Connettiti con Renovato 21

Psicofarmaci

Psicofarmaci e stragi, il muro sta crollando

Pubblicato

il

Le terrificanti stragi vissute nelle ultime settimane negli Stati Uniti hanno sconvolto il mondo.

 

I media mainstream hanno riportato solo un unico messaggio, cioè quello del Partito Democratico USA e dei suoi servi in quello Repubblicano (i famosi RINO, Republicans in Name Only): la causa di tutto questo è, dicono, l’accesso della cittadinanza alle armi, garantito negli USA dal II emendamento della Costituzione americana.

 

Bisogna quindi, viene ribadito fino alla nausea, impedire l’acquisto di armi, e disarmare quanti invece già posseggono pistole e fucili. I democratici, molto spesso senza sapere nemmeno di cosa stanno parlando (confondono i calibri dei proiettili, parlano delle armi semiautomatiche come di «armi da guerra») hanno introdotto l’idea delle red flag, ossia segnalazioni contro cittadini detentori di armi, anche incensurati, per mandare la polizia a disarmarli. La prospettiva di un bando delle «armi di assalto» (la formula con cui stanno martellando) viene rilanciata ogni ora assieme a quella di una limitazione dei caricatori, che in alcuni Stati come la California è già in vigore.

 

Vi è poi una seconda narrazione, non raccolta dai media mainstream, oramai sempre più corposa nell’informazione «alternativa»: molti degli attentatori non solo non esibiscono i classici tratti dei «bruti» di destra, ma compaiono in foto postate sui social vestiti da donne, con i capelli colorati ed espressioni ammiccanti: tratti, dicono gli utenti in rete, riconducibili alla cultura transessuale.

 

Tuttavia, sotto anche a questa narrazione, ve n’è una ancora più importante, che solo ora pare emergere in superficie, perfino su Fox News.

 

Il conduttore TV Tucker Carlson, il più seguito d’America, ne ha finalmente parlato in prima serata: la possibile correlazione tra stragi e psicofarmaci, in particolare gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina – i famosi SSRI come lo Zoloft, il Prozac, il Citalopram.

 

Si tratta, per l’informazione americana e mondiale, di una rivoluzione immane: le farmaceutiche infatti possono controllare vari media grazie agli investimenti pubblicitari. Con grande difficoltà, anche in Italia, dopo un caso di cronaca nera si apprende quale psicofarmaco fosse stato prescritto all’assassino – se si tratta di droghe come la cocaina o l’eroina (quest’ultima, ricordiamo, inizialmente pensata come farmaco dalla Bayer) il nome salta fuori subito, lo stesso con anfetamine e metanfetamine che, anche quelle, un tempo erano state sviluppate, appunto, come psicofarmaci (e che piano piano stanno tornando ad essere tali nella cure, ad esempio, della sindrome da stress post-traumatico dei veterani USA, carne da cannone di questa rivoluzione psichiatrico-farmaceutico-psichedelica).

 

Ebbene, Carlson, al suo solito, è riuscito ad andare davvero a fondo, dipingendo il quadro totale con lucidità strabiliante – e straziante.

 

«Una cosa che quasi tutti gli assassini di massa hanno in comune quasi tutti, con alcune ma poche eccezioni, sono tutti giovani alienati. Questo è il filo conduttore. Sono giovani. Sono maschi. Sono pazzi».

 

«Ci sono molti giovani uomini in America che improvvisamente assomigliano e si comportano molto come questo ragazzo» dice Carlson parlando di Robert Crimo, il giovane, bizzarro massacratore della parata del 4 luglio a Highland Park vicino Chicago. «Non è un attacco. È proprio vero. Come Crimo, abitano in un solitario mondo fantastico di social media, porno e videogiochi. Il loro sballo per l’erba approvata dal governo. “Fuma ancora un po’. Ti fa bene”».

 

Viene toccato qui il grande tabù, ossia l’equivalenza delle droghe psicotropiche nell’alterazione del cervello dei giovani. E la consapevolezza della catastrofe socio-economica generazionale in corso.

