Connettiti con Renovato 21

Genetica

Ricercatori impiantano reni di maiale geneticamente modificato in un uomo in stato di «morte cerebrale»

Pubblicato

il

I chirurghi dell’Università dell’Alabama di Birmingham hanno trapiantato reni di maiale geneticamente modificato in un uomo ritenuto «cerebralmente morto». Lo riporta il Washington Post.

 

Il trapianto degli organi da suino OGM, che ha sostengono sia funzionato per più di 70 ore, è il secondo di questo mese, dopo che ii medici dell’Università del Maryland hanno trapiantato il cuore di un maiale geneticamente modificato in un uomo con una malattia cardiaca terminale.

 

Il trapianto di rene dell’Alabama è avvenuto dopo che i chirurghi della New York University – Langone hanno eseguito un intervento chirurgico simile su una donna «deceduta».

 

I reni di maiale utilizzati nello studio universitario sono stati modificati con 10 alterazioni genetiche

È bene ricordare che la «morte cerebrale» è un costrutto filosofico sanitario, elaborato ad Harvard più di 50 anni fa, che peraltro varia da Paese a Paese. Ed è importante sottolineare che l’uomo ritenuto «cerebralmente morto» avesse comunque il cuore che batteva. Senza il concetto astratto di «morte cerebrale», logicamente, non esisterebbe l’industria dei trapianti, e il lucroso sistema sanitario che rende i trapiantati clienti a vita dei produttori di farmaci antirigetto.

 

Giovedì in una conferenza stampa l’ex moglie del destinatario del «cerebralmente morto» trapiantato con organi suini OGM ha descritto la sua speranza su come questo esperimento avrebbe «eliminato la crisi della carenza di organi». Apprendiamo quindi che i reni di del trapiantato erano stati donati a un’altra persona dopo un incidente in moto. I reni naturali, mentre il cuore gli pulsava ancora, sono quindi stati sostituiti per puro esperimento con quelli del porco geneticamente modificato.

 

Nuove ricerche nel frattempo hanno smentito i concetti di «morte cerebrale» secondo il consenso medico internazionale.

 

Tornando ai trapianti porcini OGM, tutti e tre gli interventi chirurgici riflettono i progressi nel campo accelerato degli xenotrapianti, il processo di impianto di organi da una specie all’altra, e l’uso di maiali modificati nel genoma nonché «umanizzati» sempre con tecniche genetica per migliorare la compatibilità del suino donatore con i tessuti umani.

 

La possibilità di utilizzare organi di animali ha fatto sì che gli scienziati commettessero bizzarrie ed errori per più di un secolo. Nel 1905, il chirurgo francese M. Princeteau innestò fettine di rene di coniglio in un bambino, dichiarando «eccellenti» i risultati immediati. Il bambino morì due settimane dopo.

 

La sfida principale è impedire al sistema immunitario del ricevente di rifiutare l’organo animale, un processo che viene affrontato mascherando l’estraneità dell’organo animale attraverso modificazioni genetiche, cioè tramite l’«umanizzazione» genica dell’animale.

 

Anche il lavoro dell’Università dell’Alabama è stato supportato dalla società di biotecnologie United Therapeutics Corp. con la sua azienda controllata Revivicor a fornire il maiale OGM. La Revivicor era coinvolta anche nel caso precedente di questo mese.

 

È bene ricordare che la «morte cerebrale» è un costrutto filosofico sanitario, elaborato ad Harvard più di 50 anni fa, che peraltro varia da Paese a Paese. Ed è importante sottolineare che l’uomo ritenuto «cerebralmente morto» avesse comunque il cuore che batteva

I reni di maiale utilizzati nello studio universitario sono stati modificati con 10 alterazioni genetiche. Il trapianto ha replicato il processo di trapianto da uomo a uomo. Dopo il trapianto, gli organi hanno filtrato il sangue e prodotto urina per la durata dello studio – cioè 70 ore, fino a quando non è stato interrotto.

 

Qualche domanda sorge anche sull’uso per esperimenti  di un essere clinicamente morto, secondo i medici, ma, per qualche ragione, ancora in grado di espletare funzioni fisiologiche – un individuo che quindi esattamente morto non è.

 

Il Washington Post ha pronta la, sia pur vaga, risposta utilitarista:  «L’uso di un essere umano cerebralmente morto consente ai chirurghi di testare un modello preclinico senza danneggiare una persona vivente, piuttosto che fare affidamento su altri primati come sostituti. Tuttavia, la ricerca presso l’Università dell’Alabama è stata sottoposta a revisioni etiche sia interne che esterne». Siamo tutti rassicurati da queste «revisioni etiche». No?

 

 

Continua a leggere

CRISPR

Indi Gregory, i mitocondri, l’era umanoide

Pubblicato

il

Da

No, non abbiamo «preso il buco», come si dice in gergo giornalistico.

 

In questi giorni non abbiamo parlato mai di Indi Gregory non perché non conoscessimo il caso. Se non avete letto articoli a riguardo della tragedia della piccola inglese, non è che perché sdegniamo le cose riportate nella cronaca nazionale, perché concentrati sul quadro più grande, persi tra geopolitica e misticismi preconizzanti.

 

Lo confesso: ho avuto, per il caso, come un senso di ripulsa. Da un certo punto di vista, si tratta di una cosa personale: avevo seguito i casi di Charlie Gard e di Alfie Evans – e qualcuno dei seguenti: perché, lo avete capito, è un pattern molto finito definito, è un’iniziativa, come si dice nel business delle startup, «scalabile e ripetibile».

 

Devo dire che ero stato coinvolto, in quei casi di infanticidio inflitto dalla Corona britannica per mezzo dei suoi ospedali e dei suoi giudici parrucconi (letteralmente), fino a starne male. Non ero il solo: ricordo le lacrime di alcune amiche. Ricordo gli atti, mai raccontati da nessuna testata o blog che sia, di gruppi di persone che non si davano per vinte, arrivando ad attaccarsi ai cancelli del Vaticano.

 

Ricordo tutto quel turbine. Ricordo quando staccarono le macchine ad Alfie – e lui, invece di morire, rimase in vita. Per un po’.

 

Non scrivo per partecipare alla macchina di indignazione permanente, quella che i movimenti pro-life sperano di montare ogni volta, di modo di spillare da voi (e dalla TV) attenzione e danari. Non ho messo in piedi Renovatio 21 per far parte di quel circo, soprattutto perché ho capito che esso è solo un narcotico per i pochi che ancora conservano l’animo, è uno strumento di controllo, un sistema di sorveglianza che, dopo aver raggruppato le emozioni, le livella via.

 

Nulla era servito nel caso di Alfie. Non gli appelli, le mosse opportuniste dei politici, le visite dal papa (con volto funereo tipo quello che aveva con Trump). Nulla, soprattutto – come cercherò di dire in questo articolo – era stato imparato.

 

Quindi, il lettore capisca la mia ritrosia personale. E poi, quando vedo apparire Pillon col papillon e magari il sorrisetto, non è che posso farcela. Né mi potete chiedere di farcela.

 

Oltra a questioni intime, dicevo, c’è un altro aspetto, più astratto, come dire, epistemologico, biopolitico, di filosofia della storia, forse. Ci sono cose che penso, da anni, ma che non mi va dire, o ripetere. Perché, ci crediate o no, costa molto metterci la testa, tirarle fuori, e poi sentirsi deriso, o molto peggio, sentirsi solo, mentre fuori il mondo lancia coriandoli in un’altra direzione, in un’altra dimensione.

 

Una di queste cose è, in sintesi, l’idea per cui gli omicidi pubblici perpetrati dallo Stato contro questi bambini serve per avviare l’era in cui i bambini saranno tutti progettati geneticamente in provetta – materia in cui, nessuno ovviamente lo ha ricordato in questi giorni, Albione fu pioniera già 45 anni fa con Louise Browne, il primo test tube baby prodotto dal dottor Robert Edwards, quello che programmaticamente, disse, voleva sostituirsi a Dio nel controllo della vita.

Sostieni Renovatio 21

Nessuno, parimenti, ricorda che il Regno britannico è quello di Crick e Watson, gli scopritori del DNA, e di certi discorsi direttamente eugenetici primo. Francis Crick occasionalmente esprimeva idee come, ad esempio, quella secondo cui in cui i genitori benestanti dovrebbero essere incoraggiati ad avere più figli. «Al momento non è un argomento che possiamo affrontare facilmente perché le persone hanno così tante credenze religiose e finché non avremo una visione più uniforme di noi stessi penso che sarebbe rischioso provare a fare qualsiasi cosa in termini di eugenetica» scrisse il Crick, che disse che sarebbe «rimasto stupito se, nei prossimi 100 o 200 anni, la società non si convincesse che si dovrà cercare di migliorare la prossima generazione in una certa misura o in un modo o nell’altro».

 

Nessuno ha rammentato il tanto lavoro fatto dalla politica e dalla sanità inglese per stabilire e poi abbattere le regole per la coltivazione sperimentale di embrioni in vitro (come la «legge dei 14 giorni», dopo i quali l’embrione creato in laboratorio va scartato).

 

Nessuno pare, poi, voler parlare di chi sta sul trono di Londra, di quel re e di quella famiglia reale, che tante volte su Renovatio 21 abbiamo definito «famiglia della morte»: una dinastia di signori della Necrocultura globale, che – come in certi altri casati americani – pare trasmettersi geneticamente l’odio per l’umanità, e la missione della sua contrazione.

 

La cosa rivelatrice che abbiamo visto è il fatto che, vista la posizione presa dal governo italiano (ci torneremo prima di finire il pezzo), la sinistra italiana si è compattata per la morte della piccola. Sembra incredibile, se lo si pensa, ma è così: non cercano nemmeno di dissimulare, non dicono nemmeno più frasi di circostanza, non cercando di astenersi dal parlarne pubblicamente, visto che magari pure qualche elettore del PD poteva andare in dissonanza cognitiva… uccidere… una bambina?

 

No, il pudore della Cultura della Morte non esiste più, anzi. Esiste l’attrazione assoluta, del partito di sinistra divenuto «Partito radicale di massa» come profetizzava Del Noce, per gli argomenti di morte, perché vissuti come prove della propria virtù liberale: l’eutanasia è l’esempio più lampante, ma quella riguarda (in teoria, molto in teoria) persone che vogliono morire. Quei c’è una bambina piccolissima…

 

Su La7, polo televisivo del proprietario del Corriere della Sera a cui è stato lasciato assemblare un simile potentato giornalistico, sono andati in onda istruttivi interventi di Andrea Crisanti, l’unico della risma dei dottori del COVID-catodico a cui è riuscito il salto verso il Parlamento.

 

Crisanti era la persona giusta a cui chiedere lumi: per la massa bovina – cioè il vero destinatario delle comunicazioni di massa odierne, la massa vaccina – è la scienza incarnata. Nel curriculum ha anni vissuti in Inghilterra, dove all’Imperial College (ente recipiente dei milioni dei Gates, uno di quei casati di cui parlavo poche righe sopra) si ingegnerizzavano zanzare geneticamente modificate per il nobile compito di vincere la malaria – estinguendo la specie dopo averla resa sterile con la bioingegneria CRISPR – un’altra passione non tanto segreta di Gates.

 

Ascoltiamo cosa dice il senatore in un talk show: «dall’Inghilterra dobbiamo imparare tantissimo», perché «è la patria dell’habeas corpus, del rispetto dell’individuo… c’è stato un processo lungo otto mesi… la famiglia ha perso anche il ricorso al Consiglio di Europa e ha perso anche là… non è che stiamo parlando di uno Stato autoritario, guardi che l’Inghilterra è la patria della libertà… noi dall’Inghilterra dobbiamo imparare tantissime cose sulla libertà individuale».

 

In un’altra intervista sempre sul canale di Cairo, il Crisanti ha puntualizzato scientificamente la questione, spiegando che la patologia della bimba è «un’insufficienza metabolica dei mitocondri… se queste strutture non funzionano, praticamente tutti i tessuti del corpo si consumano come fosse una candela… di fatto è un progressivo deterioramento sia fisico che neuronale… non esiste cura».

 

«La bambina nel giro di pochi mesi muore… eh» dice il senatore. «Muore comunque, non ci ha speranza di vita».

 

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

La giornalista quindi chiede se c’è qualcosa che l’Italia dal punto di vista sanitario può fare più dell’Inghilterra. Il Crisanti scuote la testa «assolutamente no, lei consideri che la genetica è nata in Inghilterra. In Inghilterra ci stanno i più grandi specialisti di genetica umana e di terapia genica», assicura, con un certo accento centroitalico («derabbiaggeniga»).

 

«Quindi faccio fatica a credere che in Italia possa ricevere qualcosa in più che avrebbe potuto avere in Inghilterra» dice lo scienziato apparso a Padova, cioè a Vo’ Euganeo, nel primo focolaio COVID, e mai più toltosi dalla scena.

 

Il senatore PD dice di comprendere il dolore della famiglia, per poi dichiarare che «comprendo anche la posizione degli inglesi. Non dimentichiamoci che l’Inghilterra dell’habeas corpus, della libertà individuale. Cioè, stiamo di fronte ad un Paese civilissimo… la famiglia ha avuto tutte le garanzie possibili che la legge poteva offrire… hanno fatto appello anche alla Corte Europea, hanno perso anche alla Corte europea».

 

Insomma, i talking point sembrano essere sempre gli stessi, con il messaggio forse solo da noi percepito, e un po’ strano considerando che sono parole che vengono dalla bocca un senatore della Repubblica Italiana, di una sorta di superiorità scientifico-morale-legislativa di un Paese straniero. Insomma, per tutte queste ragioni, le macchine vanno staccate, farla venire in Italia è inutile, insomma Indi deve…

 

Fermi tutti, però qui è saltata fuori però una parola nuova: mitocondri. Ah già, i mitocondri. Déjà vu.

 

La sindrome da deplezione del DNA mitocondriale (in acronimo anglofono MDS, o MDDS) era esattamente la malattia di cui soffriva Charlie Gard, il bambino la cui storia lacerò il mondo, ucciso con il distacco delle macchine imposto dall’ospedale e dalla Sanità inglese, in combo con i giudici, nel 2017.

 

Forse, se leggete questo sito, già lo sapete: i britannici sono i primi ad aver permesso e realizzato la cosiddetta «donazione mitocondriale», espressione orwelliana talvolta preferita a «Three parents IVF», ossia «fecondazione in vitro a tre genitori».  In pratica, si produce in laboratorio un bambino formato da tre genitori, frutto del materiale genetico di un uomo e due donne: la madre dà l’ovulo, ma una seconda donna, considerata sana, fornisce i mitocondri, sostituendo quelli difettosi della madre-ovocita.

Aiuta Renovatio 21

Ovviamente, non ci possono essere studi a lungo termine – anzi, c’è qualche possibilità che crei malattie inaspettate – ma, come altre terapie geniche che conoscerete, la si fa lo stesso, l’ultimo caso famoso è di sei mesi fa, proprio in terra di Albione. Per produrre un embrione che diventa il bambino a tre genitori, ricordiamo en passant, ne hanno distrutti 316. Ucraina e Singapore, e pure l’Australia, già da un lustro sono sul pezzo.

 

Abbiamo scritto su questo sito che c’è la grande probabilità che la provetta a tre genitori possa essere stata offerta ai Gard. Ciò vuol dire, che i bambini dopo Charlie potrebbero essere figli della provetta a tre genitori, perché, assicurano gli scienziati, è l’unico modo per non rischiare il ripetersi di quello strazio.

 

Fai il bambino in provetta, fondendo tre DNA (i mitocondri hanno un codice genetico loro, il DNA mitocondriale) per non avere problemi, anzi, guarda, fallo per il bene del bambino. Tenete a mente quale sarà il mantra per i bambini nati da bioingegnerizzazione: sarà come vaccinarli

 

È chiaro che siamo dinanzi ad una delle prime svolte programmate per i designer babies, cioè per l’eugenetica del XXI secolo. È chiaro che ci stanno portando lì.

 

Per questo, ritengo, che scienziati e giudici del sistema della morte sono così insolitamente negativi rispetto alle cure. È per questo che il Moloch britannico, a costo di dividere l’opinione pubblica e creare qualche dissonanza cognitiva, sta ammazzando tutti questi bambini.

 

Charlie, Indi e gli altri sono i piccoli sacrifici umani sui quali si sta costruendo un mondo fatto solo di bimbi bioingegnerizzati, magari con il CRISPR, come le zanzare di Gates e Crisanti. Sangue innocente, versato per il sorgere dell’era umanoide.

 

Ci rendiamo conto che è tanta roba, ma è quello che pensiamo – da anni. Ed è per questo che viene da guardare infastiditi il circo che si è scatenato intorno a Indi. Gli occhi fissi sul dito, mentre la Luna è lì davanti, piena, immensa. E i lupi ululano.

 

Avevamo promesso due parole sulla Meloni, e il suo beau geste di dare la cittadinanza alla bambina, sperando di portarla in Italia. Rimembrate che accadde la stessa cosa con Alfie Evans, che divenne cittadino italiano, come deliberato il Consiglio dei Ministri nell’aprile 2018 su proposta del ministro degli Interni Macro Minniti e del ministro degli Esteri Alfano.

 

Alfano era il capo di un partito biodegradabile, ora sparito, chiamato Nuovo Centrodestra, formatosi da una scissione del Popolo della Libertà di Silvio Berlusconi organizzata, scrisse qualche giornale, con l’appoggio dell’episcopato. Alcuni pezzi di quel network democristiano, il continuum talvolta inspiegabile tra la politica e i vescovi (i Family Day…), sono stati trasferiti direttamente in Fratelli d’Italia: è il caso dell’ex deputata NCD Eugenia Roccella, finita a far il ministro della Famiglia per la Meloni, con il memorabile incipit dell’incarico ministeriale per cui la legge 194/78 non andava toccata).

 

Non sorprende, dunque, che anche all’attuale governo sia venuta la stessa idea, con pure lo stesso ospedale pediatrico vaticano implicato, il Bambin Gesù, che di mitocondri si occupa da un po’. E, considerando cosa sta accadendo alla Pontificia Accademia della Vita, non sappiamo dove la cosa potrebbe andare a finire.

 

Sorprende, invece, come i gruppuscoli pro-life e i commentatori cattopolitici o destroidi possano aver tripudiato dopo la scelta spettacolare del premier di dare il passaporto alla bambina. Nel senso: davvero, come si potuto prendere sul serio questa cosa?

 

Rendere Indi Gregory cittadina italiana non può non configurarsi come un atto di attrito nei confronti di Londra. O meglio: un affronto, un atto ostile vero e proprio.

 

Eppure, solo pochi giorni fa, come in tante altre occasioni tra G7, G20 e altro, Giorgia era lì con i bacetti sulla guancia del prime minister Rishi Sunak, l’indiano di cui enigmaticamente non conosciamo la casta, ma di cui, come sa il nostro lettore, sappiamo tante altre cose interessanti.

 

Ora, se uno Stato straniero decide di uccidere un cittadino italiano, si apre – si spera – una crisi diplomatica. Nella fantasia di un Paese funzionale, ci si attende che, alla peggio, si mandi un commando di incursori per l’esfiltrazione. Gli USA fanno così – in realtà, fanno numeri poderosi anche per i loro cittadini che hanno certi problemi con la giustizia, come Amanda Knox o il pilota del Cermis.

 

Se un altro Paese vuole uccidere una bambina italiana, cosa è lecito aspettarsi, dallo Stato romano? Con evidenza, i lanciatori di coriandoli meloniani non si attendevano nulla. Sapevano che in fondo era solo un teatrino politico, che la bimba era italiana per modo di dire.

 

Mica vogliamo metterci contro Albione, che è pure partner della NATO, ed è, come diceva il senatore PD che vive in una villa palladiana (stile assai amato oltremanica), «patria della libertà», e pure, ci viene da aggiungere, della massoneria – quella forza occulta che, sì, ha prodotto l’Italia unita.

 

Mica prendiamo sul serio questa cosa di Indi italiana. In fondo si tratta solo di una bambina, la sovranità di un popolo si misura con le dichiarazioni dei politici sul MES, mica nel difendere una cittadina innocente ed indifesa. No?

 

È questo pensiero che mi è insopportabile, che mi manda in bestia. È l’impotenza generale davanti alla palese realtà per cui lo Stato moderno altro non è che una macchina di morte, inarrestabile, imbattibile, necessaria, alla quale bisogna arrendersi, e accontentarsi delle farse – fatte sulla pelle dei bambini piccoli. È la sottomissione allo Stato-Moloch. È l’incorporazione della Necrocultura come sistema operativo della politica e della vita quotidiana.

 

In pratica, lo hanno accettato: anche a destra. Facciamo finta di curarci della questione, poi però lasciamo che ci uccidano la bambina.

 

Questa, teorizzo dentro di me da un po’, è chiaramente la fine dello Stato-nazione nel XXI secolo, e della barzelletta ancora circolante del «nazionalismo». Perché una Nazione, per essere tale, deve rispettare l’etimologia latina della parola: natio, «nascita». Una nazione che uccide i bambini, prima o dopo che nascano, non è più una Nazione. Una nazione che come sua base ha il contrario – la morte, specie dei più piccoli, degli ultimi, dei cittadini futuri – quale ragione ha di esistere?

 

Le nazioni moderne avanzano solo perché, come abbiamo già detto, sono in ultima analisi macchine automatiche, macchine di morte. In pilota automatico, a discapito delle loro stesse leggi (lo abbiamo imparato, duramente, nel biennio pandemico) e contro soprattutto i principi più fondamentali come la continuità della popolazione e la protezione dell’individuo, esse possono andare avanti, ancora per qualche tempo almeno.

 

Svuotata della vita umana, cosa può rimanere alla Nazione? Una risposta l’abbiamo già data nel corso di questo articolo: rimane alla macchina, da gestire, sfoltire, programmare, la vita umanoide.

 

Attorniati dal circo osceno che abbiamo visto, questi bambini sono stati sacrificati per la mutazione epocale dello Stato, e per l’alba dell’era umanoide.

 

E adesso, scusate, ma sto guardando le foto della bambina con i suoi genitori, e mi sale la spremuta d’occhi. Vi lascio a ridere, o a meditare, su quanto ho avuto da scrivere.

 

Vi assicuro, non ne avevo voglia.

 

Roberto Dal Bosco

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21



Immagine da Twitter

Continua a leggere

Genetica

Database di persone con origini ebraiche creato da dati rubati a 23andMe

Pubblicato

il

Da

I dati rubati dalla società di test genetici 23andMe sono stati resi disponibili per essere venduti online prenderebbero di mira specificamente gli utenti con origini ebraiche ashkenazite. Lo riporta BioNews.   23andMe è una società di test genetici direttamente venduti al consumatore. L’aziendae offre ai suoi 14 milioni di utenti test DNA per informazioni sulla salute e rischio di malattie, nonché riguardo gli antenati e la ricerca di parenti genetici. I dati rubati non conterrebbero dati genomici, ma nomi utente, anni di nascita e località regionali.   23andMe ha negato che la fuga di dati sia il risultato di una violazione della loro sicurezza: «crediamo che gli autori delle minacce siano stati in grado di accedere a determinati account nei casi in cui gli utenti hanno riciclato le credenziali di accesso, ovvero nomi utente e password utilizzati su 23andMe.com erano il uguali a quelli utilizzati su altri siti Web che sono stati precedentemente hackerati», hanno affermato in una nota.   Il database, denominato «Ashkenazi DNA Data of Celebrities», corrisponde a circa un milione di account 23andMe, che includono in stragrande maggioranza persone con origini ebraiche ashkenazi, così come molti di origine cinese.   La ragione per cui sono stati presi di mira gli ebrei ashkenaziti non è chiara. «Quando vengono condivisi dati relativi a gruppi etnici, nazionali, politici o di altro tipo, a volte è perché tali gruppi sono stati specificamente presi di mira», ha detto alla rivista Wired l’analista di minacce informatiche Brett Callow della società di sicurezza online Emsisoft. «Ma a volte è perché la persona che condivide i dati pensa che faranno notizia e aumenteranno la reputazione».

Sostieni Renovatio 21

Il ricercatore di truffe digitali Ronnie Tokazowski è d’accordo, e dice a Wired che «il fatto che affermi di prendere di mira una popolazione ebraica o celebrità non è scioccante. Riflette il ventre molle di Internet».   Il furto di dati è stato probabilmente ulteriormente consentito da una funzionalità di 23andMe chiamata «DNA Relatives», che consente agli utenti di cercare altri account con corrispondenze genetiche, consentendo di utilizzare gli account violati dei clienti Ashkenazi per trovarne altri.   Una persona apparsa nel database intervistata da NBC News ha dichiarato: «questo potrebbe essere usato dai nazisti».   Due persone i cui dettagli figurano nell’elenco hanno già intentato una causa in California contro 23andMe, sostenendo che ora si trovano ad affrontare una «minaccia presente e imminente di frode e furto di identità». Si tratta di un’azione legale collettiva, il che significa che altre persone interessate potranno aderire.   Come riportato da Renovatio 21, nel 2018, 23andMe ha annunciato una partnership con GlaxoSmithKline, consentendo al colosso farmaceutico di utilizzare i risultati dei test di cinque milioni di clienti per sviluppare nuovi farmaci in cambio di un investimento di 300 milioni di dollari. L’accordo è stato prorogato fino a luglio 2023 per ulteriori 50 milioni di dollari.   La CEO di 23andMe è Anne E. Wojcicki, l’ex moglie del cofondatore di Google Sergej Brin. Nel 2007, Google ha investito 3,9 milioni di dollari nella società, insieme a Genentech, che è considerata la prima società biotecnologica al mondo grazie allo sfruttamento del DNA ricombinante e la creazione dell’insulina sintetica nel 1978.   Nel febbraio 2021, 23andMe ha annunciato di aver stipulato un accordo definitivo per la fusione con la società di acquisizione speciale di Richard Branson, VG Acquisition Corp, in una transazione da 3,5 miliardi di dollari. La società risultante dalla fusione è stata rinominata 23andMe Holding Co. e ha iniziato ad essere quotata alla borsa NASDAQ il 17 giugno 2021 con il simbolo «ME»   La sorella Susan Wojcicki è stata fino a poco fa CEO di YouTube, che è di proprietà di Google.   Come riportato da Renovatio 21, la Commisione di Intelligence USA ha dichiarato che i test DNA commerciali potrebbero essere utilizzati nella produzione di bioarmi personalizzate, cioè la creazione di sistemi di offesa in grado di colpire una singola persona o un particolare gruppo famigliare, etnico etc.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21
 
Continua a leggere

CRISPR

Xenotrapianti CRISPR, scimmia vive per oltre due anni con un rene di maiale geneticamente modificato

Pubblicato

il

Da

Alcuni macachi sono diventati tra i destinatari di trapianti di organi tra specie più longevi, dopo aver ricevuto reni di maiale modificato geneticamente. Lo riporta BioNews.

 

Lo xenotrapianto– ossia il trapianto di tessuti, organi o cellule tra le specie – è oggetto di ricerca che mira a sviluppare organi donatori adatti all’uso in pazienti umani, dove la domanda supera costantemente l’offerta. I reni provenivano da maiali il cui genoma era stato modificato utilizzando CRISPR/Cas9 per ridurre il rischio di rigetto del trapianto da parte dell’uomo e di altri primati.

 

«Il nostro studio dimostrativo… mostra per la prima volta una sopravvivenza duratura a lungo termine nel più grande studio preclinico condotto finora in questo campo, dimostrando il successo nel sostenere la funzione renale nei primati non umani per oltre due anni», ha affermato il dott. Michael Curtis di eGenesis a Cambridge, Massachusetts, coautore della ricerca pubblicata su Nature.

 

«I risultati non hanno precedenti e rappresentano un enorme passo avanti verso il raggiungimento della compatibilità umana».

 

I genomi dei maiali portano 69 modifiche separate: tre geni da disattivare per evitare il rigetto e 59 per inattivare un retrovirus il cui genoma è stato incorporato nei maiali DNA molto tempo fa. Le ultime sette modifiche riguardavano l’aggiunta di geni umani per mantenere sano l’organo trapiantato – si trattava dunque di maiali «umanizzati», anche se gli organi poi venivano impiantati nelle scimmie.

Sostieni Renovatio 21

Studi precedenti hanno dimostrato che gli organi dei suini possono diventare troppo grandi nei corpi riceventi. Altri studi hanno utilizzato l’editing del genoma per cercare di controllare questa crescita. Tuttavia questo team ha invece utilizzato maialini nani dello Yucatan che hanno dimensioni naturalmente più piccole e una crescita più lenta.

 

Per testare l’impatto delle modifiche, cinque scimmie hanno ricevuto reni che non avevano i sette geni umani e 15 hanno ricevuto organi con genomi completamente modificati. Tutti hanno ricevuto farmaci immunosoppressori per prevenire il rigetto.

 

Nove scimmie sono sopravvissute per più di 50 giorni e tutte avevano i reni con il gene umano. Cinque di queste sono vissute per più di un anno e una scimmia è sopravvissuta 758 giorni con il nuovo organo, uno dei tempi di sopravvivenza più lunghi mai registrati per il trapianto interspecie.

 

«Questo set di dati dimostra notevoli progressi nella modifica del genoma suino per ridurre al minimo il rigetto iperacuto, migliorare la compatibilità del ricevente e affrontare il rischio di trasmissione virale dal donatore all’ospite», ha affermato il coautore professor Tatsuo Kawai, della Harvard Medical School, Boston, Massachusetts. «Prevediamo che i risultati dei trapianti negli esseri umani saranno ancora più favorevoli, poiché questi organi geneticamente modificati si adattano meglio agli esseri umani rispetto ai primati non umani».

 

La notizia arriva quando il tema dei trapianti da maiali OGM è arrivata su tutti i giornali grazie al secondo di intervento biomedico di questo tipo.

 

Come riportato da Renovatio 21, a settembre i chirurghi di Baltimora hanno trapiantato il cuore di un maiale geneticamente modificato in un uomo con una malattia cardiaca terminale che non aveva altra speranza di cura, ha annunciato venerdì il Centro medico dell’Università del Maryland. Si è trattato del secondo caso di questo tipo: il primo paziente, David Bennett, 57 anni, era morto due mesi dopo il trapianto a causa di un virus suino, ma il cuore del maiale, fu detto, funzionava bene e non c’erano segni di rigetto acuto dell’organo, un rischio importante in tali procedure.

 

La chirurgia nefrologica sta vedendo inquietanti avanzamenti: chirurghi dei trapianti dell’Università dell’Alabama a Birmingham e della NYU Langone Health hanno trapiantato reni da maiali geneticamente modificati in pazienti cerebralmente morti mantenuti in vita con ventilatori, dimostrando che i reni possono produrre urina e svolgere altre funzioni biologiche essenziali senza essere rigettati.

 

La ricerca sui maiali umanizzati avanza nella Repubblica Popolare Cinese, dove sono stati usati anche per la ricerca sul COVID. Lo scorso mese scienziati cinesi sono riusciti a creare con successo embrioni chimerici contenenti una combinazione di cellule umane e di maiale. Quando sono stati trasferiti in scrofe surrogate, i reni umanizzati in via di sviluppo avevano una struttura normale e una formazione di tubuli dopo 28 giorni.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21



 

Continua a leggere

Più popolari