Connettiti con Renovato 21

Protesta

Trudeau usa la «guerra finanziaria totale» contro i camionisti

Pubblicato

il

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense.

 

 

Il primo ministro canadese Justin Trudeau ha invocato l’Emergencies Act, conferendo al governo l’autorità legale di identificare e sequestrare i conti bancari di manifestanti pacifici.

 

 

Con una mossa che gli conferisce «ampi poteri», il primo ministro canadese Justin Trudeau ha invocato – per la prima volta nella storia – l’Emergencies Act in risposta a quella che il commentatore politico Krystal Ball ha definito una protesta «praticamente completamente pacifica».

 

Tali poteri includono il conferimento alle banche canadesi della possibilità, senza un ordine del tribunale, di «congelare o sospendere immediatamente i conti» di tutti i canadesi che hanno donato 25 dollari o più ai conti di raccolta fondi del convoglio di camionisti.

 

In un episodio di Breaking Points With Krystal and Sagaar, il co-conduttore della Ball, Saagar Enjeti, ha affermato che anche il governo canadese «sequestrerà tutti i fondi destinati alle proteste, inclusa le criptovalute».

 

Con i poteri concessi al governo dall’Emergencies Act «non solo possono sequestrare e sospendere per sempre la tua patente, ma possono anche andare a prelevare denaro dal conto bancario del proprietario del camion», ha detto Enjeti.

«Stiamo guardando a una vera e propria guerra finanziaria contro i camionisti»

 

«Quindi stiamo guardando a una vera e propria guerra finanziaria contro i camionisti».

 

Non tutti i leader canadesi sono d’accordo con questa mossa drastica, ha affermato Ball, indicando un articolo di Reuters secondo cui i premier di Alberta, Manitoba e Saskatchewan si sono opposti alla mossa. Anche il Premier del Quebec François Legault si è opposto alla mossa, affermando di temere che avrebbe “gettato olio sul fuoco”, secondo la Montreal Gazette.

 

Il War Measures Act, il predecessore dell‘Emergences Act di Trudeau, è stato utilizzato l’ultima volta nel 1970, quando i separatisti del Quebec rapirono diplomatici francesi e canadesi e ne uccisero uno.

 

«Quindi quella è stata l’ultima volta che è stato invocato qualcosa di simile», ha detto Ball.

 

«Avete qui il primo ministro canadese, che è il nostro vicino del nord, che invoca l’Emergencies Act, dichiarando guerra finanziaria ai suoi stessi cittadini e sospendendo le libertà civili… in una società apparentemente libera e aperta», ha detto Enjeti.

Se questo sta accadendo nel tuo Paese, «tu chiaramente non vivi in ​​un Paese libero»

 

Se questo sta accadendo nel tuo Paese, «tu chiaramente non vivi in ​​un Paese libero», ha affermato.

 

Nel frattempo, le organizzazioni canadesi per la libertà civile denunciano la repressione di Trudeau sui manifestanti pacifici e il blocco del confine al confine tra Montana e Alberta è giunto al termine.

 

Le ultime:

  • Il Justice Centre for Constitutional Freedoms si è opposto alla dichiarazione di emergenza nazionale di Trudeau. L’organizzazione ha rilasciato una dichiarazione definendo «l’uso dei poteri di emergenza ingiustificato dai fatti e dalla realtà di Ottawa».

 

  • L’ emittente Fox News Tucker Carlson ha paragonato l’Emergencies Act alla «legge marziale» dicendo che «la democrazia in Canada è finita».

 

  • Il capo della polizia di Ottawa si è dimesso dopo essere stato criticato «per non aver fatto abbastanza» per fermare le proteste dei camionisti, secondo Reuters .

La Polizia provinciale dell’Ontario e la Royal Canadian Mounted Police hanno già sanzionato 34 portafogli di criptovalute legati alle proteste dei camionisti.

 

 

  • Secondo l‘Emergencies Act, il governo canadese e le forze dell’ordine possono obbligare «coloro in grado di fornire servizi essenziali» o, in altre parole, ordinare legalmente ai conducenti di camion di spostare i veicoli che bloccano le strade, secondo CTV News.

 

  • In preparazione per l’applicazione dell’Emergences Actl’Associated Press ha riferito che le forze dell’ordine hanno iniziato a emettere biglietti e chiedere ai camionisti di lasciare la capitale altrimenti rischiano di essere arrestati. Alcuni camionisti hanno strappato i biglietti e gridato: «Non tornerò mai a casa!» Un manifestante è stato arrestato.

 

Il blocco del confine anti-obbligo tra Coutts, Alberta e Montana è ufficialmente giunto al termine, secondo Rebel News.

 

«Noi come convoglio Coutts abbiamo deciso che, come protesta pacifica e per mantenere questa narrativa, partiremo martedì mattina», ha detto a Rebel News un portavoce dei camionisti.

 

Lunedì sera la polizia ha arrestato 11 persone coinvolte nel blocco del confine di Coutts. Intanto la protesta a Ottawa continua.

 

 

Lo staff di The Defender

 

 

© 16 febbraio 2022, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

 

Immagine screenshot da Youtube

Continua a leggere

Protesta

Partita la protesta degli allevatori tedeschi

Pubblicato

il

Da

Un enorme convoglio di agricoltori con circa 400 trattori è arrivato a Bonn lunedì 15 agosto.

 

La protesta ha circondato il Ministero Federale dell’Agricoltura che si trova ancora nella vecchia capitale della Germania Ovest.

 

Gli agricoltori protestano contro la cosiddetta politica «climatica» UE, che sta dettando misure che mirano, oramai è chiaro a tutti, proprio a chiudere le fattorie e tagliare la produzione alimentare.

 

Gli agricoltori e gli allevatori tedeschi manifestano in solidarietà con gli agricoltori olandesi, che stanno protestando contro le politiche di chiusura del loro governo, che ha persino un ministero per la riduzione dell’azoto (!)

 

La manifestazione fuori dal ministero di Bonn è stata, tra allevatori e simpatizzanti, davvero imponente.

 

Tra i tanti cartelli esposti, uno scriveva semplicemente «Siamo di nuovo qui», con riferimento alle precedenti proteste massive inscenate dagli agricoltori  nel febbraio 2020.

 

Un altro cartello: «niente agricoltori, niente cibo, niente futuro». E ancora, esplicito: «l’ideologia verde ha messo in ginocchio gli agricoltori».

 

La protesta si concentra sull’ordine della Commissione europea di ridurre drasticamente i pesticidi chimici entro il 2030: ecco quindi un trattore che brandisce un cartello con la scritta: «Il divieto di protezione delle piante metterà in pericolo la sicurezza alimentare».

 

Gli agricoltori tedeschi stanno pianificando una manifestazione nazionale che inizierà il 26 agosto a Berlino e hanno indetto una manifestazione di «365 giorni», che non si fermerà fino a quando gli obblighi verdi non saranno revocati.

 

Come riportato da Renovatio 21, la protesta dei contadini ed allevatori tedeschi andava preparandosi da settimane., trascinando con sé agitazioni nel settore primario di tutta Europa.

 

In Olanda, come abbiamo visto da immagini impressionanti, la polizia è arrivata a sparare sui trattori dei farmer in protesta. Al contempo, un supermercato biologico specializzato nelle consegne rapide dei prodotti (stile Amazon) e finanziato, tra gli altri, da Bill Gates ha subito un incendio.

 

Come riportato da Renovatio 21, c’è movimento anche oltreoceano, dove a fine luglio la più grande associazione di allevatori di bovini, R-CALF, ha espresso il suo sostegno alla lotta degli olandesi.

 

 

 

Immagine screenshot da Odysee

 

Continua a leggere

Economia

«Proteste di massa e rivolte», il governo tedesco pronto per i razionamenti energetici e la repressione degli «estremisti»

Pubblicato

il

Da

Funzionari della Repubblica Federale Tedesca avvertono che adotteranno misure estreme di razionamento dell’energia, oltre che misure per contenere  gli «estremisti» potenzialmente in grado di alimentare disordini nazionali quando la situazione questo autunno peggiorerà.

 

Il ministro dell’Economia e vicecancelliere tedesco Robert Habeck – l’uomo che in precedenza aveva invitato i cittadini a ridurre il riscaldamento e il tempo sotto la doccia – ha annunciato venerdì che gli edifici pubblici in tutto il paese non Potranno impostare il riscaldamento sopra i 19 gradi questo autunno. Saranno fatte eccezioni per gli ospedali e le «strutture sociali».

 

In un’intervista al quotidiano Suddeutsche Zeitung, l’Habeck ha affermato che le nuove normative faranno parte della nuova legge sulla sicurezza energetica, aggiungendosi ai divieti precedentemente annunciati sul riscaldamento delle piscine private. Come riportato da Renovatio 21, l‘acqua calda è stata vietata negli edifici pubblici della città di Hannover.

 

Inoltre, edifici e monumenti non saranno più illuminati di notte e ci saranno dei limiti all’illuminazione dei segnali pubblicitari, mentre «sono necessari maggiori risparmi anche nell’ambiente di lavoro», ha aggiunto il vicecancelliere, che già il mese scorso aveva dichiarato che avrebbe dato la priorità di distribuzione energetica alle aziende prima che alle famiglie.

 

Le dichiarazioni di razionamento energetico di Habeck arrivano pochi giorni dopo che il capo dell’ente regolatore della rete tedesca, l’ideologo dei Verdi Klaus Mueller, aveva affermato che le famiglie tedesche avrebbero bisogno di tagliare il 20% del loro normale consumo di energia per evitare la carenza di gas entro dicembre. Come riportato da questo sito, la bolletta delle famiglie energetiche potrebbe arrivare a 3000 euro.

 

«Se non risparmiamo molto e otteniamo carburante extra, avremo un problema», aveva detto il Mueller al Welt am Sonntag in un’intervista la scorsa settimana.

 

La situazione si ingenera ovviamente a causa della dipendenza del Paese dall’energia russa, condizione entrata in conflitto con le sanzioni anti-Mosca, con conseguente aumento dei prezzi  a causa della diminuzione delle forniture russe di gas naturale all’Europa.

 

Non si tratta, tuttavia, solo della minaccia del freddo nelle case e nei luoghi di lavoro – una previsione a tal punto concreta che la Germania sta istituendo «hub di riscaldamento» per gli «sfollati energetici». I funzionari tedeschi hanno fatto capire da tempo che si stanno preparando per i disordini civili che arriveranno in autunno.

 

In un’intervista con ZDF , il direttore del servizio di Intelligence del Land della Turinga Stephan Kramer ha ammonito riguardo al fatto che le proteste «legittime» per la crisi energetica potrebbero essere «dirottate dagli estremisti».

 

Qui a Renovatio 21 conosciamo bene il ritornello. Bisogna poi capire anche da dove vengono, questi «estremisti», non di rado piazzati dagli stessi servizi per poi screditare la protesta e cancellare le manifestazioni.

 

Kramer ha affermato che i funzionari si stavano preparando alle proteste per «carenza di gas, problemi energetici, difficoltà di approvvigionamento, possibile recessione, disoccupazione, ma anche per la crescente povertà fino alla classe media», aggiungendo che gli «estremisti» includerebbero i Querdenker («pensatori laterali») ossia coloro che si sono mobilitati contro le restrizioni pandemica (e che hanno già preso tante botte dalle autorità), più i classici, non meglio specificati «attivisti di destra».

 

«È probabile che ci troveremo di fronte a proteste e rivolte di massa», ha continuato il capo dei servizi segreti della Turingia. «Abbiamo a che fare con uno stato d’animo altamente emotivo, aggressivo e pessimista per il futuro nella società, la cui fiducia nello stato, nelle sue istituzioni e negli attori politici è piena di enormi dubbi».

 

«Questo stato d’animo altamente emotivo ed esplosivo potrebbe facilmente degenerare”, ha continuato il Kramer, aggiungendo che gli scontri alle manifestazioni COVID «probabilmente sembrerebbero più una festa di compleanno per bambini» in confronto. Meglio ricordare che quelle «feste di compleanno per bambini» a Berlino finirono per interessare perfino il relatore ONU sulla tortura Nils Melzer, tanta fu la violenza scatenata dalla Polizei contro i manifestanti.

 

Kramer offre un monito agli aspiranti partecipanti, un monito che è ovviamente un’augurio per il potere che serve e al contempo una minaccia per il cittadino: «pensa bene a quali proteste e manifestazioni ti unisci, o meglio starne alla larga del tutto, per non sostenere i nemici della democrazia».

 

Come ha ben detto Nils Melzer dopo le violenze di un anno fa a Berlino, siamo in un’era dove «le autorità considerano il proprio popolo come nemico».

 

Non possiamo dire che il governo goscista al potere in Germania non si stia preparando alla repressione.

 

Come riportato da Renovatio 21, il vicecancelliere verde Habeck ha parlato diverse volte delle future rivolte civili il prossimo autunno quando il taglio del gas russo produrrà i suoi effetti più devastanti sulla vita del comune cittadino tedesco. Due settimane fa anche il capo dell’agenzia di sicurezza e Intelligence dell’Austria, Omar Haijawi-Pirchner, ha dichiarato possibili rivolte nel Paese a causa della crisi energetica.

 

Il governo tedesco da tempo sta lanciando strani avvertimenti, perfino criminalizzando le proteste contro l’inflazione, che però non sono ancora avvenute.

 

I lettori di Renovatio 21 sanno che la situazione potrebbe scendere di livello: sempre in Turingia, il ministro dell’Interno del Land ha avanzato l’ipotesi della confisca delle armi legalmente detenute da cittadini simpatizzanti di movimenti e partiti come Alternative fuer Deutschland.

 

La storia insegna cosa segue al disarmo del popolo da parte dell’autorità in un periodo di tensione.

 

Quindi: se la «locomotiva» finisce nel caos, cosa ne sarà dell’Europa?

 

Continua a leggere

Protesta

Sri Lanka, i manifestanti abbandonano i siti della protesta

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 pubblica questo articolo su gentile concessione di AsiaNews. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

Dopo una serie di arresti, gli attivisti hanno abbandonato in autonomia il parco urbano Galle Face Green. Alcuni sottolineano la necessità di cambiare strategia contro Ranil Wicremesinghe. Il nuovo presidente è accusato di aver avuto un ruolo nelle torture contro i comunisti tra il 1988 e il 1989.

 I manifestanti dell’Aragalaya, la «lotta» contro il governo dello Sri Lanka, hanno ritirato le quattro petizioni depositate presso la Corte d’appello in merito all’ordine di sgombero emanato dall’esecutivo nei giorni scorsi.

 

La polizia locale aveva ordinato di liberare il sito entro il 5 agosto, mentre il procuratore generale aveva comunicato che le strutture non autorizzate sarebbero state rimosse entro il 10 agosto.

 

Ieri i manifestanti che occupavano il parco urbano Galle Face Green, vicino ai palazzi istituzionali della capitale, hanno abbandonato in autonomia il luogo della protesta, dopo aver tenuto una commemorazione per le persone sacrificatesi per la causa nei mesi scorsi.

 

Pochissime le tende rimaste e le persone che hanno dichiarato che non lasceranno il luogo.

 

«Dopo aver ottenuto il gas la gente si è dimenticata della corruzione e dei soldi rubati», hanno raccontato ad AsiaNews alcuni attivisti. «Siamo rimasti un po’ in disparte perché le nostre vite sono in gioco per la lotta per la nazione. Molti ci hanno detto di accettare la vittoria di aver cacciato Gotabaya Rajapaksa».

 

L’ex presidente dello Sri Lanka dovrebbe volare in Thailandia da Singapore. Il 9 luglio i manifestanti avevano preso d’assalto e occupato la residenza presidenziale, determinandone la fuga.

 

Diversi manifestanti hanno sottolineato la necessità di cambiare strategia: «Il modo utilizzato per cacciare la famiglia Rajapaksa non è adatto per Ranil», hanno spiegato altri, riferendosi al nuovo presidente Ranil Wickremesinghe, accusato di una dura repressione contro i manifestanti. Le autorità locali sostengono che i recenti arresti siano stati condotti solo contro chi ha violato la legge.

 

I leader religiosi di tutte le confessioni l’8 agosto hanno tenuto una protesta silenziosa contro gli arresti e i rapimenti da parte del governo. «Questa situazione in Sri Lanka ci ricorda che il Paese sta tornando a essere pieno di violenza come in passato», ha detto padre Rohan Silva, direttore del Centro per la religione e la società.

 

«L’attuale presidente si è guadagnato la cattiva fama di “assassino di Batalanda”», ha aggiunto il sacerdote.

 

Wickremesinghe è accusato di aver avuto un ruolo nei fatti legati al centro di detenzione di Batalanda, dove tra il 1988 e il 1989 sono state torturate e uccise decine di migliaia di persone appartenenti al Janatha Vimukthi Peramuna, un gruppo comunista militante.

 

Una commissione di governo che ha indagato sui crimini commessi nella prigione raccomandava di privare Wickremesinghe dei diritti civili impedendone la candidatura a incarichi politici.

 

Nessun governo dello Sri Lanka ha mai intrapreso azioni legali al riguardo.

 

 

 

Invitiamo i lettori di Renovatio 21 a sostenere con una donazione AsiaNews e le sue campagne.

 

 

 

Renovatio 21 offre questo articolo per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Immagine da AsiaNews

 

 

Continua a leggere

Più popolari