Connettiti con Renovato 21

Droga

Danno l’Ecstasy ai veterani

Pubblicato

il

 

 

Il farmaco noto con il nome di strada Ecstasy, chiamato anche teneramente «Molly», potrebbe rappresentare un trattamento promettente per il disturbo da stress post-traumatico (DPTS), dice un nuovo studio.

 

La ricerca pubblicata martedì sulla rivista britannica The Lancet Psychiatry ha rilevato che dopo due sessioni di psicoterapia con la droga dei party, ufficialmente conosciuta come MDMA, la maggioranza di 26 veterani di combattimento con DPTS cronico (che non erano stati aiutati dai metodi tradizionali) ha visto riduzioni drammatiche nei sintomi.

 

I miglioramenti sono stati così impnenti che il 68% dei pazienti non soddisfaceva più i criteri clinici per il DPTS. I pazienti che assumono il farmaco hanno anche sperimentato miglioramenti netti nel sonno e sono diventati più «coscienziosi», dice lo studio.

 

I risultati, che rispecchiano recenti analoghi studi su piccola scala basati su questa droga illegale, arrivano mentre quest’estate l’MDMA sta per entrare in grandi studi di Fase 3.

 

Sulla base dei risultati precedenti, la Food and Drug Administration (FDA) ha fornito lo status di breakthrough therapy all’MDMA, status che potrebbe accelerarne l’approvazione. Se studi su larga scala possono replicare i risultati di sicurezza ed efficacia, il farmaco potrebbe essere approvato per uso legale entro il 2021.

Il farmaco potrebbe essere approvato per uso legale entro il 2021.

 

Il New York Times, che sembra entusiasta della prospettiva, ha raccolto alcune gioiose testimonianze:

«Sono stato finalmente in grado di elaborare tutte le cose oscure che sono accadute», ha detto in un’intervista Nicholas Blackston, 32 anni, un partecipante allo studio che era stato un mitragliere dei Marines in Iraq. «Sono riuscito a perdonare me stesso. Era come una spazzata pulita».

Insomma: l’MDMA meglio della religione.

 

«Nessuno torna a casa con una bottiglia di Ecstasy» frena il quotidiano di New York alla domanda su come funzionerà la terapia.

L’MDMA meglio della religione

 

«Se approvato dal FDA, l’MDMA sarebbe amministrato solo da un terapista autorizzato. In primo luogo, un paziente passa attraverso tre sessioni di psicoterapia. Nella quarta sessione, il paziente prende una pillola. Dopo aver preso il farmaco, il paziente giace su un futon tra candele e fiori freschi, ascoltando musica. Due terapeuti – una donna, un maschio – siedono al fianco del paziente come guida. Quella sessione dura otto ore. “Li incoraggiamo a mettere da parte tutte le aspettative e l’agenda e ad essere aperti. Le esperienze tendono ad essere molto individuali “, ha affermato il dott. Michael Mithoefer, uno dei principali ricercatori».

 

Il quadretto New Age, che stride un po’ con i demoni che si portano dietro i militari spediti ad uccidere e morire in guerre ingiuste in Iraq e Afghanistan, pare la soluzione definitiva ai problemi dei veterani, che come noto sono malvisti dalla popolazione generale americana perché spesso coinvolti in violenze domestiche quando non in vere e proprie sparatorie.

La psicodroga in pratica toglie alla società americana un problema che il suo complesso militare industriale ha creato e immesso, come una scoria, nel suo corpo.

 

La psicodroga in pratica toglie alla società americana un problema che il suo complesso militare industriale ha creato e immesso, come una scoria, nel suo corpo.

 

L’MDMA è un  farmaco in grado di inondare il cervello di ormoni e neurotrasmettitori che evocano sentimenti di fiducia e benessere. I ricercatori dicono che questo consente ai pazienti di riesaminare i ricordi traumatici.

 

Nella psicoterapia di follow-up, i pazienti elaborano le emozioni e le intuizioni sollevate durante la sessione MDMA. L’attuale protocollo prevede che i pazienti assumano l’MDMA due o tre volte, ciascuno a distanza di un mese, intervallati da psicoterapia.

 

«Il solo l’MDMA o la terapia da sole non sembrano altrettanto efficaci – dice il dottor Mithoefer –L’MDMA sembra agire da catalizzatore che consente la guarigione».

 

Cosa dicono i primi pazienti a riguardo?
«In realtà ero in grado di perdonarmi», dice Nigel McCourry, 36 anni, un veterano della Marina che è stato schierato nel 2004 a Falluja, in Iraq, le cui esperienze rispecchiavano quelle di altri tre pazienti intervistati.

 

McCourry tornò a casa dopo una guerra incapace di sfuggire alle scene di un’esplosione che lo aveva quasi ucciso e perseguitato dal ricordo di due giovani ragazze che aveva accidentalmente ucciso in uno scontro a fuoco. Ha lottato per dormire. Ha bevuto per dimenticare. La rabbia ha eroso la maggior parte delle sue relazioni. Ha cercato aiuto in un ospedale dedicato ai veterani, ma non ha potuto abbassare la guardia abbastanza da beneficiare della psicoterapia standard. Una manciata di farmaci pensati per aiutare a farlo sentire come uno zombi, e li ha abbandonati. Stava pensando al suicidio quando ha provato l’MDMA.

 

«Quando ha preso il via, è stato come un’illuminazione Ho potuto vedere tutte queste cose dal combattimento che avevo paura di guardare prima, e avevo una prospettiva completamente nuova. Ho rivissuto le parti di me che avevo perso. Mi sono reso conto di aver visto me stesso come un mostro, e sono stato in grado di iniziare a provare compassione per me stesso. È stato un punto di svolta e per il prossimo anno ho continuato a migliorare».

 

Il risultato iniziale, in breve, non è molto diverso da quello di chiunque si affacci all’Ecstasy. I drogati di strada, o i drogati dei techno-rave, lo fanno anche loro per evadere da una situazione personale orrenda. Appunto, una guerra interiore.

Il risultato iniziale, in breve, non è molto diverso da quello di chiunque si affacci all’Ecstasy. I drogati di strada, o i drogati dei techno-rave, lo fanno anche loro per evadere da una situazione personale orrenda. Appunto, una guerra interiore.

 

La terapia con questa droga funziona davvero?
«Questa è una domanda aperta» ammette il NYT.

 

Le prove su larga scala, che comprenderanno fino a 300 partecipanti in 14 siti, potrebbero non essere in grado di replicare il successo delle prove precedenti, che erano limitate a poche decine di pazienti.

 

Altri ricercatori, incuriositi dai risultati, stanno iniziando i loro studi sulla terapia MDMA, incluso il Dipartimento americano per gli affari dei veterani.

 

La narrativa che la stampa e la medicina stanno mettendo in atto sulla questione prevede, come nel caso dei vaccini, l’idea che all’MDMA non vi sia alternativa.

La narrativa che la stampa e la medicina stanno mettendo in atto sulla questione prevede, come nel caso dei vaccini, l’idea che all’MDMA non vi sia alternativ

Lo sostiene il Dott. John Krystal, che dirige la Divisione Neuroscienze presso il Dipartimento del Centro nazionale per gli affari dei veterani per il DSPT. Ha descritto l’attuale mancanza di terapia efficace come «una crisi».

 

«Il problema è che non abbiamo molti trattamenti e quello che abbiamo non funziona così bene»

 

Solo circa un veterano di combattimento su tre con DTSP viene trattato in modo efficace, afferma il dottore che propone l’Ecstasy ai soldati.

 

I medici spesso usano una combinazione di farmaci off-label per provare a gestire gli incubi dei pazienti, i flashback e la depressione, ma i farmaci non fanno nulla per trattare la condizione sottostante e possono avere effetti collaterali negativi.

 

L’idea che deve passare è che la psicoterapia ha anche dei limiti. Sebbene molti pazienti la trovino utile, altri la trovano troppo traumatico o inefficace e rinunciano alla terapia. In alcuni studi, i tassi di abbandono sono stati pari al 40%.

 

La terapia con l’MDMA non è nuova. L’MDMA è una droga illegale e non è mai stata approvata per nessun uso da parte del FDA Ma per circa un decennio prima fu messo fuori legge nel 1985, fu usato come aiuto in psicoterapia, specialmente sulla costa occidentale USA.

 

A quel tempo, gli accademici cominciavano a sostenere che esso e altri farmaci psichedelici potevano essere un utile alleato in psicoterapia. L’idea non è riuscita a ottenere la trazione quindi, ma ora un certo numero di prestigiosi ricercatori stanno studiando i potenziali usi terapeutici di LSD, psilocibina (cioè i funghi allucinogeni) e MDMA.

 

E ora la domanda più succulenta. Chi c’è dietro questi studi?

 

Dicono che non ci sia Big Pharma. La ricerca è organizzata da una organizzazione no-profit denominata Associazione Multidisciplinare per gli Studi Psichedelici, o MAPS, creata nel 1986 poco dopo la messa al bando dell’MDMA. La MAPS si batte per la legalizzazione di molte sostanze psicotropiche. Shawn Hailey, ricchissimo transessuale magnate dei conduttori, servì nel board dell’organizzazione sino alla sua morte (2011), lasciando alla causa diversi milioni di euro. La MAPS pare essere coinvolta anche nei movimenti pro-droga finanziati dall’immancabile George Soros.

La ricerca è organizzata dalla organizzazione no-profit  MAPS. La MAPS pare essere coinvolta anche nei movimenti pro-droga finanziati dall’immancabile George Soros.

 

«Nessun altro avrebbe toccato la materia, quindi abbiamo dovuto farlo noi», dice il fondatore di MAPS, Rick Doblin, che ha un dottorato in politica pubblica da Harvard e ha fatto legalizzare l’MDMA per il lavoro della sua vita. Doblin è continuatore degli studi sulle droghe psichedeliche dello psichiatra spacciatore criminale Timothy Leary ed è allievo dello psichiatra boemo Stanislav Grof, che già decenni fa studiava l’uso della LSD in psicoterapia.

 

Anche l’LSD sta affrontando un grande revival, grazie alla cultura del micro-dosing, un trend che in Silicon Valley sta prendendo piede: per combattere ansia e depressione si prendono micro-dosi del potentissimo allucinogeno. La bestsellerista Ayelet, moglie dell’acclamato romanziere Michael Chabon, è il pubblico volto di questa tendenza.

Anche l’LSD sta affrontando un grande revival, grazie alla cultura del micro-dosing

 

Si prevede che le prove di Fase 3 di sperimentazione del farmaco  costeranno $ 27 milioni.

 

Da dove proviene il denaro?
Sono, ovviamente, tutte donazioni. E provengono da una strana e variegatissima serie di fonti. David Bronner, il CEO vegano della multinazionale Dr. Bronner’s Magic Soaps ed evangelista inesausto dell’uso degli psichedelici, ha dato 5 milioni di dollari.

Nello strano mix di finanziatori c’è pure la famiglia di arciconservatori Mercer (sostenitori di Trump) e il defunto Richard Rockefeller, più un animo denominato Pine che ha donato 5 milioni di dollari in Bitcoin

 

Ma nel mix c’è pure la famiglia di arciconservatori Mercer, che di solito finanzia istituzioni di destra, tra cui Cambridge Analytica (l’azienda di raccolta e analisi data appena fallita dopo le rivelazioni nel suo ruolo riguardo alla profilazione via Facebook dell’elettorato nelle presidenziali 2016 che portartono alla Casa Bianca Donald Trump) e Breitbart News (il sito diretto dall’ex consigliere e capo della campagna elettorale Steve Bannon, sito considerato uno dei motori principali dell’elezione di Trump, con un traffico internet superiore a quello del Washington Post); il defunto, anche lui immancabile, Richard Rockefeller.

 

Più un uomo del mistero, anzi del crypto-mistero: un donatore anonimo noto solo come Pine, che ha trasferito $ 5 milioni in Bitcoin.

L’uso dei soldati come carne da cannone non solo per la guerra, ma anche per la sperimentazione e l’intossicazione legale psicofarmaceutica dovrebbe di per sé dare un segno del crollo della civiltà occidentale: invece che onorare i sacrifici dei militari, la società li spreme in guerre dementi e poi li elimina sedandoli con droghe sempre più pesanti.

 

Dunque, chi incassa se MDMA diventa legale?
Parrebbe che all’inizio la MAPS godrà di tutti i guadagni. L’MDMA è stato originariamente brevettato dal colosso farmaceutico Merck nel 1912, ma non è mai stato commercializzato. Il brevetto è scaduto. L’FDA concede una sorta di «esclusività dati» temporanea a gruppi che mostrano nuovi usi per farmaci con brevetti scaduti. Ciò darebbe a MAPS. un monopolio quinquennale negli Stati Uniti, dopo di che altre società potrebbero seguire.

 

MAPS prevede di trasferire le vendite a una società a scopo di lucro, che poi riconducono i soldi alla ricerca clinica sull’uso di MDMA con altri disturbi.

 

L’uso dei soldati come carne da cannone non solo per la guerra, ma anche per la sperimentazione e l’intossicazione legale psicofarmaceutica dovrebbe di per sé dare un segno del crollo della civiltà occidentale: invece che onorare i sacrifici dei militari, la società li spreme in guerre dementi e poi li elimina sedandoli con droghe sempre più pesanti.

 

Non sarà l’ultima sperimentazione in cui saranno coinvolti i militari: l’Esercito, ad esempio, paga loro la crioconservazione di sperma e ovuli, in modo tale da consentire alla famiglia militare una prole prodotta in provetta nel caso vengano feriti ai genitali.

 

Siamo pronti a scommettere che i primi a cui sarà offerto gratuitamente il bambino geneticamente modificato (con la tecnica nota come CRISPR-CAS9) saranno proprio i soldati, che diverranno così allevatori di quei super-soldatini geneticamente migliorati (sulla carta) che da sempre sono nei sogni delle forze armate, e non solo di quelle di Hitler.

 

Sono cose che tratteremo in un altro articolo.

 

 

Continua a leggere

Droga

Pandemia, i decessi per overdose a livelli record in USA

Pubblicato

il

Da

 

 

Negli USA i 12 mesi che vanno dall’aprile 2020 all’aprile 2021 hanno registrato un numero record di americani è morto per overdose. Lo rivelano i dati preliminari rilasciati dai Centers for Disease Control and Prevention (CDC).

 

Gli oltre 100.000 decessi per overdose (praticamente, una piccola città…) sono quasi il 30% in più rispetto ai 78.000 contati l’anno prima. I record precedenti sono stati quindi frantumati. Come riportato da Renovatio 21, già l’anno scorso era divenuto noto che in USA le morti per overdose superavano quelli segnate come COVID – tanto per capire dove sta l’emergenza.

 

L’ecatombe è causata in larga parte oppioidi sintetici come il fentanil che è fino a 50 volte più potente dell’eroina, secondo il sito Statista, il quale rileva che secondo i dati CDC oltre il 60% dei decessi per overdose lo scorso anno riguardava oppioidi sintetici .

 

Gli oltre 100.000 decessi per overdose (praticamente, una piccola città…) sono quasi il 30% in più rispetto ai 78.000 contati l’anno prima

Rispondendo a questa cifra sbalorditiva, mercoledì l’amministrazione Biden ha affermato che amplierà l’accesso a farmaci come il naloxone, che può invertire un’overdose da oppiacei, secondo il New York Times.

 

I piani dell’anziano presidente finora sono basati sul trattamento, concentrandosi sul recupero o sulle risposte immediate a un’overdose. Non ha menzionato i modi per impedire che la droga fluisca nel paese.

 

A differenza del suo predecessore, l’attuale inquilino della Casa Bianca nella sua dichiarazione di mercoledì non ha menzionato il ruolo della Cina in questa catastrofe.

 

La Cina è da ritenersi uno dei responsabili dell’immensa quantità di fentanil che uccide ogni giorno gli americani. L’ex presidente Trump ha spesso criticato l’alto livello di esportazioni cinesi di fentanil o delle sostanze utilizzate per produrlo, che vengono contrabbandate negli Stati Uniti attraverso il Messico.

 

La Cina è da ritenersi uno dei responsabili dell’immensa quantità di fentanil che uccide ogni giorno gli americani

In questo momento, con il confine meridionale notoriamente «aperto», le quantità di fentanil in ingresso negli USA sono giocoforza aumentate: i cartelli messicani agiscono, tra le altre cose, da muli del composto cinese. Pechino, di suo, consuma una vendetta su un popolo angloide dopo aver subito, nel XIX secolo, l’intossicazione del suo popolo per mano inglese e successive, umilianti, «guerre dell’oppio».

 

Trump fu il primo a mettere sotto pressione la Cina per la produzione della sostanza mortale.

 

Già nel 2018, sotto la pressione del presidente Trump, il presidente Xi aveva promesso di rendere il commercio del fentanil un atto criminale, punibile perfino con la pena di morte. Tuttavia, Xi non è riuscito a mantenere questa promessa, cosa per la quale il presidente Trump lo ha puntualmente attaccato.

 

Nel 2021, l’ente per il controllo dei narcotici Drug Enforcement Administration (DEA) ha sequestrato abbastanza fentanil da uccidere ogni membro della popolazione degli Stati Uniti. Il fentanil, ricordiamolo, ha ucciso i cantanti Prince e Tom Petty, il rapper Mac Miller e Lil Peep, il wrestler Anthony Durante, l’attore Michael K. Williams, la scrittrice Micgelle McNamara e migliaia di altre persone.

 

Il lockdown pandemico non può che accrescere ancora più questo numero di disperazione individuale e devastazione sociale

La corsa genocida del fentanil ha trovato la strada preparata dalla cosiddetta «opioid crisis»: a causa delle politiche sanitarie corrotte, con l’intreccio tra dottori e Big Pharma (in particolare la Purdue della famiglia Sackler, ma anche Johnson & Johnson è implicata nel disastro), una quantità spropositata di americani sono divenuti dipendenti dagli oppioidi. Professionisti, ragazzini, anziani, madri di famiglia a causa di un banale mal di schiena o mal di denti si sono trasformati in drogati pronti a tutto per una dosa, perché resi dipendenti dalla droga prescritta.

 

A meno che il governo degli Stati Uniti non possa rallentare e alla fine fermare il flusso di fentanil e altri oppioidi sintetici negli Stati Uniti e nelle strade, il numero di morti probabilmente continuerà ad aumentare.

 

E il lockdown pandemico non può che accrescere ancora più questo numero di disperazione individuale e devastazione sociale.

 

 

 

 

Continua a leggere

Ambiente

Festival di Glastonbury, l’orina degli spettatori drogati danneggia la fauna ittica

Pubblicato

il

Da

 

 

I partecipanti al famoso festival musicale di Glastonbury del 2019 devono aver assunto collettivamente una quantità davvero importante di droghe, perché quando gli scienziati hanno analizzato l’acqua del vicino fiume Whitelake, hanno trovato tali concentrazioni di MDMA e cocaina da danneggiare la fauna locale.

 

Secondo una ricerca pubblicata all’inizio di questo mese sulla rivista Environmental Research, nelle settimane successive al festival, gli scienziati hanno trovato 104 volte più MDMA a valle della location del raduno rock che a monte.

 

Questo valore – hanno detto gli scienziati della Bangor University al quotidiano britannico Guardian – è abbastanza alto da danneggiare la popolazione locale di anguille europee, che sono una specie rara e protetta.

Nelle settimane successive al festival, gli scienziati hanno trovato 104 volte più MDMA a valle della location del raduno rock che a monte. Inoltre hanno anche trovato 40 volte più cocaina rispetto ai livelli normali

 

Inoltre hanno anche trovato 40 volte più cocaina rispetto ai livelli normali, ma per fortuna questa quantità non è sufficiente a mettere in pericolo le anguille.

 

Per un confronto tecnico-scientifico, i ricercatori hanno anche testato un fiume vicino, il Redlake, che non attraversa il luogo in cui si è tenuto il festival. Ebbene, lì non hanno trovato alcun livello elevato di droga nell’acqua di quel fiume, suggerendo che la contaminazione da droga provenisse dal pubblico del festival. 

 

Apparentemente questo è un problema ben noto a Glastonbury, poiché gli organizzatori del festival hanno detto al Guardian di aver già messo in atto e riscontrato un «successo misurabile» con la loro cosiddetta campagna di sensibilizzazione «Don’t Pee on the Land», «non orinare in terra».

 

«Fare pipì sulla terra a Glastonbury provoca inquinamento della falda freatica, che può influenzare la fauna selvatica e il pesce locale»

«Fare pipì sulla terra a Glastonbury provoca inquinamento della falda freatica, che può influenzare la fauna selvatica e il pesce locale», hanno twittato gli organizzatori del festival nel giugno 2019, prima dell’inizio della kermesse. «L’Agenzia per l’ambiente ha il potere di chiudere il sito se c’è troppo inquinamento. Per favore, fai pipì solo nelle centinaia di servizi igienici e orinatoi in loco».

 

Sfortunatamente per l’ecosistema locale, i troppi partecipanti al festival hanno ignorato gli avvertimenti; l’enorme afflusso di droga nel fiume è un incidente annuale direttamente legato al festival rock.

 

Ma il coautore dello studio Christian Dunn ha tracciato un parallelo con il problema molto più diffuso dei rifiuti farmaceutici, che ha detto al Guardian è «un inquinante nascosto, preoccupantemente poco studiato ma potenzialmente devastante».

 

Si stanno moltiplicando gli studi che rivelano come le sostanze chimiche ormonali – per esempio, la pillola anticoncezionale, che finisce nei fiumi in quantità massive tramite l’urina delle donne – rovinino i pesci persino nella loro discendenza

Come riportato da Renovatio 21, si stanno moltiplicando gli studi che rivelano come le sostanze chimiche ormonali – per esempio, la pillola anticoncezionale, che finisce nei fiumi in quantità massive tramite l’urina delle donne autosterilizzatesi per via steroidea – rovinino i pesci persino nella loro discendenza non esposta. Nel caso dell’orina ricca di ormoni sintetici delle donne sotto pillola Pincus si è parlato anche di una epidemia di pesci transessuali nei fiumi e in mare.

 

Un altro studio inglese uscito quest’anno dimostrava che gli psicofarmaci (in particolare, gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina, o SSRI: Prozac, Zoloft, etc.) finiti in acqua rendono i pesci codardi e nervosi. Il comportamento delle carpe cruciane esposte agli psicofarmaci SSRI è di natura simile alla loro naturale risposta allo stress all’essere minacciati da un predatore. Lo studio notava che l’impatto sui pesci era simile a quello sugli esseri umani che, nelle prime fasi dell’assunzione di farmaci antidepressivi, possono diventare più depressi, soffrire di episodi di mania e avere tendenze suicide.

 

Il problema dell’inquinamento farmaceutico da farmaci è un argomento stranamente reso tabù in una società sempre più ossessionata dal proprio impatto ecologico.

 

Il problema dell’inquinamento farmaceutico da farmaci è un argomento stranamente reso tabù in una società sempre più ossessionata dal proprio impatto ecologico

Sempre rimanendo in tema di inquinamento sanitario, ricordiamo ai lettori che un altro potenziale materiale inquinante per le nostre acque: le irrinunciabili mascherine. I cittadini di mezzo mondo sembrano oramai conviverci come nulla fosse – con tanto di messaggi sui treni italiani che ti ordinano di cambiarla ogni quattro ore – nella più totale, forse volontaria, ignoranza rispetto ai danni che esse possono provocare al soggetto che le indossa e all’ambiente in cui viviamo.

 

La barriera corallina delle Filippine è ora coperta di mascherine.

 

A fine 2020 si era ipotizzato che in fondo all’oceano sarebbero finiti 1,5 miliardi di dispositivi facciali.

 

 

 

 

Immagine di neal whitehouse piper via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 Generic (CC BY-SA 2.0)

Continua a leggere

Droga

Laos, sequestro di droga record ai confini del Triangolo d’oro

Pubblicato

il

Da

 

 

Renovatio 21 pubblica questo articolo su gentile concessione di Asianews

 

 

 

Si tratta di 55 milioni di compresse di anfetamina e oltre 1,5 tonnellate di metanfetamine. Le rotte di contrabbando hanno virato verso l’interno del Myanmar, dove i traffici si sono sviluppati per i disordini post-golpe. L’allarme dell’ONU: «La metanfetamina è una droga che dà alta assuefazione e distruttiva; una volta che si insinua nella società non è possibile sradicarla». 

 

 

 

La polizia ha sequestrato un’enorme quantità di droga nella regione del Triangolo d’oro, a cavallo tra la Thailandia, il Myanmar e il Laos.

 

Si tratta di 55 milioni di compresse di anfetamina (chiamate «yaba» in gergo locale) e oltre 1,5 tonnellate di metanfetamine. Il carico che trasportava le sostanze illecite nascoste in casse di birra è stato fermato nella provincia laotiana del Bokeo, che confina a nord con gli altri due Paesi della regione.

 

Si è trattato «di gran lunga del più grande sequestro nella storia dell’Asia orientale e sudorientale», ha detto Jeremy Douglas, rappresentante regionale dell’Ufficio delle Nazioni Unite per il controllo della droga e la prevenzione del crimine (UNODC).

 

In realtà il 2021 è l’anno in cui si sono registrati più sequestri in assoluto nel sud-est asiatico. Si parla di almeno un milione di compresse di metanfetamina e più di 100 kg di crystal meth, ketamina o eroina. Questa settimana la polizia del Laos aveva già condotto due retate in cui aveva sequestrato in totale 16 milioni di compresse di yaba.

 

Anche se è noto da tempo che il Triangolo d’oro sia una delle principali regioni produttrici di sostanze stupefacenti, con reti di distribuzione che arrivano fino al Giappone e la Nuova Zelanda, negli ultimi mesi le rotte di contrabbando hanno virato verso l’interno del Myanmar, favorite dai disordini scoppiati dopo il colpo di Stato del primo febbraio.

 

«È dovuto al deterioramento della sicurezza e della governance nella regione del Triangolo e all’interno dello Stato Shan birmano», ha spiegato il delegato dell’ONU per il sud-est asiatico. «C’è una propagazione che sta colpendo tutta la regione».

 

Le Nazioni unite già a marzo avevano lanciato l’allarme sulle possibili ricadute del golpe nell’ex Birmania.

 

«I sequestri hanno cominciato ad aumentare a maggio e giugno, quando abbiamo cominciato a ricevere sempre più segnalazioni dal Myanmar», aveva raccontato Douglas al Financial Times. «Il danno per la gente della regione è incalcolabile. La metanfetamina è una droga altamente assuefacente e distruttiva; una volta che si insinua nella società non è possibile sradicarla».

 

Il contesto post-golpe è l’ambiente perfetto per permettere all’attività dei trafficanti di fiorire. Anche con la pandemia da COVID-19: gli spacciatori portano avanti i loro commerci attraverso le varie app di messaggistica online, mentre la polizia birmana ha quasi completamente smesso di occuparsi delle attività anti-droga a causa delle violenze nel Paese.

 

Le milizie etniche dello Shan, che governano la regione orientale in maniera quasi autonoma, utilizzano i traffici illeciti per autofinanziarsi, per esempio tassando i veicoli che transitano nel loro territorio.

 

I prezzi della metanfetamina sono rimasti stabili o sono addirittura diminuiti. Gli analisti pensano che sia un tentativo dei trafficanti di inserirsi in nuovi mercati: vendendo la droga a prezzi più bassi all’inizio, è più facile che chi diventa dipendente sia disposto a pagare anche cifre più alte in un secondo momento.

 

Le pillole di yaba stanno diventando sempre più popolari come droga di strada, non solo in Myanmar, ma anche in Thailandia e in Bangladesh. Secondo gli esperti, la produzione di droghe sintetiche nel Triangolo d’oro potrebbe inoltre presto superare quella del Messico.

 

 

 

 

Invitiamo i lettori di Renovatio 21 a sostenere con una donazione Asianews e le sue campagne.

 

 

Renovatio 21 ripubblica questo articolo per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Continua a leggere

Più popolari