Connettiti con Renovato 21

Fertilità

Vaccino, La fertilità maschile diminuisce «in modo significativo» nei mesi successivi all’iniezione mRNA

Pubblicato

il

Un nuovo studio ha concluso che la fertilità maschile è ridotta per diversi mesi dopo l’iniezione del vaccino COVID-19 a base mRNA. Lo riporta Lifesitenews.

 

Uno studio israeliano firmato da sette medici e che è stato sottoposto a una revisione completa tra pari ha prelevato campioni da donatori di sperma per scoprire che da 75 a 120 giorni dopo l’iniezione la concentrazione di spermatozoi maschili si è ridotta del 15,4%, mentre la motilità degli spermatozoi è diminuita del 22,1%.

 

Pubblicato lo scorso 17 giugno, lo studio ha analizzato campioni di 37 donatori di sperma – di età compresa tra 21 e 30 anni –  raccolti prima che ricevesseroe un’iniezione di vaccino COVID-19 e poi circa cinque mesi dopo.

 

I periodi di tempo dei campioni prelevati sono stati:

 

T0: prima della vaccinazione
T1: 15 – 45 giorni dopo la vaccinazione
T2: 75 – 120 giorni dopo la vaccinazione
T3: 150 giorni o più dopo la vaccinazione

 

Lo studio ha scritto che mentre «nessun cambiamento significativo» nella concentrazione o motilità degli spermatozoi è stato riscontrato in T1 (da 15 a 45 giorni dopo l’iniezione), la concentrazione di spermatozoi era «significativamente inferiore» nei campioni prelevati durante il periodo di test T2.

 

I campioni di T2 della concentrazione di spermatozoi sono risultati «significativamente inferiori a causa di una diminuzione del -15,4%» rispetto a quelli prima della vaccinazione, scrivono gli autori del saggio.

 

Ciò si è tradotto in una riduzione media di 12 milioni/ml di concentrazione di spermatozoi durante i campioni di T2, rispetto ai campioni pre-vaccinazione. Nello stesso periodo di tempo è stata notata anche una riduzione media di 31,2 milioni di spermatozoi mobili.

 

In particolare, gli autori non hanno detto quale fosse la concentrazione di spermatozoi prima della vaccinazione, ma hanno cercato di dissipare i timori aggiungendo che un «recupero» è stato riscontrato nei campioni prelevati più tardi nella fase del test T3, sebbene a questo punto non sia stato fornito alcun dettaglio nel studiare in cosa consisteva il «recupero».

 

Una riduzione media di 12 milioni/ml della concentrazione di spermatozoi nei 37 uomini è significativa, dato che l’Organizzazione Mondiale della Sanità suggerisce attualmente che la fertilità maschile è considerata normale se ci sono più di 15 milioni di spermatozoi per millilitro. Qualsiasi cifra inferiore è considerata malsana.

 

Più avanti nello studio, sono stati forniti maggiori dettagli sul «recupero» riportato riscontrato nei campioni prelevati durante la fase T3, che sono stati condotti a «174,8 ± 26,8 giorni» o tra quasi cinque e sette mesi dopo la vaccinazione.

 

Contrariamente al suggerimento che la riduzione della concentrazione di spermatozoi fosse invertita, la concentrazione di spermatozoi è effettivamente peggiorata con il passare del tempo, con i campioni del test T3 in media del 15,9% peggiori rispetto ai test pre-vaccino.

 

La conta della mobilità totale (TMC) in questi test era ancora inferiore del 19,4% rispetto ai test pre-vaccino, un lievissimo miglioramento rispetto ai test T2.

 

Gli autori hanno concluso che «la risposta immunitaria sistemica dopo il vaccino BNT162b2 è una causa ragionevole per la concentrazione di sperma transitoria e il declino del TMC», ma hanno aggiunto che «la prognosi a lungo termine rimane buona».

 

«sebbene a prima vista, questi risultati possano sembrare preoccupanti, da un punto di vista clinico confermano i precedenti rapporti sulla sicurezza e l’affidabilità complessive dei vaccini nonostante i minori effetti collaterali a breve termine» assicurano gli autori.

Consapevoli del danno che i risultati dello studio potrebbero arrecare ai programmi di promozione della vaccinazione, gli autori hanno inoltre aggiunto che «poiché la disinformazione su argomenti relativi alla salute rappresenta una minaccia per la salute pubblica, i nostri risultati dovrebbero supportare i programmi di vaccinazione».

 

Tali risultati non sono nuovi per coloro che hanno messo in guardia sui pericoli posti dalle iniezioni di COVID-19. All’inizio di quest’anno, l’avvocato Thomas Renz ha rivelato i dati degli informatori riguardo ai vaccini passati comunicati dai medici delle forze armate statunitensi.

 

L’avvocato Renz aveva dichiarato a LifeSiteNews che ci sarebbe  stato un aumento del 344% dell’infertilità maschile nel 2021, rispetto alla media quinquennale dal 2016 al 2020. 

 

Anche l’infertilità femminile è aumentata in modo significativo del 471% così come gli aborti del 279% rispetto alla media quinquennale precedente.

 

I dati dello studio  del vaccino avevano mostrato che ai partecipanti maschi è stato chiesto di astenersi dall’avere rapporti sessuali o di usare il preservativo, mentre erano attivi nel processo sperimentale.

 

La stessa documentazione del vaccino osservava che «non era stato valutato per il potenziale di cancerogenicità, genotossicità o compromissione della fertilità maschile».

 

L’istruzione di astenersi o di usare il preservativo era stata prorogata per 28 giorni dopo l’ultima iniezione, per «eliminare il rischio per la sicurezza riproduttiva».

 

Il nuovo studio israeliano probabilmente presenterà un cambiamento nella relazione principale sulla sicurezza delle iniezioni di COVID-19.

 

Ricorda LSN che i fact-checker della Reuters aevvano minimizzato i timori sui problemi per la fertilità maschile a seguito di un’iniezione, scrivendo solo nell’aprile di quest’anno che «le affermazioni secondo cui la vaccinazione COVID-19 causa l’infertilità maschile non sono ancora supportate, hanno detto gli esperti a Reuters, nonostante i recenti post sui social media abbiano rianimato l’accusa di vecchia data».

 

Nel caso dell’infertilità femminile, Renovatio 21 era stata attaccata da un fact-checker italiano, ancora nel dicembre 2020, per l’articolo «Vaccino e infertilità, il problema può essere reale», accusato di fornire una notizia falsa. In fondo alla lunga pagina del sito che dovrebbe spiegare i finanziamenti leggiamo che «nel 2020» Facebook sarebbe una delle «principali fonti di finanziamento (…) (all’interno del Third-Party Fact-checking Program)».

 

Il fact-checking contro l’articolo di Renovatio 21 rimbalzò poi su varie pagine, compresa una testata legata all’Università di Bologna.

 

L’articolo di Renovatio 21, il primo di una lunga serie che abbiamo dedicato al rischio di infertilità, riprendeva le parole del dottor Michael Yeadon, ex vicedirettore Pfizer che rendeva note le sue perplessità ad esempio sulla questione della sincitina. Il dottor Yeadon ancora oggi, due anni dopo, ha i medesimi dubbi sui possibili danni alla fertilità, dubbi non fugati da alcuno studio condotto sul tema.

 

Anche il dottor Peter McCullough ha parlato di «infertilità e cancro come possibili conseguenze del vaccino».

 

Come poi abbiamo visto, ogni autorità sanitaria nazionale ha mandato in onda un balletto vaccino sì, vaccino no per le donne incinte e pure per quelle «giovani». È il caso della Germania, che sette mesi fa ha sconsigliato il vaccino Moderna alle donne in stato interessante e alle «giovani», qualsiasi cosa la parola voglia qui dire (vuol forse dire: in età fertile?).

 

Come scritto da Renovatio 21 un anno fa, rebus sic stantibus, qualora si dimostri un danno alla fertilità della popolazione, dobbiamo riconoscere che il vaccino COVID è la più grande minaccia per l’umanità.

 

 

 

Immagine di Enver Kerem Dirican via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0)

 

 

 

Continua a leggere

Fertilità

«Spermageddon»: un nuovo studio fa rivivere i timori del crollo della fertilità maschile

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

La conta degli spermatozoi in tutto il mondo sembra essersi dimezzata tra il 1973 e il 2018.

 

Secondo uno studio sulla rivista Human Reproduction Update , un team guidato da Hagai Levine, della Hebrew University di Gerusalemme, e Shanna Swan della Icahn School of Medicine, a New York, il declino riflette una crisi globale legata al nostro ambiente e stile di vita moderni, con ampie implicazioni per la sopravvivenza della specie umana.

 

Lo stesso team ha identificato un calo del numero di spermatozoi in Nord America, Europa e Australia nel 2017. Questa recente ricerca è la prima a dimostrare un calo anche in Sud e Centro America, Asia e Africa.

 

Il conteggio degli spermatozoi non è solo un indicatore della fertilità umana, affermano i ricercatori; è anche un indicatore della salute degli uomini, con bassi livelli associati ad un aumento del rischio di malattie croniche, cancro ai testicoli e una ridotta durata della vita.

 

Questo studio mostra un declino accelerato post-2000 del numero totale di spermatozoi e della concentrazione di spermatozoi a livello globale.

 

Come ha riassunto Levine, questi risultati, «nel complesso, stiamo assistendo a un significativo calo mondiale del numero di spermatozoi di oltre il 50% negli ultimi 46 anni, un declino che ha subito un’accelerazione negli ultimi anni».

 

Sebbene l’attuale studio non abbia esaminato le cause del calo del numero di spermatozoi, Levine ha indicato una recente ricerca che indica che i disturbi nello sviluppo del tratto riproduttivo durante la vita fetale sono collegati alla compromissione della fertilità e ad altri indicatori di disfunzione riproduttiva.

 

Inoltre, Levine ha spiegato che «le scelte di stile di vita e le sostanze chimiche nell’ambiente stanno influenzando negativamente questo sviluppo fetale».

 

Il tempo sta per scadere, ha ammonito Levine. «Le nostre scoperte fungono da canarino in una miniera di carbone. Abbiamo un grave problema tra le mani che, se non mitigato, potrebbe minacciare la sopravvivenza dell’umanità. Chiediamo urgentemente un’azione globale per promuovere ambienti più sani per tutte le specie e ridurre le esposizioni e i comportamenti che minacciano la nostra salute riproduttiva».

 

Il professor Swan ha sottolineato che un basso numero di spermatozoi non solo influisce sulla fertilità degli uomini, ma ha gravi conseguenze per la salute degli uomini più in generale.

 

«Il preoccupante calo della concentrazione di spermatozoi maschili e del numero totale di spermatozoi di oltre l’1% ogni anno, come riportato nel nostro articolo, è coerente con le tendenze avverse degli esiti di salute di altri uomini, come il cancro ai testicoli, l’interruzione ormonale e i difetti alla nascita genitali, così come declino della salute riproduttiva femminile. Questo chiaramente non può continuare senza controllo».

 

Sebbene il rapporto abbia fatto notizia ovunque, l’idea del calo del numero di spermatozoi è controversa.

 

Nel 2021 il professor Swan ha pubblicato un popolare libro di scienza, Count Down: How Our Modern World Is Altering Male and Female Reproductive Development, Threatening Sperm Counts, and Imperiling the Future of the Human Race («Conto alla rovescia: come il nostro mondo moderno sta alterando lo sviluppo riproduttivo maschile e femminile, minacciando il conteggio degli spermatozoi e mettendo in pericolo il futuro della razza umana).

 

Ha dipinto un quadro molto cupo.

 

«Se guardi la curva del numero di spermatozoi e la proietti in avanti – il che è sempre rischioso – raggiunge lo zero nel 2045», dice. Questa triste statistica implica che entro 25 anni un maschio medio non avrebbe più sperma vitale. «Questo è un po’ preoccupante, per non dire altro».

 

Ancor più drammaticamente, ha affermato che l’homo sapiens si adatta già allo standard del Fish and Wildlife Service degli Stati Uniti per essere considerato una specie in via di estinzione.

 

 

I critici, tuttavia, si sono chiesti se il metodo per contare lo sperma sia accurato o se gli uomini disposti a fornire sperma fossero diversi dalla popolazione nel suo insieme.

 

Un documento del 2021 di ricercatori di Harvard e MIT ha suggerito che non è il momento di premere il pulsante del panico. Hanno proposto un’ipotesi di «biovariabilità del conteggio degli spermatozoi» come contrappeso all’ipotesi del declino del conteggio degli spermatozoi.

 

Forse la conta degli spermatozoi varia molto nel tempo, in base all’età e alle popolazioni. «L’ipotesi che la fertilità maschile aumenti proporzionalmente al numero di spermatozoi non è supportata da alcuna prova disponibile», hanno osservato.

 

 

Michael Cook

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

Continua a leggere

Fertilità

Giudice del Regno Unito rifiuta la richiesta di recupero postumo dello sperma

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

Con poche leggi che lo regolano, i giudici spesso concedono il permesso a partner o genitori in lutto di recuperare lo sperma di giovani uomini che sono morti inaspettatamente. Ma in un ultimo incidente, i genitori di un moribondo in Inghilterra non sono riusciti a convincere un giudice della Court of Protection.

 

X (i nomi sono stati omessi in giudizio) era uno studente universitario di 22 anni. Era l’unico figlio di genitori cinesi che parlava poco inglese. Ha subito un ictus mentre praticava sport ed era morto nel tronco cerebrale quando il giudice ha esaminato il caso (è morto poco dopo).

 

I suoi genitori sono stati devastati e hanno chiesto al tribunale il permesso di recuperare il suo sperma. Hanno affermato che voleva avere figli. Dissero che la sua ragazza avrebbe potuto portare il bambino in grembo e che si sarebbero presi la responsabilità di allevarlo. Il padre ha detto alla corte.

 

«Chiarisco alla corte che io e mia moglie cresceremmo il bambino, ma la fidanzata, che è a conoscenza di questa domanda, ha espresso il desiderio di portare suo figlio. Mi rendo conto che non possiamo parlare per lei e che il tribunale non ha prove da parte sua, ma mi sembra giusto che ne informiamo il tribunale e che in ogni caso, ciò su cui siamo chiari è che nostro figlio ha sempre voluto una famiglia e vorremmo davvero esaudire quel desiderio in ogni caso».

 

Tuttavia, il giudice Poole ha stabilito che non sarebbe stato nel «migliore interesse» di X far eseguire su di lui una procedura invasiva alla quale non poteva acconsentire.

 

«Non ci sono prove davanti al tribunale per convincermi che (lui) avrebbe desiderato che il suo sperma fosse raccolto e conservato nelle sue attuali circostanze. Non posso accettare che ci dovrebbe essere una posizione predefinita secondo cui lo sperma dovrebbe essere raccolto e conservato in circostanze tali da essere generalmente nel migliore interesse di una persona».

 

 

Michael Cook

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Continua a leggere

Fertilità

La conta degli spermatozoi sta crollando drammaticamente e più velocemente di quanto si pensasse in precedenza

Pubblicato

il

Da

 

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

Gli autori di una nuova analisi hanno scoperto che il numero di spermatozoi è diminuito a livello globale di oltre la metà tra il 1973 e il 2018 e che il declino sta accelerando.

 

 

Per anni, gli scienziati di tutto il mondo hanno raccolto prove che mostrano il declino della qualità dello sperma. Ora, una nuova ricerca che raccoglie i risultati di quegli studi ha scoperto che il numero di spermatozoi è diminuito drasticamente in tutto il mondo e il tasso di declino sta accelerando.

 

In una nuova analisi, i ricercatori del Mount Sinai Medical Center, dell’Università di Copenaghen e dell’Università Ebraica di Gerusalemme, tra gli altri, hanno scoperto che il numero di spermatozoi è diminuito a livello globale di oltre la metà tra il 1973 e il 2018 e che il declino sta accelerando: 1972, il numero di spermatozoi è diminuito di circa l’1% ogni anno. Dal 2000 il calo annuo è stato, in media, superiore al 2,6%.

 

I risultati sollevano preoccupazioni sul fatto che un numero crescente di persone avrà bisogno di assistenza per riprodursi, nonché preoccupazioni per la salute generale della società umana, poiché un basso numero di spermatozoi è collegato a tassi più elevati di alcune malattie.

 

E mentre gli scienziati stanno ancora cercando di svelare le ragioni del calo, le esposizioni chimiche, in particolare ai pesticidi, sono un fattore probabile e il cambiamento climatico potrebbe persino svolgere un ruolo.

 

I ricercatori chiedono un’azione urgente per sostenere ulteriori ricerche sul numero di spermatozoi, determinare le cause del declino e prevenire un ulteriore deterioramento della salute riproduttiva maschile.

 

«Abbiamo prove evidenti che c’è una crisi nella riproduzione maschile», ha detto a EHN Hagai Levine, autore principale dello studio ed epidemiologo presso l’Università Ebraica di Gerusalemme.

 

 

Un calo «allarmante».

Lo studio si basa sulla precedente ricerca del team, che ha mostrato un calo del numero di spermatozoi in Nord America, Europa, Australia e parti dell’Asia del 28,5% tra il 1973 e il 2011.

 

L’aggiunta dei dati di 38 studi alla nuova analisi ha rafforzato la tesi del declino degli spermatozoi, ha detto a EHN Shanna Swan, un’autrice dell’articolo e uno dei principali epidemiologi riproduttivi del Monte Sinai.

 

«È davvero allarmante», ha detto Swan, che è anche uno scienziato aggiunto con Environmental Health Sciences, che pubblica EHN.org.

 

Swan ha scritto il libro Count Down: How Our Modern World Is Threatening Sperm Counts, Altering Male and Female Reproductive Development, and Meriling the Future of the Human Race.

 

La ricerca ha rilevato che il numero medio globale di spermatozoi nel 2018 era di 49 milioni per millilitro di sperma. Quando il numero di spermatozoi di un uomo scende al di sotto di circa 45 milioni per millilitro, la sua capacità di provocare una gravidanza inizia a calare drasticamente, ha detto Swan.

 

Ha detto che i risultati potrebbero significare che nei prossimi decenni, ampie fasce della popolazione mondiale di uomini potrebbero essere subfertili o sterili, o potrebbero richiedere tecniche di riproduzione assistita, come la fecondazione in vitro, il trattamento ormonale o una tecnica chiamata iniezione intracitoplasmatica di spermatozoi, in cui lo sperma viene iniettato direttamente in un uovo.

 

Oltre al calo del numero medio di spermatozoi, Levine ha affermato che è sorprendente che il tasso di declino stia accelerando, piuttosto che rallentando. «C’è un punto critico, che una volta attraversato, ottieni una situazione ancora peggiore?» ha detto. «È qualcosa a cui prestare davvero attenzione».

 

Nel complesso, ha affermato Levine, i risultati indicano che «c’è qualcosa di molto sbagliato nel nostro ambiente moderno globale».

 

Il conteggio degli spermatozoi non è solo un problema riproduttivo, ma un indicatore di altri problemi di salute negli uomini ed è usato come predittore della longevità maschile.

 

Gli uomini con uno scarso numero di spermatozoi tendono ad avere tassi più elevati di malattie cardiovascolari, alcuni tumori e persino la morte, ha detto a EHN Michael Eisenberg, professore di urologia alla Stanford University che non era coinvolto nella ricerca. «Questo calo del numero di spermatozoi potrebbe anche suggerire altri problemi di salute», ha dichiarato.

 

Uno studio del 2016 scritto da Eisenberg ha scoperto che il diabete e altre malattie erano associate a una minore salute riproduttiva. Tuttavia, ha affermato Eisenberg, il motivo per cui la salute generale è legata alla qualità dello sperma è ancora sconosciuto.

 

Eisenberg ha affermato che il nuovo studio sul declino del numero di spermatozoi è una “potente aggiunta” alle prove precedenti che il numero di spermatozoi in tutto il mondo è diminuito.

 

 

Motivi della tendenza

Sebbene le ragioni del calo non siano state discusse nel documento, gli scienziati sanno da decenni che alcuni fattori ambientali, come l’esposizione a pesticidi (come atrazina, alachlor e diazinon) e altre sostanze chimiche che alterano il sistema endocrino , come ftalati e bifenili policlorurati, o PCB, possono avere ripercussioni sulla salute riproduttiva.

 

Quasi 20 anni fa, ad esempio, Swan e altri ricercatori hanno pubblicato un’analisi della ricerca sui collegamenti tra l’esposizione ai pesticidi e la qualità dello sperma e hanno scoperto che il 79% degli studi indicava una diminuzione della qualità dello sperma tra quelli esposti alle sostanze chimiche.

 

Anche la dieta, il livello di attività e lo stress possono svolgere un ruolo.

 

Swan e Levine hanno affermato che l’esposizione a sostanze chimiche nell’ambiente e altri fattori probabilmente svolgono tutti un ruolo sostanziale nella tendenza del conteggio degli spermatozoi.

 

E i fattori di rischio sono correlati; ad esempio, l’obesità è un fattore di rischio per lo sperma di qualità inferiore, ma si ritiene che anche alcune sostanze chimiche che alterano il sistema endocrino – che interferiscono con il funzionamento degli ormoni – contribuiscano all’obesità.

 

Anche la dieta è difficile da separare dall’esposizione chimica, poiché i residui di pesticidi permangono su gran parte del cibo che mangiamo.

 

Inoltre, sia Swan che Levine hanno affermato che il cambiamento climatico potrebbe essere un fattore, sia a causa dello stress legato al clima che delle effettive fluttuazioni di temperatura, poiché le ondate di calore sono legate alla diminuzione della qualità dello sperma.

 

Anche l’esposizione prenatale può contribuire. Le esposizioni chimiche durante la «finestra di programmazione» maschile, quando i tratti riproduttivi si formano in utero , hanno un effetto enorme sulla qualità dello sperma più avanti nella vita, ha detto Swan.

 

Ad esempio, ha detto, quando un uomo fuma – una nota attività che altera il sistema endocrino – abbassa il numero di spermatozoi di circa il 20%.

 

Quando un maschio nasce da una donna che fuma, il suo numero di spermatozoi si riduce di circa il 50%. Questi effetti possono durare per generazioni prima che figli e nipoti successivi ritornino al normale numero di spermatozoi.

 

 

Tutela della salute riproduttiva

Levine è ottimista sul fatto che scienziati e responsabili politici possano invertire la tendenza se riescono a determinarne le cause.

 

Swan ha indicato il forte calo del fumo di sigaretta negli ultimi 50 anni come prova che sono possibili cambiamenti diffusi nello stile di vita e ha affermato che qualsiasi adozione su larga scala di abitudini più sane, come diete migliori e più attività fisica, può aiutare a migliorare la salute riproduttiva.

 

Apportare cambiamenti allo stile di vita individuale come scegliere prodotti biologici e privi di pesticidi e stare lontano da determinate materie plastiche e prodotti chimici può aiutare a ridurre anche l’esposizione di una persona a sostanze chimiche che alterano il sistema endocrino.

 

Tuttavia, farlo può essere difficile, soprattutto per le popolazioni svantaggiate che hanno meno accesso a cibi freschi, esposizioni ambientali più elevate e meno mezzi per acquistare beni domestici più sicuri e non tossici.

 

Per affrontare veramente il problema, tuttavia, sono necessarie molte più ricerche, ha affermato Swan.

 

Una cosa che vorrebbe vedere sarebbe un migliore monitoraggio del numero di spermatozoi, simile a come i Centers for Disease Control and Prevention monitorano l’obesità.

 

Levine ha anche affermato che migliori strumenti di sorveglianza saranno fondamentali per comprendere più a fondo il problema.

 

Una volta che l’umanità «definisce un problema e ci mette le nostre risorse e la nostra mente, troviamo soluzioni a cui non avremmo potuto pensare quando abbiamo iniziato», dice Levine. «È sempre teoricamente reversibile».

 

 

Grace van Deelen

 

 

Originariamente pubblicato da Environmental Health News .

 

 

© 15 novembre 2022, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari