Connettiti con Renovato 21

Droga

DMT, riprendono gli esperimenti umani sulla droga più potente ed enigmatica

Pubblicato

il

 

 

La N,N-Dimetiltriptamina, meglio conosciuta come DMT, è un tema che da anni suscita attenzione.

 

Si tratta di un allucinogeno noto per creare viaggi intensi e profondamente metafisici simili a esperienze di pre-morte. 

 

Durante le esperienze con la DMT, gli utilizzatori descrivono visioni di mondi abitati con esseri (elfi, insetti, pagliacci, robot, creature rettiloidi) con cui, a differenza di ogni altra droga, è possibile interagire con consistenza.

 

Mentre la DMT ha attratto una comunità di fedeli devoti che si rivolgono ad essa per una ricerca dell’illuminazione spirituale per via chimica, ora sta iniziando ad attirare l’attenzione degli investitori farmaceutici.

 

Il business delle sostanze psichedeliche sta attualmente subendo un boom, poiché è sempre più diffuso l’uso di sostanze psicotrope per il trattamento di problemi di salute mentale, tra cui il disturbo da stress post-traumatico (PTSD) e la depressione.

 

Mentre molte aziende farmaceutiche stanno studiando i potenziali benefici per la salute delle droghe da festa tra cui LSD, MDMA, ketamina e psilocibina, alcuni stanno ora esplorando anche la DMT.

 

I sostenitori della molecola affermano che offre alcuni dei risultati più promettenti, soprattutto per i pazienti con depressione resistente ai trattamenti. Forse la cosa più intrigante, alcuni suggeriscono addirittura che le «entità» che lo sperimentatore incontra frequentemente durante l’assunzione di DMT potrebbero svolgere un ruolo unico nel processo terapeutico, riporta Futurism.

 

Small Pharma, una farmaceutica interessata alle potenzialità psicoterapica della DMT, ha come obiettivo principale la combinazione della DMT con sessioni terapeutiche regolari di persone affette da grave depressione. 

 

Il processo non richiederà ai pazienti di viaggiare in un deserto remoto o nelle terre selvagge dell’Amazzonia per prendere l’ayahuasca (di cui la DMT è il principio attivo) da uno sciamano, ma i pazienti verranno portati in una confortevole sala di dosaggio completa di lampade al sale e luci soffuse per creare un ambiente rilassante. Il paziente si sottopone anche a una terapia iniziale per prepararsi all’esperienza. 

 

Fatto ciò viene somministrata loro una dose endovenosa di DMT e il terapeuta siede tranquillamente con loro per tutta la durata del loro viaggio per circa 20-25 minuti. Dopo il «viaggio» allucinatorio, il paziente si sottopone a una sessione di terapia di integrazione che è in parte post-terapia e in parte debriefing, dove risponderà alle domande e descriverà in dettaglio le sue esperienze psichedeliche. 

 

A settembre, l’azienda ha completato gli studi clinici di fase uno  in cui ha somministrato a dei volontari senza una grave depressione, solo per dimostrare che il processo è fisicamente sicuro. Ora, sta entrando nella fase due della sperimentazione che doserà i pazienti con disturbo depressivo maggiore, in un test più serio della sua tesi.

 

Tuttavia, ci sono alcuni indicatori che potrebbero non solo funzionare, ma forse anche avere un impatto profondo e positivo sulla psiche dei pazienti.

 

Un elemento sorprendente dei viaggi della DMT è che potrebbe aiutare le persone con disturbo depressivo maggiore sono le suddette entità spesso conosciute come «elfi»,  che sono esseri che molti dipendenti da DMT affermano di incontrare durante i loro viaggi. 

 

«Quando sei nel mondo DMT, appaiono e basta», ha spiegato Rick Strassman, professore di psicofarmacologia che per primo negli anni 2000 studiò scientificamente la DMT, per poi scrivere il libro DMT: The Spirit Molecule. «Possono fondersi o fondersi fuori dalle forme geometriche vorticose in corso. Possono anche assomigliare a qualsiasi cosa: alieni, api, un cactus, una macchina, un robot o una principessa guerriera africana».

 

Strassman, che fu praticamente il primo a effettuare esperimenti sulla DMT su soggetti umani, sostiene che se «sottoscrivi l’idea» che le entità sono lì per aiutarti, allora ci sono buone probabilità che ti aiutino nel superare problemi psicologici specifici come la depressione maggiore o il disturbo da stress post-traumatico.

 

Uno studio del 2020 pubblicato sul Journal of Psychopharmacology, ha intervistato 2.500 individui che hanno incontrato entità dopo aver assunto una dose di DMT per via endovenosa o inalatoria. I ricercatori hanno scoperto che la maggior parte degli intervistati attribuiva emozioni come «amore, gentilezza e gioia» alle entità che gli apparivano in visione. 

 

I partecipanti tendevano anche ad attribuire alle entità etichette positive associate alla crescita, come «essere, guida, spirito, alieno e aiutante». In effetti, la maggior parte degli intervistati ha affermato che i loro incontri con gli esseri sono stati «tra le esperienze più significative, spirituali e psicologicamente perspicaci» della loro vita. 

 

Forse il più sorprendente è stato l’ennesimo dato che mette in evidenza il potere della sostanza: più della metà dei partecipanti che si identificavano come atei prima dell’esperienza non si identificavano più come tali dopo il loro incontro con le entità. 

 

In altre parole, i risultati dello studio sono in linea con la convinzione di Strassman che, poiché il contatto tra entità avviene relativamente spesso e intensamente con la DMT rispetto a sostanze psichedeliche più comuni come l’ LSD o la psilocibina, potrebbe offrire una «caratteristica benefica unica» ai pazienti che credono che gli esseri li stanno aiutando. 

 

Ci sono storie che potrebbero indurre alcuni a riconsiderare questo come un trattamento. Ad esempio, un caso di studio del 2017 ha rivelato che il tentativo di un medico di automedicare il suo disturbo bipolare con la DMT ha provocato un episodio psicotico che lo ha portato in ospedale. 

 

Il suddetto medico prendeva un grammo di DMT al giorno, che è una dose sorprendentemente alta e oltretutto era anche bipolare. La mania ti espone a un rischio molto più elevato di sperimentare la psicosi dopo aver usato la DMT. 

 

Come riportato da Renovatio 21, l’uso di droghe per curare le malattie mentali è un trend che dura da anni, e che ha interessato quella che è la carne da cannone della biomedicina, cioè i veterani dell’esercito USA, su cui sperimentano ecstasy, LSD e ketamina per vedere se queste droghe possono spegnere il disturbo da stress post-traumatico (PSTD).

 

Non si tratta di uno sforzo solo farmacologico: nel 2013 Obama assegnò svariate centinaia di milioni di dollari alla DARPA (l’ente di ricerca e sviluppo del Pentagono) che preparò diversi esperimenti, spesso utilizzando come cavie i veterani, con microchip impiantati nel cervello.

 

Intanto, l’attenzione si volge verso la droga più misteriosa e potente che si conosca, la DMT.

 

Per chi ha una visione spirituale della vita, ha un certo significato sapere che l’industria farmaceutica sta per commercializzare esperienze con entità sconosciute.

 

 

 

Immagine di EnvaEnkaqti via Deviantart pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported (CC BY-NC-ND 3.0)

Continua a leggere

Droga

L’esercito USA finanzia il vaccino contro il fentanil

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

I ricercatori dell’Università di Houston questa settimana hanno annunciato lo sviluppo di un vaccino anti-fentanil progettato per bloccare la capacità del fentanil di entrare nel cervello e quindi bloccare la sua capacità di creare lo «sballo».

 

 

Arancia meccanica di Stanley Kubrick presenta un trattamento sperimentale – la Cura Ludovico – utilizzato per modificare il comportamento di un giovane dipendente dal sesso e dalla violenza.

 

Presto avremo un vaccino progettato per cambiare il comportamento umano, nella vita reale.

 

Un team di nove ricercatori guidati dall’Università di Houston (UH) ha annunciato questa settimana lo sviluppo di un vaccino anti-fentanil. Il vaccino è progettato per bloccare la capacità del fentanil di entrare nel cervello e quindi bloccare la sua capacità di creare uno «sballo».

 

Secondo uno studio sulla rivista Pharmaceutics, il team di ricerca ha testato 60 ratti, 28 dei quali hanno ricevuto un regime di tre dosi di vaccino.

 

I ricercatori hanno in programma di iniziare le prove di fase 1 del vaccino sugli esseri umani nel 2023, secondo il Daily Mail. Presto inizieranno anche a produrre vaccini di livello clinico.

 

Lo studio UH «potrebbe avere importanti implicazioni per l’epidemia di oppioidi della nazione diventando un agente di prevenzione delle ricadute per le persone che cercano di smettere di usare oppioidi», secondo l’autore principale Colin Haile, MD, Ph.D., professore associato di ricerca di psicologia presso la UH e il Texas Institute for Measurement, Evaluation, and Statistics, e membro fondatore del Drug Discovery Institute dell’università.

 

L’autore senior dello studio, Therese Kosten, Ph.D. , ha descritto il vaccino come un potenziale “punto di svolta”.

 

Ma altri hanno avuto una visione diversa.

 

Robert F. Kennedy, Jr., presidente e capo consulente legale di Children’s Health Defense, ha sottolineato ciò che ha affermato essere l’ipocrisia e il potenziale motivo di profitto alla base dello sviluppo del vaccino.

 

Kennedy ha detto a The Defender:

 

«Le stesse persone che hanno inondato il Paese di fentanil sperano di guadagnare altri miliardi con i vaccini che presumibilmente risolveranno il problema che hanno causato. Questo è un modello di business collaudato per Big Pharma. Non puoi inventare una roba del genere».

 

Kennedy, che ha affermato che il vaccino è «diverso da qualsiasi cosa prima», ha messo in dubbio l’uso dei vaccini per cambiare il comportamento umano:

 

«Qui stanno parlando di un regime vaccinale di tre dosi da somministrare alle persone in modo che non abbiano il pieno effetto dal fentanil che ingeriscono. Questo non è un vaccino contro un virus. Questo è un vaccino contro un comportamento, una scelta, se volete, perché ricordate, le persone prendono il fentanil volontariamente».

 

Riferendosi all’affermazione del gruppo di ricerca secondo cui «di solito vacciniamo le persone contro [virus], ma qui stiamo vaccinando una persona contro una sostanza chimica», ha detto Kennedy:

 

«Poiché prendere il fentanil è una scelta… l’utilità di questo vaccino deriverebbe principalmente dal costringere qualcuno a prenderlo. Questo è così imperfetto alla base da essere comico, come molte di queste cose che coinvolgono i vaccini».

 

«Lo vedo chiaro come il giorno: le minoranze e i poveri, che sono le persone più colpite dall’abuso di fentanil, costretti a prendere un vaccino a tre iniezioni».

In effetti, Haile ha dichiarato al Daily Mail che uno dei potenziali usi di questo vaccino coinvolgerebbe «un genitore che costringe il proprio figlio a farsi vaccinare prima di andare al college per proteggerlo nel caso in cui “sperimenti”».

 

 

Il Dipartimento della Difesa ha finanziato la ricerca

Lo studio sul vaccino è stato finanziato dal Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti (DOD), attraverso il suo programma sull’abuso di alcol e sostanze. Il programma è gestito dalla Pharmacotherapies for Alcohol and Substance Use Disorders Alliance (PASA) di RTI International.

 

Secondo i funzionari UH, PASA «ha finanziato il laboratorio di Haile per diversi anni per sviluppare il vaccino anti-fentanil».

 

Il Programmatic Panel del PASA comprende un who’s who del governo degli Stati Uniti e funzionari militari, inclusi membri del National Institutes of Health (NIH), della Defense Health Agency, del Dipartimento per gli affari dei veterani degli Stati Uniti e di varie divisioni sanitarie e di ricerca dell’esercito degli Stati Uniti, Marina, Aeronautica e Marines.

 

I membri del PASA includono ricercatori di istituzioni come la Yale School of Medicine, l’Università del Kentucky, il Baylor College of Medicine, lo Scripps Research Institute e otto aziende farmaceutiche.

 

Nel 2020, lo Scripps Research Institute ha ricevuto una sovvenzione di 50 milioni di dollari dalla Fondazione Bill e Melinda Gates «per promuovere terapie per la tubercolosi, la malaria e altre sfide globali», come parte di un più ampio «impegno» di 135 milioni di dollari dalla Fondazione Gates all’istituto fino al 2024.

 

Il datore di lavoro di Haile, il Texas Institute for Measurement, Evaluation, and Statistics , elenca il NIH, i Centers for Disease Control and Prevention (CDC), il DOD, il Dipartimento dell’Istruzione degli Stati Uniti, la National Science Foundation e il National Institute of Child Health e Human Development tra i suoi sponsor.

 

 

Come funziona il vaccino

Il fentanil si lega ai recettori degli oppioidi nel cervello, nelle aree che controllano il dolore e le emozioni. Ciò può causare sensazioni di intorpidimento, euforia e sedazione.

 

Un sovradosaggio di fentanil può portare il cervello ad essere affamato di ossigeno, che uccide i neuroni e può causare danni cerebrali gravi e talvolta permanenti. Questo può eventualmente portare a una diminuzione della sensibilità di questi recettori.

 

L’assunzione di fentanil alla fine diventa l’unico modo in cui qualcuno può raggiungere l’euforia, che poi porta alla dipendenza.

 

Secondo il CDC, circa 150 persone al giorno muoiono negli Stati Uniti per overdose di fentanil e altri oppioidi.

 

I ricercatori dell’UH affermano che il loro vaccino ha impedito al fentanil di entrare nel cervello senza influenzare altri tipi di antidolorifici, come la morfina. Ciò significa che un individuo che riceve il vaccino potrebbe comunque ricevere altri antidolorifici, se necessario.

 

Il vaccino stimola le cellule T nel sistema immunitario, portandolo a creare anticorpi che si legano al fentanil circolante nel flusso sanguigno. Secondo i ricercatori, questo impedisce al fentanil di diffondersi ulteriormente, poiché viene processato nei reni ed espulso dal corpo.

 

Haile ha detto al Daily Mail che mentre il corpo crea i propri anticorpi contro il fentanil, «non sono sufficienti per negarlo totalmente».

 

I 28 ratti del gruppo sperimentale dello studio hanno ricevuto tre dosi del vaccino, a intervalli di tre settimane. Sono stati poi esposti a dosi di fentanil: 0,05 milligrammi per ogni chilogrammo del loro peso.

 

Secondo lo studio, nei test successivi, i ricercatori hanno posizionato i topi su una piastra riscaldante mentre si stava riscaldando e hanno gradualmente applicato calore alle loro code.

 

Secondo quanto riferito, i ratti non vaccinati non hanno reagito al dolore, indicando un effetto paralizzante del farmaco. Al contrario, secondo quanto riferito, i ratti vaccinati hanno reagito alla sensazione di riscaldamento.

 

I ratti vaccinati non hanno sviluppato anticorpi contro altri antidolorifici, come la morfina e l’ossicodone.

 

I ricercatori hanno anche affermato che campioni di sangue e cervello prelevati dai ratti hanno indicato alti livelli di anticorpi a partire dalla quarta settimana dello studio e nessuna traccia di fentanil nel cervello. Il vaccino non ha portato a effetti collaterali negativi nei ratti immunizzati, hanno affermato gli autori dello studio.

 

Il vaccino utilizza una forma alterata della molecola di fentanil come base e una proteina derivata da Escherichia coli, nota come dmLT, come adiuvante.

 

Secondo il Daily Mail, il fentanil è stato inizialmente sviluppato come antidolorifico per l’uso negli ospedali, ma è diventato il preferito dagli spacciatori a causa del basso costo di produzione e dell’elevata potenza.

 

I funzionari dell’UH hanno affermato che il fentanil viene spesso aggiunto alle droghe da strada e ad altri oppioidi, come cocaina, metanfetamina, ossicodone, pillole di idrocodone/acetaminofene e droghe come lo Xanax.

 

 

Michael Nevradakis

Ph.D.

 

 

 

© 17 novembre 2022, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Droga

La coltivazione di oppio cresciuta dal ritorno dei talebani: rapporto ONU

Pubblicato

il

Da

 

 

La coltivazione dell’oppio in Afghanistan è esplosa da quando i talebani hanno preso il potere nell’agosto 2021, ha rivelato martedì l’Ufficio delle Nazioni Unite contro la droga e il crimine (UNODC).

 

Secondo l’ultimo rapporto dell’agenzia delle Nazioni Unite, la terra coltivata a papavero da oppio nel paese è aumentata del 32% rispetto all’anno precedente, raggiungendo i 233.000 ettari.

 

L’Afghanistan resta quindi il primo produttore mondiale di oppio.

 

Dopo che ad aprile era stato messo in atto il divieto di coltivazione dell’oppio e di altri narcotici, i prezzi dell’oppio «sono aumentati alle stelle», scrive l’UNODC. Di conseguenza, il raccolto di oppio del 2022, che era in gran parte esentato dal decreto dei talebani a causa di un periodo di grazia di due mesi, è diventato «il più redditizio per gli agricoltori dal 2017».

 

Secondo il rapporto, «il reddito realizzato dagli agricoltori dalla vendita di oppio è più che triplicato» da 425 milioni di dollari dell’anno scorso a $ 1,4 miliardi nel 2022. L’ultima cifra rappresenta il 29% del valore del 2021 del settore agricolo del Paese.

 

L’agenzia osserva, tuttavia, che il profitto più elevato non ha necessariamente aumentato il potere d’acquisto degli agricoltori: l’aumento dell’inflazione ha spinto il prezzo del cibo al rialzo di circa il 35%.

 

Secondo l’UNODC, dall’inizio del governo talebano, il traffico di oppiacei dall’Afghanistan, che fornisce circa l’80% del consumo mondiale di oppiacei, è proseguito senza interruzioni.

 

Poiché normalmente gli oppiacei originari dell’Afghanistan impiegano tra un anno e un anno e mezzo per raggiungere i Paesi di destinazione, qualsiasi cambiamento nell’attività di coltivazione o traffico in Afghanistan può essere visto «entro lo stesso anno nel Vicino e Medio Oriente e nel Sud-Ovest asiatico, e un anno dopo in Europa», ha affermato l’agenzia delle Nazioni Unite.

 

Nelle sue previsioni per il 2023, l’UNODC ha affermato che gli agricoltori afgani avrebbero preso decisioni sulla coltivazione dell’oppio sulla base di una varietà di fattori, tra cui interruzioni economiche, crisi umanitarie, prezzi elevati dell’oppio, nonché «incertezza su come le autorità de facto applicheranno il divieto di coltivazione».

 

La maggior parte del raccolto di oppio del 2023 deve essere seminato entro l’inizio di novembre 2022, osserva l’Ufficio delle Nazioni Unite contro la droga e i crimini.

 

«La comunità internazionale deve lavorare per affrontare le acute esigenze del popolo afgano e per intensificare le risposte per fermare i gruppi criminali che trafficano eroina e danneggiano le persone nei paesi di tutto il mondo», ha affermato il direttore esecutivo dell’UNODC Ghada Waly.

 

Come riportato da Renovatio 21, un anno fa l’India ha sequestrato 3 tonnellate di eroina di presunta provenienza afghana.

 

Gli interessi in corso potrebbero non essere non solo quelli dei contadini afghani e dei talebani, ma anche di poteri stranieri.

 

Come scriveva William F. Engdahl in un articolo pubblicato da Renovatio 21, «l’oppio e la sua distribuzione globale sono state una delle principali competenza della CIA insieme alle forze armate statunitensi che garantiscono il trasporto aereo sicuro attraverso le basi aeree in Kirghizistan e in Afghanistan nei mercati occidentali dell’eroina».

 

«Immediatamente dopo l’invasione dell’ottobre 2001, i mercati dell’oppio furono ripristinati» scriveva il pezzo. «I prezzi dell’oppio aumentarono vertiginosamente. All’inizio del 2002, il prezzo interno dell’oppio in Afghanistan (in dollari / kg) era quasi 10 volte superiore a quello del 2000». L’invasione angloamericana dell’Afghanistan ha ripristinato con successo il traffico di droga».

 

«Nei vari anni dall’occupazione statunitense sotto Karzai, i raccolti di oppio sono giunti a livelli da record di tutti i tempi. Uno dei più grandi signori della guerra afghani dell’oppio allora era il fratello di Karzai, ucciso a colpi di arma da fuoco, in stile mafioso».

 

Engdahl arriva a dichiarare che: «la presenza degli Stati Uniti non riguardava la costruzione della nazione o la democrazia. Si trattava di eroina: “la sua produzione di oppio è passata da circa 180 tonnellate nel 2001 a più di 3.000 tonnellate all’anno dopo l’invasione, ea più di 8.000 per 2007″».

 

Due anni fa su questo sito era possibile leggere che «le operazioni statunitensi in Afghanistan, il più grande produttore mondiale di oppio, sono lungi dall’essere terminate. Stanno semplicemente cambiando forma».

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Droga

L’Economist dice a Biden di legalizzare la cocaina

Pubblicato

il

Da

Un editoriale nell’edizione di questa settimana della prestigiosa rivista britannica The Economist si intitola poco sibillinamente «Joe Biden is too timid. It is time to legalise cocaine» («Joe Biden è troppo timido. È ora di legalizzare la cocaina»).

 

Non si può dire che che manchi qui la voglia di giuocare con la Finestra di Overton.

 

L’Economist sostiene che la legalizzazione della marijuana non è sufficiente. «Il proibizionismo non funziona, e questo può essere visto in modo più sorprendente con la cocaina, non con la cannabis»scrive l’articolo. «Le mezze misure, come non perseguire i consumatori di cocaina, non sono sufficienti. Se la produzione di roba è ancora illegale, saranno i criminali a produrla e la depenalizzazione dei consumi probabilmente aumenterà la domanda e aumenterà i loro profitti».

 

«La vera risposta è la piena legalizzazione, che consente ai non criminali di produrre un prodotto rigorosamente regolamentato e altamente tassato, proprio come fanno i produttori di whisky e sigarette». Eccallà, l’antiproibizionismo totalizzante che in Italia, grazie ad un partitino mai del tutto sparito nonostante l’assenza di voti, conosciamo bene.

 

Bisogna anche ricordare i legami di quel partitino italiano con l’immancabile George Soros, che sul tema della droga libera si spese molto (nel senso, che ci ha messo, nei decenni palate di danaro e di influenza)

 

Come ricordavamo su Renovatio 21 all’altezza della ciclica polemica estiva sui rave massivi, anni fa Soros scrisse di suo pugno un articolo per il Financial Times in cui ricordava come il suo approccio fosse diverso da quello dei governi nazionali:

 

«La guerra alla droga è stata un fallimento da mille miliardi di dollari… Per oltre quarant’anni i governi di tutto il mondo hanno speso enormi somme su politiche repressive. Questo a discapito di programmi che funzionano». L’allusione è alle politiche della cosiddetta riduzione del danno, delle quali il Soros è munifico sostenitore. «Non è stato solo uno spreco di danaro: è stato controproducente»

 

«Il proibizionismo e la lotta alle droghe hanno fatto più male che bene… Per anni, la mia Open Society Foundation ha supportato programmi di riduzione del danno come lo scambio di siringhe…»

 

Insomma, dietro all’idea che la droga sia inarrestabile, e quindi non vada in alcun modo combattuta, ma ne vadano solo mitigati gli effetti, ci sono i miliardi del solito miliardario Soros.

 

C’è un limite al progetto della voce del capitalismo britannico: «la pubblicità dovrebbe essere vietata», scrive lo Economist. Perché c’è un limite a tutto: vostro figlio deve poter sniffare tranquillamente ma non vedere lo spot in TV.

 

Sì, ammette coraggiosamente l’Economist, «se la cocaina fosse legale, più persone la prenderebbero». E sì, «la cocaina crea dipendenza».

 

Ma bisogna guardare al lato positivo, e fare il solito calcoletto utilitarista:  «i vantaggi – cocaina più sicura, strade più sicure e maggiore stabilità politica nelle Americhe – superano di gran lunga i costi».

 

L’editoriale sostiene quindi la proposta del presidente colombiano Gustavo Petro, insieme al presidente peruviano Pedro Castillo, di legalizzare la produzione di foglie di coca, insieme alla proposta di Petro di «consentire ai colombiani di consumare cocaina in sicurezza».

 

Petro, che con orgoglio fa risalire le sue radici personali ai narco-guerriglieri M19, èha posto la fine del proibizionismo contro la cocaina al centro del suo discorso davanti all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite nel settembre di quest’anno, arrivando a definire carbone e petrolio più velenosi della cocaina.

 

Il Petro ha immediatamente condiviso su Twitter l’articolo dell’Economist, perché menziona«”la nostra strategia sulla droga e i cambiamenti politici negli Stati Uniti». «Nuove rotte di spedizione stanno portando il farmaco ai consumatori in Africa, Asia ed Europa» scrivono.

 


 

Come nota EIRN, non a caso questo è lo stesso numero del 15 ottobre di The Economist che prende di mira la Cina come la minaccia numero 1 all’ordine mondiale «liberale». Il ricordo va a quelle orribili  d’oppio cinesi imposte alla Cina dalle cannoniere britanniche nel secolo di umiliazioni inflitte a Pechino: sì, quelle che chiamano Guerre dell’oppio, cioè spargimenti di sangue per sottomettere un Paese e costringerlo a narcotizzare la sua popolazione.

 

È cambiato qualcosa? A parte il fatto che invece che i cinesi, ora stanno puntando sulla popolazione occidentale?

 

 

Continua a leggere

Più popolari