Connettiti con Renovato 21

Necrocultura

Perché le grandi imprese vogliono l’aborto?

Pubblicato

il

Il caos scaturito dal ribaltamento della sentenza Roe v. Wade da parte della Corte Suprema americana – ossia, la fine dell’era dell’aborto considerato diritto con copertura costituzionale implementabile a livello federale – sta portando a galla moltissime cose.

 

È stato notato come siano cambiato i linguaggi, e le immagini, usati dal fronte abortista: prima si tendeva a cancellare del tutto il fatto biologico, l’aborto nella sua essenza materiale, per eliminare ogni riferimento all’omicidio del bambino. Oggi invece, come vediamo da innumerevoli video finiti in rete, gli abortisti rivendicano apertamente – e con ghigno sprezzante – l’uccisione dei bambini.

 

Gli abortisti stanno attaccando centri di aiuto alla maternità e pure chiese cattoliche durante la Santa Messa – emerge quindi che, a differenza dei genitori di bambini contrari al gender a scuola considerati domestic terrorists dall’FBI, se è per il feticidio, il terrorismo (con tanto di bandiere bruciate) è tollerato dagli USA e dagli arbitri morali della Nazione.

 

Sono saltati fuori idoli conservatori che ora si dicono talmente sconvolti dalla fine dell’aborto che dicono che ora sono disposti a votare democratico: è il caso del fondatore del popolare sito Barstool sports David Portnoy, divenuto per qualche ragione importante per una certa area giovane di Partito Repubblicano e dintorni. (Il ragazzo è già finito in qualche controversia sessuale, forse pure fatta per incastrarlo)

 

Molti nodo stanno venendo al pettine.

 

Ad esempio – tema su cui in tanti anni non abbiamo sentito nulla – il ruolo che le aziende private hanno nella questione dell’aborto.

 

Il giornalista americano Tucker Carlson lo ha spiegato mirabilmente in un monologo visto la settimana scorsa alla TV americana.

 

«Non è semplicemente un attacco esplicito alla legittimità del terzo ramo del governo, la Corte Suprema. Non è solo un attacco al diritto delle persone di autogovernarsi. È qualcosa di più grande di questo. Quello che vedete è un attacco coordinato alla famiglia e ai bambini».

 

«Le persone a queste proteste sono arrabbiate all’idea che i bambini stiano nascendo. Guarda cosa sta succedendo. Non è certo un’esagerazione. Ecco una fotografia s(…)  di questo fine settimana. È stata fatta fuori dalla Corte Suprema. Mostra una madre che umilia i suoi figli in pubblico, il che implica che sono un peso per lei perché sono ancora in vita. Abbiamo visto cose del genere ovunque e proteste a favore dell’aborto spesso sotto gli occhi dei bambini».

 

Carlson ha quindi mostrato un’immagine che anche Renovatio 21 ha pubblicato, quella di una madre abortista con dei bambini e il cartello «non forzate questo su nessuno».

 


 

«Allora, di cosa si tratta, esattamente? Che dire che il pensiero di avere figli rende queste persone così arrabbiate? Da dove viene un atteggiamento del genere?» si chiede il giornalista statunitense.

 

«Ebbene, a quanto pare, quell’atteggiamento viene dallo stesso punto in cui il Partito Democratico ora ottiene tutti i suoi atteggiamenti, direttamente dall’America delle multinazionali».

 

«Corporate America [cioè, l’America della grandi aziende, ndr] ti vuole senza figli e questo è un grande cambiamento. Cento anni fa le grandi aziende costruivano alloggi per le famiglie dei propri dipendenti e poi scuole e biblioteche per educarli. Era una cosa umana da fare, ma all’epoca sembrava anche una cosa di buon senso per gli affari».

 

È vero. Quanti esempi, anche in Italia, di questo tipo: intere industrie, costruite lungo quasi due secoli, dove i «padroni» e, fino a un certo punto, le generazioni di discendenti, conoscevano tutti gli operai e le loro famiglie, dava loro una casetta (una casetta, attenzione: non un appartamento in un alveare) e magari pure un pezzettino di giardino su cui fare l’orto.

 

Tuttavia, quel paradigma è finito.

 

«Se volevi lavoratori su cui poter contare, dovevi prenderti cura di loro e della loro prole, ma nel tempo quell’accordo è diventato costoso».

 

«I dipendenti con famiglie chiedevano salari più alti per mantenere i propri figli e, in molti casi, formavano sindacati per ottenere quegli aumenti. Quindi, il costo del lavoro è aumentato vertiginosamente».

 

«Quindi l’America delle grandi aziende, in risposta a ciò, ha sviluppato un nuovo modello: assumere donne single. In molte grandi aziende, compreso il settore bancario tradizionalmente maschile, le giovani donne ora costituiscono la maggioranza dei nuovi dipendenti e puoi capire perché lo fanno. Lavorano sodo, sono affidabili. Tendono ad essere fedeli alle aziende per cui lavorano».

 

Con una controindicazione: «l’unico aspetto negativo dell’assunzione di giovani donne è che possono rimanere incinte».

 

Esempio concreto:

«Se gestisci il dipartimento delle risorse umane di Citibank, questa è l’ultima cosa che desideri. I figli rendono il tuo piano sanitario più costoso. Peggio ancora, tendono a competere con l’attenzione del dipendente. Rispondere alle e-mail dopo il lavoro sembra meno urgente per la maggior parte delle neomamme che mettere a letto i propri figli».

 

Per cui, logicamente, «questo è un grosso problema per le grandi aziende, quindi hanno tutti gli incentivi per impedire ai loro lavoratori di avere figli».

 

Il baratto esistenziale a cui sono costrette le donne, se visto nella sua essenza, è orrendo, spaventoso.

 

«Non puoi dirlo ad alta voce, ovviamente. Sarebbe troppo ovvio. Dacci gli anni migliori della tua vita e in cambio ti pagheremo quello che è effettivamente un salario di sussistenza in qualunque inferno urbano troppo costoso in cui risiediamo e poi ti prenderemo l’unica cosa che potrebbe dare alla tua esistenza un significato e gioia nella mezza età , che è avere figli».

 

«Questo è l’affare che stiamo offrendo. Questo è l’accordo che stanno offrendo, ma non possono dirlo. Sembrerebbe proprio che questo sia sfruttamento. Uno sfruttamento non peggiore di quello delle ragazze di 14 anni che lavoravano nei campi di cotone».

 

Proprio così: il lavoro femminile diviene l’esatto contrario di ciò che crede di essere – non emancipazione, ma sottomissione. La parità dei sessi ha prodotto nella donna qualcosa di terrificante, una schiavitù biologica che mai la storia umana aveva visto prima.

 

«Quindi, invece di dire questo, che è la verità, l’America delle grandi aziende usa il linguaggio del movimento sociale che ha creato, il femminismo, per trasformare l’intero accordo come una sorta di movimento di liberazione progressista. “Combatti il ​​patriarcato. Abortisci. Non ha nulla a che fare con l’abbassamento del nostro costo del lavoro, lo promettiamo”. Ma ovviamente, ha tutto a che fare con l’abbassamento dei loro costi di manodopera».

 

Carlson ha qui il coraggio non solo di denunciare l’infelice falsità del femminismo, ma pure le sue origini: il femminismo è stato creato dal grande Capitale.

 

Ecco spiegata anche l’ora presente, con le multinazionali che asseriscono non solo il loro favore al figlicidio, ma anche la disponibilità a pagarlo col danaro aziendale.

 

«In tutto il Paese stanno usando questo argomento: l’aborto come liberazione. Molte delle più grandi aziende americane stanno ora pagando dipendenti donne per abortire, per porre fine alle loro gravidanze. Ciò includerebbe Microsoft e Apple, Facebook, Yelp, Netflix, Comcast, Goldman Sachs, Citibank, JP Morgan, Nike, Starbucks, etc.».

 

C’è quindi l’esempio della catena di articoli sportivi Dick’s Sporting Goods, che «offre alle dipendenti  fino a 4.000 dollari se abortiscono. L’azienda offre lo stesso importo alle dipendenti donne che desiderano avere figli?»

 

In pratica, aziende senz’anima hanno deciso che privare i dipendenti di una vita personale – cioè, ad un certo punto, di una famiglia – li rende più produttivi, e più economici.

 

Questo è ciò che è successo in tutto il mondo, ma piuttosto che metterlo in discussione o resistergli, il pubblico progressista, magari dotato pure di un’istruzione universitaria, «annuisce in un vigoroso accordo bovino e poi diventa completamente isterico quando qualcuno suggerisce che forse c’è un altro modo di vivere,» dovere «avere figli potrebbe essere più gratificante come scelta di vita rispetto a fare il pendolare in una baraccopoli con i mezzi pubblici per farsi strada fino ai quadri intermedi della Deutsche Bank».

 

Conosciamo i tanti benefit che lo stile di vita creato dal capitale offre: weekend Ryanair in giro per il mondo, migliaia di ore di Netflix con cui narcotizzarsi, sesso occasionale potenzialmente con chiunque e qualsiasi cosa, il consumo di cultura (concerti, libri che ti fanno sentire intelligente), il miraggio del benessere tra l’Ikea e l’auto a rate, magari qualche droga illegale, o pure qualche droga legale (una bella dose di barbiturici, di benzodiazepime, di SSRI, a chi vogliamo negarla?).

 

Oramai chiunque sa che tutte queste cose nemmeno lontanamente coprono quel vuoto invincibile che entra nelle vite di chi è senza figli.

 

Strumenti di distrazione esistenziale di massa – in realtà, strumenti massivi di sterilizzazione.

 

Questo ci porta alla scelta esistenziale di milioni di persone ipnotizzate dallo Stato delle Multinazionali e dalla sua «etica» artificiale, da cui non è possibile dissentire.

 

Come nota Tucker: «scegliere una famiglia al posto di servire capitalismo globale? È disgustoso, stai zitto».

 

Diciamo che, a questo punto dell’articolo, molte cose dovrebbero essere più chiare – anche qui in Italia.

 

Forse ricorderete le prime pagine dei quotidiani italiani dopo la sentenza della Corte Suprema americana.

 

Il Corriere: «Obama è un attacco alla libertà» «Biden: tragico errore, siamo gli unici al mondo».

 

Il Messaggero (di proprietà del gruppo Caltagirone): «Aborto USA, diritto negato».

 

La Stampa di Torino (cioè, degli Agnelli): «L’America che odia le donne».

 

La Repubblica (sempre degli Agnelli): «Shock in America, l’aborto non è più un diritto».

 

Domani (di Carlo de Bendetti): «Cancellato il diritto all’aborto. Gli USA tornano indietro di 50 anni».

 

La pubblicazione dell’ebreo ora svizzero riassumeva bene, con più coraggio, quello che tutti i giornali stavano cercando di scrivere: la protezione dei non nati come  «regressione» della società moderna. La fine dell’aborto, per le gazzette oramai prive di lettori materiali, è un flagello mai visto.

 

E adesso, chiedetevi: a chi appartengono i grandi giornali italiani? A grandi gruppi industriali, a gruppi finanziari, qualcuno appartiene a Confindustria, in alcuni casi ci sono state dietro direttamente le banche.

 

Ecco perché diciamo, una volta per tutte, che l’unica vera battaglia proletaria è quella per la vita. La battaglia proletaria è naturaliter contro l’aborto.

 

Perché, etimologicamente, i proletari sono coloro che hanno i figli, forse hanno solo quelli: eccoci, siamo noi, ci riconosciamo pienamente nella definizione.

 

Noi amiamo i nostri figli, noi ci commuoviamo alla nascita dei bambini, consideriamo sia la più sacra necessità dell’universo.

 

Non permetteremo mai – mai! – che il capitalismo terminale, le sue filosofie funebri e i suoi eserciti atlantici, ce li portino via.

 

Donne, uomini, svegliatevi: siate pronti alla guerra proletaria contro il Capitale globale della Necrocultura.

 

 

Roberto Dal Bosco

 

 

Necrocultura

Ai politici non importa nulla del vostro voto. Dovreste averlo capito

Pubblicato

il

Da

Questa foto è stata presa in una città dell’Alta Italia ieri sera. Tuttavia, a quanto ci scrivono i lettori, la medesima scena può essere scattata in ogni parte del Paese, in ogni angolo urbano ed extraurbano.

 

Ovunque vi siano spazi per le affissioni elettorali, quelli sono rimasti vuoti.

 

Le pubblicità elettorali dei partiti sono sparite. O meglio, quest’anno, per un’elezione che sulla carta dovrebbe essere decisiva per le sorti della Nazione, non sono mai partite.

 

Non siamo i soli a notarlo. Sull’argomento sono iniziate prima le lettere ai giornali locali, poi qualche timido articolo sulla stampa. Tuttavia, non ci sembra davvero che si colga il valore di questo segno inedito.

 

Pannelli vuoti, vuotissimi. Rimane solo il riflesso metallico dell’osservatore: che proprio questo sia il messaggio? Rimandare al popolo un’immagine opaca ed incomprensibile di se stesso? Di mostrarlo come un enigma visto attraverso uno specchio scuro?

 

Ammettiamo: non avevamo mai visto il metallo sotto i poster elettorali.

 

 

Ricordate? Fino a qualche anno fa si aveva il problema contrario. I partiti – tutti – piazzavano poster anche dove non potevano. Venivano talvolta puniti con una pecetta che le autorità gli piazzavano sopra, che recitava qualcosa come «affissione abusiva», o giù di lì.

 

Ora avviene il contrario. I partiti non vogliono occupare alcuno spazio. Tecnicamente, non vogliono comunicare con i propri elettori. E non stiamo solo parlando del grado zero della propaganda elettorale che è il poster stradale: vi facciamo una domanda rapida, quanti comizi avete visto nelle vostre città? Avete visto palchetti con i candidati (i fortunati sfuggiti all’orrenda strage dei parlamentari votata da PD e 5 stelle) che si presentano e vi chiedono il voto? Avete visto qualche grande leader calare perfino nella vostra piccola cittadina, esausti dopo tour in cui magari parlano in dieci posti diversi in un giorno, e prendersi almeno gli applausi dei militanti zonali?

 

Avete visto dalle vostre parti Letta, Berlusconi, Conte, Salvini, la Meloni?

 

Non diciamo niente di originale se ci spieghiamo la cosa semplicemente con il fatto che ai partiti non frega più nulla degli elettori.

 

Alla politica non importa più nulla di voi. Dovreste averlo capito.

 

Ogni interfaccia, perfino i manifesti elettorali, devono sparire: perché avere il popolo fra le scatole, quando alla fine si deve solo portare avanti un progetto dettato dall’alto (il «pilota automatico» di cui parlava Draghi) è una bella seccatura.

 

Il popolo potrebbe addirittura chiedere che si faccia il suo bene, o addirittura – anatema sit! – quello che vuole la gente, cioè quello per cui vota.

 

Meglio chiudere ogni finestra tra la politica e la società: chissà mai che quest’ultima possa entrare in casa dei partiti e rovinare il party.

 

La politica è divorziata dalla realtà, e lo sapevamo. È che molti si illudevano che per un po’ avrebbe finto che gli importasse di qualcosa. Non è più il caso.

 

La politica è divenuta una macchina in grado di vivere senza il suo padrone. Anzi, il padrone potrebbe essere divenuto un problema ingombrante, addirittura un avversario: figuratevi la Skynet di Terminator, una macchina che, divenuta senziente ed autosufficiente, considera l’umanità sua creatrice come il nemico da abbattere.

 

Non c’è molto da scherzare sull’argomento: su Renovatio 21 crediamo che questo sia esattamente il cuore dello Stato moderno, lo Stato dominato dalla Cultura della Morte.

 

Lo Stato moderno, lo Stato della Necrocultura non tende al bene dei suoi cittadini, tende alla loro distruzione. La sua sanità uccide vecchi, malati, nascituri e perfino persone che hanno avuto incidenti d’auto, che vengono immantinente squartati per predarne gli organi. La sua scuola insegna la confusione sessuale e famigliare. I suoi servizi sociali preparano i bambini a trattamenti sterilizzanti. La sua politica estera attacca i suoi stessi fornitori di energia, che pure dispongono del più grande arsenale termonucleare del pianeta. Le sue leggi sottomettono e alterano geneticamente la popolazione.

 

Quindi, non c’è molto da stupirsi se i suoi aspiranti kapò non vogliono rivolgervi la parola.

 

Voi siete il problema della politica moderna.

 

Voi, esseri umani, siete la variabile che potrebbe far fallire il piano di cui sperano di essere i maggiordomi.

 

Custodite al costo del sangue la vostra umanità.

 

Perché essa un giorno spazzerà via la boria di coloro che la disprezzano, al punto di nemmeno più chiedervi il voto, nemmeno più volervi stringervi la mano, guardarvi in faccia.

 

Fottetevene di loro – più di quanto loro se ne fottono di voi.

 

Preparatevi, trovate la pace interiore. L’ora si avvicina.

 

L’umanità trionferà su chi la vuole umiliare

 

È un programma che non ha bisogno di manifesti, sul quale non dovrete nemmeno votare. E sarà portato a termine dall’unico potere che conta: quello del Dio vivente.

 

 

Roberto Dal Bosco

 

 

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Alimentazione

State notando anche voi i campi incolti?

Pubblicato

il

Da

Chiediamo l’aiuto dei lettori, perché potrebbe essere solo una nostra impressione, e di numeri forniti da qualche ente per questo 2022 non abbiamo trovato traccia.

 

Si chiamano tecnicamente «campi a riposo», normalmente li chiamiamo «campi incolti». Quando li noti non fa un bell’effetto: erbacce, piante inutili che crescono in modo disordinato, indiscriminato, laddove prima invece c’era la regolarità di una coltivazione agricola.

 

Non più spighe dorate: erbacce verdastri, fiori indefinibili, gramigna.

 

Ci sta capitando spesso: quelli che eravamo abituati a vedere come campi coltivati, sono ora lasciati incolti. Possiamo dire che in tutti i casi non era mai successo nella vita. In questo 2022, sì.

 

Si tratterebbe di un segno inquietante, molto anche. Siamo abituati a vedere i centri storici dove chiudono negozi e cinema, e non riaprono più: rimane lo spazio vuoto, coltri drammatiche di polvere sulle vetrine dietro la serranda abbassata ad aeternum.

 

Ora, questo segno di chiusura biologica non lo avevamo ancora visto – e sono tanti anni che annotiamo i dettagli che mostrano sempre meno sommessamente la decadenza di questo Paese.

 

Chiediamo ai lettori: capita anche a voi? Vedete anche voi i campi incolti?

 

Se sì, ditecelo, mostratecelo. Scrivetecelo.

 

Noi non sappiamo che pensare. O meglio, abbiamo paura di pensarlo: siamo il sito che più di ogni altro vi ha parlato del ritorno della fame, che tanti enti oramai ritengono inevitabile.

 

Vi abbiamo parlato della sempre più bizzarra storia dei fertilizzanti, dell’aumento folle del loro e del fatto che in larga parte hanno ingredienti che vengono da Russia e Bielorussia). L’incremento di prezzo vertiginoso del fertilizzante un qualcosa che precede la guerra in Ucraina e che potrebbe essere un vero disegno di Morte programmato dal nemico: vi abbiamo parlato di «attacco organizzato alle forniture globali» 10 mesi fa.

 

Se il contadino non può comprare i fertilizzanti, non coltiva il terreno. È questo? È quello che stiamo vedendo anche nel campo vicino casa?

 

Quale effetto avrà questo non ora, ma tra qualche mese, nei supermercati, sulle nostre tavole, nell’alimentazione dei nostri bambini?

 

Abbiamo paura anche di questa domanda. Potete, come abbiamo fatto noi e come fanno tanti nostri lettori che seguono i nostri consigli, aver messo via un po’ di cibo, ma nessuno è davvero preparato per una cosa del genere.

 

Un crollo della quantità di cibo distribuita, cosa provocherebbe nella società?

 

Come la prenderebbero, per esempio, i milioni di immigrati attualmente da noi mantenuti con ogni benefit per non si sa quale motivo?

 

Come agirebbe, dinanzi ad una carestia, la criminalità organizzata che regna in alcuni territori del Sud e non solo del Sud?

 

Come si comporterebbero le forze dell’ordine dinanzi a proteste massive per il cibo?

 

Domande che abbiamo già fatto, ma che ci intimoriscono sempre di più.

 

Diteci cosa ne pensate. Anche perché oramai è ora di aver idee chiare sul da farsi.

 

Perché se vi aspettate che il potere che dovrebbe proteggervi abbia intenzione davvero di farlo, state freschi: c’è, con estrema probabilità, una missione contraria. Non difendervi, ma liberarsi di voi.

 

Ve lo ripetiamo: il problema dell’ora presente è la Cultura della Morte, è una struttura affondata nello Stato moderno, nella società e nelle sue élite che spinge alla vostra eliminazione.

 

Vi cancelleranno attraverso la fame? Possibile. La fame mette in piede uno spettacolo sanguinario  che fa godere il sadico signore del Male. La carestia mette l’uno contro l’altro. Egoismo, violenza, disperazione. Cioè, la negazione della vita, resa condizione di esistenza quotidiana, resa unità di base del collasso della società.

 

Fin qui, pochi lo avevano capito. Fin qui, anche chi lo aveva capito, lo ha concesso – non ha fatto nulla per combattere il processo alla radice.

 

Non siamo sicuri che potrà continuare così.

 

O combatteremo la Necrocultura, o essa ci ucciderà. E nel frattempo, renderà deformi i nostri figli con la denutrizione, o ucciderà anche loro.

 

Cosa avete intenzione di fare, quindi?

 

 

Roberto Dal Bosco

 

 

 

 

Continua a leggere

Necrocultura

I medici stanno rimuovendo l’utero delle braccianti indiane per aumentare la loro produttività

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

 

 

Questa è una storia dell’orrore dall’India sull’intersezione tra povertà, sessismo, sfruttamento, norme di genere ed etica medica.

 

Il rapporto investigativo su BehanBox, un sito web femminista con sede in India, descrive le condizioni spaventose in cui le donne lavorano come taglialegna nello stato del Maharashtra.

 

Il rapporto si concentra sull’igiene mestruale delle donne. A causa di infezioni ricorrenti e dolore, il 17% delle donne taglialegna nel distretto di Beed ha avuto isterectomie.

 

Un rapporto della Society for Promoting Participative Ecosystem Management pubblicato nel 2020 descriveva le condizioni disumane in cui lavorano le donne:

 

«Il 72% delle donne ha affermato di lavorare tra le 13 e le 18 ore al giorno (in media 15 ore) durante il taglio delle canne da zucchero. Il 98% delle donne ha affermato che l’orario di lavoro non è fisso e che dovrà iniziare alle prime luci dell’alba o continuare fino a mezzanotte quando richiesto. Non ottengono ferie settimanali e continuano a lavorare. L’onere del lavoro sulle donne senza interruzione da 3 a 4 mesi. Le donne difficilmente si prendono una pausa durante la malattia, le mestruazioni, la gravidanza o il parto, il che influisce sulla loro salute».

 

Lo studio ha rilevato che il 92% di queste donne era in età riproduttiva e il 17% aveva partorito un bambino nel mezzo di un canneto.

 

Quasi tutte le donne hanno riferito di non poter prendersi del tempo per affrontare la gravidanza, le mestruazioni o la malattia. Molte delle donne usavano degli stracci, spesso umidi, come assorbenti; questo spesso provoca infezioni.

 

Ma invece di affrontare le infezioni, alcuni medici fanno isterectomie. «Senza un esame approfondito del paziente, i medici negli ospedali privati ​​suggeriscono l’isterectomia che costa almeno 35 mila rupie. Creano paura tra queste donne avvertendole che potrebbero sviluppare tumori e tumori», ha detto a BehanBox Manisha Ghule, un’attivista.

 

È difficile abbozzare un quadro accurato di situazioni come questa in India. Il giornalismo tende ad essere sensazionalistico; gli attivisti esagerano; i rapporti del governo non sono completamente affidabili. Ma negli ultimi tre anni ci sono stati molti articoli sulla stampa locale e straniera sulla difficile situazione delle donne taglialegna.

 

Un altro articolo di inchiesta nel 2019 di The Hindu è stato particolarmente feroce sul coinvolgimento dei medici.

 

Affermava che «gli appaltatori del taglio delle canne da zucchero non sono disposti ad assumere donne che hanno le mestruazioni, quindi le isterectomie sono diventate la norma».

 

«Sposate all’età di 15 o 16 anni, le ragazze nella regione di Marathwada colpita dalla siccità diventano madri nei prossimi due anni. E poi, quando hanno 22 o 23 anni, hanno un’isterectomia, un intervento chirurgico per rimuovere l’utero. Da allora in poi queste donne taglialegna diventano “macchine da lavoro viventi” per tutta la loro vita».

 

In un altro articolo, The Hindu ha citato un medico della comunità, Shashikant Ahnkari. «Dietro questo non ci sono solo gli appaltatori di canna da zucchero, ma anche gli interessi commerciali acquisiti dei medici. [Effettuare] isterectomie non indicate è contro l’etica medica. I medici hanno diffuso il timore nella regione che una scarica bianca o rossa possa provocare il cancro».

 

Un funzionario locale ha spiegato che le donne si raccontano la procedura: «l’intervento chirurgico è popolare tra le ragazze per fermare le scariche bianche. C’è una tendenza qui per cui le ragazze si sposano all’età di 15-16 anni, poi hanno due figli, poi la pianificazione familiare e poi un’isterectomia».

 

 

Michael Cook

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

 

Immagine di IRRI via Rice Today pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 3.0 Unported (CC BY-NC-SA 3.0)

 

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari