Connettiti con Renovato 21

Salute

Tour de France, ciclista si ritira: «molti di noi hanno problemi a respirare». Malori nel ciclismo alle stelle

Pubblicato

il

Un ciclista francese che è uscito presto dal Tour de France dice di aver smesso a causa di difficoltà respiratorie che sono state vissute anche da altri corridori del Tour.

 

In un’intervista al quotidiano francese Le Parisien, Victor Lafay, 26 anni, della squadra di ciclismo di Cofidis, ha ammesso che il clima era estremamente caldo, ma ha detto di aver lasciato la gara perché non riusciva a respirare.

 

«Il caldo, di nuovo, va bene. Siamo ben forniti, ci idratiamo, abbiamo cubetti di ghiaccio. Non l’ho trovato orribile oggi. Dopo di che non ho finito la tappa», ha dichiarato.

 

Dopo quella tappa, però, Lafay si è ritirato perché, dice,  era divenuto «impossibile respirare». Dice di aver parlato anche con altri corridori che hanno lasciato che hanno sperimentato lo stesso fenomeno.

 

«Ne ho parlato nel gruppo, ce ne sono molti che ce l’hanno». Lafay quindi fa nomi e cognomi.

 

«Siamo tutti negativi ai test COVID. Quindi o siamo negativi ma ce l’abbiamo ancora, o è qualcos’altro. Si parla tanto del COVID, ma potrebbe esserci dell’altro. In ogni caso, abbiamo tutti i polmoni incasinati. E quando i muscoli non sono ossigenati, dopo un po’ non possono più funzionare».

 

Lafay ha parlato della sua difficoltà respiratoria anche in un’intervista su Eurosport, dove gli è stato chiesto quale potesse essere il problema. Lafay ha risposto «sì, sono malato. Non sono l’unico nel gruppo».

 

Parlando di un famoso collega di cui fa il nome, Lafay dice: «È venuto da me e mi ha chiesto: “Sei malato? Neanche tu riesci a respirare?”, e io ho detto “No” e lui mi ha detto “anche io” e mi sento così dalla sesta tappa», ha detto all’intervistatore.

 

«Ho difficoltà a respirare. Mi sento come se non avessi abbastanza ossigeno, dolore ovunque, gambe, ecc., nessuna forza, e sta solo peggiorando dopo ogni tappa», ha affermato Lafay.

 

L’idea che potesse trattarsi di COVID è stata presto smentita dai tamponi.

 

«Tutti i test COVID sono risultati negativi. Ci sono tonnellate di persone nel gruppo che si sentono tutte allo stesso modo; sono anche tutti negativi. Quindi forse potrebbe essere qualcos’altro! Non lo so; Non sono un medico, non so nulla, ma molti di noi hanno gli stessi sintomi e stanno lottando sulle nostre bici», ha dichiarato l’atleta francese.

 

Non si ha alcuna informazione sul fatto se Lafay o gli altri ciclisti di cui parla siano stati vaccinati.

 

Le regole del Tour de France sono regolate da un’agenzia internazionale chiamata UCI (Union Cycliste Internationale), nel cui ultimo regolamento  si «raccomanda la terza dose per i corridori e in particolare per i membri dello staff».

 

Per le nuove regole UCI le squadre «dovrebbero continuare i loro sforzi per migliorare ulteriormente la copertura vaccinale basata su un ciclo completo di vaccinazione».

 

Come riportato da Renovatio 21, prima delle Olimpiadi di Tokyo emersero performance compromesse dalla vaccinazione – a parlarne furono allenatori e atleti di Francia e Belgio, che hanno visto le prestazioni crollare in modo irriconoscibile.

 

Il calcio, che come il ciclismo può considerarsi uno spot di resistenza, ha avuto una quantità record di collassi in campo e di calciatori morti.

 

A fine 2021 si era avuto il caso del campione internazionale di mountain bike Kyle Warner,  che a seguito della vaccinazione mRNA Pfizer ha sviluppato una pericardite molto grave, distruggendo la sua carriera e la sua salute mentale.

 

Non solo il ciclismo di massimo livello di Tour de France e campioni mondiali è funestato da questi inediti problemi di salute per i ciclisti. Anche gare ciclistiche locali stanno sperimentando livelli insoliti di «malori improvvisi», con decine di casi in una singola gara, anche gravi, prima e dopo il traguardo, come nel caso della Nove Colli di Cesena 2021.

 

Lo scorso giugno, ad una manifestazione ciclistica a Pistoia, un partecipante di 47 anni è morto colto da questo «malore» lungo un tratto in salita.

 

Lo stesso è accaduto sempre un mese fa ad una gara sui Colli Euganei, in provincia di Padova: il corridore, originario del veronese, è stato colto da «malore» a un giro dalla fine, ed è morto.

 

Ad aprile era invece morto un ciclista al Giro di Sardegna, sempre per «malore durante la corsa».

 

Sul tema dei «troppi malori nel ciclismo» ha fatto un servizio perfino la RAI, che tuttavia è certa che la colpa è di «stress e COVID», scartando l’opzione di una possibile reazione all’intervento medico più importante subito dagli atleti, l’innesto di un materiale genico sperimentale nei loro sistemi, che, ammette la stessa Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA), può dare la miocardite: «sono state osservati casi molto rari di miocardite e pericardite. I casi si sono verificati principalmente nei 14 giorni successivi alla vaccinazione, più spesso dopo la seconda dose e nei giovani di sesso maschile».

 

Per i ciclisti, tuttavia, siamo sicuri si tratti di «stress e COVID».

 

Eccerto.

 

 

 

 

Immagine Marianne Casamance via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0)

 

 

 

 

Continua a leggere

Reazioni avverse

Donna sviluppa una rara insufficienza renale acuta dopo la prima dose di Pfizer

Pubblicato

il

Da

Una donna ha sviluppato un raro caso di insufficienza renale acuta, correlata alla vasculite associata agli anticorpi citoplasmatici antineutrofili (ANCA) (AAV), pochi giorni dopo aver ricevuto la sua prima dose del vaccino COVID-19 di Pfizer-BioNTech.

 

Secondo un caso di studio pubblicato il 18 luglio su Nephron, una donna di 47 anni precedentemente sana si è presentata in una clinica di cure primarie per dolore bilaterale al fianco, debolezza generalizzata e gonfiore bilaterale degli arti inferiori che è iniziato tre giorni dopo la sua prima iniezione del Pfizer.

 

L’AAV è un gruppo di malattie caratterizzate dalla distruzione e dall’infiammazione dei piccoli vasi. La condizione si verifica quando i neutrofili attaccano i vasi piccoli e medi del corpo, che possono colpire diversi organi, come il rene, lo stomaco, l’intestino e i polmoni.

 

Questo caso si aggiunge ai precedenti rapporti che suggeriscono che i vaccini COVID-19 possono, in rari casi, promuovere lo sviluppo o il peggioramento di malattie autoimmuni, come l’AAV, dal loro stato di silenzio, secondo Patricia Inacio, Ph.D., che ha riassunto il rapporto per ANCA Vasculite News.

 

«Raramente, processi autoimmuni sono stati descritti dopo la vaccinazione. L’AAV è un esempio di una malattia autoimmune che può essere indotta o emersa da uno stato silenzioso dai vaccini COVID-19», concludono gli autori .

 

«Un alto indice di sospetto per quanto riguarda la presenza di un processo renale autoimmune è necessario ogni volta che un individuo vaccinato di recente con COVID-19 si presenta per danno renale acuto».

 

 

Megan Redshaw

 

 

© 29 luglio 2022, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

Continua a leggere

Controllo delle nascite

Vaccini COVID e fertilità, prove di effetti devastanti su maschi e femmine

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Joseph Mercola pubblicato da Lifesitenews. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

 

 

I primi vaccini di COVID sono stati lanciati a dicembre 2020 e non ci è voluto molto prima che medici e scienziati iniziassero a mettere in guardia sui possibili effetti riproduttivi.

 

Tra questi c’era Janci Chunn Lindsay, Ph.D., direttore di tossicologia e biologia molecolare per Toxicology Support Services LLC, che nell’aprile 2021 ha presentato un commento pubblico al Comitato consultivo dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC) degli Stati Uniti su Pratiche di immunizzazione (ACIP), evidenziando l’alto potenziale di effetti avversi sulla fertilità.

 

In precedenza ho intervistato Lindsay nel 2021. Quell’articolo non è aggiornato con le nuove informazioni, ma l’intervista è un buon manuale per le informazioni che condivide di seguito. In molti modi, ha predetto ciò che ora stiamo osservando. 

 

Ha sottolineato che ci sono prove credibili che i vaccini COVID possono reagire in modo incrociato con la sincitina e i geni riproduttivi nello sperma, negli ovuli e nella placenta in modi che potrebbero compromettere i risultati riproduttivi. «Potremmo potenzialmente sterilizzare un’intera generazione», aveva avvertito.

 

Lindsay aveva anche sottolineato che le segnalazioni di irregolarità mestruali significative ed emorragie vaginali nelle donne che avevano ricevuto le iniezioni erano già migliaia, e che anche questo era un segnale di sicurezza che non doveva essere ignorato.

 

 

4 donne su 10 vaccinate dal COVID segnalano irregolarità mestruali

A quanto pare, le prime segnalazioni di irregolarità mestruali non erano un colpo di sfortuna. Indagini più recenti hanno confermato che, infatti, molte donne sperimentano irregolarità mestruali dopo le vaccinazioni.

 

Come riportato da NBC News a metà luglio 2022:

 

«Un’analisi pubblicata sulla rivista Science Advances ha rilevato che il 42% delle persone con cicli mestruali regolari ha affermato di sanguinare più pesantemente del solito dopo la vaccinazione. Nel frattempo, il 44% non ha segnalato alcun cambiamento e circa il 14% ha segnalato un periodo più leggero».

 

«Tra le persone senza mestruazioni, ad esempio quelle post-menopausa o che usano determinati contraccettivi a lungo termine, lo studio suggerisce che molte persone hanno sperimentato una svolta o un’emorragia inaspettata dopo i loro vaccini COVID».

 

Altre categorie di persone che hanno riportato emorragie da rottura anormali includevano il 39% di quelle in trattamento con ormoni di affermazione del genere, il 71% delle donne che assumevano contraccettivi a lunga durata d’azione e il 66% delle donne in postmenopausa.

 

Le donne anziane, quelle che usavano la contraccezione ormonale, erano state incinte in precedenza o avevano diagnosi di endometriosi, fibromi o sindrome dell’ovaio policistico avevano maggiori probabilità di sperimentare un’emorragia più pesante del normale dopo le loro vaccinazioni.

 

 

Le irregolarità mestruali sono irrilevanti?

Vale la pena notare che gli studi COVID non hanno chiesto alle partecipanti informazioni sulle loro mestruazioni e non hanno raccolto alcun dato sull’impatto riproduttivo. 

 

Eppure, nonostante questa chiara mancanza di raccolta di dati, la narrativa ufficiale è che tutto va bene: i vaccini sono sicuri e non influiranno sulla fertilità.

 

Come fanno a saperlo? Non lo sanno, ed è questo che rende tali affermazioni così eclatanti. A peggiorare le cose, i media che riportano questi risultati continuano a insistere sul fatto che le irregolarità mestruali post- vaccini sono «normali» e non un segno che la capacità riproduttiva sia stata influenzata. 

 

Ad esempio, Science scrive:

 

«Chiarire la questione è fondamentale. “È importante sapere”, afferma Victoria Male, immunologa riproduttiva presso l’Imperial College di Londra. “Diciamo che hai ricevuto il vaccino e il giorno dopo ti sei sentito davvero male come capita ad alcune persone”».

 

«Se non fossi stata informata della possibilità di febbre, dolori muscolari e altri effetti che si dissipano rapidamente, “saresti davvero preoccupata”, ha detto». 

 

Illuminare la possibilità di irregolarità mestruali e confermare che non rappresentano un rischio per la salute aiuta anche a combattere la diffusa disinformazione che i vaccini COVID-19 compromettono la fertilità, affermano Victoria Male e altri.

 

Ancora una volta, nessuno sa se i vaccini influiscano sulla fertilità o meno per il semplice fatto che non è stato studiato. Nessuno studio significa nessun dato, il che significa nessuna conoscenza. È così semplice. Qualsiasi affermazione contraria si basa su pura congettura e supporre non è scienza.

 

E, mentre il ciclo mestruale di una donna può fluttuare, i cambiamenti improvvisi storicamente non sono stati spazzati via come irrilevanti. 

 

Al contrario, le mestruazioni improvvisamente anormali sono state elencate come un potenziale segno di cose come:

 

  • Cancro dell’utero e/o del collo dell’utero

 

 

  • Disfunzioni tiroidee e/o disturbi dell’ipofisi che influiscono sull’equilibrio ormonale

 

  • Infezione e/o malattia

 

 

 

Anche la durata del ciclo mestruale è influenzata

La ricerca pubblicata il 1 aprile 2022 sulla rivista Obstetrics and Gynecology ha anche trovato un’associazione tra il vaccino COVID e i cambiamenti nella durata del ciclo mestruale. 

 

Il cambiamento è stato minimo – circa un giorno in meno rispetto alla pre-iniezione dopo la seconda dose – e non è stato ritenuto di grande preoccupazione.

 

Tuttavia, nella mia mente, il cambiamento indica che qualcosa sta accadendo. La domanda è cosa?

 

 

L’infezione può sopprimere la funzione ovarica

Alcuni ricercatori hanno suggerito che le irregolarità mestruali osservate nelle pazienti di sesso femminile con COVID e vaccinate COVID allo stesso modo possono essere attribuite a una risposta immunitaria alla proteina spike.

 

Nel gennaio 2021, uno studio cinese pubblicato su Reproductive BioMedicine Online ha rilevato che il 28% delle donne in età riproduttiva non vaccinate con diagnosi di COVID-19 ha avuto un cambiamento nella durata del ciclo, il 19% ha avuto cicli prolungati e il 25% ha avuto un cambiamento nel volume del sangue mestruale.

 

I ricercatori hanno ipotizzato che «i cambiamenti delle mestruazioni di queste pazienti potrebbero essere la conseguenza di cambiamenti transitori degli ormoni sessuali» causati da una temporanea soppressione della funzione ovarica durante l’infezione.

 

La dott.ssa Natalie Crawford, specialista della fertilità, ha suggerito che le irregolarità mestruali osservate nelle pazienti di sesso femminile con COVID-19 possono essere collegate a una risposta immunitaria cellulare e poiché l’iniezione COVID indica al tuo corpo di produrre la proteina spike SARS-CoV-2, a cui risponde il tuo sistema immunitario, gli effetti del vaccino possono essere simili all’infezione naturale. 

 

In un editoriale del BMJ del 2021, Male, citata da Science sopra, ha presentato un punto di vista simile:

 

 «Sono stati segnalati cambiamenti mestruali dopo che sia l’mRNA che l’adenovirus hanno portato i vaccini COVID-19, suggerendo che, se esiste una connessione, è probabile che sia il risultato della risposta immunitaria alla vaccinazione piuttosto che di un componente specifico del vaccino. Anche la vaccinazione contro il papillomavirus umano (HPV) è stata associata a cambiamenti mestruali».

 

«I meccanismi biologicamente plausibili che collegano la stimolazione immunitaria con i cambiamenti mestruali includono influenze immunologiche sugli ormoni che guidano il ciclo mestruale o effetti mediati dalle cellule immunitarie nel rivestimento dell’utero, che sono coinvolte nell’accumulo ciclico e nella rottura di questo tessuto. La ricerca che esplora una possibile associazione tra i vaccini COVID-19 e i cambiamenti mestruali può anche aiutare a capire il meccanismo».

 

Ciò non significa che le irregolarità mestruali non abbiano conseguenze, però. Dopotutto, sembra che abbiamo a che fare con un virus artificiale e l’mRNA nei vaccini che programmano la produzione di proteine ​​spike è geneticamente ingegnerizzato su di esso.

 

Forse è per questo che una percentuale maggiore di donne segnala irregolarità mestruali a seguito del vaccino COVID, rispetto alla percentuale di donne che subiscono irregolarità a seguito di infezione naturale?

 

Potrebbe anche valere la pena esaminare i parallelismi tra i disturbi della coagulazione del sangue segnalati – sia in alcuni casi COVID-19 che post-vaccinazione COVID-19 – e la malattia di Von Willebrand, una condizione cronica che impedisce la normale coagulazione del sangue, che induce così mestruazioni eccessivamente pesanti. 

 

 

Aborti spontanei, morti fetali e nati morti sono saliti alle stelle

Le irregolarità mestruali non sono l’unico segnale di sicurezza. 

 

Anche gli aborti spontanei, le morti fetali e i nati morti sono aumentati dopo il lancio dei vaccini COVID. Nel novembre 2021, il Lions Gate Hospital di North Vancouver, British Columbia (BC), ha partorito 13 sorprendenti bambini nati morti in un periodo di 24 ore e tutte le madri avevano ricevuto il vaccino COVID.

 

In un mese tipico, potrebbe esserci un bambino nato morto in ospedale, quindi 13 nati morti in 24 ore sono qualcosa di molto insolito. La Scozia ha anche registrato un aumento insolito dei tassi di mortalità infantile. Nel mese di settembre 2021 sono morti almeno 21 bambini di età inferiore alle 4 settimane, un tasso di 4,9 ogni 1.000 nascite. 

 

Storicamente, il tasso di mortalità medio tra i neonati in Scozia è di circa 2 per 1.000 nascite.

 

Eppure, nonostante i nati morti siano aumentati dopo l’introduzione dei vaccini COVID – invece di aumentare in anticipo – gli studi che collegano i nati morti all’infezione da SARS-CoV-2 sono stati utilizzati per incoraggiare le donne incinte a farsi vaccinare.

 

Quindi, fondamentalmente, è stato scoperto che l’infezione stessa può causare mortalità (e sappiamo che la proteina spike del virus è la parte che causa la maggior parte dei problemi), eppure vogliono che tu creda che la proteina spike prodotta dall’iniezione in qualche modo ha un impatto protettivo sulla gravidanza.

 

Questa linea di ragionamento si sgretola ulteriormente se si considera che gli scienziati ora affermano che le irregolarità mestruali post-vaccini sono probabilmente dovute a risposte immunitarie che sorgono in risposta sia al virus che ai vaccini.

 

Se è vero, allora perché il vaccino contro il COVID non dovrebbe essere in grado di causare anche nati morti in misura uguale o maggiore rispetto al virus?

 

 

Non ci sono dati a supporto dei vaccini COVID per le donne in gravidanza

I funzionari sanitari sono fermamente convinti che le donne incinte ricevano un’iniezione di COVID-19, ma i dati non supportano la sua sicurezza. 

 

Lo studio sponsorizzato dal CDC pubblicato sul New England Journal of Medicine (NEJM) che è stato ampiamente utilizzato per supportare la raccomandazione degli Stati Uniti per l’iniezione alle donne in gravidanza è stato corretto nell’ottobre 2021, con la correzione che afferma:

 

 «Nelle note a piè di pagina della tabella, il seguente contenuto avrebbe dovuto essere aggiunto alla nota a piè di pagina: “Non era disponibile alcun denominatore per calcolare una stima del rischio per gli aborti spontanei, perché al momento della presente relazione non era ancora disponibile un follow-up di 20 settimane per 905 delle 1224 partecipanti vaccinate entro 30 giorni prima del primo giorno dell’ultima mestruazione ciclo o nel primo trimestre. Inoltre, qualsiasi stima del rischio dovrebbe tenere conto del rischio specifico della settimana gestazionale di aborto spontaneo”».

 

 

Il vaccino COVID colpisce anche la fertilità maschile

Altre ricerche recenti hanno scoperto che il vaccino Pfizer COVID «altera temporaneamente la concentrazione dello sperma e il conteggio della motilità degli spermatozoi» negli uomini.

 

Come notato dagli autori:

 

«Lo sviluppo delle vaccinazioni COVID-19 rappresenta un notevole risultato scientifico. Tuttavia, sono state sollevate preoccupazioni riguardo al loro possibile impatto negativo sulla fertilità maschile…»

 

«Trentasette SD [donatori di sperma] provenienti da tre banche del seme che hanno fornito 216 campioni sono stati inclusi in quello studio di coorte multicentrico longitudinale retrospettivo. La vaccinazione BNT162b2 includeva due dosi e il completamento della vaccinazione era programmato 7 giorni dopo la seconda dose».

 

«Lo studio comprendeva quattro fasi: T0 – controllo basale pre-vaccinazione, che comprendeva 1–2 campioni iniziali per SD; T1, T2 e T3: valutazioni rispettivamente a breve, medio e lungo termine. Ciascuno includeva 1–3 campioni di sperma per donatore forniti rispettivamente 15–45, 75–125 e oltre 145 giorni dopo il completamento della vaccinazione…»

 

«Le misurazioni ripetitive hanno rivelato una diminuzione della concentrazione spermatica del -15,4% su T2 (CI -25,5%–3,9%, p = 0,01) portando a una riduzione della conta mobile totale del 22,1% (CI -35% – -6,6%, p = 0,007) rispetto a T0».

 

«Allo stesso modo, l’analisi del solo primo campione di sperma e della media dei campioni per donatore ha portato a riduzioni della concentrazione e della conta mobile totale (TMC) su T2 rispetto a T0 – declino mediano rispettivamente di 12 milioni/ml e 31,2 milioni di spermatozoi mobili, … alla prima valutazione del campione e declino mediano di 9,5 × 106 e 27,3 milioni di spermatozoi mobili … all’esame medio dei campioni. La valutazione T3 ha dimostrato un recupero globale senza…

 

«Questo studio longitudinale incentrato sulla SD dimostra la concentrazione temporanea selettiva degli spermatozoi e il deterioramento del TMC 3 mesi dopo la vaccinazione, seguiti da un successivo recupero verificato da diverse analisi statistiche».

 

Come per i problemi mestruali delle donne, gli autori attribuiscono questi effetti negativi negli uomini a una «risposta immunitaria sistemica» al vaccino COVID. Tuttavia, mentre affermano che la capacità riproduttiva degli uomini si riprenderà in circa tre mesi, questo potrebbe comunque essere un enorme problema.

 

Ricorda, i vaccini mRNA sono raccomandati a intervalli di tre mesi per la serie originale e da allora in poi i booster vengono raccomandati a intervalli variabili. Se distruggi lo sperma di un uomo per tre mesi ogni volta che riceve un vaccino COVID, riduci significativamente la probabilità che abbia un figlio per buona parte di un dato anno.

 

 

In corso un massiccio spopolamento

Che sia accidentale o intenzionale, il fatto è che ora stiamo assistendo a un brusco calo dei nati vivi insieme a un altrettanto improvviso aumento delle morti in eccesso tra gli adulti. Il risultato finale sarà una riduzione della popolazione mondiale.

 

Sembra inevitabile a questo punto e la tempistica di queste tendenze corrisponde al rilascio di queste iniezioni sperimentali di trasferimento genico COVID. Ad esempio, la Germania ha recentemente pubblicato dati che mostrano un calo del 10% del tasso di natalità durante il primo trimestre del 2022.

 

 

Il grafico del tasso di natalità in tempo reale per la Svezia sembra più o meno lo stesso:

 

 

Anche altri Paesi stanno assistendo a riduzioni inaspettate del tasso di natalità, a nove mesi dall’inizio della campagna di vaccinazione di massa contro il COVID. 

 

Tra gennaio e aprile 2022, il tasso di natalità della Svizzera è stato del 15% inferiore al previsto, quello del Regno Unito del 10% e quello di Taiwan del 23%.

 

In un articolo di Counter Signal del 5 luglio 2022, Mike Campbell ha riportato le preoccupazioni espresse dal deputato ungherese Dúró Dóra durante un discorso parlamentare:

 

«A gennaio di quest’anno è successo qualcosa che non accadeva da decenni. Il tasso di natalità è diminuito del 20% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. E ciò che è ancora più preoccupante è che anche la fertilità è diminuita, cosa che non si vedeva dal 2011…»

 

«[Un] ricercatore presso il KRTK Institute of Economics sottolinea che questo drastico calo è avvenuto solo nove mesi dopo l’inizio delle vaccinazioni di massa COVID in Ungheria».

 

Dopo aver approfondito la questione, Campbell ha scoperto che nei cinque Paesi con la più alta assunzione di vaccini COVID, la fertilità è diminuita in media del 15,2%, mentre i cinque paesi con la più bassa assunzione del vaccino COVID hanno visto una riduzione media di appena il 4,66%. 

 

Anche gli Stati Uniti mostrano segni di un calo dei nati vivi.

 

I dati provvisori del North Dakota mostrano un calo del 10% a febbraio 2022, una riduzione del 13% a marzo e una riduzione dell’11% ad aprile, rispetto ai mesi corrispondenti del 2021.

 

Di seguito è riportato un grafico di Birth Gauge su Twitter che confronta i dati sulla nascita dal vivo per 2021 e 2022 in un gran numero di Paesi.

 

Assumiti la responsabilità della tua salute

In questo momento, le donne non vengono avvertite dei rischi di aborto spontaneo, irregolarità mestruali e potenziali problemi di fertilità e nati morti, anche se tutti questi segnali di sicurezza sono palesemente evidenti. 

 

Come specialista ostetrico-ginecologo, il dottor James Thorp, ha dichiarato a The Epoch Times nell’aprile 2022:

 

«Ho visto molte, molte, molte complicazioni nelle donne in gravidanza, nelle mamme e nei feti, nei bambini, nella prole, nella morte del feto, nell’aborto spontaneo, nella morte del feto dentro la mamma… Quello che ho visto negli ultimi due anni è senza precedenti».

 

Tragicamente, i medici sono sottoposti a un ordine di bavaglio in tutto il mondo. Allontano i pazienti dai vaccini COVID rischiando di perdere la licenza medica. Questo mette i pazienti in una situazione incredibilmente rischiosa, poiché la maggior parte si affida ai loro medici per dire loro la verità. 

 

Pochi si aspettano che i medici mentano o nascondano loro informazioni salvavita semplicemente per proteggere la propria carriera. Quindi, siamo in tempi senza precedenti in più di un modo.

 

Ciò significa che non hai scelta, in realtà, se non quella di fare le tue ricerche e valutare i rischi nel miglior modo possibile. Ci sono tonnellate di dati là fuori: dati che i media mainstream non toccheranno e, se lo fanno, insistono ancora che gli eventi avversi non sono un segno di pericolo. In tali situazioni, devi semplicemente indossare il tuo limite di pensiero e pensarci bene.

 

Al 15 luglio 2022, il Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS) statunitense aveva registrato 1.350.947 segnalazioni di eventi avversi a seguito del vaccino COVID, inclusi 29.635 decessi, e ci sono prove che le segnalazioni vengono cancellate dal sistema a migliaia. Puoi saperne di più leggendo «Migliaia di morti e reazioni avverse cancellate da VAERS».

 

I segnali di sicurezza provenienti dai vaccini COVID superano qualsiasi altra cosa nella storia medica. Nessun farmaco o vaccino è mai stato associato a tante lesioni e decessi, inclusi danni ai nascituri.

 

A questo punto, sembra che stiamo assistendo a un certo evento di spopolamento.

 

La domanda allora è: sei disposto ad accettare i rischi?

 

Sei disposto a rischiare la tua fertilità, anche se solo temporaneamente?

 

Sei disposto a rischiare la vita del tuo bambino?

 

Sei disposto a rischiare la tua stessa vita?

 

In caso contrario, la risposta è semplice. Non fare il vaccino e se ne hai già fatti uno o due (o tre), non farne mai più un altro.

 

 

Joseph Mercola

 

 

 

Pubblicato originariamente da Mercola .

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

 

Continua a leggere

Epidemie

Dimostrazione visiva dell’efficacia delle mascherine

Pubblicato

il

Da

Impressionante dimostrazione scientifica dell’efficacia delle mascherine in un filmato risalente allo scorso inverno.

 

Grazie alle basse temperature, un anonimo signore procede a valutare la validità dell’uso delle mascherine visualizzando il vapore acqueo in uscita dalla bocca.

 

L’esperimento comprende quattro varianti: una mascherina chirurgica, due mascherine chirurgiche. Poi, una mascherina di stoffa, due mascherine di stoffa, una sopra l’altra.

 

 

Come riportato da Renovatio 21, nel 2020 alcuni «esperti» arrivarono a raccomandare quattro mascherine  una sopra l’altra.

 

Il dottor Fauci si disse non in disaccordo con l’indossare maschere multiple.

 

Non perderemo tempo a parlare dell’inutilità e dei rischi di salute sull’uso delle mascherine, delle cui evidenze scientifiche emerse abbiamo scritto tante volte, con riguardo speciale per i danni ai bambini. (Qualcuno ricorda il caso dei lotti ritirati nelle scuole italiane?)

 

Colpiscono le immagini finali: con due maschere, l’essere umano diventa praticamente una caffettiera. Forse questo è il senso di tutta l’operazione di modifica genica dell’umanità per tramite della più grande campagna di vaccinazione della storia e la prima volta di un uno massivo di un farmaco genetico: forse il fine è quello di trasformarci in una caffettiera.

 

Bene così: poteva capitarci quello che ipotizzò il presidente brasiliano Jair Messias Bolsonaro, ossia la trasformazione, dopo l’iniezione di siero genico, in caimani jacaré.

 

Del resto lo aveva detto anche Elon Musk: con l’mRNA puoi fare qualsiasi cosa – è la sostanza che trasforma i bruchi in farfalle. Ora è nel corpo di miliardi di individui.

 

Ecco: meglio la caffettiera umana che qualche altra trasformazione che non abbiamo ancora ben capito.

 

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari