Connettiti con Renovato 21

Internet

Ancora: Facebook censura Renovatio 21. E il Senato del Texas (!)

Pubblicato

il

 

 

 

Ebbene sì, Facebook ha censurato Renovatio 21 un’altra volta.

 

In realtà, dall’ultima volta che ve ne avevamo dato comunicazione, c’è stato un altro episodio ancora: al Moloch dello Zuckerbergo non era piaciuto l’articolo «Il Coronavirus è una bioarma», per cui sono stati inflitti 7 giorni di carcere telematico a colui che ha postato l’articolo.

 

Ebbene sì, Facebook ha censurato Renovatio 21 un’altra volta

Una settimana intera in cui non solo non era possibile al malcapitato iscritto da 16 anni all’albo dei giornalisti scrivere nemmeno un rigo sulla pagina Facebook di Renovatio 21, ma da nessuna parte: né nella sua bacheca, né in quella di altri, né nelle altre pagine che gestisce: una di queste, riguarda l’attività strettamente religiosa, e crediamo che la cosa vada propriamente contro l’articolo 19 della Costituzione Italiana, quello sulla libertà di culto, che include parole specifiche sul diritto «di farne propaganda e di esercitarne in privato in pubblico il culto».

 

Ma non andiamo per il sottile, su: Facebook, così come gli altri enti che governano le terre emerse, negli ultimi mesi hanno soppresso anche molti altri diritti costituzionali, o perfino pre-costituzionali: hanno soppresso la vita stessa, quindi di che scandalizzarsi.

Facebook, così come gli altri enti che governano le terre emerse, negli ultimi mesi hanno soppresso anche molti altri diritti costituzionali, o perfino pre-costituzionali: hanno soppresso la vita stessa, quindi di che scandalizzarsi

 

L’avvocato, comunque, siamo andati a sentirlo lo stesso.

 

A parte l’impossibilità di comunicare con gli altri utenti (il contratto di Facebook parla di questo), compresi anche solo i like alle foto dei nipoti, è baluginato all’occhio del carcerato digitale qualcosa di interessante: per una volta sola – una schermata che, giuriamo, mai più siam riusciti a ritrovare – ci è stato fatto vedere una sorta di elenco, lunghissimo, delle cose che non si possono dire su Facebook riguardo al COVID-19.

 

Erano decine e decine di voti: a suo modo, un documento straordinario, il sistema operativo dell’opinione mondiale visibile nel suo codice di programmazione.

 

Vi era scritto, a chiare lettere, che non si può dire che il COVID ha mortalità uguale o inferiore a quella dell’influenza.

 

Vi erano poi diverse voci riguardo le cure al COVID che non si possono discutere – e questo già lo sapevamo: ad un’amica arrivò la minaccia di esilio dopo che aveva pubblicato la foto di un articolo di giornale, neanche tanto entusiastico, sulle «cure domiciliari».

È baluginato all’occhio del carcerato digitale qualcosa di interessante: per una volta sola – una schermata che, giuriamo, mai più siam riusciti a ritrovare – ci è stato fatto vedere una sorta di elenco, lunghissimo, delle cose che non si possono dire su Facebook riguardo al COVID-19

Niente, ban assoluto. Traffico di Renovatio21.com in crollo, ma nemmeno in modo troppo preoccupante: contiamo oramai su diverse migliaia di fedelissimi che vanno direttamente sulla pagina ogni giorno senza passare da Facebook

Infine, una lunga serqua di pensieri proibiti riguardo l’origine artificiale del COVID. Non si può dire che può essere scappato dal laboratorio (quello che ora stanno dicendo tutti, perfino Burioni!).

 

Non si può dire che potrebbe essere stato, in origine, un progetto di arma biologica – come lo sono tutti, in potenza, gli studi su virus e vaccini: chi non capisce il concetto di dual use, può guardarsi il film Virus Letale e capire come funziona la cosa.

 

Niente, ban assoluto. Traffico di Renovatio21.com in crollo, ma nemmeno in modo troppo preoccupante: contiamo oramai su diverse migliaia di fedelissimi che vanno direttamente sulla pagina ogni giorno senza passare da Facebook.

 

Di più. Ricordiamo bene, nelle comunicazioni di Facebook, una questione precisa: ci veniva detto che la distribuzione dei nostri contenuti, se avremmo continuato, sarebbe stata ridotta, e – ci comunicavano – ridotta in verità lo è già. Praticamente, l’ammissione dello shadow ban.

 

Ricordiamo bene, nelle comunicazioni di Facebook, una questione precisa: ci veniva detto che la distribuzione dei nostri contenuti, se avremmo continuato, sarebbe stata ridotta, e – ci comunicavano – ridotta in verità lo è già. Praticamente, l’ammissione dello shadow ban

 

Una settimana senza Facebook può passare in fretta. Dobbiamo dirlo: in quei giorni abbiamo maturato l’idea di mai più piegare la nostra libertà di parola – i nostri scritti, i nostri argomenti, le nostre opinioni, le nostre emozioni – alla follia del Moloch zuckerbergo, che una politica nazionale dissenata lascia molestare i suoi cittadini.

 

«Le persone potranno anche vedere se una Pagina in passato ha condiviso informazioni false»: i vostri peccati sono imperdonabili, il marchio dell’infamia sarà tatuato per sempre sulla pelle della vostra pagina (e sulla vostra). Alla facciazza delle simpatiche trovate UE tipo il «diritto all’oblio». Come si diceva: Internet is Forever

Poi, d’improvviso, ecco che ci capita una nuova segnalazione.

 

Ma cosa è successo? Stavolta sembra diverso, ma non riusciamo capire se sia più grave o no.

 

Zuckerbergo stavolta ci dice «parzialmente falso».

 

«Renovatio 21 ha condiviso contenuti che è stato controllato da fact-checker indipendenti» (sic). Gli errori sono nel testo originale, potete vederlo nell’immagine qui sotto: credo che ci disprezzino al punto da risparmiare perfino sull’ortografia quando si tratta di emanare sentenze che ci cacciano».

 

Poi un richiamo, credo a questi Fact-checker, ovviamente mai sentiti prima, ma che a quanto sembra hanno il potere di accusarci di dire il falso (parzialmente falso, in realtà ) e dire a Facebook di chiudermi la bocca.

Dobbiamo dire che ci abbiamo messo un po’ a capire per cosa ci stavano punendo: del resto capita così nei regimi totalitari – e Facebook lo è, e sempre più assimilabile a quella Cina che tanto piace al suo fondatore – e anche nel Processo di Kafka.

 

 

Stavolta, come vedete, abbiamo screenshottato.

 

Eccola lì, un’altra minaccia – in realtà già ben attuata, come vi dicevamo – di «diminuzione della distribuzione complessiva», a cui si aggiunge l’esclusione dalla monetizzazione e alla pubblicità (non ci riguardano) e alla registrazione come Pagina di Notizie (non sappiamo cosa sia).

 

«Le persone potranno anche vedere se una Pagina in passato ha condiviso informazioni false»: i vostri peccati sono imperdonabili, il marchio dell’infamia sarà tatuato per sempre sulla pelle della vostra pagina (e sulla vostra). Alla facciazza delle simpatiche trovate UE tipo il «diritto all’oblio». Come si diceva: Internet is Forever.

 

Facebook censura Renovatio 21, ma anche il Senato dello Stato del Texas.

Poi la ciliegina eccezionale: «l’eliminazione di post che contengono le informazioni false non avrà alcun impatto su queste restrizioni». Bellissimo. Per rispetto del loro cliente, cui vogliono davvero bene, usano l’artificio retorico di chiudere con una nota di speranza: anzi no, aspetta che gli ricordiamo che oramai il danno è fatto, è anche se volesse divenire un faccia-Quisling, un collaborazionista dello zuckerbergismo, a noi non importa nulla – non perdoniamo nulla, perché in realtà tu, utente, non ci interessi, ne abbiamo miliardi di come te, e vogliamo andare avanti con loro, quelli calmi e tranquilli che al massimo condividono le foto della Ferragna e Fedezzo.

 

Dobbiamo dire che ci abbiamo messo un po’ a capire per cosa ci stavano punendo: del resto capita così nei regimi totalitari – e Facebook lo è, e sempre più assimilabile a quella Cina che tanto piace al suo fondatore – e anche nel Processo di Kafka.

 

Poi abbiamo capito: si tratta di un video caricato la notte prima, ci era arrivato via Whatsapp, ci sembrava interessante, lo abbiamo uppato senza tanti pensieri, tanto più che veniva da materiale del governo USA, quindi scevro da diritti di sorta – certo, ci va qui il nostro ringraziamento a chi ha subbato, tale KasperCarlo, un grande.

 

Se non avete visto il video, guardatelo qui sotto: salvato sulla nostra pagina web a futura memoria, lontano dalle grinfie della dittatura facebookara.

 

In pratica, un privato si permette di spegnere un contenuto che viene da un corpo eletto, dalla struttura visibile dello Stato democratico

Vedete: si tratta di un’audizione al senato dello Stato del Texas. Un senatore invita a parlare una pediatra locale, la dottoressa Angelina Farella. La quale premette di essere pro-vaccini, e di aver vaccinato tanti bambini – quindi non una no-vax, ci rassicura.

 

Poi però la dottoressa prende a mettere in discussioni i vaccini COVID: non la convince, in particolare, la mancanza di una sperimentazione completa. Gli effetti sulla popolazione, dice, sono sconosciuti, quindi la cosa dovrebbe fare un po’ paura.

 

 

Facebook decide che perfino i discorsi che avvengono in un tempio della democrazia – un Senato – possono essere censurati come fake news, rimossi, modificati.

Abbiamo avuto un tono scherzoso nel modo in cui vi abbiamo raccontato questo episodio, tuttavia c’è qualcosa di estremamente grave in quello che è accaduto.

 

Facebook censura Renovatio 21, ma anche il Senato dello Stato del Texas.

 

In pratica, un privato si permette di spegnere un contenuto che viene da un corpo eletto, dalla struttura visibile dello Stato democratico.

 

Facebook decide che perfino i discorsi che avvengono in un tempio della democrazia – un Senato – possono essere censurati come fake news, rimossi, modificati.

 

Facebook, in breve, ha il potere di iniettarsi nell’esistenza stessa dello Stato moderno, e dettarvi legge

Facebook, in breve, ha il potere di iniettarsi nell’esistenza stessa dello Stato moderno, e dettarvi legge. La cosa è spaventosa, spaventa tantissimo noi, ma in Italia non abbiamo visto tanti politici con la stessa paura, pur sapendo che molti di loro probabilmente sono stati bannati o shadowbannati. Molti, siamo sicuri, non dicono nulla perché temono le ritorsioni del Moloch, che gli farebbe perdere follower e quindi voti e quindi stipendione.

 

Si diceva, negli ultimi decenni, del primato della politica eclissata dall’economia. Ora sappiamo che il primato sulla politica di certo lo ha l’elettronica, che agisce come una psicopolizia così forsennata da non risparmiare nemmeno i discorsi in Senato.

 

Immaginate se TIM o Vodafone facessero cadere la linea se al telefono con vostra madre cominciate a parlare di un determinato argomento. Sì: i totalitarismi del Novecento erano delle mammole a confronto, e avevano strumenti da pivelli.

Si diceva, negli ultimi decenni, del primato della politica eclissata dall’economia. Ora sappiamo che il primato sulla politica di certo lo ha l’elettronica, che agisce come una psicopolizia così forsennata da non risparmiare nemmeno i discorsi in Senato

 

Ora la domanda che ci facciamo è: quanto ancora riusciremo davvero a tollerare tutto questo?

 

Quanto tempo prima che anche i social, l’ultimo schizofrenico collante rimasto alla società polverizzata del XXI secolo, implodano generando chissà quale altro mostro?

 

Non abbiamo risposte. Tuttavia oramai lo sapete: se non ci vedete più su Facebook è perché il ban (che secondo alcuni calcoli potrebbe aver tolto ai nostri post e al nostro sito il 90% del pubblico via social) sta facendo il suo corso, magari sta pure peggiorando.

 

Non preoccupatevi: non ci faremo intubare, e non fatevi intubare neanche voi. Vediamoci qui, su renovatio21.com. Questo, lo avete capito, è un sito sano.

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Essere genitori

I social media favoriscono i tic nei bambini

Pubblicato

il

Da

 

 

Da Tiktok ai tic.

 

La testata americana di tecnologia Motherboard riporta che un numero crescente di utenti di TikTok – principalmente ragazze e giovani donne – sembra aver sviluppato durante la pandemia tic simili a quelli caratterizzati dalla sindrome di Tourette.

 

La sindrome di Tourette è un disturbo neurologico caratterizzato da tic multipli ripetuti associato spesso al disturbo ossessivo compulsivo.

 

«È un’epidemia all’interno della pandemia»

In assenza di altre spiegazioni, gli esperti stanno sostenendo che l’origine di questa epidemia di malattia neurologica può essere lo stress dell’isolamento durante la pandemia di COVID-19.

 

Gli esperti tuttavia hanno ipotizzato un altro fattore scatenante: la sovraesposizione a video nei social media che dimostrano eventi avversi nei giovanissimi

 

«Può sembrare inverosimile che gli adolescenti sviluppino tic solo guardando video online, ma gli scienziati lo stanno prendendo molto sul serio» scrive Futurism: una ricerca pubblicata sulla rivista Movement Disorders il mese scorso mostra un’esplosione internazionale di casi di tic nervosi tra le ragazze di età compresa tra 12 e 25 durante la pandemia.

 

Ciò evidenzia un’importante distinzione tra la sindrome di Tourette e ciò che stanno vivendo gli utenti di TikTok.

 

Molti dei bambini che hanno segnalato questi nuovi tic hanno anche riferito di aver avuto disturbi d’ansia o dell’umore

La sindrome di Tourette tende a colpire le persone in età più giovane, si inclina maggiormente verso i ragazzi e causa tic meno estremi. Inoltre, molti dei bambini che hanno segnalato questi nuovi tic hanno anche riferito di aver avuto disturbi d’ansia o dell’umore.

 

A causa di queste differenze, gli scienziati hanno coniato il termine «functional tic-like behaviors» («comportamenti funzionali simili a tic») per descrivere la rapida insorgenza di nuovi sintomi. Questa differenza, hanno detto gli esperti a Motherboard, non rende i sintomi meno reali.

 

«Non possono fermarsi, e ne siamo assolutamente testimoni», ha detto a Motherboard il neurologo dell’Università di Calgary Davide Martino. «Alcuni dei pazienti e delle famiglie con cui parliamo sono disperati; abbiamo bisogno di compassione e impegno per cercare di aiutarli».

 

«È un’epidemia all’interno della pandemia», sostiene  Martino.

 

Come scrive il sito dell’ISS, la sindrome di Tourette i «tic motori, come scatti improvvisi della testa, possono spesso risultare dolorosi. Inoltre, nei bambini così come negli adulti, potrebbero nascere problemi conseguenti alla malattia come, ad esempio, l’isolamento sociale, stati di imbarazzo e una ridotta autostima».

 

Secondo alcuni studi, nel 10% delle persone afflitte dalla sindrome di Tourette si produce il sintomo della coprolalia, che è l’espressione involontaria da parte del soggetto di parolacce, volgarità, frasi inopportune, discorsi-tabù.

 

Continua a leggere

Internet

Apple banna il «Tinder no-vax»

Pubblicato

il

Da

 

 

 

Apple ha rimosso un’app di appuntamenti per persone non vaccinate. Presumibilmente, l’app ha violato le politiche di Apple per i contenuti COVID.

 

Considerato un «Tinder per no-vax», Unjected è un’app di incontri per persone non vaccinate.

 

A maggio, l’app era stata lanciata dopo che i principali siti e applicazioni di incontri, come Bumble e Tinder, hanno collaborato con la Casa Bianca e hanno incoraggiato gli utenti a vaccinarsi.

 

Apple ha rimosso l’app di appuntamenti dal suo App Store dopo essere stata contattata da Bloomberg. In una e-mail a Unjected, Apple ha affermato che l’app «si riferisce in modo inappropriato alla pandemia di COVID-19 nel suo concetto o tema».

 

Considerato un «Tinder per no-vax», Unjected è un’app di incontri per persone non vaccinate

Apple richiede che tutte le app relative a COVID-19 forniscano informazioni credibili su salute e sicurezza e provengano solo da entità riconosciute, tra cui organizzazioni governative, organizzazioni no profit incentrate sulla salute e istituzioni mediche o educative.

 

Apple aveva originariamente posto diniego alla domanda di Unjected di essere distribuita dall’App Store di Cupertino.

 

L’app era quindi stata approvata solo dopo aver apportato modifiche per conformarsi alle politiche COVID-19, ha affermato un portavoce di Apple. 

 

Da allora, «lo sviluppatore ha rilasciato dichiarazioni esternamente ai suoi utenti e aggiornamenti all’app che lo portano ancora una volta fuori dalla conformità», ha affermato Apple, aggiungendo che Unjected ha incoraggiato gli utenti a evitare di usare determinate parole per evitare il rilevamento.

 

Apple ha affermato che l’app «si riferisce in modo inappropriato alla pandemia di COVID-19 nel suo concetto o tema»

«Questa è una violazione delle nostre linee guida, che chiariscono: “Se tenti di imbrogliare il sistema… le tue app verranno rimosse dallo store”».

 

Le opinioni di Unjected sui vaccini hanno risuonato anche su Instagram, dove il suo account ha quasi 25.000 follower.

 

In risposta alla rimozione, uno dei co-fondatori di Unjected ha pubblicato un video su Instagram dicendo: «a quanto pare, siamo considerati “troppo” favorevoli a condividere la nostra autonomia medica e la libertà di scelta… Quindi, ovviamente, Apple ci ha rimosso».

 

«A quanto pare, siamo considerati “troppo” favorevoli a condividere la nostra autonomia medica e la libertà di scelta… Quindi, ovviamente, Apple ci ha rimosso»

A peggiorare le cose, Unjected è in fase di revisione presso il Google Play Store per i post che affermano che i vaccini sono «modificatori sperimentali dell’mRNA», «armi biologiche» e «microchip nanotecnologici».

 

«Stiamo cercando modi per uscire da Apple e Google. Ma la transizione più semplice per noi potrebbe essere quella di rendere il sito Web il migliore possibile poiché non possono chiuderlo come l’app».

 

Apple e Google stanno chiarendo che i contenuti anti-vax non verranno visualizzati sulle loro piattaforme. 

 

Come scrive Zerohedge, «ricordate cosa ha fatto la Silicon Valley alla piattaforma di social media conservatrice “Parler”?»

Per chi non lo ricorda: Parler era considerato un concorrente di Facebook e Twitter in ascesa, un social media che aveva la caratteristica, sconosciuta alle altre piattaforme, di non censurare i post degli utenti.

 

Il 7 gennaio, all’indomani dei fatti del Campidoglio, Apple e Google tolsero l’applicazione dall’app store (impedendo così l’uso via telefonino) ma anche Amazon, che possedeva i server dove girava la versione su sito, chiuse tutto improvvisamente.

 

Si tratta né più né meno di censura: un’atto infame che il governo ha subappaltato ai giganti di Big Tech, così da tentare di salvarsi la faccia democratica.

 

Il problema è che oramai non c’è più nessuna faccia da salvare. Qualcuno lo dica al governo.

Continua a leggere

Internet

Sconvolgenti rivelazioni su Facebook

Pubblicato

il

Da

 

La scorsa settimana il quotidiano economica americano Wall Street Journal ha pubblicato un’indagine bomba su i difetti della piattaforma Facebook e sulla loro gestione da parte del colosso di Menlo Park.

 

L’inchiesta è divisa in in quattro parti. Si basa in gran parte su documenti interni ottenuti dai giornalisti.

 

In sintesi, scrive la testata di Wall Street, «Facebook Inc. sa, nei minimi dettagli, che le sue piattaforme sono piene di difetti che causano danni, spesso in modi che solo l’azienda comprende appieno. Questa è la conclusione centrale (…), basata su una revisione dei documenti interni di Facebook, inclusi rapporti di ricerca, discussioni online dei dipendenti e bozze di presentazioni per il senior management.»

 

Come scrive il New York Times, le rivelazioni paiono suggerire che l’azienda spesso minimizza ciò che sa su questi problemi. Secondo il WSJ, almeno alcuni dei documenti sono stati consegnati alla SEC (l’organo di controllo della borsa USA) e al Congresso da un informatore.

Riassumendo, l’inchiesta del giornale avrebbe scoperto che:

 

 

1) Facebook esenta gli utenti di alto profilo da alcune regole

In pratica, un lasciapassare per i VIP, che godono di una libertà di parola maggiore di quella assegnata dalla piattaforma ai comuni mortali.

 

Il sistema, chiamato «XCheck» , consente ad almeno 5,8 milioni di utenti VIP di evitare il normale processo di applicazione di Facebook. La società ha dichiarato al suo consiglio di sorveglianza che il sistema è stato utilizzato in «un piccolo numero di decisioni».

 

Grazie a XCheck, un famoso calciatore (attivo anche in Italia) aveva potuto pubblicare le immagini di una donna nuda (cosa già di per sé proibita) pure senza l’assenso dell’interessata.

 

Secondo il WSJ, tra questi VIP sulla piattforma «molti abusano del privilegio, pubblicando materiale che include molestie e incitamento alla violenza che in genere porterebbero a sanzioni»

 

Tutto questo contraddice le parole di Mark Zuckerberg quando afferma che Facebook consente ai suoi utenti di parlare su un piano di parità con le élite della politica, della cultura e del giornalismo e che i suoi standard si applicano a tutti.

 

 

2) Una ricerca su Instagram mostra i rischi per la salute mentale degli adolescenti

La piattaforma Instagram, che è di proprietà di Facebook, studia da tre anni il suo effetto sui giovani utenti.

 

«Noi peggioriamo i problemi di immagine corporea per una ragazza adolescente su tre»

«Noi peggioriamo i problemi di immagine corporea per una ragazza adolescente su tre», si legge in una diapositiva in una presentazione interna , secondoil WSJ.

 

Il 13% delle ragazze adolescenti nel Regno Unito che stavano considerando il suicidio ha rintracciato i propri pensieri su Instagram

 

I senatori Richard Blumenthal e Marsha Blackburn hanno detto che avrebbero avviato un’inchiesta sulla ricerca

 

In un’audizione al Congresso,  Zuckerberg aveva invece dichiarato che «La ricerca che abbiamo visto è che l’utilizzo di app social per connettersi con altre persone può avere benefici positivi per la salute mentale».

 

 

3) Facebook sa che il suo algoritmo premia l’indignazione

Nel 2018, la società ha apportato modifiche al suo algoritmo che avrebbe incoraggiato le interazioni tra famiglie e amici.

 

Tuttavia, una ricerca interna ha scoperto che editori e partiti politici hanno risposto creando contenuti che hanno prodotto molte discussioni, spesso perché sensazionali e divisivi.

 

Secondo il WSJ, i ricercatori di Facebook «hanno concluso che la pesante riconsiderazione del materiale ricondiviso da parte del nuovo algoritmo nel suo feed di notizie ha reso le voci arrabbiate più forti»

 

«Disinformazione, tossicità e contenuti violenti sono eccessivamente prevalenti tra le ricondivisioni», hanno scritto i ricercatori in una nota interna .

 

 

4) Facebook è stato lento nell’impedire ai cartelli della droga e ai trafficanti di esseri umani di utilizzare la sua piattaforma

I documenti interni esaminati dal WSJ hanno rivelato che i dipendenti di Facebook hanno segnalato l’uso criminale della piattaforma in alcuni Paesi, ma hanno ricevuto una risposta debole dalla società.

 

Secondo il quotidiano, «n cartello della droga messicano stava usando Facebook per reclutare, addestrare e pagare sicari… l’azienda non ha impedito al cartello di pubblicare su Facebook o Instagram».

 

Come riassume il sito The Campaign, «una ricerca interna su Facebook ha dimostrato che la tratta di esseri umani, la schiavitù sessuale, l’incitamento alla violenza, la vendita di organi e altre attività sono condotte apertamente su Facebook. Brian Boland, un ex vicepresidente di Facebook, ha dichiarato: “Raramente c’è uno sforzo significativo e concertato per investire nel sistemare quelle aree”».

 

Come abbiamo riportato, pagina di Renovatio 21 e account admin sono stati cancellati da Facebook lo scorso 9 settembre.

 

Facebook ha cancellato la pagina di Renovatio 21 e l’account collegato

 

 

Immagine di Antohony Quintano via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 2.0 Generic (CC BY 2.0)

Continua a leggere

Più popolari