Connettiti con Renovato 21

Fertilità

Il vaccino come «mostro incontrollabile». Parla l’inventore della tecnologia mRNA: concentrazione di nanoparticelle nelle ovaia, malattie autoimmuni, creazione di varianti

Pubblicato

il

 

 

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense.

 

 

Il 10 giugno, il dottor Robert Malone, creatore della tecnologia dei vaccini mRNA, si è unito al biologo evoluzionista Bret Weinstein per una conversazione di 3 ore sul podcast Dark Horse al fine di discutere di molteplici problemi di sicurezza relativi a Pfizer e Moderna vaccini.

 

In questo breve filmato [che è stato censurato su YouTube subito dopo la pubblicazione di questo pezzo] dal podcast completo, Malone, Weinstein e l’imprenditore tecnologico Steve Kirsch toccano le implicazioni del controverso studio giapponese Pfizer sulla biodistribuzione. Lo studio è stato reso pubblico all’inizio di questo mese dal Dr. Byram Bridle, un immunologo virale.

 

I tre discutono anche della mancanza di studi sugli animali adeguati per i nuovi vaccini mRNA e della teoria, sposata dal virologo Geert Vanden Bossche, che la vaccinazione di massa con i vaccini mRNA potrebbe produrre varianti sempre più trasmissibili e potenzialmente mortali

I tre discutono anche della mancanza di studi sugli animali adeguati per i nuovi vaccini mRNA e della teoria, sposata dal virologo Geert Vanden Bossche, che la vaccinazione di massa con i vaccini mRNA potrebbe produrre varianti sempre più trasmissibili e potenzialmente mortali.

 

Come riportato da The Defender il 3 giugno, Bridle ha ricevuto una copia di uno studio sulla biodistribuzione giapponese, che era stato nascosto al pubblico, a seguito di una richiesta di libertà di informazione fatta al governo giapponese per i dati Pfizer.

Prima della divulgazione dello studio, il pubblico è stato portato a credere dai regolatori e dagli sviluppatori di vaccini che la proteina spike prodotta dai vaccini mRNA COVID rimanesse nella spalla dove è stata iniettata e non fosse biologicamente attiva, anche se i regolatori di tutto il mondo avevano una copia delllo studio che dimostrava il contrario.

 

Lo studio sulla biodistribuzione ottenuto da Bridle ha mostrato che le nanoparticelle lipidiche del vaccino non sono rimaste nel muscolo deltoide dove sono state iniettate come sostenevano gli sviluppatori del vaccino, ma circolavano in tutto il corpo e si accumulavano in grandi concentrazioni in organi e tessuti, inclusa la milza, midollo osseo, fegato, ghiandole surrenali e — in «concentrazioni piuttosto elevate» — nelle ovaie.

 

Prima della divulgazione dello studio, il pubblico è stato portato a credere dai regolatori e dagli sviluppatori di vaccini che la proteina spike prodotta dai vaccini mRNA COVID rimanesse nella spalla dove è stata iniettata e non fosse biologicamente attiva, anche se i regolatori di tutto il mondo avevano una copia delllo studio che dimostrava il contrario

L’mRNA, o RNA messaggero, è ciò che dice al corpo di produrre la proteina spike. Le nanoparticelle lipidiche sono come le “scatole” in cui viene spedito l’mRNA, secondo Malone. “Se trovi nanoparticelle lipidiche in un organo o tessuto, questo ti dice che il farmaco è arrivato in quella posizione”, ha spiegato Malone. Secondo i dati dello studio giapponese, le nanoparticelle lipidiche sono state trovate nel sangue intero circolante in tutto il corpo entro quattro ore, per poi depositarsi in grandi concentrazioni nelle ovaie, nel midollo osseo e nei linfonodi.

 

Malone ha affermato che era necessario monitorare i destinatari del vaccino per la leucemia e i linfomi poiché vi erano concentrazioni di nanoparticelle lipidiche nel midollo osseo e nei linfonodi. Ma quei segnali spesso non si manifestano per sei mesi, tre o nove anni lungo la strada, ha detto.

 

Di solito, segnali come questo vengono raccolti negli studi sugli animali e negli studi clinici a lungo termine, ma questo non è accaduto con i vaccini mRNA, ha detto Malone. Malone ha affermato che ci sono due segnali di eventi avversi che stanno diventando evidenti alla Food and Drug Administration (FDA) statunitense. Uno di questi è la trombocitopenia – non avere abbastanza piastrine, che sono prodotte nel midollo osseo. L’altro è la riattivazione di virus latenti.

Malone ha trovato il segnale ovarico sconcertante perché non c’è accumulo nei testicoli.  Malone ha affermato che i pacchetti di dati originali contenevano queste informazioni sulla biodistribuzione.

 

«Questi dati sono disponibili da molto tempo» nell’ambito della competenza protetta, non divulgata, delle autorità di regolamentazione di tutto il mondo, ha affermato.

Lo studio sulla biodistribuzione giapponese ha mostrato che le nanoparticelle lipidiche del vaccino non sono rimaste nel muscolo deltoide dove sono state iniettate come sostenevano gli sviluppatori del vaccino, ma circolavano in tutto il corpo e si accumulavano in grandi concentrazioni in organi e tessuti, inclusa la milza, midollo osseo, fegato, ghiandole surrenali e — in «concentrazioni piuttosto elevate» — nelle ovaie

 

Secondo Malone , la FDA sapeva che la proteina spike COVID era biologicamente attiva e poteva viaggiare dal sito di iniezione e causare eventi avversi e che la proteina spike, se biologicamente attiva, è molto pericolosa.

 

In effetti, Malone è stato uno dei tanti scienziati ad avvertire la FDA dei pericoli della proteina spike libera. Malone ha suggerito che i problemi autoimmuni potrebbero essere correlati alla proteina spike a circolazione libera che gli sviluppatori hanno assicurato che non si sarebbero verificati.

 

Per rilevare problemi autoimmuni, sarebbe necessario un periodo di follow-up da 2 a 3 anni nei pazienti di fase 3 per monitorare le potenziali conseguenze autoimmuni dei vaccini, ma tale monitoraggio non è avvenuto con i vaccini Pfizer e Moderna. Anche Pfizer e Moderna non hanno condotto studi sugli animali adeguati, ha detto Weinstein. Ciò che i modelli animali ci danno è un segnale che ci avverte di ciò che dobbiamo seguire negli esseri umani.

 

Malone ha affermato che ci sono due segnali di eventi avversi che stanno diventando evidenti alla Food and Drug Administration (FDA) statunitense. Uno di questi è la trombocitopenia – non avere abbastanza piastrine, che sono prodotte nel midollo osseo. L’altro è la riattivazione di virus latenti

«Abbiamo cose a breve termine molto allarmanti. Abbiamo cose a breve termine che sono allarmanti sulla base di dove troviamo questi lipidi, dove troviamo le proteine ​​spike: queste cose sono motivo di preoccupazione perché non doveva essere così. Abbiamo anche un segnale allarmante in termini di pericoli e morti o danni e morti che vengono segnalati nel sistema e ci sono ragioni per pensare che siano drammatiche sottostime» ha detto Weinstein.

 

Vaden Bossche ha capito bene: uno dei potenziali danni dei vaccini, ha detto Weinstein, è stato reso famoso da Vanden Bossche, un vaccinologo che ha lavorato con GSK Biologicals, Novartis Vaccines, Solvay Biologicals, il team Global Health Discovery della Bill & Melinda Gates Foundation in Seattle e l’Alleanza globale per i vaccini e l’immunizzazione a Ginevra.

 

All’inizio di quest’anno, Vanden Bossche ha lanciato un appello all’Organizzazione Mondiale della Sanità, supportato da un documento di 12 pagine, che descriveva il «mostro incontrollabile» che una campagna globale di vaccinazione di massa potrebbe potenzialmente scatenare.

 

Malone è stato uno dei tanti scienziati ad avvertire la FDA dei pericoli della proteina spike libera. Malone ha suggerito che i problemi autoimmuni potrebbero essere correlati alla proteina spike a circolazione libera che gli sviluppatori hanno assicurato che non si sarebbero verificati

Vanden Bossche ha affermato che una combinazione di lockdown e un’estrema pressione selettiva sul virus indotta dall’intenso programma di vaccinazione di massa globale potrebbe ridurre il numero di casi, ricoveri e decessi a breve termine, ma alla fine indurrà la creazione di più mutanti. per quanto riguarda.

 

Questo è ciò che Vanden Bossche chiama «fuga immunitaria» (cioè sterilizzazione incompleta del virus da parte del sistema immunitario umano, anche a seguito della somministrazione del vaccino).

 

La fuga immunitaria a sua volta indurrà le aziende produttrici di vaccini a perfezionare ulteriormente i vaccini che aggiungeranno, non ridurranno, la pressione selettiva, producendo varianti sempre più trasmissibili e potenzialmente mortali. La pressione selettiva causerà una maggiore convergenza nelle mutazioni che colpiscono la proteina spike critica del virus che è responsabile della rottura delle superfici mucose delle nostre vie aeree, la via utilizzata dal virus per entrare nel corpo umano.

Vanden Bossche ha affermato che una combinazione di lockdown e un’estrema pressione selettiva sul virus indotta dall’intenso programma di vaccinazione di massa globale potrebbe ridurre il numero di casi, ricoveri e decessi a breve termine, ma alla fine indurrà la creazione di più mutanti. per quanto riguarda.

 

Il virus supererà efficacemente in astuzia i vaccini a base di antigeni altamente specifici utilizzati e ottimizzati, a seconda delle varianti circolanti. Tutto ciò potrebbe portare a un aumento verticaledi casi gravi e potenzialmente letali, in effetti una pandemia fuori controllo.

 

«La preoccupazione di Vanden Bossche non è teorica. È reale e abbiamo i dati. Siamo bloccati con questo virus o le sue varianti a valle praticamente per il resto della nostra vita e diventerà più simile all’influenza. Avremo una continua evoluzione e circolazione di varianti, e questa è una via di fuga» ha detto Malone.

 

 

Megan Redshaw

 

 

 

© 17 giugno 2021, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

 

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Fertilità

Un lato ancora più oscuro delle «frodi della fertilità» negli anni ’60 e ’70

Pubblicato

il

Da

 

 

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

Dispacci dalla Rivoluzione Riproduttiva. La frode sulla fertilità sta diventando una storiella, ma solo per la cronaca, una donna di Louisville, nel Kentucky, ha scoperto di recente che il ginecologo di sua madre, il dottor Marvin Yussman, ha usato il proprio sperma quando ha richiesto l’inseminazione artificiale nel 1975.

 

Utilizzando siti di genealogia online, Erin Crowder ha scoperto di avere almeno sette fratellastri. Sua madre, Susan Crowder, 73 anni, ha definito la condotta di Yussman «irragionevole e depravata».

 

Il dottor Yussman, ora in pensione, ha ammesso di aver usato il proprio sperma per inseminare pazienti «circa una mezza dozzina di volte».

 

«Si inserisce nel tuo albero genealogico, inserisce il suo seme nel tuo corpo, quindi non è solo una violazione fisica, è una violazione genetica»

La dottoressa Jody Madeira , esperta in frodi sulla fertilità all’Università dell’Indiana, afferma che questo è altamente immorale. «Si inserisce nel tuo albero genealogico, inserisce il suo seme nel tuo corpo, quindi non è solo una violazione fisica, è una violazione genetica».

 

Il caso Yussman è un tipico esempio di frode dellafertilità. Ma un’exposé su The Guardian suggerisce che alcuni medici avevano pratiche ancora più perverse e insensibili.

 

Alcuni medici non solo ingannavano le donne, ma anche gli uomini. La giornalista Jenny Kleeman ha scoperto diversi casi in cui gli uomini hanno dato campioni di sperma per i test di fertilità che medici senza scrupoli negli anni ’60 e ’70 usavano segretamente per alcuni dei loro pazienti. In altre parole, il loro sperma è stato rubato.

 

«Le cliniche dicevano o facevano qualsiasi cosa per ottenere il business»

«Le cliniche dicevano o facevano qualsiasi cosa per ottenere il business», osserva un uomo che è diventato un detective dilettante di donatori di sperma.

 

«Pensavano che qualunque cosa avessero detto probabilmente non sarebbe mai tornata indietro».

 

Le storie della loro prole sono strazianti. Una ricerca online di un padre donatore di sperma mostra che un uomo anziano è quasi certamente il padre. Quando viene finalmente contattato, nega – sinceramente – di aver mai donato lo sperma.

 

Una donna ha commentato: «In realtà non mi considero più una concepita da donatore. Mio marito lo chiama “conce-derubata da donatore”. Mi sembra di appartenere a un’altra categoria. E ci devono essere molte altre persone in questa categoria».

 

Come nota a piè di pagina, Kleeman ha intervistato Michael Beeney, uno studente di medicina che ha donato regolarmente alla clinica di Harley Street del dottor Reynold H. Boyd.

 

«È probabile che Beeney abbia generato centinaia di bambini, ma non ha mai messo il suo DNA in nessun database in modo che possano trovarlo»

«È probabile che Beeney abbia generato centinaia di bambini, ma non ha mai messo il suo DNA in nessun database in modo che possano trovarlo. “Potrebbe causare ogni sorta di problemi emotivi”, dice. “All’epoca, non credo che nessuno di noi ci abbia pensato. Lo scopo principale era ottenere denaro”».

 

Centinaia di bambini? Il dottor Beeney, ora in pensione, ha scritto un romanzo appassionante, Children of Eden, che attinge alla sua esperienza come donatore e medico.

 

«Coloro che sono coinvolti nel business dell’infertilità non regolamentata degli anni ’70 – donatori, pazienti e prole allo stesso modo – potrebbero aver bisogno di rivalutare le conseguenze della parte che hanno giocato dopo aver letto questa storia», afferma la pubblicazione.

 

 

Michael Cook

Direttore di Bioedge

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Continua a leggere

Fertilità

La corte d’appello di Londra ribalta la storica sentenza sulla transizione di genere

Pubblicato

il

Da

 

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

 

 

Un caso storico britannico sul trattamento dei transgender per i minori di 16 anni è stato ribaltato.

 

Il Tavistock Trust, che gestisce l’unico servizio di sviluppo dell’identità di genere (GIDS) del Regno Unito, ha vinto un ricorso contro una sentenza dell’Alta Corte del 2020.

 

I medici possono ora giudicare da soli se i bambini sotto i 16 anni possono dare il consenso informato ai bloccanti della pubertà, senza chiedere il permesso a un giudice.

 

I medici possono ora giudicare da soli se i bambini sotto i 16 anni possono dare il consenso informato ai bloccanti della pubertà, senza chiedere il permesso a un giudice

La decisione della Corte d’Appello ribalta la decisione dell’Alta Corte secondo cui i minori di 16 anni non avevano la capacità di dare il consenso informato ai bloccanti della pubertà.

 

I giudici hanno riconosciuto «le difficoltà e le complessità» della questione, ma hanno affermato che «spetta ai clinici esercitare il proprio giudizio sapendo quanto sia importante che il consenso sia correttamente ottenuto in base alle particolari circostanze individuali».

 

Un portavoce del Tavistock ha dichiarato ai media:

 

«La sentenza sostiene i principi legali stabiliti che rispettano la capacità dei nostri medici di impegnarsi attivamente e premurosamente con i nostri pazienti nelle decisioni sulla loro cura e sul loro futuro. Afferma che spetta ai medici, non ai giudici, decidere sulla capacità dei minori di 16 anni di acconsentire alle cure mediche».

 

«È una fantasia profondamente preoccupante che qualsiasi medico possa credere che un bambino di 10 anni possa acconsentire alla perdita della propria fertilità»

Keira Bell, una giovane donna che ha intrapreso la transizione verso un maschio all’età di 16 anni, è stata il volto umano del caso contro la clinica di genere Tavistock.

 

Dice di essere molto delusa dalla decisione e chiederà il permesso di appellarsi alla corte suprema, «Una conversazione globale è iniziata ed è stata plasmata da questo caso», ha detto.

 

«C’è altro da fare. È una fantasia profondamente preoccupante che qualsiasi medico possa credere che un bambino di 10 anni possa acconsentire alla perdita della propria fertilità».

 

 

Michael Cook

Direttore di Bioedge

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Immagine screenshot da YouTube

Continua a leggere

Cancro

Dott. McCullough: «infertilità e cancro possibili conseguenze del vaccino»

Pubblicato

il

Da

 

 

Come riportato da Renovatio 21, in una intervista dello scorso luglio con l’avvocato tedesco Reiner Fuellmich, il dottor Peter McCullough – cardiologo texano di chiara fama – ha parlato del sistema del nuovo vaccino come di «bioterrorismo propagato per iniezione».

 

Nella stessa intervista il cardiologo americano ha espresso preoccupazione riguardo al fatto che gli attuali vaccini sperimentali COVID-19 possano sterilizzare i giovani, favorire il cancro  – oltre a poter essere forse chiamati in causa per una cifra di morti che va da 50.000 a 70.000nei soli Stati Uniti.

 

Nell’intervista il medico discute di come alcuni dati della Cleveland Clinic insieme ad altri studi rivelerebbero che dal 30% al 50% «delle persone che sono già immuni, naturalmente immuni», stanno ancora ricevendo il vaccino. 

«Ho molta paura, in base a ciò che abbiamo appreso, solo dalle prime iniezioni, che interagiscono con p53 e BRCA [gene del cancro al seno], che alla fine potrebbero portare al cancro. Potrebbero portare a tumori»

 

Poiché non vi è alcun motivo medico, clinico o di sicurezza per l’iniezione di questi agenti biologici a tali persone, rivela che «il vaccino è artificioso. Tutta questa cosa è inventata. Dovrebbe essere molto ovvio. Ora il CDC ha cambiato la soglia del ciclo PCR per abbassarla, quindi ci saranno meno casi». Quindi sembrerà come se il vaccino riducesse casi e decessi.

 

Nell’osservare altri dati, McCullough teme anche la possibilità che queste nuove iniezioni sperimentali di terapia genica possano favorire il cancro e portare all’infertilità nei giovani:

 

«Ho molta paura, in base a ciò che abbiamo appreso, solo dalle prime iniezioni, che interagiscono con p53 e BRCA [gene del cancro al seno], che alla fine potrebbero portare al cancro. Potrebbero portare a tumori» dichiara il medico.

 

Inoltre, ha spiegato, «i giapponesi ci hanno già mostrato che le particelle lipidiche si concentrano nelle ovaie. Potrebbero essere sterilizzanti? Se hai detto che questo è tutto un programma della Gates Foundation per ridurre la popolazione, si adatta abbastanza bene a quell’ipotesi».

«I giapponesi ci hanno già mostrato che le particelle lipidiche si concentrano nelle ovaie. Potrebbero essere sterilizzanti? Se hai detto che questo è tutto un programma della Gates Foundation per ridurre la popolazione, si adatta abbastanza bene a quell’ipotesi»

 

«La prima ondata è stata quella di uccidere gli anziani a causa dell’infezione respiratoria. La seconda ondata è prendere i sopravvissuti, prendere di mira i giovani e sterilizzarli. Se noti, il messaggio nel paese, negli Stati Uniti, è che non sono nemmeno interessati agli anziani ora. Vogliono i bambini…. Una tale attenzione per i bambini», ha sottolineato McCullough.

 

Come riportato da Renovatio 21, McCullough in passato ha già condannato con parole chiarissime la bizzarra, totale mancanza di protocolli di cure precoci al COVID:

 

«Forse uno dei più grandi crimini di tutta questa pandemia è il rifiuto da parte delle autorità sanitarie in carica di emettere una guida per il trattamento precoce. Invece, hanno fatto tutto il possibile per sopprimere i rimedi che hanno dimostrato di funzionare, che si tratti di corticosteroidi, idrossiclorochina (HCQ) con zinco, ivermectina, vitamina D o NAC».

 

In un’altra occasione, il cardiologo aveva altresì dichiarato che «le morti legate alla vaccinazioni sono dieci volte il numero ufficiale».

 

«La prima ondata è stata quella di uccidere gli anziani a causa dell’infezione respiratoria. La seconda ondata è prendere i sopravvissuti, prendere di mira i giovani e sterilizzarli. Ora vogliono i bambini»

McCullough è altresì contrario alle politiche dei tamponi attuate dagli Stati e dagli enti sanitari: «non ci dovrebbe essere una singola persona sulla terra che si sottopone al test da asintomatico, o che vi si sottopone secondo una routine».

 

Egli sostiene che «l’immunità naturale è robusta, completa e duratura» anche nei confronti delle varianti.

 

«Le varianti non penetrano l’immunità naturale… In questo momennto le persone che hanno l’immunità naturale non stanno prendendo la variante Lambda, Delta, Epsilon»

 

A differenza di ministri e virologi social-TV, McCullough è ottimista: «il COVID-19, e non è importante quale sia variante, è facilmente curabile a casa»

 

 

 

 

Immagine screenshot da YouTube

Continua a leggere

Più popolari