Connettiti con Renovato 21

Fertilità

Vaccino, l’effetto collaterale del sanguinamento uterino preoccupa l’inventore della tecnologia mRNA

Pubblicato

il

 

 

 

«Sento continuamente di parlare di dismenorrea e di «flusso pesante» come effetto collaterale del vaccino. Il fatto è che il «flusso pesante» può effettivamente essere un aborto spontaneo occulto. Questo evento avverso sembra essere totalmente trascurato da CDC e FDA. Sono preoccupato. Questo riguarda la riproduzione», ha twittato il dottor Robert Malone il 4 luglio.

 

L’inventore della tecnologia mRNA, che è alla base di almeno due dei vaccini COVID, ha affermato di essere preoccupato per il numero di donne che riferiscono di sanguinamento uterino eccessivo come effetto collaterale del vaccino.

 

Il dottor Robert Malone ha affermato che l’emorragia uterina a «flusso pesante» può effettivamente essere il risultato di un «aborto spontaneo occulto», ovvero un aborto spontaneo che si verifica nelle prime fasi della gravidanza, con la donna ancora ignara di essere incinta

In un tweet del 4 luglio 2021, il dottor Robert Malone ha affermato che l’emorragia uterina a «flusso pesante» può effettivamente essere il risultato di un «aborto spontaneo occulto», ovvero un aborto spontaneo che si verifica nelle prime fasi della gravidanza, con la donna ancora ignara di essere incinta.

 

In un altro tweet dello stesso giorno, Malone ha nuovamente affermato di essere stato contattato da donne che hanno fatto un vaccino COVID e che ora stanno avendo un’eccessiva emorragia uterina. 

 

Il dottor Malone è uno scienziato riconosciuto a livello internazionale nei settori della virologia, dell’immunologia e della biologia molecolare. Ha vent’anni di esperienza di leadership in industrie farmaceutiche e biotecnologiche, università e organizzazioni governative e non governative.

 

Ha quasi 100 pubblicazioni sottoposte a revisione paritaria e ha recentemente acquisito ulteriore notorietà poiché ha iniziato a mettere in discussione pubblicamente la narrativa sulla distribuzione del vaccino mRNA ai bambini.

Al 25 aprile 2021  25.000 donne avevano risposto al loro sondaggio online e riportato storie di mestruazioni interrotte e anormali dopo essere state vaccinate contro il COVID

 

Malone non è l’unico preoccupato per la marea crescente di donne che segnalano problemi mestruali. Sia la dott.ssa Katherine Lee, ricercatrice post-dottorato nella divisione dei servizi di sanità pubblica presso la Washington University School of Medicine di St. Louis, sia la collega dott.ssa Kathryn Clancy, professore associato presso l’Università dell’Illinois Urbana-Champaign, hanno ricevuto un vaccino COVID e hanno avuto un sanguinamento mestruale anormale. +

 

Insieme hanno iniziato ulteriori ricerche sugli effetti collaterali mestruali di questo vaccino. Al 25 aprile 2021, secondo il DailyMail, 25.000 donne avevano risposto al loro sondaggio online e riportato storie di mestruazioni interrotte e anormali dopo essere state vaccinate contro il COVID.  

 

Nel Regno Unito, il programma di segnalazione Yellow Card, ha registrato 2.233 segnalazioni di «disturbi riproduttivi e del seno» dopo che le donne hanno subito  l’inoculazione dei sieri AstraZeneca e Pfizer. Il sistema ha riportato, al 5 aprile, 1.465 reazioni che hanno coinvolto il sistema riproduttivo femminile, 19 «aborti spontanei», 5 travagli prematuri e 2 nati morti. 

 

I rapporti includevano:

 

Nel Regno Unito, il programma di segnalazione Yellow Card, ha registrato 2.233 segnalazioni di «disturbi riproduttivi e del seno» dopo che le donne hanno subito  l’inoculazione dei sieri AstraZeneca e Pfizer. Il sistema ha riportato, al 5 aprile, 1.465 reazioni che hanno coinvolto il sistema riproduttivo femminile, 19 «aborti spontanei», 5 travagli prematuri e 2 nati morti

