Connettiti con Renovato 21

Maternità

Vaccini, nuovo studio conferma l’alterazione del ciclo mestruale

Pubblicato

il

Alterazioni nelle mestruazioni delle donne sottoposte al vaccino COVID – con casi anche molto preoccupanti – si sono registrate già dai primi mesi del 2021, sviluppando un’aneddotica consistente.

 

Ad esempio, in un rticolo dell’agosto 2021 sul sito americano di sinistra The Grayzone l’autrice criticava l’incapacità dell’establishment medico statunitense di studiare gli effetti dei vaccini sui sistemi riproduttivi delle donne, raccontando ciò che succedeva alla cerchia delle sue amiche:

 

«I loro sintomi hanno incluso sanguinamento emorragico della durata di più di un mese; sanguinamento intermittente pesante per quattro mesi; passaggio di grumi di sangue delle dimensioni di una pallina da golf; e crampi estremi, abbastanza gravi da far mandare un’amica al pronto soccorso».

 

Questo tipo di racconti, comuni nei gruppi di donne in tutto il mondo, sono stati accusati di essere «disinformazione» e pericolose «teorie del complotto» da ignorare e censurare per la salute pubblica.

 

Quell’agosto, la FDA e tutti e tre i produttori di vaccini statunitensi avevano affermato di «non aver visto prove che nessuno dei vaccini causi irregolarità mestruali».

 

Quindi, il problema poteva essere ignorato.

 

Ora, uno studio apparso su Science Advances ha scoperto che «il 42% delle persone con cicli mestruali regolari ha affermato di aver sanguinato più pesantemente del solito dopo la vaccinazione» cpm  «il 14% che ha riportato un periodo più leggero».

 

Lo studio ha anche rilevato che molte donne che in genere non hanno le mestruazioni, come quelle al di là della menopausa e quelle che assumono determinati contraccettivi a lungo termine, hanno sperimentato emorragie inaspettate dopo aver ricevuto l’iniezione del vaccino COVID.

 

Gli autori dello studio osservano che le percentuali che riportano mestruazioni insolite possono sopravvalutare in una certa misura la frequenza effettiva, poiché coloro che hanno avuto brutte esperienze potrebbero essere stati più inclini a partecipare allo studio. Uno degli autori dello studio è l’antropologa biologica Kathryn Clancy dell’Università dell’Illinois Urbana-Champaign, che ha sperimentato lei stessa il brutto fenomeno.

La Clancy, assieme ad una studentessa finita in una condizione analoga, ha reclutato via Twitter qualcosa come 165 mila partecipanti per lo studio. Il paper pubblicato analizza i dati di 39 mila di esse con età tra i 18 e gli 80 anni.

 

Resta da vedere se i cambiamenti mestruali sono un segno di qualcosa di più sinistro. Il sanguinamento post-menopausale, ad esempio, è un sintomo del cancro dell’utero. Non è possibile dire, come in ogni altro ambito degli effetti collaterali, che per la somministrazione del vaccino COVID vi sia stato un consenso informato.

 

Tale effetto collaterale è quindi oramai innegabile ed estremamente preoccupante, tuttavia coperto dalla spirale del silenzio di giornali, politici, medici – con poche eccezioni, a cui però non è stato dato alcun risalto.

 

Come riportato da Renovatio 21, la settimana scorsa anche al plenipotenziario pandemico dottor Anthony Fauci è stato chiesto riguardo al tragico argomento.

 

«La cosa delle mestruazione è molto temporanea» ha assicurato il Fauci in un’intervista televisiva.

 

Per poi dire, contraddicendosi senza vergogna, che «dobbiamo studiarla di più».

 

La femminilità delle donne è stata distrutta. È stata sacrificata all’ubbidienza ad uno Stato tirannico ed antiumano.

 

Ora, davvero c’è qualcuno che ci vuole venire a parlare di femminismo?

 

Perché, le leader femministe, e «i femministi» di contorno, cosa ne pensano? Hanno pensato di dire qualcosa sulla tematica più femmina che esista?

 

Cosa hanno fatto, le femministe? Ve lo diciamo noi: hanno subito questo orrore umiliante, e lo hanno visto infliggere a tutte le loro compagne. E poi sono state zitte, mentre molte più donne venivano danneggiate. Non è una novità: cosa hanno avuto da dire le femministe, quando emerge che l’aborto selettivo nel mondo uccide soprattutto feti femmina, cioè causa il genocidio del popolo che dovrebbero difendere? Niente.

 

Ecco perché dovrebbero tacere per secoli e secoli: hanno perso completamente la credibilità, assieme a quella dell’establishment che dicono di voler combattere ma che in verità le nutre e le cresce – e che le ha create.

 

Per l’8 marzo, abbiamo scritto cinque mesi fa un articolo intitolato «La Necrocultura vuole distruggere la donna». Come non vedere l’ennesima conferma del fatto che i vaccini sono uno strumento di questa operazione?

 

 

 

Continua a leggere

Maternità

Vaccini COVID e SV40, secondo esperti la contaminazione del DNA nelle iniezioni mRNA potrebbe trasferirsi dalla mamma incinta al feto

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

Secondo un gruppo di esperti, guidato da Steve Kirsch, le autorità di regolamentazione stanno ignorando le prove secondo cui Pfizer non avrebbe rivelato la presenza di contaminanti nei suoi vaccini COVID-19. Tali contaminanti potrebbero minacciare i feti le cui madri ricevono il vaccino, hanno affermato gli esperti in un recente video.

 

Ulteriori prove che Pfizer non avrebbe rivelato alle autorità di regolamentazione la presenza del promotore del gene del virus della scimmia 40 (SV40) e di altre sequenze genetiche e contaminanti nel suo vaccino COVID-19 sarebbero emerse la scorsa settimana in un nuovo video.

 

Il video fa seguito alla recente conferma da parte di Health Canada che Pfizer non ha rivelato la sequenza SV40, violando le regole di trasparenza.

 

Steve Kirsch, fondatore della Vaccine Safety Research Foundation, ha ospitato il panel video. Tra i relatori c’erano Kevin McKernan, lo scienziato genomico che per primo ha identificato la contaminazione nei vaccini, il dottor Byram Bridle, un vaccinologo dell’Università di Guelph in Canada e Chris Martenson, Ph.D., ricercatore economico e fondatore e CEO di Peak Prosperity.

 

«Se Health Canada vuole ripristinare la fiducia, deve ritirare immediatamente questo prodotto», ha detto Bridle.

 

«Nessuno chiede la sospensione di questi vaccini perché gli esperti dicono: “Non c’è niente da vedere qui”», ha detto Kirsch.

 

Panoramica sulla contaminazione

I test di McKernan – confermati da «molti altri laboratori», secondo Bridle – hanno rivelato che i vaccini mRNA COVID-19 sia di Pfizer che di Moderna contengono contaminazione da DNA plasmidico batterico.

 

McKernan ha affermato che il DNA plasmidico probabilmente ha origine dal processo di produzione, in cui i plasmidi di DNA dei batteri Escherichia coli vengono utilizzati per generare l’mRNA della proteina spike. Anche se avrebbe dovuto essere completamente rimosso, il sequenziamento del DNA del contenuto della fiala di vaccino mostra che i resti persistono.

 

Secondo McKernan sono stati rilevati sia la «spina dorsale» del DNA plasmidico che specifiche sequenze genetiche. La stessa struttura batterica potrebbe causare reazioni immunitarie involontarie. Ad esempio, il lipopolisaccaride (LPS), un componente della membrana esterna dei batteri gram-negativi come E. coli, è una nota endotossina, secondo l’immunologa, biologa e biochimica Jessica Rose, Ph.D. L’LPS può, in quantità sufficienti, causare shock settico.

 

Altri contaminanti includono il dsRNA o l’RNA a doppio filamento, ha detto McKernan. Questo si forma durante la trascrizione batterica del plasmide durante la produzione. Il sistema immunitario umano identifica il dsRNA come un segno di infezione virale, che può innescare la produzione di citochine infiammatorie.

 

McKernan ha trovato anche altre proteine ​​estranee, ad esempio quelle che codificano per la resistenza o la replicazione degli antibiotici.

 

In una conversazione di CHD.TV lo scorso ottobre con la presidentessa di Children’s Health Defense (CHD), Mary Holland, e Brian Hooker, Ph.D., direttore senior della scienza e della ricerca di CHD, McKernan ha detto che Pfizer ha cercato di sbarazzarsi del DNA in eccesso «masticandolo con un enzima [desossiribonucleasi o DNasi», ma che non funzionava, ha ipotizzato McKernan, a causa della N1-metilpseudouridina (spesso chiamata «pseudouridina») utilizzata nei vaccini a mRNA.

 

La pseudouridina è la base nucleotidica artificiale utilizzata per stabilizzare l’mRNA. Katalin Karikó, Ph.D. Drew Weissman, MD, Ph.D., hanno fatto questa scoperta per la quale, insieme allo sviluppo della tecnologia di incapsulamento delle nanoparticelle lipidiche (LNP), il comitato Nobel ha assegnato loro il Premio Nobel per la Fisiologia e la Medicina all’inizio di questo mese.

 

Tuttavia, secondo Bridle, il DNA plasmidico contiene anche sequenze genetiche funzionali come promotori che possono guidare l’espressione genetica. È noto che il promotore SV40 induce tumori primari al cervello e alle ossa, mesotelioma maligno e linfomi negli animali da laboratorio. Questa sequenza non è mai stata divulgata alle autorità di regolamentazione come Health Canada, ha detto Bridle.

 

Il promotore SV40 facilita anche l’ingresso nel nucleo del DNA estraneo, aumentando le possibilità di integrazione nel genoma umano, ha affermato McKernan.

 

«SV40 è uno strumento ben pubblicato per la terapia genica. Se vuoi portare il DNA nel nucleo, questa è la navetta che usi per farlo», ha detto McKernan nel panel del World Council for Health all’inizio di questo mese.

 

Durante lo stesso panel, la tossicologa Dott.ssa Janci Chunn Lindsay, direttrice esecutiva del Journal of Toxicology Current Research, ha definito l’SV40 un «super promotore», affermando che l’SV40 è «eccezionale nel guidare l’espressione genetica e se questo dovesse trovarsi al di sopra di un oncogene, di ovviamente potresti avere un’esplosione di un’amplificazione in un gene del cancro».

 

«Health Canada… ha confermato… che [SV40] è una sequenza genetica bioattiva». Bridle disse: «il che significa che può fare cose nel corpo. E non possono definitivamente… escludere il potenziale danno».

 

«La prossima cosa che dovrebbero fare è indagare e scoprire cosa diavolo sta succedendo», ha detto Kirsch.

 

«Sì, non trattengo il fiato pensando che il governo correrà a fare questo», ha detto McKernan.

Sostieni Renovatio 21

Il DNA del vaccino potrebbe raggiungere il feto

McKernan ha suggerito che la contaminazione del DNA del vaccino potrebbe essere trasferita da una madre incinta al suo feto.

 

«Scommetto che entrerà nel bambino attraverso la nanoparticella lipidica, o anche se è nudo nel sangue, probabilmente c’è qualche scambio lì», ha detto.

 

Ha sottolineato che i medici non eseguono più l’amnios (amniocentesi, prelievo di campioni di sangue direttamente dal sacco amniotico che circonda il feto) – una procedura potenzialmente pericolosa – «perché possono sequenziare i bambini attraverso il flusso sanguigno della madre».

 

«Quindi c’è una comunicazione nota tra madre e figlio qui», ha detto McKernan, «e scommetterei sull’arrivo di questi LNP».

 

Tutti i relatori hanno concordato che questa fosse una delle maggiori preoccupazioni.

 

«Quindi, se in questa chiamata avessimo uno scienziato del CDC [Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie] che difendesse la frase: “Sì, era la cosa giusta da fare somministrare questo vaccino alle donne incinte”, quale argomento potrebbero usare in questo caso?” alla luce di quello che hai appena detto?» ha chiesto Kirsch.

 

McKernan ha sottolineato che il pagamento di royalty di 400 milioni di dollari che Moderna ha effettuato al National Institutes of Health e ad altri ricercatori per la vendita del loro vaccino mRNA significa che sono organizzazioni in conflitto di interessi.

 

«Vengono finanziati direttamente dalle società che regolano», ha detto. «Quindi nessuno di questi verrà al tavolo e ci darà una risposta onesta. Verranno e diranno: “Sicuro ed efficace” e “Il virus è davvero pericoloso”».

 

«Bridle ha detto: “Stavano esaminando le donne incinte e il CDC è molto turbato perché i loro dati all’avanguardia in questo momento mostrano che l’adozione di altri vaccini da parte delle donne incinte sta crollando”».

 

Lungo filamento di RNA sconosciuto presente anche nel vaccino

McKernan ha scoperto un’altra misteriosa inclusione nei vaccini: un tratto di RNA lungo oltre 1.200 aminoacidi – circa la stessa lunghezza della sequenza proteica del picco – rilevato automaticamente dal programma SnapGene.

 

McKernan ha detto:

 

«[C’è] un frame di lettura aperto [ORF] molto lungo e inaspettato… un intero codone di inizio per fermare il codone di un gene che corre nella direzione opposta della proteina spike sul vaccino Pfizer. Questo sarebbe stato un grosso campanello d’allarme se [gli enti regolatori] avessero semplicemente caricato il vettore in SnapGene e avessero guardato questo».

 

 

McKernan ha notato che altri ricercatori hanno identificato la stessa sequenza, ad esempio Beaudoin et al. nel loro articolo Frontiers In Immunology del febbraio 2022, «Ci sono geni nascosti nei vaccini DNA/RNA?».

 

«Questa è un’altra molecola bioattiva che avrebbe dovuto farsi notare da qualsiasi regolatore che l’avesse inserita in SnapGene e l’avesse aperta», ha detto McKernan. «Direbbero: “va bene, c’è l’SV40, non ce ne hanno parlato, c’è un’origine F1 che produce DNA a filamento singolo, non ce ne hanno parlato”».

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

Martenson ha chiesto: «I batteri avrebbero letto e creato l’RNA?»

 

McKernan ha risposto che la sequenza SV40 di 72 paia di basi è un promotore bidirezionale e che «crea un RNA che dura così a lungo», ma, ha detto, «i ribosomi lo leggeranno? Perché non sappiamo se c’è una sequenza di Kozak da qualche parte qui».

 

La sequenza di Kozak è una sequenza specifica di nucleotidi che aiuta i ribosomi – il macchinario cellulare responsabile della sintesi proteica – a identificare il codone iniziale di una sequenza di RNA e ad avviare il processo di traduzione per produrre proteine.

I siti di ingresso ribosomiale «sono difficili da prevedere bioinformatica», ha detto McKernan, «Ma in ogni caso, anche se si taglia tutta questa roba… si finirà per ottenere questi piccoli frame di lettura aperti che probabilmente… verranno integrati e hanno un breve peptide non umano che potrebbe essere visualizzato nelle cellule».

 

McKernan ha aggiunto: «questa è una bandiera [rossa]. Non vuoi che il filo opposto sia completamente codificato perché è solo più rumore nel sistema. Quindi crea rischi». Ha sottolineato che i vaccini Moderna non hanno questa sequenza e che i regolatori avrebbero dovuto chiedere a Pfizer: «Sono necessari? Qual è il punto?»

 

«Nessuno sa cosa diavolo sia!» McKernan ha scritto nel suo Substack. «NCBI BLASTP [database di identificazione delle proteine] non trova nulla. Non è umano e, se espresso, verrà attaccato dal sistema immunitario».

 

Tuttavia, un diverso database di proteine, UniProt, ha restituito alcuni possibili candidati. «Molti dei risultati [della sequenza ORF] riguardano le proteine ​​presenti nella seta, nella fibroina e nel collagene», ha scritto McKernan.

 

Alcuni commentatori dell’articolo hanno ipotizzato che i coaguli di sangue fibrosi che i chirurghi stanno rimuovendo dalle arterie delle persone potrebbero essere il risultato della misteriosa sequenza ORF.

 

Un commentatore ha pubblicato un collegamento a un articolo su Nature Communications sulla spidroina, una proteina della seta del ragno che può formare idrogel a base di fibrille simili all’amiloide, e a un altro articolo sulla rivista PLOS ONE in cui si discute di come la spidroina crea reti di fibre che possono essere utilizzate per progettare tessuto cardiaco.

 

Prove di insabbiamento deliberato

Forse le più allarmanti sono le rivelazioni secondo cui Pfizer ha intenzionalmente nascosto la presenza del promotore SV40 alle autorità di regolamentazione. Questo inganno implica che Pfizer nasconda attivamente un significativo problema di contaminazione con rischi prevedibili.

 

La prova decisiva proviene dai documenti Pfizer forniti alle autorità di regolamentazione che descrivono in dettaglio la sequenza del DNA plasmidico utilizzata per produrre il suo vaccino. Pfizer ha omesso qualsiasi etichetta o menzione della regione SV40 nei diagrammi presentati. Eppure i dati grezzi sulla sequenza del DNA presentati contenevano il promotore SV40.

 

Il gruppo di esperti ha evidenziato questa annotazione selettiva come prova evidente di un occultamento intenzionale e non di una svista accidentale.

 

Secondo McKernan, un software di biologia molecolare standard come SnapGene avrebbe automaticamente etichettato il promotore SV40 durante l’analisi della sequenza. Pfizer avrebbe dovuto agire deliberatamente per eliminare ogni menzione di ciò da tutte le descrizioni scritte e visive fornite alle autorità di regolamentazione, ha affermato.

 

«Hanno inviato la sequenza come file di dati, quindi [gli enti regolatori] hanno un file sul computer con la sequenza che possono vedere», ha detto Bridle.

 

McKernan ha detto: «Le persone non entrano più nei plasmidi manualmente e annotano queste cose. Li hanno inseriti in strumenti come SnapGene… [e], come la sequenza [SV40], dipinge tutta questa roba lì. Quindi dovrei andare attivamente a eliminare queste cose da SnapGene e poi consegnarle alla FDA [Food and Drug Administration]».

 

In un post di Substack, McKernan ha descritto come scaricare una prova gratuita di SnapGene per eseguire il file di sequenza di Pfizer e dove dovrebbero essere indicati i geni SV40 sulla mappa della sequenza circolare:

 

 

 

(…)

Poiché gli enti regolatori come Health Canada richiedono la divulgazione di eventuali elementi genetici funzionali presenti nelle richieste, Pfizer è stata obbligata a identificare in modo proattivo il promotore dell’SV40, ma ha scelto invece di nasconderlo.

 

«Health Canada ha anche confermato che ciò non è stato rivelato loro da Pfizer», ha detto Bridle. «E alla fine hanno confermato che ciò va contro le loro regole».

 

«Avevano paura di questo», ha detto McKernan. «Non si annota un plasmide con tutti i dettagli del gene della resistenza agli antibiotici, del promotore T7, della proteina spike, del sito di taglio utilizzato… tutti questi dettagli tranne la parte più materiale, che è il promotore SV40 che è attivo in un milione di cellule».

 

Aiuta Renovatio 21

Kirsch ha detto: «La primissima cosa che Health Canada avrebbe dovuto fare è coinvolgere Pfizer e dire: “Come è possibile che il promotore SV40 sia stato cancellato dalle tabelle che ci avete fornito? Come lo spieghi?”»

 

«Nessuno si sta facendo la domanda, vero? Il Congresso non lo sta chiedendo. Health Canada non lo sta chiedendo», ha aggiunto.

 

«Gli enti regolatori [stanno] permettendo a Pfizer di inviare la loro sequenza e poi permettono loro di inviare la loro mappa della sequenza e poi ti fidi di loro?» ha chiesto Bridle. «Dov’è la polizia?»

 

Secondo i relatori, né le autorità di regolamentazione né i media mainstream hanno affrontato la Pfizer. Non è stata ancora avviata alcuna indagine competente e imparziale.

«Meriti di essere» esitante nei confronti del vaccino

I relatori hanno discusso dell’incompetenza del processo di monitoraggio degli eventi avversi, della frode nella segnalazione degli studi clinici, in cui Pfizer non è riuscita a segnalare un tasso di mortalità cardiaca 3,7 volte più elevato per il gruppo vaccino e di come ha riportato meno decessi di quelli che avrebbero dovuto verificarsi naturalmente.

 

Bridle ha incolpato gli enti regolatori per la crescente «esitazione nei confronti dei vaccini»:

 

«Questa roba continua ad accumularsi… tutti questi rischi, tutti questi danni, tutti questi misfatti o errori – qualunque essi siano perché se è il secondo, allora dimostra che le nostre agenzie di regolamentazione sono completamente incompetenti e incapaci di regolamentare adeguatamente questo tipo di prodotti».

 

«Pfizer e Moderna stanno gridando allo scandalo adesso perché nessuno farà più… le loro iniezioni… e stanno perdendo miliardi di profitti. Ma quel che è peggio è che stiamo assistendo a un crollo della diffusione di tutti gli altri vaccini».

 

«Forse devono iniziare a svegliarsi e riconoscere che quando hai un prodotto… schifoso come questo… i “guru della disinformazione” sono quelli che hanno distrutto il campo della vaccinologia e sono loro i responsabili della vertiginosa esitazione sui vaccini».

 

«Dico a chiunque sia titubante sui vaccini in questo momento: meritate di esserlo e dovreste esserlo. Ora spetta alle nostre agenzie di regolamentazione l’onere di riconquistare la nostra fiducia».

 

John-Michael Dumais

 

© 31 ottobre 2023, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21



Immagine generata artificialmente

Continua a leggere

Maternità

Nuovo studio conferma che l’mRNA dei vaccini COVID si trova nel latte materno

Pubblicato

il

Da

Uno studio pubblicato nell’edizione di ottobre 2023 di Lancet conferma che l’mRNA che codifica la proteina spike del COVID-19 si trova nel latte materno delle donne a cui sono state iniettate le iniezioni di COVID.   Lo studio su 13 donne con 20 esposizioni totali al vaccino COVID (ad alcune donne è stata iniettata due volte) ha trovato nel latte materno «mRNA del vaccino» da entrambi i vaccini mRNA sul mercato dopo 10 esposizioni totali al vaccino COVID, da tre a 45 ore dopo l’iniezione.  Dopo nove delle 20 esposizioni al vaccino non è stato prodotto abbastanza latte materno per il test dell’mRNA.   I risultati confermano quelli di uno studio pubblicato lo scorso anno sul Journal of American Medical Association (JAMA) Pediatrics, che rilevava «tracce di mRNA del vaccino COVID-19» nel latte materno di quasi la metà delle donne studiate.   Gli studi smentiscono l’assicurazione dell’Academy of Breastfeeding Medicine del dicembre 2020 secondo la quale «è improbabile che i lipidi del vaccino entrino nel flusso sanguigno e raggiungano il tessuto mammario» e che «se ciò accade, è ancora meno probabile che la nanoparticella intatta o l’mRNA si trasferisca nel latte».   Il piccolo studio non ha rilevato proteine ​​​​spike in nessuno dei campioni di latte materno, ma i ricercatori hanno ammesso che «anche i campioni di controllo positivi… non sono riusciti a indurre l’espressione delle proteine» ​​​​spike.   «L’unico campione di controllo positivo che ha indotto la proteina spike erano le cellule HT-29 trattate con una concentrazione più elevata di vaccino mRNA stock», hanno scritto i ricercatori.

Sostieni Renovatio 21

«All’inizio ci è stato detto da tutte le persone autorevoli… che [l’mRNA] sarebbe rimasto locale», ha detto il dottor John Campbell, educatore infermiere australiano in pensione e popolare personalità medica di YouTube riguardo al nuovo studio. «Ciò significa che tutte queste enormi fabbriche che vengono costruite… per costruire enormi quantità di mRNA per il futuro si basano ora su un problema scientifico fondamentale, completamente imperfetto, a mio avviso».   Campbell si riferisce con probabilità al grande impianto per la produzione dell’mRNA che Moderna sta costruendo a Melbourne, mentre un’altra «fabbrica» simile sarebbe approntata dall’OMS a Città del Capo.   L’autrice e giornalista Naomi Wolf ha notato l’anno scorso che i documenti Pfizer divulgati dall’ente regolatorio USA per il farmaco – la Food and Drug Administration (FDA) – dopo un’ordinanza del tribunale mostrano che «alcune madri vaccinate avevano interrotto l’allattamento, o non riuscivano a produrre affatto latte», quando tentavano di allattare i loro figli neonati. Tuttavia, è sconosciuta la causa del «latte materno scarso» segnalato dopo circa una dozzina di esposizioni al vaccino COVID nello studio Lancet.   I documenti Pfizer hanno anche indicato che altre donne hanno riscontrato uno scolorimento del latte dopo il vaccino anti-COVID, con una madre che ha affermato che il suo latte materno era di un colore blu-verde.   Uno studio pre-stampa citato da Wolf ha rilevato «quantità trascurabili» di prodotti petroliferi (PEG) dai vaccini nel latte materno delle donne vaccinate, ma ha riconosciuto che sarebbero necessari studi più ampi per comprendere appieno il rischio posto per i bambini allattati al seno.   «Poiché nessun bambino è morto nel breve lasso di tempo del piccolo studio, lo studio ha concluso che i bambini allattati non hanno subito effetti negativi reali dalle madri vaccinate», ha detto la Wolf. «Ma lo studio non ha seguito questi poveri bambini, con la loro riconosciuta insonnia e i loro confermati disturbi gastrointestinali, per vedere se effettivamente “prosperavano”, guadagnavano peso e si sviluppavano normalmente».   Come riportato da Renovatio 21, nel 2021, in piena covidiozia globale, emerse il fenomeno dell’allattamento post-vaccinale: il New York Times riferì di donne che una volta tornate a casa dalla prima dose di vaccino COVID avevano tirato fuori il tiralatte spremendosi per la rilattazione, il processo con cui il latte torna a scorrere nelle ghiandole mammarie.   Queste donne, spiegava l’articolo che un po’ le celebrava, si sono convinte di questa necessità perché si sono imbattute «in ricerche che suggerivano che gli anticorpi di una madre vaccinata potevano essere trasmessi al suo bambino attraverso il latte».

Aiuta Renovatio 21

«Non c’è motivo concreto per le neo mamme di non farsi vaccinare o di buttare via il latte materno» dicevano valenti scienziati sentiti dal grande quotidiano neoeboraceno.   A dicembre 2020, le linee guida britanniche escludevano l’uso del Pfizer su generiche «donne in età fertile», perché nessuno studio sul caso è stato fatto: non sappiamo con certezza né se il vaccino sia teratogeno (ciò, crei feti deformi) né con certezza sappiamo se sia tossico il latte materno vaccinato: anzi, il testo scriveva esplicitamente che il vaccino «non deve essere utilizzato durante l’allattamento». «Un rischio per i neonati / bambini non può essere escluso» avevano scritto le autorità mediche britanniche. In generale, era sensibile la preoccupazione per quelli che si definivano apertis verbis come «impatti sulla fertilità sconosciuti».   Nel 2020 era invece emersa una strana storia, riportata da Renovatio 21, di traffico di latte umano allo scopo di curare il COVID.   Il magico mondo del «latte più» dell’era COVID, per citare Anthony Burgess e Stanley Kubrick di Arancia Meccanica, non si ferma al solo latte materno.   Come riportato da Renovatio 21, in Cina si è provveduto a inserire l’mRNA direttamente nel latte per il consumo alimentare.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21
     
Continua a leggere

Gravidanza

«Il vaccino uccide i bambini nel grembo materno»: parla Naomi Wolf

Pubblicato

il

Da

L’autrice e giornalista femminista Naomi Wolf ha continuato ad approfondire sue affermazioni precedenti riguardo la letalità del vaccino mRNA COVID per i bambini non ancora nati, che era conosciuta, dice, dai produttori prima di essere lanciata sul mercato. Lo riporta LifeSiteNews.

 

La Wolf, un personaggio afferente al Partito Democratico USA e ai Clinton che decenni fa sosteneva in modo controverso che l’aborto è un «male necessario», arriva a dichiarare che i documenti stessi dell’azienda produttrice mostrerebbero che il siero «uccide i bambini nel grembo materno».

 

La scrittrice ha condiviso la sua oscura conclusione riguardo le vaccinazioni durante il podcast War Room di Steve Bannon all’inizio di questo mese. Quando è stata sfidata da Bannon a sostenere il suo uso della parola «omicidio», che secondo Bannon suggerirebbe la presenza possibili «elementi criminali» nella diffusione del vaccino COVID, la Wolf è arrivata ad affermare che le prove supportano questo termine.

 

«Sì, abbiamo portato le ricevute», ha detto Wolf, indicando agli ascoltatori l’analisi del rapporto del produttore che ha condiviso sul suo sito web, incluso un rapporto pubblicato dall’ente di controllo del farmaco americano FDA sotto ordine del tribunale.

 

 

 

 

Amy Kelly, direttrice del programma War Room/DailyClout, ha definito le informazioni di questo lotto di documenti clinici, che includevano una «revisione cumulativa sulla gravidanza e l’allattamento», «tra le più terrificanti» che si potessero pubblicare.

 

Il documento rivelerebbe che nei suoi studi clinici, «eventi avversi» si sono verificati in oltre il 54% dei casi di «esposizione materna» al vaccino (anche attraverso rapporti sessuali, inalazione e contatto con la pelle); 53 donne (21%) nel suo studio hanno subito aborti spontanei in seguito alla vaccinazione mRNA; e sei casi di travaglio e parto prematuro hanno provocato la morte di due neonati.

 

La Wolf ha assicurato a Bannon che «si tratta sicuramente di bambini non ancora nati» che vengono uccisi, poiché implicano la morte di bambini del secondo e terzo trimestre, che anche molti sostenitori dell’aborto considerano «persone».

 

Nonostante la conoscenza di questi «terribili danni al feto e al neonato, inclusa la morte», causati dall’iniezione di mRNA per il COVID, aziende ed autorità «hanno avviato comunque una campagna aggressiva per far vaccinare le donne», ha osservato Wolf al momento della pubblicazione del rapporto, spiegando che il rapporto era stato inviato all’ente statunitense per il controllo epidemico CDC il 10 aprile 2021: il che significa che il CDC era certamente a conoscenza del fatto che il vaccino con mRNA aveva causato la morte di bambini non ancora nati.

 

Eppure, in quello che Wolf descrisse come un evento «scioccante», «tre giorni dopo», Rochelle Walesnky, allora direttrice del CDC, «tenne una conferenza stampa dalla Casa Bianca affermando che le donne incinte dovrebbero assumere il vaccino mRNA, che era sicuro ed efficace».

 

«Non sono stati osservati problemi di sicurezza per le persone vaccinate nel terzo trimestre o problemi di sicurezza per i loro bambini. Pertanto, il CDC raccomanda che le persone incinte ricevano il vaccino COVID-19» disse all’epoca la Walensky.

 

Infatti, come ha osservato la Wolf, la Walensky ha dichiarato che «non c’era un momento sbagliato per prenderlo”, anche prima, durante e dopo una gravidanza».

 

 

«Quindi questi sono criminali assoluti che si sono presi carico del trattamento e della cura della popolazione più vulnerabile, ovvero le donne incinte. E quando sei incinta, ti fidi del tuo ginecologo, fai quello che ti dicono», ha detto Wolf a Bannon.

 

«Ci siamo tutti chiesti… come hanno fatto a convincere così tanti medici e ospedali… ad abbandonare il loro giuramento di Ippocrate e la loro missione di curare le persone, e a fare cose che hanno danneggiato le persone?».

 

Wolf ha detto a Bannon che recentemente sono state raccolte prove che mostrano «esattamente come è successo», facendo luce sull’approccio del bastone e della carota utilizzato dall’establishment medico nei confronti dei medici.

 

«Ad esempio, le licenze mediche vengono ritirate a medici che contraddicono la posizione dell’establishment pro-Big Pharma e pro-mRNA al “vaccino”».

 

Wolf ha sottolineato che il dottor Peter McCullough e il suo collega John Leake hanno recentemente riferito nel loro Substack Courageous Discourse che il dottor Pierre Kory e il dottor Paul Marik, due dei più importanti medici «dissidenti» che hanno curato sia il COVID che le ferite da i vaccini COVID, sono state inviate «lettere disciplinari» dal comitato delle licenze mediche.

 

«Così sono stati avvisati che le loro licenze possono essere tolte se continuano a dire la verità e cercano di salvare le persone», ha osservato Wolf, spiegando che, d’altra parte, ha scoperto importanti incentivi per i medici per promuovere i vaccini con mRNA.

 

La Wolf come il dottor James Thorp e sua moglie abbiano ottenuto, attraverso il Freedom of Information Act (FOIA), comunicazioni tra il Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani (HHS) e le organizzazioni non governative che rappresentano i ginecologi, dimostrando che «l’HHS era pagando milioni e milioni di dollari» a queste ONG, secondo i termini di un contratto che richiedeva ai ginecologi di «attenersi al copione dell’HHS sulla sicurezza e l’efficacia dell’iniezione di emergenza per le donne incinte».

 

Secondo Wolf, il contratto imporrebbe a questi medici ed enti di «restituire i soldi» se «iniziano a dire la verità alle donne incinte sui pericoli e sui rischi reali» dei vaccini COVID.

 

La scrittrice e giornalista sostiene che questi incentivi finanziari per «mentire» alle donne incinte sulla sicurezza dell’iniezione di mRNA e le «punizioni» finanziarie se dicono la verità, continuano ancora oggi.

 

La Wolf aveva iniziato a parlare apertamente dei rischi per la salute derivanti dalle iniezioni di mRNA non molto tempo dopo che furono rese pubbliche. Nel giugno 2021 è stata sospesa da Twitter dopo aver lanciato l’allarme sulle interruzioni del ciclo mestruale associate alle iniezioni.

 

L’anno scorso, aveva affermato che i vaccini hanno causato una «moria di bambini» su larga scala che equivale a un «genocidio», dopo che un team di 3.000 «medici, infermieri, biostatistici altamente accreditati» e «investigatori di frodi mediche» si sono affiliati con War Room di Steven Bannon e il Daily Clout, una società di media di cui Wolf ha co-fondato, ha iniziato a rivedere i 55.000 documenti del produttore di vaccini divulgati dalla FDA dopo un ordine del tribunale.

 

Sorprendentemente, il team ha scoperto da uno dei rapporti di prova rilasciati dalla farmaceutica che essa avrebbe «perso i registri» di 234 su 270 donne a cui è stato iniettato mRNA che hanno concepito un bambino, cosa che secondo Wolf è una violazione della legge.

 

Ancora più scioccante è che «delle 36 [rimanenti] donne le cui gravidanze sono arrivate a termine, oltre l’80% di loro ha perso i propri bambini [per] aborto spontaneo o aborto spontaneo», ha riferito.

 

Come riportato da Renovatio 21, la Wolf in passato si è scagliata contro Bill Gates e «lo Stato biosecuritario» avviato ovunque che sta mettendo in pericolo «libertà e diritti civili dell’Occidente».

 

In vari scritti recenti la Wolf ha lamentato di essere stata emarginata a partire dal biennio pandemico da tutto il suo mondo, dagli amici e dai colleghi, a causa delle sue idee.

 

 

Continua a leggere

Più popolari