Connettiti con Renovato 21

Sorveglianza

L’amministrazione Biden designa come terrorista chi protesta contro il lockdown

Pubblicato

il

 

 

Il Department for Homeland Security (DHS), ossia il ministero della sicurezza interna degli Stati Uniti, ha emesso un avviso che sembra mettere gli americani che rifiutano le restrizioni pandemiche alla pari dei jihadisti che potrebbero colpire nell’anniversario degli attacchi dell’11 settembre.

 

Il DHS, istituito 2002, di fatto nacque per combattere il terrorismo islamista poco dopo il massacro terrorista delle Torri Gemelle. Ora, a quanto sembra, vuole spostare l’obbiettivo sui dissidenti interni, cioè i semplici cittadini che protestano contro le leggi emanate con il COVID, o anche, scrive il documento, «teorici del complotto».

 

Un bollettino del DHS  pubblicato lo scorso venerdì ha  affermava che  «estremisti violenti anti-governativi e anti-autorità»  potrebbero cercare di  «sfruttare l’emergere di varianti di COVID-19 considerando il potenziale ripristino delle restrizioni sulla salute pubblica negli Stati Uniti come una motivazione per condurre attacchi».

 

La pandemia di COVID-19 ha alimentato «tensioni sociali», scrive il comunicato del DHS,  «guidando diversi complotti di estremisti violenti domestici e potrebbero contribuire ad un aumento della violenza quest’anno».

 

Il ministero della sicurezza interna degli Stati Uniti ha emesso un avviso che sembra mettere gli americani che rifiutano le restrizioni pandemiche alla pari dei jihadisti

L’avviso sul terrorismo, che dura fino all’11 novembre, citava una serie di altre potenziali minacce, compresi i fanatici violenti che potrebbero perpetrare attacchi di vittime di massa,  «sebbene al momento non siano state identificate minacce credibili o imminenti».

 

Altri potenziali aggressori includono «estremisti violenti domestici»  e altri   individui «motivati ​​ideologicamente» che potrebbero essere innescati da  «teorie della cospirazione» su questioni come «frodi elettorali percepite», ha  affermato il DHS.

 

«Le forze dell’ordine hanno espresso preoccupazione per il fatto che la più ampia condivisione di false narrazioni e teorie della cospirazione otterrà trazione negli ambienti tradizionali, portando individui o piccoli gruppi ad abbracciare attacchi violenti per raggiungere i loro obiettivi desiderati», ha affermato il bollettino.

 

L’amministrazione del presidente Joe Biden ha elevato l’«estremismo» interno a principale  alla sicurezza sulla scia della rivolta del 6 gennaio al Campidoglio degli Stati Uniti.

 

I politici democratici hanno pubblicizzato la rivolta come una «insurrezione» a sfondo razziale e Biden ad aprile l’ha definita  «il peggior attacco alla nostra democrazia dalla guerra civile».

 

L’amministrazione del presidente Joe Biden ha elevato l’ «estremismo» interno a principale  alla sicurezza sulla scia della rivolta del 6 gennaio al Campidoglio degli Stati Uniti

I critici hanno respinto l’affermazione, notando tragedie precedenti come gli attacchi dell’11 settembre 2001, l’attacco giapponese a Pearl Harbor nel 1941, quattro omicidi presidenziali e, più recentemente, rivolte razziali che hanno incendiato città e lasciato decine di persone morte la scorsa estate.

 

Venerdì, tuttavia, il DHS ha nuovamente sollevato lo spettro del 6 gennaio. Il capo dell’intelligence del DHS John Cohen ha  dichiarato alla  CNN che la retorica online è simile alle chiacchiere viste prima della rivolta al Campidoglio. Ha citato  commenti «estremisti» come  «il sistema è rotto», «agire con le proprie mani» e  «tirare fuori la forca».

 

In breve: state attenti, sempre, a quando esprimete rabbia o anche solo disappunto in rete. Lo Stato vi ascolta – e ve lo dice anche. L’idea che del potere ci si possa lamentare, o sognare di cambiarlo, è ora considerata pericolosa, proibita – anche nella patria della libertà di parola, gli Stati Uniti d’America

 

Il DHS ha anche osservato che, con l’avvicinarsi del 20° anniversario degli attacchi dell’11 settembre, Al-Qaeda ha recentemente pubblicato il primo numero della sua rivista in lingua inglese in più di quattro anni. Questa mossa  «dimostra che le organizzazioni terroristiche straniere continuano gli sforzi per ispirare gli individui con sede negli Stati Uniti suscettibili di influenze estremiste violente», ha affermato l’agenzia.

 

Curioso che il governo americano parli di Al-Qaeda proprio mentre ha riconsegnato le chiavi di un Paese intero, l’Afghanistan, a coloro che di Al-Qaeda erano i generosi ospiti, i talebani. Mentre scriviamo, infatti, i talebani sino ripresi Kabul, con scene orrende ed apocalittiche in ogni angolo della città.

 

Ancora più interessante riguardo al terrorismo, come visibile in alcuni video dell’articolo di Renovatio 21, è il fatto che tanti combattenti islamisti sono stati liberati in queste ore dalle carceri dove erano imprigionati dagli USA e dal loro governo fantoccio.

 

Ad ogni modo, il comunicato DHS non fa menzione di possibili attacchi diretti da parte di terroristi stranieri.

 

Mentre i legislatori repubblicani hanno continuamente sollevato preoccupazioni sui potenziali terroristi che si infiltrano negli Stati Uniti attraverso il confine meridionale della nazione, le dogane e la protezione delle frontiere statunitensi hanno cercato di minimizzare la minaccia percepita. Annunciando  a marzo che due uomini yemeniti che erano sulla lista di controllo del terrorismo dell’FBI sono stati arrestati mentre cercavano di entrare negli Stati Uniti, il CBP ha descritto tali incidenti come «molto rari».

Nel frattempo in USA stanno montando diverse controversie riguardo al ruolo dell’FBI nella tessitura delle trame dei rivoltosi

 

Nel frattempo in USA stanno montando diverse controversie riguardo al ruolo dell’FBI nella tessitura delle trame dei rivoltosi. Alcune voci conservatrici chiedono a gran voce di sapere quali conoscenze della situazione avesse l’FBI riguardo alla protesta al Campidoglio del 6 gennaio. L’FBI, infatti, avrebbe avuto più di qualche infiltrato tra le fila delle varie sigle – come le varie milizie – che hanno partecipato alla manifestazione.

 

Parimenti è emerso il ruolo dell’FBI come origine stessa della trama, ampiamente sbandierata sui media, per cui un gruppo di estrema destra voleva rapire l’anno scorso la governatrice del Michigan Gretchen Whitmer.

 

Il gruppo dei «rapitori» virtuali, infatti, era largamente infiltrato dai agenti dell’FBI, che potrebbero definirsi anche agents provocateurs: il resto del gruppo, fatto di attivisti di destra, era fatto da disadattati al limite della homelessness; insomma, una banda di disperati che forse al piano criminale è stata spinta, più che scoperta, dalla stessa FBI.

 

Ora gli accusati accusano a loro volta il governo di entrapment, cioè di aver teso una trappola, come sarebbe dimostrato da alcune prove inavvertitamente rivelate dalle autorità.

 

 

 

Continua a leggere

Ambiente

«Se vuoi controllare le persone, controlla la CO2»: parla l’europarlamentare Rob Roos

Pubblicato

il

Da

L’europarlamentare olandese Rob Roos, già noto per aver indotto Pfizer durante l’udienza a Bruxelles a confessare che il vaccino non era testato per il contagio, ha fatto considerazioni interessanti sul piano climatico in una recente intervista con il giornalista ed attivista statunitense Del Bigtree, sodale di Robert Kennedy jr.

 

Le élite, ha dichiarato il Roos, «vanno contro i valori della famiglia. Vanno contro il cibo naturale. Vanno contro la libertà – perché se devi comprare un’auto elettrica, ti costa quasi il doppio, e la gente non può comprarla – non è una questione di macchina, ma non puoi andare da nessuna parte e devi dipendere dai trasporti pubblici».

 

«È anche digitalizzazione. Ciò che vediamo è l’identità digitale e la valuta digitale della Banca Centrale – tutto porta ad una nuova forma di comunismo» ha dichiarato Roos, che già nelle scorse settimana ha avvertito dell’imminente catastrofe delle CBDC, le monete digitali da Banca Centrale.

 

Sostieni Renovatio 21

«Se vuoi controllare le persone, devi controllare la CO2, perché tutto ciò che facciamo nella vita, respirare, vivere, viaggiare, mangiare e tutto ciò che facciamo nella vita porta a emissioni di CO2. E se riesci a controllare la CO2, puoi controllare le persone», ha detto Roos.

 

L’eurodeputato neerlandese ha quindi spiegato che il controllo finale arriva quando si collegheranno le identità digitali delle persone alla valuta digitale della Banca Centrale.

 

«Gran parte di questo è stata accelerata durante il COVID» ha incalzato il Bigtree, sottolineando che il World Economic Forum ha definito l’era COVID come il «Grande Reset».

 

Nell’intervista è stata citata la lettera di 1.600 scienziati, tra cui due premi Nobel, in cui si afferma che «non esiste un’emergenza climatica». Tuttavia diviene sempre più chiaro che l’allarme per il supposto imminente disastro climatico sia un pretesto per infliggere alla popolazione mondiale una specifica agenda di controllo.

 

Roos ha quindi enunciato un principio memorabile: «se puoi controllare la CO2, puoi controllare le persone».

 

Nulla è più vero: l’anidride carbonica non solo è la base della grande truffa ambientalista, ma è anche la base della chimica organica. L’equazione, in realtà, è ancora più semplice e spaventosa di quella di Roos: niente vita, niente C02.

 

La Necrocultura si è fatta verde per questo: per eliminare la vita umana dal pianeta.

 

Nel frattempo, in superficie, la CO2 è divenuta non solo un’unità di misura per le vostre libertà – perfino segnata nel vostro conto bancario! – ma un vero e proprio elemento della nuova religione, dove l’«impronta carbonica» sostituisce il peccato della vecchia credenza cristiana.

 

Il peccato carbonico sarà per lo Stato moderno non solo pienamente leggibile e calcolabile, ma collegato alla moneta digitale, senza la quale non potrete più né comprare né vendere. Ogni pensiero sul marchio della Bestia di cui San Giovanni parla nel libro della Rivelazione è oggi lecito.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21



Immagine di Elekes Andor via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-Share Alike 4.0 International
 

 

 

Continua a leggere

Sorveglianza

L’Australia pianifica per quest’anno il lancio dell’ID digitale

Pubblicato

il

Da

Il governo australiano sta pianificando il lancio dell’identità digitale a livello nazionale, che è provvisoriamente previsto per quest’anno. Lo riporta Reclaim the Net.   Anche se potrebbe essere ritardato per ragioni logistiche, è chiaro che il governo degli antipodi è pienamente intenzionato a promuovere una nuova agenda di identità digitale nel Paese.   Entrato in Parlamento per la prima volta l’anno scorso, il disegno di legge sull’identità digitale in Australia ha terminato la sua fase finale alla fine di gennaio, raccogliendo input da gruppi imprenditoriali e finanziari. Le autorità del Paese stanno attualmente comunicando con i singoli Stati.

Sostieni Renovatio 21

Un annuncio del Dipartimento delle Finanze ha rivelato che il nuovo sistema consentirebbe agli utenti di selezionare il proprio fornitore di ID digitale preferito per l’accessibilità sia ai servizi governativi che a quelli privati.   Le entità private possono richiedere l’accreditamento per fornire servizi di identificazione digitale nell’ambito del Trusted Digital Identity Framework (TDIF), che è il quadro di riconoscimento del governo.   Come affermato da un portavoce ufficiale, il passo legislativo metterà in moto l’ampliamento del sistema di identificazione digitale del governo australiano per comprendere le organizzazioni statali, territoriali e del settore privato che scelgono di partecipare.   L’ID digitale nazionale servirà essenzialmente come versione completa di MyGovID che gli australiani attualmente utilizzano per l’accesso all’Australian Taxation Office, Centrelink e Medicare. La strategia per conservare altri ID digitali emessi da altri governi statali.   Un singolo utente avrà la possibilità di creare un’immagine multipunto su un dispositivo, da convalidare rispetto alla foto del passaporto o, eventualmente, alla patente di guida. I funzionari affermano che gli utenti devono stabilire le proprie credenziali solo una volta.   «Gli ID digitali spesso comportano la raccolta e l’archiviazione di dati personali, comprese informazioni biometriche come impronte digitali o dati di riconoscimento facciale» ricorda Reclaim the Net. «Questa concentrazione di dati sensibili può rappresentare un obiettivo allettante per hacker e criminali informatici. Una violazione riuscita potrebbe portare al furto di identità, alla frode o persino al ricatto. Inoltre, esiste il rischio di sorveglianza e tracciamento non autorizzati. I governi o altri enti potrebbero potenzialmente abusare dei sistemi di identificazione digitale per monitorare le persone senza il loro consenso, violando le libertà personali e la privacy».   Come da istruzione di Davos, banche Australia in Canada hanno cominciato a collegare i movimenti di conto dei clienti alle emissioni di carbonio generate.   La combinazione dei conti correnti con l’ID digitale era emersa in una discussione a inizio 2023 in Gran Bretagna, quando Bob Wigley, finanziere presidente di UK Finance (un’associazione di categoria per il settore dei servizi bancari e finanziari del Regno Unito), aveva parlato dello sviluppo di una «super app» che memorizzerebbe l’identità digitale economica di una persona, inclusi i rating del punteggio di credito.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

Una tale app, ricordiamo, è stata lanciata in Ucraina pochi giorni prima del conflitto, con il nome di Diia, che consentiva di interfaccia tra il cittadino e lo Stato e di fungere da «portafogli elettronici», nel quale lo Stato versava 40 dollari ad avvenuta vaccinazione COVID.   Come riportato da Renovatio 21, un tentativo di istituire un ID digitale fu fatto due anni fa dall’unione delle banche del Canada, che, dicevano senza pudore, agivano in armonia con il governo di Ottawa. Il video mandato online dall’associazione bancaria canadese citava direttamente il World Economic Forum. Si trattava proprio del periodo in cui il governo Trudeau congelava i conti correnti dei camionisti che protestavano contro l’obbligo vaccinale.  

Aiuta Renovatio 21

Sistemi di identificazione digitale, tali e quali a quello ordinato nei discorsi del World Economic Forum, sono ora portati avanti tutti i Paesi, dal Canada alla Francia alla Gran Bretagna – all’Italia.   Alla costruzione di un programma di identificazione digitale globale la Bill & Melinda Gates Foundation ha donato negli scorsi mesi 200 milioni di dollari.   In Sri Lanka, l’ID digitale è stato implementato nel razionamento della benzina imposto al Paese.   Come riportato da Renovatio 21, per l’appalto del suo ID digitale della UE ha scelto un’azienda associata a sistema di tracciamento COVID.   Un ID digitale era stato varato a East Palestine, in Ohio, pochi mesi prima del disastro ambientale che ha colpito la cittadina.   In passato il Fondo Monetario Internazionale aveva perfino ipotizzato di collegare il credito personale alla cronologia di Internet del cittadino: vai su certi siti, non accedi al danaro.   Come raccontato più volte da Renovatio 21, l’uso dei Big Data nella determinazione della vita dell’individuo è già cosa reale, da anni, in Cina, con il programma di sorveglianza digitale totale chiamato «Punteggio di credito sociale». Il governo del Partito Comunista Cinese ha già combinato i dati del «credito sociale» con i sistemi di tracciamento COVID. I due elementi, sembravano già allora inseparabili.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21
   
Continua a leggere

Sanità

Deputati USA: il Trattato Pandemico OMS rappresenta la più grande minaccia alla libertà nella storia umana

Pubblicato

il

Da

Membri del Congresso degli Stati Uniti hanno avvertito lunedì che il proposto Trattato Pandemico dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), che cederebbe un significativo potere di governo sulle nazioni agli autoproclamati globalisti nel caso di una «emergenza sanitaria» recentemente dichiarata, sta incombendo come la più grande minaccia alla libertà, alla sovranità nazionale e alla sacralità della vita mai vista nella storia umana. Lo riporta LifeSiteNews.

 

In quello che gli esperti legali hanno definito una presa di potere sul modello del regime comunista totalitario cinese, con un piccolo comitato di élite globalisti di sinistra che si appropriano del controllo di tutte le funzioni fondamentali di una società libera, il Trattato Pandemico dell’OMS sarebbe un accordo giuridicamente vincolante che renderebbe incostituzionale la firma da parte del presidente senza il parere e il consenso del Senato degli Stati Uniti.

 

In caso di nuova «crisi sanitaria» o «pandemia globale», il trattato proposto cederebbe all’OMS alcuni poteri sui paesi membri in merito alla «crisi».

 

I criteri per tale «crisi sanitaria» sono stati notevolmente ampliati per includere potenzialmente la «salute» del pianeta, così come qualsiasi crisi derivante da restrizioni ritenute «assistenza sanitaria essenziale» dall’OMS, come l’aborto e la cosiddetta «assistenza sanitaria» degli «interventi chirurgici transgender».

Sostieni Renovatio 21

In una conferenza stampa a Capitol Hill lunedì pomeriggio con colleghi legislatori ed esperti politici, il deputato repubblicano del New Jersey Chris Smith ha affrontato le minacce alla democrazia americana e alla sacralità della vita contenute nelle clausole ancora dibattute del trattato proposto.

 

Attirando l’attenzione sulla richiesta esplicita dell’OMS di considerare l’aborto come la cosiddetta «assistenza sanitaria essenziale», un mantra molto pubblicizzato dall’amministrazione aggressivamente pro-aborto di Biden, Smith ha affermato:

 

«L’ articolo 6 dell’accordo richiede la” fornitura continua di… servizi sanitari», che include l’aborto su richiesta. Non c’è assolutamente alcuna ambiguità qui. L’aborto è incluso nell’elenco dei servizi sanitari essenziali pubblicato dall’OMS nel 2020 sulla scia del COVID-19, nonostante il fatto che la maggior parte dei Paesi limiti e regoli l’aborto”.

 

Descrivendo nel dettaglio l’agenda dell’OMS sull’aborto, Smith ha continuato:

 

«Il paragrafo 13 dell’Accordo pandemico afferma la necessità di dare priorità a “equità e rispetto dei diritti umani”, ma il 25 novembre 2021 l’OMS ha chiarito che interpreta l’uccisione di bambini non nati mediante aborto – smembramento, decapitazione e fame di bambini, e è così che funziona la pillola abortiva: è un diritto umano».

 

«Lo scorso febbraio, l’OMS ha concesso allo status di “rapporti ufficiali con l’OMS” della International Planned Parenthood Federation, fornitore e promotore dell’aborto».

 

«Ad agosto, il direttore generale dell’OMS ha firmato un  Memorandum d’Intesa (MOU) con il Forum parlamentare europeo per i diritti sessuali e riproduttivi per promuovere leggi e politiche secondo le linee guida dell’OMS. E cos’è quello?»

 

«Le linee guida legislative e politiche dell’OMS sull’aborto – Verso un contesto normativo e politico di sostegno per l’assistenza all’aborto di qualità: sintesi di prove – un supplemento alle  Linee guida dell’OMS per l’assistenza all’aborto , propone azioni “per creare un ambiente favorevole” all’aborto e cerca il ribaltamento delle leggi che regolano o limitare l’aborto compresi i periodi di attesa, la notifica ai genitori, l’obiezione di coscienza e qualsiasi limite di età gestazionale – l’OMS ora sta spingendo le leggi per legalizzare l’aborto per tutti i nove mesi!»

 

«Mentre ci riuniamo qui oggi, si prevede che il Consiglio esecutivo dell’OMS voterà a maggio per conferire ad un’altra organizzazione che promuove l’aborto – il Centro per i diritti riproduttivi – lo status di “relazioni ufficiali con l’OMS”. Si tratta di un’organizzazione che, come la stessa OMS, fa pressioni per cambiamenti legislativi e utilizza la giurisprudenza per promuovere l’aborto su richiesta per tutti i nove mesi».

 

«Il 22 gennaio, trentatré organizzazioni pro-vita, tra cui il Comitato nazionale per il diritto alla vita, Susan B Anthony Pro-Life America, AUL, Family Research Council, Heritage Foundation, LifeNews, hanno firmato una lettera scritta da C-FAM  al comitato esecutivo dell’OMS esortandoli a impedire all’OMS di avviare una relazione ufficiale con il Centro per i diritti riproduttivi».

 

Il Centro per la famiglia e i diritti umani (C-Fam) aveva analogamente messo in guardia in ottobre sull’espressa intenzione dell’OMS di imporre l’aborto a tutti gli Stati membri parti del trattato proposto. In un briefing del 10 ottobre, C-Fam ha scritto:

 

«L’OMS ha assunto una posizione sempre più estrema sull’aborto, pubblicando recentemente una linea guida che chiede l’abrogazione di tutte le restrizioni legali sull’aborto e cerca di limitare il diritto degli operatori sanitari di rinunciare a fornire o assistere nell’aborto come questione di coscienza».

 

«Fin dall’inizio della pandemia di COVID-19, l’OMS ha insistito sul fatto che l’aborto era un servizio essenziale, esortando infine i paesi ad allentare le normative sull’aborto e a prendere in considerazione l’espansione dei meccanismi di telemedicina per la fornitura di farmaci abortivi».

Aiuta Renovatio 21

«L’OMS ha successivamente sviluppato questa raccomandazione nelle sue linee guida sull’aborto del 2022, espandendole per la prima volta a contesti non di emergenza e facendo riferimento esplicitamente a come la telemedicina ha “contribuito a sostenere l’accesso all’aborto e ai servizi di pianificazione familiare durante la pandemia di COVID-19″».

 

«Dato che l’OMS ha interpretato un presunto diritto all’aborto nel testo di quasi tutti i trattati vincolanti delle Nazioni Unite sui diritti umani, nonostante il fatto che nessuno dei testi faticosamente negoziati menzioni la questione, ci si può aspettare che l’organizzazione utilizzi l’accordo sulla pandemia per imporre aborto sui paesi tenuti ad aderirvi».

 

«Questo è esattamente il tipo di attivismo abortista che l’amministrazione Biden sembra aspettarsi dall’OMS in un nuovo accordo sulla pandemia. Nella sua dichiarazione di apertura alla riunione dell’INB del febbraio 2023, l’ambasciatore statunitense ha specificamente chiesto “l’accesso ai servizi sanitari essenziali durante le pandemie, compresi i servizi di salute sessuale e riproduttiva”, che è il linguaggio abitualmente utilizzato per promuovere l’aborto».

 

Smith ha dichiarato lunedì a LifeSiteNews che l’OMS è diventata «il principale promotore dell’aborto in tutto il mondo», invitando il Vaticano ad opporsi «vigorosamente» al trattato a causa della sua agenda sull’aborto, affermando che «uno sforzo totale» è ciò che è necessario per impedirgli di andare avanti.

 

Smith ha anche affermato che le disposizioni del trattato che classificano l’aborto come «assistenza sanitaria essenziale» potrebbero essere facilmente utilizzate dall’OMS per promuovere l’ideologia transgender e per imporre mandati medici per la mutilazione chirurgica e la sterilizzazione chimica dei minori che desiderano effettuare la «transizione», ancora una volta, indipendentemente dalla loro condizione. leggi contrarie esistenti negli Stati membri.

 

Nel giugno 2023, l’OMS ha annunciato lo sviluppo di una linea guida pro-transgender che sostiene gli interventi chirurgici e gli ormoni mutilanti. Il periodo per il feedback si è concluso il 2 febbraio.

 

I legislatori hanno anche lanciato l’allarme per le preoccupazioni che il trattato proposto darebbe al globalista di sinistra a capo dell’OMS il potere di censurare ciò che arbitrariamente ritengono «disinformazione» online riguardo a qualunque cosa possa essere dichiarata una “crisi sanitaria”, una mossa non sconosciuta a l’amministrazione Biden con la narrativa COVID.

 

Ulteriore allarme è stato lanciato per una clausola che vieterebbe agli Stati membri di fare riserve ai termini del trattato, che li vincolerebbe tutti nella sua interezza. Smith ha sottolineato che «il progetto di accordo pandemico impedisce alle nazioni, compresi gli Stati Uniti, di formulare riserve quando considerano la ratifica riguardante qualsiasi aspetto dell’accordo. Articolo 26: “Non è possibile formulare riserve all’Accordo pandemico dell’OMS”».

 

La clausola è in contrasto con la Costituzione degli Stati Uniti, che dà al Senato il diritto di prendere qualsiasi riserva al momento della ratifica di un trattato. L’ONU ha esplicitamente dichiarato che il trattato sarà considerato giuridicamente vincolante a livello internazionale per tutti gli stati che lo firmeranno.

 

Altri esperti hanno definito il trattato, che può essere rivisto tramite emendamenti approvati da un comitato centrale, una «presa del potere» sul modello del Partito Comunista Cinese, volta a mettere a tacere ogni dissenso e ad assorbire il controllo di tutti i Paesi membri.

 

Il deputato repubblicano Brad Wenstrup dell’Ohio, presidente del sottocomitato ristretto sulla pandemia di coronavirus , ha dichiarato in un’audizione al Congresso di dicembre che l’OMS non è riuscita a dare priorità «all’onestà, alla trasparenza e alla salute dei cittadini di tutto il mondo» nella sua risposta alla pandemia di COVID-19, soccombendo invece alla «indebita influenza del Partito Comunista Cinese».

 

L’OMS non ha rispettato la scadenza del 27 gennaio per la presentazione di una bozza finale di disposizioni che gli Stati membri potrebbero rivedere e discutere, eppure mantiene la data del 27 maggio per un voto finale su quello che sembra essere un documento in continua evoluzione.

 

Come riportato da Renovatio 21, due mesi fa anche alcuni politici slovacchi definiscono il Trattato pandemico dell’OMS uno sforzo «globalista» per indebolire le sovranità nazionali.

 

 

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21



 

 

 

Continua a leggere

Più popolari