalista per aprire una collaborazione con il giudice incaricato delle indagini», hanno precisato dall’ufficio, aggiungendo che l’ufficio ha rispettato pienamente le indagini e ha fornito l’accesso a tutte le aree in cui il membro del personale aveva il permesso.

 

Nessun altro contrabbando è stato trovato dalle indagini e da allora le autorità «non hanno voluto sentire nessun altro membro del governo», ha aggiunto.

 

Accuse riguardo al «vizietto nasale» coinvolgono l’intero arco politico internazionale.

 

Quattro mesi fa un ex ambasciatore indiano ha dichiarato che l’aereo del premier Justin Trudeau – in collisione con il governo indiano per la questione del sikh assassinato in Canada – era atterrato a Delhi per il G20 «pieno di cocaina».

 

A Londra invece tracce di cocaina furono rinvenute nelle residenze di Lis Truss e Boris Johnson dopo i loro festini.

 

Il caso più incredibile fu tuttavia quello della bustina di polvere bianca trovata alla Casa Bianca. Di chi potrà mai essere? Se lo sono chiesti in molti, mentre impazzavano i video di Hunter Biden che, durante l’affaccio della First Family per i tradizionali fuochi di artificio della festa del Quattro Luglio si passava la mano sul naso.

 

Il problema è così grave non riguarda solo gli squali della politica, ma sembra anche gli squali tout court.

 

Rimane da mostrare, anche stavolta, la più grande scene di retata poliziesca anti-cocaina della storia del cinema.

 

 

«Cocainum

 

Non solo il Danko (1988) indovina la sostanza, ma lo stesso elemento chimico, notano i commentatori su YouTube: e senza passare per test chimici e servizi segreti.

 

Ricordiamo tuttavia che «Cocainum» non è una parola russa, se non nella testa dello Schwarzenegger.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21



 

Immagine su licenza Envato

Continua a leggere

Droga

Immagini dell’Ecuador piegata dai narcoterroristi. Trasmissione TV presa in ostaggio

Pubblicato

il

Da

Il presidente ecuadoriano Daniel Noboa ha dichiarato martedì lo stato di «conflitto armato interno» dopo che uomini armati hanno fatto irruzione in una stazione televisiva e attaccato gli agenti di polizia in tutto il Paese.   Le forze di sicurezza sono state dispiegate nella più grande città dell’Ecuador, Guayaquil, dove uomini armati mascherati hanno invaso la sede di TC Television, interrompendo una trasmissione in diretta.   Da allora più di una dozzina di aggressori sono stati arrestati e tutti gli ostaggi sono stati liberati, secondo il capo della polizia nazionale Cesar Augusto Zapata Correa.     I video pubblicati sui social media mostrano uomini armati per le strade di Guayaquil. Una persona è stata filmata con in mano quello che sembra essere un bazooka.  

Sostieni Renovatio 21

Almeno sette agenti di polizia sono stati rapiti in tre città, ha detto martedì la Polizia nazionale. Secondo quanto riferito, anche diverse guardie carcerarie sarebbero state prese in ostaggio.   Un video non verificato mostra agenti di sicurezza sorvegliati da uomini incappucciati e mascherati, armati di coltelli. Video estremamente espliciti che circolano online mostrano membri di bande che uccidono almeno due agenti di polizia   Un video pubblicato martedì sui social media mostra uno degli agenti prigionieri che legge un messaggio indirizzato al presidente, mentre una pistola gli viene puntata alla testa.   «Avete dichiarato guerra, otterrete la guerra», ha detto l’ufficiale. «Avete dichiarato lo stato di emergenza. Dichiariamo che la polizia, i civili e i soldati sono il bottino di guerra».     Ieri vi sono state segnalazioni non verificate di criminali che imperversavano nell’Università di Guayaquil. Molti studenti sono fuggiti dall’edificio principale in preda al panico e alcuni si sono barricati nel campus. L’ipotesi di un rapimento di massa di universitari riporta alla mente immani tragedie già viste con i cartelli messicani. L’università ha successivamente rilasciato una dichiarazione in cui negava che fosse avvenuto un attacco.  

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

Il vicino meridionale dell’Ecuador, il Perù, ha ordinato a un’unità speciale di polizia di rafforzare il confine a causa dello scoppio della violenza.   Il Noboa è un erede di un casato di produttori di banane che ha vinto le elezioni presidenziali di ottobre con la promessa di combattere la criminalità violenta.   Lunedì aveva dichiarato lo stato di emergenza, dopo che i famigerati capibanda Adolfo «Fito» Macias e Fabricio Colon sono fuggiti durante una serie di rivolte carcerarie iniziate domenica in sei province del Paese. Le autorità hanno attribuito la violenza alla criminalità organizzata legata ai cartelli della droga in Colombia e Messico.   Il presidente ha dichiarato un conflitto armato interno e ha identificato diverse bande del paese come organizzazioni terroristiche e «attori belligeranti non statali» ordinando all’esercito dell’Ecuador di effettuare operazioni per «neutralizzare questi gruppi». Lo stato di emergenza contro quelli che ha definito «narcoterroristi» durerà 60 giorni.   In un ulteriore sviluppo spettacolare del conflitto, ieri inoltre una troupe televisiva in Ecuador è stata presa in ostaggio da aggressori mascherati che hanno fatto irruzione nello studio della stazione durante una trasmissione, agitando pistole ed esplosivi mentre un presentatore implorava aiuto.  

Aiuta Renovatio 21

Il portavoce presidenziale Roberto Izurieta Canova ha poi dichiarato su Twitter che «la stragrande maggioranza» degli ostaggi è stata salvata.   La polizia ha rilasciato una dichiarazione in cui afferma che diversi aggressori sono stati arrestati.     I filmati pubblicati in precedenza sui social media mostrano uomini armati che tengono in ostaggio la troupe televisiva nel quartier generale di TC Television, un’importante stazione televisiva nella più grande città dell’Ecuador, Guayaquil. Si può sentire uno dei prigionieri urlare «non sparate, per favore!»   Decine di membri dello staff di TC TV, in preda al panico, hanno inviato messaggi sui social media chiedendo aiuto e altri si sono nascosti mentre i criminali attaccavano il loro edificio, secondo un articolo del giornale locale El Universo. «Vogliono ucciderci tutti. Aiutateci per favore», diceva uno dei messaggi.

Sostieni Renovatio 21

La polizia nazionale dell’Ecuador ha pubblicato un messaggio su X dicendo che un’unità di forze speciali sarebbe stata schierata per «affrontare questa emergenza».     La situazione drammatica dell’Ecuador, sul punto di implodere e divenire un Narco-Stato, pare distante anni luce da quella del Salvador, dove il giovane presidente Bukele ha piegato la criminalità organizzata imprigionando migliaia di affiliati dei cartelli in nuove supercarceri militarizzate.   Il Salvador, che era tra i Paesi più violenti del mondo, ha dato notizia di aver passato 365 giorni senza un omicidio, un record non solo per il Paese ma per il mondo.   Come riportato da Renovatio 21, cinque mesi fa l’Ecuador fu oggetto di una violenta campagna di assassinii politici ad opera dei Narcos: Ferdinando Villavicencio, candidato alle presidenziali programmate per lo scorso agosto, fu ucciso in strada poco dopo aver terminato un comizio nella capitale Quito.   Più o meno nello stesso periodo, la polizia spagnola ha comunicato di aver sequestrato 9,5 tonnellate di cocaina proveniente dall’Ecuador.   Tre mesi fa erano state diffuse le grottesche immagini del funerale di un boss del cartello ecuadoriano sepolto con centinaia di pistole e fucili automatici.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21
  Immagine screenshot da Twitter  
Continua a leggere

Droga

Londra rischia una catastrofe della droga a livello di San Francisco: parla il capo della polizia

Pubblicato

il

Da

Le principali città del Regno Unito potrebbero rischiare di affrontare un’epidemia di morti da oppioidi sintetici simile a quella degli Stati Uniti, ha detto mercoledì al Telegraph un importante capo della polizia.

 

L’epidemia di overdose di droga a San Francisco ha rappresentato un duro avvertimento su ciò che il Regno Unito potrebbe dover affrontare a causa dei cambiamenti globali nel mercato illegale dei narcotici, ha detto al notiziario Donna Jones, presidente dell’Associazione dei Commissari di Polizia (APCC).

 

Jones ha detto che era «inevitabile» che le città britanniche dovessero affrontare un simile aumento di morti, in seguito al divieto da parte dei talebani della coltivazione del papavero lo scorso anno, e al conseguente calo del 90% delle esportazioni di eroina dall’Afghanistan.

 

«Ciò prosciugherà completamente la fornitura di eroina verso l’Africa e attraverso l’Europa nei prossimi 12 mesi», ha detto, spiegando che ciò significa che «il mercato degli oppioidi sintetici sta per esplodere».

 

«Sta già accadendo in America, e gli eroinomani in America stanno morendo in massa perché gli oppioidi sintetici come il fentanil sono letteralmente 50 volte più forti dell’eroina da strada», ha aggiunto Jones.

 

I decessi registrati per avvelenamento da farmaci in Inghilterra e Galles sono ai livelli più alti registrati, secondo i dati di martedì dell’Office for National Statistics. Gli oppiacei hanno rappresentato poco meno della metà dei 4.907 decessi correlati alla droga nell’ultimo anno.

Sostieni Renovatio 21

Secondo la National Crime Agency, circa 54 decessi negli ultimi sei mesi sono stati collegati al nitazene, un oppioide sintetico super potente. Questi possono essere 300 volte più potenti dell’eroina e sei volte più potenti del fentanil, scrive il Telegraph.

 

Secondo quanto riferito, rilevati per la prima volta nel Regno Unito nell’aprile 2021, sono stati trovati in numerose altre droghe illegali, oltre ad essere venduti come la pillola anti-ansia a base di benzodiazepine Diazepam.

 

Un’irruzione della polizia in una fabbrica di farmaci nel nord-est di Londra lo scorso ottobre ha sequestrato un bottino record di circa 150.000 compresse di nitazene e ha portato all’arresto di 11 persone.

 

Sebbene siano stati sviluppati per la prima volta come antidolorifico negli anni Cinquanta, i nitazeni non sono mai stati autorizzati a causa della loro forza e delle proprietà di dipendenza.

 

Come riportato da Renovatio 21, la nuova potentissima droga aveva fatto la sua comparsa nel mercato drogastico nordamericano ancora l’anno scorso. I nitazeni di solito compaiono inaspettatamente in partite di droga che si presume contengano altri tipi di oppioidi come il fentanil, l’ossicodone e le benzodiazepine non mediche, ha affermato il CCSA. La sostanza è stata identificata per la prima volta nella fornitura non regolamentata di farmaci del Canada nel 2019, con un carico totale aumentato di 4 volte nei confronti della quantità rilevata nel 2020

 

Il Jones dichiara che i tossicodipendenti che usano un cocktail di eroina e altre droghe sono estremamente vulnerabili a overdose accidentali perché sottovalutano la potenza degli oppioidi sintetici.

 

Lo scorso anno negli Stati Uniti sono stati segnalati quasi 80.000 decessi per overdose legati a oppioidi. Finora quest’anno, 752 persone sono morte per overdose nella sola San Francisco, e oltre l’80% di questi casi si ritiene abbiano coinvolto il fentanil.

 

Nel 2021, il sindaco di San Francisco London Breed ha dichiarato lo stato di emergenza nel quartiere di Tenderloin, devastato dalla droga, per consentire alla città «di rinunciare ad alcune leggi per affrontare rapidamente la crisi delle persone che muoiono di overdose per le strade».

 

La situazione di scenario zombie apocalittico di San Francisco è discussa in un recente articolo di Renovatio 21.

 

La crisi degli oppioidi, iniziata a causa dell’avidità assassina di Big Pharma (in particolare, della famiglia Sackler, ma non solo) e della compiacenza delle autorità regolatorie, è oggi una delle principali cause di decesso per la popolazione americana.

 

Negli USA, la pandemia ha portato le morti per overdose a livelli record. Nel 2020 sono morte a causa della crisi degli oppioidi quasi 100 mila persone.

 

Come riportato da Renovatio 21 già 3 anni fa, la catena dell’orrore non si ferma con il decesso della povera persona morta dopo indicibili sofferenze esistenziali: in America un trapianto di cuore su sei proviene da overdose da oppioidi.

 

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21



Immagine di TheEssexTech via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 2.0 Generic

Continua a leggere

Più popolari