Connettiti con Renovato 21

Trapianti

Morto il primo trapiantato con cuore di maiale OGM

Pubblicato

il

A gennaio, i chirurghi statunitensi, con una procedura senza precedenti, avevano trapiantato con successo il cuore di un maiale geneticamente modificato in un paziente affetto da malattie cardiache.

 

D.B., il 57enne paziente  è morto martedì, solo due mesi dopo l’intervento chirurgico rivoluzionario.

 

La causa esatta della sua morte non è ancora nota, ma i medici del Centro medico dell’Università del Maryland dove è morto B., affermano che le sue condizioni avevano iniziato a peggiorare diversi giorni fa.

 

Lo storico intervento chirurgico è stato condotto dalla facoltà di Medicina dell’Università del Maryland presso il Centro medico dell’Università del Maryland (UMMC) il 7 gennaio.

 

Il maiale a cui è stato espiantato il cuore per il trapianto è stato creato con la bioingegneria. In pratica il suino era stato «umanizzato»: nel suo genoma erano stati inseriti geni umani che portano l’organo porcino OGM a essere accettato dal sistema immunitario del trapiantato.

 

Dopo l’operazione era emerso che il trapiantato aveva alle spalle una brutta vicenda criminale, avendo accoltellato plurime volte un giovane anni prima.

 

È stato riportato anche che il cuore del maiale OGM trapiantato era stato trattato con la cocaina.

 

 

 

Continua a leggere

Chimere

Uomo dichiarato cerebralmente morto attaccato al fegato di un maiale geneticamente modificato per tre giorni

Pubblicato

il

Da

Un team di chirurghi dell’Università della Pennsylvania ha attaccato le vene di un uomo dichiarato cerebralmente morto a una macchina grande quanto un frigorifero con fegato di maiale montato al centro. Lo riporta MIT Technology Review.

 

Per tre giorni, il sangue dell’uomo è passato nella macchina, attraverso il fegato del maiale e di nuovo nel suo corpo. Questo fegato «extracorporeo», o esterno al corpo, il cui test iniziale è stato annunciato dall’Università della Pennsylvania e da una società biotecnologica, eGenesis, come progettato per aiutare le persone a sopravvivere all’insufficienza epatica acuta, che può essere causata da infezioni, avvelenamenti o per gli eccessi alcool.

 

Un fegato danneggiato non può svolgere il suo lavoro rimuovendo le tossine dal corpo, elaborando i nutrienti e producendo proteine. Collegare le persone a qualcuno esterno potrebbe far guadagnare loro tempo. «Vuoi dare al fegato il tempo di riprendersi… o mantenerlo fino a quando non sarà disponibile il trapianto», ha afferma la guida della squadra di ricercatori Abraham Shaked.

Sostieni Renovatio 21

Il test del fegato a Filadelfia è anche l’ultimo tentativo di sperimentare con organi di maiali geneticamente modificati in modo che i loro tessuti siano più compatibili con quelli umani.

 

In studi precedenti, presso l’Università del Maryland, a due uomini con malattie cardiache terminali era stato sostituito il cuore con cuori di maiali sviluppati da un’altra società, la United Therapeutics.

 

Come riportato da Renovatio 21, nei due controversi casi il soggetto è stato in grado di vivere con il cuore animale, ma solo per un breve periodo; entrambi sono morti entro due mesi dal trapianto.

 

Ora alcuni medici dicono che l’uso di un organo di maiale tenuto fuori dal corpo potrebbe rivelarsi più facile da realizzare, poiché deve funzionare solo per un tempo limitato. «Se quello che stiamo facendo funziona nel modo in cui pensiamo, credo che questa tecnologia sarà il primo organo suino disponibile per un reale utilizzo clinico», afferma lo Shaked.

 

L’utilizzo di un fegato fuori dal corpo evita in gran parte il problema del rigetto dell’organo a lungo termine perché deve funzionare solo per pochi giorni, non per anni. E le modifiche genetiche apportate ai maiali sembrano proteggere gli organi da un grave rigetto a breve termine. «Qui non esiste un’immunologia complessa», afferma Shaked. «Eliminiamo la questione del rigetto perché non utilizziamo l’organo per molto tempo. È più simile a un pezzo di macchina».

 

L’idea è quella di utilizzare l’organo esterno per sostenere le persone con insufficienza epatica fino a quando non sarà disponibile per loro un trapianto di fegato umano o finché il loro fegato non si riprenderà, cosa possibile data l’impressionante capacità di rigenerarsi dell’organo.

 

Durante l’esperimento, il fegato di maiale è stato montato in un dispositivo della società OrganOx che viene normalmente utilizzato per mantenere gli organi umani donati caldi e perfusi di sangue in modo che siano disponibili per il trapianto più a lungo. In questo caso, i tubi collegati alle vene del soggetto sono stati inseriti nella macchina e i due sono rimasti attaccati per 72 ore.

Aiuta Renovatio 21

L’idea degli organi extracorporei è già stata sperimentata in passato. Negli anni Novanta, i ricercatori collegarono diversi pazienti a fegati prelevati da maiali comuni, ma gli organi si deteriorarono rapidamente. Secondo eGenesis, il suo fegato, proveniente da un maialino dello Yucatan geneticamente modificato, era ancora sano anche dopo tre giorni.

 

Il grande obiettivo delle società di ingegneria dei suini, tra cui eGenesis, United e Makana Therapeutics, è, dicono, creare cuori, reni o polmoni che possano mantenere in vita una persona per anni. Per fare ciò, hanno tutti apportato modifiche genetiche ai maiali in modo che il tessuto animale fosse nascosto dal sistema immunitario umano, che altrimenti attaccherebbe gli organi. Si tratta quindi di quelli che vengono definiti maiali «umanizzati», chimere ottenute con l’ingegneria genetica.

 

Come riportato da Renovatio 21, due anni fa chirurghi dell’Università dell’Alabama avevano impiantato reni di maiale OGM in un uomo dichiarato, anche lui, in stato di «morte cerebrale». Nel 2021 anche all’ospedale Langone di Nuova York si operò la medesima procedura.

 

L’esperimento è iniziato il 22 dicembre, dopo che la famiglia di un uomo anziano che aveva subito un’emorragia cerebrale ha accettato di lasciare che il suo corpo fosse utilizzato nella ricerca. «Era cerebralmente morto, ma il suo cuore batteva ancora» scrive l’house organ del politecnico bostoniano: in pratica, secondo la logica, la cavia umana dell’esperimento era ancora viva – come sa il lettore di Renovatio 21, la morte cerebrale è una pura convenzione, concepita nella vicina Harvard e oramai datata, necessaria solo allo squartamento delle persone prive di coscienza e quindi all’intera filiera chirurgica, sanitaria, farmaceutica dell’industria dei trapianti.

 

In definitiva, hanno attaccato un uomo vivo, senza il suo consenso, ad una macchina basata su un rene di maiale bioingegnerizzato per essere reso umano.

 

Benvenuti nel XXI secolo.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21



Immagine screenshot da YouTube
 

 

 

Continua a leggere

Cina

Le nuove leggi non fermano il traffico illegale di organi in Cina

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 pubblica questo articolo su gentile concessione di AsiaNews. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.   La Cina ha aggiornato le norme contro il commercio illegale di organi. Tuttavia, i membri dell’élite politica e finanziaria riescono comunque ad aggirarle tramite gli ospedali militari che oggi effettuano la metà dei trapianti del Paese.   Le nuove leggi sui trapianti di organi pubblicate il 14 dicembre e firmate dal premier cinese Li Qiang hanno lo scopo di inasprire le sanzioni per «negligenza» e chiedono maggiori requisiti per le istituzioni mediche che eseguono trapianti.   Le norme, entrate in vigore il primo gennaio 2024, sono le ultime di una serie di misure adottate con l’obiettivo di reprimere il traffico illegale di organi: come il sistema annunciato nel 2014 che avrebbe dovuto impedire l’assegnazione «privata» o il ricorso agli organi dei detenuti giustiziati con pena capitale, senza il loro consenso. Dal primo gennaio 2015, inoltre, solo le donazioni pubbliche volontarie o gli organi provenienti da parenti in vita sono legalmente consentiti per i trapianti, ma la domanda di organi in Cina continua a essere altissima.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

Un medico cinese che attualmente esercita in Nord America e che, per paura di ritorsioni, ha utilizzato lo pseudonimo di Yang in un’intervista a Radio free Asia (Rfa) ha affermato che «a differenza della maggior parte dei Paesi, la metà dei trapianti di organi ad oggi in Cina vengono eseguiti negli ospedali militari. Sappiamo – ha detto – che chiunque supervisioni queste operazioni a livello provinciale o municipale, si farà da parte una volta che i militari intervengono».   «Loro da dove prendono gli organi? Quanto può essere trasparente tutto ciò, visto che i trapianti – ha proseguito – sono di fatto un servizio fornito appositamente all’élite del partito?». Il medico esule ha riferito anche di aver assistito al processo attraverso il quale le persone di più alto rango in Cina e i clienti paganti provenienti dall’estero si procurano gli organi per il trapianto: «Un alto funzionario del Kazakistan voleva un trapianto di rene presso l’Ospedale generale dell’Esercito popolare di liberazione. Nel giro di un mese, l’intervento – ha concluso la fonte – è stato eseguito con successo, poi è tornato in Kazakistan».   L’ex capo cinese dei trapianti di organi per il ministero della Sanità, Huang Jiefu, ha scritto sulla rivista medica britannica The Lancet nel 2011 che circa il 65% dei trapianti in Cina attinge agli organi di donatori deceduti, ma che oltre il 90% di questi erano prigionieri giustiziati. E uno studio del 2022 pubblicato sull’American Journal of Transplantation ha trovato prove di 71 casi di «esecuzioni capitali mediante rimozione di organi» da detenuti, concludendo che «la rimozione del cuore durante il prelievo deve essere stata la causa della morte del detenuto-donatore».   La Cina è uno dei principali Paesi al mondo per condanne a morte comminate, ma il numero esatto delle esecuzioni è un segreto di stato per il Partito comunista cinese. Jiefu ha ammesso pubblicamente che gli organi trapiantati in Cina provengono ancora per lo più da prigionieri nel braccio della morte, sebbene questa pratica sia stata vietata in seguito alla creazione del Centro di gestione delle donazioni di organi umani nel 2012.   Torsten Trey, fondatore e direttore esecutivo dell’organizzazione internazionale Doctors Against Forced Organ Harvesting, ha affermato che «le ultime norme difficilmente riusciranno a scalfire un sistema di traffico illegale di organi che garantisce tanti trapianti con tempi di attesa brevi. La semplice adozione di nuove norme è inutile senza un sistema di verifica basato sulle linee guida dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) che insista sulla tracciabilità dei singoli organi attraverso una donazione trasparente. Un processo aperto al controllo, compreso l’accesso immediato da parte delle squadre di ispezione per effettuare controlli a campione».   Invitiamo i lettori di Renovatio 21 a sostenere con una donazione AsiaNews e le sue campagne. Renovatio 21 offre questo articolo per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21
Immagine generata artificialmente
Continua a leggere

CRISPR

Il paziente è morto: fallito anche il secondo tentativo di trapianto con cuore di maiale umanizzato geneticamente

Pubblicato

il

Da

Un uomo di 58 anni con insufficienza cardiaca che aveva ricevuto un nuovo cuore da un maiale geneticamente modificato è morto lunedì, quasi sei settimane dopo aver ricevuto l’organo di maiale, hanno annunciato martedì i funzionari del centro medico dell’Università del Maryland.

 

Lawrence Faucette era il secondo paziente del centro medico a cui è stato sostituito un cuore malato con uno di un maiale geneticamente modificato – un suino «umanizzato» – in modo che i suoi organi fossero più compatibili con un ricevente umano e non venissero rigettati dal sistema immunitario umano. Il tentativo di xenotrapianto OGM, è ovviamente fallito.

 

Il primo paziente, David Bennett, 57 anni, era morto l’anno scorso, due mesi dopo il trapianto. Aveva sviluppato molteplici complicazioni e nel suo nuovo cuore furono trovate tracce di un virus che infetta i maiali. Il cuore del maiale, è emerso in seguito, era riempito di cocaina, e il trapiantato aveva trascorsi di violenza criminale.

 

Entrambi i pazienti avevano una malattia cardiaca terminale quando hanno ricevuto gli organi trapiantati e nessuno dei due è riuscito a riprendersi sufficientemente per lasciare l’ospedale. Ma mentre i medici hanno detto che il signor Bennett non mostrava alcun segno di rigetto acuto del nuovo cuore, che è il rischio più significativo nei trapianti di organi, hanno detto che il cuore trapiantato del signor Faucette aveva iniziato a mostrare alcuni primi segni di rigetto.

Sostieni Renovatio 21

Dopo l’intervento, il cuore trapiantato ha funzionato bene, senza segni di rigetto durante il primo mese, e il Faucette ha potuto fare terapia fisica con l’obiettivo di riacquistare la capacità di camminare, secondo una dichiarazione dell’Università del Maryland.

 

In quanto ritenuto troppo malato – soffriva di insufficienza cardiaca avanzata, malattia vascolare periferica e altre complicazioni – come per il Bennett, il primo paziente a ricevere un cuore di maiale, al Faucette era stato rifiutato un trapianto umano – che, ricorda Renovatio 21, avviene sempre a cuor battente, cioè quando il «donatore» è ancora vivo, e viene squartato per la predazione dell’organo.

 

Rilevante notare che nei maiali bioingegnerizzati sono stati inseriti sei geni umani che consentono al sistema immunitario di accettare l’organo: ciò significa che si trattava di maiali «umanizzati», o chimere suino-umane.

 

Come riportato da Renovatio 21, un altro xenotrapianto da maiale bioingegnerizzato CRISPR è stato sperimentato su una scimmia, che ha vissuto con un rene OGM impiantato per due anni.

 

Nell’orrore di questi esperimenti, due anni fa ricercatori americani avevano impiantato reni di maiali OGM in un uomo in istato di «morte celebrale».

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21



 

Continua a leggere

Più popolari