  • 255 casi di sanguinamento uterino anomalo
  • 242 segnalazioni di insolito dolore e gonfiore al seno
  • 182 donne che hanno avuto mestruazioni assenti o ritardate
  • 175 casi di mestruazioni abbondanti
  • 165 casi di emorragia vaginale
  • 55 segnalazioni di gonfiore genitale, lesioni, eruzioni cutanee o ulcerazioni
  • 19 casi di emorragia postmenopausale
  • 12 casi di menopausa precoce o «artificiale»

 

I Centers for Disease Control and Prevention (CDC) affermano che «sono disponibili dati limitati sulla sicurezza dei vaccini COVID-19 per donne in gravidanza». Tuttavia, nonostante ciò, il CDC raccomanda che «se sei incinta, puoi ricevere un vaccino contro il Covid-19». Affermano che «le donne incinte e recentemente incinte hanno maggiori probabilità di ammalarsi gravemente di Covid-19 rispetto alle donne che non son o in stato interessante».

 

Secondo il sito web Pfizer, i «dati disponibili sul vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19 somministrato a donne in gravidanza sono insufficienti per informare sui rischi associati al vaccino in gravidanza. Se sei incinta, parlane e confrontati con il tuo medico».

 

In Italia, secondo segnalazioni arrivate a Renovatio 21, alcuni enti sanitari e professionali non stanno considerando pienamente i rischi segnalati almeno dallo scorso dicembre, pretendendo la vaccinazione di tutte le donne, anche in fase di allattamento.

In Italia, secondo segnalazioni arrivate a Renovatio 21, alcuni enti sanitari e professionali non stanno considerando pienamente i rischi segnalati almeno dallo scorso dicembre, pretendendo la vaccinazione di tutte le donne, anche in fase di allattamento.

 

Ci è stato inoltre segnalato che alcuni siti hanno indicato come possibile disinformazione gli articoli di Renovatio 21 che discutevano dell’impatto del vaccino sulla fertilità e sull’opportunità di vaccinare le donne in gravidanza.

 

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Fertilità

Un lato ancora più oscuro delle «frodi della fertilità» negli anni ’60 e ’70

Pubblicato

il

Da

 

 

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

Dispacci dalla Rivoluzione Riproduttiva. La frode sulla fertilità sta diventando una storiella, ma solo per la cronaca, una donna di Louisville, nel Kentucky, ha scoperto di recente che il ginecologo di sua madre, il dottor Marvin Yussman, ha usato il proprio sperma quando ha richiesto l’inseminazione artificiale nel 1975.

 

Utilizzando siti di genealogia online, Erin Crowder ha scoperto di avere almeno sette fratellastri. Sua madre, Susan Crowder, 73 anni, ha definito la condotta di Yussman «irragionevole e depravata».

 

Il dottor Yussman, ora in pensione, ha ammesso di aver usato il proprio sperma per inseminare pazienti «circa una mezza dozzina di volte».

 

«Si inserisce nel tuo albero genealogico, inserisce il suo seme nel tuo corpo, quindi non è solo una violazione fisica, è una violazione genetica»

La dottoressa Jody Madeira , esperta in frodi sulla fertilità all’Università dell’Indiana, afferma che questo è altamente immorale. «Si inserisce nel tuo albero genealogico, inserisce il suo seme nel tuo corpo, quindi non è solo una violazione fisica, è una violazione genetica».

 

Il caso Yussman è un tipico esempio di frode dellafertilità. Ma un’exposé su The Guardian suggerisce che alcuni medici avevano pratiche ancora più perverse e insensibili.

 

Alcuni medici non solo ingannavano le donne, ma anche gli uomini. La giornalista Jenny Kleeman ha scoperto diversi casi in cui gli uomini hanno dato campioni di sperma per i test di fertilità che medici senza scrupoli negli anni ’60 e ’70 usavano segretamente per alcuni dei loro pazienti. In altre parole, il loro sperma è stato rubato.

 

«Le cliniche dicevano o facevano qualsiasi cosa per ottenere il business»

«Le cliniche dicevano o facevano qualsiasi cosa per ottenere il business», osserva un uomo che è diventato un detective dilettante di donatori di sperma.

 

«Pensavano che qualunque cosa avessero detto probabilmente non sarebbe mai tornata indietro».

 

Le storie della loro prole sono strazianti. Una ricerca online di un padre donatore di sperma mostra che un uomo anziano è quasi certamente il padre. Quando viene finalmente contattato, nega – sinceramente – di aver mai donato lo sperma.

 

Una donna ha commentato: «In realtà non mi considero più una concepita da donatore. Mio marito lo chiama “conce-derubata da donatore”. Mi sembra di appartenere a un’altra categoria. E ci devono essere molte altre persone in questa categoria».

 

Come nota a piè di pagina, Kleeman ha intervistato Michael Beeney, uno studente di medicina che ha donato regolarmente alla clinica di Harley Street del dottor Reynold H. Boyd.

 

«È probabile che Beeney abbia generato centinaia di bambini, ma non ha mai messo il suo DNA in nessun database in modo che possano trovarlo»

«È probabile che Beeney abbia generato centinaia di bambini, ma non ha mai messo il suo DNA in nessun database in modo che possano trovarlo. “Potrebbe causare ogni sorta di problemi emotivi”, dice. “All’epoca, non credo che nessuno di noi ci abbia pensato. Lo scopo principale era ottenere denaro”».

 

Centinaia di bambini? Il dottor Beeney, ora in pensione, ha scritto un romanzo appassionante, Children of Eden, che attinge alla sua esperienza come donatore e medico.

 

«Coloro che sono coinvolti nel business dell’infertilità non regolamentata degli anni ’70 – donatori, pazienti e prole allo stesso modo – potrebbero aver bisogno di rivalutare le conseguenze della parte che hanno giocato dopo aver letto questa storia», afferma la pubblicazione.

 

 

Michael Cook

Direttore di Bioedge

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Continua a leggere

Fertilità

La corte d’appello di Londra ribalta la storica sentenza sulla transizione di genere

Pubblicato

il

Da

 

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

 

 

Un caso storico britannico sul trattamento dei transgender per i minori di 16 anni è stato ribaltato.

 

Il Tavistock Trust, che gestisce l’unico servizio di sviluppo dell’identità di genere (GIDS) del Regno Unito, ha vinto un ricorso contro una sentenza dell’Alta Corte del 2020.

 

I medici possono ora giudicare da soli se i bambini sotto i 16 anni possono dare il consenso informato ai bloccanti della pubertà, senza chiedere il permesso a un giudice.

 

I medici possono ora giudicare da soli se i bambini sotto i 16 anni possono dare il consenso informato ai bloccanti della pubertà, senza chiedere il permesso a un giudice

La decisione della Corte d’Appello ribalta la decisione dell’Alta Corte secondo cui i minori di 16 anni non avevano la capacità di dare il consenso informato ai bloccanti della pubertà.

 

I giudici hanno riconosciuto «le difficoltà e le complessità» della questione, ma hanno affermato che «spetta ai clinici esercitare il proprio giudizio sapendo quanto sia importante che il consenso sia correttamente ottenuto in base alle particolari circostanze individuali».

 

Un portavoce del Tavistock ha dichiarato ai media:

 

«La sentenza sostiene i principi legali stabiliti che rispettano la capacità dei nostri medici di impegnarsi attivamente e premurosamente con i nostri pazienti nelle decisioni sulla loro cura e sul loro futuro. Afferma che spetta ai medici, non ai giudici, decidere sulla capacità dei minori di 16 anni di acconsentire alle cure mediche».

 

«È una fantasia profondamente preoccupante che qualsiasi medico possa credere che un bambino di 10 anni possa acconsentire alla perdita della propria fertilità»

Keira Bell, una giovane donna che ha intrapreso la transizione verso un maschio all’età di 16 anni, è stata il volto umano del caso contro la clinica di genere Tavistock.

 

Dice di essere molto delusa dalla decisione e chiederà il permesso di appellarsi alla corte suprema, «Una conversazione globale è iniziata ed è stata plasmata da questo caso», ha detto.

 

«C’è altro da fare. È una fantasia profondamente preoccupante che qualsiasi medico possa credere che un bambino di 10 anni possa acconsentire alla perdita della propria fertilità».

 

 

Michael Cook

Direttore di Bioedge

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Immagine screenshot da YouTube

Continua a leggere

Cancro

Dott. McCullough: «infertilità e cancro possibili conseguenze del vaccino»

Pubblicato

il

Da

 

 

Come riportato da Renovatio 21, in una intervista dello scorso luglio con l’avvocato tedesco Reiner Fuellmich, il dottor Peter McCullough – cardiologo texano di chiara fama – ha parlato del sistema del nuovo vaccino come di «bioterrorismo propagato per iniezione».

 

Nella stessa intervista il cardiologo americano ha espresso preoccupazione riguardo al fatto che gli attuali vaccini sperimentali COVID-19 possano sterilizzare i giovani, favorire il cancro  – oltre a poter essere forse chiamati in causa per una cifra di morti che va da 50.000 a 70.000nei soli Stati Uniti.

 

Nell’intervista il medico discute di come alcuni dati della Cleveland Clinic insieme ad altri studi rivelerebbero che dal 30% al 50% «delle persone che sono già immuni, naturalmente immuni», stanno ancora ricevendo il vaccino. 

«Ho molta paura, in base a ciò che abbiamo appreso, solo dalle prime iniezioni, che interagiscono con p53 e BRCA [gene del cancro al seno], che alla fine potrebbero portare al cancro. Potrebbero portare a tumori»

 

Poiché non vi è alcun motivo medico, clinico o di sicurezza per l’iniezione di questi agenti biologici a tali persone, rivela che «il vaccino è artificioso. Tutta questa cosa è inventata. Dovrebbe essere molto ovvio. Ora il CDC ha cambiato la soglia del ciclo PCR per abbassarla, quindi ci saranno meno casi». Quindi sembrerà come se il vaccino riducesse casi e decessi.

 

Nell’osservare altri dati, McCullough teme anche la possibilità che queste nuove iniezioni sperimentali di terapia genica possano favorire il cancro e portare all’infertilità nei giovani:

 

«Ho molta paura, in base a ciò che abbiamo appreso, solo dalle prime iniezioni, che interagiscono con p53 e BRCA [gene del cancro al seno], che alla fine potrebbero portare al cancro. Potrebbero portare a tumori» dichiara il medico.

 

Inoltre, ha spiegato, «i giapponesi ci hanno già mostrato che le particelle lipidiche si concentrano nelle ovaie. Potrebbero essere sterilizzanti? Se hai detto che questo è tutto un programma della Gates Foundation per ridurre la popolazione, si adatta abbastanza bene a quell’ipotesi».

«I giapponesi ci hanno già mostrato che le particelle lipidiche si concentrano nelle ovaie. Potrebbero essere sterilizzanti? Se hai detto che questo è tutto un programma della Gates Foundation per ridurre la popolazione, si adatta abbastanza bene a quell’ipotesi»

 

«La prima ondata è stata quella di uccidere gli anziani a causa dell’infezione respiratoria. La seconda ondata è prendere i sopravvissuti, prendere di mira i giovani e sterilizzarli. Se noti, il messaggio nel paese, negli Stati Uniti, è che non sono nemmeno interessati agli anziani ora. Vogliono i bambini…. Una tale attenzione per i bambini», ha sottolineato McCullough.

 

Come riportato da Renovatio 21, McCullough in passato ha già condannato con parole chiarissime la bizzarra, totale mancanza di protocolli di cure precoci al COVID:

 

«Forse uno dei più grandi crimini di tutta questa pandemia è il rifiuto da parte delle autorità sanitarie in carica di emettere una guida per il trattamento precoce. Invece, hanno fatto tutto il possibile per sopprimere i rimedi che hanno dimostrato di funzionare, che si tratti di corticosteroidi, idrossiclorochina (HCQ) con zinco, ivermectina, vitamina D o NAC».

 

In un’altra occasione, il cardiologo aveva altresì dichiarato che «le morti legate alla vaccinazioni sono dieci volte il numero ufficiale».

 

«La prima ondata è stata quella di uccidere gli anziani a causa dell’infezione respiratoria. La seconda ondata è prendere i sopravvissuti, prendere di mira i giovani e sterilizzarli. Ora vogliono i bambini»

McCullough è altresì contrario alle politiche dei tamponi attuate dagli Stati e dagli enti sanitari: «non ci dovrebbe essere una singola persona sulla terra che si sottopone al test da asintomatico, o che vi si sottopone secondo una routine».

 

Egli sostiene che «l’immunità naturale è robusta, completa e duratura» anche nei confronti delle varianti.

 

«Le varianti non penetrano l’immunità naturale… In questo momennto le persone che hanno l’immunità naturale non stanno prendendo la variante Lambda, Delta, Epsilon»

 

A differenza di ministri e virologi social-TV, McCullough è ottimista: «il COVID-19, e non è importante quale sia variante, è facilmente curabile a casa»

 

 

 

 

Immagine screenshot da YouTube

Continua a leggere

Più popolari