Il fondatore di Alibaba Jack Ma è scomparso da 2 mesi

 

 

 

Circa 14 mesi fa, durante un’intervista con Real Vision, l’investitore Kyle Bass, noto critico del Partito Comunista Cinese, aveva predetto che il fondatore del mega-portale di ecommerce Alibaba Jack Ma sarebbe stato fatto «scomparire» da Pechino entro un anno.  Il succo dell’argomentazione di Bass era .

Bass sosteneva che Ma era sopravvissuto alla sua utilità e che Pechino non avrebbe mai tollerato un miliardario con così tanto potere e influenza, sia in patria che in Occidente. L’investitore americano si era sbagliato di pochi mesi.

 

Yahoo Finance ora dice che nessuno ha visto Ma in pubblico da almeno due mesi

Ora sembra che la stampa occidentale si sia appena resa conto del fatto che nessuno ha visto Jack Ma negli ultimi due mesi. La scorsa notte a New York, Yahoo Finance ha finalmente battuto la notizia: Jack Ma è ufficialmente «scomparso».

 

Il Financial Times ha riferito pochi giorni fa che Ma era stato bruscamente sostituito da un dirigente di Alibaba per la registrazione del finale della sua trasmissione Africa’s Business Heroes. Di più: la sua fotografia è stata rimossa dalla pagina web dei giudici del talent show ed è stato chiaramente escluso da un video promozionale.

 

Yahoo Finance ora dice che nessuno ha visto Ma in pubblico da almeno due mesi.

 

 Ma aveva criticato con leggerezza alcuni aspetti del quadro normativo cinese, sostenendo che soffocava l’innovazione.

Ma aveva criticato con leggerezza alcuni aspetti del quadro normativo cinese, sostenendo che soffocava l’innovazione.

 

Il lancio in borsa della società spinoff di Ant Financial (una consociata finanziaria di Alibaba) pareva segnare l’inizio di una spinta «anti-monopolio» contro i giganti tecnologici cinesi che ha martellato le loro azioni (nei mercati continentali e all’estero) e ha ispirato seri preoccupazioni per un’acquisizione da parte dello stato del settore tecnologico fino ad allora indipendente (anche se certamente sottomesso).

 

A seguito di questa quotazione in borsa rovinata, il Partito Comunista Cinese ha ordinato ad Ant Financial di ritirarsi da alcune delle sue attività come parte di una sorta di piano di «rettifica» per impedire all’azienda di crescere ulteriormente.

 

Il Partito Comunista Cinese ha ordinato ad Ant Financial di ritirarsi da alcune delle sue attività come parte di una sorta di piano di «rettifica» per impedire all’azienda di crescere ulteriormente

Molti temono che misure simili possano essere imposte ad altri giganti tecnologici cinesi come Tencent e JD.com.

 

Ovviamente, l’intero episodio rispecchia una spinta anti-trust contro i giganti tecnologici americani lanciata attraverso una serie di cause civili nei tribunali americani presentate dal Dipartimento di Giustizia USA e dai procuratori generali di molti stati.

 

È stato riferito che Ma è un membro del Partito Comunista. Questo, ovviamente, non lo renderebbe immune all’azione penale. In effetti, potrebbe essere usato come scusa per aumentare la punizione che potrebbe ricevere. Inoltre, tutto questo sta accadendo mentre l’UE sta portando avanti un accordo commerciale storico che integrerebbe ulteriormente la sua economia con quella cinese.

Tutto questo sta accadendo mentre l’UE sta portando avanti un accordo commerciale storico che integrerebbe ulteriormente la sua economia con quella cinese

 

Alibaba Group è la piattaforma di commercio tra aziende più grande al mondo. Ha attualmente (dati del primo quarto 2020) circa 117600 dipendenti e un fatturato di 65 miliardi, con quasi 13 miliardi di utile.

 

Ovunque egli sia, ricordiamo Jack Ma, un ex guida turistica della città d’arte Hangzhou concome unica competenza la conoscenza della lingua inglese, come una persona carismatica e determinata, capace davvero di fornire ispirazione, come si vede in questo video girato agli albori del suo progetto, dove pur in una cornice di povertà egli dettagliava il piano di espansione con immensa lucidità.

 

 

 

 

 

 

 

Immagine del World Trade Organization via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 Generic (CC BY-SA 2.0)