Connettiti con Renovato 21

Economia

Il fondatore di Alibaba Jack Ma è scomparso da 2 mesi

Pubblicato

il

 

 

 

Circa 14 mesi fa, durante un’intervista con Real Vision, l’investitore Kyle Bass, noto critico del Partito Comunista Cinese, aveva predetto che il fondatore del mega-portale di ecommerce Alibaba Jack Ma sarebbe stato fatto «scomparire» da Pechino entro un anno.  Il succo dell’argomentazione di Bass era .

Bass sosteneva che Ma era sopravvissuto alla sua utilità e che Pechino non avrebbe mai tollerato un miliardario con così tanto potere e influenza, sia in patria che in Occidente. L’investitore americano si era sbagliato di pochi mesi.

 

Yahoo Finance ora dice che nessuno ha visto Ma in pubblico da almeno due mesi

Ora sembra che la stampa occidentale si sia appena resa conto del fatto che nessuno ha visto Jack Ma negli ultimi due mesi. La scorsa notte a New York, Yahoo Finance ha finalmente battuto la notizia: Jack Ma è ufficialmente «scomparso».

 

Il Financial Times ha riferito pochi giorni fa che Ma era stato bruscamente sostituito da un dirigente di Alibaba per la registrazione del finale della sua trasmissione Africa’s Business Heroes. Di più: la sua fotografia è stata rimossa dalla pagina web dei giudici del talent show ed è stato chiaramente escluso da un video promozionale.

 

Yahoo Finance ora dice che nessuno ha visto Ma in pubblico da almeno due mesi.

 

 Ma aveva criticato con leggerezza alcuni aspetti del quadro normativo cinese, sostenendo che soffocava l’innovazione.

Ma aveva criticato con leggerezza alcuni aspetti del quadro normativo cinese, sostenendo che soffocava l’innovazione.

 

Il lancio in borsa della società spinoff di Ant Financial (una consociata finanziaria di Alibaba) pareva segnare l’inizio di una spinta «anti-monopolio» contro i giganti tecnologici cinesi che ha martellato le loro azioni (nei mercati continentali e all’estero) e ha ispirato seri preoccupazioni per un’acquisizione da parte dello stato del settore tecnologico fino ad allora indipendente (anche se certamente sottomesso).

 

A seguito di questa quotazione in borsa rovinata, il Partito Comunista Cinese ha ordinato ad Ant Financial di ritirarsi da alcune delle sue attività come parte di una sorta di piano di «rettifica» per impedire all’azienda di crescere ulteriormente.

 

Il Partito Comunista Cinese ha ordinato ad Ant Financial di ritirarsi da alcune delle sue attività come parte di una sorta di piano di «rettifica» per impedire all’azienda di crescere ulteriormente

Molti temono che misure simili possano essere imposte ad altri giganti tecnologici cinesi come Tencent e JD.com.

 

Ovviamente, l’intero episodio rispecchia una spinta anti-trust contro i giganti tecnologici americani lanciata attraverso una serie di cause civili nei tribunali americani presentate dal Dipartimento di Giustizia USA e dai procuratori generali di molti stati.

 

È stato riferito che Ma è un membro del Partito Comunista. Questo, ovviamente, non lo renderebbe immune all’azione penale. In effetti, potrebbe essere usato come scusa per aumentare la punizione che potrebbe ricevere. Inoltre, tutto questo sta accadendo mentre l’UE sta portando avanti un accordo commerciale storico che integrerebbe ulteriormente la sua economia con quella cinese.

Tutto questo sta accadendo mentre l’UE sta portando avanti un accordo commerciale storico che integrerebbe ulteriormente la sua economia con quella cinese

 

Alibaba Group è la piattaforma di commercio tra aziende più grande al mondo. Ha attualmente (dati del primo quarto 2020) circa 117600 dipendenti e un fatturato di 65 miliardi, con quasi 13 miliardi di utile.

 

Ovunque egli sia, ricordiamo Jack Ma, un ex guida turistica della città d’arte Hangzhou concome unica competenza la conoscenza della lingua inglese, come una persona carismatica e determinata, capace davvero di fornire ispirazione, come si vede in questo video girato agli albori del suo progetto, dove pur in una cornice di povertà egli dettagliava il piano di espansione con immensa lucidità.

 

 

 

 

 

 

 

Immagine del World Trade Organization via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 Generic (CC BY-SA 2.0)

Continua a leggere

Economia

L’astrolabio degli Hyksos, per uscire dalla notte bancaria

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 pubblica questo articolo del 2012 di Piero Vassallo (1933-2022) dell’autunno 2021 sul tema, ancora oggi tabù, della prospettiva di nazionalizzazione delle banche.

 

 

 

A cominciare dal momento in cui un dolente Antonio Gramsci ammise (nei Quaderni dal carcere) che la maggioranza degli italiani semplici nutriva ideali refrattari al sistema di Karl Marx, l’apparato culturale della sinistra fu severamente impegnato a diffamare e squalificare gli interpreti della tradizione nazionale.

 

Gli autori di fede cattolica e di ovvia cultura controrivoluzionaria, pertanto, furono sepolti, dai quadri intellettuali del PCI, nel cimitero della memoria vergognosa, il medesimo in cui gli antichi egizi avevano nascosto gli odiati Hyksos.

 

Hyksos di complemento furono giudicati anche gli italiani sconfitti nella seconda guerra mondiale e perciò rinchiusi all’interno delle parentesi marmoree scolpite dal liberale filosofante Benedetto Croce.

 

Degli italiani innominabili, giacenti fra le parentesi alzate dal filosofo di Pescasseroli, è emblema il fratello, minore e vergognoso del celebre Antonio, camicia nera Mario Gramsci, ostinato combattente di tre guerre vinte e di una perduta e federale del deprecato partito fascista repubblicano in Varese.

 

La storia, in breve. Reduce dai fronti della prima guerra mondiale, il fratello innominabile aderì al fascismo nel 1921 e pertanto fu selvaggiamente affrontato e bastonato a sangue dai compagni dell’illustre Antonio.

 

Nel 1935, dimenticate le pedagogiche e fraterne percosse, Mario fece pressione su Benito Mussolini perché al fondatore del PCI fosse concessa la libertà condizionata (in seguito definitiva) e l’opportunità di curare in un’attrezzata clinica romana la malattia che lo affliggeva.

 

Gli storici rispettosi tacciono elegantemente, ma Antonio Gramsci, a seguito dell’intervento del bieco duce, morì in libertà, assistito da medici qualificati e da premurosi familiari.

 

Diversa la sorte di Mario Gramsci, che nel 1943 aderì purtroppo alla RSI. Catturato dai partigiani fu picchiato e torturato quindi consegnato agli inglesi, che lo deportarono in un campo di concentramento democratico.

 

Quando gli educatori inglesi accertarono che le condizioni di salute di Mario erano disperate lo rimpatriarono in fretta e furia. Anonimo fra gli anonimi, Mario morì in Italia nel dicembre del radioso 1945.

 

Il presente saggio è scritto per rivendicare il diritto alla memoria degli Hyksos pensanti con o senza camicia nera.  E per sollecitare, con motivata insistenza, il riconoscimento del diritto di cercare, nei proibiti libri firmati dagli Hyksos, le idee vincenti sulla crisi del 1929.

 

Estratto dalle crociane parentesi, il programma proibito può soccorrere gli affannati ricercatori di una via d’uscita dal presente, che è segnato dal  drammatico collasso dell’economia liberale e/o di specchio.

 

Nel solco della tradizione interpretata dalla destra che non c’è più, è proposto infine uno scandaloso scritto sui pensieri occultamente hyksos, che, nel secondo dopoguerra, hanno ispirato il principale autore del miracolo italiano, il professore Amintore Fanfani.

 

Il miracolo, infine, fu speronato e affondato da un panfilo, il Britannia, che era adibito al trasporto delle presenti sciagure.

 

Un temerario aspirante alla squalificata identità hyksos, il professore Giulio Tremonti, sostiene che «la globalizzazione è stata una pazzia – fatta da pazzi autentici, illuminati fanatici».

 

Il disordine causato dal mercato globale, la fatale inclinazione del sistema mercatista a produrre recessioni e carestie, sono implicitamente annunciati dall’elenco (stilato dall’incauto Tremonti) dei replicanti, intesi a rilanciare la mitologia intorno alla mano magica del mercato: «i liberali  drogati dal successo appena ottenuto nella lotta contro il comunismo; i post-comunisti divenuti liberisti per salvarsi; i banchieri travestiti da statisti; gli speculatori-benefattori; e i più capaci pensatori di questo tempo, gli economisti, sacerdoti e falsi profeti del nuovo credo». (Giulio Tremonti, La paura e la speranza.  Europa: la crisi globale che si avvicina e la via per superarla, Mondadori, Milano 2008).

 

Tremonti rammenta altresì che alla lucida follia dei globalizzatori si è aggiunta la fulminante cupidigia dei banchieri americani, che il presidente Bill Clinton aveva sciolto dal guinzaglio di una buona legge:

 

«Nel 1999 il presidente Clinton abroga la legge – voluta dal presidente democratico Franklin Delano Roosevelt – legge che vietava alle banche  di speculare. La legge diceva: Se tu usi il risparmio dei cittadini lo puoi impiegare per dare soldi alle famiglie, ai lavoratori, all’industria, alle comunità, non per giocare in borsa. Se vuoi giocare in borsa lo fai con i soldi tuoi. Clinton abolisce quella legge e autorizza le banche a fare quello che vogliono».

 

L’associazione dei due fattori di disordine scatenati dall’oligarchia liberale – la globalizzazione incontrollata e la cieca avidità dei banchieri & gabellieri – hanno generato la crisi, che sta devastando l’economia occidentale.

 

La festa italiana, celebrata dagli svenditori democristiani imbarcati sul panfilo Britannia intanto è finita. Ai politici di cultura cattolica, adesso s’impone l’arduo compito di chiudere, senza pentimenti, la scena liberale allestita dagli entusiasti ruggenti intorno alla catastrofe del sistema comunista.

 

La fonte del cattolicesimo liberale, non è inutile rammentarlo, sta nei saggi scritti dal democristiano Jacques Maritain durante il soggiorno negli Stati Uniti. Saggi non a caso apprezzati dal cattoliberale Michael Novak e valorizzati quali scongiuri da lanciare contro la tentazione rappresentata dall’economia mista concepita e attuata dagli Hyksos con felici esiti.

 

La ferocia della crisi in atto consiglia invece di fare un passo indietro e di rilanciare la magistrale lezione di Pio XI sulle cause ideologiche delle depressioni, che periodicamente sconvolgono le economie governate dalla mano magica del mercato. Senza dimenticare la fonte illuministica e signorile della mitologia liberale.

 

Stabilito che le massime del liberalismo vacillavano per effetto dell’implosione della borsa di Wall Street (1), Pio XI nella Quadragesimo anno, affermò che dalla superstiziosa sopravvalutazione del mercato «come da fonte avvelenata, sono derivati tutti gli errori della scienza economica individualistica, la quale, dimenticando o ignorando che l’economia ha un suo carattere sociale non meno che morale, ritiene che l’autorità pubblica la dovesse stimare e lasciare assolutamente libera a sé, come quella che nel mercato o libera concorrenza doveva trovare il suo principio direttivo o timone proprio secondo cui si sarebbe diretta molto più perfettamente che per qualsiasi intelligenza creata».

 

Il coraggioso pontefice affermò di conseguenza che «il retto ordine dell’economia non può essere abbandonato alla libera concorrenza delle forze» e concluse il suo ragionamento riconoscendo la necessità inderogabile che la giustizia sociale fosse garantita dalla legge dello Stato: «è necessario che questa giustizia sia davvero efficace, ossia costituisca un ordine giuridico e sociale a cui l’economia tutta si conformi».

 

Pio XI, di conseguenza, approvava senza riserve l’intervento della politica degli Hyksos italiani, intesi a disciplinare la libertà del mercato e a correggerla instaurando quell’economia mista che fece uscire l’Italia dalla crisi causata nel 1929 dagli speculatori di Wall Street.

 

Di qui la sconfessione dell’utopia mercantilista e il conseguente successo della scienza economica italiana.

 

La soluzione approvata da Pio XI convinse Amintore Fanfani, giovane professore dell’Università cattolica del Sacro Cuore, ad avviare uno studio approfondito sui rapporti tra morale cattolica ed economia.

 

Il risultato della ricerca intrapresa da Fanfani fu Cattolicesimo e protestantesimo nella formazione storica del capitalismo, un magistrale saggio pubblicato nel 1933 dalla casa editrice Vita e Pensiero.

 

Fanfani, dopo aver dimostrato che la modernizzazione dell’economia non fu avviata dai riformatori luterani e calvinisti ma dai mercanti cattolici attivi nella Firenze del Trecento, sostiene che il capitalismo può convivere e di fatto ha convissuto felicemente con la morale prevalente nelle società fondata sui realistici princìpi del cattolicesimo (2).

 

Quale benefico effetto della morale cattolica sull’economia, Fanfani citava la proibizione dell’usura: «La preoccupazione del rispetto della morale in questo campo prende talmente il sopravvento da indurre per lungo tempo i moralisti ad incoraggiare di sopperire alle necessità della vita economica non già con il semplice mezzo del prestito, ma con il ricorso alla formazione di società. Così si antepone ad una soluzione economicamente razionale quale è quella del prestito, una soluzione razionale anche moralmente quale è quella dell’associazione. Esempio questo d’evidenza solare, della subordinazione che per lo spirito cattolico hanno i problemi economici a quelli morali». (3)

 

Coerentemente la teoria di Fanfani esclude che il cattolicesimo respinga la razionalizzazione economica o che la voglia compiere secondo principi estranei all’ordine economico, «ma si è che il cattolicesimo ritiene che tale razionalizzazione deve avere dei limiti negli altri principi ordinatori della vita».

 

Pertanto «il cattolicesimo non può accogliere quella organizzazione sociale in cui riceve piena sanzione di legalità l’interesse predominante, prescindendo dalle sue relazioni positive o negative collo scopo della società, dello Stato, dell’uomo cattolicamente inteso».

 

La morale degli hykos cattolici costituisce dunque l’unica via al superamento della morale dimezzata e inquinata dal liberalismo, un’ideologia che ha giustificato guerre pedagogiche, piraterie, usure, schiavismo e sfruttamento dei lavoratori, in vista di successi che puntualmente si rovesciano in tragiche carestie.

 

La conferma di tale conclusione si legge nel miracolo economico italiano, ottenuto negli anni Sessanta da un sistema di economia mista, puntellato da istituti assistenziali e previdenziali fondati dalla calunniata lungimiranza degli Hyksos.

 

La decrepitezza dell’ideologia liberale e cattoliberale e la cecità del pensiero socialista si misura dalla proposta di abolire l’IRI e dalla motivazione antifascista degli oppositori democristiani a Fanfani.

 

Il giro degli anni che ha riportato l’Italia alla miseria regnante prima del miracolo economico, da Giano Accame definito cripto fascista, consiglia la rivisitazione delle teorie censurate dalla banca mangia uomini e dal delirio di scuola liberista.

 

 

Piero Vassallo

 

 

NOTE

1)Nel 1929 la mano magica del mercato gettò sul lastrico milioni di americani. Per risollevare la loro sorte il presidente Franklin Delano Roosevelt fu costretto ad adottare provvedimenti ispirati da princìpi hyksos, irriducibili alla venerata mitologia liberale.

2) Negli anni Novanta, l’economista Giuseppe Palladino, in continuità con Fanfani, rammenterà che «il capitalismo italiano, storicizzato alla luce dell’etica e della teologia morale dei canonisti, fece di anguste aree della Toscana e di altre plaghe del Nord Italia, le terre più prospere del mondo di quel tempo» (citato da Normanno Malaguti, cfr. La moneta debito, Il Cerchio, Rimini 2012). Di recente l’economista Flavio Felice ha confermato la tesi fanfaniana rammentando che «se per capitalismo intendiamo un modello di produzione fondato sul ruolo positivo svolto dalle imprese, dal mercato, dalla proprietà privata e dal libero, responsabile e creativo agire della persona, ancorata ad un saldo sistema giuridico e ad un chiaro orizzonte ideale, al centro del quale è posta l’opera del più affascinante, raffinato e prezioso fattore di produzione: il capitale umano, credo che sia difficile non cogliere proprio nella tradizione greca, romana ed infine cristiana, le radici stesse del capitalismo».

3) Cattolicesimo e protestantesimo nella formazione storica del capitalismo, Marsilio, Venezia 2005, pag. 111.

 

 

 

PER APPROFONDIRE

Abbiamo parlato di


In affiliazione Amazon

Continua a leggere

Economia

La Germania riapre le centrali a carbone

Pubblicato

il

Da

Un disegno di legge del governo per riaprire le vecchie centrali a carbone tedesche sarà votato alla camera alta del Bundesrat l’8 luglio, tre giorni prima della prevista chiusura del Nord Stream 1 per lavori di manutenzione.

 

I lavori dovrebbero continuare per 10 giorni, ma a quanto pare Berlino teme che Gazprom farà pagare il dovuto ad una nazione cobelligerante come la Germania,

 

La riapertura delle vecchie centrali a carbone dovrebbe consentire di continuare a immagazzinare gas per l’inverno durante l’estate, ha affermato il 30 giugno il ministro dell’Economia verde Robert Habeck in una conferenza della Süddeutsche Zeitung. «Per questo ci sarà la legge per avviare centrali elettriche a carbone nel momento in cui iniziano i lavori di manutenzione sul Nord Stream 1».

 

Come noto, la settimana scorsa il vicecancelliere Habeck – che ripete che vi saranno disordini sociali quest’autunno a causa dei tagli del gas russo – la settimana scorsa ha attivato lo Stato di emergenza energetica.

 

Come riportato da Renovatio 21, l’incubo del blackout a causa del taglio delle importazioni di gas (e di carbone) dalla Russia ha spinto la Germania verso la tentazione del nucleare, con la richiesta concreta del ministro delle Finanze di sospendere l’uscita dall’atomo prevista per la fine di quest’anno. Un Paese limitrofo, l’Olanda, starebbe già prendendo decisioni in questo senso. Gazoprom aveva sospeso l’invio di gas naturale nei Paesi Bassi un mese fa.

 

I consumi di energia sono oramai fuori controllo, con costi impossibili per cittadini e imprese tedeschi.

 

Il vecchio piano verde di Angela Merkel, la conversione del Paese alle rinnovabili, a questo punto possiamo dire che è sepolto per sempre. E non da risate: dal dolore di un Paese che va verso la decrescita infelice.

 

 

 

Continua a leggere

Economia

La Russia contro criptovalute e riciclaggio

Pubblicato

il

Da

La Russia sta metodicamente passando al setaccio su tutti gli aspetti della sua economia e del suo sistema finanziario, per prepararsi alla guerra economica lanciatale contro dall’Occidente per tramite delle continue sanzioni.

 

L’ultimo di questi passaggi è stato discusso ieri in un incontro tra il presidente russo Vladimir Putin e il direttore del Servizio federale per il monitoraggio finanziario Yury Chikhanchin. La conversazione è riportata sul sito ufficiale del Cremlino.

 

Putin ha iniziato l’incontro affermando: «Signor Chikhanchin, di solito ascoltiamo la parte principale del tuo rapporto a porte chiuse, ma so che lei vuole iniziare con i vostri sforzi per contrastare il riciclaggio di denaro».

 

Chikhanchin ha quindi passato in rassegna il difficile compito di «sviluppare il servizio antiriciclaggio nelle nuove condizioni», soprattutto a livello internazionale, nell’ambito della Financial Action Task Force (GAFI) di cui la Russia è membro, ma «alcuni Stati stanno cercando di escludere la Russia dal GAFI».

 

Il presidente Putin si è chiesto ad alta voce: «Come faranno a combattere il riciclaggio di denaro in una situazione del genere? Senza la nostra partecipazione?»

 

Chikhanchin ha risposto: «Questo è quello che stiamo dicendo loro: distruggerete l’intero sistema… Anche alcuni Paesi del gruppo Egmont, che unisce i servizi di Intelligence finanziaria di quasi 180 stati, sono cercando di disconnetterci dai canali di comunicazione».

 

Il direttore del Servizio federale per il monitoraggio finanziario ha riferito che «le operazioni con i Paesi ostili sono precipitate di circa l’80%; mentre le attività congiunte con i Paesi del sud-est asiatico, del mondo arabo e dell’Asia centrale sono triplicate. La Russia continua a lavorare a stretto contatto con l’ONU, la SCO, i BRICS e altri gruppi».

 

Il Chikhanchin ha quindi preso di mira in particolare la questione delle criptovalute:

 

«Vorrei spendere due parole sul trading di criptovalute, che, purtroppo, continua senza sosta. Diverse centinaia di migliaia di cittadini russi partecipano a transazioni su due borse con un fatturato stimato in decine di miliardi. Possiamo vedere che c’è di più oltre alle transazioni e alle transazioni speculative e che coinvolge anche il traffico di droga, il finanziamento del terrorismo e dell’estremismo, la criminalità informatica, etc.»

 

Come riportato da Renovatio 21, la Russia da mesi sta perseguendo una politica ostile al Bitcoin e agli scambi cripto. Altri Paesi del BRICS, come India e Cina, stanno seguendo con la medesima animosità contro il sistema delle criptovalute, accusate di essere uno schema Ponzi che minaccia la sovranità finanziaria di un Paese.

 

Le criptovalute, crollate di recente, costituivano una bolla maggiore a quella dei mutui subprime nel 2007-2008.

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari