Connettiti con Renovato 21

Fertilità

Calo delle nascite in 18 Paesi d’Europa. C’entra per caso il vaccino?

Pubblicato

il

Qualche giorno fa è stata data la notizia dell’apparizione di uno documento di 90 pagine di uno studioso tedesco, Raimund Hagemann.

 

Si tratta di un lavoro di statistica fatto con un team che comprende, tra gli altri, anche dei medici. Hagemann ha preso i dati arrivati da 18 Paesi UE, Italia esclusa, perché avrebbe «dati fermi al 2020».

 

Titolo del paper: Diminuzione del numero dei bambini nati vivi in Europa.

 

Usando due variabili – il tasso di natalità e la frequenza di vaccinazione COVID – vengono confrontati i primi cinque mesi del 2022 con quella che è stata la media degli ultimi 3 anni.

 

Tutti i Paesi mostrano un calo che può arrivare al 10%.

 

La Francia ha -1,3% di bambini nati vivi; la Romania un pazzesco -18,8% – quasi un bambino su cinque in meno.

 

-7,4% la Spagna, -8,9 la Germania.

 

«In 15 Paesi questo calo ha superato il 4%, in 7 è andato oltre il 10%» riassume La Verità. Cioè, un bambino su 10 è nato morto in più rispetto a prima.

 

In totale, nei Paesi UE interessati vi sarebbero -110.059 nascite rispetto a prima, cioè -7%.

 

A latere c’è il caso della Svizzera, dove il giornale di Weltwoche, in un articolo intitolato «Dove sono i bambini?» parla di 6.000 nascite in meno, cioè il -15,1%, cifra superiore al -13,5% registrato nel 1915, quando anche nella Confederazione neutrale le condizioni di vita peggiorarono assai. Il docente di economia Konstantin Beck butta lì un dato: «la vaccinazione ha raggiunto il picco a maggio e giugno 2021 (…) e il tasso di natalità è crollato a febbraio e marzo 2022, nove mesi dopo».

 

Nel documento di Hagemann si dice che vi è correlazione tra il fenomeno e il contagio da COVID, tuttavia si trova una «significativa correlazione negativa tra il calo dei tassi di natalità è l’alto numero delle vaccinazioni nei nove mesi precedenti, nella fascia di età 18-49 anni, in 13 di 18 Paesi».

 

Di più: il documento dice che si dovrebbe studiare di più la questione delle reazioni avverse negli organi riproduttivi, sia maschili che femminili. Qualcosa, come noto, c’è già: sulle alterazioni del mestruo, dopo mesi di spirale del silenzio, ora non ci sono più dubbi.

 

Proprio così: potrebbe centrare qualcosa il fatto che le mamme si siano vaccinate. Ricordate? All’inizio le autorità mediche di tutti i Paesi erano attentissime alla questione della gravidanza: ci andarono piano, dissero che non c’erano studi, arrivarono a chiedere a chi si voleva vaccinare di prendere la pillola – che peraltro è perfino più pericolosa dei vaccini in fatto di coaguli del sangue.

 

Poi, puf, tutta la premura per le donne in età fertile sparì in un batter d’occhio. Si innestò nella società l’idea che, anzi, la madre non vaccinata stava abusando del figlio. Si arrivò a porcherie e fake news – permesse però, se si tratta di vaccinisti – con neomamme sierate che si tiravano il latte convinte che questo si trasformasse magicamente in alimento in grado di immunizzare il bambino, un latte-vaccino, lato sensu, e pure stricto sensu.

 

Qualcosa, tuttavia, si sapeva. Tra le pagine del documento di approvazione del Pfizer che l’FDA è stata costretta a pubblicare (ricordate? Voleva dilazionare la pubblicazione in 75 anni…) è possibile vedere che si registrarono 23 aborti spontanei e 5 casi di neonati morti o prima o dopo il parto. 17 di 133 bambini allattati al seno da madri vaccinate subirono reazioni avverse.

 

È orrendo vedere come tutto stia procedendo secondo quello che avevamo pensato, e detto, da subito.

 

Questo sito già nel 2020 aveva dato voce a chi, come l’ex Pfizer Yeardon, aveva cominciato a parlare dei possibili danni alla fertilità del vaccino mRNA.

 

Fummo subito fact-checkati: dai soliti noti e perfino dal sito di una importante Università. Sono bufale, dai: non ci sono prove che il vaccino faccia male alle donne incinte e ai loro bambini.

 

Abbiamo registrato i casi di danno mestruale quando ancora era un tabù spernacchiato in rete, ma discusso sottovoce da un numero infinito di donne: abbiamo ricevuto messaggi di signore piuttosto disperate. Mestruazioni copiose come mai si era visto. Oppure nessuna mestruazione. Da chi andare, per una cosa del genere? Chi ci può, non dico curare, ma ascoltare?

 

Ricordiamo bene quei mesi lenti e frenetici al contempo, dove si era bloccati in casa («zona rossa»: rimembrate?), in attesa del siero salvifico che arrivò, come il Bambin Gesù, a Natale, mentre si affastellavano nella mente di chi aveva conservato un minimo di lucidità dubbi sempre più mostruosi.

 

Infine lo scrivemmo con un articolo in cui già dal titolo lo dicevamo chiaro: «Vaccino COVID, la più grande minaccia per l’umanità».

 

Sottolineiamo che ancora oggi lo pensiamo. E non siamo i soli. Con il problema che ora il danno è stato fatto, moltiplicato per una popolazione infinita, e in più riprese – le dosi, i booster…

 

Ci era chiaro sin dal principio che si tratta di quello che in informatica è uno SPOT, single point of failure: un solo elemento centrale viene corrotto, e crolla tutto il sistema. Se il vaccino come effetto collaterale avesse avuto il mal di testa, moltiplicato per le centinaia di milioni di persone che lo hanno assunto (o forse più…) avrebbe generato un’instabilità sociosanitaria difficilmente sostenibile.

 

Tuttavia non era l’emicrania che già allora veniva in mente.

 

La faccenda, per chi aveva visto cosa era successo negli anni precedenti, era abbastanza semplice da leggere.

 

I grandi potentati miliardari internazionali un tempo ossessionati dalla riduzione della popolazione, ora dedicavano suon di miliardi, e ammassi di influenza transnazionale mai vista, ad un solo tema, quello dei vaccini.

 

Non è così arduo fare 2+2. Specie se ci si ricorda di quella strana denuncia che fecero i vescovi del Kenya anni fa. Parlavano di campagne di vaccinazione che in realtà sterilizzavano le donne.

 

Malgrado le smentite dei grandi media – pubblicavano quelle ma prima non avevano pubblicato la notizia, eccezionale – la storia c’è tutta.

 

Bisogna dire grazie al dottor Andrew Wakefield che ci ha fatto sopra un documentario assai esplicativo, intitolato Infertilità: un’agenda diabolica.

 

Ne abbiamo parlato, varie volte. A questo punto va visto per forza: perché quello che mostra potrebbe essere già successo qui. Lo diceva agli intervistatori occidentali uno dei dottori africani che avevano lottato contro l’orrore indicibile di vedere le donne del proprio Paese sterilizzate: «quando avranno finito con l’Africa, verranno da voi».

 

Potrebbe proprio essere successo così.

 

Il danno è immane, ci rendiamo conto. Ma non l’abbiamo fatto noi. Noi lo abbiamo detto subito, anzi, noi lo dicevamo anni prima del coronavirus: i vaccini – tutti – sono strumenti della Cultura della Morte. Con le vaccinazioni vogliono umiliare, sottomettere, ferire, uccidere l’essere umano. Su questo davvero non abbiamo mai avuto dubbi.

 

Ora, semmai, c’è da capire cosa fare. La prospettiva evocata nella storia de I figli degli uomini potrebbe essere dietro l’angolo.

 

Non c’è solo da prepararsi al crollo della Civiltà, c’è da capire come preservare biologicamente la propria discendenza.

 

Sapete, c’era un Tinder per i non vaccinati, una app per incontri ma esclusivamente dedicata a chi rifiutava il siero, a chi si era mantenuto, come dicono i no-vax americani, pureblood, con il sangue puro. Apple l’ha ovviamente chiusa. Strano: la censura non arriva su app come Grindr, quella per gli incontri omosessuali dove pare abbondano i preti, che ad un certo punto recava la spunta di profilo che indicava o meno la sieropositività – e il motivo capitelo da voi.

 

Ma c’è altro. In USA si dice vi sia una nuova tendenza nelle ragazze in cerca di un uomo, che potenzialmente divenga marito: mentire. Dicono di non essere vaccinate, perché questa cosa dei problemi di fertilità delle donne dopo la vaccinazione è entrata nelle testa di qualche scapolone, che se deve cercare una donna con cui mettere su famiglia vorrebbe pure che non fosse sterile, o, peggio ancora, possono avere il pensiero che la prole del siero genico possa avere qualche problema.

 

È orrendo, a dirsi e anche solo a pensarsi, ma studi come quello di Hagemann, dove diviene sempre più chiaro l’effetto distruttore delle vaccinazioni, ci impongo a pensare una società divisa, quantomeno sessualmente. Chi dispone della fertilità, deve essere pronto a fare qualsiasi rinuncia, qualsiasi sacrificio per custodirla – perché su di lui ora è la responsabilità dell’intera umanità.

 

Come siamo arrivati a questo punto?

 

In realtà lo sappiamo. Il vampiro non entra in casa, a meno che non lo si inviti. Il vampiro forse non lo avete invitato voi, ma avete votato i politici che lo hanno invitato a entrare nell’intero Paese.

 

Abbiamo tollerato, per anni, che ci venisse inflitta la Necrocultura, e non abbiamo mosso un dito – e parlo anche di chi, tra i pochi, aveva capito che era una questione di vita o di morte, era la Vita contro la Morte, era la guerra del Bene contro il Male.

 

Ora pensate ai bambini, quelli che sono riusciti a salvarsi dalla mattanza – che, state certi, non è finita.

 

Teneteveli stretti, non permettete a nessuno di prenderveli, perché oramai è chiaro che il loro progetto è interrompere la vita umana sul pianeta, e per questo attaccano la riproduzione e il suo frutto, che è l’Imago Dei.

 

Il serpente quella volta aveva giurato guerra alla discendenza di Adamo.

 

Ora crediamo che lo possiate vedere tutti: è proprio così.

 

Alla fine, gli sarà schiacciata la testa. Tuttavia, nel frattempo la lotta sarà tremenda, e l’abominio di ciò che vedremo insostenibile.

 

Un mondo senza bambini, un mondo portato con l’inganno ad abortire generazioni intere di piccoli esseri umani.

 

Un’apocalisse alla quale dobbiamo giurare di sopravvivere, per il bene dei figli che siamo riusciti fin qui a proteggere.

 

 

Roberto Dal Bosco

 

 

 

 

Immagine di TulerReitan via Deviantart pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported (CC BY-NC-ND 3.0)

 

 

 

Fertilità

Tossicologa avverte: i vaccini mRNA potrebbero «sterilizzare un’intera generazione»

Pubblicato

il

Da

Un’esperta di tossicologia con oltre 30 anni di esperienza scientifica ha messo in guardia sul potenziale danno riproduttivo che ritiene possa essere causato dai vaccini COVID basati su mRNA, dicendo che sono necessarie ulteriori ricerche per determinare gli effetti del siero genico sulla riproduzione.

 

In una tavola rotonda di mercoledì ospitata a Washington dal senatore degli Stati Uniti Ron Johnson, la dott.ssa Janci Lindsay ha avvertito che i vaccini anti COVID-19 potrebbero «potenzialmente sterilizzare un’intera generazione» oppure «essere trasmessi alle generazioni successive come trasferimento genico involontario».

 

Di conseguenza, Lindsay ha sostenuto che è «assolutamente irresponsabile continuare una qualsiasi di queste iniezioni» per i bambini e le persone in età fertile «senza indagare su questo», spiegando «non c’è modo di dire a questo punto che sono al sicuro né efficace».

 

Il suo breve discorso della tossicologa si è concluso chiedendo un’indagine sul potenziale pericolo dei colpi per la riproduzione umana.


La dott.ssa Janci Lindsay ha conseguito un dottorato di ricerca in biochimica e biologia molecolare presso la Graduate School of Biomedical Sciences dell’Università del Texas e ricopre il ruolo di direttore di tossicologia e biologia molecolare per la società di consulenza Toxicology Support Services a Sealy, in Texas.

 

Alla discussione di mercoledì, in cui è stata raggiunta da esperti come il dottor Peter McCullough e il dottor Robert Malone, Lindsay ha affermato che le iniezioni mRNA non rimangono solo nel braccio nel sito di iniezione, ma piuttosto si diffondono in tutto il corpo.

 

«Inizialmente ci è stato detto che sarebbe rimasto solo nel braccio, ma non è così. Finisce per essere distribuito in tutto il corpo», ha dichiarato. «Ora, cosa sono quei tessuti? Il cervello, la milza, le ghiandole endocrine, il midollo osseo, il sangue preferenzialmente, le ovaie e i testicoli (…) Ora, cosa succede quando le terapie geniche arrivano alle ovaie e ai testicoli? Beh, semplicemente non lo sappiamo perché purtroppo non è stato adeguatamente studiato».

 

Secondo Lindsay, i colpi hanno il «potenziale per causare immensi danni riproduttivi e potenzialmente sterilizzare un’intera generazione».

 

«Questo non è stato esaminato e deve essere esaminato», ha detto Lindsay. «Chiedo ora che si indaghi su questo»

 

Sono sempre più le prove che mostrano possibili effetti devastanti dei vaccini COVID sulla fertilità di maschi e femmine. Le donne, in particolare, hanno sperimentato un effetto collaterale che, dapprima insabbiato, ora è alla luce del sole: l’alterazione del ciclo mestruale, ora confermato da studi scientifici.

 

A novembre, il dottor James A. Thorp, ostetrico-ginecologo certificato dal consiglio di amministrazione e medico di medicina fetale materna, ha definito l’introduzione dei vaccini COVID per le mamme incinte «il più grande disastro nella storia dell’ostetricia e di tutta la medicina».

 

A febbraio, uno studio svedese ha suggerito che la tecnologia dell’mRNA potrebbe potenzialmente essere integrata nelle cellule del DNA, contraddicendo le assicurazioni delle istituzioni secondo cui i sieri COVID non modificherebbero il DNA. Se questo DNA possa entrare nella linea germinale – cioè possa alterare la genetica della futura prole – resta una domanda aperta.

 

Ripetiamo quanto scritto da Renovatio 21 due anni fa: il vaccino COVID potrebbe essere la più grande minaccia mai affrontata dall’umanità.

 

 

 

Continua a leggere

Fertilità

«Spermageddon»: un nuovo studio fa rivivere i timori del crollo della fertilità maschile

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

La conta degli spermatozoi in tutto il mondo sembra essersi dimezzata tra il 1973 e il 2018.

 

Secondo uno studio sulla rivista Human Reproduction Update , un team guidato da Hagai Levine, della Hebrew University di Gerusalemme, e Shanna Swan della Icahn School of Medicine, a New York, il declino riflette una crisi globale legata al nostro ambiente e stile di vita moderni, con ampie implicazioni per la sopravvivenza della specie umana.

 

Lo stesso team ha identificato un calo del numero di spermatozoi in Nord America, Europa e Australia nel 2017. Questa recente ricerca è la prima a dimostrare un calo anche in Sud e Centro America, Asia e Africa.

 

Il conteggio degli spermatozoi non è solo un indicatore della fertilità umana, affermano i ricercatori; è anche un indicatore della salute degli uomini, con bassi livelli associati ad un aumento del rischio di malattie croniche, cancro ai testicoli e una ridotta durata della vita.

 

Questo studio mostra un declino accelerato post-2000 del numero totale di spermatozoi e della concentrazione di spermatozoi a livello globale.

 

Come ha riassunto Levine, questi risultati, «nel complesso, stiamo assistendo a un significativo calo mondiale del numero di spermatozoi di oltre il 50% negli ultimi 46 anni, un declino che ha subito un’accelerazione negli ultimi anni».

 

Sebbene l’attuale studio non abbia esaminato le cause del calo del numero di spermatozoi, Levine ha indicato una recente ricerca che indica che i disturbi nello sviluppo del tratto riproduttivo durante la vita fetale sono collegati alla compromissione della fertilità e ad altri indicatori di disfunzione riproduttiva.

 

Inoltre, Levine ha spiegato che «le scelte di stile di vita e le sostanze chimiche nell’ambiente stanno influenzando negativamente questo sviluppo fetale».

 

Il tempo sta per scadere, ha ammonito Levine. «Le nostre scoperte fungono da canarino in una miniera di carbone. Abbiamo un grave problema tra le mani che, se non mitigato, potrebbe minacciare la sopravvivenza dell’umanità. Chiediamo urgentemente un’azione globale per promuovere ambienti più sani per tutte le specie e ridurre le esposizioni e i comportamenti che minacciano la nostra salute riproduttiva».

 

Il professor Swan ha sottolineato che un basso numero di spermatozoi non solo influisce sulla fertilità degli uomini, ma ha gravi conseguenze per la salute degli uomini più in generale.

 

«Il preoccupante calo della concentrazione di spermatozoi maschili e del numero totale di spermatozoi di oltre l’1% ogni anno, come riportato nel nostro articolo, è coerente con le tendenze avverse degli esiti di salute di altri uomini, come il cancro ai testicoli, l’interruzione ormonale e i difetti alla nascita genitali, così come declino della salute riproduttiva femminile. Questo chiaramente non può continuare senza controllo».

 

Sebbene il rapporto abbia fatto notizia ovunque, l’idea del calo del numero di spermatozoi è controversa.

 

Nel 2021 il professor Swan ha pubblicato un popolare libro di scienza, Count Down: How Our Modern World Is Altering Male and Female Reproductive Development, Threatening Sperm Counts, and Imperiling the Future of the Human Race («Conto alla rovescia: come il nostro mondo moderno sta alterando lo sviluppo riproduttivo maschile e femminile, minacciando il conteggio degli spermatozoi e mettendo in pericolo il futuro della razza umana).

 

Ha dipinto un quadro molto cupo.

 

«Se guardi la curva del numero di spermatozoi e la proietti in avanti – il che è sempre rischioso – raggiunge lo zero nel 2045», dice. Questa triste statistica implica che entro 25 anni un maschio medio non avrebbe più sperma vitale. «Questo è un po’ preoccupante, per non dire altro».

 

Ancor più drammaticamente, ha affermato che l’homo sapiens si adatta già allo standard del Fish and Wildlife Service degli Stati Uniti per essere considerato una specie in via di estinzione.

 

 

I critici, tuttavia, si sono chiesti se il metodo per contare lo sperma sia accurato o se gli uomini disposti a fornire sperma fossero diversi dalla popolazione nel suo insieme.

 

Un documento del 2021 di ricercatori di Harvard e MIT ha suggerito che non è il momento di premere il pulsante del panico. Hanno proposto un’ipotesi di «biovariabilità del conteggio degli spermatozoi» come contrappeso all’ipotesi del declino del conteggio degli spermatozoi.

 

Forse la conta degli spermatozoi varia molto nel tempo, in base all’età e alle popolazioni. «L’ipotesi che la fertilità maschile aumenti proporzionalmente al numero di spermatozoi non è supportata da alcuna prova disponibile», hanno osservato.

 

 

Michael Cook

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

Continua a leggere

Fertilità

Giudice del Regno Unito rifiuta la richiesta di recupero postumo dello sperma

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

Con poche leggi che lo regolano, i giudici spesso concedono il permesso a partner o genitori in lutto di recuperare lo sperma di giovani uomini che sono morti inaspettatamente. Ma in un ultimo incidente, i genitori di un moribondo in Inghilterra non sono riusciti a convincere un giudice della Court of Protection.

 

X (i nomi sono stati omessi in giudizio) era uno studente universitario di 22 anni. Era l’unico figlio di genitori cinesi che parlava poco inglese. Ha subito un ictus mentre praticava sport ed era morto nel tronco cerebrale quando il giudice ha esaminato il caso (è morto poco dopo).

 

I suoi genitori sono stati devastati e hanno chiesto al tribunale il permesso di recuperare il suo sperma. Hanno affermato che voleva avere figli. Dissero che la sua ragazza avrebbe potuto portare il bambino in grembo e che si sarebbero presi la responsabilità di allevarlo. Il padre ha detto alla corte.

 

«Chiarisco alla corte che io e mia moglie cresceremmo il bambino, ma la fidanzata, che è a conoscenza di questa domanda, ha espresso il desiderio di portare suo figlio. Mi rendo conto che non possiamo parlare per lei e che il tribunale non ha prove da parte sua, ma mi sembra giusto che ne informiamo il tribunale e che in ogni caso, ciò su cui siamo chiari è che nostro figlio ha sempre voluto una famiglia e vorremmo davvero esaudire quel desiderio in ogni caso».

 

Tuttavia, il giudice Poole ha stabilito che non sarebbe stato nel «migliore interesse» di X far eseguire su di lui una procedura invasiva alla quale non poteva acconsentire.

 

«Non ci sono prove davanti al tribunale per convincermi che (lui) avrebbe desiderato che il suo sperma fosse raccolto e conservato nelle sue attuali circostanze. Non posso accettare che ci dovrebbe essere una posizione predefinita secondo cui lo sperma dovrebbe essere raccolto e conservato in circostanze tali da essere generalmente nel migliore interesse di una persona».

 

 

Michael Cook

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari