Connettiti con Renovato 21

Civiltà

La grande manovra tribale per la distruzione della classe media

Pubblicato

il

 

 

Avrete visto tutti il video di quella ragazza ligure, titolare di una panetteria, che scoppia in lacrime perché oramai certa di non poter riaprire più. Il video è stato condiviso ovunque, ed è solo l’eco di tante grida di imprenditori e partite IVA intorno che sento intorno a me.

 

In breve, stiamo cominciando a capire tutti che i mirabolanti 750 miliardi promessi da Conte non sono altro, in ultima analisi, che un trasferimento ulteriore di danaro dal privato al pubblico.

 

La cosa mica è nuova: era implicitamente invocata da Monti ed è perfino oggi rivendicata apertis verbis dalla Fornero («prima o poi sarà necessario un intervento straordinario, una forma di trasferimento dalla ricchezza privata alla riduzione del debito pubblico»). On connait la chanson: sono le omelie sui troppi risparmi degli italiani a fronte del debito pubblico da ripianare come da diktat di Bruxelles, Francoforte e dei «mercati». Ce lo chiede la finanza, ce lo chiede l’Europa di mettervi le mani in tasca.

 

I 750 miliardi promessi da Conte non sono altro che un trasferimento ulteriore di danaro dal privato al pubblico

Ragioniamo: le centinaia di miliardi di Conte non sono uno stimolo fatto da una Zecca indipendente, denaro «fiat», non sono un piano Marshall. Sono prestiti.

 

A differenza del pur pessimo Emmanuel Macron, che a Marzo annunziava a reti unificate di rinviare le tasse a tutti gli imprenditori che lo volessero, in Italia una simile proposta non è stata presa in considerazione. C’è stato il balletto dell’IVA offerto dal Ministro Gualtieri: comunicato stampa il venerdì sera alle 18:30 per dire che il saldo IVA era rinviato a tempo indeterminato, quando la scadenza era lunedì, e i commercialisti già a casa in famiglia. Molti avevano già pagato, perché l’italiano spesso è certosino e teme le multe draconiane del fisco, e ora pure i server della pubblica amministrazione (caso INPS). A questa enorme presa per i fondelli, si aggiunge il fatto che lo slittamento è stato poi deciso di pochi giorni..

 

C’est-à-dire: le tasse non sono rinviate per alleviare il disastro coronavirale abbattutosi sulle imprese. Sono state spostate di qualche giorno…

 

Molti  finiranno per cascarci, e indebitarsi, sorvolando sulla logica che un danno immenso prodotto da chi non ha saputo difenderci non dovrebbe essere risolto con il nostro indebitamento

Ora, se questo è il pattern, è chiaro che una certa porzione di quei miliardi finiranno impegnati a pagare le tasse. Si tratta insomma di un rifinanziamento dello Stato tramite i risparmi privati contenuti nelle banche. Le quali banche, almeno sentendo le dichiarazioni del presidente dell’Associazione Banche Italiane Antonio Patuelli, non paiono essere state così coinvolte nella discussione di questa manovra. Dilettanti allo sbaraglio: Conte fa i conti senza l’oste? 

 

Ma torniamo a noi: il risparmio privato, quindi, s’invola verso il pubblico. Molti spergiurano che non chiederanno il prestito. Il popolo italiano è molto più di altri allergico ai debiti. Fino a non troppi anni fa, solo il 3% degli italiani usava una carta di credito. Oltre il 70% vive in una casa di proprietà, talvolta comprata senza mutuo, ma con l’accumulo formichino in banca di decenni di stipendi (alla faccia di chi ci chiama «cicale»).

 

Molti, presi dalla medesima disperazione di quella ragazza, finiranno per cascarci, e indebitarsi, sorvolando sulla logica che un danno immenso prodotto da chi non ha saputo difenderci non dovrebbe essere risolto con il nostro indebitamento.

 

Ci cascheranno anche perché il governo ha lanciato un’esca bonaria: 600 euro dall’INPS, quelli sì a fondo perduto. Un gesto di buona volontà. Eccoti 600 euro, ora indebitati per 25.000, o molto di più.

 

Il governo ha lanciato un’esca bonaria: 600 euro dall’INPS. Eccoteli, ora indebitati per 25.000, o molto di più

Perché lo Stato deve rifinanziarsi? La risposta, credo, non sia quella che pensate di primo acchito: lo Stato si alimenta per sopravvivere, fare andare i servizi primari (acqua-luce-gas), gli ospedali, e garantire l’ordine nelle strade. Ciò decisamente è vero, ma c’è sicuramente un calcolo ulteriore.

 

Lo Stato userà i danari delle tasse, per le quali gli imprenditori si sono indebitati, per pagare gli stipendi ai dipendenti pubblici, che solo in minima parte fanno parte del metabolismo basale della Nazione. Impiegati dei ministeri, degli uffici pubblici, degli enti più  o meno inutili, insegnanti. Cioè, il proprio bacino elettorale.

 

Si tratta, insomma, di una manovra tribale: la ricchezza verrà rubata ad una tribù, quella delle partite IVA che di certo non vota PD e nemmeno ora M5S (che potrebbe aver creato il suo bacino feudale di voti con i recipienti del Reddito di Cittadinanza), e sarà data a quanti invece votano i partiti di governo.

 

Si useranno i danari delle tasse, per le quali gli imprenditori si sono indebitati, per pagare gli stipendi ai dipendenti pubblici. Cioè, il bacino elettorale dei partiti al governo

Una considerazione simile sarebbe da fare per i supermercati, che sono chiaramente luoghi di contagio tenuti aperti. Non si può stare da soli in un bosco, ma si può stare in una giungla di migliaia di persone dentro ad un luogo chiuso. Non ti fanno uscire di casa come nemmeno in guerra, ma non sanno organizzare – come in guerra – una distribuzione razionale degli alimenti, fatta nelle piazza con i camion dell’esercito, o con delle app non intasate. Boh.

 

L’enigma sparisce quando pensate che il 30% o più della Grande Distribuzione Organizzata è in mano a cooperative, che sono enti che si riferiscono di solito ad un certo partito di governo. Pensate non solo ai supermercati cooperativi, ma a tutta la filiera, packaging, trasporto, etc. Un polmone finanziario enorme – e come qualcuno sostiene riguardo alle scorse regionali in Emilia Romagna, un bacino di voti non indifferente. Questione di interessi della fazione, evidentemente.

 

La cosa è in tutto e per tutto simile a quello che mi raccontavano quando ero in Africa. Se vince le elezioni un uomo di una determinata tribù (le nazioni africane hanno confini geografici  disegnati per lo più dal colonialismo, e confini etnici di razzismo totale da un villaggio all’altro) stai tranquillo che gli aiuti che arrivano dalla carità mondialista (ONU, ONG, UE o Stati singoli come l’Italia etc.) non finiranno mai alla tribù che del presidente eletto è nemica giurata da secoli.

 

Manovra economica tribale: in Africa se vince le elezioni un uomo di una determinata tribù stai tranquillo che gli aiuti che arrivano dalla carità mondialista non finiranno mai alla tribù che del presidente eletto è nemica giurata da secoli

Alcuni mica lo hanno nascosto. Un intellettuale di sinistra è andato in TV a urlare la sua gioia per la distruzione del tessuto industriale lombardo, le odiate PMI degli industrialotti. Non abbiamo idea se individui così abbiano mai lavorato in fabbrica in vita loro, tuttavia percepiamo in modo netto, il loro odio tribale. L’Italia si sta africanizzando, sì, e non solo con l’immigrazione selvaggia.

 

L’Italia assomiglia sempre più all’Africa anche per un motivo ulteriore: l’imprevidenza folle dei suoi governanti. Spazzoleranno via i danari dei privati per darli al pubblico, ma la cosa non può durare, perché i conti correnti delle partite IVA si esauriranno (e, con probabilità, anche la stoica pazienza che stanno dimostrando).

 

Si tratta quindi di un arraffo apocalittico? Lo Stato nel pallone che prende senza dare indietro nulla, per tirare avanti senza nessun piano preciso che non sia il controllo sociale elettronico proposto dalle sue task force che chiedono immunità penale per le loro decisioni? (A proposito: forse che scopriremo che saranno anticostituzionali?)

 

Da un punto di vista politico ed economico, potrebbe essere. C’è tuttavia un piano storico, e metastorico, da considerare. Procediamo spediti verso la disintegrazione definitiva della classe media. Come da programma.

 

Nemmeno questa è una novità: un sinonimo di distruzione della classe media occidentale è la parola globalizzazione. Come ho ripetuto varie volte, la globalizzazione è cinese o non è.

L’Italia assomiglia sempre più all’Africa anche per un motivo ulteriore: l’imprevidenza folle dei suoi governanti. Spazzoleranno via i danari dei privati per darli al pubblico, ma la cosa non può durare

 

Tante famiglie del tessuto produttivo dell’Alta Italia, come quella dello scrivente, hanno iniziato a vedere gli effetti di quello che stava succedendo 30 anni fa. Nei mercati cominciarono a immettersi manifatture di Paesi mai visti, come la Turchia, che – si mormorava – apriva fabbriche enormi con danari di Stato, ci faceva lavorare i bambini e poi otteneva dagli americani (interessati a tenere i loro missili al confine con la Russia meridionale) abolizione di dazi ed agevolazioni varie.

 

Poi venne la Cina. Altro mistero: era un Paese comunista, un Regno oscuro dove poco prima il più liberale dei Presidenti cinesi, Deng, aveva massacrato migliaia di studenti a Piazza Tian’An Men, senza che nessuna diplomazia occidentale reagisse davvero.

 Il virus cinese, la globalizzazione, devastò la classe media. Ad essere trasferita in Cina fu più che la ricchezza, fu l’intera manifattura

 

La Cina di lì a poco sarebbe entrata nel WTO. Ricordate? Era l’era del cosiddetto «Ulivo Mondiale». Bill Clinton, Blair, Prodi… Lasciando perdere un secondo Blair, che pare venne portato a letto dalla moglie cinese di Rupert Murdoch Wendi Deng, sospettatissima di essere un’agente segreto della Repubblica Popolare, ricordiamo come ci sia una controversia sulle elezione del 1996, con la campagna Clinton accusata di aver preso danari da Pechino (altro che Russiagate). A parlarne fu Bob Woodward, quello del Watergate, non un complottista a caso. Per Prodi invece vi saranno cattedre in Cina, e gioiosi memorandum d’intesa ed eventi all’Università di Bologna con l’ambasciatore cinese Ding Wei. A Prodi piacciono gli eventi all’Alma Mater Studiorum di Bologna. Come sapete, nel 1995 vi si premiò con una laurea ad honorem George Soros, quello che distrusse la Lira italiana.

Procediamo spediti verso la disintegrazione definitiva della classe media. Come da programma

 

Nel governo a Roma ora ci sono gli stessi poteri, più alcuni di nuovi, che sono – pur se biodegradabili – pure pericolosi, perché ancora più filocinesi.

 

Avrete capito cosa si vuol dire: venti o trenta anni fa come oggi stesso, qualcuno la globalizzazione, cioè la Cina, l’ha fatta entrare. Esattamente come per il Coronavirus.

Venti o trenta anni fa come oggi stesso, qualcuno la globalizzazione, cioè la Cina, l’ha fatta entrare. Esattamente come per il Coronavirus

 

Ne son seguite, allora come oggi, morte e distruzione. Il virus cinese, la globalizzazione, devastò la classe media. Un altro trasferimento a suo carico, come quello dei risparmi dati in prestito al fine di pagare le tasse: ad essere trasferita in Cina fu più che la ricchezza, fu l’intera manifattura. Fu disintegrata la possibilità di produrre e creare, fu lo spirito di homo faber del cittadino imprenditore, e soprattutto dei suoi operai. Fu la fine della Civiltà del fare, della Civiltà del concreto e della Civiltà dell’Essere, a favore del magma asiatico, il dumping, la finanza derivativa conseguente, e la maledizione di internet a mangiarsi tutto.

Questa rapina africana, questo mondo infettato dal virus cinese prima del Coronavirus, quest’Italia di poveri e traditori che non assomiglia più in nulla a quel Paese, complicato ma splendido, nel quale siamo cresciuti

 

Chi vi scrive questa storia di distruzione massiva l’ha vissuta sulla sua pelle. L’ha vista sulla sua famiglia, e su tanti conoscenti a cui è andata peggio che a noi. Siamo, in qualche modo, sopravvissuti – ma non con la malinconia annoiata del principe del Gattopardo, siamo andati avanti con le ossa rotte, impoveriti nelle sostanze e nell’animo, con la morte intorno a noi.

 

Non so se la classe media italiana, specie quella del Lombardo-veneto, potrà sopravvivere alla trappola tribale che le sta servendo ora lo Stato centrale.

 

Non so cosa dire, se non che dovremmo ritenere inaccettabile questa rapina africana, questo mondo infettato dal virus cinese prima del Coronavirus, quest’Italia di poveri e traditori che non assomiglia più in nulla a quel Paese, complicato ma splendido, nel quale siamo cresciuti.

 

Non so cosa dire, se non che l’ira è tanta. E non da ieri. Da tre decenni almeno.

 

 

Roberto Dal Bosco

 

 

 

 

Continua a leggere

Civiltà

Wormhole creati da civiltà aliene: un astrofisico dice che li abbiamo già visti

Pubblicato

il

Da

È possibile che una civiltà aliena estremamente avanzata abbia creato in tutto l’universo un sistema di trasporto basato su wormhole – ossia cunicoli spazio-temporale –  e potremmo persino individuarli. Lo riporta Futurism.

 

Sebbene sia una teoria piuttosto bizzarra, secondo un nuovo articolo di BBC Science Focus, essa ha incuriosito alcuni scienziati.

 

L’astrofisico dell’Università di Nagoya, Fumio Abe, ha detto che potremmo aver già catturato le prove di una tale rete nelle osservazioni esistenti, ma le abbiamo perse nel mare di dati, portando alla prospettiva intrigante che la rianalisi delle vecchie osservazioni potrebbe portare a una svolta nel SETI.

 

«Se i wormhole hanno un raggio della gola compreso tra cento e dieci milioni di chilometri, sono legati alla nostra Galassia e sono comuni come le stelle ordinarie, il rilevamento potrebbe essere ottenuto rianalizzando i dati passati», ha detto Abe a Science Focus.

 

È una teoria allettante che suggerisce un percorso alternativo per capire una volta per tutte se gli esseri umani sono soli nell’universo.

 

Questi wormhole sono appunto tunnel teorici con due estremità in punti separati nel tempo e nello spazio. Sebbene non vìolino la teoria della relatività generale di Einstein, non abbiamo ancora certezza della loro effettiva esistenza, per non parlare poi di qualche civiltà decisamente avanzata che sarebbe in grado di produrli.

 

Perché un wormhole esista, però, ci vorrebbe una quantità enorme di energia. L’idea sarebbe che «se gli ET hanno creato una rete di wormhole, potrebbe essere rilevabile dal microlensing gravitazionale».

 

Questa tecnica è stata utilizzata in passato per rilevare migliaia di esopianeti e stelle distanti rilevando il modo in cui piegano la luce. Se possa essere utilizzato per rilevare i wormhole, per essere chiari, è una questione aperta.

 

Fortunatamente, individuare i wormhole non è la nostra unica possibilità di rilevare la vita in altre parti dell’universo.

 

Science Focus ha anche indicato la ricerca di megastrutture, ancora solo teoriche, che sfruttano l’energia di una stella racchiudendola completamente, o sostanze chimiche atmosferiche legate all’inquinamento umano, o veicoli spaziali riflettenti estremamente sottili chiamati vele di luce, ognuno dei quali potrebbe teoricamente portarci alla scoperta di una civiltà extraterrestre.

 

Le antenne radio per individuare segnali alieni sono sempre in allerta, come con questo misterioso segnale radio proveniente dal centro della Via Lattea che è stato captato dagli scienziati con il nome tecnico di ASKAP J173608.2-321635.

 

Il concetto di wormhole è una prospettiva allettante, soprattutto considerando il fatto che potrebbero dare a una civiltà aliena – o anche a noi – la capacità di viaggiare su vasti distese di spazio e tempo, un po’ come la porta che conduceva a un altro mondo nel kolossal hollywoodiano anni Novanta, Stargate.

 

 

 

Immagine di ErikShoemaker via Deviantart pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported (CC BY-NC-ND 3.0)

Continua a leggere

Civiltà

Telescopio spaziale potrebbe rilevare civiltà aliene guardando l’inquinamento degli esopianeti

Pubblicato

il

Da

Gli scienziati stanno già pianificando come un nuovo telescopio potrebbe rilevare le civiltà aliene.

 

Il nuovo telescopio spaziale NASA dal nome controverso  – James Webb Space Telescope (JWST) – non ha ancora ufficialmente avviato le operazioni scientifiche, ma già gli astronomi sono ansiosi di cercare civiltà aliene usando il costosissimo osservatorio.

 

Il telescopio è abbastanza potente da visualizzare direttamente i singoli esopianeti in orbita attorno a stelle lontane, una prospettiva allettante che secondo alcuni potrebbe portarci a scoprire una volta per tutte se siamo soli nell’universo, o meno, scrive Futurism.

 

In un documento non ancora sottoposto a revisione paritaria individuato dal sito Universe Today, un team di astronomi della NASA e di altre istituzioni ha suggerito che il JWST potrebbe essere utilizzato per individuare i pianeti con tracce rilevabili di clorofluorocarburi (CFC) nella loro atmosfera.

 

Il loro ragionamento è il seguente: i gas serra come i CFC potrebbero essere segni di civiltà extraterrestri, dal momento che gli stessi gas hanno portato l’umanità a fare un buco nello strato di ozono terrestre, come chiaro segno di una civiltà industrializzata. In breve, gli alieni che hanno inquinato la loro atmosfera potrebbero fornire un segno di vita extraterrestre.

 

Il team ha persino identificato un primo obiettivo da cercare per i CFC: TRAPPIST-1, un sistema composto da diversi pianeti delle dimensioni della Terra in orbita attorno a una stella nana rossa a soli 40 anni luce di distanza.

 

«I CFC sono un notevole esempio di tecnosignature sulla Terra e il rilevamento di CFC su un pianeta come TRAPPIST-1 e sarebbe difficile da spiegare attraverso le caratteristiche biologiche o geologiche che conosciamo oggi», si legge nel documento.

 

TRAPPIST-1 è relativamente debole, il che significa che gli spettrometri a infrarossi del JWST non ne sarebbero sopraffatti. In effetti, il nostro Sole sarebbe troppo luminoso se un telescopio come il JWST tentasse la stessa cosa, ma da un punto di vista di TRAPPIST-1.

 

Ma ciò potrebbe presto cambiare man mano che elaboriamo tecnologie ancora più sofisticate.

«Nei prossimi decenni ci saranno almeno due delle tecnosignature passive della Terra, emissioni radio e inquinamento atmosferico, che sarebbero rilevabili dalla nostra stessa tecnologia attorno alla stella più vicina», concludono gli scienziati.

 

Continua a leggere

Civiltà

«Siamo entrati in una lotta metafisica»: il sermone di Cirillo, Patriarca di Mosca e di tutte le Russie

Pubblicato

il

Da

 

Il 6 marzo 2022, nella Domenica dei Latticini, commemorazione della caduta di Adamo (Domenica del perdono), il Santissimo Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’ Cirillo ha celebrato la Divina Liturgia nella Cattedrale del Cristo Salvatore a Mosca. Al termine della sacra funzione, il primate della Chiesa Ortodossa Russa ha tenuto il seguente sermone.

 

Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo!

 

Faccio a tutti i voi i miei auguri, miei cari vescovi, padri, fratelli e sorelle, per questa domenica, la domenica del perdono, l’ultima domenica prima dell’inizio dello stadio della Santa Quaresima, il grande digiuno!

 

La Grande Quaresima è indicata da molti venerabili asceti come sorgente spirituale. Coincide con la sorgente fisica e nello stesso tempo è percepita dalla coscienza della Chiesa come sorgente spirituale.

 

Cos’è la primavera? La primavera è rinascita della vita, è rinnovamento, è nuova forza. Sappiamo che è in primavera che il potente succo irrompe fino a un’altezza di dieci, venti, cento metri, facendo rivivere l’albero. Questo è davvero un miracolo straordinario di Dio, un miracolo della vita.

 

La primavera è la rinascita della vita, è una specie di grande simbolo della vita. E quindi, non è affatto un caso che la principale festa primaverile sia la Pasqua del Signore, che è anche un segno, un segno, un simbolo di vita eterna.

 

E noi crediamo che sia così, il che significa che tutta la fede cristiana che condividiamo con voi è una fede che afferma la vita, che è contro la morte, contro la distruzione, che afferma la necessità di seguire le leggi divine per vivere, per non morire né in questo mondo né nel mondo a venire.

 

Sappiamo tuttavia che questa primavera è stata offuscata da gravi eventi, legati al deterioramento della situazione politica nel Donbass, praticamente lo scoppio delle ostilità. Vorrei dire qualcosa su questo argomento.

Nel Donbass c’è stato un rifiuto, un rifiuto fondamentale dei cosiddetti valori che oggi vengono offerti da chi rivendica il potere mondiale

 

Per otto anni ci sono stati tentativi di distruggere ciò che c’è stato nel Donbass. E nel Donbass c’è stato un rifiuto, un rifiuto fondamentale dei cosiddetti valori che oggi vengono offerti da chi rivendica il potere mondiale.

 

Oggi viene effettuata una specie di test per la lealtà di un governo, una specie di passaggio a quel mondo «felice», il mondo del consumo eccessivo, il mondo della «libertà» visibile.

 

Sapete qual è questo test? Il test è molto semplice e allo stesso tempo terribile: è una parata omosessuale. Le richieste a molti di organizzare una parata omosessuale sono una prova di lealtà a quel mondo molto potente; e sappiamo che se le persone o le nazioni rifiutano queste richieste, allora non entrano in quel mondo, ne diventano estranei.

 

Ma noi conosciamo cosa sia questo peccato, che si promuove attraverso le cosiddette marce dell’orgoglio. Questo è un peccato che è condannato dalla Parola di Dio, sia dall’Antico che dal Nuovo Testamento.

 

Certo il Signore, condannando il peccato, non condanna il peccatore. Lo chiama solo al pentimento, ma in nessun modo può accettare che, attraverso una persona peccatrice e il suo comportamento, il peccato diventi uno standard di vita, una variazione del comportamento umano rispettata e accettabile.

Se l’umanità concorda sul fatto che il peccato sia una delle opzioni per il comportamento umano, allora la Civiltà umana finirà

 

Se l’umanità riconosce che il peccato non sia una violazione della legge di Dio, se l’umanità concorda sul fatto che il peccato sia una delle opzioni per il comportamento umano, allora la Civiltà umana finirà.

 

E le parate omosessuali sono progettate per dimostrare che il peccato è una delle variazioni del comportamento umano. Ecco perché per entrare nel club di quei Paesi è necessario organizzare una parata del gay pride.

 

Non occorre fare una dichiarazione politica «siamo con voi», non occorre firmare accordi, ma organizzare una parata omosessuale.

 

E sappiamo come le persone resistono a queste richieste e che oppongono resistenza vengano represse con la forza. Ciò significa che si tratta di imporre con la violenza un peccato condannato dalla legge di Dio, e quindi, di imporre con la forza alle persone la negazione di Dio e della sua verità.

 

Ciò che sta accadendo oggi nell’ambito delle relazioni internazionali, quindi, non ha solo un significato politico. Stiamo parlando di qualcosa di diverso e molto più importante della politica. Si tratta della salvezza umana, di dove andrà a finire l’umanità: da quale parte di Dio Salvatore, che viene nel mondo come Giudice e Creatore, a destra o a sinistra.

 

Oggi, per debolezza, stupidità, ignoranza, e il più delle volte per riluttanza a resistere, molti vanno lì, sul lato sinistro. E tutto ciò che è connesso con la giustificazione del peccato, condannata dalla Scrittura, si rivela oggi una prova per la nostra fedeltà al Signore, per la nostra capacità di confessare la fede nel nostro Salvatore.

 

Tutto ciò che dico non ha semplicemente un significato teorico, e non solo un intendimento spirituale. Intorno a questo argomento oggi c’è una vera guerra.

Chi sta attaccando l’Ucraina oggi, dove la repressione e lo sterminio delle persone nel Donbass va avanti da otto anni?

 

Chi sta attaccando l’Ucraina oggi, dove la repressione e lo sterminio delle persone nel Donbass va avanti da otto anni?

 

Otto anni di sofferenza e il mondo intero tace: cosa significa?

 

Ma sappiamo che i nostri fratelli e sorelle stanno davvero soffrendo; inoltre, possono soffrire per la loro fedeltà alla Chiesa.

 

E così oggi, nella domenica del perdono, da un lato, come vostro pastore, invito tutti a perdonare i peccati e gli insulti, anche quando è molto difficile farlo, quando le persone sono in guerra tra loro. Ma il perdono senza giustizia è resa e debolezza.

 

Pertanto, il perdono deve essere accompagnato dall’indispensabile conservazione del diritto di stare dalla parte della luce, dalla parte della giustizia divina, dalla parte dei comandamenti di Dio, dalla parte che ci ha indicato la luce di Cristo, la Sua Parola, il Suo Vangelo, i suoi grandi comandamenti, donati alla stirpe degli uomini.

 

Tutto ciò indica che siamo entrati in una lotta che non ha solo un significato fisico, ma metafisico.

 

So come, sfortunatamente, gli ortodossi, i credenti, scegliendo la via di minor resistenza in questa guerra, non riflettano su tutto ciò che oggi esponiamo, ma seguano vilmente la strada che mostrano loro i poteri costituiti.

 

Non condanniamo nessuno, non invitiamo nessuno a prendere la croce, ma diciamo solo: saremo fedeli alla parola di Dio, saremo fedeli alla sua legge, saremo fedeli alla legge dell’amore e della giustizia, e se vediamo violazioni di questa legge, non sopporteremo mai coloro che la oltraggiano, offuscando il confine tra santità e peccato, e ancor più coloro che promuovono il peccato come esempio o come uno dei modelli di comportamento umano.

 

Oggi i nostri fratelli nel Donbass, ortodossi, stanno indubbiamente soffrendo, e noi non possiamo che stare con loro, prima di tutto nella preghiera. È necessario pregare affinché il Signore li aiuti a preservare la fede ortodossa, a non soccombere alle tentazioni e alle seduzioni.

 

Allo stesso tempo, dobbiamo pregare affinché la pace giunga al più presto, che il sangue dei nostri fratelli e sorelle si fermi, che il Signore inclini la sua misericordia verso la terra sofferente del Donbass, che ha portato per otto anni questo triste segno, generato dal peccato e dall’odio degli uomini.

 

Entrando nello stadio della Grande Quaresima, cerchiamo di perdonare tutti. Cos’è il perdono?

 

Se chiedi perdono a una persona che ha infranto la legge o ha fatto qualcosa di malvagio e ingiusto nei tuoi confronti, non giustifichi il suo comportamento in tal modo, ma semplicemente smetti di odiare questa persona. Essa smette di essere tuo nemico, il che significa che con il tuo perdono lo consegni al giudizio di Dio.

 

Questo è il vero significato di perdonarci a vicenda i nostri peccati e i nostri errori. Perdoniamo, rinunciamo all’odio e alla vendetta, ma non possiamo cancellare la falsità umana in cielo; perciò, mediante il nostro perdono, affidiamo quanti son colpevoli contro di noi nelle mani di Dio, affinché vengano operati su di loro il giudizio e la misericordia di Dio.

 

Perché il nostro atteggiamento cristiano verso i peccati, le delusioni e gli insulti umani, non sia causa della loro morte, ma affinché il giusto giudizio di Dio sia fatto su tutti, anche su coloro che si assumono la responsabilità più pesante, allargando il divario tra fratelli, colmandolo di odio, malizia e morte.

 

Possa il Signore misericordioso compiere il Suo giusto giudizio su tutti noi. E per non essere dalla parte sinistra del Salvatore venuto nel mondo in conseguenza di questo giudizio, dobbiamo pentirci dei nostri peccati.

 

Accostati alla tua vita con un’analisi molto profonda e imparziale, chiediti cosa è bene e cosa è male, e non giustificarti in nessun caso dicendo: ho litigato con questo o quello, perché hanno sbagliato. Questo è un argomento ingannevole, questo è l’approccio sbagliato. Davanti a Dio bisogna sempre chiedere: Signore, cosa ho fatto di male? E se il Signore ci aiuta a realizzare il nostro errore, allora bisogna pentirsi di questo errore.

 

Ed è soprattutto oggi, nella domenica del perdono, che dobbiamo compiere questa opera di autoaccusa dei nostri peccati e della nostra iniquità, l’opera di consegnarci nelle mani di Dio, e l’opera più importante è il perdono di coloro che ci hanno offeso .

Quale gioia ci sarà se alcuni sono in pace, mentre altri sono in balia del male e nel dolore di una guerra intestina?

 

Il Signore ci aiuti tutti a passare i giorni della Santa Quaresima per entrare degnamente nella gioia della luminosa Risurrezione di Cristo.

 

E preghiamo affinché tutti coloro che oggi lottano, che versano sangue, che soffrono, entrino in questa gioia della Risurrezione, nella pace e nella tranquillità. Perché quale gioia ci sarà se alcuni sono in pace, mentre altri sono in balia del male e nel dolore di una guerra intestina?

 

Il Signore ci aiuti tutti, soprattutto in questo modo, e non altrimenti, ad entrare nel campo della Santa Grande Quaresima, per salvare le nostre anime e contribuire alla diffusione del bene nel nostro mondo peccaminoso e spesso terribilmente caduto nell’errore, affinché la verità della Dio regni, domini e guidi il genere umano.

 

Amen.

 

 

Traduzione dal russo di Nicolò Ghigi

 

 

 

Immagine di Serge Serebro via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 Unported (CC BY-SA 3.0)

Continua a leggere

Più popolari