Connettiti con Renovato 21

Droga

Quello che non sapete di BlackRock

Pubblicato

il

 

 

Renovatio 21 traduce questo articolo di William F. Engdahl.

 

 

 

Una società di investimento praticamente non regolamentata oggi esercita un’influenza politica e finanziaria maggiore della Federal Reserve e della maggior parte dei governi di questo pianeta. L’azienda, la BlackRock Inc., è il più grande gestore patrimoniale del mondo e investe l’incredibile cifra di 9 trilioni di dollari in fondi dei clienti in tutto il mondo, una somma più del doppio del PIL annuo della Repubblica federale di Germania. Questo colosso si trova in cima alla piramide della proprietà aziendale mondiale, inclusa la Cina di questi anni. Dal 1988 la società si è messa in grado di controllare di fatto la Federal Reserve, la maggior parte delle mega-banche di Wall Street, tra cui Goldman Sachs, il Davos World Economic Forum Great Reset, l’amministrazione Biden e, se non controllata, il futuro economico di il nostro mondo. BlackRock è l’epitome di ciò che Mussolini chiamava corporativismo, dove un’élite corporativa non eletta detta dall’alto alla popolazione. 

Esiste un’interfaccia senza soluzione di continuità che lega l’Agenda 2030 delle Nazioni Unite con il Grande reset del Forum economico mondiale di Davos e le nascenti politiche economiche dell’amministrazione Biden. Quell’interfaccia è BlackRock

 

 

 

Il modo in cui la più grande «banca ombra» del mondo esercita questo enorme potere sul mondo dovrebbe preoccuparci.

 

La BlackRock, da quando Larry Fink l’ha fondata nel 1988, è riuscita ad assemblare software e risorse finanziari unici che nessun’altra entità possiede. Il sistema di gestione del rischio Aladdin di BlackRock, uno strumento software in grado di tracciare e analizzare il trading, monitora oltre 18 trilioni di dollari di asset per 200 società finanziarie tra cui la Federal Reserve e le banche centrali europee.

 

Chi «sorveglia» detiene pure la conoscenza, possiamo immaginare. BlackRock è stato definito un «coltellino svizzero» finanziario: un investitore istituzionale, un gestore di fondi, una società di private equity e un partner del governo globale riuniti in una sola realtà. Eppure i media mainstream trattano l’azienda come una delle tante società finanziarie di Wall Street.

 

Il sistema di gestione del rischio Aladdin di BlackRock, uno strumento software in grado di tracciare e analizzare il trading, monitora oltre 18 trilioni di dollari di asset per 200 società finanziarie tra cui la Federal Reserve e le banche centrali europee

Esiste un’interfaccia senza soluzione di continuità che lega l’Agenda 2030 delle Nazioni Unite con il Grande reset del Forum economico mondiale di Davos e le nascenti politiche economiche dell’amministrazione Biden.

 

Quell’interfaccia è BlackRock.

 

 

Team Biden e BlackRock

Ormai dovrebbe essere chiaro a chiunque si prenda la briga di guardare, che la persona che afferma di essere il presidente degli Stati Uniti, il 78enne Joe Biden, non sta prendendo alcuna decisione. Ha persino difficoltà a leggere un gobbo o a rispondere a domande preparate da media amichevoli senza confondere Siria e Libia o anche se è presidente oppure no. Viene microgestito da un gruppo di manager affinché sia mantenuta l’«immagine» sceneggiata di un presidente mentre la politica viene fatta dietro le quinte da altri. Ricorda stranamente il personaggio del film di Peter Sellers del 1979, Chauncey Gardiner, in Oltre il giardino.

 

Il 78enne Joe Biden, non sta prendendo alcuna decisione. Ha persino difficoltà a leggere un gobbo o a rispondere a domande preparate da media amichevoli. Viene microgestito per mantenere una sceneggiatura mentre la politica viene fatta dietro le quinte da altri

Ciò che è meno pubblico sono le persone chiave della politica che gestiscono la politica economica per Biden Inc. Sono tutti, per dirla in modo semplice, uomini di BlackRock. Proprio come Goldman Sachs ha gestito la politica economica sotto Obama e anche Trump, oggi BlackRock sta ricoprendo quel ruolo chiave.

 

L’accordo apparentemente è stato siglato nel gennaio 2019 quando Joe Biden, allora candidato e possibilità a lungo termine di sconfiggere Trump, è andato a incontrare Larry Fink a New York, che secondo quanto riferito avrebbe detto a «Joe della classe lavoratrice» che «sono qui per aiutare».

 

Ora come presidente in uno dei suoi primi incarichi, Biden ha nominato Brian Deese direttore del Consiglio economico nazionale, il principale consigliere del presidente per la politica economica. Uno dei primi ordini esecutivi presidenziali si occupava di economia e politica climatica. Non è sorprendente, dato che Deese proveniva da BlackRock di Fink, dove era Global Head of Sustainable Investing. Prima di entrare in BlackRock, Deese ha ricoperto incarichi economici di rilievo sotto Obama, inclusa la sostituzione di John Podesta come consigliere senior del presidente, dove ha lavorato al fianco di Valerie Jarrett. Sotto Obama, Deese ha svolto un ruolo chiave nella negoziazione degli accordi di Parigi sul riscaldamento globale.

 

Ciò che è meno pubblico sono le persone chiave della politica che gestiscono la politica economica per Biden Inc. Sono tutti, per dirla in modo semplice, uomini di BlackRock. Proprio come Goldman Sachs ha gestito la politica economica sotto Obama e anche Trump, oggi BlackRock sta ricoprendo quel ruolo chiave

Nel ruolo politico chiave come vice segretario al Tesoro sotto il segretario Janet Yellen, troviamo Adewale «Wally» Adeyemo, nato in Nigeria. Anche Adeyemo proviene da BlackRock dove dal 2017 al 2019 è stato consigliere senior e capo dello staff del CEO di BlackRock Larry Fink, dopo aver lasciato l’amministrazione Obama. I suoi legami personali con Obama sono forti, dato che Obama lo ha nominato primo presidente della Obama Foundation nel 2019.

 

E anche una terza persona di alto livello di BlackRock che gestisce la politica economica nell’amministrazione ora è insolita sotto diversi aspetti. Michael Pyle è il consigliere economico senior del vicepresidente Kamala Harris. È arrivato a Washington dalla posizione di Global Chief Investment Strategist presso BlackRock, dove ha supervisionato la strategia per investire circa $ 9 trilioni di fondi. Prima di entrare in BlackRock ai massimi livelli, è stato anche nell’amministrazione Obama come consigliere senior del sottosegretario al Tesoro per gli affari internazionali e nel 2015 è diventato consigliere per la candidatura presidenziale di Hillary Clinton.

 

È degno di nota il fatto che tre dei più influenti rappresentanti economici dell’amministrazione Biden provengano da BlackRock, e prima ancora tutti dall’amministrazione Obama. C’è uno schema preciso e suggerisce che il ruolo di BlackRock a Washington è molto più ampio di quanto ci viene detto.

 

 

Cos’è BlackRock?

Mai prima d’ora una società finanziaria con così tanta influenza sui mercati mondiali è stata così nascosta al controllo pubblico. Non è un caso. Dato che tecnicamente non è una banca che concede prestiti bancari o accetta depositi, elude la supervisione della regolamentazione da parte della Federal Reserve anche se fa ciò che fa la maggior parte delle mega banche come HSBC o JP MorganChase: comprare, vendere titoli per profitto.

 

Quando c’è stata una spinta del Congresso per includere gestori patrimoniali come BlackRock e Vanguard Funds sotto la legge Dodd-Frank post-2008 come «istituzioni finanziarie di importanza sistemica» o SIFI, un’enorme spinta di lobby da BlackRock ha posto fine alla minaccia. BlackRock detta essenzialmente  legge su se stessa. E in effetti è «sistematicamente importante» come nessun altro, con la possibile eccezione di Vanguard, che si dice sia anche uno dei principali azionisti di BlackRock.

 

È degno di nota il fatto che tre dei più influenti rappresentanti economici dell’amministrazione Biden provengano da BlackRock, e prima ancora tutti dall’amministrazione Obama. C’è uno schema preciso e suggerisce che il ruolo di BlackRock a Washington è molto più ampio di quanto ci viene detto

Il fondatore e CEO di BlackRock, Larry Fink, è chiaramente interessato ad acquistare influenza a livello globale. Ha nominato l’ex deputato tedesco della CDU Friederich Merz capo di BlackRock Germania quando sembrava che potesse succedere al cancelliere Merkel, e l’ex cancelliere dello scacchiere britannico George Osborne come «consulente politico».

 

Fink ha nominato l’ex capo dello staff di Hillary Clinton, Cheryl Mills, nel consiglio di amministrazione di BlackRock quando sembrava certo che Hillary sarebbe presto arrivata alla Casa Bianca.

 

Ha nominato ex banchieri centrali nel suo consiglio di amministrazione e ha continuato a garantire contratti redditizi con le loro ex istituzioni. Stanley Fisher, ex capo della Bank of Israel e in seguito anche vicepresidente della Federal Reserve, è ora consigliere senior di BlackRock. Philipp Hildebrand, ex presidente della Banca nazionale svizzera, è vicepresidente di BlackRock, dove supervisiona il BlackRock Investment Institute. Jean Boivin, l’ex vice governatore della Bank of Canada, è il capo globale della ricerca presso l’istituto di investimento di BlackRock.

 

 

BlackRock e la FED

È stato questo ex team della banca centrale di BlackRock a sviluppare un piano di salvataggio di «emergenza» per il presidente della FED Powell nel marzo 2019 mentre i mercati finanziari apparivano sull’orlo di un altro crollo della «crisi Lehman» del 2008.

 

Come «grazie», il presidente della Fed Jerome Powell ha nominato BlackRock in un ruolo senza offerta per gestire tutti i programmi di acquisto di obbligazioni societarie della FED, comprese le obbligazioni in cui la stessa BlackRock investe.

 

«Dando a BlackRock il pieno controllo di questo programma di riscatto del debito, la FED … rende BlackRock ancora più importante dal punto di vista sistemico per il sistema finanziario. Eppure BlackRock non è soggetta al controllo normativo di istituzioni finanziarie di importanza sistemica ancora più piccole»

Conflitto d’interesse? Un gruppo di circa 30 ONG ha scritto al presidente della FEDPowell: «Dando a BlackRock il pieno controllo di questo programma di riscatto del debito, la FED … rende BlackRock ancora più importante dal punto di vista sistemico per il sistema finanziario. Eppure BlackRock non è soggetta al controllo normativo di istituzioni finanziarie di importanza sistemica ancora più piccole».

 

In un rapporto dettagliato del 2019, un gruppo di ricerca senza scopo di lucro di Washington, Campaign for Accountability, ha osservato che «BlackRock, il più grande gestore patrimoniale del mondo, ha implementato una strategia di lobbying, contributi alla campagna e assunzione di porte girevoli per combattere le normative ed affermarsi come una delle società finanziarie più potenti al mondo».

 

La FED di New York ha assunto BlackRock nel marzo 2019 per gestire il suo programma di titoli garantiti da ipoteca commerciale e i suoi acquisti primari e secondari da 750 miliardi di dollari di obbligazioni societarie ed ETF in contratti senza offerta. I giornalisti finanziari statunitensi Pam e Russ Martens nel criticare il torbido salvataggio di Wall Street da parte della Fed del 2019 hanno osservato: «per la prima volta nella storia, la FED ha assunto BlackRock per “andare direttamente” [go direct] e acquistare 750 miliardi di dollari in obbligazioni societarie primarie e secondarie e ETF obbligazionari (Exchange Traded Funds), un prodotto di cui BlackRock è uno dei maggiori fornitori al mondo».

 

«Aggiungendo ulteriore indignazione, il programma gestito da BlackRock otterrà $ 75 miliardi dei $ 454 miliardi di denaro dei contribuenti per mangiare le perdite sui suoi acquisti di obbligazioni societarie, che includeranno i suoi ETF, che la FED gli sta permettendo di acquistare…»

 

Il capo della FED Jerome Powell e Larry Fink si conoscono bene, a quanto pare. Anche dopo che Powell ha dato a BlackRock l’enormemente redditizio affare «go direct» senza offerta, Powell ha continuato a far gestire allo stesso BlackRock circa 25 milioni di dollari di investimenti privati ​​in titoli di Powell.

 

La torbida storia di BlackRock in Messico mostra che i conflitti di interesse e l’aumento dell’influenza con le principali agenzie governative non sono limitati solo agli Stati Uniti

I registri pubblici mostrano che in questo periodo Powell tenne telefonate dirette e riservate con il CEO di BlackRock Fink. Secondo l’informativa finanziaria richiesta, BlackRock è riuscita a raddoppiare il valore degli investimenti di Powell rispetto all’anno precedente! Nessun conflitto di interessi, oppure…?

 

 

Molta BlackRock in Messico

La torbida storia di BlackRock in Messico mostra che i conflitti di interesse e l’aumento dell’influenza con le principali agenzie governative non sono limitati solo agli Stati Uniti.

 

Il candidato presidenziale del PRI Peña Nieto è andato a Wall Street durante la sua campagna nel novembre 2011. Lì ha incontrato Larry Fink. Ciò che è seguito alla vittoria di Nieto nel 2012 è stata una stretta relazione tra Fink e Nieto, piena di conflitti di interessi, clientelismo e corruzione.

 

Molto probabilmente per essere certo che BlackRock fosse dalla parte dei vincitori nel nuovo corrotto regime di Nieto, Fink nominò il 52enne Marcos Antonio Slim Domit, figlio miliardario dell’uomo più ricco e probabilmente più corrotto del Messico, Carlos Slim, al consiglio di amministrazione di BlackRock.

 

Il candidato presidenziale del PRI Peña Nieto è andato a Wall Street durante la sua campagna nel novembre 2011. Lì ha incontrato Larry Fink. Ciò che è seguito alla vittoria di Nieto nel 2012 è stata una stretta relazione tra Fink e Nieto, piena di conflitti di interessi, clientelismo e corruzione

Marcos Antonio, insieme a suo fratello Carlos Slim Domit, gestisce oggi l’enorme impero commerciale del padre. Carlos Slim Domit, il figlio maggiore, è stato co-presidente del World Economic Forum Latin America nel 2015 e attualmente è presidente del consiglio di amministrazione di America Movil, di cui BlackRock è uno dei principali investitori. Il mondo è piccolo e accogliente.

 

Il padre, Carlos Slim, all’epoca nominato da Forbes la persona più ricca del mondo, costruì un impero basato sulla sua amata acquisizione di Telemex (in seguito America Movil). L’allora presidente, Carlos Salinas de Gortari, in effetti donò l’impero delle telecomunicazioni a Slim nel 1989. Salinas in seguito fuggì dal Messico con l’accusa di aver rubato più di 10 miliardi di dollari dalle casse dello Stato.

 

Come in molti casi in Messico dagli anni ’80, il denaro della droga apparentemente ha giocato un ruolo enorme con l’anziano Carlos Slim, padre del direttore di BlackRock Marcos Slim.

 

Nel 2015 WikiLeaks ha rilasciato e-mail interne all’azienda dalla società di intelligence privata Stratfor.

 

Come in molti casi in Messico dagli anni ’80, il denaro della droga apparentemente ha giocato un ruolo enorme con l’anziano Carlos Slim, padre del direttore di BlackRock Marcos Slim

Stratfor scrive in un’e-mail dell’aprile 2011, quando BlackRock sta definendo i suoi piani per il Messico, che un agente speciale della DEA statunitense, William F. Dionne, ha confermato i legami di Carlos Slim con i cartelli della droga messicani. Stratfor chiede a Dionne: «Billy, il miliardario MX (messicano) Carlos Slim è legato ai narcos?» Dionne risponde: «Riguardo alla tua domanda, il miliardario delle telecomunicazioni MX lo è».

 

In un paese dove il 44% della popolazione vive in povertà non si diventa l’uomo più ricco del mondo in soli due decenni vendendo biscotti da Boy Scout.

 

 

Fink e il PPP messicano

Con Marcos Slim nel suo consiglio di amministrazione di BlackRock e il nuovo presidente Enrique Peña Nieto, il partner messicano di Larry Fink nell’alleanza PublicPrivatePartnership (PPP) di Nieto Peña da 590 miliardi di dollari, BlackRock, era pronto a raccogliere i frutti.

 

Per mettere a punto le sue nuove operazioni messicane, Fink ha nominato l’ex sottosegretario alle finanze messicano Gerardo Rodriguez Regordosa per dirigere la strategia per i mercati emergenti di BlackRock nel 2013. Poi nel 2016 Peña Nieto ha nominato Isaac Volin, allora capo di BlackRock Messico, come numero 2 di PEMEX, dove ha presieduto alla corruzione, agli scandali e alla più grande perdita nella storia della PEMEX, 38 miliardi di dollari.

 

Peña Nieto aveva aperto l’enorme monopolio statale del petrolio, PEMEX, agli investitori privati ​​per la prima volta dalla nazionalizzazione negli anni ’30. Il primo a beneficiarne è stato il BlackRock di Fink.

Durante il mandato di Peña Nieto, uno dei presidenti più controversi e meno popolari, BlackRock ha prosperato grazie agli intimi legami. Ben presto fu impegnata in progetti infrastrutturali altamente redditizi (e corrotti) sotto Peña Nieto, inclusi non solo oleodotti e gasdotti e pozzi, ma anche strade a pedaggio, ospedali, gasdotti e persino prigioni

 

In sette mesi, BlackRock si è assicurata 1 miliardo di dollari in progetti energetici PEMEX, molti come unico offerente. Durante il mandato di Peña Nieto, uno dei presidenti più controversi e meno popolari, BlackRock ha prosperato grazie agli intimi legami. Ben presto fu impegnata in progetti infrastrutturali altamente redditizi (e corrotti) sotto Peña Nieto, inclusi non solo oleodotti e gasdotti e pozzi, ma anche strade a pedaggio, ospedali, gasdotti e persino prigioni.

 

In particolare, l’«amico» messicano di BlackRock, Peña Nieto, era anche «amico» non solo di Carlos Slim, ma anche del capo del famigerato cartello di Sinaloa, «El Chapo» Guzman.

 

Nella testimonianza in tribunale nel 2019 a New York, Alex Cifuentes, un signore della droga colombiano che si è descritto come il «braccio destro di El Chapo», ha testimoniato che subito dopo la sua elezione nel 2012, Peña Nieto aveva chiesto 250 milioni di dollari al cartello di Sinaloa prima di stabilirsi su 100 milioni di dollari.

 

Possiamo solo indovinare per cosa.

 

 

In particolare, l’«amico» messicano di BlackRock, Peña Nieto, era anche «amico» non solo di Carlos Slim, ma anche del capo del famigerato cartello di Sinaloa, «El Chapo» Guzman

Larry Fink e il Grande Reset

Nel 2019 Larry Fink è entrato a far parte del consiglio di amministrazione del Davos World Economic Forum, l’organizzazione con sede in Svizzera che da circa 40 anni fa progredire la globalizzazione economica.

 

Fink, che è vicino al capo del tecnocrate del WEF, Klaus Schwab, della notorietà di Great Reset, è ora posizionato per utilizzare l’enorme peso di BlackRock per creare ciò che è potenzialmente, se non crolla prima, la più grande truffa Ponzi del mondo, l’ESG corporate investing.

 

Fink con $9 trilioni di leva finanziaria sta spingendo il più grande spostamento di capitale nella storia in una truffa nota come ESG Investing.

 

Fink con $9 trilioni di leva finanziaria sta spingendo il più grande spostamento di capitale nella storia in una truffa nota come ESG Investing.

L’agenda delle Nazioni Unite per l’«economia sostenibile» viene realizzata silenziosamente dalle stesse banche globali che hanno creato la crisi finanziaria nel 2008.

 

Questa volta stanno preparando il Grande Reset del WEF di Klaus Schwab portando nelle loro mani centinaia di miliardi e presto trilioni di investimenti –raccolti da aziende «woke», e lontano dai «non woke» come le compagnie petrolifere e del gas o il carbone.

 

BlackRock dal 2018 è in prima linea nella creazione di una nuova infrastruttura di investimento che scelga «vincitori» o «perdenti» per gli investimenti in base a quanto l’azienda è seria riguardo a ESG: ambiente, valori sociali e governance.

 

L’agenda delle Nazioni Unite per l’«economia sostenibile» viene realizzata silenziosamente dalle stesse banche globali che hanno creato la crisi finanziaria nel 2008.

Ad esempio, un’azienda ottiene valutazioni positive per la serietà della sua assunzione di dirigenti e dipendenti diversi dal genere, o adotta misure per eliminare la loro «impronta di carbonio» rendendo le loro fonti di energia verdi o sostenibili per usare il termine delle Nazioni Unite.

 

Il modo in cui le aziende contribuiscono a una governance sostenibile globale è il più vago degli ESG e potrebbe includere qualsiasi cosa, dalle donazioni aziendali a Black Lives Matter, al sostegno alle agenzie delle Nazioni Unite come l’OMS.

 

Le compagnie petrolifere come ExxonMobil o le compagnie del carbone, non importa quanto siano chiare, sono condannate poiché Fink e i suoi amici ora promuovono il loro Great Reset finanziario o Green New Deal.

 

Questo è il motivo per cui ha stretto un accordo con la presidenza Biden nel 2019.

 

BlackRock dal 2018 è in prima linea nella creazione di una nuova infrastruttura di investimento che scelga «vincitori» o «perdenti» per gli investimenti in base a quanto l’azienda è seria riguardo a ESG: ambiente, valori sociali e governance

Segui i soldi. E possiamo aspettarci che il New York Times incoraggerà BlackRock mentre distrugge le strutture finanziarie mondiali.

 

Dal 2017 BlackRock è il maggiore azionista del giornale. Carlos Slim era il secondo più grande. Persino Carl Icahn, uno spietato asset stripper di Wall Street, una volta chiamato BlackRock, «un’azienda estremamente pericolosa… ero solito dire, sai, la mafia ha un codice etico migliore di voi ragazzi».

 

 

William F. Engdahl

 

 

 

F. William Engdahl è consulente e docente di rischio strategico, ha conseguito una laurea in politica presso la Princeton University ed è un autore di best seller sulle tematiche del petrolio e della geopolitica. È autore, fra gli altri titoli, di Seeds of Destruction: The Hidden Agenda of Genetic Manipulation («Semi della distruzione, l’agenda nascosta della manipolazione genetica»), consultabile anche sul sito globalresearch.ca.

 

 

Questo articolo, tradotto e pubblicato da Renovatio 21 con il consenso dell’autore, è stato pubblicato in esclusiva per la rivista online New Eastern Outlook e ripubblicato secondo le specifiche richieste.

 

 

Renovatio 21 offre la traduzione di questo articolo per dare una informazione a 360º.  Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

PER APPROFONDIRE

Presentiamo in affiliazione Amazon alcuni libri del professor Engdahl

 

 

 

 

 

 Immagine di Americasroof via Wikimedia pubblicato su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 Unported (CC BY-SA 3.0)

 

Continua a leggere

Droga

Quando Angela Merkel venne distrutta da Nina Hagen

Pubblicato

il

Da

 

 

Renovatio 21 saluta la fine dell’era Merkel tirando fuori dall’archivio, e sottotitolando in lingua italiana, questo filmato del 1992.

 

Ad una trasmissione TV, una ancora sconosciuta Merkel – strano caso di cittadino ex DDR inseritasi subito bene nel partito democristiano di potere CDU – parla della questione delle droghe, terapia e liberalizzazione.

 

Un’altra invitata alla trasmissione è Nina Hagen, cantante non conosciutissima fuori dalla Germania, ma che all’epoca già era percepita come una veterana del mondo della musica punk e della trasgressione.

 

Vedere rinfacciata alla Merkel la sua mesta ipocrisia è qualcosa di estremamente salutare

 

La Merkel non dice nulla, agisce solo come mesto distributore, con voce bassa e moderazione inscalfibile, di decisioni già prese. Di fatto, la Merkel non discute: elargisce, in modo opaco, quello che è già deciso

Praticamente coetanee, entrambe sono cittadine DDR, anche se di origine diversa: in uno strano chiasmo, la Merkel è nata ad Ovest (Amburgo) per poi emigrare misteriosamente ad Est; la Hagen è nata a Berlino Est ed è emigrata adolescente ad Ovest con l’espatrio del patrigno.

 

Nella clip, vediamo la Merkel prodursi un bla-bla politichese tipico della democristianeria. Non dice nulla, agisce solo come mesto distributore, con voce bassa e moderazione inscalfibile, di decisioni già prese. Di fatto, la Merkel non discute: elargisce, in modo opaco, quello che è già deciso.

 

E quello che aveva  deciso, la democristianità tedesca già ad inizio anni Novanta, era che le droghe leggere potevano essere liberalizzate.

 

L’Europa è territorio conquistato dai tedeschi senza manovre militari. Un continente intero a cui Berlino ha dato la sua moneta, il marco, mettendogli il nome di «euro»

La Hagen, giustamente, la aggredisce, riconoscendone l’ipocrisia e la falsità. Pare, ad un certo punto, chiamarla pure mutti («mammina»), che sarebbe il nome affibbiatole poi dai tedeschi negli interminabili 16 anni del suo dominio.

 

La Hagen pare propendere per la soluzione del metadone, che Renovatio 21 aborre in maniera assoluta. Tuttavia vedere rinfacciata alla Merkel la sua mesta ipocrisia è qualcosa di estremamente salutare.

 

L’era Merkel ha condizionato non solo la Germania, ma l’Unione Europea, che della Germania è l’estroflessione politico-economica. L’Europa è territorio conquistato dai tedeschi senza manovre militari. Un continente intero a cui Berlino ha dato la sua moneta, il marco, mettendogli il nome di «euro».

 

La Germania, sotto la democristianeria subdola della Merkel, si è arricchita, rafforzata. L’Italia è ridotta a macerie. Gratta il nulla della CDU, e ci puoi trovare un piano imperiale di controllo e rapina

Ricordiamo in particolare come non siano poche le voci che sussurrino quale sia stato il vero trofeo dell’Europa germanizzata via Bruxelles: far pagare all’Italia le spese della riunificazione con la DDR. La nostra economia è stata distrutta dall’euro – pensiamo solo alla competizione che con i tedeschi vi era nell’industria di precisione: a parità di moneta, chi viene avvantaggiato?

 

La Germania, sotto la democristianeria subdola della Merkel, si è arricchita, rafforzata. L’Italia è ridotta a macerie. Gratta il nulla della CDU, e ci puoi trovare un piano imperiale di controllo e rapina. Del resto le voci sul fatto che la Merkel fosse un agente della STASI non mancano: si sussurra perfino che spiasse il marito, e che il padre, bizzarro pastore protestante passato dall’Ovest alla Germania Est, fosse pure lui una spia DDR.

Le voci sul fatto che la Merkel fosse un agente della STASI non mancano

 

Tuttavia, la storia non è finita. I fondamenti stessi della società tedesca – come stiamo vedendo in questi mesi – potrebbero essere più barcollanti di quello che i sorrisi delle elezioni politiche di ieri vogliono far sembrare.

 

Renovatio 21 avrà modo di scriverne.

 

Continua a leggere

Cina

La Cina verso i trilioni dei minerali afghani

Pubblicato

il

Da

 

 

 

L’investitore texano Kyle Bass, noto per le sue posizioni anticinesi,  ha messo in guardia rispetto alle mosse di Pechino in Afghanistan. Per Bass la Cina popolare starebbe per «trasferirsi sotto spoglie di sicurezza e diplomatiche» per rubare i trilioni di dollari costituiti dalle risorse minerarie afghane.

 

La Cina, come riportato, aveva sin da subito messo in chiaro che ci teneva ai buoni rapporti con la Kabul degli studenti coranici.

 

«Sulla base del pieno rispetto della sovranità dell’Afghanistan e della volontà di tutte le fazioni del paese, la Cina ha mantenuto contatti e comunicazioni con i talebani afghani e ha svolto un ruolo costruttivo nel promuovere la soluzione politica della questione afghana», aveva affermato la portavoce Hua Chunying in una conferenza stampa.

«La Cina si sposterà sotto spoglie di sicurezza e diplomatiche»

 

E ricorda che i funzionari di Pechino hanno ospitato i leader talebani, quando l’amministrazione Biden ha intrapreso il suo “precipitoso ritiro” dall’Afghanistan che ha portato al suo “precipitoso” crollo.

 

«L’Afghanistan è afflitto dalla maledizione dell’abbondanza. Riteniamo che abbiano minerali per un valore di oltre 3 trilioni di dollari. Il Pentagono degli Stati Uniti crede che una provincia… abbia il più grande deposito di litio del mondo», ha affermato Bass.

 

In pratica, dice il fondatore del fondo Hayman Capital, «la Cina si sposterà sotto spoglie di sicurezza e diplomatiche». 

 

Bass, un appassionato di storia, ha scritto in un breve thread su Twitter – osservando la storia di uno dei «più grandi scontri a fuoco delle forze speciali statunitensi di tutti i tempi» verificatosi nella valle di Shok – il tutto per rimuovere un signore della guerra terrorista che stava costruendo il suo impero attraverso il funzionamento di miniere illegali di terre rare.

 

«Assicuratevi di guardare questa feroce battaglia mentre 15 Berretti Verdi e 65 commando afgani hanno combattuto un’imboscata di oltre 250 terroristi e non un solo americano degli Stati Uniti è morto quel giorno in uno scontro a fuoco di 6 ore che ha sopportato 70 bombardamenti ravvicinati con 1000 libbre JDAMS. Anche se alcuni dei nostri più coraggiosi non avranno le braccia o le gambe che ricrescono, hanno combattuto per la pace, la stabilità e la prosperità economica a lungo termine dell’Afghanistan. Con la Cina che si è trasferita per violentare la campagna e la gente dell’Afghanistan, quel sogno non si realizzerà mai».

 

«Anche se alcuni dei nostri più coraggiosi non avranno le braccia o le gambe che ricrescono, hanno combattuto per la pace, la stabilità e la prosperità economica a lungo termine dell’Afghanistan. Con la Cina che si è trasferita per violentare la campagna e la gente dell’Afghanistan, quel sogno non si realizzerà mai»

Pochissimi sanno che la battaglia di Shok Valley riguardava l’architettura economica a lungo termine dell’Afghanistan e dei metalli delle terre rare.

 

Secondo la portavoce Hua, i talebani hanno «più volte» affermato di «aspettare la partecipazione della Cina alla ricostruzione e allo sviluppo dell’Afghanistan».

 

«Siamo pronti a continuare a sviluppare il buon vicinato e la cooperazione amichevole con l’Afghanistan e a svolgere un ruolo costruttivo nella pace e nella ricostruzione dell’Afghanistan», ha aggiunto Hua.

 

Bass non è stato l’unico a sottolineare il colpo di fortuna della Cina.

 

Come riconosciuto sin 2010, in Afghanistan sono stati identificati almeno 1 trilione di dollari di giacimenti minerari non sfruttati, molto più di qualsiasi riserva precedentemente nota. La cifra è aumentata negli ultimi anni a più di 3 trilioni. come riportato dalla testata USA The Hill.

 

Pochissimi sanno che la battaglia di Shok Valley riguardava l’architettura economica a lungo termine dell’Afghanistan e dei metalli delle terre rar

L’Afghanistan ha elementi di terre rare come lantanio, cerio, neodimio e vene di alluminio, oro, argento, zinco, mercurio e litio. Le terre rare sono utilizzate in tutto, dall’elettronica ai veicoli elettrici, dai satelliti agli aerei.

 

Nel 2017, il presidente afghano appena fuggito Ashraf Ghani era in trattative con la Germania sui giacimenti di litio nella provincia di Helmand, che potrebbero essere estratti dai paesi europei per produrre batterie per smartphone, veicoli elettrici e altre tecnologie.

 

Nel frattempo, funzionari del governo afghano hanno affermato che il Paese ha rescisso i contratti petroliferi e del gas con la Cina e sta cercando di rinegoziare i termini di una massiccia concessione mineraria che è rimasta quasi inattiva da quando è stata firmata dalla Cina più di dieci anni fa.

 

I funzionari afghani hanno affermato di aver sgominato un presunto giro di spionaggio cinese che opera a Kabul per dare la caccia ai musulmani uiguri con l’aiuto della rete Haqqani, un clan terroristico legato ai talebani. 

 

Le autorità afgane hanno collaborato con la Cina in passato alla detenzione e alla deportazione di uiguri sospettati di attività terroristica, ma i funzionari si sono detti scioccati dalla doppiezza della Cina.

L’Afghanistan ha elementi di terre rare come lantanio, cerio, neodimio e vene di alluminio, oro, argento, zinco, mercurio e litio. Le terre rare sono utilizzate in tutto, dall’elettronica ai veicoli elettrici, dai satelliti agli aerei.

 

Gli arresti  hanno spinto Kabul, che sta cercando di mettere ordine nella sua economia di fronte a un futuro incerto con il processo di pace in corso, a usare l’incidente come «leva» contro Pechino, ha detto un funzionario, soprattutto in termini di rinegoziazione di svariati milioni di dollari concessioni minerarie.

 

Quindi, non dovrebbe sorprendere il fatto che la Cina, che domina i mercati delle terre rare a livello globale (producendo 120.000 tonnellate o il 70% del totale di terre rare nel 2018 secondo CNBC), sia più che entusiasta di «fare a modo suo» con il redditizio Afghanistan.

 

Anche le riserve statunitensi impallidiscono rispetto alla Cina. Gli Stati Uniti hanno un totale di 1,4 milioni di tonnellate di riserve, contro 44 milioni di tonnellate di riserve in Cina.

 

La Cina ha usato le terre rare come minaccia durante la sua guerra commerciale con gli Stati Uniti nel 2019, quando Pechino ha minacciato di interrompere le forniture agli Stati Uniti. I minerali delle terre rare sono comunemente usati in dispositivi ad alta tecnologia, automobili, energia pulita e difesa.

 

Secondo l’U.S. Geological Survey, gli Stati Uniti dipendevano fortemente dalla Cina per le terre rare nel 2019, quando il paese asiatico esportava l’80% del fabbisogno degli Stati Uniti. 

 

E non dimentichiamo il lucroso commercio di papaveri in Afghanistan abilitato dalla CIA.

 

Come ha osservato MintPressNews a giugno, «l’anno scorso la coltivazione del papavero da oppio afghano è cresciuta di oltre un terzo mentre le operazioni antidroga sono precipitate. Si dice che il paese sia la fonte di oltre il 90% di tutto l’oppio illegale del mondo, da cui si producono eroina e altri oppioidi. In Afghanistan si coltiva più terra per l’oppio di quanta ne viene utilizzata per la produzione di coca in tutta l’America Latina, con la creazione della droga che si dice darebbe lavoro diretto a circa mezzo milione di persone».

 

Sulla questione dello strano ritiro americano dall’Afghanistan, che pare di fatto aver favorito la Cina (che è Paese confinante) Renovatio 21 ha scritto qualche ipotesi settimane fa.

 

Continua a leggere

Big Pharma

93.000 morti per overdose nel 2020, il tasso più alto nella storia degli Stati Uniti

Pubblicato

il

Da

 

 

 

I nuovi dati provvisori rilasciati dal CDC indicano che più di 93.000 americani sono morti per overdose durante i lockdown 2020.

 

Si tratta di una cifra senza precedenti, dovuta, è pensabile, alla perdita di posti di lavoro e all’assistenza medica ritardata. Un numero che è il più alto registrato nella storia americana.

 

Secondo il CDC (l’ente americano per il controllo delle epidemie), circa 93.331 americani sono morti per overdose tra gennaio e dicembre 2020, rispetto ai circa 72.000 riportati l’anno scorso, con un aumento di quasi il 30%.

 

Come riportato dal sito Breitbart, i dati si traducono in 256 morti al giorno, o 11 morti ogni ora.

 

Secondo il CDC (l’ente americano per il controllo delle epidemie), circa 93.331 americani sono morti per overdose tra gennaio e dicembre 2020, rispetto ai circa 72.000 riportati l’anno scorso, con un aumento di quasi il 30%

Secondo l’analisi di Breitbart dei dati CDC, «solo due stati, New Hampshire e South Dakota, hanno sperimentato meno overdose di droga lo scorso anno rispetto all’anno precedente. Nel frattempo, il Vermont ha subito un aumento di quasi il 60% delle overdose da droga nel 2020 rispetto al 2019, insieme a un aumento del 52% nella Carolina del Sud e un aumento del 54% nel Kentucky».

 

I dati preliminari pubblicati dall’Office of the Chief Medical Examiner di San Francisco lo scorso anno hanno rilevato che, rispetto al numero di morti per  COVID-19, sono più del doppio quelli morti per overdose di droga nel 2020, con 708 decessi per overdose registrati e 254 decessi correlati al coronavirus.

 

Si tratta di una tendenza, quelle delle morti per oppioidi che superano perfino quelle per coronavirus (che ha numeri che talvolta qualcuno crede vengano gonfiati) che Renovatio 21 aveva segnalata a inizio anno, e che è destinata a proseguire: il prodotto diretto della pandemia è morte e disperazione, e non da COVID.

 

Il CDC ha riscontrato un «aumento dell’accelerazione» dei decessi per overdose tra marzo 2020 e maggio 2020, quando negli Stati Uniti hanno iniziato a essere imposti blocchi, licenziamenti, requisiti di distanziamento sociale e altre restrizioni.

 

«Questa è una perdita sbalorditiva di vite umane», ha detto Brandon Marshall, un ricercatore di salute pubblica della Brown University all’Associated Press (AP).

 

I dati si traducono in 256 morti al giorno, o 11 morti ogni ora

Marshall, che tiene traccia delle tendenze dell’overdose nel suo lavoro professionale, ha affermato che «il COVID ha notevolmente esacerbato la crisi».

 

L’AP ha citato esperti che hanno concluso che «lockdown e altre restrizioni pandemiche hanno isolato le persone con tossicodipendenze e hanno reso le cure più difficile da ottenere».

 

Un documento di lavoro pubblicato nel dicembre 2020 da Casey Mulligan, Ph.D., professore di economia all’Università di Chicago che è stato capo economista per il Council of Economic Advisers durante l’amministrazione Trump, ha suggerito che i lockdown e i requisiti di distanziamento sociale potrebbero aver contribuito al forte aumento delle «morti per disperazione» lo scorso anno, compresi i suicidi e le overdose di droga.

 

Rispetto al numero di morti per  COVID-19, sono più del doppio quelli morti per overdose di droga nel 2020

Secondo Mulligan, «i dati locali sulle overdose da oppiacei supportano ulteriormente l’ipotesi che la pandemia e la recessione siano state associate a un aumento del 10-60% dei decessi per disperazione al di sopra dei già alti livelli pre-pandemia».

 

Come notato da Breitbart, il virologo ed ex direttore del CDC Robert Redfield, M.D., ha anche identificato «l’interruzione della vita quotidiana dovuta alla pandemia di COVID-19» come un fattore significativo che porta ad un aumento dei decessi per overdose.

 

«Mentre continuiamo la lotta per porre fine a questa pandemia, è importante non perdere di vista i diversi gruppi colpiti in altri modi», ha affermato Redfield.

 

«Dobbiamo prenderci cura delle persone che soffrono di conseguenze indesiderate».

 

I farmaci identificati in caso di morte per overdose includono fentanil, eroina e cocaina, con il fentanil identificato in oltre il 60% dei decessi per overdose dello scorso anno secondo i dati del CDC.

 

Il fentanil è una sostanza decine di volte più potente dell’eroina, basta una dose microscopica per provocare un’overdose. Il cantante Prince è morto per un’overdose di fentanil.

 

Il fentanil è in gran parte prodotto in Cina che compie la nemesi storica della Guerra dell’Oppio nella quale degli anglofoni imposero con le armi la dipendenza dalla droga dei cinesi per arricchire smoderatamente le compagnie di mercanti

Rispetto ai decessi registrati misurati da giugno 2018 a giugno 2019, i decessi per overdose da oppiacei, in particolare quelli che coinvolgono il fentanil illecito, sono aumentati del 38% da giugno 2019 a giugno 2020, secondo quanto riportato dal CDC.

 

Secondo la NBC, il fentanil, che è un oppioide sintetico 50 volte più potente dell’eroina, sta rapidamente diventando una «droga preferita» per i contrabbandieri che portano droghe illegali attraverso il confine degli Stati Uniti. Gli agenti federali di El Paso, in Texas, hanno riferito che i sequestri di fentanil sono aumentati del 4.000 percento negli ultimi tre anni.

 

Il direttore dell’FBI Christopher Wray ha dichiarato a giugno che «non c’è dubbio» che l’attività del cartello della droga dal Messico si stia riversando negli Stati Uniti nel corso della crisi di confine in corso. 

 

Sotto l’amministrazione Biden gli attraversamenti illegali delle frontiere sono saliti alle stelle del 674% rispetto allo scorso anno, con un aumento mensile del numero di attraversamenti illegali.

 

Secondo l’AP, alcuni esperti suggeriscono che, data la proliferazione di oppioidi sintetici, in particolare il fentanil illecito, il tasso record di decessi per overdose registrato lo scorso anno non dovrebbe diminuire sostanzialmente quest’anno.

 

Il fentanil, come riportato da Renovatio 21, è in gran parte prodotto in Cina. Avvelenando la popolazione anglofona, si può pensare, il Dragone produttore della sostanza compie la nemesi storica della Guerra dell’Oppio nella quale gli inglesi imposero con le armi la dipendenza dalla droga dei cinesi per arricchire smoderatamente le compagnie di mercanti (le multinazionali dell’epoca).

 

 

Continua a leggere

Più popolari