Connettiti con Renovato 21

Epidemie

Ospedali negheranno i trapianti ai non vaccinati in «quasi tutte le situazioni»

Pubblicato

il

 

 

Un sistema sanitario con sede in Colorado afferma che sta negando i trapianti di organi ai pazienti non vaccinati contro il coronavirus in «quasi tutte le situazioni», citando studi che mostrano che questi pazienti hanno molte più probabilità di morire se contraggono il COVID-19.  Lo riporta il Washington Post

Il deputato repubblicano dello stato del Colorado Tim Geitner ha dichiarato che sarebbe stato negato un trapianto di rene a una donna di Colorado Springs perché non vaccinata. Definendo la decisione «disgustosa» e discriminatoria, Geitner ha condiviso una lettera che  il paziente avrebbe ricevuto la scorsa settimana dal centro trapianti.

La lettera diceva che la donna sarebbe stata «inattivata» da una lista d’attesa per il trapianto di rene e aveva 30 giorni per iniziare la vaccinazione contro il coronavirus. Se si fosse rifiutata di essere vaccinata, diceva, sarebbe stata rimossa dalla lista d’attesa.

 

La lettera diceva che la donna sarebbe stata «inattivata» da una lista d’attesa per il trapianto di rene e aveva 30 giorni per iniziare la vaccinazione contro il coronavirus

La paziente in attesa di trapianto ha dichiarato a 9News che «è stata costretta a prendere una decisione che non mi sento a mio agio a prendere in questo momento per poter vivere». L’obbligo vaccinale, quindi, ha trovato un nuovo strumento di coercizione

 

«La politica illustra i costi crescenti di non essere vaccinati e si addentra in un territorio profondamente controverso: l’uso dello stato di immunizzazione per decidere chi riceve cure mediche limitate» scrive il WaPo. Bello l’aggettivo: controverso. Traduciamolo: non ancora completamente passato per la Finestra di Overton.

 

Renovatio 21 si oppone alla trapianto di organi, specie da persone ritenute «clinicamente morte» ma il cui cuore batte ancora, altrimenti non sarebbe possibile espiantarne gli organi: la «donazione», cioè la predazione, avviene solo a cuor battente, basandosi sulla artificiosa nozione di «morte cerebrale» i cui criteri cambiano da Paese a Paese e da un anno all’altro. Come abbiamo scritto, è il concetto di «morte cerebrale» a rendere possibile l’industria dei trapianti, un grande business per medici, ospedali e farmaceutiche che guadagnano clienti a vita di  farmaci come gli antirigetto.

 

Pare che si tratti in questo caso, di una donazione di rene da vivente, volontaria. È stato riportato infatti che la paziente e il suo donatore di reni stanno cercando altre opzioni fuori dallo Stato, poiché non hanno trovato un ospedale del Colorado che eseguirà la procedura prima di essere immunizzati.

 

La filiera della Necrocultura squarta e contamina, segrega e ricatta, in Europa oramai con la stessa mancanza di pudore che regna in Cina. Com’è possibile che il personale medico accetti questa mostruosità?

Non ci stupiamo di questa storia di ordinaria follia biomedica. Essa mette in luce diverse questioni:

 

1) L’instaurazione dell’utilitarismo – cioè il calcolo del piacere individuale – come filosofia che guida lo Stato e la Sanità, e quindi decide la vita e la morte delle persone. La qualità della vita ha perfino una formula, si tende a prediligere nelle cure quindi chi avrà più anni di piacere dinanzi rispetto a chi invece potrà vivere meno.

 

2) Il sistema di allocazione delle risorse mediche – il problema del triage che abbiamo visto in azioni con gli intubati durante la prima ondata pandemica – ora è utilizzabile come ricatto vaccinale.

 

3) il sistema grottesco della predazione degli organi, come riportato da Renovatio 21, non si è fatto scrupolo di espiantare e trapiantare organi di positivi al COVID: per quanto vi possa sembrare allucinante è così. Anzi, si parlava, qualche mese fa, di un boom di disponibilità di organi umani grazie ai morti di COVID. Ora però la faccenda si complica: a quanto è dato di capire potrebbe essere obbligato al vaccino anche il «donatore».

 

Ci rendiamo conto che stanno davvero rendendo accettabile l’idea che un non vaccinato merita di morire?

Qui subentra il paradosso ulteriore che abbiamo visto con il plasma iperimmune: colui che ha contratto il coronavirus ed è guarito può donare il sangue per la plasmaferesi, mentre chi è vaccinato ha dei limiti: egli, secondo le linee guida pubblicate dall’ECDC, deve attendere 48 ore dal vaccino, mentre se «ha sviluppato sintomi dopo la somministrazione del vaccino anti-SARS-CoV-2 può essere accettato alla donazione dopo almeno 7 giorni dalla completa risoluzione dei sintomi».

 

Non abbiamo dubbi che l’idea di escludere dalle cure i non vaccinati trova il favore in una larga parte della popolazione – gli stessi che paragonano i resistenti alla siringa come animali parassiti, subumani da gettare in campi da concentramento o da prendere a cannonate. Tutte cose che sono state davvero dette nel discorso pubblico.

 

La filiera della Necrocultura squarta e contamina, segrega e ricatta, in Europa oramai con la stessa mancanza di pudore che regna in Cina. Com’è possibile che il personale medico accetti questa mostruosità?

 

Ci rendiamo conto che stanno davvero rendendo accettabile l’idea che un non vaccinato merita di morire?

 

 

Continua a leggere

Epidemie

Un uomo muore in Messico per il primo caso umano conosciuto di influenza aviaria H5N2

Pubblicato

il

Da

Un uomo di 59 anni in Messico è morto a seguito di un’infezione da un sottotipo di influenza aviaria: è il primo caso noto di ceppo H5N2 che infetta un essere umano. Dal 1996 si sono verificati circa 900 casi umani di un altro ceppo, l’H5N1, e circa la metà delle persone infette sono morte.

 

Gli esperti affermano che non vi è alcuna minaccia per il grande pubblico e che nessuno vicino al 59enne ha contratto il virus, secondo i rapporti.

 

Il paziente, morto ad aprile, era stato ricoverato in ospedale a Città del Messico dopo aver sviluppato febbre, mancanza di respiro, diarrea, nausea e malessere generale, ha detto mercoledì l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS).

 

«Sebbene la fonte di esposizione al virus in questo caso sia attualmente sconosciuta, il virus A (H5N2) è stato segnalato nel pollame in Messico», ha affermato l’OMS in una nota.

 

Sebbene sia l’H5N1 che l’H5N2 colpiscano sia gli uccelli d’allevamento che quelli selvatici, il paziente in Messico non aveva avuto alcuna esposizione nota al pollame o ad altri animali prima che gli fosse stata formalmente diagnosticata l’influenza. Ma era stato costretto a letto per settimane per altri motivi di salute prima del contagio.

Sostieni Renovatio 21

«A causa della natura in continua evoluzione dei virus influenzali, l’OMS continua a sottolineare l’importanza della sorveglianza globale», ha affermato l’OMS in una nota, aggiungendo che l’attuale rischio per la popolazione generale è «basso». «Questo caso non modifica le attuali raccomandazioni dell’OMS sulle misure di sanità pubblica e sulla sorveglianza dell’influenza».

 

I ricercatori chiariscono che il caso non è correlato a un’epidemia di H5N1 – un ceppo diverso da quello avvenuto in Messico – negli Stati Uniti che ha infettato mandrie di mucche da latte; quattro casi umani di influenza aviaria sono stati segnalati negli Stati Uniti dal 1 aprile.

 

L’allarmismo nei confronti della nuova aviaria è stato propalato in USA dai vertici dell’ente di controllo del farmaco FDA, il cui commissario ha parlato di un’epidemia «10 volte peggiore del COVID»OMS – il cui direttore Tedros ha da tempo detto che «dobbiamo prepararci» ad un focolaio di aviaria umana – e giornali internazionali da mesi stanno insistendo sul pericolo della malattia per gli esseri umani.

 

Come riportato da Renovatio 21, il vaccino contro l’influenza aviaria è stato dichiarato «pronto per la produzione di massa». Gli esperimenti del caso sono stati fatti anche con il famigerato enzima luciferasi.

 

Mosca nel 2023 aveva accusato di aver trovato patogeni letali dell’influenza aviaria in un biolaboratorio USA in Ucraina.

 

Secondo uno studio preprint recentemente pubblicato, anche H5N1 potrebbe essere un virus fuggito al laboratorio.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21


 

 

Continua a leggere

Armi biologiche

L’epidemia di influenza aviaria potrebbe aver avuto origine in laboratorio

Pubblicato

il

Da

Anche l’influenza aviaria, di cui molti stanno parlando di recente, potrebbe avere un’origine interamente artificiale, esattamente come supposto per il virus SARS-nCoV-2 alla base della pandemia COVID-19.   Il medico texano Peter McCullough ha scritto in un post sul suo Substack che l’attuale epidemia di influenza aviaria H5N1 (nome del virus influenza aviaria) potrebbe essere uscita da un laboratorio.   La rivelazione è basata su uno studio preprint di cui è coautore, pubblicato lo scorso lunedì.   «Le circostanze di cui sopra ci hanno spinto a porre una domanda: è possibile che il clade 2.3.4.4b dell’HPAI H5N1 si sia evoluto non in natura, ma come risultato di passaggi seriali o di altre ricerche sul guadagno di funzione (GoF) in un laboratorio? Le prove che abbiamo scoperto finora sollevano fortemente il sospetto che sia davvero così», ha scritto McCullough sul suo Substack.

Iscriviti al canale Telegram

Infatti, quando l’ex direttore del CDC, il dottor Robert Redfield, è stato recentemente intervistato dal canale TV Newsnation, si è vantato di essere riuscito a trasformare l’influenza aviaria in un’arma in pochi mesi.   «In laboratorio, potrei rendere [l’influenza aviaria] più contagiosa per gli esseri umani in pochi mesi (…) sono stati pubblicati i quattro amminoacidi che devo modificare (…) Questa è la vera minaccia alla biosicurezza, che questi laboratori universitari stiano facendo questi esperimenti biologici (…) Penso che l’influenza aviaria sarà la causa della grande pandemia, in cui stanno insegnando a questi virus come essere più contagiosi per gli esseri umani», aveva detto Redfield nell’intervista .  
Mentre originariamente si sosteneva che il COVID avesse avuto origine dal fatto che i cinesi mangiavano pipistrelli, una pratica presente nella nazione asiatica, è stato rapidamente rivelato che l’epidemia poteva provenire da un laboratorio di armi biologiche a Wuhan.   Sono state sollevate preoccupazioni circa la giustificazione alla base della pericolosa ricerca sul guadagno di funzione sull’influenza.   Come riportato da Renovatio 21, è emerso che gli USA stanno finanziando la creazione di questi ceppi di influenza aviaria privilegiando quelli più letali e contagiosi.

Sostieni Renovatio 21

In modo simile al COVID, che viene creato in un laboratorio e diventa una pandemia, anche la nuova influenza aviaria potrebbe quindi essere arrivata da un laboratorio. Tra il 2020 e il 2024 entrambe le epidemie hanno in comune il fatto di essere scoppiate in un anno di elezioni presidenziali USA.   Non è improbabile probabile che se l’influenza aviaria finirà sotto i riflettori in modo simile al COVID, anche le nuove vaccinazioni contro l’influenza aviaria per gli esseri umani saranno ampiamente raccomandate.   Come riportato da Renovatio 21, il vaccino contro l’influenza aviaria è stato dichiarato «pronto per la produzione di massa». Gli esperimenti del caso sono stati fatti anche con il famigerato enzima luciferasi.   L’allarmismo nei confronti della nuova aviaria è stato propalato dagli stessi vertici dell’ente di controllo del farmaco USA FDA, il cui commissario ha parlato di un’epidemia «10 volte peggiore del COVID». OMS – il cui direttore Tedros ha da tempo detto che «dobbiamo prepararci» ad un focolaio di aviaria umana – e giornali internazionali da mesi stanno insistendo sul pericolo della malattia per gli esseri umani.   Mosca nel 2023 aveva accusato di aver trovato patogeni letali dell’influenza aviaria in un biolaboratorio USA in Ucraina.   Come riportato da Renovatio 21, l’anno passato è stata data notizia della creazione di polli OGM parzialmente immuni all’aviaria prodotti tramite la bioingegneria CRISPR, facendo sollevare l’interrogativo: quando vi sarà l’obbligo del CRISPR per i nostri figli?  

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21
   
Continua a leggere

Epidemie

Il senatore Paul contro Fauci: la Sanità USA «più segreta della CIA»

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

In un’apparizione al programma «Rising» di The Hill, il senatore Rand Paul ha preso di mira la testimonianza del dottor Anthony Fauci davanti alla sottocommissione selezionata della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti sulla pandemia di coronavirus lunedì, suggerendo che Fauci contraddicesse fatti noti su come l’NIH ha risposto alla pandemia.

 

Martedì, in un’apparizione al programma «Rising» di The Hill, il senatore Rand Paul (R-Ky.) ha preso di mira la testimonianza del dottor Anthony Fauci davanti alla sottocommissione selezionata della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti sulla pandemia di coronavirus.

 

Paul ha affrontato le risposte di Fauci, suggerendo che contraddicessero fatti noti su come il National Institute of Allergy and Infectious Diseases (NIAID) – l’agenzia guidata da Fauci per 38 anni – e la sua agenzia madre, il National Institutes of Health (NIH), hanno risposto al COVID -19 pandemia.

 

«L’NIH è in realtà più riservato della CIA, e questo è allarmante e inquietante e davvero non dovrebbe essere tollerato», ha detto Paul ai co-conduttori Robby Soave e Briahna Joy Gray.

Sostieni Renovatio 21

Paul ha affrontato gli sforzi di Fauci per prendere le distanze dal suo aiutante di lunga data David Morens, che nelle e-mail si vantava di poter eludere le richieste del Freedom of Information Act eliminando qualsiasi potenziale «pistola fumante».

 

Paul ha criticato la ricerca sul guadagno di funzione, che secondo lui è avvenuta sotto la guida di Fauci del NIAID, e ha chiesto che fosse vietata. Ha anche suggerito che il COVID-19 sia emerso da una fuga di notizie dal laboratorio dell’Istituto di virologia di Wuhan in Cina alla fine del 2019.

 

L’intervista di Paul è arrivata sulla scia delle rivelazioni secondo cui il NIAID ha ricevuto 690 milioni di dollari dei 710 milioni di dollari in entrate da royalty NIH tra il 2022 e il 2023.

 

È arrivato anche pochi giorni dopo la pubblicazione delle trascrizioni dell’intervista di due giorni di Fauci a porte chiuse alla Camera di gennaio e di un memorandum della Camera con i punti chiave di quell’intervista.

 

Paul è stato a lungo un critico di Fauci. Nell’ottobre 2021, affermò che Fauci stava «diffondendo falsità». Nell’agosto 2023, ha affermato che Fauci ha commesso falsa testimonianza e ha invitato il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ad avviare un’indagine. Nell’ottobre 2023 ha accusato Fauci di aver guidato il «grande insabbiamento del COVID».

 

 

Paul chiede «ulteriori controlli o procedimenti giudiziari»

Paul ha detto a Soave e Gray che «una delle cose più sorprendenti» della testimonianza di Fauci di lunedì «è stata la rapidità con cui ha gettato il suo aiutante sotto l’autobus», riferendosi a Morens.

 

«Morens ha lavorato per 20 anni per Anthony Fauci e nella sua dichiarazione di apertura, [Fauci] dice che [lui] conosceva a malapena il ragazzo», ha detto Paul. «In sostanza, ora hanno gettato David Morens in pasto ai lupi».

 

Paul ha affermato che la testimonianza di Morens, in cui «ha ammesso di aver distrutto le prove, di aver cancellato le e-mail» e di «essere stato un corriere personale e che poteva portare messaggi personali a casa di Anthony Fauci», ha contraddetto le dichiarazioni di Fauci ed è motivo di un’indagine.

 

«La sua testimonianza è direttamente in conflitto con ciò che ha detto ieri Anthony Fauci, il quale ha affermato di non aver mai utilizzato la posta elettronica privata, né di aver mai utilizzato un telefono privato», ha detto Paul. «E quindi, davvero penso che siano necessarie ulteriori indagini per scoprire chi sta dicendo la verità qui. Se ciò non giustifica ulteriori controlli o procedimenti penali, non so cosa lo possa fare».

 

Paul ha suggerito che la sottocommissione richiamasse Morens per ulteriori domande, «perché Anthony Fauci essenzialmente… ha definito David Morens un bugiardo».

 

«… Morens desidera correggere il registro? Vuole discutere in modo più completo di quello che stava succedendo con Anthony Fauci? Perché Anthony Fauci praticamente lo ha rinnegato ieri», ha detto Paul.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

Paul chiede il divieto della ricerca sul guadagno di funzione

La nota di 17 pagine della Camera suggeriva che «Fauci ha giocato sulla semantica con la definizione di ricerca Gain-of-Function [GoF]» durante la sua intervista di gennaio, scoprendo che «Fauci ha intenzionalmente evitato di affermare che il NIAID ha finanziato la ricerca GoF sui coronavirus a Wuhan, in Cina, affermando che GoF è un termine sfumato».

 

Paul era d’accordo con questa valutazione. Rivolgendosi alla testimonianza di Fauci di lunedì, Paul ha affermato che Fauci sostiene che «non si è trattato di un guadagno di funzione» perché «non ha mai soddisfatto la definizione normativa del comitato per la sicurezza», noto anche come comitato P3CO.

 

Secondo Paul, «il problema con questa linea di argomentazione… è che Anthony Fauci non ha mai presentato la ricerca su Wuhan al Comitato per la Sicurezza. Quindi può dire che stiamo usando quella definizione, ma il comitato non l’ha mai presa in considerazione. Non c’è mai stata alcuna considerazione da parte del comitato per la sicurezza sul fatto che questo fosse un guadagno di funzione».

 

Paul ha detto che negli ultimi tre anni ha chiesto all’NIH di fornirgli la prova che la ricerca condotta a Wuhan non era un guadagno di funzione, ma «l’NIH non me lo rivelerà».

 

Citando i pericoli della ricerca sul guadagno di funzione, Paul ne ha chiesto il divieto:

 

«C’è un intero gruppo di scienziati che ne discute da oltre un decennio, ben prima del COVID, e molti di loro affermano che questo tipo di ricerca non ha prodotto un vaccino, non ha prodotto informazioni utili, ma che il rischio supera di gran lunga la conoscenza che ne deriva».

 

«Dobbiamo trattarlo come qualcosa di equivalente alle armi nucleari, nel senso che sono necessari negoziati tra i Paesi. È necessario che i Paesi civili si uniscano e firmino il divieto su questo tipo di ricerca».

 

Paul ha anche suggerito che la ricerca sul guadagno di funzione a Wuhan non soddisfaceva gli standard di sicurezza internazionali e che Fauci sapeva da tempo che tale ricerca rappresentava un rischio.

 

«Nel 2012 ha detto che sì, una pandemia potrebbe verificarsi a causa di una fuga di dati dal laboratorio. Se così fosse, però, la conoscenza acquisita varrebbe il rischio», ha detto Paul.

 

«Una delle e-mail che abbiamo ricevuto tramite un’ordinanza del tribunale federale dice che se scoprono che stanno facendo questo in Cina in un BSL-2 [livello di biosicurezza 2], che è una categoria di sicurezza inferiore a quella richiesta, le persone andranno fuori di testa. Queste sono le parole di alcuni ricercatori che vanno avanti e indietro tra la Carolina del Nord, la Cina e Peter Daszak, che è il corriere che raccoglie tutti i soldi dei contribuenti per questo», ha aggiunto Paul.

Aiuta Renovatio 21

La nota della Camera rileva che Fauci ha riconosciuto, durante la testimonianza di gennaio, che la fuga di notizie dal laboratorio «non è una teoria del complotto» – un riconoscimento che ha ripetuto durante l’udienza di lunedì.

 

Nonostante le prove della conoscenza di Fauci della ricerca sul guadagno di funzione e di una fuga di notizie dal laboratorio, riconosciute dai membri del Congresso di entrambi i partiti, dal Dipartimento dell’Energia degli Stati Unitidal New York Times e dall’amministrazione Biden nella sua recente azione contro l’EcoHealth Alliance di Daszak , lunedì sentire «si è sentito di nuovo partigiano», ha osservato Soave.

 

«Posso solo supporre che ci sia un tale amore per l’autorità centrale e un tale amore per il governo responsabile dell’assistenza sanitaria, che vedono Anthony Fauci come rappresentante dell’autorità centrale, l’autorità in materia sanitaria da vederla come un attacco al governo, mentre io lo vedo come un attacco al suo giudizio», ha detto Paul.

 

Fauci «ha rifiutato di ammettere» di aver «sovvalutato il potere dei vaccini COVID-19»

Secondo la nota della Camera, «alcune politiche consequenziali dell’era COVID mancavano di prove scientifiche a supporto», come le politiche di distanziamento sociale di 6 piedi e l’obbligo di mascherine. Il rapporto rileva che «Fauci ha testimoniato di non ricordare alcuna prova a sostegno del mascheramento dei bambini».

 

Fauci lo ha riconosciuto durante l’udienza di lunedì.

 

Secondo il memorandum, Fauci ha anche «rifiutato di ammettere che il governo – compreso lui stesso – ha sopravvalutato il potere dei vaccini contro il COVID-19», «ha difeso le dichiarazioni fuorvianti del presidente Biden sui vaccini» e «ha rifiutato di tornare indietro rispetto alla sua dichiarazione del 2021 secondo cui i vaccini contro il COVID-19 renderti “un vicolo cieco per il virus”».

 

Fauci ha continuato a difendere i vaccini contro il COVID -19 durante l’udienza di lunedì, sostenendo che hanno salvato «molte, molte, molte vite» e incolpando i non vaccinati per aver causato la morte di 200.000-300.000 americani.

 

Michael Nevradakis

Ph.D.

 

© 5 giugno 2024, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21


Immagine generata artificialmente

Continua a leggere

Più popolari