 

«Sono intorpiditi dagli infiniti farmaci psicotropi che vengono distribuiti in ogni scuola del Paese da pazzi che si atteggiano a consulenti e, naturalmente, [questi giovani]sono arrabbiati. Sanno che le loro vite non saranno migliori dei loro genitori. Saranno peggio. Questo è  garantito. Lo sanno».

 

«Non sono così stupidi eppure, le autorità nelle loro vite, per lo più donne, non smettono mai di far loro lezione sul loro cosiddetto privilegio. Sei maschio. Sei un privilegiato. Immaginalo. Prova a immaginare una vita più malsana e infelice di quella».

 

«Quindi, molti giovani in America stanno impazzendo. Siete sorpreso? E a proposito, a un numero incredibilmente alto di loro sono stati prescritti farmaci psicotropi dai loro medici, SSRI o antidepressivi, e ciò includerebbe un bel po’ di sparatorie di massa».

 

«Tenete presente che, ancora una volta, questi farmaci hanno lo scopo di prevenire comportamenti folli e tuttavia sembra esserci una connessione. Eric Harris, l’assassino della Columbine era sotto Zoloft e Luvox. Un anno prima, un quindicenne di nome Kip Kinkel ha sparato ai suoi genitori e a dozzine di compagni di classe. Era sotto Prozac. Nel 2005, un sedicenne di nome Jeff Weise ha ucciso suo nonno e dieci bambini in Minnesota. Anche lui prendeva il Prozac. Così è stato il 27enne Steven Kazmierczak che ha ucciso sei persone alla Northern Illinois University. Nel 2012, potreste ricordare quando il 25enne James Holmes è entrato in un cinema e ha sparato a 82 persone. Era su Zoloft».

 

«L’elenco potrebbe continuare all’infinito. Include il tiratore al Washington Navy Yard nel 2013. Sarebbe Aaron Alexis, 34 anni. Include anche Dylan Roof. È il ventunenne che ha sparato alla chiesa di Charleston. Apparentemente era un razzista e ne abbiamo sentito parlare molto. Bene, ma non abbiamo sentito quasi nulla del fatto che stava prendendo SSRI, lui e molti, molti altri. Non dovreste notarlo, ma alcuni lo hanno fatto».

 

È una lista che il lettore di Renovatio 21 ha già visto. Questo sito ha cercato di aggiornarla con quella dei possibili incidenti aerei di piloti sotto psicofarmaci.

 

«Il Journal of Political Psychology una volta ha assemblato un elenco di altre dozzine di omicidi di massa, tutti commessi da giovani, giovani uomini con farmaci da prescrizione. Quindi, c’è una connessione? Beh, non lo sappiamo definitivamente. Sappiamo che ci sono molti più farmaci che vengono assunti dai bambini e dall’intera popolazione. Chi non sta assumendo farmaci da prescrizione a questo punto? Tra il 1991 e il 2018, le prescrizioni totali di SSRI negli Stati Uniti sono aumentate di oltre il 3.000%. Tremila per cento!»

 

Carlson affonda il colpo sulle psicodroghe legali, e i numeri che dimostrano il disastro umano che si aggrava di anno in anno.

 

«Il 3.000% di qualsiasi cosa è un enorme cambiamento. Non si vedono cambiamenti del genere, ma lo scopo di questo cambiamento era rendere gli americani più calmi, più sani, più felici. Prendi questi farmaci e i tuoi problemi andranno via. Sì, diventerai insensibile. Perderai parte di te stesso. Non provi più una gioia profonda. Diventerai in parte robot, ma almeno non vorrai ucciderti o fare del male ad altre persone. Questa era la promessa».

 

«3.000%. Ha funzionato? Vediamo. Nello stesso periodo, il tasso di suicidi negli Stati Uniti è balzato del 35%. Ha funzionato? Bene, milioni di persone hanno preso farmaci anti-suicidio e siamo finiti con molti più suicidi. Quindi, forse non funziona».

 

Eterogenesi dei fini della psicofarmaceutica di massa: invece che curare, gli psicofarmaci ingenerano doloro e caos, nell’individuo e nella società. Invece che calare grazie alla tecnologia psicotropica liberamente prescritta al popolo, il tasso di suicidi non fa che aumentare.

 

«È possibile che stia peggiorando il problema, secondo voi? Bene vediamo. Nello stesso periodo anche le sparatorie di massa sono aumentate notevolmente. Ecco un grafico che lo mostra».

 

«Ora gli idioti su Twitter urlano sempre la stessa cosa. La correlazione non è causalità. Tutto bene. Qualunque cosa significhi. Ma diteci, idioti, cosa sta succedendo esattamente? Cosa significa quel grafico?»

 

Ecco quindi ammessa la verità sui Black Box Warning, gli annunci evidenziati nei bugiardini di questi farmaci.

 

«Sappiamo che gli SSRI sono pericolosi. Lo dicono proprio sull’etichetta. Aumentano “il rischio di ansia, agitazione, irritabilità, ostilità, aggressività, impulsività e mania”. Oh, non è un grosso problema. Non è causalità. Allora cos’è? Secondo un meta-studio della FDA, i giovani a cui è stato prescritto SSRI hanno un aumento del tasso di suicidio. Oh, aspetta. Altri suicidi? Non avrebbero dovuto ridurre i suicidi, ma stiamo ottenendo più suicidi? Fermiamoci lì, ma non ci fermiamo. Stiamo accelerando».

 

Quindi, si passa alla questione Big Pharma.

 

«Questo sembra un problema enorme ed estremamente ovvio, estremamente ovvio. Le persone non sono se stesse. Stanno assumendo droghe che sembrano causare il comportamento che le droghe sono progettate per prevenire. Perché non ne parlano in TV? Oh, vediamo. Nel 2020, l’industria farmaceutica ha speso oltre 4,5 miliardi di dollari in pubblicità sulla televisione nazionale in questo paese. Ora, quanto è? Bene, per dirla in un certo contesto, Pfizer ha speso di più in pubblicità nel 2020 che in ricerca e sviluppo».

 

«Ma non è stata una cattiva decisione. È stata un’ottima decisione. Le entrate di Pfizer sono raddoppiate lo scorso anno, superando gli 81 miliardi di dollari. Ora, come fanno? Bene, la campagna pubblicitaria ha dato i suoi frutti. Ha contribuito a convincere i politici a richiedere che l’intera popolazione prendesse i prodotti Pfizer, prodotti che non funzionano come pubblicizzato, che hanno ucciso un gran numero di persone ei cui effetti collaterali sono indennizzati contro le azioni legali del Congresso degli Stati Uniti».

 

«È un bel modello di business. Potresti pensare che potrebbe essere l’argomento di una storia mediatica, ma no. Nessuna storia su Pfizer. Sono pagati per essere fan della Pfizer. Pertanto, lo sono».

 

È facile a questo punto vedere come funziona la spirale del silenzio.

 

«Ora, perché? Perché i canali TV non prescrivono farmaci. I dottori lo fanno. Allora, perché la Pfizer, una compagnia farmaceutica, dovrebbe fare pubblicità in televisione? Beh, non siamo sicuri della risposta. Mettiamola così. Non trattenere il respiro in attesa che la CNN o Good Morning America facciano un pezzo investigativo incisivo sulla potenziale connessione tra farmaci da prescrizione e violenza. Probabilmente non accadrà dal momento che sponsorizzano quei canali. Continueranno a dirti che si tratta solo di armi. È tutta una questione di armi».

 

Il monologo di Tucker andava avanti e bastonava i governatori dei Democratici che vogliono restrizioni sull’uso delle armi – lo spezzone, insomma, tornava sui soliti binari della lotta per il II emendamento.

 

Tuttavia, non possiamo che alzarci in piedi ed applaudire l’incredibile colpo sferrato in prima serata, davanti a decine di milioni di americani, contro gli psicofarmaci e il loro possibile ruolo nei comportamenti violenti.

 

Dobbiamo ricordare come, di recente, anche Elon Musk si è speso, a suo modo, contro la droga psichica legale. Rammentiamo pure che dei danni subiti da ex pazienti consumatori di SSRI e benzodiazepine si cominci a raccontare in siti come il nostro, con pure qualche grande media che non riesce più a nascondere i problemi di dipendenza e i tragici effetti collaterali generati dalle caramelle psichiatriche.

 

Il muro del silenzio inizia a crollare?

 

È presto per dirlo. Soprattutto in questo momento, Big Pharma ha catturato talmente tanti miliardi al contribuente da potersi compare tutto il palinsesto pubblicitario di giornali e TV.

 

Tuttavia, noi sappiamo che sotto si muove una rete umana fatta di dottori, di ex pazienti, di attivisti che è sempre più conscia della cifra infernale dietro le false pillole della felicità, che sono forse in realtà vere pasticche di morte.

 

Il solo comprenderlo, caro lettore, è una picconata al muro infame della Necrocultura psicofarmaceutica.

 

Perché, lo sappiamo, se non fermiamo ora ce la ritroveremo per obbligo in un prossimo futuro – cui gli scienziati già hanno dato un nome, «neuroriabilitazione morale obbligatoria», prospettando somministrazioni segrete di sostanza psicoattive per il prossimi lockdown –  come ne Il Mondo Nuovo di Huxley o in The Giver – il donatore: un’intera società costretta ad impasticcarsi più volte al giorno per il supposto mantenimento di una società stabile, anche se crudele ed ingannatrice.

 

I sentimenti, come le parole, devono essere purgati: non devono nemmeno essere concepiti. Vanno riprogrammati, secondo una formula pianificata. Resettati, anche quelli. Come i vostri pensieri e le vostre opinioni – e quelli dei vostri figli.

 

Lo vedete: è quello che succede oggi sotto il vostro naso, sui media e sui social, con la censura sempre più istituzionalizzata, con le leggi anti-omotransfobiche, con gli attacchi alla libertà di coscienza e di espressione, con la persecuzione dei dissidenti, e la demonizzazione del dolore.

 

Crediamo che sia questo, unito agli psicofarmaci, a portare i giovani di oggi verso gli alti numeri di realizzazione dei desiderio di morte.

 

Abbiamo scritto in un pezzo di anni fa, che ricordava gli amici morti suicidi.

 

Sottoscrivo quanto scrissi quattro anni fa:

 

«La vita senza il dolore, ho capito, è solo desiderio di annientamento, è morte».

 

Combattere gli psicofarmaci è combattere la Cultura della Morte. È lottare per la Vita e per la sopravvivenza della Civiltà nel XXI secolo.

 

 

Roberto Dal Bosco

 

 

 

 

 

Immagine di Gobofun via Deviantart pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs 3.0 Unported (CC BY-ND 3.0)

 

 

 

 

Psicofarmaci

Psicofarmaci antidepressivi associati ai superbatteri

Pubblicato

il

Da

Un nuovo studio pubblicato su PNAS  ha dimostrato che gli antidepressivi causano resistenza agli antibiotici, dando loro il potenziale per diventare pericolosi «superbatteri».

 

Il timore di un «superbatterio» è connesso all’idea di una crescente resistenza agli antibiotici da parte degli organismi patogeni causato dal consumo di questi farmaci. Molti batteri si sarebbero «adattati» alla presenza degli antibiotici, rendendoli ineffettivi e rendendo quindi difficile la cura di certe infezioni.

 

Di qui l’idea apocalittica dell’arrivo di un superbatterio non curabile. Si tratta di quella che è percepita come un’immane minaccia alla salute pubblica globale, con tanto di emergenza dichiarata dalla stessa OMS. Nel 2019, secondo alcune stime, 1,2 milioni di persone sarebbero perite perché vittime dell’antibiotico-resistenza, e il numero è destinato solo a crescere.

 

Non era mai stato suggerito che l’antibiotico-resistenza possa derivare, oltre che dagli antibiotici, dalle psicodroghe antidepressive, che sono tra i farmaci più prescritti al mondo, con milioni di consumatori nel solo caso del territorio italiano.

 

«Anche dopo pochi giorni di esposizione, i batteri sviluppano resistenza ai farmaci, non solo contro uno ma più antibiotici» , ha detto alla rivista scientifica Nature Jianhua Guo, uno degli autori dello studio e professore presso l’Australian Centre for Water and Environmental Biotechnology dell’Università del Queensland   «Ciò è sia interessante che spaventoso».

 

Nello studio, i ricercatori hanno esposto i batteri Escherichia coli a cinque antidepressivi comuni: sertralina (Zoloft), duloxetina (Cymbalta), bupropione (Wellbutrin), escitalopram (Lexapro) e agomelatina (Valdoxan), quindi per un’esposizione di due mesi periodo, il team ha esposto i batteri a tredici antibiotici che rappresentano sei diverse classi di farmaci.

 

Ognuno degli antidepressivi ha indotto l’Escherichia coli a sviluppare resistenza agli antibiotici, ma due in particolare, la sertralina (Zoloft) e la duloxetina (Cymbalta), hanno avuto gli effetti più pronunciati, producendo il maggior numero di cellule batteriche resistenti.

 

L’interesse di Guo per i farmaci non antibiotici che contribuiscono alla resistenza agli antibiotici è sorto nel 2014 quando il suo laboratorio ha scoperto che c’erano più geni resistenti agli antibiotici nelle acque reflue domestiche che nelle acque reflue degli ospedali, dove usano più antibiotici.

 

Ciò ha portato alla scoperta da parte del suo team e di altri che gli antidepressivi erano in grado di uccidere o rallentare la crescita di alcuni batteri , che secondo Guo provoca «una risposta SOS», innescando meccanismi di difesa nei batteri che li aiutano a sopravvivere e successivamente a resistere ai trattamenti antibiotici.

 

Questi risultati hanno portato Gou e il suo team a condurre il presente studio per scoprire se gli antidepressivi potrebbero rendere i batteri resistenti agli antibiotici.

 

Oltre a dimostrare che gli antidepressivi causano resistenza agli antibiotici, lo studio ha anche scoperto che maggiore è la dose di antidepressivi, più velocemente i batteri Escherichia coli sviluppano resistenza e più antibiotici possono resistere entro la finestra di studio di due mesi.

 

Lo studio ha anche rivelato che almeno uno degli antidepressivi, la sertralina, venduto inizialmente dalla Pfizer con il marchio Zoloft, ha favorito la trasmissione di geni tra cellule batteriche, consentendo la diffusione della resistenza in una popolazione. Questi trasferimenti possono avvenire tra diversi tipi di batteri, consentendo alla resistenza di passare da una specie all’altra, il che può includere il passaggio da batteri innocui a batteri infettivi.

 

La questione potrebbe essere più complicata di come sembra. Come riportato da Renovatio 21, è noto che la presenza di sostanze psicofarmacologiche nei fiumi – escrete nell’urina dei pazienti delle psicodroghe legali – è in tale quantità da alterare il comportamento dei pesci: possiamo immaginare quindi il loro effetto sui batteri.

 

 

 

Continua a leggere

Psicofarmaci

Omicidi, accoltellamenti, suicidi nel giro di poche ore: quali farmaci assumevano i responsabili?

Pubblicato

il

Da

Assago, periferia di Milano. Un 46enne entra in un centro commerciale e comincia ad accoltellare la gente: un morto e 4 feriti, tra cui un calciatore del Monza.

 

Asso, provincia di Como. Un carabiniere con una storia di problemi psichici ma riammesso al lavoro si barrica in caserma dopo aver ucciso il comandante. Dopo l’irruzione del Gruppo di Intervento Speciale, si consegna, ma un carabiniere viene colpito da una pallottola al ginocchio prima della resa.

 

Roma, Circo Massimo. Un 57enne, forse una guardia giurata, si spara con l’arma regolarmente detenuta dinanzi a passanti e turisti. Vi sono due spari: uno alla tempia, uno che parte – dicono le cronache – quando l’uomo è a terra. I giornali scrivono che non avrebbe lasciato alcun biglietto di addio.

 

Sono ore intense per la cronaca nera, specie quella che sa di inspiegabile.

 

Ora, ci chiediamo se possa esserci un filo comune in questi gesti mostruosi, che in un modo o nell’altro prevedono sempre la violenza portata in pubblico, anche qualora rivolta contro sé stessi, come in una sorta di negazione distruttiva del mondo.

 

Ebbene, almeno in due casi su tre abbiamo certezza che gli accusati hanno subito cure psichiatriche. E con esse, si potrebbe pensare, possono essere arrivati medicinali che alterano la psiche e il comportamento: i cosiddetti psicofarmaci.

 

È molto difficile, se non a volte impossibile, ottenere il nome o anche solo la tipologia del farmaco che era stato prescritto al protagonista di casi di cronaca del genere: negli USA, nella vicenda del massacro di Aurora (quando, nel 2012 furono trucidate in un cinema 12 persone, con 58 feriti, durante una proiezione di Batman) si dovette aspettare mesi prima di scoprire che il perpetratore James Holmes, 24enne dottorando in neuroscienze, aveva nel suo appartamento clonazepam e pastiglie generiche di sertralina, il medicinale commercializzato con il nome di Zoloft.

 

Il clonazepam è un farmaco teoricamente ansiolitico di derivazione benzodiazepinica, presente anche sul mercato europeo. L’autorità canadese di regolamentazione dei farmaci nel 2007 aveva emesso un avviso sul medicinale, informando i consumatori che il clonazepam può creare assuefazione entro pochi mesi dall’uso e che i suoi effetti collaterali possono includere allucinazioni, pensieri deliranti, confusione, perdita di memoria e depressione.

 

Lo Zoloft invece è un cosiddetto psicofarmaco di seconda generazione, un SSRI, inibitore selettivo della ricaptazione della serotonina. Gli SSRI hanno almeno 34 stuudi e 26 avvertimenti da parte di autorità regolatorie che mettono in guardia riguardo ai pericoli di questi farmaci.

 

Vi è una storia dolorosamente lunga e corposa di sospetti riguardo al ruolo dei farmaci nello scatenarsi di episodi di violenza. Una lista incompleta è stata pubblicata di anno in anno da Renovatio 21 – la prima volta, pensate un po’, un lustro fa.

 

Non vi sono solo sospetti a dire il vero: uno studio pubblicato nel 2010 da PLOS One concludeva che «gli atti di violenza nei confronti degli altri sono un evento avverso di droga reale e grave associato a un gruppo relativamente piccolo di droghe. La vareniclina, che aumenta la disponibilità di dopamina, e gli antidepressivi con effetti serotoninergici sono stati i farmaci più fortemente e costantemente implicati. Sono necessari studi prospettici per valutare sistematicamente questo effetto collaterale per stabilire l’incidenza, confermare le differenze tra i farmaci e identificare ulteriori caratteristiche comuni».

 

La sertralina è una prescrizione estremamente popolare. È praticamente che il lettore non abbia tra le proprie conoscenze nessuno che non ne faccia uso. Immaginiamo per aritmetica vi sua un certo numero di nostri lettori che ne fa uso. I dottori che si oppongono alla psicofarmaceutica di massa ci sono, ma si nascondono, esattamente come quelli che si oppongono ai vaccini.

 

Torniamo ai casi dei nostri giorni. Di uno, abbiamo, incredibilmente, il nome della sostanza.  Secondo il Corriere della Sera, all’accoltellatore del centro commerciale milanese erano state prescritte «5 mesi fa gocce di benzodiazepine». C’è la possibilità di antichi danni cerebrali da acido lisergico, tuttavia per il momento c’è una certezza, lo psicofarmaco prescrittogli: «dovrà essere verificato se sia vero ciò che Tombolini narra alla GIP e all’avvocato (…) e cioè di essere stato 20 anni fa “in cura” da uno psichiatra per il consumo di LSD. Nei test del tossicologico eseguiti giovedì è emerso solo l’uso di benzodiazepine».

 

Nel sangue aveva quelle: benzodiazepine.

 

Riguardo al carabiniere comasco, che era già stato psichiatrizzato, non sappiamo quali farmaci possano essere coinvolti. Per il suicida del Circo Massimo nemmeno. Sappiamo tuttavia che i dottori una prescrizione per un «innocuo» antidepressivo la negano difficilmente.

 

Ora, unite i puntini con noi.

 

Cos’è aumentato durante la pandemia? Sì, l’assunzione di psicofarmaci – compresi i bambini , dove toccherebbero il 19,7% delle prescrizioni pediatriche. Il lockdown ha depresso tutti: e allora, pensa il dottorino della mutua, perché non prescrivere più psicodroghe legali a tutti?

 

E se mai questi farmaci avessero come effetto collaterale quello di aumentare l’aggressività delle persone, cosa succederebbe alla popolazione del Paese?

 

La cosa è discussa perfino nei foglietti illustrativi della sertralina, sia pur solo per quel che riguarda «bambini e adolescenti»: «i pazienti di età inferiore ai 18 anni presentano un maggiore rischio di effetti indesiderati, come tentativo di suicidarsi, pensieri di volersi fare del male o di uccidersi (pensieri suicidari) e comportamento ostile (principalmente aggressività, comportamento di opposizione e rabbia) quando trattati con questa classe di medicinali».

 

Ammettiamo di non capire bene cosa succeda ad un cervello dopo il 18° anno di età: le reazioni che si possono avere a questo farmaco differiscono tra prima e dopo il compleanno della maggiore età? È possibile che alcuni cervelli continuino a reagire in questo modo disforico alle pasticche anche da adulti?

 

In realtà, non è importante nemmeno essere maggiorenni, in realtà, perché, dice sempre il bugiardino, «tuttavia», nonostante i pericolo sopra descritti «è possibile che il medico decida di prescrivere» il farmaco «a un paziente di età inferiore ai 18 anni se ciò è nell’interesse del paziente».

 

L’interesse del paziente. Non credo vi sia bisogno di commentare il capolavoro di linguistica medico-farmaceutica dell’apparato sanitario, tuttavia facciamo notare che di «interesse del paziente» in Italia ce ne è tanto, tantissimo.

 

Ricordate come nel 2018 emerse che unendo tutte le categorie psicofarmacologiche – ansiolitici, sonniferi e antidepressivi – l’Italia toccava gli 11 milioni di consumatori, cioè il 20% della popolazione.

 

La traiettoria che si può tracciare è sempliciotta. Il COVID ha generato la clausura, quindi l’ansia, quindi lo psicofarmaco. Conoscete il detto: farmaco chiama farmaco. E in un sistema che già prima della pandemia registrava una piena inclinazione per le droghe cerebrali: il consumo totale dei farmaci antipsicotici in Italia tra il 2014 e il 2020 sarebbe aumentato del 20%.

 

La situazione è migliorata? No. E ci ritroviamo, in effetti, con le strade sempre più solcate da auto aggressive, e violenze giovanili e criminali sempre più disinibite.

 

E aggiungiamo qui la domanda: adesso che sappiamo che anche le forze dell’ordine possono assumere questi farmaci, quali effetti «ondulatori» potrebbero avere questi effetti collaterali sulla repressione delle manifestazioni antigoverno in arrivo nel prossimo gelido e povero inverno?

 

Non è una domanda da poco – tuttavia, notiamo, nessuno prima di noi, ci sembra, se l’è posta mai.

 

Tuttavia, abbiamo già scritto su Renovatio 21 che il muro sulla correlazione tra psicofarmaci e stragi, massacri in famiglia, omicidi-suicidi e perfino incidenti aerei potrebbe crollare. Ma capite che davanti abbiamo sempre lo stesso nemico: Big Pharma, e la sua influenza malvagia.

 

Pensavate che le farmaceutiche hanno iniziato ad avvelenare le persone e manipolare il sistema per insabbiarne gli effetti dai vaccini COVID?

 

Eh, no. Noi questa battaglia stiamo cercando di portarla avanti da anni. Ora, se arriva qualcuno e vi dice che questi «inspiegabili» atti di violenza pubblica sono da mettere in conto ad una generica «follia» raggiunta dalla nostra società, vi sta facendo perdere tempo, o vi sta ingannando.  Le correlazioni tra psicodroghe ed esplosioni dell’aggressività umana vanno trovate e segnalate.

 

Il problema va trattato alla radice. Non abbiamo tempo da perdere con la sociologia o la poesia. Non ci sono solo cause intangibili agli orrori dell’ora presente: c’è la realtà della modifica biologica dell’essere umano per via medico-farmaceutica.

 

L’umanità sta venendo alterata biochimicamente, lo sapete: con i vaccini, e financo con il cibo, dove gli oligarchi della morte stanno facendo grandi investimenti.

 

L’uomo è sotto attacco fin dentro al suo cervello, che viene cambiato nelle sue funzioni molecolari. Che vi rendano mansueti e rincoglioniti, o ossessionati ed assassini, sospettiamo che per i padroni del sistema vada bene comunque. L’importante è guastare l’essere umano, fatto ad immagine di Dio. E cercare deviarne l’anima, a partire dalla sua mente.

 

Questo è il quadro in cui stiamo giocando – in cui stiamo vivendo.

 

Una battaglia per la nostra anima. Vi prego: non consegnatela al nemico. Mai.

 

 

Roberto Dal Bosco

 

 

Continua a leggere

Psicofarmaci

Psicofarmaci ai bambini, forte aumento con la pandemia

Pubblicato

il

Da

Secondo un rapporto dell’Osservatorio Nazionale sull’Impiego dei Medicinali (OsMed) dell’Agenzia Italiana del Farmaco AIFA, 3,4 milioni di bambini hanno avuto farmaci prescritti dai medici. Dopo antimicrobici e farmaci per l’apparato respiratorio, al terzo posto troviamo un consumo consistente di farmaci per il sistema nervoso centrale – cioè, droghe psicofarmaceutiche.

 

Gli psicofarmaci costituirebbero il 10,7% delle prescrizioni pediatriche, secondo dati riportati dal quotidiano La Verità. Il consumo di psicodroghe legali da parte di bambini sarebbe cresciuto del 4,2%. la pandemia sembra aver giocato un ruolo precipuo anche in questo disastro.

 

«Nel 2020 la prevalenza d’uso degli psicofarmaci nella popolazione pediatrica è aumentata dell’11,6% rispetto all’anno precedente» ha dichiarato al quotidiano milanese la dottoressa Elena Bozzola, specialista in pediatria all’Ospedale Bambin Gesù di Roma, che sottolinea come sia più colpita la fascia dai 12 ai 17 anni, età sotto la quale l’aumento di assunzioni di psicofarmaci contro ansia e depressione è aumentato del +17,2%.

 

«Analizzando le prescrizioni per sottocategorie di farmaci, la prevalenza d’uso maggiore si osserva per gli antipsicotici, seguiti dagli antidepressivi» continua la pediatra.

 

Un dato che riteniamo molto inquietante: significa che, più che depressi, il lockdown ha reso molti bambini tecnicamente psicotici, «pazzi»?

 

Il consumo totale dei farmaci antipsicotici in Italia tra il 2014 e il 2020 sarebbe aumentato del 20%.

 

«Negli ultimi anni sono aumentate le diagnosi di patologie di interesse neuropsichiatrico in età pediatrica» continua la dottoressa Bozzola. «Uno studio della Società italiana di pediatria ha evidenziato un trend in aumento dall’inizio del COVID, correlata con un vero e proprio boom di accessi dei minori al pronto soccorso per motivi neuropsichiatrici».

 

Si tratta di alterazioni del comportamento nei più piccoli che in questi anni su Renovatio 21 abbiamo tentato di registrare con costanza, dall’aumento esponenziale delle sindromi depressive alle violenze di gruppo passando per i ritardi nello sviluppo cognitivo.

 

I numeri parlano chiaro: «tra marzo 2020 e marzo 2021, mentre gli accessi totali degli under 18 ai pronto soccorso si sono quasi dimezzati (-48,2%), quelli per patologie di interesse neuropsichiatrico sono andati in controtendenza registrando un incremento dell’84% rispetto al periodo pre-COVID».

 

Una cifra impressionante: +84%. In pratica, i casi di bambini con potenti, pericolosi disturbi mentali sono quasi raddoppiati.

 

«In particolare, sono aumentati del 147% gli accessi per “ideazione suicidaria” seguiti da depressione (+115%) e disturbi della condotta alimentare».

 

Tutti cose che Renovatio 21 aveva riportato, con tanto di multipli casi di suicidio riusciti, lo stesso giorno, e senza correlazione tra le persone. Per quanto riguarda l’anoressia, essa non solo è aumentata in lockdown, ma pare addirittura essere scesa di anni: ora i primi segni del disturbo comparirebbero nelle bambine di 8 anni.

 

Il conto del lockdown, voluti dai governi Conte e Draghi allineati con il diktat mondialista, lo dobbiamo ancora pagare del tutto: anzi, lo stanno pagando i nostri figli.

 

Chi ci darà giustizia per una simile catastrofe?

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari