Connettiti con Renovato 21

Droga

Quello che non sapete di BlackRock

Pubblicato

il

 

 

Renovatio 21 traduce questo articolo di William F. Engdahl.

 

 

 

Una società di investimento praticamente non regolamentata oggi esercita un’influenza politica e finanziaria maggiore della Federal Reserve e della maggior parte dei governi di questo pianeta. L’azienda, la BlackRock Inc., è il più grande gestore patrimoniale del mondo e investe l’incredibile cifra di 9 trilioni di dollari in fondi dei clienti in tutto il mondo, una somma più del doppio del PIL annuo della Repubblica federale di Germania. Questo colosso si trova in cima alla piramide della proprietà aziendale mondiale, inclusa la Cina di questi anni. Dal 1988 la società si è messa in grado di controllare di fatto la Federal Reserve, la maggior parte delle mega-banche di Wall Street, tra cui Goldman Sachs, il Davos World Economic Forum Great Reset, l’amministrazione Biden e, se non controllata, il futuro economico di il nostro mondo. BlackRock è l’epitome di ciò che Mussolini chiamava corporativismo, dove un’élite corporativa non eletta detta dall’alto alla popolazione. 

Esiste un’interfaccia senza soluzione di continuità che lega l’Agenda 2030 delle Nazioni Unite con il Grande reset del Forum economico mondiale di Davos e le nascenti politiche economiche dell’amministrazione Biden. Quell’interfaccia è BlackRock

 

 

 

Il modo in cui la più grande «banca ombra» del mondo esercita questo enorme potere sul mondo dovrebbe preoccuparci.

 

La BlackRock, da quando Larry Fink l’ha fondata nel 1988, è riuscita ad assemblare software e risorse finanziari unici che nessun’altra entità possiede. Il sistema di gestione del rischio Aladdin di BlackRock, uno strumento software in grado di tracciare e analizzare il trading, monitora oltre 18 trilioni di dollari di asset per 200 società finanziarie tra cui la Federal Reserve e le banche centrali europee.

 

Chi «sorveglia» detiene pure la conoscenza, possiamo immaginare. BlackRock è stato definito un «coltellino svizzero» finanziario: un investitore istituzionale, un gestore di fondi, una società di private equity e un partner del governo globale riuniti in una sola realtà. Eppure i media mainstream trattano l’azienda come una delle tante società finanziarie di Wall Street.

 

Il sistema di gestione del rischio Aladdin di BlackRock, uno strumento software in grado di tracciare e analizzare il trading, monitora oltre 18 trilioni di dollari di asset per 200 società finanziarie tra cui la Federal Reserve e le banche centrali europee

Esiste un’interfaccia senza soluzione di continuità che lega l’Agenda 2030 delle Nazioni Unite con il Grande reset del Forum economico mondiale di Davos e le nascenti politiche economiche dell’amministrazione Biden.

 

Quell’interfaccia è BlackRock.

 

 

Team Biden e BlackRock

Ormai dovrebbe essere chiaro a chiunque si prenda la briga di guardare, che la persona che afferma di essere il presidente degli Stati Uniti, il 78enne Joe Biden, non sta prendendo alcuna decisione. Ha persino difficoltà a leggere un gobbo o a rispondere a domande preparate da media amichevoli senza confondere Siria e Libia o anche se è presidente oppure no. Viene microgestito da un gruppo di manager affinché sia mantenuta l’«immagine» sceneggiata di un presidente mentre la politica viene fatta dietro le quinte da altri. Ricorda stranamente il personaggio del film di Peter Sellers del 1979, Chauncey Gardiner, in Oltre il giardino.

 

Il 78enne Joe Biden, non sta prendendo alcuna decisione. Ha persino difficoltà a leggere un gobbo o a rispondere a domande preparate da media amichevoli. Viene microgestito per mantenere una sceneggiatura mentre la politica viene fatta dietro le quinte da altri

Ciò che è meno pubblico sono le persone chiave della politica che gestiscono la politica economica per Biden Inc. Sono tutti, per dirla in modo semplice, uomini di BlackRock. Proprio come Goldman Sachs ha gestito la politica economica sotto Obama e anche Trump, oggi BlackRock sta ricoprendo quel ruolo chiave.

 

L’accordo apparentemente è stato siglato nel gennaio 2019 quando Joe Biden, allora candidato e possibilità a lungo termine di sconfiggere Trump, è andato a incontrare Larry Fink a New York, che secondo quanto riferito avrebbe detto a «Joe della classe lavoratrice» che «sono qui per aiutare».

 

Ora come presidente in uno dei suoi primi incarichi, Biden ha nominato Brian Deese direttore del Consiglio economico nazionale, il principale consigliere del presidente per la politica economica. Uno dei primi ordini esecutivi presidenziali si occupava di economia e politica climatica. Non è sorprendente, dato che Deese proveniva da BlackRock di Fink, dove era Global Head of Sustainable Investing. Prima di entrare in BlackRock, Deese ha ricoperto incarichi economici di rilievo sotto Obama, inclusa la sostituzione di John Podesta come consigliere senior del presidente, dove ha lavorato al fianco di Valerie Jarrett. Sotto Obama, Deese ha svolto un ruolo chiave nella negoziazione degli accordi di Parigi sul riscaldamento globale.

 

Ciò che è meno pubblico sono le persone chiave della politica che gestiscono la politica economica per Biden Inc. Sono tutti, per dirla in modo semplice, uomini di BlackRock. Proprio come Goldman Sachs ha gestito la politica economica sotto Obama e anche Trump, oggi BlackRock sta ricoprendo quel ruolo chiave

Nel ruolo politico chiave come vice segretario al Tesoro sotto il segretario Janet Yellen, troviamo Adewale «Wally» Adeyemo, nato in Nigeria. Anche Adeyemo proviene da BlackRock dove dal 2017 al 2019 è stato consigliere senior e capo dello staff del CEO di BlackRock Larry Fink, dopo aver lasciato l’amministrazione Obama. I suoi legami personali con Obama sono forti, dato che Obama lo ha nominato primo presidente della Obama Foundation nel 2019.

 

E anche una terza persona di alto livello di BlackRock che gestisce la politica economica nell’amministrazione ora è insolita sotto diversi aspetti. Michael Pyle è il consigliere economico senior del vicepresidente Kamala Harris. È arrivato a Washington dalla posizione di Global Chief Investment Strategist presso BlackRock, dove ha supervisionato la strategia per investire circa $ 9 trilioni di fondi. Prima di entrare in BlackRock ai massimi livelli, è stato anche nell’amministrazione Obama come consigliere senior del sottosegretario al Tesoro per gli affari internazionali e nel 2015 è diventato consigliere per la candidatura presidenziale di Hillary Clinton.

 

È degno di nota il fatto che tre dei più influenti rappresentanti economici dell’amministrazione Biden provengano da BlackRock, e prima ancora tutti dall’amministrazione Obama. C’è uno schema preciso e suggerisce che il ruolo di BlackRock a Washington è molto più ampio di quanto ci viene detto.

 

 

Cos’è BlackRock?

Mai prima d’ora una società finanziaria con così tanta influenza sui mercati mondiali è stata così nascosta al controllo pubblico. Non è un caso. Dato che tecnicamente non è una banca che concede prestiti bancari o accetta depositi, elude la supervisione della regolamentazione da parte della Federal Reserve anche se fa ciò che fa la maggior parte delle mega banche come HSBC o JP MorganChase: comprare, vendere titoli per profitto.

 

Quando c’è stata una spinta del Congresso per includere gestori patrimoniali come BlackRock e Vanguard Funds sotto la legge Dodd-Frank post-2008 come «istituzioni finanziarie di importanza sistemica» o SIFI, un’enorme spinta di lobby da BlackRock ha posto fine alla minaccia. BlackRock detta essenzialmente  legge su se stessa. E in effetti è «sistematicamente importante» come nessun altro, con la possibile eccezione di Vanguard, che si dice sia anche uno dei principali azionisti di BlackRock.

 

È degno di nota il fatto che tre dei più influenti rappresentanti economici dell’amministrazione Biden provengano da BlackRock, e prima ancora tutti dall’amministrazione Obama. C’è uno schema preciso e suggerisce che il ruolo di BlackRock a Washington è molto più ampio di quanto ci viene detto

Il fondatore e CEO di BlackRock, Larry Fink, è chiaramente interessato ad acquistare influenza a livello globale. Ha nominato l’ex deputato tedesco della CDU Friederich Merz capo di BlackRock Germania quando sembrava che potesse succedere al cancelliere Merkel, e l’ex cancelliere dello scacchiere britannico George Osborne come «consulente politico».

 

Fink ha nominato l’ex capo dello staff di Hillary Clinton, Cheryl Mills, nel consiglio di amministrazione di BlackRock quando sembrava certo che Hillary sarebbe presto arrivata alla Casa Bianca.

 

Ha nominato ex banchieri centrali nel suo consiglio di amministrazione e ha continuato a garantire contratti redditizi con le loro ex istituzioni. Stanley Fisher, ex capo della Bank of Israel e in seguito anche vicepresidente della Federal Reserve, è ora consigliere senior di BlackRock. Philipp Hildebrand, ex presidente della Banca nazionale svizzera, è vicepresidente di BlackRock, dove supervisiona il BlackRock Investment Institute. Jean Boivin, l’ex vice governatore della Bank of Canada, è il capo globale della ricerca presso l’istituto di investimento di BlackRock.

 

 

BlackRock e la FED

È stato questo ex team della banca centrale di BlackRock a sviluppare un piano di salvataggio di «emergenza» per il presidente della FED Powell nel marzo 2019 mentre i mercati finanziari apparivano sull’orlo di un altro crollo della «crisi Lehman» del 2008.

 

Come «grazie», il presidente della Fed Jerome Powell ha nominato BlackRock in un ruolo senza offerta per gestire tutti i programmi di acquisto di obbligazioni societarie della FED, comprese le obbligazioni in cui la stessa BlackRock investe.

 

«Dando a BlackRock il pieno controllo di questo programma di riscatto del debito, la FED … rende BlackRock ancora più importante dal punto di vista sistemico per il sistema finanziario. Eppure BlackRock non è soggetta al controllo normativo di istituzioni finanziarie di importanza sistemica ancora più piccole»

Conflitto d’interesse? Un gruppo di circa 30 ONG ha scritto al presidente della FEDPowell: «Dando a BlackRock il pieno controllo di questo programma di riscatto del debito, la FED … rende BlackRock ancora più importante dal punto di vista sistemico per il sistema finanziario. Eppure BlackRock non è soggetta al controllo normativo di istituzioni finanziarie di importanza sistemica ancora più piccole».

 

In un rapporto dettagliato del 2019, un gruppo di ricerca senza scopo di lucro di Washington, Campaign for Accountability, ha osservato che «BlackRock, il più grande gestore patrimoniale del mondo, ha implementato una strategia di lobbying, contributi alla campagna e assunzione di porte girevoli per combattere le normative ed affermarsi come una delle società finanziarie più potenti al mondo».

 

La FED di New York ha assunto BlackRock nel marzo 2019 per gestire il suo programma di titoli garantiti da ipoteca commerciale e i suoi acquisti primari e secondari da 750 miliardi di dollari di obbligazioni societarie ed ETF in contratti senza offerta. I giornalisti finanziari statunitensi Pam e Russ Martens nel criticare il torbido salvataggio di Wall Street da parte della Fed del 2019 hanno osservato: «per la prima volta nella storia, la FED ha assunto BlackRock per “andare direttamente” [go direct] e acquistare 750 miliardi di dollari in obbligazioni societarie primarie e secondarie e ETF obbligazionari (Exchange Traded Funds), un prodotto di cui BlackRock è uno dei maggiori fornitori al mondo».

 

«Aggiungendo ulteriore indignazione, il programma gestito da BlackRock otterrà $ 75 miliardi dei $ 454 miliardi di denaro dei contribuenti per mangiare le perdite sui suoi acquisti di obbligazioni societarie, che includeranno i suoi ETF, che la FED gli sta permettendo di acquistare…»

 

Il capo della FED Jerome Powell e Larry Fink si conoscono bene, a quanto pare. Anche dopo che Powell ha dato a BlackRock l’enormemente redditizio affare «go direct» senza offerta, Powell ha continuato a far gestire allo stesso BlackRock circa 25 milioni di dollari di investimenti privati ​​in titoli di Powell.

 

La torbida storia di BlackRock in Messico mostra che i conflitti di interesse e l’aumento dell’influenza con le principali agenzie governative non sono limitati solo agli Stati Uniti

I registri pubblici mostrano che in questo periodo Powell tenne telefonate dirette e riservate con il CEO di BlackRock Fink. Secondo l’informativa finanziaria richiesta, BlackRock è riuscita a raddoppiare il valore degli investimenti di Powell rispetto all’anno precedente! Nessun conflitto di interessi, oppure…?

 

 

Molta BlackRock in Messico

La torbida storia di BlackRock in Messico mostra che i conflitti di interesse e l’aumento dell’influenza con le principali agenzie governative non sono limitati solo agli Stati Uniti.

 

Il candidato presidenziale del PRI Peña Nieto è andato a Wall Street durante la sua campagna nel novembre 2011. Lì ha incontrato Larry Fink. Ciò che è seguito alla vittoria di Nieto nel 2012 è stata una stretta relazione tra Fink e Nieto, piena di conflitti di interessi, clientelismo e corruzione.

 

Molto probabilmente per essere certo che BlackRock fosse dalla parte dei vincitori nel nuovo corrotto regime di Nieto, Fink nominò il 52enne Marcos Antonio Slim Domit, figlio miliardario dell’uomo più ricco e probabilmente più corrotto del Messico, Carlos Slim, al consiglio di amministrazione di BlackRock.

 

Il candidato presidenziale del PRI Peña Nieto è andato a Wall Street durante la sua campagna nel novembre 2011. Lì ha incontrato Larry Fink. Ciò che è seguito alla vittoria di Nieto nel 2012 è stata una stretta relazione tra Fink e Nieto, piena di conflitti di interessi, clientelismo e corruzione

Marcos Antonio, insieme a suo fratello Carlos Slim Domit, gestisce oggi l’enorme impero commerciale del padre. Carlos Slim Domit, il figlio maggiore, è stato co-presidente del World Economic Forum Latin America nel 2015 e attualmente è presidente del consiglio di amministrazione di America Movil, di cui BlackRock è uno dei principali investitori. Il mondo è piccolo e accogliente.

 

Il padre, Carlos Slim, all’epoca nominato da Forbes la persona più ricca del mondo, costruì un impero basato sulla sua amata acquisizione di Telemex (in seguito America Movil). L’allora presidente, Carlos Salinas de Gortari, in effetti donò l’impero delle telecomunicazioni a Slim nel 1989. Salinas in seguito fuggì dal Messico con l’accusa di aver rubato più di 10 miliardi di dollari dalle casse dello Stato.

 

Come in molti casi in Messico dagli anni ’80, il denaro della droga apparentemente ha giocato un ruolo enorme con l’anziano Carlos Slim, padre del direttore di BlackRock Marcos Slim.

 

Nel 2015 WikiLeaks ha rilasciato e-mail interne all’azienda dalla società di intelligence privata Stratfor.

 

Come in molti casi in Messico dagli anni ’80, il denaro della droga apparentemente ha giocato un ruolo enorme con l’anziano Carlos Slim, padre del direttore di BlackRock Marcos Slim

Stratfor scrive in un’e-mail dell’aprile 2011, quando BlackRock sta definendo i suoi piani per il Messico, che un agente speciale della DEA statunitense, William F. Dionne, ha confermato i legami di Carlos Slim con i cartelli della droga messicani. Stratfor chiede a Dionne: «Billy, il miliardario MX (messicano) Carlos Slim è legato ai narcos?» Dionne risponde: «Riguardo alla tua domanda, il miliardario delle telecomunicazioni MX lo è».

 

In un paese dove il 44% della popolazione vive in povertà non si diventa l’uomo più ricco del mondo in soli due decenni vendendo biscotti da Boy Scout.

 

 

Fink e il PPP messicano

Con Marcos Slim nel suo consiglio di amministrazione di BlackRock e il nuovo presidente Enrique Peña Nieto, il partner messicano di Larry Fink nell’alleanza PublicPrivatePartnership (PPP) di Nieto Peña da 590 miliardi di dollari, BlackRock, era pronto a raccogliere i frutti.

 

Per mettere a punto le sue nuove operazioni messicane, Fink ha nominato l’ex sottosegretario alle finanze messicano Gerardo Rodriguez Regordosa per dirigere la strategia per i mercati emergenti di BlackRock nel 2013. Poi nel 2016 Peña Nieto ha nominato Isaac Volin, allora capo di BlackRock Messico, come numero 2 di PEMEX, dove ha presieduto alla corruzione, agli scandali e alla più grande perdita nella storia della PEMEX, 38 miliardi di dollari.

 

Peña Nieto aveva aperto l’enorme monopolio statale del petrolio, PEMEX, agli investitori privati ​​per la prima volta dalla nazionalizzazione negli anni ’30. Il primo a beneficiarne è stato il BlackRock di Fink.

Durante il mandato di Peña Nieto, uno dei presidenti più controversi e meno popolari, BlackRock ha prosperato grazie agli intimi legami. Ben presto fu impegnata in progetti infrastrutturali altamente redditizi (e corrotti) sotto Peña Nieto, inclusi non solo oleodotti e gasdotti e pozzi, ma anche strade a pedaggio, ospedali, gasdotti e persino prigioni

 

In sette mesi, BlackRock si è assicurata 1 miliardo di dollari in progetti energetici PEMEX, molti come unico offerente. Durante il mandato di Peña Nieto, uno dei presidenti più controversi e meno popolari, BlackRock ha prosperato grazie agli intimi legami. Ben presto fu impegnata in progetti infrastrutturali altamente redditizi (e corrotti) sotto Peña Nieto, inclusi non solo oleodotti e gasdotti e pozzi, ma anche strade a pedaggio, ospedali, gasdotti e persino prigioni.

 

In particolare, l’«amico» messicano di BlackRock, Peña Nieto, era anche «amico» non solo di Carlos Slim, ma anche del capo del famigerato cartello di Sinaloa, «El Chapo» Guzman.

 

Nella testimonianza in tribunale nel 2019 a New York, Alex Cifuentes, un signore della droga colombiano che si è descritto come il «braccio destro di El Chapo», ha testimoniato che subito dopo la sua elezione nel 2012, Peña Nieto aveva chiesto 250 milioni di dollari al cartello di Sinaloa prima di stabilirsi su 100 milioni di dollari.

 

Possiamo solo indovinare per cosa.

 

 

In particolare, l’«amico» messicano di BlackRock, Peña Nieto, era anche «amico» non solo di Carlos Slim, ma anche del capo del famigerato cartello di Sinaloa, «El Chapo» Guzman

Larry Fink e il Grande Reset

Nel 2019 Larry Fink è entrato a far parte del consiglio di amministrazione del Davos World Economic Forum, l’organizzazione con sede in Svizzera che da circa 40 anni fa progredire la globalizzazione economica.

 

Fink, che è vicino al capo del tecnocrate del WEF, Klaus Schwab, della notorietà di Great Reset, è ora posizionato per utilizzare l’enorme peso di BlackRock per creare ciò che è potenzialmente, se non crolla prima, la più grande truffa Ponzi del mondo, l’ESG corporate investing.

 

Fink con $9 trilioni di leva finanziaria sta spingendo il più grande spostamento di capitale nella storia in una truffa nota come ESG Investing.

 

Fink con $9 trilioni di leva finanziaria sta spingendo il più grande spostamento di capitale nella storia in una truffa nota come ESG Investing.

L’agenda delle Nazioni Unite per l’«economia sostenibile» viene realizzata silenziosamente dalle stesse banche globali che hanno creato la crisi finanziaria nel 2008.

 

Questa volta stanno preparando il Grande Reset del WEF di Klaus Schwab portando nelle loro mani centinaia di miliardi e presto trilioni di investimenti –raccolti da aziende «woke», e lontano dai «non woke» come le compagnie petrolifere e del gas o il carbone.

 

BlackRock dal 2018 è in prima linea nella creazione di una nuova infrastruttura di investimento che scelga «vincitori» o «perdenti» per gli investimenti in base a quanto l’azienda è seria riguardo a ESG: ambiente, valori sociali e governance.

 

L’agenda delle Nazioni Unite per l’«economia sostenibile» viene realizzata silenziosamente dalle stesse banche globali che hanno creato la crisi finanziaria nel 2008.

Ad esempio, un’azienda ottiene valutazioni positive per la serietà della sua assunzione di dirigenti e dipendenti diversi dal genere, o adotta misure per eliminare la loro «impronta di carbonio» rendendo le loro fonti di energia verdi o sostenibili per usare il termine delle Nazioni Unite.

 

Il modo in cui le aziende contribuiscono a una governance sostenibile globale è il più vago degli ESG e potrebbe includere qualsiasi cosa, dalle donazioni aziendali a Black Lives Matter, al sostegno alle agenzie delle Nazioni Unite come l’OMS.

 

Le compagnie petrolifere come ExxonMobil o le compagnie del carbone, non importa quanto siano chiare, sono condannate poiché Fink e i suoi amici ora promuovono il loro Great Reset finanziario o Green New Deal.

 

Questo è il motivo per cui ha stretto un accordo con la presidenza Biden nel 2019.

 

BlackRock dal 2018 è in prima linea nella creazione di una nuova infrastruttura di investimento che scelga «vincitori» o «perdenti» per gli investimenti in base a quanto l’azienda è seria riguardo a ESG: ambiente, valori sociali e governance

Segui i soldi. E possiamo aspettarci che il New York Times incoraggerà BlackRock mentre distrugge le strutture finanziarie mondiali.

 

Dal 2017 BlackRock è il maggiore azionista del giornale. Carlos Slim era il secondo più grande. Persino Carl Icahn, uno spietato asset stripper di Wall Street, una volta chiamato BlackRock, «un’azienda estremamente pericolosa… ero solito dire, sai, la mafia ha un codice etico migliore di voi ragazzi».

 

 

William F. Engdahl

 

 

 

F. William Engdahl è consulente e docente di rischio strategico, ha conseguito una laurea in politica presso la Princeton University ed è un autore di best seller sulle tematiche del petrolio e della geopolitica. È autore, fra gli altri titoli, di Seeds of Destruction: The Hidden Agenda of Genetic Manipulation («Semi della distruzione, l’agenda nascosta della manipolazione genetica»), consultabile anche sul sito globalresearch.ca.

 

 

Questo articolo, tradotto e pubblicato da Renovatio 21 con il consenso dell’autore, è stato pubblicato in esclusiva per la rivista online New Eastern Outlook e ripubblicato secondo le specifiche richieste.

 

 

Renovatio 21 offre la traduzione di questo articolo per dare una informazione a 360º.  Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

PER APPROFONDIRE

Presentiamo in affiliazione Amazon alcuni libri del professor Engdahl

 

 

 

 

 

 Immagine di Americasroof via Wikimedia pubblicato su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 Unported (CC BY-SA 3.0)

 

Continua a leggere

Droga

USA, 69 membri della Fratellanza Ariana Universale condannati

Pubblicato

il

Da

Un’indagine pluriennale su una violenta organizzazione criminale suprematista bianca, la Universal Aryan Brotherhood («Fratellanza ariana universale», conosciuta con l’acronimo UAB), che è gestita principalmente all’interno delle carceri dell’Oklahoma, ha portato alla condanna di 69 imputati in più casi statali e federali. Lo riporta Clarion Project.

 

Attraverso queste condanne, le forze dell’ordine hanno sequestrato 62 armi da fuoco, più di 135 chili di metanfetamine e più di 400.000 dollari in proventi della droga.

 

Collettivamente, le persone accusate a livello federale sono state condannate a 418 anni di custodia del Federal Bureau of Prisons e 216 anni di libertà vigilata.

 

Il mese scorso, l’indagine è culminata nella condanna di Chance Alan Wilson, alias Wolfhead, che sarebbe il leader della Universal Aryan Brotherhood (UAB). Wilson, che stava scontando una condanna statale di 15 anni nel penitenziario statale dell’Oklahoma per omicidio, è stato condannato a scontare altri 360 mesi in una prigione federale a dicembre dopo essere stato ritenuto il principale responsabile della distribuzione di centinaia di chilogrammi di metanfetamine e altre droghe nel corso di molti anni.

 

Wilson e altri membri dell’UAB facevano affidamento su una rete di individui che operavano fuori dal carcere per gestire la distribuzione della droga sintetica. Nel corso di questa indagine, le forze dell’ordine federali, statali e locali hanno identificato e preso di mira queste persone e i magazzini delle sostanze che gestivano per conto di Wilson.

 

Wilson ha condotto l’operazione dall’interno della prigione utilizzando telefoni cellulari di contrabbando. Alla fine, 69 persone associate alle operazioni dell’UAB sono state accusate e condannate, sia dal tribunale statale che da quello federale. I reati per i quali gli imputati sono stati condannati includono traffico di droga, associazione a delinquere, riciclaggio di denaro, mantenimento di locali per droga e possesso illegale di armi da fuoco.

 

La Universal Aryan Brotherhood (UAB), nota anche come Universal Family, è un’attiva banda carceraria di suprematisti bianchi neonazisti negli Stati Uniti. Con sede principalmente in Oklahoma, la banda ha anche membri in custodia federale, così come in diversi stati in tutto il paese.

 

La Universal Aryan Brotherhood è una delle tante bande carcerarie della supremazia bianca negli Stati Uniti. Proprio come la Aryan Brotherhood of Texa («Fratellanza Ariana del Texas» e i Soldiers of Aryan Culture («Soldati della Cultura Ariana»), l’UAB opera sia all’interno che all’esterno delle mura della prigione.

 

L’UAB si è modellata sui principi e le ideologie dell’originale banda carceraria della Fratellanza Ariana, ma nonostante il nome simile, la Fratellanza Ariana Universale non ha alcun legame con detta banda. È inoltre estraneo alla United Aryan Brotherhood (anch’essa con sede in Oklahoma).

 

I membri dell’UAB si identificano attraverso distintivi tatuaggi criminali, così come abiti rossi e neri. I simboli della banda consistono nella doppia runa Sig adottata dalle SS, che è utilizzato anche da molti altri gruppi di potere bianco non collegati e organizzazioni neonaziste. Un’ulteriore espressione usata dalla Fratellanza Ariana Universale è il codice numerico «2112» (scritto anche come «21-12»), che fa riferimento alla 21ª lettera dell’alfabeto, «u» per «universale», in combinazione con la prima e la seconda lettere dell’alfabeto (1, 2) che corrispondono ciascuna a «a» e «b» per «ariano» e «brotherhood» («fratellanza»). Allo stesso modo, alcuni membri dell’UAB sfoggiano tatuaggi con le lettere «T.T.B.B.E», un acronimo per la frase «Till The Bitter Bloody End», cioè «fino all’amara fine sanguinaria». Un altro slogan acronimo utilizzato dalla banda è «U.F.F.U.», che significa «Universal Forever, Forever Universal».

 

 

 

 

 

Immagine screenshot da YouTube

 

 

 

Continua a leggere

Droga

Droghe e malattie nell’esercito ucraino: le accuse di Mosca

Pubblicato

il

Da

In un dispaccio del 4 agosto 2022, l’agenzia russa TASS ha riferito che specialisti russi avevano trovato oppiacei ed efedrina in posizioni che erano state precedentemente abbandonate dalle truppe ucraine.

 

«Bisogna prestare particolare attenzione agli stupefacenti, compresi gli oppiacei, trovati nelle posizioni abbandonate dall’esercito ucraino, come metadone, codepsina e codeterp [antitosse a base di codeina, ndr], nonché sostanze efedrine: T-fedrina e trifedrina» aveva detto all’epoca il capo della forza di protezione dalle radiazioni, chimica e biologica dell’esercito russo, il tenente generale Igor Kirillov.

 

Il Kirillov ha fatto notare che il metadone è usato per trattare la tossicodipendenza, come mezzo di terapia sostitutiva. Secondo TASS, Kirillov avrebbe parlato riguardo a studi di specialisti russi avevano trovato marcatori di malattie trovati in campioni biologici e di sangue prelevati da prigionieri di guerra ucraini.

 

Parlando dei militari ucraini prigionieri delle forze russe, Kirillov «ha ricordato che in precedenza erano state trovate alte concentrazioni di antibiotici e marcatori immunologici nel loro sangue, che indicava il contatto con gli agenti causali della febbre con sindrome renale e della febbre del Nilo occidentale, che il Pentagono aveva studiato nell’ambito dei progetti ucraini UP-4 e UP-8».

 

Come riportato da Renovatio 21, il Kirillov nei mesi scorsi si è lungamente occupato della questione dei biolaboratori USA in terra Ucraina.

 

Kirillov ha anche menzionato l’uso di droghe che alterano la mente da parte della Wehrmacht sotto i nazisti e nell’esercito americano in Corea e Vietnam.

 

I nazisti fornirono Pervitin, un tipo di anfetamina, alle truppe per ridurre lo stress, e anche gli Stati Uniti usarono la stessa droga durante le guerre di Corea e Vietnam per i soldati americani. «Tali droghe causano dipendenza e provocano effetti collaterali come l’eccessiva aggressività, il che spiega l’estrema crudeltà nei confronti della popolazione civile da parte di alcuni soldati ucraini, così come i bombardamenti delle città nel Donbass», ha dichiarato il tenente generale Kirillov alla TASS.

 

Come riportato da Renovatio 21, anche il deputato della Duma di Stato di Mosca Konstantin Kosachev, copresidente della commissione parlamentare russa per indagare sulle attività dei biolaboratori ucraini finanziati dagli USA, a luglio aveva dichiarato che i militari ucraini sono stati sottoposti a esperimenti batteriologici nel loro Paese.

 

«L’analisi dei campioni di sangue di quei militari ucraini che sono stati catturati, conferma che per una serie di malattie, comprese quelle atipiche per gli ucraini, il contenuto delle sostanze corrispondenti nel sangue è diverse volte, forse decine di volte superiore alle norme esistenti» ha sottolineato il deputato russo.

 

Nel corso del conflitto si erano rincorse voci di ritrovamenti di ammassi e di laboratori di Captagon, un’anfetamina molto usata in ambito militare, specialmente in Medio Oriente, tanto da essere considerata una droga d’elezione per i jihadisti ISIS.

 

Al momento, si ha certezza solo di un grande sequestro si Captagon la scorsa primavera, ma in Iraq.

 

 

Continua a leggere

Droga

Il fentanil come arma di distruzione di massa

Pubblicato

il

Da

18 procuratori generali di Stati americani hanno scritto una lettera al presidente Biden firmata chiedendo una soluzione «non ortodossa» alla crisi del fentanil della nazione.

 

«Vi chiediamo di considerare di classificare il fentanil illegale come un’arma di distruzione di massa», hanno scritto gli Attorney General a settembre. «In effetti, data la letalità del fentanil, le quantità interdette e sequestrate non sono coerenti con ciò che ci si aspetterebbe dall’attività di traffico di droga e sono indicative di una cospirazione intenzionale per uccidere americani o di uno sforzo per accumulare una pericolosa arma chimica».

 

I firmatari includevano procuratori generali degli stati più colpiti dalle morti per overdose di fentanil, tra cui Florida, Texas, Kentucky e Connecticut. Anche i procuratori generali Jason S. Miyares della Virginia e Patrick Morrisey del West Virginia fanno parte del gruppo.

 

Nel 2022, il fentanil avrebbe ucciso più di 71 mila cittadini americani. L’overdose è oggi la prima causa di morte degli americani di età compresa tra 18 e 45 anni. Come riportato da Renovatio 21, stiamo assistendo anche allo sconvolgente aumento di overdosi tra donne incinte.

 

Secondo i procuratori generali, la designazione dell’oppioide sintetico come arma di distruzione di massa (WMD) coinvolgerebbe maggiormente il Dipartimento della Difesa e il Dipartimento per la Sicurezza Nazionale. «Pensare di arginare il problema in modi diversi e nuovi può interrompere ciò che stanno facendo le compagnie straniere e i cartelli della droga coinvolti o almeno renderlo più costoso o difficile», ha scritto il gruppo di procuratori statali.

 

Non è chiaro se la Casa Bianca abbia dato risposta, tuttavia la proposta si sta scontrando con parte dei democratici che chiedono invece la depenalizzazione del possesso di qualsiasi droga se è per uso personale e lo sgombero delle precedenti condanne per tali reati – inclusi casi con fentanil.

 

«Una designazione di arma di distruzione di massa attiverebbe le risorse federali per interdire il fentanil illecito prima che raggiunga il nostro confine e avveleni le nostre comunità. Obbligherebbe una maggiore cooperazione tra Stati Uniti e Messico. È una risposta proporzionata a una crisi nazionale senza precedenti» scrive un lettore al Washington Post, per protestare contro un articolo dove alla proposta di considerare la droga una WMD si ribatteva con la politica, stantia, pleonastica se non fallimentare, di mettere l’accento sulle cure. «La designazione non impedirebbe a chiunque sia alle prese con un disturbo da uso di sostanze di accedere al recupero. È incoraggiante vedere diminuire lo stigma attorno a strumenti di riduzione del danno come le strisce reattive al fentanil. Se mio figlio Tommy ne avesse avuto accesso nel 2015, probabilmente sarebbe ancora con noi oggi».

 

Come riportato da Renovatio 21, i cartelli della droga messicani portano oltreconfine il fentanil (di fabbricazione cinese) tramite la massa di migranti e pure con incursioni di droni, che utilizzano talvolta pure in versione armata.

 

La pandemia ha portato un aumento delle morti per overdose tale che tra il 2020 e il 2021 si è raggiunta la cifra di 100 mila morti: una vera ecatombe. Già due anni fa era chiarissimo che le morti per droga superavano quelle per il COVID.

 

Il fentanil può provenire da laboratori in Messico che utilizzano sostanze chimiche fornite dalla Cina. Altre volte, pare che il fentanil arrivi direttamente negli USA dalla Cina, addirittura tramite ordini che è possibile piazzare online. I cartelli messicani possono produrre fentanil, ma la materia prima o il prodotto già pronto arriva decisamente dalle coste cinesi.

 

«Dal 2013, la Cina è stata la principale fonte del fentanyl che ha inondato il mercato delle droghe illecite degli Stati Uniti (…) alimentando l’epidemia di droga più mortale nella storia degli Stati Uniti. Sia l’amministrazione Obama che quella Trump hanno dedicato un significativo capitale diplomatico per convincere la Cina a reprimere la fornitura di fentanyl dalla Cina agli Stati Uniti, con la Cina che ha finalmente annunciato nell’aprile 2019 che la produzione, la vendita e l’esportazione di tutti i farmaci di classe fentanyl sono vietate, ad eccezione delle aziende autorizzate a cui il governo cinese ha concesso licenze speciali» scrive un saggio della Brookings Institution intitolato Fentanyl and geopolitics: Controlling opioid supply from China.

 

«Nonostante il fatto che la Cina sia orgogliosa di avere una forte posizione e reputazione antidroga – scriveva nel suo essay Vanda Felbab-Brown – è altamente improbabile che la Cina inizi una cooperazione antidroga con gli Stati Uniti (…) a meno che non inizi a sperimentare la propria epidemia di oppioidi sintetici. Inoltre, il significativo deterioramento delle relazioni USA-Cina potrebbe minare ulteriormente la volontà della Cina di applicare diligentemente il nuovo regolamento sul fentanyl».

 

In poche parole, diventa chiaro a tutti che il traffico di fentanil esiste per volontà cinese. Si tratta di una vera arma biologica stealth lanciata sulla società americana. Uno strumento geopolitico, una bomba che uccide la popolazione avversaria e ne disgrega la società.

 

Parimenti, è difficile non vedere che potrebbe trattarsi di una vendetta contro il mondo angloide, che fece subire al Regno di Mezzo l’orrore delle guerre dell’oppio.

 

Come riportato da Renovatio 21, il Pentagono sta finanziando un vaccino contro il fentanil – si tratterebbe del primo caso di vaccino comportamentale, una porta che si apre su una società del controllo biologico sempre più distopica.

 

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari