Neri nell’epoca dell’autismo: la storia di due bambini

 

 

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense.

 

 

 

Un bellissimo bambino afroamericano andò dal medico per un controllo dei 15 mesi nel 1998. Crescita e sviluppo erano normali. La madre era sorridente e gioiosa.

 

Seguendo le raccomandazioni del CDC, il medico prescrisse un vaccino MPR, informandola che il bambino avrebbe potuto presentare febbre, eruzione cutanea o irritabilità circa 7-12 giorni dopo. Tuttavia, ciò che accadde fu inaspettato e spaventoso. Ebbe scariche di diarrea gialla e molle e perse la capacità di linguaggio, ancora in fase emergente. Passò dall’essere un bambino felice a un bambino irritabile e difficile da gestire. Il medico si chiese cosa stesse accadendo.

Un bellissimo bambino afroamericano andò dal medico per un controllo dei 15 mesi nel 1998. Il medico prescrisse un vaccino MPR. Passò dall’essere un bambino felice a un bambino irritabile e difficile da gestire. Il medico si chiese cosa stesse accadendo

 

Quel dottore ero io.

 

Così sono iniziati i miei 22 anni (e oltre) di allontanamento dall’insegnamento della pediatria nell’ambito di un programma di specializzazione in medicina di famiglia nel tentativo di capire cosa stesse succedendo a una generazione di bambini che sembravano avere molte più malattie croniche e problemi di sviluppo neurologico di quanto mi aspettassi quando avevo finito la mia specializzazione principale in pediatria in un’università molto prestigiosa.

 

Nel 2000, ho iniziato una pratica in solitaria per occuparmi dei bambini che stavano scivolando nelle crepe di un mondo in cui venivano rimborsate brevi visite pediatriche acute mentre i problemi complessi che richiedevano pensiero critico e ricerca no. Fortunatamente, avevo un marito con un buon stipendio e due figli che probabilmente avrebbero ottenuto borse di studio accademiche per il college, il che mi ha permesso di lavorare per 16 mesi senza stipendio.

 

Mi sono imbattuta in alcuni pionieri che stavano osservando i problemi medici dei bambini con autismo; la pediatra dello sviluppo neurologico Mary Megson è stata la prima che ho incontrato. Ho iniziato a frequentare le conferenze di Defeat Autism Now! dove ho incontrato mentori straordinari come Bernie Rimland, Jon Pangborn, Sid Baker, Richard Deth e Jill James, solo per citarne alcuni.

 

Ho iniziato a frequentare i think tank ARI due volte l’anno, dove ho imparato da scienziati, altri medici e geniali genitori di bambini con autismo. L’obiettivo era sintetizzare ciò che i genitori vedevano nei loro figli con la migliore scienza di base e acume clinico. Ho lavorato come direttore medico dell’Autism Research Institute per cinque anni (ed è stato meraviglioso) e come testimone esperto presso il tribunale per i vaccini (che è stato orribile).

 

Il nostro studio sulla biopsia intestinale su 30 bambini con autismo e 30 controlli, interpretato da un patologo locale ignaro dello stato dei bambini, ha replicato i risultati dell’eccessiva infiammazione e dell’aumento dell’iperplasia nodulare linfoide nei bambini con autismo rispetto al gruppo di controllo

Ascoltando la controversia sulla preoccupazione di Wakefield per la sicurezza del vaccino MPR, ho deciso di immergermi in alcune ricerche cliniche per vederci chiaro. Il nostro studio sulla biopsia intestinale su 30 bambini con autismo e 30 controlli, interpretato da un patologo locale ignaro dello stato dei bambini, ha replicato i risultati dell’eccessiva infiammazione e dell’aumento dell’iperplasia nodulare linfoide nei bambini con autismo rispetto al gruppo di controllo.

 

Mi sono occupata maggiormente della mancanza di studi sui vaccini in doppio cieco, degli adiuvanti e degli eccipienti nei vaccini, degli effetti sinergici di più vaccini somministrati insieme e del crescente carico di malattie croniche infantili che ha devastato le famiglie.

 

Nel corso degli anni sono comparsa davanti a un sottocomitato del Senato, sono andata ai vertici dell’AAP, ho scritto al CDC e ho partecipato alle audizioni del NIH per sostenere la ricerca sui problemi medici nei bambini con autismo.

 

Ho chiesto uno studio comparativo vaccinati/non vaccinati. Non ho ottenuto nulla poiché non vi è mai stato un vero studio controllato con placebo su singoli vaccini alla ricerca di effetti collaterali a lungo termine, tanto meno sui vaccini somministrati in varie combinazioni. Né ci sono stati studi finanziati dal CDC che hanno confrontato i bambini vaccinati con i bambini non vaccinati per la prevalenza di malattie croniche.

 

Ho chiesto uno studio comparativo vaccinati/non vaccinati. Non ho ottenuto nulla poiché non vi è mai stato un vero studio controllato con placebo su singoli vaccini alla ricerca di effetti collaterali a lungo termine, tanto meno sui vaccini somministrati in varie combinazioni

Passiamo rapidamente al 2016, quando William Thompson affermò che il CDC sapeva, da uno studio condotto nei primi anni 2000, che l’età della ricezione del vacino MPR era correlata al rischio di autismo nei bambini afroamericani. I ragazzi neri che ricevevano MPR prima dei tre anni avevano 3,36 volte più probabilità di sviluppare autismo.

 

Nel 2016, stavamo usando da oltre un decennio un programma vaccinale modificato (che soddisfaceva ancora i criteri per l’ingresso all’asilo della Virginia). Abbiamo evitato di immunizzare i pazienti malati, sconsigliato l’uso di paracetamolo dopo i vaccini a causa dell’esaurimento del glutatione e tenuto conto della storia familiare di allergie, autoimmunità e autismo al momento di decidere sui vaccini.

 

L’insorgenza di autismo nei pazienti che hanno seguito la nostra pratica è stata significativamente più bassa della media nazionale. Abbiamo somministrato il vaccino MPR a 2 anni alla maggior parte dei bambini e solo se non presentavano problemi gastrointestinali non diagnosticati e non avevano assunto antibiotici di recente. Non abbiamo rilevato nuovi casi di autismo nei bambini afroamericani.

 

I ragazzi neri che ricevevano MPR prima dei tre anni avevano 3,36 volte più probabilità di sviluppare autismo

Ciò è cambiato quando uno dei nostri pazienti Medicaid è andato al dipartimento sanitario locale per ottenere i vaccini.

 

Consigliamo ai nostri pazienti di seguire le raccomandazioni di Advocates for Children quando si recano al Dipartimento della Salute e di evitare i vaccini in caso di recente malattia o uso di antibiotici, ma questa madre ha riferito di subito forti pressioni per «fare» i vaccini.

 

Al controllo di un anno, il bambino stava assumendo Augmentin da 10 giorni  per un’infezione all’orecchio e da 4 giorni soffriva di RSV (virus respiratorio sinciziale). Si presentò al dipartimento della salute 12 giorni dopo l’insorgenza dell’RSV e ricevette contemporaneamente i seguenti vaccini: Tdap, MPR, varivax, Hib e pneumococco.

 

Abbiamo somministrato il vaccino MPR a 2 anni alla maggior parte dei bambini e solo se non presentavano problemi gastrointestinali non diagnosticati e non avevano assunto antibiotici di recente. Non abbiamo rilevato nuovi casi di autismo nei bambini afroamericani

Il paziente tornò otto giorni dopo piagnucolando ed era molto irritabile; questo è il lasso di tempo in cui ci si aspetta una reazione al vaccino MPR. Al controllo dei 15 mesi, aveva scoppi di collera, si dava colpi alla testa e mordeva i bambini all’asilo. La circonferenza della testa era aumentata dall’80° percentile dei 12 mesi al 97° percentile, nel contesto di una storia familiare di macrocefalia. Venne inviato in neurologia.

 

Un esame genetico includeva un microarray cromosomico, un test Fragile X e l’analisi di 2000 geni noti per essere associati ad autismo e disabilità intellettiva. Tutti erano negativi.

 

All’età di cinque anni, è ancora in lista d’attesa per l’ABA (Analisi applicata del comportamento). È seguito da un logopedista e ha un PEI. Presenta un ritardo globale nello sviluppo e ha «i suoi momenti» ma il suo EEG è normale. Mostra comportamenti problematici innescati da transizioni e frustrazione per non essere in grado di comunicare. Colpisce, morde, calcia e pizzica gli altri e ha comportamenti autolesionistici. Penso che l’evidenza clinica dimostri che ha sofferto di neuroinfiammazione con i vaccini multipli somministrati a 12 mesi.

 

Dal momento che i risultati originali sull’effetto dell’età sulla pericolosità di MPR per i ragazzi afroamericani sono diventati noti nel 2016 (ricordiamo che i dati risalgono al 2001), abbiamo ritardato il vaccino MPR a tre anni per i bambini di colore.

 

E il mio paziente del 1998? Mi prendo ancora cura di lui nonostante abbia detto ai genitori che pensavo che il suo autismo fosse legato al vaccino che gli ho somministrato quando aveva 15 mesi. Mi hanno perdonato perché nessuno sospettava problemi allora. Il famigerato documento Wakefield ritirato fu pubblicato nel 1998 e la confusione non era ancora iniziata quando avevo raccomandato il vaccino.

I suoi genitori mi hanno perdonato. Mi ci è voluto molto più tempo per perdonare me stessa. La mia carriera da allora è stata sicuramente motivata dal mio desiderio di fare ammenda per il mio errore

 

Adesso ha 22 anni, ha convulsioni difficili da controllare e una scarsa capacità di linguaggio. Non ha le capacità per vivere in modo indipendente la quotidianità. Altri problemi che sono stati identificati includono  carenza di vitamina D, allergie e neutropenia intermittente. Il suo unico fattore di rischio genetico identificato è la compromissione della biochimica dei folati correlata al suo stato MTHFR eterozigote composto.

 

I suoi genitori mi hanno perdonato. Mi ci è voluto molto più tempo per perdonare me stessa. La mia carriera da allora è stata sicuramente motivata dal mio desiderio di fare ammenda per il mio errore.

 

Apparentemente il CDC ha identificato un segnale di rischio nel 2001 e quindi ha manipolato il protocollo di studio in modo retroattivo per farlo sparire. La soppressione del rischio di autismo causato dal vaccino MPR ha influenzato le decisioni prese dall’Institute of Medicine e dal National Vaccine Compensation Program (alias «Vaccine Court»).

 

I genitori dei circa 100.000 ragazzi afroamericani a cui è stato diagnosticato l’autismo dal 2001 potrebbero trovare imperdonabile la disinformazione che minimizza i rischi del MPR nei loro figli

Non abbiamo abbastanza ricerche per calcolare con precisione i fattori di rischio relativi che possono essere operativi nello sviluppo di autismo per i bambini neri.

 

Ma i genitori dei circa 100.000 ragazzi afroamericani a cui è stato diagnosticato l’autismo dal 2001 potrebbero trovare imperdonabile la disinformazione che minimizza i rischi del MPR nei loro figli.

 

 

Elizabeth Mumper

Medico, Membro dell’Accademia Americana di Pediatria, The Rimland Center

 

 

Traduzione di Alessandra Boni

 

© 20 maggio 2020, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.