Connettiti con Renovato 21

Chimere

Bambina chimerica nata in Israele

Pubblicato

il

 

 

Lo scorso i medici di un ospedale israeliano sono stati allarmati da una bambina nata con uno stomaco insolitamente ingrossato.

 

Quando i medici hanno dato un’occhiata più da vicino, hanno trovato un embrione umano parzialmente sviluppato che giaceva all’interno, riporta il Times of Israel,

 

Quando i medici hanno dato un’occhiata più da vicino, hanno trovato un embrione umano parzialmente sviluppato che giaceva all’interno dello stomaco del neonato

Si tratta probabilmente di un segno di quello che avrebbe potuto essere un fratello gemello che è stato assorbito durante lo sviluppo prenatale.

 

Il fenomeno, chiamato nascita fetus in fetu, è, dicono, estremamente raro; tuttavia possiede un tasso di una nascita ogni 500.000. Proprio raro, quindi, non è.

 

«Siamo rimasti sorpresi nello scoprire che si trattava di un embrione», ha detto a The Times of Israel Omer Globus, capo della neonatologia presso l’Assuta Medical Center dove è nato il bambino .

 

«Pensiamo che ce ne fosse più di uno e lo stiamo ancora verificando», ha aggiunto, dopo aver spiegato che un team di medici ha finito per rimuovere due diverse macchie di tessuto dallo stomaco del bambino.

 

Le chimere umane, cioè esseri ottenuti dalla fusione di due embrioni , sono una realtà concreta e riconosciuta da diversi anni

L’embrione parzialmente sviluppato conteneva alcuni organi tra cui ossa e un cuore, spingendo i medici a sottolineare al quotidiano israeliano che non si era verificata alcuna brutalità tra fratelli: l’embrione era tutt’altro che completamente sviluppato e non era mai vivo nel significato convenzionale della parola.

 

«Non sembrava un embrione come lo immagini», ha garantito il dottor Globus.

 

Le nascite fetus in fetu , scrive la Live Science, sono una rara forma di parassitismo tra gemelli in via di sviluppo.

 

Crediamo che tecnicamente si possa parlare quindi di «Chimera»: in biologia, una chimera è una creatura che dispone di due o più popolazioni diverse di cellule geneticamente distinte, originate da diversi zigoti.

 

Chi come Renovatio 21 si occupa da tempo di chimere si stupisce dello stupore – anzi diciamo pure che questa sorpresa di dottori, scienziati giornalisti è quasi sospetta: le chimere umane, cioè esseri ottenuti dalla fusione di due embrioni , sono una realtà concreta e riconosciuta da diversi anni.

 

Alcuni individui-chimera hanno disfunzioni che si manifestano nel tempo: il «fratello» assorbito continua a crescere all’interno del corpo del gemello ospite più sviluppato. Tessuti come capelli, muscoli, e perfino occhi possono trovarsi dentro le carni di un individuo-chimera.

 

Si tratta di individui che dispongono quindi di due DNA

In altre occasioni l’embrione assorbito si sviluppa «armonicamente» (diciamo così) con il l’altro gemello, divenendo un organo preciso all’interno di un corpo.

 

Si sono così avuti i casi di persone che hanno figliato ma non hanno trasmesso il loro DNA ai figli, in quanto gli organi genitali (maschili o femminili) erano in realtà i «gemelli» assorbiti in fase embrionale. Quindi la loro prole è geneticamente figlia dei fratelli che mai hanno avuto, né sapevano esistere, e che invece esistono

 

Si tratta di individui che dispongono quindi di due DNA: il loro codice genetico non vale per tutte le cellule del loro corpo, perché una parte di esso è in realtà il fratello mai sviluppatosi, ma fusosi con il gemello nel grembo materno.

 

La provetta genera vere e proprie mostruosità, che ledono la dignità umana in modo sempre più aberrante

Le chimere umane sono in aumento a causa degli impianti multipli previsti dalla riproduzione artificiale: i medici inseriscono nella donna più embrioni sperando che qualcuno attecchisca. Si hanno così più parti gemellari e plurigemellari ma anche, fenomeno non sempre rilevato, casi di chimerismo.

 

La provetta non solo uccide milioni di embrioni ogni anno (decine e decine per ciclo, a seconda del Paese e del medico):  buttati nell’azoto liquido in attesa di chissà cosa, scartati, gettati via perché «non funzionali», impiantati e morti in utero.

 

La provetta genera vere e proprie mostruosità, che ledono la dignità umana in modo sempre più aberrante.

 

 

 

 

Armi biologiche

Inserire nei pipistrelli «proteine spike chimeriche COVID» con «nanoparticelle ipodermiche»: il laboratorio di Wuhan chiedeva milioni all’esercito USA

Pubblicato

il

Da

 

Secondo il quotidiano londinese Telegraph gli scienziati dell’Istituto di virologia di Wuhan e i loro partner affiliati hanno tentato di ottenere 14 milioni di dollari in finanziamenti dalla DARPA, ossia il braccio scientifico ricerca & Sviluppo del Pentagono.

 

Lo scopo della ricerca per cui si chiedeva il finanziamento era l’alterazione geneticadei virus, inclusi i coronavirus provenienti dai pipistrelli, in modo da renderli più infettivi per l’uomo.

 

La richiesta finanziaria per la ricerca cinese sarebbe avvenuta appena 18 mesi prima dello scoppio della pandemia COVID-19.

 

Il Telegraph cita documenti rivelati dal gruppo investigativo Drastic, composto da scienziati di tutto il mondo alla ricerca della verità sulle origine del coronavirus che ha sconvolto il mondo.

 

In pratica, gli stessi che avrebbero poi preso denaro del contribuente americano dall’Istituto di Fauci, avevano fatto richiesto anche all’ente scientifico del Pentagono, quella DARPA che ha tanta disponibilità di budget quanti segreti

I documenti ottenuti dal gruppo sono stati poi confermati come autentici da ex funzionari del governo degli Stati Uniti. Essi dimostrano che la DARPA ha rifiutato la richiesta affermando che i piani per ulteriori Gain of Function (guadagno di funzione) erano giudicati come troppo rischiosi.

 

Il Telegraph riporta che i documenti rivelano anche come  gli scienziati di Wuhan avessero presentato «piani per rilasciare nanoparticelle che penetrano nella pelle contenenti “nuove proteine ​​chimeriche” di coronavirus di pipistrello nei pipistrelli delle caverne nello Yunnan».

 

I documenti mostrano altresì che il piano prevedeva l’alterazione genetica dei coronavirus dei pipistrelli per aggiungere «siti di scissione specifici per l’uomo», rendendo essenzialmente più facile per il virus entrare nelle cellule umane.

 

L’idea del virus creato in laboratorio per essere più contagioso per gli esseri umani è stato discussa da subito – anche dal premio Nobel Montagnier – ma è stata censurata da media e social media per mesi.

 

I personaggi citati nei nuovi documenti sono gli stessi il cui nome circola da mesi, come Peter Daszak, lo zoologo britannico della ONG biotecnologica EcoHealth Alliance – l’uomo che si è speso per definire l’ipotesi della fine dal laboratorio una lunatica «teoria della cospirazione» – e l’ormai mitologica dottoressa Shi Zhengli, anche detta «Batwoman» per la sua conoscenza della virologia dei chirotteri.

 

«Allarmante che la proposta di sovvenzione includa piani per migliorare la malattia più mortale della sindrome respiratoria mediorientale (MERS)»

In pratica, gli stessi che avrebbero poi preso denaro del contribuente americano dall’Istituto di Fauci, avevano fatto richiesto anche all’ente scientifico del Pentagono, quella DARPA che ha tanta disponibilità di budget quanti segreti.

 

Il giornale britannico ha sentito anche il professore di oncologia all’Università Saint George di Londra Angus Dalgleish. Il cattedratico inglese sostiene che la pandemia sia stata probabilmente il risultato di un virus geneticamente modificato. Egli ritiene anche la ricerca potrebbe essere andata avanti anche senza i finanziamenti.

 

«Questo è chiaramente una [ricerca ] Gain of Function, ingegnerizzando il sito di scissione e lucidando i nuovi virus per migliorare l’infettibilità delle cellule umane in più di una linea cellulare».

 

Secondo il Telegraph la DARPA avrebbe declinato dicendo che «è chiaro che il progetto proposto guidato da Peter Daszak avrebbe potuto mettere a rischio le comunità locali». La DARPA ha inoltre avvertito che non sembravano considerate adeguatamente le conseguenze del potenziamento dei virus.

 

Il rifiuto della DARPA – l’agenzia dietro a tutte le più letali tecnologie militari americane, dai droni alle armi di distruzione di massa – è molto significativo.

 

Il quotidiano londinese ha inoltre sentito un ricercatore COVID-19 dell’OMS. egli ha dichiarato  come fosse «allarmante che la proposta di sovvenzione includesse piani per migliorare la malattia più mortale della sindrome respiratoria mediorientale (MERS)».

 

«La parte spaventosa è che stavano producendo virus MERS chimerici infettivi», ha avvertito detto la fonte OMS.

 

«Se uno dei loro sostituti del recettore facesse diffondere il MERS in modo simile [al COVID-19], pur mantenendo la sua letalità, questa pandemia sarebbe quasi apocalittica»

I virus MERS hanno tassi di mortalità del 30-50%. «Se uno dei loro sostituti del recettore facesse diffondere il MERS in modo simile [al COVID-19], pur mantenendo la sua letalità, questa pandemia sarebbe quasi apocalittica».

 

Il gruppo Drastic ha rilasciato una dichiarazione sulle ultime scoperte:

 

«Dato che troviamo in questa proposta una discussione sull’introduzione pianificata di siti di clivaggio specifici per l’uomo, è giustificata una revisione da parte della più ampia comunità scientifica della plausibilità dell’inserimento artificiale».

 

Renovatio 21 è stato pesantemente censurata per aver parlato dell’ipotesi di fuga del laboratorio ancora all’inizio del 2020.

 

L’ipotesi che il COVID possa essere stato concepito come bio-arma, in particolare, era considerata da Facebook contraria ai suoi standard, e la sua diffusione veniva di conseguenza punita.

 

Come abbiamo rilevato altre volte, in realtà ogni studio su patogeni aggressivi – e i relativi vaccini – è considerabile come dual-use: vi è un uso civile (la ricerca del vaccino, nel caso di scoppio della malattia) così come un uso militare (l’impiego segreto del patogeno come arma di attacco).

 

Vi sono prove oramai riconosciute che i militari cinesi lavorassero con il laboratorio dell’Istituto di Virologia di Wuhan.

Continua a leggere

Arte

Bollywood fa un film sulla maternità surrogata (e i pro-life italiani sono ebeti)

Pubblicato

il

Da

 

 

È arrivato il primo film di Bollywood – la Hollywood di Bombay, in India – sulla maternità surrogata.

 

Come noto, l’India è stata per anni il Paese dell’utero in affitto par excellence, dove era possibile per molte coppie straniere, omosessuali e non, prodursi il bambino in provetta, impiantarlo nell’utero di una ragazza (spesso di bassa estrazione sociale, sposata con altri figli) pagando un prezzo irrisorio rispetto a quello che chiedono le «madri surrogate» in Paesi come gli Stati Uniti. L’aggiunta di una classe medica in genere rispettata faceva dell’India il paradiso della surrogacy, con intere «fabbriche» di donne ingravidate artificialmente su commissione a vivere insieme come animali da allevamento mentre prostituiscono il loro grembo agli abbienti.

 

Una nuova pellicola intitolata Mimi, prodotta da Netflix per il mercato del subcontinente, declina il commercio internazionale della maternità surrogata  secondo gli stilemi tipici della cinematografia indiana – cioè, almeno cinque balletti a film, qualunque sia il tono e il tema.  Secondo Bioedge, l’opera «tocca ancora alcune delle questioni etiche fondamentali coinvolte quando una donna affitta il suo grembo per soldi».

 

Il plot: una coppia americana in vacanza in Rajasthan viene abbagliata dalla bellezza della ballerina Mimi – che sarà al centro delle mega-coreografie dei balletti di intermezzo – e cerca di circuirla tramite un furbo tassista che convince la ragazza a firmare un contratto.

 

La pellicola ha destato polemiche perché percepita come anti-aborto.

La cosa fa adirare i genitori di Mimi, e la faccenda si complica quando un’ecografia rivela che il bimbo che porta in grembo su commissione ha la sindrome di down.

 

La coppia americana le comanda di abortire il bambino, Mimi invece decide di tenerselo.

 

Il bambino poi nascerà sano, quindi i coniugi statunitensi si offrono di prenderselo, ma la fanciulla si oppone con forza. Gli americani, quindi, si consolano trovando un altro bambino da portarsi a casa. Happy ending, cioè Hollywood ending. Cioè, Bollywood ending…

 

 

La pellicola ha destato polemiche perché percepita come anti-aborto.

 

«Mimi (…) è un tentativo di riportare indietro di decenni la società indiana, denunciando il diritto di una donna di scegliere un aborto sancito dal Medical Termination of Pregnancy Act, 1971», ha scritto Anna Vetticad su Firstpost.

Quando ci renderemo conto della mostruosità della fecondazione in vitro sarà sempre troppo tardi: perché in Italia già da un lustro il numero di embrioni distrutti dalla FIVET è superiore al numero degli aborti.

 

«Contrariamente alla falsa impressione creata dai media inglesi indiani che i soli conservatori musulmani e cristiani siano anti-choice, la verità è che i religionisti di tutte le comunità prendono questa posizione».

 

Renovatio 21 si stupisce ancora come il mondo religioso (non solo cattolico, ma soprattutto quello) guardi al dito dell’aborto senza nemmeno intravedere la luna della fecondazione artificiale: un numero immane di embrioni umani viene sacrificato nell’operazione, e ciascuno embrione scartato, ucciso, gettato via rappresenta un aborto in sé e per sé – in aggiunta all’abominio, teologicamente non ancora definito, della creazione di esseri umani in laboratorio.

 

Ogni bambino in vitro che nasce rappresenta decine di suoi fratelli che sono morti nell’operazione di creazione sintetica della vita umana. E ciò è vero soprattutto in India, dove non vi erano limiti alla creazione e all’impianto di embrioni: chi scrive ricorda siti internet che promuovevano l’impianto anche di 20 embrioni alla volta, indicando come il danaro speso in una clinica IVF inglese sarebbe buttato, essendoci lì un limite di poche unità.

 

Maggiore è il numero di embrioni impiantati , maggiore è il numero non solo di possibili parti plurigemellari, ma di morti certi , così come – argomento di cui mai si tratta – maggiore è la possibilità di incorrere nel raccapricciante fenomeno del chimerismo: un solo corpo, ma due DNA, esseri umani nati dalla fusione di due embrioni, con organi che hanno diverso codice genetico, e problemi medici allucinanti (il «fratello» assorbito può continuare a crescere per decenni dentro il corpo del «fratello ospite»). Il fenomeno delle chimere umane è, ovviamente, in aumento.

 

Tornando al film, viene da chiedere: di chi era il seme impiantato nel grembo di Mimi? Del signore americano? L’ovulo era della bella Mimi – che quindi era hitlerianamente scelta per la sua avvenenza – o era della signora americana? In ambo i casi, possibile che i «committenti» abbandonino in India un loro figlio genetico, dopo averne chiesto la morte?

 

Il mondo cattolico, quelle le sue sigle attiviste di cartapesta, da anni conduce un’operazione di distrazione di massa: induce i fedeli impegnati a ossessionarsi con l’utero in affitto, quando assai più grave è l’uso indiscriminato (e oramai accettato, se non auspicato dal neocattolicesimo) della provetta.

Quando ci renderemo conto della mostruosità della fecondazione in vitro sarà sempre troppo tardi: perché in Italia già da un lustro il numero di embrioni distrutti dalla FIVET è superiore al numero degli aborti.

 

Il mondo cattolico, quelle le sue sigle attiviste di cartapesta, da anni conduce un’operazione di distrazione di massa: induce i fedeli impegnati (i pochi rimasti) a ossessionarsi con l’utero in affitto, quando assai più grave è l’uso indiscriminato (e oramai accettato, se non auspicato dal neocattolicesimo) della provetta.

 

Come dicevamo prima, tengono la vostra attenzione sul dito, per non farvi vedere la luna che splende sull’ecatombe del 21° secolo.

 

Secondo il proverbio cinese, solo gli idioti guardano il dito: ma vediamo bene i loro beniamini schiavi dei vescovi saltellare danzanti in una coreografia di Bollywood.

 

Questo oramai, lo abbiamo capito, è il mondo pro-life italiano: un sistema di intrattenimento – davvero pessimo come lo sono praticamente tutti i film indiani.

 

 

 

 

Immagine screenshot da YouTube

Continua a leggere

Bioetica

Riproduzione artificiale per lesbiche ed embrioni uomo-animale: l’Assemblea Nazionale francese vara la «legge bioetica»

Pubblicato

il

Da

 

 

 

I deputati francesi hanno approvato definitivamente con 326 voti, 115 e 42 astenuti, il cosiddetto «disegno di legge sulla bioetica» e il suo provvedimento principale, l’apertura della procreazione medicalmente assistita (cioè, la riproduzione artificiale attraverso esseri umani prodotti in provetta) alle coppie di lesbische e pure alle donne single.

 

La legge inoltre apre agli esperimenti di ingegneria genetica più disumani – letteralmente, disumani.

 

Il testo estende  la riproduzione artificiale ma anche la ricerca sulle cellule staminali embrionali e la produzione di embrioni chimerici, che sono esseri dotati di DNA diversi, ad esempio con geni umani e di ratto (i cosiddetti «topi umanizzati» tanto usati nei laboratori moderni), o di uomo e maiale, uomo e capra, etc.

Il segretario di Stato incaricato dei bambini e delle famiglie presso il ministro della Solidarietà e della Salute, Adrien Taquet, ha parlato a ragione di «un momento della storia»: con questo testo di legge la Francia certifica il suo status di Nazione della Cultura della Morte, come da evidente piano di Macron e dei suoi pupari sin dall’inizio.

 

Il testo estende quindi la riproduzione artificiale ma anche la ricerca sulle cellule staminali embrionali e la produzione di embrioni chimerici, che sono esseri dotati di DNA diversi, ad esempio con geni umani e di ratto (i cosiddetti «topi umanizzati» tanto usati nei laboratori moderni), o di uomo e maiale, uomo e capra, etc.

 

Prima dell’adozione di questa legge, «solo» le coppie eterosessuali (sposate, in unione civile o in convivenza) con problemi di fertilità accertati da un medico o quelle in cui uno dei componenti della coppia era portatore di una grave malattia avevano accesso alla procreazione assistita.

 

Le donne lesbiche e single, fino a 43 anni, potranno ora eseguire la riproduzione assistita in Francia, con gli stessi diritti delle coppie eterosessuali.

 

Ogni paziente dovrà sostenere più colloqui con un medico o un’equipe medica specializzata in fertilità e, dopo un periodo di riflessione di uno o due mesi, dovrà confermare la sua richiesta per iscritto al medico. Quattro tentativi di fecondazione in vitro e sei inseminazioni artificiali saranno interamente rimborsati dalla Previdenza Sociale (l’inseminazione artificiale costa in media 950 euro, mentre un tentativo di fecondazione in vitro tra 3000 e 4000 euro).

Questa è fondamentalmente una luce verde per la maternità surrogata.

 

Se entrambi i membri della coppia hanno un problema di infertilità, o se esiste un rischio di malattia genetica per il bambino, o nel caso di una coppia lesbica sterile o di una donna single, il trasferimento dell’embrione può essere utilizzato previa decisione di un giudice.

 

Questa è fondamentalmente una luce verde per la maternità surrogata.

 

Questa è fondamentalmente una luce verde per la maternità surrogata.

Il bambino sarà legalmente senza padre per sempre

 

«Oltre alla riproduzione assistita per donne single e lesbiche, un altro importante cambiamento nella legge sulla bioetica riguarda la rimozione dell’anonimato per i donatori di sperma e ovuli» scrive il sito belga Médias Presse-Info.

 

L’articolo 3 conferisce a qualsiasi persona concepita mediante procreazione medicalmente assistita con un terzo donatore il diritto di accedere all’identità di questo donatore quando raggiunge la maggiore età, ma in nessun caso può essere stabilita la parentela con il donatore. Il bambino sarà legalmente senza padre per sempre.

 

Ma non solo: ciò implica che i donatori di gameti dovranno ora accettare che la loro identità verrà un giorno rivelata al bambino e decidere a favore dell’autoconservazione dei gameti per le future gravidanze.

 

Nell’atto di nascita completo del bambino sarà quindi scritto che «le due madri hanno riconosciuto il bambino in questa data davanti a un notaio»

Quanto alla genitorialità delle coppie lesbiche, alla donna che ha partorito, la sua filiazione sarà stabilita nell’atto di nascita; per il suo partner, il rapporto di parentela sarà formalizzato dal riconoscimento congiunto davanti a un notaio. Nell’atto di nascita completo del bambino sarà quindi scritto che «le due madri hanno riconosciuto il bambino in questa data davanti a un notaio».

La ricerca sull’embrione umano, compresa la produzione di chimere, può ora durare fino a 14 giorni, rispetto ai 7 giorni precedenti. I protocolli di ricerca effettuati sulle cellule staminali embrionali saranno oggetto di un semplice avviso di ricevimento da parte dell’Agenzia di Biomedicina prima della loro attuazione (e non di un’autorizzazione).

 

Con il pretesto di rinnovare il regime giuridico, la legge liberalizza la ricerca sulle cellule staminali embrionali umane, la creazione di gameti artificiali, copie di embrioni umani (artt. 14 e 15), embrioni chimerici, embrioni transgenici (art. 17).

 

Con il pretesto di rinnovare il regime giuridico, la legge liberalizza la ricerca sulle cellule staminali embrionali umane, la creazione di gameti artificiali, copie di embrioni umani (artt. 14 e 15), embrioni chimerici, embrioni transgenici (art. 17)

Questa votazione è avvenuta dopo vari botta e risposta tra Assemblea e Senato francesi che avevano bocciato il testo a giugno, dopo quattro anni dalla presentazione del disegno di legge da parte del Governo il 24 luglio 2017.

 

I testi attuativi della legge sono già stati preparato affinché «i primi bambini possano essere concepiti entro la fine del 2021», ha indicato il ministro della Salute Olivier Véran, che ha accolto nelle ore precedenti il ​​voto finale «un testo misurato che corrisponde alle aspettative della società francese».

 

In un comunicato la Fondazione Lejeune, che si è battuta contro questo disegno di legge, ha chiarito: «con questa legge tutto è ora possibile», tutto ciò che è più insensato e più antinaturale, antiumano.

 

«Con questa legge tutto è ora possibile», tutto ciò che è più insensato e più antinaturale, antiumano.

Non c’è più limite al peggio, alla maternità surrogata, all’utero artificiale e alle altre follie degli apprendisti stregoni che si prendono per Dio.

 

 

Ingegneria genetica e chimere, la nuova legge bioetica francese

 

Embrioni chimera e sacrifici umani: ecco la nuova legge bioetica francese

 

 

 

Immagine © Renovatio 21

Continua a leggere

Più popolari