Connettiti con Renovato 21

Internet

Ancora: Facebook censura Renovatio 21. E il Senato del Texas (!)

Pubblicato

il

 

 

 

Ebbene sì, Facebook ha censurato Renovatio 21 un’altra volta.

 

In realtà, dall’ultima volta che ve ne avevamo dato comunicazione, c’è stato un altro episodio ancora: al Moloch dello Zuckerbergo non era piaciuto l’articolo «Il Coronavirus è una bioarma», per cui sono stati inflitti 7 giorni di carcere telematico a colui che ha postato l’articolo.

 

Ebbene sì, Facebook ha censurato Renovatio 21 un’altra volta

Una settimana intera in cui non solo non era possibile al malcapitato iscritto da 16 anni all’albo dei giornalisti scrivere nemmeno un rigo sulla pagina Facebook di Renovatio 21, ma da nessuna parte: né nella sua bacheca, né in quella di altri, né nelle altre pagine che gestisce: una di queste, riguarda l’attività strettamente religiosa, e crediamo che la cosa vada propriamente contro l’articolo 19 della Costituzione Italiana, quello sulla libertà di culto, che include parole specifiche sul diritto «di farne propaganda e di esercitarne in privato in pubblico il culto».

 

Ma non andiamo per il sottile, su: Facebook, così come gli altri enti che governano le terre emerse, negli ultimi mesi hanno soppresso anche molti altri diritti costituzionali, o perfino pre-costituzionali: hanno soppresso la vita stessa, quindi di che scandalizzarsi.

Facebook, così come gli altri enti che governano le terre emerse, negli ultimi mesi hanno soppresso anche molti altri diritti costituzionali, o perfino pre-costituzionali: hanno soppresso la vita stessa, quindi di che scandalizzarsi

 

L’avvocato, comunque, siamo andati a sentirlo lo stesso.

 

A parte l’impossibilità di comunicare con gli altri utenti (il contratto di Facebook parla di questo), compresi anche solo i like alle foto dei nipoti, è baluginato all’occhio del carcerato digitale qualcosa di interessante: per una volta sola – una schermata che, giuriamo, mai più siam riusciti a ritrovare – ci è stato fatto vedere una sorta di elenco, lunghissimo, delle cose che non si possono dire su Facebook riguardo al COVID-19.

 

Erano decine e decine di voti: a suo modo, un documento straordinario, il sistema operativo dell’opinione mondiale visibile nel suo codice di programmazione.

 

Vi era scritto, a chiare lettere, che non si può dire che il COVID ha mortalità uguale o inferiore a quella dell’influenza.

 

Vi erano poi diverse voci riguardo le cure al COVID che non si possono discutere – e questo già lo sapevamo: ad un’amica arrivò la minaccia di esilio dopo che aveva pubblicato la foto di un articolo di giornale, neanche tanto entusiastico, sulle «cure domiciliari».

È baluginato all’occhio del carcerato digitale qualcosa di interessante: per una volta sola – una schermata che, giuriamo, mai più siam riusciti a ritrovare – ci è stato fatto vedere una sorta di elenco, lunghissimo, delle cose che non si possono dire su Facebook riguardo al COVID-19

Niente, ban assoluto. Traffico di Renovatio21.com in crollo, ma nemmeno in modo troppo preoccupante: contiamo oramai su diverse migliaia di fedelissimi che vanno direttamente sulla pagina ogni giorno senza passare da Facebook

Infine, una lunga serqua di pensieri proibiti riguardo l’origine artificiale del COVID. Non si può dire che può essere scappato dal laboratorio (quello che ora stanno dicendo tutti, perfino Burioni!).

 

Non si può dire che potrebbe essere stato, in origine, un progetto di arma biologica – come lo sono tutti, in potenza, gli studi su virus e vaccini: chi non capisce il concetto di dual use, può guardarsi il film Virus Letale e capire come funziona la cosa.

 

Niente, ban assoluto. Traffico di Renovatio21.com in crollo, ma nemmeno in modo troppo preoccupante: contiamo oramai su diverse migliaia di fedelissimi che vanno direttamente sulla pagina ogni giorno senza passare da Facebook.

 

Di più. Ricordiamo bene, nelle comunicazioni di Facebook, una questione precisa: ci veniva detto che la distribuzione dei nostri contenuti, se avremmo continuato, sarebbe stata ridotta, e – ci comunicavano – ridotta in verità lo è già. Praticamente, l’ammissione dello shadow ban.

 

Ricordiamo bene, nelle comunicazioni di Facebook, una questione precisa: ci veniva detto che la distribuzione dei nostri contenuti, se avremmo continuato, sarebbe stata ridotta, e – ci comunicavano – ridotta in verità lo è già. Praticamente, l’ammissione dello shadow ban

 

Una settimana senza Facebook può passare in fretta. Dobbiamo dirlo: in quei giorni abbiamo maturato l’idea di mai più piegare la nostra libertà di parola – i nostri scritti, i nostri argomenti, le nostre opinioni, le nostre emozioni – alla follia del Moloch zuckerbergo, che una politica nazionale dissenata lascia molestare i suoi cittadini.

 

«Le persone potranno anche vedere se una Pagina in passato ha condiviso informazioni false»: i vostri peccati sono imperdonabili, il marchio dell’infamia sarà tatuato per sempre sulla pelle della vostra pagina (e sulla vostra). Alla facciazza delle simpatiche trovate UE tipo il «diritto all’oblio». Come si diceva: Internet is Forever

Poi, d’improvviso, ecco che ci capita una nuova segnalazione.

 

Ma cosa è successo? Stavolta sembra diverso, ma non riusciamo capire se sia più grave o no.

 

Zuckerbergo stavolta ci dice «parzialmente falso».

 

«Renovatio 21 ha condiviso contenuti che è stato controllato da fact-checker indipendenti» (sic). Gli errori sono nel testo originale, potete vederlo nell’immagine qui sotto: credo che ci disprezzino al punto da risparmiare perfino sull’ortografia quando si tratta di emanare sentenze che ci cacciano».

 

Poi un richiamo, credo a questi Fact-checker, ovviamente mai sentiti prima, ma che a quanto sembra hanno il potere di accusarci di dire il falso (parzialmente falso, in realtà ) e dire a Facebook di chiudermi la bocca.

Dobbiamo dire che ci abbiamo messo un po’ a capire per cosa ci stavano punendo: del resto capita così nei regimi totalitari – e Facebook lo è, e sempre più assimilabile a quella Cina che tanto piace al suo fondatore – e anche nel Processo di Kafka.

 

 

Stavolta, come vedete, abbiamo screenshottato.

 

Eccola lì, un’altra minaccia – in realtà già ben attuata, come vi dicevamo – di «diminuzione della distribuzione complessiva», a cui si aggiunge l’esclusione dalla monetizzazione e alla pubblicità (non ci riguardano) e alla registrazione come Pagina di Notizie (non sappiamo cosa sia).

 

«Le persone potranno anche vedere se una Pagina in passato ha condiviso informazioni false»: i vostri peccati sono imperdonabili, il marchio dell’infamia sarà tatuato per sempre sulla pelle della vostra pagina (e sulla vostra). Alla facciazza delle simpatiche trovate UE tipo il «diritto all’oblio». Come si diceva: Internet is Forever.

 

Facebook censura Renovatio 21, ma anche il Senato dello Stato del Texas.

Poi la ciliegina eccezionale: «l’eliminazione di post che contengono le informazioni false non avrà alcun impatto su queste restrizioni». Bellissimo. Per rispetto del loro cliente, cui vogliono davvero bene, usano l’artificio retorico di chiudere con una nota di speranza: anzi no, aspetta che gli ricordiamo che oramai il danno è fatto, è anche se volesse divenire un faccia-Quisling, un collaborazionista dello zuckerbergismo, a noi non importa nulla – non perdoniamo nulla, perché in realtà tu, utente, non ci interessi, ne abbiamo miliardi di come te, e vogliamo andare avanti con loro, quelli calmi e tranquilli che al massimo condividono le foto della Ferragna e Fedezzo.

 

Dobbiamo dire che ci abbiamo messo un po’ a capire per cosa ci stavano punendo: del resto capita così nei regimi totalitari – e Facebook lo è, e sempre più assimilabile a quella Cina che tanto piace al suo fondatore – e anche nel Processo di Kafka.

 

Poi abbiamo capito: si tratta di un video caricato la notte prima, ci era arrivato via Whatsapp, ci sembrava interessante, lo abbiamo uppato senza tanti pensieri, tanto più che veniva da materiale del governo USA, quindi scevro da diritti di sorta – certo, ci va qui il nostro ringraziamento a chi ha subbato, tale KasperCarlo, un grande.

 

Se non avete visto il video, guardatelo qui sotto: salvato sulla nostra pagina web a futura memoria, lontano dalle grinfie della dittatura facebookara.

 

In pratica, un privato si permette di spegnere un contenuto che viene da un corpo eletto, dalla struttura visibile dello Stato democratico

Vedete: si tratta di un’audizione al senato dello Stato del Texas. Un senatore invita a parlare una pediatra locale, la dottoressa Angelina Farella. La quale premette di essere pro-vaccini, e di aver vaccinato tanti bambini – quindi non una no-vax, ci rassicura.

 

Poi però la dottoressa prende a mettere in discussioni i vaccini COVID: non la convince, in particolare, la mancanza di una sperimentazione completa. Gli effetti sulla popolazione, dice, sono sconosciuti, quindi la cosa dovrebbe fare un po’ paura.

 

 

Facebook decide che perfino i discorsi che avvengono in un tempio della democrazia – un Senato – possono essere censurati come fake news, rimossi, modificati.

Abbiamo avuto un tono scherzoso nel modo in cui vi abbiamo raccontato questo episodio, tuttavia c’è qualcosa di estremamente grave in quello che è accaduto.

 

Facebook censura Renovatio 21, ma anche il Senato dello Stato del Texas.

 

In pratica, un privato si permette di spegnere un contenuto che viene da un corpo eletto, dalla struttura visibile dello Stato democratico.

 

Facebook decide che perfino i discorsi che avvengono in un tempio della democrazia – un Senato – possono essere censurati come fake news, rimossi, modificati.

 

Facebook, in breve, ha il potere di iniettarsi nell’esistenza stessa dello Stato moderno, e dettarvi legge

Facebook, in breve, ha il potere di iniettarsi nell’esistenza stessa dello Stato moderno, e dettarvi legge. La cosa è spaventosa, spaventa tantissimo noi, ma in Italia non abbiamo visto tanti politici con la stessa paura, pur sapendo che molti di loro probabilmente sono stati bannati o shadowbannati. Molti, siamo sicuri, non dicono nulla perché temono le ritorsioni del Moloch, che gli farebbe perdere follower e quindi voti e quindi stipendione.

 

Si diceva, negli ultimi decenni, del primato della politica eclissata dall’economia. Ora sappiamo che il primato sulla politica di certo lo ha l’elettronica, che agisce come una psicopolizia così forsennata da non risparmiare nemmeno i discorsi in Senato.

 

Immaginate se TIM o Vodafone facessero cadere la linea se al telefono con vostra madre cominciate a parlare di un determinato argomento. Sì: i totalitarismi del Novecento erano delle mammole a confronto, e avevano strumenti da pivelli.

Si diceva, negli ultimi decenni, del primato della politica eclissata dall’economia. Ora sappiamo che il primato sulla politica di certo lo ha l’elettronica, che agisce come una psicopolizia così forsennata da non risparmiare nemmeno i discorsi in Senato

 

Ora la domanda che ci facciamo è: quanto ancora riusciremo davvero a tollerare tutto questo?

 

Quanto tempo prima che anche i social, l’ultimo schizofrenico collante rimasto alla società polverizzata del XXI secolo, implodano generando chissà quale altro mostro?

 

Non abbiamo risposte. Tuttavia oramai lo sapete: se non ci vedete più su Facebook è perché il ban (che secondo alcuni calcoli potrebbe aver tolto ai nostri post e al nostro sito il 90% del pubblico via social) sta facendo il suo corso, magari sta pure peggiorando.

 

Non preoccupatevi: non ci faremo intubare, e non fatevi intubare neanche voi. Vediamoci qui, su renovatio21.com. Questo, lo avete capito, è un sito sano.

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Economia

La Russia si avvicina all’uso dei Bitcoin per il commercio internazionale

Pubblicato

il

Da

Il Ministero delle Finanze della Federazione Russa e la Banca Centrale russa hanno concordato una bozza di legge che consente pagamenti in bitcoin e criptovalute per accordi commerciali internazionali, secondo un rapporto dell’agenzia governativa TASS.

 

Il disegno di legge «nel suo insieme scrive come è possibile acquistare la criptovaluta, cosa si può fare con essa e come si possono o non possono essere effettuati accordi transfrontalieri», ha dichiarato il viceministro delle finanze Alexeij Moiseev.

 

L’accordo fa seguito a precedenti dichiarazioni in cui il viceministro  Moiseev affermava che era impossibile per la Russia condurre il commercio internazionale senza l’uso di bitcoin e criptovalute a causa delle attuali circostanze relative alle sanzioni.

 

Tuttavia, come scrive Bitcoin Magazine, la Banca di Russia si oppone ancora alla legalizzazione degli scambi di criptovalute e all’interno della Federazione Russa.

 

«Il sentimento della Banca Centrale continua a illustrare la divergenza di opinioni tra autorità di regolamentazione e funzionari di governo in Russia».

 

Il disegno di legge iniziale che proponeva un framework per le risorse digitali è stato presentato all’inizio di quest’anno dal governo russo che ha incoraggiato il divieto di mining di Bitcoin.

 

Tuttavia, il ministero delle Finanze ha respinto questo disegno di legge con uno proprio che chiedeva solo una regolamentazione più rigorosa . Il presidente Vladimir Putin ha quindi annunciato il suo sostegno al disegno di legge del ministero citando il vantaggio competitivo della Russia rispetto alle risorse naturali.

 

Da allora, il Ministro dell’Energia e il Servizio fiscale federale hanno cominciato a spiegare come il Bitcoin possa aiutare le piccole imprese o alluso a conversazioni interdipartimentali in materia di commercio internazionale.

 

Ivan Chebeskov, direttore del mercato della stabilità finanziaria per il Ministero delle finanze russo ha spiegato in precedenza che ci sono molte più «persone che la pensano allo stesso modo» sulla questione.

 

«Inoltre, so che ci sono deputati alla Duma di Stato che sono attivamente impegnati in questo argomento, forse sarà una loro iniziativa», ha spiegato Chebeskov.

 

Come riportato da Renovatio 21, da settimane la ri-legalizzazione dei Bitcoin è nell’aria, dopo un periodo di aperta ostilità verso la criptovaluta da parte delle autorità finanziarie russe, e non solo.

 

Infatti la inizio anno la Russia aveva «imbrigliato» i Bitcoin con manovre della Banca Centrale di Mosca; il discorso che si sentiva a quel tempo era che le criptovalute erano uno strumento di riciclaggio.

 

Secondo alcuni osservatori, il Bitcoin potrebbe aver giocato un ruolo nella posizione di Mosca verso il Kazakistan colpito da  rivolte per il prezzo del gas già a gennaio, prima del disastro euro-ucraino. Il Paese centrasiatico era infatti uno dei più crypto-friendly del pianeta.

 

Anche India e Cina si erano espresse ufficialmente contro le criptovalute, definendole uno «schema Ponzi».

 

Come riportato da Renovatio 21, il crollo delle criptovalute a fine primavera 2022 permise di calcolare che la «bolla» crypto era più grande di quella dei mutui subprime che portò alla catastrofe finanziaria del 2008.

 

 

 

Continua a leggere

Bizzarria

Open, le fake news, Cato e l’ispettore Clouseau

Pubblicato

il

Da

Lo screenshot con i due articoli accostati sta facendo il giro delle chat, tra sghignazzi e cachinni.

 

Open, il sito dei punitori di fake news, ha fatto un fact checking su un suo stesso articolo. Il risultato è al contempo imbarazzante ed enigmatico, perfino grottesco.

 

«Scene apocalittiche al confine tra Russia e Finlandia, l’unica frontiera ancora aperta ai civili russi in possesso di un visto Shengen. La coda di macchine in fila per lasciare la Russia avrebbe raggiunto i 35 km e continua ad allungarsi ora dopo ora» scriveva il sito dei ragazzi di Mentana lo scorso 21 settembre.

 

(Preghiamo il lettore di sorvolare sul fatto che suddetti ragazzi scrivano ripetutamente «Shengen» invece che Schengen. In effetti non sono tenuti a saperlo, controllano le opinioni altrui, mica la loro stessa ortografia).

 

Era la notizia rimbalzata ovunque: i giovani russi sono in fuga dopo la mobilizatsija annunciata dal presidente Putin.

 

L’articolo, firmato dalla Redazione, era accompagnato da immagini.

 

Poi, all’altezza del pomeriggio del giorno dopo, avviene l’indicibile: ecco pubblicato un articolo di fact checking dell’ex dipendente della Casaleggio Associati David Alejandro Puente Anzil, sbufalatore di punta dell’ineffabile sito mentaniano.

 

«Le code chilometriche dopo l’annuncio di Putin al confine russo-finlandese erano una fake news» è il titolo.

 

L’articolo è di fatto lo sbufalamento di quanto pubblicato dalla stessa testata, anche se, a leggerlo, pare invece concentrarsi sul presunto untore della fake via Twitter, tale «Sotiri Dimpinoudis, già noto a Open Fact-checking per un video falso, il quale condivide una clip per provare quanto afferma».

 

Solo in fondo, nelle conclusioni sepolte da code chilometriche di screenshot più o meno ridondanti e inutili, una lieve ammissione, e pure tra parentesi: «Il video pubblicato da Sotiri, ripreso da diversi media (incluso Open), non ha nulla a che vedere con l’annuncio della mobilitazione militare di Vladimir Putin. Le riprese risultano pubblicate giorni prima».

 

SCB. Sono cose belle. Considerate che questi, a quanto e dato di capire, lavorano con Facebook come fact-checker: proprio quel Facebook che poi, magari, vi toglie l’account per quello che scrivete.

 

Tuttavia, ci permettiamo anche di osservare che nell’immagine principale del sito, dove si mette una bella X rossa sul tweet del tizio (non sull’articolo di Open, che, sapendo la sua autorevolezza, probabilmente ha contribuito corposamente a diffondere la fake nel web di lingua italiana), potrebbe recare la scritta sbagliata: dice «contesto falso», ma a noi sembra una fake news vera e propria: qualcuno che prende un filmato che non c’entra niente e ci confeziona sopra la notizia falsa, falsa notizia che va magari, coincidenza, va proprio nella direzione del mainstream – ricordiamo, brevemente, che Mentana è quello per cui il battaglione Azov non è neonazista.

 

Tuttavia non volevamo tediarvi con questa storiella giornalistica, pur gustosa, di figure da cioccolatai web.

 

A noi preme scrivere un’altra cosa, se possibile ancora più prosaica. Volevamo parlare di un ricordo artistico.

 

Un sito che viene fact-checkato da un suo stesso collaboratore non può non ricordarci la storia di Cato Fong, il maggiordomo di origine orientale dell’ispettore Clouseau.

 

Speriamo che il lettori abbia visto almeno qualcuna delle pellicole della Pantera Rosa con Peter Sellers.

 

Ebbene, Cato, oltre che a sbrigare le faccende domestiche nell’appartamento di Clouseau, era stato da lui istruito ad attaccare chiunque entrasse in casa, compreso se stesso.

 

Il risultato erano scontri altamente distruttivi al momento in cui, con somma circospezione, l’ispettore rincasava, sempre certo che il Cato gli avrebbe teso un agguato, e lo avrebbe combattuto in maniera spietata.

 

 

Ecco, il fact-checker che fact-checka la sua stessa testata, ci ha ricordato quelle scene stupende di Cato che sferra calci volanti al suo stesso padrone di casa.

 

Ecco tutto qua: volevamo solo dirvi quanto bello è ricordare come ci facesse ridere, da bambini, la serie di film di Blake Edwards.

 

In realtà, a pensare che magari per merito di fact-checker uno ha dovuto trascinare Facebook in tribunale per farsi ridare l’account, non viene da ridere.

 

Ma a guardare questo screenshot stile Cato dei due articoli affiancati, l’allegria riparte subito alla grande.

 

Non sappiamo bene chi ringraziare di tutto questo: Putin, Zuckerberg, Casaleggio, Mentana, Bettino Craxi. Ma ringraziamo lo stesso.

 

 

 

 

Immagine screenshot da Telegram

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Droga

Caramelle alla cannabis «fatte per attrarre i bambini» vendute sui social media

Pubblicato

il

Da

Dolciumi che contengono alte dosi di THC – il principio attivo della cannabis – vengono vendute sulle principali piattaforme di social media. Lo riportano i giornalisti britannici di Sky News.

 

Le caramelle cannabinoidi si presentano sotto forma di caramelle gommose o barrette di cioccolato avvolte in confezioni che imitano i dolci venduti nei negozi.

 

I giornalisti di Sky News hanno trovato spacciatori che offrivano farmaci mascherati in vendita sulle principali piattoforme di social media e app di messaggistica.

 

«I dolci vengono regolarmente promossi e venduti insieme a droghe di classe A tra cui eroina, cocaina e LSD, oltre a grandi quantità di marijuana» scrive Sky News. «Molti sembrano essere stati portati nel Regno Unito dalla California, dove le leggi sulla droga sono diverse».

 

«La polizia afferma che la confezione li rende attraenti per i bambini e almeno sei sono stati portati in ospedale dopo aver mangiato dolci alla cannabis. Un bambino aveva solo otto anni».

 

«Ci sono anche preoccupazioni sul fatto che le droghe vengano utilizzate per attirare i bambini nel traffico di droga dalle bande dei confini della contea, che hanno sede nelle grandi città ma usano i giovani per consegnare e vendere droga ai consumatori nelle città e nelle aree rurali».

 

«La polizia nell’Est dell’Inghilterra ha affermato che un terzo delle persone arrestate in relazione a prodotti commestibili a base di cannabis ha meno di 18 anni».

 

Un capo ispettore sentito da Sky News afferma che i prodotti commestibili alla cannabis sono illegali e hanno effetti collaterali, come la perdita di coscienza.

 

«Il modo in cui sono marchiati per sembrare dolci suggerisce che vengono commercializzati ai bambini, ma in modo preoccupante significa anche che potrebbero facilmente cadere nelle mani sbagliate».

 

Le società di social media menzionate in questo articolo hanno tutte dichiarato a Sky News di «avere politiche rigorose che vietano l’acquisto o la vendita di qualsiasi farmaco, compresi i dolci contenenti THC». Dicono di «monitorare attivamente questo problema sulle loro piattaforme utilizzando un mix di tecnologia e umani per rivedere i contenuti». La testata britannica ha notato che «la maggior parte degli account e dei termini di ricerca segnalati durante l’indagine di Sky News sono stati ora banditi».

 

Come riportato da Renovatio 21, dopo la sbornia della legalizzazione di fatto di marijuana e derivati in molti Stati USA, ora si comincia a parlare dei suoi rischi, soprattutto nei consumatori giovani, con l’idea che la sostanza possa danneggiare irreversibilmente un cervello in crescita e l’esistenza di giovani, che a volte finiscono per divenire psicotici o suicidi.

 

Le nefandezze dei social media non sembrano trovare una risposta attiva da parte della politica che dovrebbe regolarli – o addirittura bandirli. Questo perché senza il loro appoggio ogni politico teme di perdere follower, quindi voti.

 

Questo meccanismo di dipendenza tra politica e social, di per sé oscenamente antidemocratico, va fermato al più presto con lucida risoluzione.

 

Un anno fa il presidente Donald Trump aveva invitato le nazioni a vietare Facebook e Twitter.

 

«Chi sono coloro per affermare qual è il bene e il male se loro stessi sono cattivi?» aveva chiesto l’ex presidente, esprimendo poi sentite «congratulazioni al paese della Nigeria, che ha appena vietato Twitter perché ha bannato il suo presidente».

 

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari