Connettiti con Renovato 21

Eutanasia

«Best Interests»: per Alfie funerali privati e nessuna autopsia

Pubblicato

il

 

 

Le ultime settimane di vita di Alfie Evans sono diventate un fatto internazionale.

 

Mentre i suoi genitori combattevano contro un ospedale pediatrico e contro un sistema giudiziario pronto a togliere i supporti vitali e porre fine alla sua vita, la loro lotta per salvare Alfie è diventata di portata sovranazionale.

Come i genitori di Alfie hanno annunciato qualche giorno fa, il funerale di Alfie si terrà domani e sarà privato.

Ma, sorprendentemente (o forse nemmeno troppo), nonostante tutto il trambusto mediatico, nonostante l’attenzione e le polemiche che circondano la sua morte, sembra che non sia stata fatta un’autopsia. Anche se i sostenitori di Alfie Evans e della sua famiglia si aspettavano un’autopsia e un’indagine subito dopo la sua morte, sembra invece che tutto sia stato silenziato.

 

E, stranamente, sulla possibilità di un’autopsia o di un’indagine dopo la morte di Alfie, non ci sono state nemmeno notizie di cronaca da parte dei mass media. I media britannici – che hanno ampiamente coperto il caso – non hanno riportato nulla nemmeno sulla notizia del funerale imminente.

E non ci sarà alcuna autopsia nonostante ad Alfie siano stati negati cibo e acqua per oltre 24 ore. Non ci sarà alcuna autopsia nonostante ad Alfie sia stato negato l’ossigeno durante le prime ore successive alla rimozione dei supporti vitali senza il consenso dei genitori. Non ci sarà alcuna autopsia nonostante Alfie, nei suoi ultimi giorni di esistenza terrena, non abbia ricevuto cure e trattamenti adeguati e non abbia avuto la possibilità di sottoporsi a trattamenti sperimentali per migliorare la sua condizione neurodegenerativa. Non ci sarà alcuna autopsia nonostante i medici non siano ancora sicuri di cosa abbia causato la patologia di Alfie.

 

E non ci saranno autopsie nonostante sul web girino voci riguardanti gli ultimi istanti di vita di Alfie e sul fatto che lo staff dell’Alder Hey Children’s Hospital abbia o meno posto fine alla sua vita dopo una settimana in cui è riuscito a respirare da solo.

La mancanza di qualsiasi autopsia o indagine è piuttosto strana

La mancanza di qualsiasi autopsia o indagine è piuttosto strana e porterà senza dubbio ad ulteriori polemiche da parte dei sostenitori di Alfie e della sua famiglia riguardo al fatto che entrambi, sia il governo britannico che il sistema giudiziario così come il sistema medico britannico, o volevano che Alfie morisse o volevano coprire tutto ciò che lo ha portato a morire.

La mancanza di qualsiasi desiderio pubblico da parte dei genitori di Alfie di insistere per un’autopsia o per un’indagine è ugualmente interessante: alcuni sostenitori di Alfie e della sua famiglia hanno ipotizzato che il governo britannico ed il nostro sistema medico li abbiano costretti ad arrendersi mollando la loro battaglia legale e quella per trasferirlo altrove.

 

La dichiarazione che Thomas ha dato ai media dicendo che avrebbero lavorato per trovare un punto di incontro con i responsabili dell’Alder Hey, continua a confondere coloro che sono interessati alla questione perché è stato davvero un brusco cambio di marcia, da un atteggiamento determinato e irremovibile che aveva mostrato, con un’instancabile volontà di combattere in nome di Alfie.

 

Qualcuno ha fatto notare che Alfie è morto poco dopo che i suoi genitori avevano abbandonato la loro battaglia legale e sembravano cedere ai voleri del governo e del sistema sanitario britannico.

Sebbene ci siano prove e motivazioni sufficienti per un’autopsia o un’indagine, sembra invece che non ce ne saranno e gli spettatori di tutto il mondo continueranno a chiedersi se Alfie è morto per abbandono di cure, o se la sua morte sia stata accelerata dalla somministrazione di qualche farmaco.

Sebbene ci siano prove e motivazioni sufficienti per un’autopsia o un’indagine, sembra invece che non ce ne saranno e gli spettatori di tutto il mondo continueranno a chiedersi se Alfie è morto per abbandono di cure, o se la sua morte sia stata accelerata dalla somministrazione di qualche farmaco.

Ironia della sorte, l’unica indagine potrebbe essere proprio verso i sostenitori di Alfie. Il governo britannico infatti sembra stia indagando sull’organizzazione cristiana e sull’avvocato che ha appoggiato la famiglia.

Il giudice Hayden ha più volte offeso e denigrato, durante le udienze, i legali dell’associazione cristiana vicino alla famiglia, definendo uno di essi come «illuso e fanatico».

Il gruppo ha rimandato al mittente “i commenti pregiudizievoli e provocatori del giudice Hayden”.
Nel frattempo, come noto, il primo ministro britannico Theresa May ha difeso l’ospedale. Ha affermato che gli esperti di medicina dovrebbero essere gli unici a prendere decisioni in questi casi e non i genitori o la famiglia.

Carol Tobias, presidente del National Right to Life Committee, ha dichiarato a LifeNews che le persone devono essere molto chiare su quello che è successo con Alfie. Ha affermato che «è stato condannato a morte» da tribunali e medici:

«Che sia chiaro: Alfie Evans è stato condannato a morte dal Sistema sanitario nazionale britannico e dall’Alta corte. Il loro intransigente attaccamento verso il difettoso sistema sanitario “single-payer” del paese li ha portati alla conclusione che per Alfie era meglio morire piuttosto che lasciare il paese e ricevere un trattamento potenzialmente salvavita altrove», sostiene Tobias.

Dopo aver rimosso il suo supporto vitale senza permesso, i responsabili dell’Alder Hey Hospital hanno aspettato 28 ore prima di nutrire il bambino, che stava continuando a combattere. Tom criticò aspramente il personale dell’ospedale per aver aspettato così tanto tempo prima di portargli il nutrimento di cui aveva bisogno:

«Hanno iniziato a dargli da mangiare solo dopo molte ore. È disgustoso il modo in cui viene trattato (…) Neanche un animale verrebbe trattato in questo modo. Alfie sta dimostrando che si sbagliavano. È ora di dargli un po’ di dignità e lasciarlo andare a casa o in Italia».

Poi, d’un tratto, l’inspiegabile cambio di passo.
Forse i genitori di Alfie speravano di portare il bambino casa, per liberarsi dall’ospedale di Liverpool.

Un gruppo di medici britannici, The Medical Ethics Alliance, ha espresso il proprio ribrezzo per il trattamento riservato ad Alfie Evans che ha definito una vera «tirannia medica».

Secondo qualche indiscrezione, poi, la Diocesi di Livepool avrebbe inizialmente negato ai sacerdoti incardinati lì di recarsi a casa degli Evans.

Secondo qualche indiscrezione, poi, la Diocesi di Livepool avrebbe inizialmente negato ai sacerdoti incardinati lì di recarsi a casa degli Evans.

Tuttavia qualche prete refrattario ha avuto il coraggio di opporsi all’editto portando in questi giorni di dolore l’appoggio morale e spirituale alla famiglia.

I funerali che avranno luogo domani, come detto, saranno in forma privata, «secondo i desideri della famiglia», dicono.

E certo, come no: deve essere stato proprio un desiderio della famiglia quello dei funerali in forma privata, stillando una lista degli invitati come si fa per un gran gala.

Deve essere stato un loro desiderio anche quello di avere dei premurosi poliziotti che vigilano sul funerale stesso, o ancora quello di allontanare dalla zona del funerale chi non è invitato. Come ovviamente era proprio un loro desiderio quello di non fare più statement, o interviste, o anche quello di voler costruire un ponte con l’ospedale che voleva uccidere Alfie.
Tutti “desideri” della famiglia.
E i poliziotti inglesi, che ci tengono a precisare che i desideri della famiglia sono così importanti tanto da voler garantire il loro supporto di vigilanza?
Tutto, sempre, in nome del «best interest».

È questo il futuro che vogliamo?

 

Alfie Evans non è stato il primo bambino ad essere tenuto in ostaggio dal sistema giudiziario e dal sistema sanitario. Ci sono stati molti altri casi in cui le corti e i medici hanno preso decisioni di vita o di morte per un paziente contrariamente alla custodia della vita (prima di tutto), e alle obiezioni della loro famiglia. Tante ancora ve ne saranno se non ci opporremo con forza.

È questo il futuro che vogliamo?

Continua a leggere

Eutanasia

Offerta la morte assistita a paralimpica canadese: «disposti ad aiutarmi a morire, ma non ad aiutarmi a vivere»

Pubblicato

il

Da

Il ministro canadese per gli affari dei veterani, Lawrence MacAulay, ha testimoniato il 24 novembre a una commissione parlamentare che il suo dipartimento aveva scoperto quattro casi di assistenza medica in caso di morte (MAID) offerti ai veterani durante un’indagine interna in seguito alla segnalazione della questione nell’estate del 2021.

 

Invece di aiutare un veterano dell’esercito canadese ed ex paralimpico a installare finalmente un sollevatore per sedie a rotelle nella sua casa, un membro dello staff del Veterans Affairs Canada (VAC) ha offerto alla donna un’opzione diversa: l’assistenza medica in caso di morte (MAID).

 

Il caporale dell’esercito in pensione Christine Gauthier, che ha riportato gravi ferite durante un incidente di addestramento nel 1989, ha cercato di far montare la rampa per cinque anni, ma senza successo. Quando la Gauthier «scioccata e disperata» ha offerto un resoconto dettagliato del suo peggioramento delle condizioni a un assistente sociale del VAC, secondo quanto riferito la persona ha detto: «beh, sai che possiamo aiutarla con la morte assistita ora, se lo desidera».

 

«Ero solo scioccata perché ero tipo, «dice sul serio?» Così facile, mi aiuterete a morire ma non mi aiuterete a vivere?» ha dichiarato alla Camera dei Comuni il 1° dicembre la paraplegica, che ha gareggiato per il Canada come paracanoista alle Paralimpiadi di Rio de Janeiro del 2016 e agli Invictus Games.

 

La donna ha aggiunto di aver espresso le sue preoccupazioni sull’offerta di morte assistita in una lettera al primo ministro canadese Justin Trudeau e al ministro per gli affari dei veterani Lawrence MacAulay.

 

Veterans Affairs sta esaminando la questione «molto seriamente», ha detto venerdì un portavoce di MacAulay.

 

«I nostri dipendenti non hanno alcun ruolo o mandato per raccomandarlo o aumentarlo. Le considerazioni per MAID sono oggetto di discussioni tra un paziente ei suoi fornitori di cure primarie per determinare l’adeguatezza in ogni singolo contesto», ha sottolineato l’addetto stampa dell’ufficio di MacAulay in una dichiarazione ai media.

 

Il primo ministro canadese Justin Trudeau è intervenuto sul rapporto, in particolare perché sembrava seguire altri incidenti simili. Ha detto che il governo «seguirà le indagini» alla luce dell’episodio «assolutamente inaccettabile» con la Gauthier.

 

Il primo ministro ha affermato che i protocolli saranno rivisti per garantire «ciò che dovrebbe sembrare ovvio a tutti noi: che non è il posto di Veterans Affairs Canada, che dovrebbe essere lì per sostenere quelle persone che si sono fatte avanti per servire il loro Paese, per offrire loro assistenza medica in punto di morte».

 

La scorsa estate, i media canadesi hanno riferito per la prima volta di un caso in cui un veterano è stato presumibilmente spinto da un assistente sociale per gli affari dei veterani a considerare la morte assistita dal punto di vista medico. Ciò aveva spinto Lawrence MacAulay a ordinare un’indagine interna, che ha scoperto quattro di questi casi avvenuti tra il 2019 e il maggio 2022, e tutti presumibilmente portati allo stesso membro del personale.

 

Durante la sua testimonianza di giovedì, il ministro dei veterani ha affermato che i casi legati al suddetto assistente sociale erano stati deferiti alla Royal Canadian Mounted Police (RCMP).

 

«Se qualcuno dei veterani in questione sta guardando o ascoltando in questo momento, mi dispiace. Mi dispiace che tu abbia dovuto sopportare queste terribili interazioni e stiamo facendo tutto il possibile per garantire che ciò non accada mai più», ha dichiarato MacAulay il 24 novembre.

 

Il suicidio assistito è l’atto di aiutare deliberatamente un’altra persona a uccidersi. Come noto, il Parlamento del Canada ha approvato una legislazione federale nel giugno 2016 che consente agli adulti canadesi idonei di richiedere assistenza medica in caso di morte.

 

Nel 2021, la legge è stata ampliata per offrire l’opzione ai pazienti con condizioni e disabilità fisiche croniche, «gravi e irrimediabili» anche se non sono malati terminali e la cui morte naturale «non è ritenuta imminente».

 

Il Canada – uno dei 12 paesi, insieme a un certo numero di Stati USA, in cui la morte assistita è consentita a determinate condizioni qualificanti – ha registrato 31.664 morti assistite a dicembre 2021.

 

Come riportato da Renovatio 21, l’eutanasia sta attraversando in Canada un processo di normalizzazione impressionante. Il prossimo passo, lungamente annunciato, parrebbe essere la legalizzazione dell’eutanasia per persone con malattie mentali.

 

C’è poi il caso dell’attivista ecologista Howard Breen, 68 anni, che ha chiesto l’eutanasia per l’ansia che gli sta provocando il cambiamento climatico.

 

Due anni fa fu ventilata l’opzione della dolce morte per i pazienti delle case di cura canadesi estenuati dal lockdown. Di recente si è registrato anche episodi di richiesta di eutanasia per povertà – un uomo ha lamentato pressioni affinché lo Stato canadese lo eutanatizzi, visto che non si può permettere di pagare le sue cure.

 

In un altro caso, un cittadino ha chiesto lui di essere ucciso con la MAiD in quanto temeva di diventare senzatetto.

 

I medici del Quebec stanno invece sostenendo l’eutanasia per i neonati – cioè quello che neolingua orwelliana dell’ora presente può anche chiamarsi «aborto post-natale». I bambini più grandicelli, a cui invece, per il momento, è stato concesso di vivere, possono fare uso di libri colorati riguardo l’eutanasia.

 

Una famosa ditta di pronto moda è arrivata a fare un costoso spot, pieno di effetti speciali e di atmosfere poetiche ed oniriche, per giustificare l’eutanasia anche di una ragazza giovane malata.

 

Tre anni fa Renovatio 21 riportava questa significativa statistica: il Canada è leader mondiale della donazione degli organi dopo la legalizzazione dell’eutanasia.

 

Significa che dopo che hanno iniettato loro il veleno per ucciderli, li squartano – quando ancora il cuore gli batte, cioè quando sono ancora vivi – per predarne gli organi.

 

Eccolo qui l’altruismo del mondo moderno. L’altruismo della società guidata dalla Necrocultura è l’offerta al prossimo di morte e squartamento.

 

 

 

 

Immagine screenshot da YouTube

 

 

 

 

Continua a leggere

Eutanasia

Una solitaria morte per eutanasia sull’isola di Vancouver

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

Nella morte assistita, non sarebbe etico condurre sperimentazioni cliniche.

 

Come si potrebbe progettare un esperimento in cui una persona riceve consulenza e un’altra un’iniezione letale? Così spesso dobbiamo ricorrere a prove aneddotiche – e il plurale di aneddoto è dati.

 

Questo è il motivo per cui le storie di morte nell’assistenza medica canadese nel regime morente sono così importanti. Stanno mettendo alla prova l’idea che l’eutanasia e il suicidio assistito siano pienamente volontari, sereni e compassionevoli.

 

In un blog Substack, un accademico canadese dell’Università di York nel Regno Unito, racconta come suo padre è morto per mano di un medico a casa, sull’isola di Vancouver.

 

Il ritratto di Christopher Lyons di suo padre e del suo ingresso nel sistema MAiD [«Assistenza medica alla morte», come chiamano ufficialmente in Canada l’eutanasia, ndt ] è straziante e dovrebbe essere letto per intero.

 

Il fulcro del suo saggio è che suo padre era un uomo profondamente traumatizzato che probabilmente soffriva di depressione, aggravata da uno stile di vita autodistruttivo. Verso la fine della sua vita divenne suicida.

 

Ma il sistema MAiD non sembrava tenerne conto. Non c’era una valutazione psichiatrica efficace. È stato in grado di accedere solo ad una parte della storia psichiatrica di suo padre registrata nella burocrazia MAiD, e gran parte di essa era effettivamente sbagliata.

 

«Stava bevendo vino la sera e la mattina prima di essere ucciso. Potrebbe non essere stato sobrio per il suo consenso finale». Il medico che ha praticato l’iniezione letale è stato sprezzante, persino ostile nei confronti di Lyons.

 

 

Michael Cook

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Continua a leggere

Eutanasia

Celebrazioni per i 25 anni di eutanasia in Oregon

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

L’Oregon celebra il 25° anniversario del Death with Dignity Act [«Legge della morte con dignità», ndt] dello Stato. Il governatore Kate Brown ha dichiarato ufficialmente il 27 ottobre «Giornata delle opzioni di fine vita» in Oregon.

 

Secondo i dati ufficiali, da quando la legge è stata approvata nel 1997, 3.280 persone hanno ricevuto prescrizioni per farmaci letali ai sensi del DWDA e 2.159 persone (66%) sono morte a causa dell’ingestione dei farmaci.

 

Durante il 2021, i decessi per DWDA hanno rappresentato circa lo 0,59% dei decessi totali in Oregon.

 

La proclamazione del Governatore osserva: «Il coraggio politico degli abitanti dell’Oregon nell’approvare l’Oregon Death with Dignity Act ha trasformato il movimento per la fine della vita e ha spianato la strada affinché l’assistenza medica nella morte diventi un’opzione di fine vita in un numero crescente di giurisdizioni».

 

Altri dieci stati e il Distretto di Columbia hanno approvato una legislazione simile al Death with Dignity Act dell’Oregon. È stato anche un modello per la legislazione all’estero, in particolare in Australia.

 

Continua affermando: «l’Oregon ha da tempo riconosciuto che gli adulti malati terminali hanno il diritto fondamentale di determinare le proprie opzioni di trattamento mentre si avvicinano alla fine della vita, liberi dalla coercizione e in accordo con i propri valori, convinzioni e preferenze personali».

 

Il record dell’Oregon sul suicidio assistito è raramente esaminato dai media. Tuttavia, i critici hanno sottolineato che le relazioni annuali rivelano costantemente che:

 

  • L’assistenza al suicidio è richiesta maggiormente per motivi esistenziali, tra cui sentirsi un peso su familiari e amici (48,3% dei casi dal 1998 al 2021) o essere meno in grado di partecipare ad attività piacevoli (90,2%).

 

  • La perdita di autonomia è di gran lunga la preoccupazione maggiore (90,9%). Il controllo del dolore inadeguato è menzionato solo dal 26,9%.

 

  • Secondo l’Australian Care Alliance, «nei 24 anni di assistenza legalizzata al suicidio è probabile che a circa 289 persone con depressione clinica sia stato prescritto e preso un veleno letale senza essere sottoposti a una valutazione psichiatrica».

 

 

Michael Cook

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

Continua a leggere

Più popolari