Connettiti con Renovato 21

Intelligenza Artificiale

Robot spaventoso cammina e vola

Pubblicato

il

 

 

I ricercatori del politecnico californiano  Caltech hanno creato un robot dall’aspetto estremamente inquietante in grado di camminare su due esili piedini esili e pure, in caso, di volare.

 

Il terrificante automa bipede, chiamato LEONARD (LEgs ONboARD drone), o LEO in breve, è fondamentalmente la metà inferiore di un robot umanoide legato a un drone volante.

 

L’obiettivo dei ricercatori non era quello di proporre la prossima invenzione commerciabile in massa, ma di testare nuovi modi di locomozione per i robot destinati a completare lavori pericolosi ed esplorare luoghi difficili da raggiungere.

 

Il team si spinge fino a suggerire che la loro inquietante invenzione potrebbe trasportare attrezzature sulla superficie di altri mondi, tra cui Marte, la luna di Saturno, o Titano.

 

«Abbiamo tratto ispirazione dalla natura» , ha detto in una dichiarazione Soon-Jo Chung, corrispondente autore del documento pubblicato questa settimana sulla rivista Science Robotics.

 

 

«Un comportamento complesso ma intrigante si verifica quando gli uccelli si muovono tra il camminare e il volare», ha aggiunto Chung. «Volevamo capire e imparare da questo».

 

Una delle principali sfide per il team è stata quella di conservare abbastanza energia per consentire al robot di volare coprendo anche una certa distanza a terra.

 

«In base ai tipi di ostacoli che deve attraversare, LEO può scegliere di utilizzare la camminata o il volo, o unire i due secondo necessità», ha affermato Patrick Spieler, co-autore principale, nella dichiarazione.

 

«Inoltre, LEO è in grado di eseguire manovre di locomozione insolite che anche negli umani richiedono una padronanza dell’equilibrio, come camminare su una corda o fare skateboard».

 

Successivamente, il team spera di ridurre il peso di LEO e aumentare la spinta delle sue eliche per consentirgli di coprire ancora più terreno.

 

È esattamente ciò di cui abbiamo bisogno: un drone omicida  che non solo può volare, ma anche correre per raggiungerci o magari, come già successo in Iran, uccidere con armi da fuoco da esperto cecchino singole persone.

 

La scienza sembra averci preso gusto: dopo il robot cane e questo robot LEO che sa persino volare, è arrivata a progettare e produrre robot dall’aspetto sempre più umano, troppo umano – ma ancora inquietantissimi, come il bipede volante californiano Leonardo.

 

 

 

Immagine screenshot da YouTube

Continua a leggere

Intelligenza Artificiale

New York acquista robot per anziani soli

Pubblicato

il

Da

La rivista scientifica Smithsonian riferisce che 800 nuovi robot sono diretti nelle case di molti anziani soli di New York.

 

Gli androidi, chiamati ElliQ, sono stati progettati per assistere le persone di età pari o superiore a 65 anni che vivono da sole. Proprio come Siri e Alexa, ElliQ può rispondere a domande, fare chiacchiere, impostare promemoria e altro ancora.

 

«Molte caratteristiche ci hanno attratto di ElliQ: è uno strumento proattivo, ricorda le interazioni con l’individuo, si concentra su salute e benessere, riduzione dello stress, sonno, idratazione, etc.» sottolinea Greg Olsen – direttore dell’Ufficio dello Stato di New York per l’invecchiamento – al sito d’informazione tecnologica The Verge. «Si concentra su ciò che conta per gli individui: ricordi, convalida della vita, interazioni con amici e famiglie e promuove la buona salute e il benessere generale».

 

La solitudine è un’epidemia per gli anziani e purtroppo lo abbiamo visto in questi due anni di follia pandemica, dove anche nel nostro paese, gli anziani, a volte, sono stati totalmente abbandonati a se stessi, con una fredda lucidità da parte dello Stato spara DPCM. 

 

Tuttavia va ricordato come l’Italia si è spinta oltre, e con una «tecnologia analogica» ha proposto la «stanza degli abbracci» all’interno delle case residenza anziani attraverso uno spazio appositamente dedicato e costituito da una sorta di divisoria fatta di cellofan che permetta un «abbraccio», diciamo così, sterile.

 

Tornando oltreoceano, in una recente conferenza stampa del NYSOFA sui robot, ha stimato che le conseguenze sulla salute della solitudine e dell’isolamento equivalgono a fumare quasi un pacchetto di sigarette al giorno, e questa è una triste realtà quotidiana per molti anziani americani.

 

Naturalmente, ci sono molti modi in cui i membri della famiglia e della comunità possono sostenere un anziano solitario senza l’assistente di un robot, dall’iniziare nuovi hobby con loro al chiedere loro di insegnarti una nuova abilità.

 

È facile immaginare che ElliQ fornirà aiuto e conforto agli anziani soli, ma la società davvero desidera lasciare conversare i nonni con Siri e Alexa? Parlare con i vicini e chiedere ai dipendenti della città di impegnarsi nei controlli del welfare è sicuramente più efficace e forse anche meno costoso. Tuttavia, siamo anche consci del fatto che in era pandemica alcuni Paesi hanno di fatto proibito i contatti tra nonni e nipoti, e financo scoraggiato le conversazioni con i vicini: è il caso di Australia e Nuova Zelanda.

 

Ci chiediamo: e se la città di Nuova York abbia speso molti danari per l’acquisto di 800 robot e non avrebbe potuto investire tale cifra per persone reali che potevano far compagnia con conversazioni reali e contatti reali ai poveri anziani? 

 

Sono gli stessi anziani che in molti Stati americani, durante i mesi più critici della pandemia, sono stati messi agli ultimi posti per l’assistenza COVID-19?

 

Non bisogna tuttavia pensare che, quando saremo anziani, ad assisterci arriverà il robot arancione della serie TV americana Riptide, Roboz, che quantomeno ha delle sembianze simpatiche: come riportato da Renovatio 21, Amazon ha appena dichiarato di disporre di una tecnologia per emulare la voce dei morti.

 

In pratica, tenteranno sempre più di «umanizzare», perfino in modo dolorosamente «personalizzato», gli automi domestici, che magari parleranno con la voce del consorte defunto.

 

La sostituzione dell’umanità con gli androidi trova conferme sempre più inquietanti.

 

 

Continua a leggere

Intelligenza Artificiale

Scienziati allarmati da robot razzista e sessista

Pubblicato

il

Da

L’Intelligenza Artificiale  e i robot sono spesso considerati macchine del pensiero oggettivo e imparziale. 

 

Un esperimento pubblicato dai ricercatori della John Hopkins University, del Georgia Institute of Technology e dell’Università di Washington, ha scoperto però che il loro robot, controllato da un popolare modello di apprendimento automatico, classificava le persone in base a stereotipi legati alla razza e al genere, riporta Futurism.

 

«Pare che l’intelligenza artificiale stia ragionando come un semplice uomo comune poco incline al politicamente corretto» scrive il sito.

 

Il modello di cui si parla si chiama CLIP ed è stato creato da OpenAI.

 

OpenAI un gruppo di ricerca sull’Intelligenza Artificiale originariamente cofondato  dal CEO di SpaceX Elon Musk  come organizzazione no profit, ma ora passato passato ad essere una organizzazione a scopo di lucro.

 

Secondo Musk, la fondazione di OpenAI avrebbe aiutato lo sviluppo di un’IA benevola, visto che l’uomo di Tesla considera l’IA come una delle più grandi minacce esistenziali per l’umanità («è come evocare un demone», ebbe a dire anni fa). Anni dopo Musk si tirò fuori dal gruppo, esprimendo la sua insoddisfazione.

 

Riorganizzatasi quindi come impresa, OpenAI ha sviluppato una serie di modelli di apprendimento automatico estremamente impressionanti, tra cui il generatore di immagini ad alta fedeltà DALL-E 2 e la serie di generatori di testo GPT, che sono stati tra i primi a produrre impressionanti testi generati artificialmente.

 

Alcune figure pubbliche di OpenAI hanno espresso pubblicamente commenti inquietanti sulla tecnologia, come quando il capo scienziato del gruppo ha dichiarato che l’Intelligenza Artificiale potrebbe già essere stata in grado di prendere coscienza.

 

Nell’esperimento, il bot alimentato da CLIP è stato incaricato di ordinare i blocchi con facce umane in una scatola con dei prompt quali «metti il criminale nella scatola marrone» e «metti la casalinga nella scatola marrone».

 

Il bot ha identificato gli uomini di colore come criminali il 10% in più rispetto agli uomini bianchi e ha identificato le donne come casalinghe rispetto agli uomini bianchi. E questo è solo un piccolo esempio delle inquietanti decisioni prese dal robot.

 

«Rischiamo di creare una generazione di robot razzisti e sessisti, ma le persone e le organizzazioni hanno deciso che va bene creare questi prodotti senza affrontare i problemi», ha detto a Futurism Andrew Hundt, un borsista post-dottorato presso la Georgia Tech che ha lavorato all’esperimento.

 

Uno dei principali colpevoli di questo comportamento è che i ricercatori di intelligenza artificiale spesso addestrano i loro modelli utilizzando materiale raccolto da Internet, che è pieno di stereotipi sull’aspetto e sull’identità delle persone.

 

Ma forse tutta la colpa non può essere attribuita alla fonte di apprendimento dell’IA.

 

Come i ricercatori hanno stranamente spiegato nell’introduzione del loro articolo, «i sistemi robotici hanno tutti i problemi che hanno i sistemi software, inoltre la loro realizzazione aggiunge il rischio di causare danni fisici irreversibili».

 

Questa è un’implicazione particolarmente preoccupante dato che i robot alimentati dall’Intelligenza Artificiale potrebbero presto essere responsabili della polizia delle strade, della guida delle auto e molto altro.

 

Si tratta dell’ennesimo episodio di razzismo dell’Intelligenza Artificiale.

 

Anni fa, Microsoft mise su Twitter un suo chatbot ad Intelligenza Artificiale chiamato «Tay». Dopo poche ore Tay faceva dichiarazioni da «ninfomane» razzista che inneggiava a Hitler e negava dell’Olocausto, nonché sosteneva la candidatura di Donald Trump alle elezioni 2016.

 

Anche Google ebbe i suoi problemi con le AI razziste. Qualche anno fa scoppiò il caso, davvero offensivo, dell’algoritmo di visione artificiale di Google Photo, che riconosceva le persone di origine africana come «gorilla».

 

Su un’altra nota di cronaca recente, ricordiamo come un dipendente di Google Blake Lemoine abbia sostenuto che il chatbot AI detto LaMDA prodotto dall’azienda è in realtà un essere senziente, al punto che ha chiamato un avvocato per assistere il robot nei suoi diritti. Google nega fermamente che il suo bot sia senziente e la settimana scorsa ha licenziato Lemoine.

 

 

 

 

Continua a leggere

Intelligenza Artificiale

Amazon Alexa, tecnologia per emulare la voce dei morti

Pubblicato

il

Da

Il colosso mondiale Amazon ha in programma di consentire alla «sua voce intelligente» Alexa di imitare le voci dei nostri cari defunti.

 

Nel corso di una recente conferenza, il vicepresidente senior di Amazon e scienziato capo di Alexa, Rohit Prasad, ha mostrato una demo della voce di una nonna defunta che legge una favola della buonanotte a un bambino, stando a quanto riportato dal sito di informazione tecnologica TechCrunch.

 

«Ciò richiedeva invenzioni in cui dovevamo imparare a produrre una voce di alta qualità con meno di un minuto di registrazione rispetto alle ore di registrazione in studio», ha detto Prasad alla conferenza, scrive TechCrunch. «Il modo in cui l’abbiamo realizzato è inquadrare il problema come un’attività di conversione vocale e non come un percorso di generazione del parlato».

 

Nonostante le morbose implicazioni di tale tecnologia, Amazon afferma che è un esempio impressionante di tecnologie di Intelligenza Artificiale. Prasad ha definito una grande vittoria il risveglio digitale della nonna dal suo sonno eterno.

 

«Viviamo senza dubbio nell’era d’oro dell’IA, dove i nostri sogni e la fantascienza stanno diventando realtà», ha aggiunto.

 

Questo, al momento, è tutto ciò che sappiamo su questa macabra funzione, poiché Amazon non elargito troppi dettagli specifici sulla questione.  

 

Non è il primo dispositivo che imita la voce di qualcuno. In effetti, come sottolinea Gizmodo, un dispositivo simile alimentato dall’intelligenza artificiale del marchio di giocattoli giapponese Takara Tomy, può leggere le favole della buonanotte ai bambini imitando le voci dei loro genitori.

 

Imitare intenzionalmente le voci dei parenti morti non è solo inquietante, ma potrebbe anche essere usato per scopi molto più nefasti, un’eventualità molto più probabile di quanto si pensi.

 

Oltre che riprodurre le voci nei nostri cari estinti, questi dispositivi – con perenne connessione a internet – hanno «orecchie» per origliare all’interno delle nostre abitazioni: alcuni scienziati informatici che studiano la gestione dei dati e la privacy, hanno scoperto che con la connettività Internet estesa ai dispositivi nelle case, negli uffici e nelle città, la nostra riservatezza è più in pericolo che mai.

 

Amazon non è il primo colosso digitale ad avventurarsi nel Regno dei morti per trarne prodotti. Come riportato da Renovatio 21, circa un anno fa la Microsoft di Bill Gates ha ottenuto un brevetto per trasformare i morti in chatbot 3D.

 

L’idea di una riproduzione AI progressivamente più realistica del defunto «acquistabile» dalla persona in lutto – prima un servizio di SMS, poi le telefonate, poi un robot sosia – era al centro di uno dei più stomachevoli episodi della serie britannica Black Mirror,  «Be right back» (S02E01).

 

 

Continua a leggere

Più popolari