Connettiti con Renovato 21

Internet

Apple banna il «Tinder no-vax»

Pubblicato

il

 

 

 

Apple ha rimosso un’app di appuntamenti per persone non vaccinate. Presumibilmente, l’app ha violato le politiche di Apple per i contenuti COVID.

 

Considerato un «Tinder per no-vax», Unjected è un’app di incontri per persone non vaccinate.

 

A maggio, l’app era stata lanciata dopo che i principali siti e applicazioni di incontri, come Bumble e Tinder, hanno collaborato con la Casa Bianca e hanno incoraggiato gli utenti a vaccinarsi.

 

Apple ha rimosso l’app di appuntamenti dal suo App Store dopo essere stata contattata da Bloomberg. In una e-mail a Unjected, Apple ha affermato che l’app «si riferisce in modo inappropriato alla pandemia di COVID-19 nel suo concetto o tema».

 

Considerato un «Tinder per no-vax», Unjected è un’app di incontri per persone non vaccinate

Apple richiede che tutte le app relative a COVID-19 forniscano informazioni credibili su salute e sicurezza e provengano solo da entità riconosciute, tra cui organizzazioni governative, organizzazioni no profit incentrate sulla salute e istituzioni mediche o educative.

 

Apple aveva originariamente posto diniego alla domanda di Unjected di essere distribuita dall’App Store di Cupertino.

 

L’app era quindi stata approvata solo dopo aver apportato modifiche per conformarsi alle politiche COVID-19, ha affermato un portavoce di Apple. 

 

Da allora, «lo sviluppatore ha rilasciato dichiarazioni esternamente ai suoi utenti e aggiornamenti all’app che lo portano ancora una volta fuori dalla conformità», ha affermato Apple, aggiungendo che Unjected ha incoraggiato gli utenti a evitare di usare determinate parole per evitare il rilevamento.

 

Apple ha affermato che l’app «si riferisce in modo inappropriato alla pandemia di COVID-19 nel suo concetto o tema»

«Questa è una violazione delle nostre linee guida, che chiariscono: “Se tenti di imbrogliare il sistema… le tue app verranno rimosse dallo store”».

 

Le opinioni di Unjected sui vaccini hanno risuonato anche su Instagram, dove il suo account ha quasi 25.000 follower.

 

In risposta alla rimozione, uno dei co-fondatori di Unjected ha pubblicato un video su Instagram dicendo: «a quanto pare, siamo considerati “troppo” favorevoli a condividere la nostra autonomia medica e la libertà di scelta… Quindi, ovviamente, Apple ci ha rimosso».

 

«A quanto pare, siamo considerati “troppo” favorevoli a condividere la nostra autonomia medica e la libertà di scelta… Quindi, ovviamente, Apple ci ha rimosso»

A peggiorare le cose, Unjected è in fase di revisione presso il Google Play Store per i post che affermano che i vaccini sono «modificatori sperimentali dell’mRNA», «armi biologiche» e «microchip nanotecnologici».

 

«Stiamo cercando modi per uscire da Apple e Google. Ma la transizione più semplice per noi potrebbe essere quella di rendere il sito Web il migliore possibile poiché non possono chiuderlo come l’app».

 

Apple e Google stanno chiarendo che i contenuti anti-vax non verranno visualizzati sulle loro piattaforme. 

 

Come scrive Zerohedge, «ricordate cosa ha fatto la Silicon Valley alla piattaforma di social media conservatrice “Parler”?»

Per chi non lo ricorda: Parler era considerato un concorrente di Facebook e Twitter in ascesa, un social media che aveva la caratteristica, sconosciuta alle altre piattaforme, di non censurare i post degli utenti.

 

Il 7 gennaio, all’indomani dei fatti del Campidoglio, Apple e Google tolsero l’applicazione dall’app store (impedendo così l’uso via telefonino) ma anche Amazon, che possedeva i server dove girava la versione su sito, chiuse tutto improvvisamente.

 

Si tratta né più né meno di censura: un’atto infame che il governo ha subappaltato ai giganti di Big Tech, così da tentare di salvarsi la faccia democratica.

 

Il problema è che oramai non c’è più nessuna faccia da salvare. Qualcuno lo dica al governo.

Continua a leggere

Cina

La Cina ha rubato più dati americani di «ogni altra Nazione messa insieme»: parla l’ex capo dell’FBI

Pubblicato

il

Da

Christopher Wray, il direttore del Federal Bureau of Investigation, ha dichiarato martedì alla House Homeland Security Committee che la Cina ha rubato più dati da aziende e privati ​​americani di qualsiasi altra Nazione.

 

Una delle principali preoccupazioni per la sicurezza che preoccupa Wray è l’app del social media TikTok, di proprietà della società pechinese Bytedance. L’azienda è quindi soggetta alla legge cinese sull’Intelligence nazionale del 2017 che richiede ai cittadini e alle imprese di assistere nella raccolta di informazioni e di condividere l’Intelligence raccolta.

 

«Il vasto programma di hacking della Cina è il più grande del mondo e hanno rubato più dati personali e aziendali americani di ogni altra nazione messa insieme», ha detto Wray, che ha servito come assistente procuratore generale sotto l’ex presidente George W. Bush.

 

«Abbiamo preoccupazioni su TikTok per la sicurezza nazionale che provengono dall’FBI», ha detto il Wray.  Tali preoccupazioni «includono la possibilità che il governo cinese possa usarlo per controllare la raccolta di dati su milioni di utenti. Oppure controllare l’algoritmo di raccomandazione, che potrebbe essere utilizzato per operazioni di influenza qualora lo desiderassero. O per controllare il software su milioni di dispositivi, il che gli offre l’opportunità di compromettere tecnicamente i dispositivi personali».

 

Wray ha aggiunto che «c’è una serie di preoccupazioni su ciò che sta effettivamente accadendo e si sta effettivamente facendo» in relazione al fatto che TikTok stia o meno condividendo informazioni sui dati con il governo cinese, i cui dettagli rimangono sconosciuti.

 

Le preoccupazioni del funzionario sono state precedentemente toccate dall’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump e dai senatori Marco Rubio e Mark Warner, nonché da Brendan Carr, il commissario federale per le comunicazioni repubblicano che in precedenza aveva chiesto a Google e Apple di bandire l’app cinese dai propri store.

 

In effetti, sia Rubio che il deputato repubblicano del Wisconsin Mike Gallagher hanno recentemente chiesto un divieto totale contro TikTok in un editoriale che citava accuse di presunti abusi cinesi dell’app, che possono essere utilizzate per tracciare la posizione di un telefono cellulare e raccogliere dati di navigazione in Internet.

 

Nel frattempo, alcuni rami del governo, compresi i militari, hanno già vietato ai propri dipendenti di avere l’app sui loro telefoni.

 

TikTok, una delle app più popolari al mondo, aveva a settembre 2021 più di 1 miliardo di utenti. TikTok rappresenta una crescente sfida per aziende social della Silicon Valley come Meta (che controlla Facebook e Instagram), che stanno cercando di capire come possono competere con il successo del video social pechinese.

 

In realtà, esisteva un’app del tutto simile in USA anni fa, chiamata Vine, che fu comprata – e uccisa – da Twitter. Con la nuova gestione di Elon Musk, si parla della possibilità che Vine torni online.

 

Come riportato da Renovatio 21, c’è un’altra applicazione passata per la Cina che potrebbe aver rubato i dati, davvero sensibili dei cittadini di tutto il mondo: l’app per incontri omosessuali Grindr.

 

Nata negli USA, Grindr fu acquistata da un gruppo cinese. Donald Trump, allora presidente USA, domandò ufficialmente alla Repubblica Popolare un inusuale restituzione, cioè il ritorno in mano americana dell’app per omosessuali. I vertici degli Stati Uniti  consideravano i dati degli utenti dell’app come una potenziale minaccia, in quanto tramite essi si aveva la possibilità in grado di compromettere gravemente lo Stato Americano: migliaia di funzionari di ogni dipartimento e di ogni livello potevano divenire improvvisamente ricattabili: alcuni perché magari avevano una doppia vita (uomini sposati con figli, persone che non lo hanno ancora detto alla mamma), altri per il dettaglio dei propri gusti ricreativi, talvolta al limite del legale.

 

La Cina, incredibilmente, acconsentì e diede indietro tutto. È piuttosto sciocco pensare che la Repubblica Popolare Cinese, che come scritto sopra deve ricevere per legge i dati di Intelligence raccolti da ogni cittadino o ente cinese, non abbia conservato i preziosi dati contenuti nel sistema.

 

Renovatio 21 ha ipotizzato che dietro agli osceni accordi tra il Vaticano e il Partito Comunista Cinese – che costituisce un infame tradimento dei perseguitati, dei fedeli cinesi torturati e dei martiri il cui sangue bagna in questo stesso momento il Regno di Mezzo – potrebbe esservi un’enorme macchina di ricatto resa possibile da questi dati. Le cronache nazionali italiane e non solo, di fatto, abbondano di segnalazioni di sacerdoti dalla doppia vita presenti sull’app di incontri omofili.

 

 

 

 

 

Immagine di Solen Feyissa via Wikimedia pubblicata su licenza Attribution-ShareAlike 2.0 Generic (CC BY-SA 2.0)

 

 

 

Continua a leggere

Geopolitica

L’Occidente ha rinunciato alla libertà di espressione

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 pubblica questo articolo di Réseau Voltaire. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

È un dibattito che credevamo chiuso: gli Occidentali avevano proclamato che la libertà di manifestare il proprio pensiero è condizione necessaria per la democrazia e che mai più l’avrebbero violata. Ciononostante, Stati Uniti, Regno Unito, Polonia, Italia e Germania hanno imboccato la strada della censura. Ora ci sono cose che non si devono dire.

 

 

Dal XVIII secolo la libertà di manifestare le proprie opinioni è stata un tratto distintivo dell’Occidente. È il fondamento sul quale è stato costruito il regime politico, espressione delle classi medie: la democrazia. Il principio secondo cui la volontà generale nasce dal confronto fra opinioni diverse non era più messo in discussione. Ogni attacco alla libertà di espressione era ritenuto un colpo inferto alla risoluzione pacifica dei conflitti.

 

Ma quando, all’inizio del XX secolo, la guerra mondiale lacerò l’Occidente, prima i britannici poi gli statunitensi non esitarono a utilizzare moderni mezzi di propaganda, non solo nei confronti dei nemici, ma anche della stessa popolazione (1). Per la prima volta i governi democratici attuarono programmi per ingannare i cittadini.

 

Alla fine della guerra, i britannici, fieri del proprio successo, intravidero la possibilità di usare la propaganda di guerra in tempo di pace. Così, allorché il sistema economico capitalistico fu minacciato, ancor prima dello scoppio della Seconda Guerra Mondiale le democrazie e la libertà di espressione furono messe tra parentesi e la propaganda ricominciò, prima in Italia e Germania, poi nel resto dell’Occidente.

 

Da tre quarti di secolo gli Occidentali giurano di difendere i propri valori e di non fare più un uso interno della propaganda.

 

Come negli anni Trenta, anche oggi il sistema capitalistico è minacciato dall’aumento delle diseguaglianze fra gli elettori, ma su scala non ancora conosciuta. Durante la crisi del ’29, l’industriale Henry Ford sosteneva che la remunerazione di un padrone non dovesse superare di 40 volte quella dei suoi operai; oggi le entrate di Elon Musk sono 38,5 milioni di volte superiori a quelle di alcuni suoi dipendenti negli Stati Uniti. Il principio democratico «Un uomo, un voto» non ha più alcuna relazione con la realtà.

 

In questo contesto gli Occidentali hanno ripudiato la libertà di espressione. I social media, in particolare Facebook e Twitter, hanno censurato governi e finanche il presidente in carica degli Stati Uniti. Senza con ciò violare la Costituzione, dal momento che questa garantisce la libertà di espressione solo dinnanzi agli abusi del potere politico. L’acquisizione di Twitter da parte di Elon Musk e la sua dichiarazione di volerne fare una piattaforma libera non cambia la realtà. L’idea che non è consentito dire tutto è ormai affermata.

 

Gli intellettuali percepiscono che stiamo per cambiare il regime economico e politico. Negli ultimi anni molti di loro si sono trasformati in puntelli del potere, sia esso finanziario o politico, rinunciando al loro ruolo critico. Indipendentemente da come evolverà la situazione, costoro si schierano comunque con chi ha il coltello dalla parte del manico.

 

Ormai da sei anni ci martellano con il pericolo delle fake news, ossia delle informazioni distorte, e con la necessità di controllare quel che le persone dicono e scrivono. Il principio cui s’ispirano è che bisogna distinguere chi sta dalla parte della verità da chi sta da quella dell’errore, negando il principio di uguaglianza, fondamento della democrazia.

 

Imprigionati nella trappola di Tucidide, gli anglosassoni hanno provocato la guerra civile in Ucraina e l’intervento dei russi per farla finire. Passo dopo passo, l’Occidente sta entrando in guerra: militarmente contro la Russia, economicamente contro la Cina. Cadono tutti i pregiudizi secondo cui non è possibile entrare in guerra contro potenze con cui si hanno fitti scambi economici. Come nelle due guerre mondiali, il mondo è diviso in due campi che si stanno separando.

 

E così in Occidente è di ritorno la propaganda governativa.

 

Per la prima volta è stato contestato uno scrutinio presidenziale USA: quello del 2020. Il Congresso ha dichiarato vincitore Joe Biden, ma in realtà nessuno può sapere chi abbia vinto. Come accadde per la vicenda Bush contro Gore del 2000, un riconteggio dei voti non è possibile, perché non sta qui il problema: in molti seggi lo spoglio dei voti è stato fatto a porte chiuse. Forse nessuno ha imbrogliato, ma ciò non toglie che le elezioni non sono state trasparenti, quando la trasparenza è requisito essenziale della democrazia. Già nel 2000 la Corte Suprema federale fermò il riconteggio dei voti perché la Costituzione non fa riferimento all’elezione del presidente con suffragio universale diretto, ma rinvia alla decisione dei singoli Stati. Sicché la modalità di designazione del vincitore della Florida non era di competenza delle istituzioni federali.

 

Prima di ogni altra discussione, bisogna prendere atto che le elezioni di metà mandato sono dominate dal problema del non-rispetto delle procedure democratiche da parte del campo «democratico».

 

 

Stati Uniti

Negli Stati Uniti è operativo il Centro d’Impegno Globale (Global Engagement Center, GEC), una struttura interna al dipartimento di Stato, finalizzata al coordinamento dei discorsi ufficiali degli alleati.

 

Nel dipartimento di Stato esiste anche un sottosegretariato per la propaganda all’estero, denominato Pubblica Diplomazia e Pubblici Affari (Public Diplomacy and Public Affairs). Ad aprile 2022 è stato fatto un ulteriore passo: il «presidente proclamato» Joe Biden ora si avvale della consulenza di una specialista della propaganda, Nina Jankowicz.

 

Il segretario per la Sicurezza della Patria, l’ex giudice Alejandro Mayorkas, ha creato un Comitato per la Governance della Disinformazione (Disinformation Governance Board) di cui ha affidato la presidenza a Nina Jankowicz. Si tratta né più né meno di ricostituire l’organo per la propaganda di guerra, creato nel 1917 da Woodrow Wilson. (2)

 

Nina Jankowicz è stata presentata come una giovane ricercatrice, specialista della «disinformazione russa». In realtà lavora per il National Democratic Institute di Madeleine Albright, incaricata di difendere gli interessi dei Biden in Ucraina.

 

Quest’affascinante signora ha lavorato nella squadra del candidato Volodymyr Zelensky, attuale presidente dell’Ucraina (3).

 

In piena guerra civile era al servizio di Pavlo Klimkin, ministro degli Esteri del presidente Petro Poroshenko. All’epoca, Jankowicz si opponeva agli Accordi di Minsk, nonostante fossero stati avallati dal Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite.

 

Durante la sua lunga permanenza in Ucraina, ha elaborato una teoria sulla disinformazione russa, dedicandovi un libro: How to Lose the Information War: Russia, Fake News, and the Future of Conflict (Come perdere la guerra dell’informazione: la Russia, le notizie false e il futuro del conflitto). Sorvolando sulla realtà della guerra civile e dei suoi 20 mila morti, nel libro Jankowicz elenca tutti gli attuali stereotipi sui cattivi russi, che vogliono estendere il loro impero al Donbass raccontando menzogne agli europei.

 

In Ucraina Jankowicz si avvaleva dell’associazione locale StopFake, sovvenzionata dalla National Endowment for Democracy (vale a dire dalla CIA), dal governo britannico, nonché da George Soros, per far credere che il colpo di Stato del Maidan era stata una rivoluzione popolare. (4)

 

Nel video sottostante Jankowicz mente continuamente e fa l’apologia delle milizie nazionaliste integraliste Aidar (di cui Amnesty International aveva già denunciato la pratica della tortura), Dnipro-1 e, ovviamente, del battaglione Azov.

 

 

Nel 2018 Jankowicz difese la milizia nazista C14 (5), affermando che non aveva compiuto pogrom contro gli zingari: erano solo… false informazioni russe.

 

Questa specialista di menzogne non perse l’occasione di mentire di nuovo a proposito delle accuse di tradimento a Donald Trump (dossier Steele) e per negare i crimini di Hunter Biden (6). Si spinse fino a sostenere che il computer del figlio del presidente sequestrato dall’FBI era un’«invenzione russa».

 

Bersagliato da molte critiche, il Comitato per la Governance dell’Informazione è stato sciolto il 17 maggio (7); tuttavia verbali di un settore interno della Cybersecurity and Infrastructure Security Agency (CISA), agenzia del dipartimento per la Sicurezza Interna, dimostrano che l’organo continua a esistere, ma sotto altra forma. (8)

 

Inoltre, secondo l’Ispettore Generale della Sicurezza Interna, la sua funzione continua a essere necessaria. (9)

 

 

Regno Unito

Per far fare ciò di cui il governo non vuole assumersi la responsabilità, i britannici hanno invece preferito appoggiarsi a un’«associazione», l’Institute for Strategic Dialogue (ISD); un think tank creato da lord George Weidenfeld, barone Weidenfeld, – che si definisce «sionista adamantino» – per contrastare l’estremismo. In realtà diffonde menzogne per insabbiare verità lampanti. L’ISD redige rapporti di propria iniziativa (o meglio per iniziativa del governo britannico), ma anche su richiesta dei governi europei che lo finanziano.

 

Ciò che è vero in casa dell’inventore della propaganda moderna lo è anche in Europa.

 

 

Polonia

A febbraio, ossia agli inizi della guerra in Ucraina, il Consiglio di Difesa polacco ha ordinato alla società francese Orange, principale fornitore dell’accesso a internet nel Paese, di censurare diversi siti internet, fra cui Réseau Voltaire (voltairenet.org). Da noi contattata con lettera raccomandata, la società non ha voluto trasmetterci la corrispondenza con le autorità polacche.

 

Queste ultime, anch’esse interpellate, non ci hanno semplicemente risposto. Secondo i trattati europei, il Consiglio di Difesa ha l’autorità d’imporre la censura militare per ragioni di Sicurezza nazionale.

 

 

Italia

A marzo il Corriere della Sera ha rivelato un programma governativo di sorveglianza di persone definite «filorusse» (10). L’agenzia di stampa ANSA ha pubblicato un numero dell’Hibrid Bulletin del Dipartimento delle Informazioni per la Sicurezza dedicato all’argomento [(11).

 

 

Germania

Anche in Germania la ministra degli Interni, la socialdemocratica Nancy Fraeser, ha istituito un organo di controllo, cui ha assegnato, spingendosi molto oltre rispetto agli altri Paesi, il compito di «armonizzare le notizie» dei media.

 

Da diversi mesi, nel segreto più assoluto, Fraeser riunisce i grandi proprietari dell’editoria per istruirli su ciò che deve o non deve essere pubblicato.

 

Italia e Germania hanno già vissuto una dolorosa esperienza di censura durante il fascismo e il nazismo. È perciò particolarmente inquietante vederle incamminate su questa strada. Le stesse cause producono sempre gli stessi effetti.

 

Dunque non meraviglia che, per la prima volta dalla fine della seconda guerra mondiale, il 4 novembre 2022, all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, Italia e Germania si siano rifiutate di votare una risoluzione di condanna del nazismo.

 

 

Thierry Meyssan

 

 

 

NOTE

1) «Le tecniche della propaganda militare moderna», di Thierry Meyssan, Traduzione Matzu Yagi, Megachip-Globalist (Italia) , Rete Voltaire, 18 maggio 2016.

2) «Why Biden is in Danger of Replicating Woodrow Wilson’s Propaganda Machine», John Maxwell Hamilton & Kevin R. Kosar, Politico,  5 maggio 2022.

3) «How the Biden administration let right-wing attacks derail its disinformation efforts», Taylor Lorenz, The Washington Post, 18 maggio 2022.

4) «Meet the Head of Biden’s New “Disinformation Governing Board”», Lev Golinkin, The Nation,  12 maggio 2022.

5) «La legge razziale ucraina», Traduzione Rachele Marmetti, Rete Voltaire, 11 maggio 2022.

6) «La decadenza dell’impero statunitense», di Thierry Meyssan, Traduzione Rachele Marmetti, Rete Voltaire, 6 settembre 2022.

7) «The Disinformation Governance Board, Disavowed», The Editorial Board, The Wall Street Journal,  18 maggio 2022.

8) «Disinformation Governance Board Minutes», CISA, 14 giugno 2022.

9)«DHS Needs a Unified Strategy to Counter Disinformation Campaigns», Office of Inspector General, 10 agosto 2022.

10 «La NATO sorveglia gli influencer che mettono in dubbio la versione ufficiale della guerra», Traduzione Rachele Marmetti, Rete Voltaire, 20 giugno 2022.

11) Hybrid Bulletin n°4, Dipartimento delle Informazioni per la Sicurezza, 15 maggio 2022.

 

 

 

Articolo ripubblicato su licenza Creative Commons CC BY-NC-ND

 

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

Continua a leggere

Essere genitori

I giovani statunitensi trascorrono 10 ore al giorno davanti agli schermi. E diventano più depressi

Pubblicato

il

Da

Un nuovo studio pubblicato dall’Institute for Family Studies e dalla Wheatley Institution ha rilevato che la media di 11-18 anni negli Stati Uniti è su uno schermo 70 ore a settimana, con una media di 10 ore al giorno.

 

Sorprendentemente, questo numero non include nemmeno il tempo trascorso a guardare la TV, ma solo computer, smartphone e tablet.

 

Prendono atto che questo drammatico aumento è una tendenza che era sempre più rapida prima del blocco del COVID, con il tempo sullo schermo raddoppiato per gli studenti delle scuole superiori dal 2009 al 2017.

 

Lo studio rileva che l’attività più comune per lo «screentime» è il gioco, seguito da messaggi di testo, social media, chat video e acquisti online, in quest’ordine.

 

I ricercatori hanno anche chiesto agli intervistati i loro sentimenti di depressione, solitudine, mancanza di sonno e immagine corporea negativa. I risultati erano fortemente correlati alla quantità di tempo trascorso davanti allo schermo, poiché la «depressione» era correlata a «un elevato utilizzo dei media digitali» a un tasso tre volte superiore a quelli con un «basso utilizzo dei media digitali».

 

L’effetto deleterio dei device digitali e della rete internet sulla psiche umana è oramai materia con consistente letteratura scientifica.

 

Come riportato da Renovatio 21, vi è un crescente numero di prove scientifiche del fatto che Facebook indice alla repressione. Secondo un recente studio dell’Università di Washington l’utente di Facebook, inoltre, entrerebbe un uno «stato dissociativo».

 

Secondo rivelazioni emerse l’anno passato, il 13% delle ragazze adolescenti nel Regno Unito che stavano considerando il suicidio hanno incubato tali pensieri su Instagram.

 

È degno di nota l’editoriale scritto per il New York Times il mese scorso da William Siu, fondatore di una grande azienda di videogiochi, che ha dichiarato che non lascerà le sue figlie giocare con i suoi videogames.

 

Un altro genitore, cittadino della città francese di Messanges, è andato perfino oltre: nel tentativo di togliere i figli da internet, ha staccato involontariamente la rete a tutta la cittadina.

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari